L’amministrazione europea e le sue regole capitolo I: le competenze dell’amministrazione europea


Commercializzazione di acque minerali



Scaricare 351.66 Kb.
Pagina34/71
17.04.2019
Dimensione del file351.66 Kb.
1   ...   30   31   32   33   34   35   36   37   ...   71
Commercializzazione di acque minerali

In altri ambiti, la disciplina europea svolge la funzione di rendere uniformi le regole che disciplinano la produzione e la commercializzazione di alcuni prodotti al fine di prevenire discriminazioni e atteggiamenti protezionistici da parte dei singoli Stati membri.

È questo il caso, ad esempio, delle acque minerali.

In questa ipotesi, l’effetto utile della disciplina comunitaria è sufficientemente garantito da modalità indirette di esecuzione, mentre gli interessi pubblici di cui sono portatori gli Stati membri che non hanno effettuato il riconoscimento sono tutelati dal diritto di adottare una misura di salvaguardia.



Attribuzione del marchio di qualità ecologica ed etichettatura dei prodotti biologici.

Un caso di esecuzione affidata agli Stati membri ricorre altresì nella disciplina del marchio di qualità ecologica dell’Unione europea (Ecolabel), finalizzato a promuovere prodotti che presentano elevate prestazioni ambientali e ad accrescere la sensibilità dei consumatori.

L’attività di controllo propedeutica all’uso dell’etichettatura ai fini della commercializzazione dei prodotti è lasciata ai singoli Stati membri i quali, prima che il prodotto venga immesso sul mercato, rilasciano un documento giustificativo che certifica il rispetto delle disposizioni del regolamento.

Pur essendo interamente responsabili dell’attività di controllo e delle successive verifiche periodiche, le autorità nazionali sono vincolate all’applicazione della normativa regolamentare europea, che contiene previsioni dettagliate anche rispetto ai controlli.





Servizi amministrativi
Capitolo 3: tipologie di atti dell’amministrazione europea.
Delimitazione del rispettivo campo di applicazione:
Forza derogatoria degli atti delegati e degli atti di esecuzione
Capitolo 5: le amministrazioni europee. piani d’azione e regime dell’attivita’.
Procedimenti finali:
Procedimenti compositi:
Atti e contratti nella cura delle funzioni.
Efficacia e invalidità dell’atto europeo.
Partecipazione e trasparenza.
Accountability e responsabilità.
Capitolo 6: amministrazioni nazionali ed esecuzione del diritto europeo
Fondi strutturali e politica agricola comune.
Attuazione della normativa doganale.
Misure temporanee a tutela dei diritti di proprietà intellettuale.
Attività amministrative degli stati membri conformate dal diritto europeo.
Funzioni e procedimento.
Profili organizzativi
Regime dei provvedimenti.
Doveri di cooperazione con le istituzioni europee e gli altri stati membri.
Tutela nei confronti dell’attività amministrativa nazionale in funzione comunitaria.
Capitolo 7: strumenti di cooperazione per l’esecuzione del diritto europeo
Esecuzione indiretta.
Esecuzione coordinata.
Gestione e utilizzo di banche dati transnazionali.
Concetto e profili strutturali.
Profili funzionali.
Capitolo 8: sistema integrato di tutela
Organi giudiziari dell’unione.
Azione di annullamento.
Limitata impugnabilità dei regolamenti: requisiti del 263.
Sindacabilità degli atti individuali.
Sindacato di legittimità sugli atti degli organi e organismi dell’unione tra giudice comunitario e ricorsi amministrativi.
Azione di annullamento delle decisioni rese in procedimenti congiunti: ricerca del giudice competente.
Azione in carenza ed eccezione di illegittimità.
Azione di responsabilità e suo rapporto con azione di annullamento.
Sindacato sulla discrezionalità.


Condividi con i tuoi amici:
1   ...   30   31   32   33   34   35   36   37   ...   71


©astratto.info 2017
invia messaggio

    Pagina principale