L’amministrazione europea e le sue regole capitolo I: le competenze dell’amministrazione europea


Attività amministrative degli Stati membri conformate dal diritto europeo



Scaricare 351.66 Kb.
Pagina36/71
17.04.2019
Dimensione del file351.66 Kb.
1   ...   32   33   34   35   36   37   38   39   ...   71
Attività amministrative degli Stati membri conformate dal diritto europeo.

Negli esempi finora considerati le amministrazioni nazionali sono chiamate, con un grado più o meno ampio di autonomia, a eseguire le norme e le politiche del diritto europeo. Vi sono altre ipotesi in cui le amministrazioni nazionali perseguono interessi dell’Unione solo mediatamente, attraverso il compimento di attività primariamente finalizzate alla cura di interessi nazionali.

Esempio: normativa europea introdotta in materia di appalti pubblici.

La legislazione degli Stati membri in materia di appalti pubblici è ormai quasi interamente il frutto della trasposizione della normativa di matrice europea, che coordina le procedure nazionali di aggiudicazione degli appalti disciplinando le tipologia di contratto, le modalità di scelta del contraente e le procedure per l’individuazione della migliore offerta.

Pur consentendo agli Stati membri un margine di adattamento in sede di trasposizione, le direttive stabiliscono che gli appalti pubblici debbano essere aggiudicati secondo procedure prestabilite che prevedono la pubblicazione di un bando e il successivo espletamento di una selezione concorrenziale delle offerte pervenute, secondo modalità che assicurino la parità di trattamento dei partecipanti e la massima apertura alla concorrenza.

Le amministrazioni sono tenute a motivare non soltanto la scelta del tipo di procedura (aperta, ristretta, o negoziata), ma anche ogni provvedimento adottato nel corso del procedimento di selezione del contraente.

Le modalità di partecipazione e le eventuali cause di esclusione dei concorrenti sono oggetto di una specifica disciplina tesa a bilanciare il rigore nel rispetto dei requisiti richiesti ai partecipanti con la tutela del principio di massima partecipazione. La violazione della normativa e dei principi rilevanti è assoggettata al sindacato del giudice e può portare all’annullamento della procedura di aggiudicazione e/o al risarcimento dei danni subiti dal concorrente escluso o pretermesso.

Nonostante sia questo un settore di disciplina armonizzata attraverso direttiva, la cui attuazione è rimessa alle amministrazioni nazionali ed è caratterizzata da un certo margine di flessibilità, è anche uno dei casi in cui l’autonomia procedurale degli Stati membri è maggiormente funzionalizzata al conseguimento dell’effetto utile della normativa europea e all’effettività del diritto comunitario sostanziale.

Quello delle discipline che si limitano a introdurre una finalità comune all’interno di funzioni amministrative che restano proprie degli Stati membri, è un ambito molto ampio. Si tratta di ambiti contigui a quello dell’amministrazione c.d. indiretta, nei quali, più che un’attività amministrativa in funzione comunitaria, si ha un vincolo europeo sui diritti amministrativi nazionali ovvero un’europeizzazione (o condizionamento) del diritto interno e conseguentemente dell’amministrazione che ne è attuazione.



Servizi amministrativi
Capitolo 3: tipologie di atti dell’amministrazione europea.
Delimitazione del rispettivo campo di applicazione:
Forza derogatoria degli atti delegati e degli atti di esecuzione
Capitolo 5: le amministrazioni europee. piani d’azione e regime dell’attivita’.
Procedimenti finali:
Procedimenti compositi:
Atti e contratti nella cura delle funzioni.
Efficacia e invalidità dell’atto europeo.
Partecipazione e trasparenza.
Accountability e responsabilità.
Capitolo 6: amministrazioni nazionali ed esecuzione del diritto europeo
Fondi strutturali e politica agricola comune.
Attuazione della normativa doganale.
Commercializzazione di acque minerali
Misure temporanee a tutela dei diritti di proprietà intellettuale.
Funzioni e procedimento.
Profili organizzativi
Regime dei provvedimenti.
Doveri di cooperazione con le istituzioni europee e gli altri stati membri.
Tutela nei confronti dell’attività amministrativa nazionale in funzione comunitaria.
Capitolo 7: strumenti di cooperazione per l’esecuzione del diritto europeo
Esecuzione indiretta.
Esecuzione coordinata.
Gestione e utilizzo di banche dati transnazionali.
Concetto e profili strutturali.
Profili funzionali.
Capitolo 8: sistema integrato di tutela
Organi giudiziari dell’unione.
Azione di annullamento.
Limitata impugnabilità dei regolamenti: requisiti del 263.
Sindacabilità degli atti individuali.
Sindacato di legittimità sugli atti degli organi e organismi dell’unione tra giudice comunitario e ricorsi amministrativi.
Azione di annullamento delle decisioni rese in procedimenti congiunti: ricerca del giudice competente.
Azione in carenza ed eccezione di illegittimità.
Azione di responsabilità e suo rapporto con azione di annullamento.
Sindacato sulla discrezionalità.


Condividi con i tuoi amici:
1   ...   32   33   34   35   36   37   38   39   ...   71


©astratto.info 2017
invia messaggio

    Pagina principale