L’amministrazione europea e le sue regole capitolo I: le competenze dell’amministrazione europea


Tratti distintivi dell’amministrazione indiretta



Scaricare 351.66 Kb.
Pagina37/71
17.04.2019
Dimensione del file351.66 Kb.
1   ...   33   34   35   36   37   38   39   40   ...   71
3. Tratti distintivi dell’amministrazione indiretta.

Funzioni e procedimento.

Nella forma di amministrazione indiretta, la disciplina europea affida agli Stati membri l’esercizio di una funzione, intesa come lo svolgimento dell’insieme di attività amministrative che sono coordinate al raggiungimento di un risultato finale.

In alcuni casi,spetta agli Stati membri svolgere un intero procedimento e adottarne la decisione finale, in altri casi compete loro gestire un subprocedimento, o una fase di un procedimento complesso.

Può essere utile distinguere tra titolarità piena di una funzione ovvero condivisione di una contitolarità della funzione e del suo esercizio. Il profilo funzionale consente altresì di cogliere le relazioni tra amministrazione indiretta e coamministrazione come strumenti diversi per attuare l’obiettivo comune dell’integrazione tra ordinamenti.

Di estrema rilevanza è l’esame del procedimento, dal quale si ricava la distribuzione delle competenze tra amministrazioni nazionali ed europee.

Il procedimento stesso è disciplinato solo parzialmente dal diritto europeo, ed è la normativa nazionale a completare la disciplina con disposizioni di dettaglio.

Per quanto invece riguarda le regole generali applicabili all’azione amministrativa in attuazione di norme europee, enne non potranno essere quelle proprie degli ordinamenti degli Stati membri. Lasciare alle amministrazioni nazionali autonomia nell’attuazione delle norme e delle politiche europee, laddove non vi siano delle specifiche previsioni nella disciplina di settore.

Allo Stato manca una regolamentazione generale del procedimento amministrativo a livello europeo, anche se vi sono alcune regole puntuali come quella relativa all’obbligo di motivazione e al diritto d’accesso.

Anche qualora dovesse essere introdotta una disciplina generale per il procedimento amministrativo europeo, dovrebbe escludersi la sua automatica applicabilità ai procedimenti svolti in seno alle amministrazioni nazionali, pur in esecuzione di norme e politiche europee, salvo laddove vi siano disposizioni specifiche nella legislazione di settore, nel qual caso sarebbe la disciplina europea a prevalere su quella interna.

Diverso discorso per i principi generali dell’ordinamento amministrativo europeo e per le norme della Carta dei diritti fondamentali in materia di procedimento: i primi, a prescindere dal richiamo operato dall’art.1 della legge italiana sul procedimento amministrativo, essi debbono ritenersi applicabili all’amministrazione indiretta, mentre la Carta dei diritti fondamentali, all’art.51 prevede che le sue disposizioni si applichino alle istituzioni europee e agli Stati membri esclusivamente nell’attuazione del diritto dell’Unione, dunque anche nell’ambito della c.d. esecuzione indiretta.





Servizi amministrativi
Capitolo 3: tipologie di atti dell’amministrazione europea.
Delimitazione del rispettivo campo di applicazione:
Forza derogatoria degli atti delegati e degli atti di esecuzione
Capitolo 5: le amministrazioni europee. piani d’azione e regime dell’attivita’.
Procedimenti finali:
Procedimenti compositi:
Atti e contratti nella cura delle funzioni.
Efficacia e invalidità dell’atto europeo.
Partecipazione e trasparenza.
Accountability e responsabilità.
Capitolo 6: amministrazioni nazionali ed esecuzione del diritto europeo
Fondi strutturali e politica agricola comune.
Attuazione della normativa doganale.
Commercializzazione di acque minerali
Misure temporanee a tutela dei diritti di proprietà intellettuale.
Attività amministrative degli stati membri conformate dal diritto europeo.
Profili organizzativi
Regime dei provvedimenti.
Doveri di cooperazione con le istituzioni europee e gli altri stati membri.
Tutela nei confronti dell’attività amministrativa nazionale in funzione comunitaria.
Capitolo 7: strumenti di cooperazione per l’esecuzione del diritto europeo
Esecuzione indiretta.
Esecuzione coordinata.
Gestione e utilizzo di banche dati transnazionali.
Concetto e profili strutturali.
Profili funzionali.
Capitolo 8: sistema integrato di tutela
Organi giudiziari dell’unione.
Azione di annullamento.
Limitata impugnabilità dei regolamenti: requisiti del 263.
Sindacabilità degli atti individuali.
Sindacato di legittimità sugli atti degli organi e organismi dell’unione tra giudice comunitario e ricorsi amministrativi.
Azione di annullamento delle decisioni rese in procedimenti congiunti: ricerca del giudice competente.
Azione in carenza ed eccezione di illegittimità.
Azione di responsabilità e suo rapporto con azione di annullamento.
Sindacato sulla discrezionalità.


Condividi con i tuoi amici:
1   ...   33   34   35   36   37   38   39   40   ...   71


©astratto.info 2017
invia messaggio

    Pagina principale