L’amministrazione europea e le sue regole capitolo I: le competenze dell’amministrazione europea


Sindacato di legittimità sugli atti degli organi e organismi dell’Unione tra giudice comunitario e ricorsi amministrativi



Scaricare 351.66 Kb.
Pagina67/71
17.04.2019
Dimensione del file351.66 Kb.
1   ...   63   64   65   66   67   68   69   70   71
Sindacato di legittimità sugli atti degli organi e organismi dell’Unione tra giudice comunitario e ricorsi amministrativi.

Il Trattato di Lisbona ha preso atto degli sviluppi organizzativi dell’amministrazione europea stabilendo che la Corte di giustizia dell’UE esercita inoltre un controllo di legittimità sugli atti degli organi o organismi dell’Unione destinati a produrre effetti giuridici nei confronti dei terzi. Art.263.5: gli atti che istituiscono gli organi e organismi dell’Unione possono prevedere condizioni e modalità specifiche relative ai ricorsi proposti da persone fisiche o giuridiche contro gli atti di detti organi o organismi destinati a produrre effetti giuridici nei loro confronti. Il senso delle due disposizioni appare il seguente: ferma restando la ricorribilità di ogni atto individualmente lesivo dinanzi al giudice dell’UE, norme specifiche possono prevedere specifiche vie di ricorso, anche di natura amministrativa, in relazione all’attività di alcuni organismi.

A questo proposito, i numerosi regolamenti istitutivi delle agenzie europee offrono un panorama piuttosto disomogeneo. Accanto a regolamenti che espressamente contemplano norme sul controllo di legittimità degli atti, altri regolamenti ne sono completamente privi oppure individuano esclusivamente strumenti amministrativi di ricorso.

Regolamento 58/2003, relativo alle agenzie esecutive, stabilisce che contro gli atti individualmente e direttamente lesivi delle agenzie sia possibile fare ricorso amministrativo alla Commissione.

Occorre chiedersi se la proposizione del ricorso interno sia una condizione di ammissibilità per l’azione di annullamento, se il soggetto leso debba esperire il rimedio interno prima di adire il Tribunale o se il ricorrente possa anche decidere di rivolgersi direttamente al giudice.

Considerata l’inerenza delle agenzie esecutive alla Commissione, e la loro funzione servente, la soluzione preferibile potrebbe essere quella di ritenere obbligatorio il ricorso amministrativo previo quale via per ottenere il punto di vista finale della Commissione.

Disomogeneo è anche il quadro dei rimedi stabilito per le agenzie europee.

Per le agenzie aventi poteri solo strumentali sarebbe logico aspettarsi che non vi fossero previsioni sul judicialreview: tuttavia, non è così e a ipotesi in cui si prevedono norme sul controllo di legalità degli atti si alternano casi in cui non si prevede alcuna disposizione sul controllo degli atti.





Servizi amministrativi
Capitolo 3: tipologie di atti dell’amministrazione europea.
Delimitazione del rispettivo campo di applicazione:
Forza derogatoria degli atti delegati e degli atti di esecuzione
Capitolo 5: le amministrazioni europee. piani d’azione e regime dell’attivita’.
Procedimenti finali:
Procedimenti compositi:
Atti e contratti nella cura delle funzioni.
Efficacia e invalidità dell’atto europeo.
Partecipazione e trasparenza.
Accountability e responsabilità.
Capitolo 6: amministrazioni nazionali ed esecuzione del diritto europeo
Fondi strutturali e politica agricola comune.
Attuazione della normativa doganale.
Commercializzazione di acque minerali
Misure temporanee a tutela dei diritti di proprietà intellettuale.
Attività amministrative degli stati membri conformate dal diritto europeo.
Funzioni e procedimento.
Profili organizzativi
Regime dei provvedimenti.
Doveri di cooperazione con le istituzioni europee e gli altri stati membri.
Tutela nei confronti dell’attività amministrativa nazionale in funzione comunitaria.
Capitolo 7: strumenti di cooperazione per l’esecuzione del diritto europeo
Esecuzione indiretta.
Esecuzione coordinata.
Gestione e utilizzo di banche dati transnazionali.
Concetto e profili strutturali.
Profili funzionali.
Capitolo 8: sistema integrato di tutela
Organi giudiziari dell’unione.
Azione di annullamento.
Limitata impugnabilità dei regolamenti: requisiti del 263.
Sindacabilità degli atti individuali.
Azione di annullamento delle decisioni rese in procedimenti congiunti: ricerca del giudice competente.
Azione in carenza ed eccezione di illegittimità.
Azione di responsabilità e suo rapporto con azione di annullamento.
Sindacato sulla discrezionalità.


Condividi con i tuoi amici:
1   ...   63   64   65   66   67   68   69   70   71


©astratto.info 2017
invia messaggio

    Pagina principale