L’antigiuridicità e le cause di giustificazione l’antigiuridicità



Scaricare 82.98 Kb.
Pagina1/9
27.09.2019
Dimensione del file82.98 Kb.
  1   2   3   4   5   6   7   8   9

Capitolo 7

L’ANTIGIURIDICITÀ E LE CAUSE DI GIUSTIFICAZIONE

L’ANTIGIURIDICITÀ è il secondo elemento del reato.

È un concetto che esprime il rapporto di contraddizione tra il fatto tipico e l’intero ordinamento giuridico.

Questo rapporto di contraddizione viene meno se, in qualsiasi luogo dell’ordinamento (c.c., c.p., c.p.c., Cost., leggi ordinarie etc.) esista anche una sola norma che, per soddisfare le più diverse finalità, preveda una causa di giustificazione, ossia una norma che facoltizza o rende doverosa la realizzazione di quel fatto tipico.  il fatto quindi diventa lecito.



  • N.B. Le cause di giustificazione vengono definite appunto come l’insieme di facoltà o doveri che hanno per oggetto la commissione di un fatto penalmente rilevante.

Il principio di ‘efficacia universale’ delle cause di giustificazione impone inoltre che il fatto, essendo lecito in qualsiasi settore dell’ordinamento, non potrà neanche essere assoggettato ad alcun tipo di sanzione (penale, civile, amministrativa etc.).

Le norme che prevedono cause di giustificazione:



  1. NON sono norme penali

  • non sono perciò soggette alla riserva di legge prevista dall’art 25 co. 2 Cost.;

  • né sono soggette al divieto di analogia ex art 14 delle ‘Preleggi’.

  1. NON sono norme eccezionali

  • non sono perciò soggette al divieto di analogia ex art 14 delle ‘Preleggi’.



Le quattro regole della disciplina comune delle cause di giustificazione

  1. PRIMA REGOLA

Rilevanza oggettiva delle cause di giustificazione  l’art 59 co. 1 c.p. dispone che «le circostanze che escludono la pena – comprese, quindi, anche le cause di giustificazione – sono valutate a favore dell’agente anche se da lui non conosciute, o per errore ritenute inesistenti».


Esempioil soldato che in guerra uccide un nemico commette un fatto di omicidio giustificato dall’adempimento di un dovere e il fatto resta lecito anche se egli credeva erroneamente di sparare contro un odiato commilitone o superiore.




Condividi con i tuoi amici:
  1   2   3   4   5   6   7   8   9


©astratto.info 2019
invia messaggio

    Pagina principale