Lari pittman



Scaricare 25.5 Kb.
28.03.2019
Dimensione del file25.5 Kb.

COMUNICATO STAMPA

Lo Studio Guenzani inaugura la nuova stagione espositiva martedì 3 ottobre alle ore 18 con due mostre personali di Lari Pittman e Marco Boggio Sella.


LARI PITTMAN
Lari Pittman è nato nel 1952 a Los Angeles dove attualmente vive e lavora.

Per la sua seconda personale in Italia, Lari Pittman, artista di spicco della West Coast statunitense, propone una serie di nuovi dipinti e disegni.

E’ l’universo caotico, stratificato di culture e linguaggi diversi, colmo di contraddizioni della società americana e in particolare di Los Angeles, città diventata ormai simbolo della postmodernità globale di fine millennio, l’humus dal quale traggono origine le opere di Lari Pittman.

La prima impressione è di quadri che esprimono gioia, che incantano per il gioco di colori e seducono con una straordinaria tecnica pittorica. Ma più li si guarda, più affiorano anche le inquietudini e le incertezze di questo iperdecorativismo che esprime anche i malesseri e le crisi di un’intera società. Nel mondo complesso di questi quadri convivono esperienze contrapposte ugualmente intense, a nessun segno è permessa autonomia e coerenza ma tutto fa parte di un gioco a comporre e ibridare quelli che normalmente vengono considerati opposti: silhouettes di visi maschili in primo piano convivono con squarci architettonici, alcuni soggetti ritornano costantemente sono lampadine elettriche o telefoni cellulari, spesso sovradimensionati e si mescolano ad elementi puramente decorativi come vasi decorati o forme che ricordano gli intagli dei gioielli, il tutto immerso in un’orgia di colori e una varietà di materiali.

Negli ultimi anni l’opera di Lari Pittman è stata al centro di una serie di mostre dedicategli da alcune tra le più importanti istituzioni museali pubbliche sia americane che europee come il Los Angeles County Museum of Arts, l’Institute of Contemporary Art di Londra e il Centre d’Art Contemporain di Ginevra che hanno contribuito a confemarlo come uno dei più significativi pittori contemporanei.
MARCO BOGGIO SELLA
Marco Boggio Sella è nato nel 1972 a Torino. Vive e lavora a New York e Torino.

L’artista presenta tre opere.

Un busto in bronzo, dal titolo “Il Comandante”, poco più grande delle dimensioni di un busto classico, è il ritratto di un uomo austero e autorevole dal naso decisamente sovradimensionato. Questo “difetto fisico” non è un punto di debolezza ma al contrario di forza. Il busto è quasi privo di elementi che ne possano caratterizzare una collocazione storica o temporale, anzichè rimandare ad una personalità reale e definita, è il ritratto di uno stato psicologico più oggettivo.

Un dipinto di grandi dimensioni riproduce piuttosto fedelmente una pelle di leopardo. Su una texture materica le macchie sono dipinte ad olio. Il gioco tra un pattern reale e un pattern astratto è portato con sé direttamente dal soggetto. Il dipinto si inserisce in una posizione antecedente all’idea di riproduzione pop o della moda.



Una scultura dell’altezza di m. 1,20 circa ripropone in scala, per intero, il palazzo di Via Eustachi 10 a Milano, dove ha sede lo Studio Guenzani. L’opera è realizzata con una sensibilità tale da rendere la copia della casa con l’approccio classico di un ritratto. La scultura verrà installata all’esterno, sulla terrazza della galleria che dà sul cortile interno del palazzo, in modo che essa diventi la combinazione della riproduzione e della casa riprodotta. In caso di un’installazione dell’ opera altrove, essa riprodurrà con la stessa logica le sembianze del luogo dove verrà esposta.
Le mostre proseguono fino al 18 novembre 2000 (orario: dal martedì al sabato dalle 15 alle 19.30 e per appuntamento)


Condividi con i tuoi amici:


©astratto.info 2019
invia messaggio

    Pagina principale