L’arte di strada in europa ha un enorme potenziale di incidere sulla nostra società, di coglierne le trasformazioni, di definire la nostra identità culturale a partire dalla vivacità degli spazi di vita delle nostre comunità



Scaricare 11.92 Kb.
28.03.2019
Dimensione del file11.92 Kb.

NAMUR EN MAI, 15 Maggio 2010

Meeting Pro” sul progetto europeo “OPEN Street”



L’arte di strada in europa ha un enorme potenziale, ha una grande capacità di influenzare la nostra società, di coglierne le trasformazioni, di definire la nostra identità culturale attraverso la vivacità degli spazi di vita delle nostre comunità, di costruire la nostra identità Europea a partire dalla valorizzazione del patrimonio culturale di ciascun paese.
Nello svolgere il nostro lavoro di operatori e artisti dello spettacolo di strada, in questa ottica, abbiamo una grande responsabilità.
L’Europa è ancora un entità troppo astratta. All’unione monetaria, ancora molto problematica, non è ancora seguita una integrazione culturale. E questo non è solo un limite delle istituzioni, ma un limite di tutta la politica culturale. Intendo dire che attraverso il nostro lavoro, noi siamo soggetti attivi della politica culturale e non possiamo esimerci dal dare un direzione europea alle nostre azioni, di definire un preciso contesto nel quale l’integrazione tra le culture possa scaturire.
Esistono tradizioni culturali che hanno una importanza fondamentale nella cultura del nostro continente, da italiano posso citare la Commedia dell’Arte, ma allo stesso modo mi sento di citare l’esperienza contemporanea del teatro fisico in polonia, la tradizione del teatro di figura della repubblica ceca, oppure la scuola del circo dell’est. Elementi costitutivi dello spettacolo europeo che spesso non trovano una collocazione adeguata nei progetti di cooperazione internazionale.
Troppo spesso la cooperazione culturale nel nostro settore è stata ridotta a ricerca di “nuovi mercati”, ad “espansione territoriale” da parte di quei paesi che erano in una condizione di vantaggio strutturale. Ma ciò significa delegare al mercato le strategie che dovrebbero essere implementate per perseguire l’unità culturale. E in questo modo, invece dell’integrazione, il risultato potrebbe essere l’omologazione.
Alcuni paesi hanno raggiunto la “saturazione” del proprio mercato, perché producono più spettacoli di quelli che possono presentare nei propri festival, e cercano di conquistare per questo nuovi circuiti in altri paesi che si dimostrano ospitali. Ma nel frattempo l’estinzione del circo clownesco, che in italia discende direttamente dalle prime famiglie di artisti girovaghi del ‘600, la dissoluzione del patrimonio inestimabile rappresentato dai canovacci tramandati di padre in figlio per generazioni (le famose “entrate”), rimane un problema italiano, un limite, un paradosso del quale l’unica responsabilità è da ricercare nel malgoverno e nell’inadeguatezza della politica culturale italiana. Possibile che non si tratti di un problema di rilevanza europea?
Certamente la politica culturale nazionale per le arti di strada, nel mio paese è pressochè inesistente. Fino al 2001, in Italia l’unica legge che trattava la materia dell’arte di strada, era una legge di polizia risalente al fascismo. Ma questo non è un vantaggio per nessun europeo.
Negli ultimi anni Venezia ha rivisto il proprio regolamento per la libera espressione dell’arte di strada negli spazi urbani. Roma e Torino la stanno purtroppo seguendo. Si tratta di un ritorno all’intolleranza nei confronti degli artisti e un oltraggio alla libertà dell’arte. Un atteggiamento paradossale, per una città che fonda la sua immagine nel mondo (e la sua fortuna) sul Carnevale e su Goldoni. Ma è questo un problema che riguarda le autorità italiane? Non è Venezia una città dell’Europa?
L’Europa sembra sia ancora per lo più da costruire. Molto si deve ancora chiedere alle istituzioni europee. Personalmente, al terzo progetto di cooperazione internazionale sostenuto dalla UE, posso dire di essere soddisfatto dell’apporto del programma Cultura. Anche se vedrei necessaria una maggiore accessibilità ai fondi strutturali per gli enti culturali, piuttosto che il sostegno a progetti annuali, biennali o al massimo triennali.
Molto di più dobbiamo chiedere a noi stessi. Quanti di noi, quanti di quelli che si occupano di promuovere l’arte di strada si sono occupati dell’artista a cappello, di cosa succede alle città una volta che il Festival è finito? Basta occuparsi di sviluppare il mercato per le proprie produzioni, o la battaglia per l’affermazione dell’arte di strada è anche una battaglia culturale da sostenere contro l’alienazione urbana, contro l’architettura della solitudine e del disagio rappresentata dalla deriva delle periferie delle nostre città, contro i benpensanti che associano l’artista della strada all’accattone e al malvivente?
Questo è il senso che vogliamo dare a OPEN Street, la ricerca di tratti comuni, ma anche la valorizzazione delle differenze culturali, sono aspetti fondanti del programma di attività, che nasce da un’intesa profonda trai coorganizzatori del progetto e che intendiamo condividere con tutti coloro che credono in questa linea di lavoro.
Il progetto mira ad associare le istituzioni locali e regionali in questo processo di rigenerazione: il mondo accademico, i rappresentanti del mondo dell’arte, ma soprattutto le associazioni locali che esprimono il desiderio di partecipazione dei cittadini alla vita sociale. Questo elemento ci permette di sottolineare il valore del teatro di strada come un teatro nel quale tutti sono allo stesso tempo spettatori ed attori, un teatro a profonda vocazione sociale.
OPEN Street prevede delle azioni specifiche per favorire l’accesso degli artisti agli spazi urbani e anche azioni volte a favorire la mobilità delle compagnie professionali sul territorio europeo, ma l’obiettivo principale rimane la costituzione del FORUM, al quale ci auguriamo che un numero crescente e sempre più rappresentativo di realtà europee si uniscano.
Gli artisti, le scuole, gli operatori, i centri di formazione e produzione, le amministrazioni comunali coinvolte nelle attività, i media potranno essere tutti uniti in un unica rete. Potranno animare il FORUM internazionale che avrà sedi permanenti in Italia, Belgio e Germania. L’obiettivo del FORUM sarà quello di individuare tutte le strategie necessarie per la valorizzazione dell’arte di strada nei paesi cooperanti, mettere a fuoco le difficoltà presenti nell’organizzazione degli eventi e proporre dei nuovi sistemi di pianificazione urbana di questi ultimi, raccogliendo proposte e promuovendo studi scientifici sulla materia, sostenendo le azioni volte a favorire nuove strutture e servizi per il settore.
Il FORUM deve anche rappresentare una possibilità di incidere sulle decisioni delle nostre istituzioni, sia locali che comunitarie, perchè l’obiettivo della valorizzazione dello spettacolo forain sia perseguito in modo paritaio in tutto il continente.
Il cammino per la costruzione di un’identità europea dello spettacolo popolare, è un cammino nel quale ci dobbiamo sentire tutti coinvolti.
Il nostro paese, adesso è l’Europa.


Condividi con i tuoi amici:


©astratto.info 2017
invia messaggio

    Pagina principale