L’articolo e’ una parte variabile del discorso che precede IL nome e/o l’aggettivo e ne indica IL genere ed IL numero



Scaricare 50.85 Kb.
09.01.2018
Dimensione del file50.85 Kb.




L’ARTICOLO E’ UNA PARTE VARIABILE DEL DISCORSO CHE PRECEDE IL NOME E/O L’AGGETTIVO E NE INDICA IL GENERE ED IL NUMERO.





MASCH

FEMM

SING



IL LO L’


LA L’

PLUR



I GLI


LE







MASCH

FEMM

SING



UN UNO


UNA UN’

PLUR














MASCH

FEMM

SING



DEL DELLO


DELLA

PLUR



DEI DEGLI


DELLE



Esistono 3 tipi di articolo:




ARTICOLI DETERMINATIVI


Indicano persone, animali o cose ben note a chi parla e a chi ascolta ( In senso specifico)




ARTICOLI INDETERMINATIVI

------------ ----------



Indicano una persona, un animale o una cosa in modo generico, indeterminato. Non ha il plurale. UN al maschile non vuole l’apostrofo.




ARTICOLI PARTITIVI


Indicano una parte indeterminata del tutto.

Può essere sostituito con le espressioni:

UN PO’ DI…”

ALCUNI / ALCUNE”



L’ articolo

È una parola che precede il nome e/o l’aggettivo e ne indica il genere (maschile o femminile) e il numero (singolare o plurale). Hanno una funzione importante: permettono di stabilire se i nomi di persona, di animale o di cosa che accompagnano sono indicati in senso preciso o in senso generico.

Esistono tre tipi di articolo:


  1. Articolo determinativoindica la persona, l’animale o la cosa ben nota a chi parla e a chi ascolta;

Articolo determinativo

Maschile singolare:

il – lo – l’



Articolo determinativo

Femminile singolare:

la – l’


Articolo determinativo

Maschile plurale:

i – gli


Articolo determinativo

Femminile plurale:

le




  • Gli articoli il ( per il singolare) e i ( per il plurale ) sono richiesti dinanzi ai nomi maschili che iniziano per consonante. ( Es. Il leone / I leoni).

  • Gli articoli lo ( per il singolare ) e gli ( per il plurale ) sono richiesti dinanzi ai nomi maschili che cominciano per i seguenti suoni: z, s impura, x, gn, pn, ps, j, y e per la vocale i quando è semiconsonante. (es. Lo zaino/ gli zaini – Lo scoiattolo/ gli scoiattoli - lo xilofono/gli xilofoni - Lo psicologo/ gli psicologi – lo pneumatico/ gli pneumatici – Lo Ionio/------).

  • Gli articoli l’ ( per il singolare ) e gli ( per il plurale ) sono richiesti dinanzi ai nomi maschili che iniziano per vocale. Es. L’ orologio / Gli orologi.

  • Gli articoli l’ ( per il singolare ) e le ( per il plurale ) sono richiesti dinanzi ai nomi femminili che iniziano per vocale. ( Es. L’ albicocca / Le albicocche).

  • Gli articoli la ( per il singolare) e le ( per il plurale ) sono richiesti dinanzi ai nomi femminili che iniziano per consonante. (Es. La mamma / Le mamme).


  1. L’articolo determinativo si usa:

    L’articolo determinativo non si usa:

    • Davanti ai nomi propri se preceduti dall’aggettivo;

    • Con i nomi propri se indicano opere;

    • Con i cognomi dei personaggi famosi o cognomi al plurale per indicare un nucleo familiare;

    • Davanti ai nomi che indicano parentela plurali se preceduti da aggettivo;

    • Davanti ai nomi di parentela alterati;

    • Con i nomi mamma e babbo se considerati vezzeggiativi;

    • Davanti ai nomi geografici che indicano Nazioni, Regioni, isole, fiumi, monti, laghi,mari, oceani




    • Davanti ai nomi propri ;

    • Davanti ai nomi che indicano parentela al singolare e preceduti dall’aggettivo possessivo;

    • Davanti ai nomi geografici che indicano nomi di città o paesi;

    • Davanti ai nomi geografici di stati, regioni se preceduti dalle preposizioni.


    Articolo indeterminativo – indica una persona, un animale, una cosa in modo generico. Non ha il plurale

    • L’articolo un è richiesto dinanzi ai nomi maschili che iniziano per consonante.

    • L’articolo uno è richiesto dinanzi ai nomi maschili che cominciano per i seguenti suoni: z, s impura, x, gn, pn, ps, j, y e per la vocale i quando è semiconsonante. ( es. uno gnomo, uno xilofono, uno pneumatico, uno yeti).

    • L’articolo una è richiesto dinanzi ai nomi femminili che iniziano per consonante. ( es. una chitarra, una strega, una barca)

    • L’articolo un’ è richiesto dinanzi ai nomi femminili che iniziano per vocale, perciò si ha un’ elisione. ( es. un’ alunna, un’ eccezione)

Articolo indeterminativo

Maschile

Femminile

Singolare

Uno - un

Una – un’

Plurale








L’articolo indeterminativo si usa:

L’articolo indeterminativo non si usa:

  • Quando precede un nome o cognome famoso per indicare una “similitudine”;

  • Quando designa l’opera di un autore famoso;

  • Se il nome assume il valore indeterminato di “un certo…”, “un tale…”;

  • Il nome è seguito da una determinazione: un Tevere insolitamente in piena ha travolto gli argini.





  1. Articolo partitivo – Indica una parte indeterminata del tutto. Può essere sostituito con delle espressioni: “Un po’ di; alcune; alcuni”

Gli articoli partitivi sono:







Maschile

Femminile







Singolare

Del, dello

Della, dell’







Plurale

Dei, degli

Delle

















L’articolo partitivo si usa:

L’articolo partitivo non si usa:

  • Con i nomi che indicano non un singolo oggetto bensì una quantità imprecisata di qualcosa ( ho portato del vino);

  • Con nomi astratti o in senso figurato ( avere del fegato).








IN GENERALE L’ARTICOLO SI OMETTE (= NON SI METTE):

  • Nelle locuzioni avverbiali- a torto, a ragione, in sostanza, ecc.;

  • in diversi complementi di luogo se introdotti dalla preposizione inin campagna, in città;

  • nelle espressioni formate dal verbo più il complemento oggetto – dare fastidio, provare pietà;

  • nelle espressioni introdotte dalla preposizione da – sala da pranzo, carta da lettere;

  • nel complemento di materia – di ferro, di legno, di metallo;

  • nelle espressioni introdotte da senza – senza pace, senza problemi, senza soldi;

  • nelle espressioni proverbiali – uomo avvisato, mezzo salvato;

  • in alcuni titoli di libri – Grammatica inglese. Storia illustrata;

  • Nei telegrammi per ridurre il numero delle parole –“ Vivi auguri lieto evento”;

  • Piccoli annunci pubblicitari – Vendo appartamento zona collinare;

  • Con i nomi dei mesi, delle stagioni, dei giorni della settimana se hanno valore temporale – in agosto vado in vacanza.

I monosillabi la, le, l’, lo e gli non sono sempre articoli, ma possono essere anche dei pronomi, cioè parole che stanno al posto del nome. Per evitare errori di scambio basta osservare questo trucchetto:




Articolo

Pronome

Lo, la, l’, le e gli sono articoli quando sono seguiti da nomi e/ o aggettivi.

Lo, la, l’, le e gli sono pronomi quando sono seguiti da verbi.

Il mio libro ( aggettivo)

La scuola ( nome)



Lo mangio (verbo) l’ho vista ( verbo)

La guardai (verbo) gli avevo scritto (verbo)


http://tuttadidattica.forumattivo.it/







©astratto.info 2017
invia messaggio

    Pagina principale