L'autocertificazione integrale



Scaricare 30.5 Kb.
Pagina1/3
28.03.2019
Dimensione del file30.5 Kb.
  1   2   3


L'AUTOCERTIFICAZIONE INTEGRALE

3.1. Le linee direttrici.
Con l'espressione: “autocertificazione integrale” si vogliono esprimere sostanzialmente due direttrici da imprimere allo svolgimento della gara d'appalto.

Una, di rendere autocertificabili tutti i requisiti posti a base della gara stessa.

L'altra, di dare attuazione effettiva al principio autocertificatorio attraverso la predisposizione diretta, da parte dell'Amministrazione aggiudicatrice, di schemi unici e contestuali di dichiarazione per i concorrenti.

Nel primo senso, l'autocertificazione è integrale sotto il profilo della gamma dei requisiti da documentarsi, per tutti i quali si evita di richiedere al concorrente – in fase di gara, salve eccezioni – documentazione in originale o in copia autenticata.

Nel secondo senso, l'autocertificazione è "integrale" sotto il profilo dei principi del procedimento. L'autocertificazione non rimane previsione astratta del bando. Con la predisposizione di schemi completi di dichiarazione allegati al bando o alla lettera di invito, il principio autocertificatorio nella gara d'appalto diventa realtà effettiva. L'autocertificazione, cioè, è "integrale" in quanto si va oltre la legalità e si coglie il risultato concreto della semplificazione procedimentale, rispetto alla quale il principio autocertificatorio si pone come mezzo rispetto a fine.

La licitazione privata sarà la modalità di scelta del contraente sulla quale analizzeremo la compatibilità giuridica dell'autocertificazione con la gara d'appalto. Viene presa a oggetto di indagine questa modalità non tanto perché ancora sia statisticamente la più adottata dalle Amministrazioni (sia pure per conservatorismo mentale), quanto perché la sua maggior complessità procedurale rispetto al pubblico incanto (procedura aperta) consente un’analisi completa delle possibilità che si danno.

Vedremo gli oneri documentali che ha il concorrente in fase di richiesta di essere invitato e in fase di presentazione dell'offerta.

Verificata la possibilità giuridica della piena applicazione del T.U. alle normative sugli appalti, l'eccellenza dell'azione amministrativa viene raggiunta con la predisposizione per i concorrenti dello schema unico di dichiarazione.






Condividi con i tuoi amici:
  1   2   3


©astratto.info 2019
invia messaggio

    Pagina principale