Le concezioni di M. scaturiscono dal rapporto diretto con la realtà storica



Scaricare 0.7 Mb.
30.12.2017
Dimensione del file0.7 Mb.



Le concezioni di M. scaturiscono dal rapporto diretto con la realtà storica (la verità effettuale)

  • Le concezioni di M. scaturiscono dal rapporto diretto con la realtà storica (la verità effettuale)

  • In lui vi è la coscienza lucida e sofferta della crisi che l’Italia sta attraversando

  • Gli stati italiani perdono la loro indipendenza politica e divengono satelliti delle potenze europee (Francia, Spagna) che si disputano il territorio della penisola



Gli Stati regionali italiani:

  • Gli Stati regionali italiani:

  • Frammentazione politica

  • Realtà deboli e instabili

  • Utilizzo di truppe mercenarie

  • Gli stati europei:

  • Francia, Spagna

  • Unità politica

  • Centralizzazione dei poteri

  • Eserciti nazionali



Regno di Napoli: conquistato dai Francesi nel 1494, poi definitivamente dagli Spagnoli nel 1503

  • Regno di Napoli: conquistato dai Francesi nel 1494, poi definitivamente dagli Spagnoli nel 1503

  • Ducato di Milano: sottomesso ai Francesi nel 1500

  • Venezia: salva a stento la propria indipendenza nel 1509

  • Gli Stati italiani rischiano di subire l’egemonia delle potenze straniere

  • E’ necessario dunque un Principe che possegga la virtù politica (non necessariamente coincidente con quella morale) per costituire in Italia uno Stato forte e ben ordinato, garantendo il perseguimento del bene comune



L’esperienza è ricavabile anche dalla lettura degli autori antichi oltre che dalla “verità effettuale”

  • L’esperienza è ricavabile anche dalla lettura degli autori antichi oltre che dalla “verità effettuale”

  • Nei libri dei classici è accumulata una ricca esperienza diretta del reale



Partire dall’osservazione diretta della realtà,

  • Partire dall’osservazione diretta della realtà,

  • dai dati empirici offerti dall’esperienza

  • è l’aspetto che caratterizza il metodo scientifico moderno

  • quello che sarà poi di Galileo e delle scienze fisico-naturali

  • Machiavelli, prima ancora di Galileo, applica questo metodo alle scienze dell’uomo, le scienze che studiano il suo operare politico



Per M. l’uomo è un fenomeno di natura al pari di altri

  • Per M. l’uomo è un fenomeno di natura al pari di altri

  • I suoi comportamenti non variano nel tempo, come non variano il corso del sole e delle stelle o i cicli delle stagioni

  • Per questo è convinto che, studiando il comportamento umano attraverso le fonti storiche e l’esperienza diretta, si può arrivare a formulare delle vere e proprie LEGGI di validità universale, applicabile infallibilmente ad ogni situazione (teoria razionale dell’agire politico)

  • Se il comportamento dell’uomo non varia, l’agire degli antichi, in particolare, può offrire un modello e una lezione al nostro agire di oggi (principio rinascimentale dell’imitazione)



Per M. gli uomini sono malvagi

  • Per M. gli uomini sono malvagi

  • Le leggi della convivenza umana sono dure e spietate

  • Perciò il Principe non può seguire sempre l’ideale e la virtù “non può fare in tutte le parti la professione di buono” perché andrebbe incontro alla rovina

  • Deve sapere anche essere “non buono”, “saper entrare nel male”, dove lo richiedano le esigenze dello stato



Il Principe deve essere umano oppure feroce come una bestia, a seconda delle circostanze

  • Il Principe deve essere umano oppure feroce come una bestia, a seconda delle circostanze

  • M. propone per il politico l’immagine del centauro, che è appunto mezzo uomo e mezzo bestia

  • Non bisogna per questo credere che M. sia un diabolico consigliere di atti immorali e perversi

  • In M. c’è un sofferto travaglio morale.



M sa che certi comportamenti del Principe (venir meno alla parola data, uccidere senza pietà i nemici etc.) sono moralmente ripugnanti

  • M sa che certi comportamenti del Principe (venir meno alla parola data, uccidere senza pietà i nemici etc.) sono moralmente ripugnanti

  • Ma ha il coraggio di andare sino in fondo

  • Questi comportamenti che sono “malvagi” secondo la morale, sono “buoni”, cioè efficaci e produttivi, in politica perché assicurano il bene dello stato

  • Viceversa altri comportamenti che sarebbero “buoni” moralmente, risultano “cattivi” in politica perché indeboliscono lo stato

  • La politica dunque deve essere a-morale.



In politica il criterio di giudizio non può essere quello del bene o del male, del giusto o dell’ingiusto

  • In politica il criterio di giudizio non può essere quello del bene o del male, del giusto o dell’ingiusto

  • Ma quello dell’utile o del dannoso politicamente



Nel medio Evo erano diffusi i trattati intesi a tracciare il modello del principe e a indicare le virtù che egli doveva possedere

  • Nel medio Evo erano diffusi i trattati intesi a tracciare il modello del principe e a indicare le virtù che egli doveva possedere

  • Erano gli “specula principis”, gli “specchi del principe”, perché dovevano fornirgli lo “specchio” in cui riflettersi e conoscersi, apprendendo quali dovevano essere i suoi comportamenti

  • Questi trattati mirano a fornire un’immagine ideale ed esemplare del principe, consigliando di praticare tutte le più lodevoli virtù: clemenza, mitezza, giustizia, liberalità etc. (politica subordinata alla morale)

  • M., invece, proclama di voler guardare alla “verità effettuale della cosa” e non all’ideale



E’ stato detto che il principio basilare sistema di M. è “il fine giustifica i mezzi”, ma l’affermazione è inesatta

  • E’ stato detto che il principio basilare sistema di M. è “il fine giustifica i mezzi”, ma l’affermazione è inesatta

  • E’ inesatta, perché il verbo “giustificare” introdurrebbe proprio quel criterio morale che M. vuole escludere dal giudizio politico

  • M. non consiglia la spregiudicatezza dei mezzi all’uomo in genere, e in ogni caso

  • Certi comportamenti immorali e crudeli sono adottabili solo dal politico, solo per il bene dello stato e solo quando sono strettamente necessari

  • M. non “giustifica”, constata solo che certi comportamenti, buoni o cattivi che siano, sono indispensabili per conquistare e mantenere lo stato



Principe è chi opera a vantaggio dello stato e, se usa metodi riprovevoli, lo fa per il bene pubblico

  • Principe è chi opera a vantaggio dello stato e, se usa metodi riprovevoli, lo fa per il bene pubblico

  • Tiranno è chi è crudele senza necessità e solo a suo vantaggio

  • Il principe è dunque uno strumento al servizio dei sudditi, in quanto costruisce uno stato ben ordinato, pacifico e sicuro garantendo ai cittadini tranquillità e benessere



Solo lo stato può costituire un rimedio alla malvagità dell’uomo, al suo egoismo che disgregherebbe ogni comunità in un caos di spinte individualistiche

  • Solo lo stato può costituire un rimedio alla malvagità dell’uomo, al suo egoismo che disgregherebbe ogni comunità in un caos di spinte individualistiche

  • Per mantenere lo stato sono necessarie precise istituzioni

  • La religione, le leggi, le milizie



A M. non interessa, nella prospettiva del discorso politico, la religione nella sua dimensione spirituale

  • A M. non interessa, nella prospettiva del discorso politico, la religione nella sua dimensione spirituale

  • Gli interessa come “strumento di governo”

  • La religione obbliga i cittadini a rispettarsi gli uni con gli altri, a mantenere la parola data. Tiene salda la compagine sociale, dà stabilità allo stato



Le buone leggi sono il fondamento del vivere civile perché disciplinano il comportamento dei cittadini e li indirizzano a fini superiori

  • Le buone leggi sono il fondamento del vivere civile perché disciplinano il comportamento dei cittadini e li indirizzano a fini superiori

  • Le milizie sono il fondamento della forza dello stato

  • Le milizie devono però essere composte di cittadini perché solo così si possono avere truppe fedeli e valorose e perché assumere le armi rafforza i legami del cittadino con la sua patria, contribuendo a stimolare in lui le virtù civili



La forma di governo che meglio riassume in sé l’idea di Stato per M. è quella repubblicana (res publica = comunità in cui il fine delle azioni e la “cosa pubblica”)

  • La forma di governo che meglio riassume in sé l’idea di Stato per M. è quella repubblicana (res publica = comunità in cui il fine delle azioni e la “cosa pubblica”)

  • Il principato dunque è una forma di governo d’eccezione e transitoria, indispensabile solo in determinate circostanze, come quella che l’Italia sta vivendo, per costruire uno stato sufficientemente saldo

  • Lo stato creato dalla “virtù” eccezionale del singolo, per mantenersi, deve evolversi dando vita a un ordinamento repubblicano

  • La forma repubblicana è quella che meglio può garantire la continuità, perché non si fonda sulle doti di uno solo, che può venire meno in ogni momento, ma su istituzioni stabili



La Virtù è l’insieme delle doti e delle capacità dell’individuo (non virtus cristiana, qualità moralmente positiva, ma virtus romana). Nel principe la virtù è:

  • La Virtù è l’insieme delle doti e delle capacità dell’individuo (non virtus cristiana, qualità moralmente positiva, ma virtus romana). Nel principe la virtù è:

  • a) la perfetta conoscenza delle leggi generali dell’agire politico (ricavabili sia dall’esperienza diretta, sia dalla “lezione” della storia passata)

  • b) la capacità di applicare queste leggi ai casi concreti e particolari

  • c) la decisione, l’energia, il coraggio nel mettere in pratica ciò che si è designato

  • La Virtù del politico è quindi una sintesi di doti intellettuali e pratiche (fusione di teoria e prassi)



La Fortuna è un insieme di forze puramente casuali, accidentali, svincolate da ogni finalità trascendente. E’ una serie di fattori esterni all’uomo, che non dipendono dalla sua volontà. La Fortuna è l’oscuro e l’indeterminabile

  • La Fortuna è un insieme di forze puramente casuali, accidentali, svincolate da ogni finalità trascendente. E’ una serie di fattori esterni all’uomo, che non dipendono dalla sua volontà. La Fortuna è l’oscuro e l’indeterminabile

  • Quella di M. è una concezione laica e immanentistica che mette tra parentesi la presenza nel mondo della Provvidenza, cioè di un disegno divino indirizzato a un fine (cfr. Medio Evo)

  • Dalla tradizione umanistica, tuttavia,M. eredita la convinzione che l’uomo può fronteggiare vittoriosamente la fortuna. Egli ritiene infatti che la Fortuna sia arbitra solo della metà delle cose umane, e lasci regolare l’altra metà agli uomini



In primo luogo la Fortuna può costituire “l’occasione” dell’agire del Principe, la “materia” su cui egli può imprimere la “forma” da lui voluta

  • In primo luogo la Fortuna può costituire “l’occasione” dell’agire del Principe, la “materia” su cui egli può imprimere la “forma” da lui voluta

  • Sfruttando “l’occasione”, la “virtù” del Principe si afferma e costruisce il proprio successo, piegando la Fortuna ai propri fini



In secondo luogo la Virtù umana si impone alla Fortuna attraverso la capacità di previsione, il calcolo accorto

  • In secondo luogo la Virtù umana si impone alla Fortuna attraverso la capacità di previsione, il calcolo accorto

  • Nei momenti quieti l’abile politico deve pre-vedere i futuri rovesci e predisporre i necessari ripari, come si costruiscono gli argini per contenere i fiumi in piena

  • In questo modo la Virtù umana può imbrigliare la Fortuna impedendole di fare danno o limitandone gli effetti negativi



Vi è infine un terzo modo teorizzato da M. per opporsi alla fortuna

  • Vi è infine un terzo modo teorizzato da M. per opporsi alla fortuna

  • Il “riscontrarsi” con i tempi

  • Cioè la duttilità nell’adattare il proprio comportamento alle varie esigenze oggettive che via via si presentano, alle varie situazioni, ai vari contesti in cui si è obbligati ad operare

  • In certi casi occorre l’astuzia della volpe, in altri la forza del leone

  • Questa duttilità è una dote auspicabile, ma quasi mai si ritrova negli uomini (nota pessimistica)



M. costruisce le fondamenta teoriche di uno Stato moderno, unito e forte, libero dalle spinte disgregatrici del particolarismo feudale e municipale

  • M. costruisce le fondamenta teoriche di uno Stato moderno, unito e forte, libero dalle spinte disgregatrici del particolarismo feudale e municipale

  • Ma le condizioni per dar vita a tutto questo In Italia non esistevano più

  • Le idee di M. troveranno invece applicazione fuori d’Italia, in contesti più avanzati, e contribuiranno a creare i fondamenti teorici dei grandi Stati moderni



M rifiuta lo stile alto, aulico

  • M rifiuta lo stile alto, aulico

  • Si serve di una prosa agile, chiara, di immediata presa (funzionale allo stretto rapporto che l’opera vuole avere con la prassi, con la realtà politica effettuale, per incidere sul reale e per fornire uno strumento da applicare immediatamente)

  • Il lessico è fatto di latinismi tecnici e letterari, ma anche di parole comuni e quotidiane, addirittura di termini plebei (poliglottismo di M.)

  • Il linguaggio di M. rifugge dall’astratto e dal vago e ama le immagini corpose, concrete, materiali (fortuna = fiume, principe = centauro, volpe e leone etc.)

  • M. non è solo il fondatore della scienza politica, ma anche del moderno linguaggio della prosa scientifica



http://www.letteratura.it/machiavelli

  • http://www.letteratura.it/machiavelli

  • http://www.lastoria.org/progetto/

  • http://www.iisf.it/scuola/Machiavelli/machiavelli.htm

  • http://www.liberliber.it/biblioteca/m/machiavelli/il_principe/html/sommario.htm





Condividi con i tuoi amici:


©astratto.info 2019
invia messaggio

    Pagina principale