Le metodologie della critica (4) La critica marxista



Scaricare 445 b.
26.01.2018
Dimensione del file445 b.


Le metodologie della critica (4)


Marx e la letteratura

  • Non è possibile trovare nel pensiero di Marx una concezione estetica, ma esiste una interpretazione marxista dei fenomeni artistici attraverso i contributi personali di vari pensatori, quali ad esempio Lenin, Gramsci, Lukàcs.

  • Dopo il 1930 si svilupparono, in Unione Sovietica, numerosi dibattiti sul pensiero estetico che portarono alla definizione dei principi del 'realismo socialista' sostenuti con inflessibile intransigenza da Zdanov.

  • Oggi il richiamo a certi presupposti marxiani può invece significare il superamento di un deteriore sociologismo, che da sempre ha minacciato l'interpretazione materialistica dell'arte.



Realismo e tipicità in Engels e in Lenin

  • Risalgono soprattutto ad Engels alcuni aspetti della teorizzazione estetica del marxismo. In pratica, si tratta dei due concetti di realismo e di tipicità che, attraverso Lenin, sono confluiti nel pensiero di Lukàcs.

  • « Realismo significa riproduzione fedele di caratteri tipici in circostanze tipiche », noterà Engels, per il quale il realismo si collega all'instancabile lotta del marxismo per un'arte che rispecchi la piena umanizzazione della vita, come non è possibile nella società capitalista per le sue interne contraddizioni. La grande arte è realista proprio perché pienamente umana.



Engels individua l'aspetto della 'tipicità' come caratteristica dell'arte, una tipicità in cui si raccolgono gli elementi realistici generali della situazione storica e gli elementi individuali e caratterizzanti dei personaggi e dell'azione: «Ciascuno è un tipo, ma è anche, ad un tempo, un individuo perfettamente determinato».

  • Engels individua l'aspetto della 'tipicità' come caratteristica dell'arte, una tipicità in cui si raccolgono gli elementi realistici generali della situazione storica e gli elementi individuali e caratterizzanti dei personaggi e dell'azione: «Ciascuno è un tipo, ma è anche, ad un tempo, un individuo perfettamente determinato».

  • In Lenin non si trovano apprezzabili progressi teorici. Le posizioni leniniste più note riguardano invece la partiticità dell'arte e alcuni accenni alla teoria del rispecchiamento realistico che la letteratura opera nei confronti della società. Il che significava anche la condanna in blocco dell'arte definita `borghese‘.



Győrgy Lukàcs

  • Lukàcs ha ripreso e sistemato in un'organica concezione dell'arte e in una coerente metodologia critica tutti questi spunti della tradizione marxista, in special modo engelsiana.

  • Per Lukàcs l'arte è realistica in quanto forma di rispecchiamento della realtà, anche se realismo non significa naturalismo e «riproduzione fotografica della superficie immediatamente percepibile del mondo esterno».



  • All'opposto, « l'arte vera aspira alla massima profondità e comprensione, a cogliere la realtà nella sua totalità onnicomprensiva. Cioè essa indaga, penetrando il più possibile in profondità, quei momenti essenziali celati dietro la superficie... L'arte vera rappresenta sempre la totalità della vita umana nel suo moto, nel suo svolgersi ed evolversi»



Quanto poi alla forma specifica dell'elaborazione artistica, Lukàcs si rifà al tipo di Engels, come sintesi artistica in cui si può «intuire sensibilmente» il movimento della realtà. Nel tipo «convergono e si intrecciano in vivente unità tutte le contraddizioni più importanti, sociali e morali e psicologiche, di un'epoca ».

  • Quanto poi alla forma specifica dell'elaborazione artistica, Lukàcs si rifà al tipo di Engels, come sintesi artistica in cui si può «intuire sensibilmente» il movimento della realtà. Nel tipo «convergono e si intrecciano in vivente unità tutte le contraddizioni più importanti, sociali e morali e psicologiche, di un'epoca ».

  • Per Lukàcs « La categoria centrale della concezione letteraria realistica è il tipo, ossia quella particolare sintesi che, tanto nel campo dei caratteri che in quello delle situazioni, unisce organicamente il generico e l'individuale. Il tipo diventa tipo non per il suo carattere medio bensì per il fatto che in esso si fondono tutti i momenti determinanti, umanamente e socialmente essenziali, di un periodo storico ».



La tipicità sarebbe un rispecchiamento particolare della realtà; in ciò consisterebbe la specificità della forma artistica.

  • La tipicità sarebbe un rispecchiamento particolare della realtà; in ciò consisterebbe la specificità della forma artistica.

  • La misura realistica dell'arte lascia scoperto tutto un vastissimo ambito della realtà poetica, abbracciato dalle opere che evidentemente rifuggono da ogni mimesi veristica.

  • Si controbatte dicendo che anche gli scrittori più astratti riflettono sempre il mondo e il tempo in cui vivono. E ciò è vero, ma resta sempre il fatto indimostrato che la loro arte non consiste in questa storicità situazionale ineliminabile, ma nella sovrastoricità stilistica del loro mondo poetico.



Semanticità della poesia

  • Riassumendo, potremmo già concludere che:

  • la critica marxista afferma il valore razionale (e non sentimen-tale o fantastico) dell'opera artistica, in quanto la forma che dà unità al molteplice sensibile-immaginativo è concetto;

  • un altro punto è l'affermazione della natura sociologica della poesia, in quanto legata nella sua sostanza strutturale (idee, problemi, sentimenti che agita) alle condizioni storiche (economiche e sociali) in cui è sorta;

  • un terzo punto riguarda il realismo dell'opera artistica, in quanto rispecchiamento della realtà in un dato momento storico: carattere ineliminabile anche se l'artista pretenda di astrarsi o di evadere dalla vita.



Questi tre concetti fondamentali della critica marxista si scontrano con altrettante posizioni acquisite dalla storia dell'estetica:

  • Questi tre concetti fondamentali della critica marxista si scontrano con altrettante posizioni acquisite dalla storia dell'estetica:

  • il carattere razionale (e non fantastico) dell'arte pone il problema della distinzione e dell'autonomia dell'arte da ogni altra forma di conoscenza razionale, come la filosofia e la scienza;

  • l'affermazione della natura sociologica dell'arte pone il problema dell’universalità del valore poetico;

  • la tesi del realismo dell'arte come rispecchiamento della realtà pone il problema dell'autonomia dell'arte, il salto qualitativo indubbio fra il mondo poetico di un autore e il mondo storico.



Galvano della Volpe

  • Un tentativo di soluzione organica di queste complesse aporie è stato fatto da Galvano della Volpe.

  • Il della Volpe sostiene il carattere razionale dell'arte, criticando ogni concezione della poesia come immagine, sentimento o fantasia.

  • Per lui la forma è concetto, ossia razionalità, mentre il contenuto è la materia molteplice del sensibile immaginativo, e dunque del disorganico e del discontinuo. Se arte è invece unità, coerenza, ordine e armonia, ciò vuol dire che l'artista ha elaborato razionalmente e dato forma organica alle sollecitazioni caotiche della fantasia.



Secondo il della Volpe si deve distinguere:

  • Secondo il della Volpe si deve distinguere:

  • il linguaggio comune che è equivoco, in quanto onnitestuale (si tratta della frase o insieme di frasi che formano un testo, che funge da letterale-materiale di altri testi);

  • il discorso filosofico-scientifico che è univoco, in quanto onnicontestuale (è il contesto aperto e in divenire della scienza e della filosofia, in cui ogni nome-frase richiama e rimanda ad altri innumeri contesti);

  • il discorso poetico che è polisenso, in quanto contestuale organico (qui la frase o il nome assume un dipiù di senso rispetto al linguaggio comune, onnitestuale); l'autonomia semantica della poesia è questa pluralità aggiunta di significati, indissociabile da un determinato contesto.

  • La poesia è dunque semanticamente autonoma, non presuppone che se stessa nel suo valore espressivo, mentre il discorso filosofico-scientifico non lo è perché presuppone altri testi-contesti, in una catena semantica aperta.



Il compito del critico, dice il della Volpe, «sarà di discernere se e dove i valori semantici del testo in esame rientrino nella categoria del polisenso o in quelle dello univoco o dello equivoco: cioè se quel testo sia un che di contestuale-organico e non invece un che di onnicontestuale o addirittura onnitestuale».

  • Il compito del critico, dice il della Volpe, «sarà di discernere se e dove i valori semantici del testo in esame rientrino nella categoria del polisenso o in quelle dello univoco o dello equivoco: cioè se quel testo sia un che di contestuale-organico e non invece un che di onnicontestuale o addirittura onnitestuale».

  • Galvano della Volpe riduce il valore della poesia all'aspetto tecnico-semantico. Non può darsi un discorso polisenso anche in opere che la critica unanimamente riconosce scarsamente valide?

  • Se la critica dovrà accertare la diversa semanticità di un testo, non c'è il rischio di riproporre in altre forme il modulo crociano di poesia-non poesia, ridotto alle dimensioni tecniche del linguaggio?



Procedimenti della critica marxista

  • Se il marxismo ha incontrato notevoli difficoltà nell'enucleazione della specificità del momento artistico, più felici ci sembrano alcuni risultati della metodologia critica che si richiama a tale indirizzo nell'esplorazione dei rapporti fra l'arte e la storia, la poesia e il mondo socioculturale in cui vive l'artista.

  • Respingendo ogni tendenza estetica metafisica, il marxismo non può concepire l'arte al di fuori e al di sopra della storia, in un sovramondo platonico di valori eterni.



Il rapporto fra la produzione artistica e le condizioni economiche e sociali non è però sempre diretto, per il principio dello sviluppo ineguale.

  • Il rapporto fra la produzione artistica e le condizioni economiche e sociali non è però sempre diretto, per il principio dello sviluppo ineguale.

  • È necessario, quindi, ricostruire la complessa serie di mediazioni che, da un determinato fenomeno economico-sociale, porti all'affermarsi di una determinata classe dirigente e dei gruppi intellettuali che la esprimono elaborando una ideologia, un costume, un gusto, una cultura, uno stile nuovi, fino a giungere alla personalità del poeta.



In sostanza, il procedimento metodologico della critica marxista consiste nella scomposizione dell'opera nei suoi elementi astratti, per cogliervi meglio le relazioni dell'opera con l'ambiente storico-culturale, e nella ricomposizione organica del tutto, colto adesso nella sua concretezza non più soggetta a valutazioni impressionistiche e astoriche.

  • In sostanza, il procedimento metodologico della critica marxista consiste nella scomposizione dell'opera nei suoi elementi astratti, per cogliervi meglio le relazioni dell'opera con l'ambiente storico-culturale, e nella ricomposizione organica del tutto, colto adesso nella sua concretezza non più soggetta a valutazioni impressionistiche e astoriche.

  • Il gusto, in questo caso, non è un punto di partenza ma di arrivo, e vuol significare il grado di comprensione del testo a cui si è giunti in relazione alla complessa gamma di mediazioni storico-culturali di cui il lettore dispone.



La dialettica che si instaura così fra il testo e la storia permette di ricostruire il processo creazione artistica, attraverso un'opera di analisi degli elementi che la costituiscono e di confronto con la realtà in cui si muoveva il poeta (realtà intesa nel senso più largo, da quello storico-sociale a quello linguistico) e di ricerca di una ipotesi capace di ritornare al concreto dell'opera d'arte e intenderla in tutta la sua complessità e storicità.

  • La dialettica che si instaura così fra il testo e la storia permette di ricostruire il processo creazione artistica, attraverso un'opera di analisi degli elementi che la costituiscono e di confronto con la realtà in cui si muoveva il poeta (realtà intesa nel senso più largo, da quello storico-sociale a quello linguistico) e di ricerca di una ipotesi capace di ritornare al concreto dell'opera d'arte e intenderla in tutta la sua complessità e storicità.

  • Si determina così un continuo passaggio dal testo a elementi che stanno fuori del testo e da questi a quello.



Il procedimento della critica marxista si affianca alle più moderne formulazioni della critica storicistica, con una più vigorosa sottolineatura dei rapporti arte-società (mentre in quella è prevalente l'interesse per il rapporto arte-cultura).

  • Il procedimento della critica marxista si affianca alle più moderne formulazioni della critica storicistica, con una più vigorosa sottolineatura dei rapporti arte-società (mentre in quella è prevalente l'interesse per il rapporto arte-cultura).

  • Di qui la comune tendenza alle vaste ricostruzioni socioculturali che interferiscono nella creazione artistica.

  • Si tratta di indagini certamente legittime, ma che non eliminano alcuni dubbi sulla loro esaustività.

  • I pericoli di ricadute sociologiche sono sempre presenti quando si tende a valutare l'arte in base ad elementi estranei all'elaborazione poetica, negando insomma l'autonomia dell'arte, che così viene degradata a documento comprovante analisi in sé magari esatte ma incapaci ad intendere la specificità del fatto estetico.



Suggestioni gramsciane

  • Si notano in Gramsci alcuni accenni che potrebbero forse dirimere in parte le precedenti aporie. Egli scrive:

  • «Due scrittori possono rappresentare lo stesso momento storico-sociale, ma uno può essere artista e l'altro un semplice untorello. Esaurire la questione limitandosi a descrivere ciò che i due rappresentano o esprimono socialmente, cioè riassumendo le caratteristiche di un determinato momento storico-sociale, significa non sfiorare neppure il problema artistico. Tutto ciò può essere utile e necessario ma in un altro campo: in quello della critica politica, della critica del costume...».



Gramsci giustamente fa intendere che il giudizio ideologico (storico politico) va ben distinto dal giudizio letterario: la critica ideologica non sfiora nemmeno il problema artistico.

  • Gramsci giustamente fa intendere che il giudizio ideologico (storico politico) va ben distinto dal giudizio letterario: la critica ideologica non sfiora nemmeno il problema artistico.

  • In Gramsci v'è l'affermazione dell'autonomia dell'arte e della sua storicità: diremmo quasi l'accettazione della natura fantastica dell'opera artistica, anche se questa 'fantasia' non corrisponde alla categoria crociana dell'intuizione pura, ma più concretamente alla capacità dell'artista di dare una 'forma' ad un mondo di personali sentimenti e idee, che è assolutamente storico nella sua genesi culturale, sociale e politica, ma che diventa universale nella trasfigurazione operata dalla poesia.



Gramsci pone con chiarezza la differenza tra creazione culturale e creazione artistica, anche se la sua attenzione è rivolta preferibilmente alla prima, alla storicità dell'artista e alla sua collocazione in un determinato gruppo intellettuale.

  • Gramsci pone con chiarezza la differenza tra creazione culturale e creazione artistica, anche se la sua attenzione è rivolta preferibilmente alla prima, alla storicità dell'artista e alla sua collocazione in un determinato gruppo intellettuale.

  • Perché si abbia arte non basta il contenuto, occorre che esso sia 'elaborato' e subisca una 'catarsi' espressiva. La critica politica o ideologica si ferma invece al semplice contenutismo, senza evidenziare il «carattere artistico», peculiare in sede estetica.



FINE







©astratto.info 2017
invia messaggio

    Pagina principale