Le parole melense



Scaricare 45.92 Kb.
14.11.2018
Dimensione del file45.92 Kb.

24 Preludi Giapponesi

Jacopo Bonora Preludio n.2 “ Le parole melense ” (2016) ★

  1. Sachiyo Tsurumi Sumo Piano Taiko ★ (2016)

  2. Rica Narimoto 987 Plates V (2016)

  3. Osamu Kawakami Purple Emperor (2016)

  4. Haruyuki Suzuki Eccentric Wheel (2016)

  5. Masamichi Kinoshita Les mains de la mer IV (2015)

  6. Fumio Tamura The fear of existance I (2016)

  7. Takeo Hoshiya Shades of Shepherd (2016)

  8. Hiroaki Takaha Nami no Mani mani- at the mercy of the waves ★

(2016)

  1. Mikako Mizuno Star Lights in to the Summer Garden (2016)

  2. Tomoko Fukui a walking man does not walk nor a dancer dances

( rev.2016)

  1. Yuka Shibuya View from the Round Window (2016)

  2. Yasutaki Inamori Sinfonia a tre voci (2010/rev.2015)

  3. Akiko Yamane Twinkle Twinkle (2016)

  4. Jummei Suzuki Prelude to a Wooden Block for Beating Cloth★ (2016)

  5. Takumi Ikeda Grayscale-Shades of gray (2015)

  6. Toshiya Watanabe Vein (2016)

  7. Hiroyuki Yamamoto Prelude to the New York dance (2015)

  8. Motoharu Kawashima Prelude No.1 “Cleavage”  ★(2016)

  9. Hiromichi Kitazume Petite étude pour une machine détraquée (2013)

  10. Yumi Saiki Morphogenesis III ★ (2016)

  11. Hiroyuki Ito Angel’s Ladder (2016)

  12. Yasunoshin Morita ReincarnatiOn Ring VI (2016)

  13. Masahiro Yamauchi Perspective (2015)

  14. Takashi Tokunaga Prelude (2015)

Matteo Forlani Sidereus Nuncius I (2016) ★ ///★ World premiere

Sachiyo Tsurumi


Nata a Ibaragi in Giappone, si è laureata in composizione all’Università delle Arti di Tokyo. Si occupa di musica da concerto, per coro e da cinema.

Il gruppo degli artisti di cui fa parte, “Chronoi Protoi”, ha vinto il premio “Saji Keizo”. È stato edito un Cd monografico “Eu canto” per Edizione Fontec.

È direttrice di JACSHA (l’associazione dei compositori artistici di Sumo),

È stata invitata al Saitama Triennale 2016. Insegna l’orchestrazione all’Okinawa Prefectural University of Arts.


Sumo Piano Taiko
Questo brano per pianoforte solo è basato per ritmo e struttura su “Ichiban Taiko” che è un tamburo giapponese. Questo tamburo viene suonato alle 8 del mattino in tutto il periodo del torneo di Sumo, che dura 15 giorni. Questi ritmi sono stati tramandati oralmente fin dal periodo Edo (1603-1868) usando dei particolari canti come “Ton-ton-ston”, “Ton-to-ton” o “Sutoshi”. Ho imparato questi ritmi oralmente da un maestro che celebra la lotta di Sumo, e li ho usati per la musica per pianoforte.

Rica Narimoto


Nata a Wakayama, in Giappone, nel 1969, ha completato Master e dottorato in musica all’Aichi University of Arts, diplomandosi al vertice della sua classe e ricevendo il prestigioso Premio Kuwabara dell'Università. È stata la prima persona ad aver ricevuto un dottorato nel campo della composizione presso quella università. La sua musica è stata eseguita in molti paesi, tra cui Giappone, Paesi Bassi (Gaudeamus Music Week), Europa, Nord America e Africa. Ha ricevuto diversi premi tra cui il Premio Irino, il terzo premio all’Iron Composer Competition (USA), e il Premio di incoraggiamento culturale Okuwa. È stata invitata dal Consiglio Culturale asiatico come membro d’onore e ha vissuto a New York nel 2011 per una ricerca sulla musica americana contemporanea e l'arte. Alla fine del suo soggiorno a New York, ha presentato un recital estremamente affermato, " Concerto Ritratto: Rica Narimoto" , con le sue stesse composizioni, alcune delle quali eseguite da lei. Attualmente è docente all’Aichi University of the Arts, Kanazawa University e Kinjo Gakuin University ed è ricercatrice alla Nagoya City University School of Design e Architecture.


987 Plates V for piano (2016)

Questo pezzo è una parte della serie con lo stesso titolo, “987 Plates”. Tutti i pezzi di questa serie vengono direttamente dalla mia recente fascinazione per l'opera d'arte dal titolo 'Rhapsody' disegnata da Jennifer Bartlett, un’artista americana. 'Rhapsody' è costituita da 987 piatti quadrati, da 12 pollici per lato. L'ho vista al MoMA di New York. Sui 987 piatti, sono stati dipinti vari oggetti. Sono oggetti concreti, oggetti astratti, figure e così via. In un primo momento, ho riportato quel lavoro sul mio notebook e analizzato la sua struttura. Successivamente, ho fatto alcuni gruppi di tutte le piastre sotto diverse classificazioni a seconda degli oggetti dipinti. Dopo di che, ho creato corrispondenze a ogni classificazione e figura musicale. Nella mia musica, 987 Plates V for piano, ho usato la struttura della prima sezione di 'Rhapsody'. Molti materiali da 'Rhapsody' sono condensati e i materiali musicali non sono sviluppati, ma sono piuttosto posti in parallelo.


Osamu Kawakami

Osamu Kawakami (1979, Tokyo) ha conseguito il master in composizione e la laurea presso il Tokyo College of Music. Ha studiato composizione con Joji Yuasa, Shin-Ichiro Ikebe, Toshio Hosokawa, Noriko Hisada, e Hiroyuki Yamamoto. Le sue opere sono state eseguite al Takefu International Music Festival (2009/2012), il seminario di Composizione Royaumont in Francia (2010), e al Daegu Festival Internazionale di Musica Contemporanea (2014).

L’imperatore purpureo


"Purple Emperor" è la farfalla nazionale del Giappone. Come suggerisce il nome, si tratta di una bella farfalla viola. Non si immaginerebbe una farfalla delicata che non si nutre dai fiori, ma direttamente dalla pianta, e che per proteggere il suo territorio scuote le sue larghe ali scacciando perfino le vespe. È un insetto molto forte. Ho composto questo brano pensando alle sue ali viola battere rapide e aggressive.


Haruyuki Suzuki


Nato a Tokyo nel febbraio 1962. Nel 1995 è stato insignito del 16° premio Irino. È stato invitato ed i suoi nuovi pezzi sono stati eseguiti tra gli altri a Gaudeamus Music Week in Olanda nel 2005, Santa Maria Nuova Musica Festival in Italia nel 2006, Les Inouies a Bordeaux nel 2007, nel 2010 Experimental Intermedia a New York, etc.


Eccentric Wheel

La ripetizione crea la forma della musica. In un primo momento una persona ascolta uno schema X, ed è una nuova esperienza per lui. Poi appare lo schema Y, e il suo interesse passa da X a Y. Dopo un po', ascolta di nuovo lo schema X: non è una nuova esperienza per lui, perché lo ricorda. In quel momento la prima e la seconda X sono unite nella sua memoria e compongono una costruzione musicale all’interno della sua mente. Questa è la nascita della forma musicale. Il modo in cui si crea una forma della musica è il modo in cui si può controllare la memoria. Questa è l'idea di base ed essenziale nella mia serie "Repetitive music". Ho dato inizio a questa serie al principio degli anni ‘90.

Masamichi Kinoshita


Nato nella città di Oono (1969, Fukui pref, Giappone). Ha studiato musica alla Tokyo Gakugei University. Finalista al Toru Takemitsu Award per la composizione 2001 (menzione d'onore), Gen-On New Talent Prize 2003 e altri.


La sua attività comprende non solo la composizione di acustica, ma anche l’organizzazione di concerti di musica contemporanea, ed è improvvisatore mediante l’utilizzo di dispositivi elettrici con altri co-attori.

Les mains de la mer IV


 Il titolo è stato preso dal poema di Edmond Jabès. Ho composto un breve pezzo pensando alle caratteristiche degli strumenti, in particolare sonorità e diteggiature. Ma il motivo viene anche da antiche danze e canti giapponesi, per lo più probabilmente sconosciuti agli europei. Potrebbero essere di fantasia, in un certo senso, ma allo stesso tempo sono la nostra realtà.

Fumio Tamura

M.A. in composizione presso l'Università di Tokyo di Belle Arti e Musica con Jo Kondo, e alla Guildhall School of Music and Drama di Londra con Robert Saxton, dove gli è stata concessa la borsa di studio nell'ambito del programma governativo giapponese di studio all’estero per gli artisti 1995-1997.


I suoi pezzi sono stati eseguiti in diversi festival musicali, come Spitalfields Music Festival, l’Asian Music festival, All Japan Festival Band, Bologna Angerica Festival, Tokyo-no-Natsu Music Festival, in cui il suo pezzo è stato appositamente eseguito dal Moscow Contemporary Music Ensemble, ACL Asian Compositori Lega, Seoul, e ISCM Hong Kong.
Ha vinto premi tra cui il Concorso Valentio Bucchi Premio Internazionale di Composizione a Roma, il premio per JACA Arte Teatrale, il Premio Nazionale Teatro e un encomio d'onore al Premio Genesis per l’Opera del 2002.
Membro della Federazione Giapponese di Composizione, Tempus Novum, The Japan Electronic Music Society, Ensemble α contemporanea, e Pro Musica Nipponia, come compositore e regista.

The fear of existence I
La sequenza di ritmo regolare che ha pari valore di tempo, offrirebbe automaticamente un certo tipo di struttura che può essere formulata come una 'musica che va così', ma allo stesso tempo potrebbe farsi spalla di una certa ossessione che può essere formulata come 'la musica avrebbe dovuto andare in questo modo'. D'altra parte, sarebbe innegabile che proviamo un certo timore o un senso di disagio, rispetto all’eventualità dell’inesistenza o alla scomparsa di una durata stabile e della periodicità.

  Questo pezzo ha lo scopo di rappresentare la miscela di ordinarietà attraverso una continuità stabile dell’esistenza, e non-ordinarietà (un’esistenza alienata) che nasce dell’essere trasmutata dalla deviazione, deformazione, divisione e spostamento.

Takeo Hoshiya

Nato a Tokyo nel 1979. Takeo Hoshiya ha studiato composizione con Jo Kondo presso la Tokyo University of Arts. Le sue opere sono state eseguite diffusamente in Giappone. Nel 2004, l'Ensemble Nomad ha suonato la sua musica al Huddersfield Contemporary Music Festival. Nel 2007, ha vinto il premio Salvatore Martirano presso la University of Illinois. Dal 2009, ha stabilito una particolarmente stretta associazione con il Takefu Festival Internazionale di Musica, dove la sua musica è stata eseguita nel 2010, 2011,2012 e 2014. Nel 2013, è stato invitato a Daegu Festival Internazionale di Musica Contemporanea in Corea. Nel 2014, i suoi pezzi hanno anche introdotto il "Café Budapest" in Ungheria. Dal 2010, collabora con il violoncellista giapponese Tomoki Tai sul "progetto di Tokinokatachi" una serie continua di concerti che presentano compositori giapponesi e pezzi raramente eseguiti all'estero.


Shades of Shepherd (2016)

Recentemente, mi interessato al modo in cui gli esseri umani ricordano, il modo in cui si dimenticano e controllano la memoria.


Shades of Shepherd è essenzialmente una composizione molto lineare basata quasi interamente su una linea continua, accompagnata da una contro-linea. La linea dominante consiste in una successione di brevi frammenti melodici (principalmente citati dal "Pastore sulla Torre" di Franz Schubert). Ho poi combinato questi frammenti in una varietà di modi - a volte strettamente connessi, a volte non collegati e talvolta connessi in modo ambiguo. Questa idea del rapporto ambiguo è molto importante per la mia musica.
Hiroaki Takaha

Nato nel 1979, Hiroaki Takaha si è laureato alla Toho Gakusen School of Music, dove ha studiato composizione con Kazuo Mise e Atsuhiko Gondai. Ha studiato con Edith Lejet presso l'École Normale de Musique de Paris dove ha conseguito un Diplome Supérieur. È stato finalista al 68° Concorso di Musica del Giappone, sezione composizione. Le sue commissioni includono la Biennale di Venezia (2002) e le sue composizioni sono state eseguite da numerosi ensembles, come ad esempio l’Ensemble Alternance, Pro Musica Nipponia e il Coro Tokyo Philharmonic.

Mikako Mizuno

Compositrice e musicologa. I suoi pezzi sono stati eseguiti in anteprima in Francia, Austria, Ungheria, Germania, Italia, Repubblica di Moldova, Australia, Cina, Taiwan e Giappone.


Professoressa alla Nagoya City University. Direttrice del programma dell’Aichi Triennale 2010,2016, Direttore Generale del Nagoya City University Sound Studio, membro del Consiglio della Nagoya Philharmonic Orchestra, vice-presidente della JSEM (società giapponese di musica elettronica), membro del Comitato di JSSA (Società giapponese di arti sonore). Ricercatrice Invitata all’Università di Paris IV nel 2016.
Star Lights Pouring in to the Summer Garden

Dopo una calda giornata estiva, ci godiamo il vento freddo e il cielo stellato in un giardino di notte. Le stelle sono in continua evoluzione con la loro luce oro e argento. Le costellazioni presentano forme immaginarie diversificate di spazi lontani. Gli accordi arpeggiati rivelano la traccia di luci delle stelle in movimento. Si muovono a volte in tempo lento ed a volte in fretta. La densità del suono è subordinata al tempo che passa .


Tomoko Fukui

Nata a Kyoto. È stata invitata o ha avuto lavori commissionati da molti Festival (Corso estivo di musica internazionale della Nuova Musica di Darmstadt, La Biennale di Venezia, Maelz Music a Berlino, ECLAT New Music di Stoccarda, Ars Musica in Belgio, ecc.); ha alloggiato all’Akademie Schloss Solitude nel 2002 e 2012 come ospite. Sue opere selezionate per ISCM World Music Days a Hong Kong (2002), Zagabria (2004), e Slovacchia / Austria (2013). Organizza l'Ensemble "prossima promozione fungo" a partire dal 2001. Attualmente vive a Tokyo.


A walking man does not walk, nor does a dancer dance (2016 short version)

"Se qualcuno che dice una bugia dice: "Io sono un bugiardo ", non è bugiardo. Questo è un paradosso. L'inizio di questo pezzo inizia con il ritmo di una marcia semplice e tipica. Procede schivando, inciampando e arrestandosi in modo strano. Poi, piano piano inizia un valzer e salta a caso e apposta, apparentemente facendo una finta. Talvolta un altro valzer appare in parallelo. Dopo di che, una marcia e un valzer si alternano.


Non sarete in grado di distinguere la marcia dal valzer.
Se mi chiedete, "Questo pezzo è una marcia o un valzer?", allora io risponderò, "Questa marcia è un valzer." Anche questo è un paradosso. Per questa occasione ho creato questo pezzo più breve per Kumi Uchimoto.

Yuka Shibuya


Yuka Shibuya è nata a Kyoto nel 1981, e si è laureata presso il Dipartimento di composizione della Tokyo University of the Arts nel 2012. Il suo lavoro di dottorato è incentrato sugl’intervalli microtonali derivati ​​da un temperamento diseguale e l'uso di intervalli microtonali come risorse musicali. Negli ultimi anni, ha manifestato interesse nell’esplorazione delle relazioni tra i singoli toni e la scrittura di molti pezzi che utilizzano intervalli microtonali e temperamento disuguale. È docente presso la Shobi University e la Tokyo University of the Arts.


View from the Round Window (2016)

Quando Kumi Uchimoto ha commissionato un pezzo di circa due minuti di lunghezza, ho dovuto riflettere attentamente sulla predeterminata durata di due minuti, prima di iniziare a comporre.


Il modo in cui ho scelto di concettualizzare il pezzo è che è in realtà è insolitamente lungo, ma esiste contemporaneamente in un solo istante di tempo. ".
Yasutaki Inamori

Yasutaki Inamori è nato nel 1978 a Tokyo. Ha studiato composizione alla Tokyo Gakugei University con Masahiro Yamauchi e poi alla Hochschule für Musik und Tanz di Colonia con Johannes Schöllhorn e Michael Beil. La sua musica è stata eseguita da musicisti e ensemble quali la WDR Symphony Orchestra di Colonia, SWR Radio Symphony Orchestra di Stoccarda, Bruxelles Philharmonic, Carin Levine e Barbara Maurer. È stato premiato con premi e borse di studio, che includono Bernd Alois Zimmermann Scholarship 2011, il 1° Premio al 76° Concorso di Musica del Giappone del 2007, la Rohm Music Foundation Scholarship (2009-2012).


Sinfonia a tre voci

« Sinfonia a 3 voci » si suppone che sia un piano sketch per un lavoro di ensemble, che non ho composto per vari motivi. Ad una richiesta di Ms. Kumi Uchimoto, ho modificato lo sketch per un piccolo pezzo di pianoforte adatto a un concerto. Ogni voce è in qualche modo astratta per carattere. A causa di tale astrazione, è difficile prevedere cosa viene dopo, anche se le trentaduesime in esecuzione supportano la stabilità della corsa. L’idea complessiva di struttura è di formare una grande ritardando dall'inizio verso la fine .

Akiko Yamane

Nata a Osaka, ha conseguito il Master alla Kyoto City University of Arts. Le sue opere principali comprendono, Dots Collection No.06, commissionato dalla NHK Symphony Orchestra, che ha debuttato in "“Music Tomorrow” (2010), Harakiri Maiden per Biwa e orchestra commissionata da Suntory Fondazione per l'Arte in anteprima durante il loro "Summer Festival 2012", e Illuminated Baby per piano, commissionato dal 9° Concorso Pianistico Internazionale di Hamamatsu, selezionato come repertorio richiesto per il secondo turno (2015).
Twinkle-Twinkle

La musica rilascia brillii di vario colore uno dopo l'altro nello spazio della performance. Ho cercato di mettere a fuoco la percezione della consistenza e del colore di ogni suono, e la combinazione dei colori. Questo pezzo è stato scritto per il progetto di registrazione di Kumi Uchimoto.

Jummei Suzuki

Nato nel 1970, a Tokyo, Giappone, Jummei Suzuki si è diplomato alla Tokyo University of the Arts con una laurea specialistica e un master in composizione. In un secondo momento, si è trasferito a Parigi per continuare a studiare al Conservatorio Nazionale Superiore di Musica di Parigi e ha partecipato Corso di un anno di composizione e musica per Computer dell'IRCAM. A Suzuki è stato assegnato il 24 ° Premio di Composizione Akutagawa. Attualmente è professore associato presso l'Università delle arti di Tokyo.


Prelude to a Wooden Block for Beating Cloth

Il titolo di questo lavoro deriva da una traduzione in inglese di "Kinuta", una città nell’agglomerato di Tokyo, dove mi sono appena trasferito. Nel periodo Heian, fin dall’VIII° secolo, "Kinuta" era famosa per la splendida stoffa, fornitura della corte imperiale giapponese. Laggiù, persone tessevano le trame e battevano il tessuto su un blocco di legno con un martello per dargli lucentezza. Questo pezzo è composto con accordi speciali che esprimono i suoni della battitura sul legno nei giorni ormai lontani, e anche una giga da Johann Jakob Froberger, di cui ricorre il 400° anniversario quest'anno. Si spera che questa musica diventi un preludio per una mia nuova vita e creatività.


Takumi Ikeda

Takumi Ikeda (n.1975) crea musica e si esibisce dal vivo usando audio-linguaggi di programmazione e di uso generale. Scrive anche opere strumentali che utilizzano il linguaggio della musica contemporanea.


La sua performance audio-video "Table Music" ha vinto l'Excellence Award al 4° Concorso AAC Sound Performance Dojo. Ha collaborato con il regista Kei Shichiri.
Le sue principali opere strumentali sono state commissionate ed eseguite da POING, Hiroaki Ooi, Ensemble per la Musica Sperimentale e Teatro, Tambuco Percussion Ensemble e Tokyo Gen'On Project.

Scala di grigi-sfumature di grigio

L'altro giorno, una giovane madre mi ha detto che sempre, quando porta la sua bambina a un concerto acustico (i tappi per le orecchie sono molto richiesti), la bambina si addormenta non appena inizia la performance.
Dopo aver letto un articolo che diceva che qualche tipo di rumore come il rumore bianco è efficaci rilassare i bambini e farli dormire meglio.
Quale che sia la ragione, mi viene ricordata questa storia ogni volta che penso al principio delle cose. Il rumore bianco è stato richiamato per analogia con la luce bianca, che comprende tutte le frequenze. La quasi totalità di questo pezzo è fatta da un accordo che include tutte e dodici le classi di altezza.

Toshiya Watanabe


Nato nel 1974, ha conseguito Master e la laurea in composizione alla Tokyo University of the Arts. Ha vinto numerosi premi, come il 3° Premio di Composizione Toru Takemitsu Award nel 1999 (giudice Luciano Berio), menzione d'onore al 24° Premio Irino, il 9° Keizo Saji, e altro. Ha avuto commissioni da numerosi ensemble e molti artisti, e ha partecipato a Voix Nouvelles, Takefu Composition Workshop, e Music from Japan (N.Y.) come compositore invitato. Suo recente interesse è di trovare i colori e le sottili differenze dei suoni che nascono nelle relazioni tra i vari suoni. È un professore associato di composizione al Kunitachi College of Music, e docente presso la Tokyo University of the Arts.

Vein

In questo pezzo ho distinto i vari colori del suono che emergono dal rapporto tra le diverse note. E i colori dei suoni cambiano gradualmente in un’altra variazione, quindi creano una continuità.

Hiroyuki YAMAMOTO


Nato nella Prefettura di Yamagata, in Giappone nel 1967, Hiroyuki Yamamoto ha studiato composizione con Akira Kitamura, Jo Kondo e Isao Matsushita. Ha conseguito il Bachelor e Master in composizione presso la Tokyo University of the Arts. Compositore prolifico, Yamamoto ha composto circa 100 pezzi tra opere per orchestra, ensemble da camera, pezzi per strumenti solisti e supporti elettronici. Sono state eseguite dal Nieuw Ensemble, Symphonieorchester des Bayerischen Rundfunks, Orchestre Philharmonique du Luxembourg, la Tokyo Philharmonic Orchestra, Quartetto Excelsior, e Ensemble α contemporanea.


Ha fatto un concerto-'mostra personale', composto solo da suoi pezzi, nel 2000, e dal 2002 produce concerti di 'claviarea', dove organizza concerti con la pianista Kazue Nakamura.
Hiroyuki Yamamoto è diventato parte attiva della Facoltà di Scienze dell'Educazione presso l'Università di Iwate da aprile 2003, poi si è trasferito alla facoltà di Composizione presso l’Aichi University of the Arts a partire da aprile 2009. Ora vive a Nagoya City, Prefettura di Aichi, in Giappone. Alcuni dei suoi pezzi sono pubblicati da M.A.P. Edizione (Milano)

Prelude to the New York Dance

Questo pezzo è stato tratto dal pezzo da camera "New York Dance", che ho scritto in contemporanea. Significa che molti materiali del pezzo da camera sono presi in prestito. In questo senso, questo pezzo può avere l’ouverture caratteristica del pezzo da camera. Tuttavia, le linee di battute erano riscritte liberamente per rendere il ritmo molto più complicato rispetto al pezzo da camera, il cui tempo si basa su una semplice quadrupla.

Motoharu Kawashima


Laureato alla Tokyo University of the Arts, dove si è specializzato. Ha vinto il premio Internazionale Akiyoshidai di Composizione (1992), il Darmstadt Kranichstein Music Award (1996), Premio di Composizione Akutagawa (1997), il Kenzo Nakajima Music Award (2009), e altro ancora. Dal 1994 sostiene “Action Music" proseguendo con la sua attività di composizione. È professore associato al Kunitachi College of Music, e consulente di Programma per "Izumi Sinfonietta Osaka".


Prelude no.1 “ Cleavage “

È la divisione precoce delle cellule nell’embrione. Dopo la fecondazione, lo zigote subisce una divisione cellulare senza modificare le dimensioni. Questo porta alla fase di creazione di 32 cellule raddoppiando il numero. Quando diventa embrione, continua a differenziarsi in ogni organo.


Questo breve pezzo per pianoforte riguarda il numero di celle in accordo con il numero di toni. Questo lavoro è stato composto nel 2016, commissionato da e dedicato a Kumi Uchimoto .
Hiromichi Kitazume

Nato aTokyo attualmente studia composizione musicale, elettroacustica e musica mista al Conservatorio di Parigi (CNSMDP). In precedenza, ha conseguito il Master in composizione di musica alla Tokyo University of the Arts. Come compositore, Kitazume ha lavorato su commissioni venute da molte organizzazioni dello spettacolo e musicisti. I suoi lavori sono stati anche suonati in diversi festival e in numerosi concerti in tutto il mondo.


Nel 2013 ha ricevuto il Kitazume Keizo Premio Saji con il suo lavoro per l’Ensemble Muromachi.
Dal 2014, è stato il destinatario dell’anno (per 2 anni) del Programma di borsa di studio oltreoceano per artisti emergenti, promosso dall'Agenzia per gli Affari Culturali del Giappone, assegnato a giovani artisti di talento dimostrato che studiano all'estero.
Petite étude ~ pour une machine détraquée ~
Questo piccolo pezzo è stato commissionato dalla classe del M° Andrea Corazziari al Conservatorio Municipale Nadia et Lili Boulanger nel 2013, e la prima esecuzione fu proprio degli studenti del Maestro. Il brano è composto da due semplici gesti meccanici. Con ogni gesto ripetono "On" e "Off" alternativamente, ma sempre più irregolarmente, come quando una macchina inizia a malfunzionare. All'inizio questa alternanza è più irregolare che alla fine.

Yumi Saiki


Saiki ha studiato presso l’Università di Aichi delle Belle Arti e la Musica, École Normale de Musique de Paris, CNSMP e IRCAM. Ha ricevuto il premio Akutagawa e diversi altri premi. Le sue opere principali sono state eseguite in festival musicali a Saarbrücken, Darmstadt, Takefu, New York, Yogyakarta, Daegu, Gaudeamus e molti altri luoghi, così come inseriti in concerti eseguiti in Asia, America e in Europa e in onda su TV, radio e diversi media.


Morphogenesis III

"Morfogenesi" è un termine biologico che indica il processo che causa un organismo a sviluppare la sua forma.


Questo pezzo è il terzo della serie " Morphogenesis ", scritto quando il concetto mi ha suggerito come creare un tempo che sia la struttura di base della musica, e ritrae il tempo di un semplice elemento di suono facendo prendere a poco a poco forma il processo ripetuto della trasformazione.

Hiroyuki Itoh

Hiroyuki Itoh (Sakata, Giappone, 1963): ha preso il Ph.D. in studi musicali presso la University of California, San Diego, nel 1994. I suoi riconoscimenti includono il primo premio al Concorso Internazionale di Composizione Nuove Sincronie (1995), un Stipendienpreis al Darmstadt Ferienkurse (1996), e il Premio Composizione Akutagawa per Musica orchestrale, uno tra i più prestigiosi premi di composizione in Giappone (1998). Il primo CD di Itoh è uscito nel 2006 presso MusicScape (Tokyo) e il secondo nel 2010 con Fontec (Tokyo). Il suo lavoro è stato pubblicato dalla Japan Federation of Composers Inc., Ricordi, ZEN-ON, e Resolute Music Publications. È professore di composizione presso il Dipartimento di Musica della Nihon University e attualmente vive a Tokyo, Giappone.


Angel’s Ladder for piano (2016)

Dal 1994, nel mio lavoro sono stato sempre preoccupato delle nozioni di "sensazione ondeggiante" e "fragilità". Angel’s Ladder for piano, commissionato da Kumi Uchimoto, non fa eccezione. Misteriosamente bello, lentamente ondeggiante, con trame fragili della durata dei brevi raggi crepuscolari che ho visto in un tramonto nuvoloso in inverno, che hanno ispirato l'immagine sonora del brano per pianoforte di due minuti, Angel’s Ladder, anche se non è destinato a nessuna narrazione concreta. Materiali come note ripetute, trilli, tremoli, che cambiano la loro velocità costantemente, sono molto spesso utilizzati per realizzare le immagini di cui sopra.


Yasunoshin Morita


Ha studiato composizione con Yori-aki Matsudaira. Ha vinto il primo premio al concorso di composizione di JSCM (Japan Society for Contemporary Music) nel 2002, e il più alto premio al Concorso internazionale di Composizione Valentino Bucchi nel 2009, il premio di eccellenza nel Premio Composizione per Orchestra del Giappone nel 2003.


Dà lezioni sulla musica tradizionale giapponese tra cui Gagaku al CNSMDP a Parigi.
ReincarnatiOn Ring VI

Questo lavoro è una parte del progetto "ReincarnatiOn Ring " per vari strumenti solisti (tra cui il tradizionale giapponese Gagaku) con iPod, che continuerà fino al 2020.


In questo lavoro, il pianista agisce da mediatore per la reincarnazione degli iPod mezzi rotti. Durante lo spettacolo, gli iPod rivivono e iniziano a suonare attraverso gli altoparlanti collegati, dopo aver accettato l'alimentazione che proviene dal suono brillante del pianoforte.
Il numero di iPod è lasciato alla scelta del pianista.
Masahiro Yamauchi

1960 Nasce a Sendai City. Completa il Corso di Laurea in Composizione, Facoltà di Musica, alla Tokyo University of the Arts. Ha vinto un premio al Concorso di Composizione per Orchestra Silk Road. Selezionato per il 17 ° Premio di Composizione Symphony Foundation Japan. Ha vinto il premio speciale per Original Stage Work (Agenzia per gli Affari Culturali). Selezionato per il 23° Premio di Composizione Symphony Foundation Giapponese. Ha vinto i premi di composizione Asahi per Orchestra di fiati e Coro (musica per fiati e suite per coro).


Primo premio al 2° Concorso di Composizione Tokyo Kosei Wind Orchestra nel 2008. Ha vinto il 21° Akutagawa Award per la composizione musicale. Ha studiato con Masao Homma, Akira Kitamura, Yoshio Hachimura, Hiroaki Minami, Teizo Matsumura, e Toshiro Mayuzumi.
Attualmente è docente alla Tokyo Gakugei University, membro della Società Giapponese per la Musica Contemporanea e la Federazione Giapponese dei Compositori.


Perspective
Questo piccolo brano usa molti suoni armonici creati e ammorbiditi dall'uso del pedale di risonanza. Alla fine del brano rimane la terza maggiore in tonalità di Si maggiore.

Takashi Tokunaga


Nato a Hiroshima nel 1973. Ha conseguito il Master al Dipartimento della Pubblica Istruzione alla Hiroshima University nel 1998. Ora è professore associato alla Hiroshima University. Il suo pezzo è stato eseguito alle giornate musicali mondiali ISCM 2002 di Hong Kong e nel 2014 a Wrocław. È membro del gruppo di compositori “Chrónoi Protoi”, cui è stato assegnato il ‘Suntory Music Award' e il 'Premio Keizo Saji’ nel 2009.


Prelude

Questo pezzo è un tentativo di rendere una situazione ibrida unendo varie linee di suono. Ho cercato di creare uno spazio ambiguo che contiene elementi eterogenei. Oggi viviamo il pericolo di genocidi orribili che vengono da incomprensioni tra razze, religioni, culture e così via. Spero di creare una situazione ibrida ideale in questa musica.



©astratto.info 2017
invia messaggio

    Pagina principale