Le principali società europee temono IL crimine in Rete


Prigioni e visioni presentate



Scaricare 1.17 Mb.
Pagina2/19
22.05.2018
Dimensione del file1.17 Mb.
1   2   3   4   5   6   7   8   9   ...   19

Prigioni e visioni presentate


con rare descrizioni

corrispondenze esatte a quelle di Alcatraz e Rosa.

Un pranzo nudo è naturale per noi,

noi mangiamo sandwiches di realtà

ma le allegorie sono tali lattughe.

Non nascondete la follia.

Allen Ginsberg37

Trascendendo i limiti del corpo umano, si prova una sorta di divinizzazione. La tecnologia viene vista come la via per diventare da uomo a super-uomo, o dal punto di vista mentale apprendendo dai nuovi mondi del cyberspazio o da quello materiale, passando da uomo naturale a uomo fuso con la macchina. In Destroying Angel di Russo si può leggere: “Ali di penne lucenti si sollevarono allargandosi dietro di lui. Non portava vestiti e per quanto poteva vedere Sookie non ne aveva bisogno. Tutte e due le gambe erano di metallo, fino alla vita, e non c’era niente tra di loro. Asessuato. Il corpo era un incrocio di metallo e carne. –Io sono l’Angelo Distruttore, - disse. Le ali si fletterono. – Questo è il futuro… Il futuro dell’Uomo. La fusione del metallo in carne, della carne in metallo. L’organico con l’inorganico. L’uomo con la Macchina.-“ In Neuromante, Case, l’eroe hacker, scoperto paga una pena alla quale avrebbe preferito la morte. Gli viene danneggiato il sistema nervoso in modo che non possa più entrare nel paradiso senza corpo: il cyberspazio. L’eroe decaduto è condannato a lasciare il luogo in cui gli spiriti sono liberi e reintegrare il suo corpo. Finché non gli si offre un’altra possibilità. Noi, non siamo il nostro corpo. Mentre la stampa e la radio parlano, il teatro e i film mostrano, il cyberspazio assegna un corpo in un mondo nel quale il pubblico può agire senza interferenze, non solo nel senso che gli utenti possono immaginare di sperimentare una realtà interessante, ma in modo che questa realtà posso essere direttamente sperimentata. Offre nuove possibilità mentali. Anche intendendo cyberspazio come un medium che deriva dagli altri più vecchi media, è un medium che li migliora. La realtà virtuale raggiunge quello che i media precedenti avevano solo promesso: la tecnologia scompare, lasciando lo spettatore solo con la realtà che si suppone sia dentro e al di là della rappresentazione.

L’universo cyborg è l’ispirazione prima della cyber-art. Per spiegare di cosa tratti prendo ad esempio un’artista del filone: Sterlac. Noto performer australiano, Sterlac, sottopone la “vecchia carne” a tutta una serie di innesti tecnologici. Tecnologia che non castra l’umano ma ne amplifica la sua azione corporea, fino ad arrivare alla costruzione di un organismo nuovo grazie alla tecnologia, capace di allargare l’area dell’esperienza e mostrare possibilità inimmaginabili. Sterlac paragona la tecnologia al crogiolo dell’alchimista. Le sue preferite creazioni artistiche sono uomini-robot38, cyborg, macchine viventi e metamorfosi chirurgiche, e l’intento risiede nel spingere il pubblico ad interrogarsi su quale sarà l’impatto sul corpo e sull’identità delle nuove tecnologie. Sterlac interpreta il corpo come fosse un vestito, che spesso si può cambiare. Originale è la sua “stomach sculture”. Nel 1993 arriva ad ingoiare una micro camera che riprende il processo di ingestione; giunta nello stomaco attiva un meccanismo che emette luci e suoni ripresi e mostrati al pubblico. L’arte assume il corpo proprio o altrui come luogo su cui o attraverso cui imprimere dei segni. Del 1994 è lo Stimbod o stimolatore muscolare multiplo, dove tramite mouse o touch screen del computer vengono inviate scariche elettriche di medio voltaggio su alcune zone del corpo del performer i cui muscoli cominciano a muoversi in modo involontario.39I cavi sulla pelle raffigurano un secondo sistema nervoso artificiale, e la pelle come interfaccia di comunicazione, come schermo. Il corpo è un oggetto di creazione scelta e sempre più reversibile. Sterlac sostiene che possiamo svuotare il corpo umano e sostituire gli organi inutili con tecnologie nuove, poiché invece di mandare tecnologie verso altri pianeti è preferibile farle atterrare sul nostro corpo.

"Sai qual è il tuo guaio?



Tu sei il classico stronzo che vuol leggere prima il manuale.

Qualunque cosa la gente costruisca, qualsiasi tipo di tecnologia, deve avere qualche scopo specifico. Serve a fare qualcosa che qualcuno ha già capito.

Ma se si tratta di una nuova tecnologia, aprirà degli spazi a cui nessuno aveva mai pensato prima.

Tu invece leggi il manuale, e non ti sogni neanche di cambiare una virgola.

E ti senti sconvolto quando qualcuno la usa per fare qualcosa a cui

non avevi mai pensato". (W. Gibson)

1.2.1 Cyber-Femminismo

L’OncoTopo è un nuovo essere vivente transgenico brevettato nel 1987. Nel DNA dell’OncoTopo e in quello di tutta quanta la sua progenie, c’è un gene che se stimolato dall’esterno con un ormone, sviluppa un tumore. L’OncoTopo è quindi un topo transgenico modificato apposta per gli studi oncologici. L’OncoTopo è stato il primo vivente brevettato ed è simbolo della proprietà intellettuale nello sviluppo capitalistico. Di più: rappresenta la biopirateria delle grandi multinazionali nei confronti del sapere. Attualmente, infatti, industrie biotecnologiche proprietarie dei geni della fibrosi cistica e del diabete, impediscono la possibilità della libera ricerca. Il brevetto dell’OncoTopo è in mano della DuPont e praticamente nessun ente pubblico può effettuare esperimenti con l’OncoTopo perché i tributi economici, i diritti che dovrebbe pagare alla DuPont sono esorbitanti.

OncoTopo, maschio o femmina che sia, è mia sorella.

Nella politica del’accumulazione flessibile di fine millennio,

questo animale brevettato significa l’appropriazione della natura,

la recinzione degli spazi comuni,

il commercio semiotico e corporeo che passa attraverso la privatizzazione del germoplasma e la mercificazione transgenica. (Donna Haraway)40

OncoTopo, per Donna Haraway41diventa un segno, la prova della logica capitalistica delle grandi corporation sul mondo della tecnoscienza. Dimostra il potere dei marchi e dei brevetti che forme di alleanze sociotecniche portano come “piccoli orpelli” a spese di molti e a beneficio loro. Haraway si sofferma sui marchi che funzionano come direttrici sulle mappe di potere e di sapere e “del modo in cui i membri delle culture tecnoscientifiche sono letteralmente investiti nella loro rete di relazioni proprietarie, sia dal punto di vista psichico sia commerciale”. Se con la figura dell’OncoTopo espone un pensiero non esclusivamente legato alle donne, al centro della sua teoria femminista, invece, c’è la metafora del cyborg. Ibrido di macchina, uomo, animale, minerale, organico, inorganico che fuoriesce da ogni definizione di univocità il cyborg può essere la figura sovversiva del sistema dominante fondato su tutta una serie di dicotomie (sé/altro, bene/male, mente/corpo, cultura/natura, maschio/femmina, civilizzato/primitivo, soggetto/oggetto, artefice/prodotto, uomo/macchina…) con i quali si è per secoli spiegato e ordinato il mondo. Il Cyborg è un mezzo di liberazione del dualismo uomo/donna che ha perpetuato l’affermarsi delle concezioni maschiliste nella cultura e nella società. La valenza del corpo delle donne è data da strategie di pensiero patriarcale occidentale. L’occhio che guardava e decideva i rapporti di potere è sempre stato quello di una sola parte del dualismo maschio/femmina, ossia quello dei soggetti maschili. L’occhio del soggetto femminile è sempre stato censurato dalla cultura egemone appartenente ai soggetti maschili. Lo slogan che, quindi, Haraway propone alle donne è: “Meglio cyborg che dea42. Il cyborg è l’identità fluida e instabile da prendere per stare ai confini dei dualismi imposti dalla cultura occidentale e per agire sulla propria condizione di oppressione in modo di spostare continuamente i vecchi confini. Il cyborg è la nuova creatura post genere libera dal sessismo, è la soggettività che le donne possono assumere per poter agire in connessione con le nuove tecnologie. E il cyberspazio diventa il luogo di collasso delle dicotomie, delle categorie classiche della filosofia occidentale. La tecnologia, propone Donna Haraway, va usata come strumento di liberazione dei dualismi attraverso i quali costringevano le donne ad interpretare il reale. Le biotecnologie possono portare verso importanti modificazioni del reale, e scardinare”l’obbligatorietà storica” del ruolo “naturale” della donna.



La questione della scienza nel femminismo

è connessa all’oggettività in quanto razionalità posizionata.

Le sue immagini non sono il prodotto della fuga e della trascendenza dai limiti, cioè la visione dall’altro,

ma il congiungersi di viste parziali e voci esitanti nella posizione di un soggetto collettivo che promette una visione di come radicarsi in modo continuo e limitato nel corpo, del vivere dentro limiti e contraddizioni,

cioè la vista da un certo qual luogo”.43

Le immagini cyborg possono indicarci una via di uscita dal labirinto di dualismi attraverso i quali abbiamo spiegato a noi stessi i nostri corpi e i nostri strumenti44. I corpi sono le mappe del potere e dell’identità. Il concetto di ibridità che si trascina con sé la figura del cyborg ricorda come ogni separazione proposta dalle strategie di controllo non sia più attendibile né attuabile. Il cyberfemminismo, quindi, propone l’ibridazione dei canoni stereotipati e ricchi di pregiudizi che la cultura e società impone. Il cyborg è in grado di mettere in discussione, di svincolarsi dalle apparenze, dagli schemi incrostati di ruolo sessuale sostanzialmente dicotomici dove il ruolo della donna è cristallizzato dalla cultura. La messa in discussione dell’identità femminile, è lapalissiano, implica una crisi del sé maschile, ossia, qualcosa di storicamente interpretato come superiorità e dominazione nel rapporto con l’alterità femminile. Nel Manifesto Cyborg emergono tre punti cardine del cyber-femminismo: il diritto e dovere ad una propria collocazione nel cyberspazio, l’impegno politico concreto, un approccio positivo alla tecnologia che si prospetta utile alle donne. La tecnologia, la macchina, siamo noi (dalle lenti a contatto, ai pace-maker, ai cellulari, alle videocamere da polso..). Il limite dei corpi non deve per forza coincidere con la pelle. Il cyborg è un aspetto, positivo, della nostra nuova incarnazione. “Noi possiamo essere i responsabili delle macchine, loro non ci dominano né ci minacciano; noi siamo i responsabili dei confini, noi siamo loro.”45In questo modo di intendere, la telematica provoca una mutazione e occupandoci di tecnologie facciamo parte della mutazione. Il punto di vista del cyborg sul mondo è parziale, ma non relativistico. La parzialità si distingue dal relativismo in quanto è una posizione localizzata e critica, al contrario del relativismo che non è collocato in nessun luogo. L’unico modo per arrivare ad una visione più ampia, dice Haraway, è essere in un punto particolare. L’occhio del cyborg ha una visione alternativa, cui non si è abituati. Esso è un ibrido di appartenenze o non-appartenenze e il suo punto di vista cambia a seconda del contesto. Ciò che Haraway alla fin fine, consiglia alle teoriche femministe è di cercare alleanze tra gruppi diversi ma affini, e non solo tra quelli femministi. Le coalizioni, per la filosofa, non vanno create in base all’identità ma all’affinità e quindi vi sono diverse strade trasversali tra le molteplici singolarità ibride e sovversive collocate all’interno del mostruoso sistema governato dall’informatica del dominio. L’obiettivo è un mondo post-genere. “Uno sforzo per contribuire alla cultura Social-Femminista e alla sua teoria in modo post- moderno, non naturalista, all’interno di quella tradizione utopica che immagina un mondo senza eneri, forse senza genesi ma proprio per questo, probabilmente, senza fine”.46

1.3 Cause Famose



1   2   3   4   5   6   7   8   9   ...   19


©astratto.info 2017
invia messaggio

    Pagina principale