L’educazione ai valori attraverso lo sport Partiamo da una premessa…



Scaricare 297 Kb.
07.12.2017
Dimensione del file297 Kb.


L’educazione ai valori attraverso lo sport


Partiamo da una premessa…..



 

  •  

  • LO SPORT,

  • INTESO IN SENSO AMPIO, COME ATTIVITà MOTORIA FINALIZZATA AL BENESSERE ED ALLA SALUTE DELLA PERSONA, COME GIOCO COMPETITIVO

  • ESSENDO UNA PRATICA UMANA, PUO’ ESSERE o NON ESSERE UNO STRUMENTO PER LA PROMOZIONE DEI VALORI

  •  



  • L’EDUCAZIONE AI VALORI

  • ATTRAVERSO LO SPORT è UN TEMA APPROFONDITO DALLA PEDAGOGIA DELLO SPORT



Pedagogia dello sport

  • Scienza pedagogica che,

  • tra le cosiddette scienze dello sport,

  • studia il significato dello sport in relazione all’educabilità umana



Lo sport, in qualsiasi contesto e livello si presenti, è sempre caratterizzato da “azioni morali” sull’altro e per l’altro, non è mai meramente un’azione tecnica

  • Ogni azione sull’altro ha un carattere psichico, sociale, politico



Si tratta di individuare i valori/disvalori che sono presenti nelle relazioni dello sport con la società, il potere, l’economia, ecc.

  • Lo sport, come strumento di umanizzazione, deve favorire attraverso i valori educativi l’adattamento e l’integrazione delle nuove generazioni nelle dinamiche sociali in continua trasformazione ed evoluzione…non sempre è così



PROBLEMA DEL “CURRICOLO OCCULTO” NELLO SPORT

  • Distorsione nella trasmissione dei valori dello sport dovuta a molteplici fattori

  • Politica

  • Cultura

  • Insegnanti

  • Allenatori

  • Famiglia



i valori rendono possibile la vita nella società

  • i valori rendono possibile la vita nella società

  • - rendono possibile la vita stessa della comunità e della società





IL COMPORTAMENTO MOTORIO/SPORTIVO NON è MAI QUALCOSA DI MERAMENTE BIOFISIOLOGICO O MECCANICO MA ESSO è SEMPRE CARICO DI SIGNIFICATI CULTURALI

  • IL COMPORTAMENTO MOTORIO/SPORTIVO NON è MAI QUALCOSA DI MERAMENTE BIOFISIOLOGICO O MECCANICO MA ESSO è SEMPRE CARICO DI SIGNIFICATI CULTURALI

  • IL COMPORTAMENTO MOTORIO/SPORTIVO

  • è SEMPRE UN’AZIONE UMANA CHE HA CONNESSIONI CON L’EDUCATIVO

  • Contribuisce all’umanizzazione del corpo umano



  • I VALORI RAPPRESENTANO IL PUNTO DI PARTENZA, IL CONTENUTO ED IL FINE DEELLA PRATICA SPORTIVA



Che cosa sono i valori?



ETIMOLOGIA DI VALORE (deriva dal linguaggio economico)

  • Dal latino tardo valor connesso con valere, essere forte, essere sano, star bene, essere capace, significare, avere potere e autorità



Che cosa sono i valori educativi?

  • Sono qualità e attributi connessi con un compito formativo

  • Si danno all’interno del fatto/azione/relazione/situazione sportiva come “beni” condivisi e “qualità”, “abiti”, “comportamenti” acquisiti e rivelati da educatore ed educando/allenatore ed atleta



I VALORI RAPPRESENTANO LE PREMESSE PER LA COSTRUZIONE DELL’IDENTITà UMANA DELLA PERSONA E DELLA SUA FORMAZIONE INTEGRALE



Alcuni valori educativi

  • Dialogo

  • Tolleranza

  • Solidarietà

  • Giustizia

  • Libertà

  • Creatività

  • Capacità critica



  • RENDERE CONSAPEVOLI, ATTRAVERSO UN PROCESSO DI RIFLESSIONE, DEI VALORI PRESENTI IN OGNI NOSTRA AZIONE è L’OBIETTIVO PRINCIPALE DELL’EDUCAZIONE



Esistono tanti tipi di valori:

  • Valori personali

  • Valori sociali

  • Valori culturali

  • Valori economici

  • Valori somatici (che riguardano il corpo)

  • Valori estetici

  • Valori morali

  • Valori religiosi

  • Valori Sportivi



I valori sportivi possono racchiudere tutti o parte degli altri valori

  • I valori sportivi possono racchiudere tutti o parte degli altri valori



I VALORI sono:  

  • IDEALI ASTRATTI CHE RAPPRESENTANO CONVINZIONI

  • PROGETTI IDEALI DI COMPORTAMENTO E DI VITA

  • APPORTANO CERTEZZA NELLA DETERMINAZIONE DI Ciò CHE è “CORRETTO”

  • CRITERI CHE PERMETTONO DI GIUDICARE LA REALTA’

  • - IDEE ALLE QUALI NOI SIAMO VINCOLATI DA FORTI LEGAMI AFFETTIVI



SONO DIVERSI DAI COMPORTAMENTI; I COMPORTAMENTI sono:

  •  

  • PREDISPOSIZIONI E TENDENZE PER L’AZIONE CHE POSSIAMO REGOLARE

  • HANNO UN CARATTERE STABILE

  • SONO EDUCABILI

  • SONO OGGETTO DI APPRENDIMENTO

  • POSSIEDONO COMPONENTI AFFETTIVE E COGNITIVE



I VALORI sono diversi dalle NORME Le NORME sono:

  •  

  • REGOLE O MODELLI DI COMPORTAMENTO. PRESCRIVONO COMPORTAMENTI;

  • NON SEMPRE VENGONO FORMULATI ESPLICITAMENTE;

  • POSSONO ESSERE SOGGETTIVE O ESTERNE;

  • SI APPRENDONO E SI INTEGRANO NEL VISSUTO PERSONALE ATTRAVERSO LA RIFLESSIONE;

  • I CONTENUTI DI VALORE CONDUCONO ALLA FORMULAZIONE DI NORME CONCRETE DI COMPORTAMENTO;



 

  •  

  • VALORI COMPORTAMENTI NORME

  •  

  • +GENERALE + CONCRETO

  •  

  •  



I valori sono inoltre caratterizzati da:

  • Apprezzamento (sono desiderabili e non obbligatori)

  • Polarità (ogni valore possiede un antivalore)

  • Sistema (non sono disconnessi tra loro ma formano un insieme di relazioni)

  • Non c’è valore senza interesse personale per il riconoscimento di quest’ultimo (necessità di conoscere l’oggetto-valore per desiderarlo/preferirlo)



Distinzione

  • Valori/sono interni

  • legati all’interiorità,

  • ad una scelta personale del soggetto

  • Norme e regole/sono esterne

  • imposte da fuori



Lo sport è educativo quando permette lo sviluppo delle attitudini motorie della persona in relazione ai suoi aspetti affettivi cognitivi e sociali

  • Lo sport è educativo quando permette lo sviluppo delle attitudini motorie della persona in relazione ai suoi aspetti affettivi cognitivi e sociali

  • (Le Boulch, 1991)



Ambiguità del concetto di sport (ma anche espressione della sua vitalità)

  • lo sport viene definito in base a categorie antropologiche, culturali, sociali ed economiche che variano con le epoche storiche dell’uomo

  • Ogni epoca e gruppo umano attribuisce allo sport significati diversi in base alle proprie convinzioni



Esempi:

  • L’IMPORTANTE NON è VINCERE MA PARTECIPARE

  • Lo sport è veramente portatore di valori educativi “astorici” ed “immutabili” come si è creduto?

  • È mai esistita un’età dell’oro dello “sport dimenticato” in cui esso aveva solo un valore morale per l’uomo?



valori e controvalori dello sport:

  • Valori puri

  • Controvalori

  • Valori misti



Valori puri

  • Valori positivi dello sport che contribuiscono allo sviluppo ed alla convivenza umana

  • Sono i valori educativi per eccellenza



Valori puri

  • Salute e benessere

  • Ludicità

  • Socializzazione

  • L’amicizia nel gruppo

  • Partecipazione attiva

  • Lealtà

  • Costanza e disciplina

  • Creatività motoria

  • Superamento dei limiti

  • autocontrollo

  • Bellezza dell’essere umano e della sua espressività (in tutte le sue forme)



Controvalori (o antivalori/disvalori)

  • contenuti negativi dello sport che non contribuiscono allo sviluppo ed alla convivenza umana:

  • Violenza

  • Manipolazione

  • Narcisimo

  • Edonismo

  • Consumismo

  • Passività

  • Vittoria ad ogni costo

  • Sessismo

  • Discriminazione



Valori misti valori che possono agire come valori puri o controvalori a seconda del contesto in cui si sviluppano

  • Rendimento

  • Premio

  • Interesse

  • Vittoria

  • Competenza

  • Competizione e Rivalità

  • Identificazione con gruppi o modelli culturali



IMPORTANZA DEL RUOLO DEGLI AGENTI EDUCATIVI IN QUESTO CONTESTO PER EVITARE CHE I “VALORI MISTI” DEGENERINO IN “DISVALORI” E ARRECHINO DANNO ALLO SVILUPPO DELLA PERSONA

  • Importanza della scuola e della famiglia in questo compito delicato ma anche di altre agenzie di promozione dello sport (non solo Federazioni ma anche associazioni e società sportive)



Critiche rivolte allo sport nella società contemporanea

  • Sport “antisportivo” (anni ‘60 del secolo scorso)

  • Mcdonaldizzazione dello sport (rendimento e performance; massmediatizzazione; globalizzazione)

  • Sessismo

  • Comportamento non democratico

  • Discriminazione

  • Prepotenza e prevaricazione

  • Veicola ideologie sul corpo, sulla salute, sul successo sociale

  • Razzismo

  • Ideologie eugenetiche (vedi caso della “pedagogia olimpica”)



(Guttmann, 1994): Lo sport nella società contemporanea è un fenomeno:

  • Secolarizzato

  • Razionalizzato

  • Gerarchizzato (come una gerarchia sociale)

  • Specializzato

  • Burocratizzato

  • Quantificato

  • Contraddittorio (competizione e tempo libero)

  • Separato dalla natura

  • Asservito alle ideologie politiche ed economiche



Percepire e conoscere i valori dello sport non è qualcosa di meramente intellettuale ma è necessario elaborare una metodologia che ci permetta di comprendere e valutare questo complesso “mondo”

  • Percepire e conoscere i valori dello sport non è qualcosa di meramente intellettuale ma è necessario elaborare una metodologia che ci permetta di comprendere e valutare questo complesso “mondo”



“CRISI” DEI VALORI NELLO SPORT

  • “CRISI” DEI VALORI NELLO SPORT

  • Non come distruzione del sistema di valori sportivi attuale ma come “riflessione critica” sul cambiamento e le trasformazioni dello stesso,

  • come ricerca, scoperta ed assunzione libera di nuovi “valori”, purché servano per il miglioramento della vita materiale e spirituale dell’uomo



I VALORI DELLO SPORT HANNO LA LORO SINTESI NEL CONCETTO DI

  • I VALORI DELLO SPORT HANNO LA LORO SINTESI NEL CONCETTO DI

  • PERSONA UMANA

  • NON COME REALTA’ ASTORICA MA COME ASPIRAZIONE E CONQUISTA CONTINUA

  • COME “STELLA” CHE ORIENTA E Dà SENSO ALLO SPORT STESSO



Siamo “noi” costruiamo, con il nostro esempio, con il nostro modo di comportarci sul campo ogni giorno, i valori dello sport

  • se questi valori non emergono o vengono messi da parte non diamo sempre la colpa al sistema….



Lo sport rischia di portare allo sviluppo di processi di spersonalizzazione e disumanizzazione dell’uomo nella società e nella cultura contemporanea



È possibile promuovere nello sport agonistico/professionistico (soprattutto nel caso del calcio in Italia) valori autenticamente umani?

  • LO SPORT è SEMPRE GIOCO, SE PERDE QUESTO VALORE FONDAMENTALE DIVENTA UNA PRATICA DISUMANA

  • PROBLEMA DEI VALORI NELLO SPORT GIOVANILE IN ITALIA COME EMERGE IN ALCUNE RICERCHE EUROPEE



Nello sport agonistico spesso c’è poca possibilità di sviluppare una educazione ai valori perché il tipo di ragionamento (etico e morale) che si associa ad esse è di livello molto basso

  • Non c’è sviluppo del pensiero critico-riflessivo sullo sport e sulle sue implicazioni etiche e sociali per la persona



si avverte la necessità di una metodologia…



Alcune proposte per l’educazione ai valori con atleti preadolescenti e adolescenti:

  • Attività per sviluppare, attraverso analisi di casi concreti, il ragionamento morale

  • Discussioni in gruppo sul significato dello sport nella cultura contemporanea

  • Analisi dei modelli di comportamento dei “formatori” dello sport system per rilevare le possibili forme di curricolo occulto

  • Chiarificazione dei paradigmi valoriali (concezioni personali dei valori) che ciascuno ha nei confronti dello sport

  • Metodo biografico sul vissuto sportivo o sull’identità sportiva in relazione al corpo



L’allenatore/tecnico è sempre un formatore

  • Non a caso la parola allenatore è un calco dell’inglese “trainer”, legato con i concetti pedagogici di accompagnamento, sforzo, abitudine, comunicazione, metodo, obiettivo, motivazione, progettazione/programmazione, individualizzazione, gradualità…



Le funzioni dell’allenatore per gli atleti di tutte le età e di tutti i livelli:

  • Amico

  • Organizzatore

  • Comunicatore

  • Motivatore

  • Tecnico

  • Esperto di tattica

  • Una persona che sviluppa qualità fisiche e talenti

  • Gestore

  • Manager

  • Stratega



L’allenatore è un educatore perché:

  • trasmette in modo esplicito o implicito, attraverso i suoi atteggiamenti e comportamenti, una serie di valori ai suoi atleti

  • dirige e gestisce un gruppo umano con caratteristiche concrete e in un quadro determinato in cui le relazioni interpersonali sono fondamentali



“Complessità” dell’allenare

  • L’allenamento è sempre una “interazione educativa” che implica intenzionalità e responsabilità tra persone portatrici di valori reciproci

  • (concetto base della “Pedagogia dell’allenamento”)



Quando è, allora, che l’allenatore trasmette “disvalori” sportivi? Qualche esempio…..

  • Antepone lo sportivo alla persona

  • Giocano i più forti

  • Carattere antidemocratico dell’interazione

  • I talenti hanno più diritti che doveri e possono non rispettare le regole

  • I più forti non imparano a guadagnarsi il posto in squadra

  • Esasperazione del lavoro tecnico-atletico

  • Esasperazione del lavoro tattico strategico

  • In caso di mancata vittoria si cerca il capro espiatorio

  • In nome della vittoria si educa ad essere furbi, sleali, disonesti

  • Tutto è lecito, “il fine giustifica i mezzi”



Conclusioni Necessità per gli allenatori ed i tecnici:

  • di una formazione pedagogica (psico e socio) per sviluppare le varie competenze e le doti umane richieste

  • di una metodologia di formazione permanente sui valori educativi dello sport che permetta lo sviluppo di un atteggiamento critico

  • di una politica formativa e di promozione dello sport che superi le contraddizioni e i paradossi dell’attuale sistema italiano (i “valori” dello sport restano solo sulla carta…i primi a non trasmetterli sono le stesse Federazioni sportive)





Condividi con i tuoi amici:


©astratto.info 2019
invia messaggio

    Pagina principale