Leggo, comprendo


PIANO EDUCATIVO-DIDATTICO CLASSE 5 - STORIA a.s. 2017/18



Scaricare 0.55 Mb.
Pagina2/6
23.05.2018
Dimensione del file0.55 Mb.
1   2   3   4   5   6

PIANO EDUCATIVO-DIDATTICO CLASSE 5 - STORIA a.s. 2017/18

BIMESTRE

U.d.A.

ABILITA’

CONOSCENZE

TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE






La civiltà

greca



  1. Ricavare informazioni da

fonti materiali,scritte e

iconografiche.




  1. Ordinare cronologicamente e periodicamente e

periodizzare gli eventi

studiati e le conoscenze

apprese.


  1. Localizzare sulle carte storico-geografiche i luoghi delle civiltà del passato.




  1. Conoscere le caratteristiche della civiltà greca.




  1. Conoscere la struttura della polis




  1. Confrontare la polis di Atene con Sparta, per evidenziarne le differenze.

1.a) Le fonti storiche.

1.b) Ricostruzione del

passato attraverso

l’analisi,l’interpretazione

e la comprensione di

documenti e fonti.
2.a) Ricostruzione della

storia attraverso il

metodo scientifico.

2.b) La linea del tempo.
3.a) Uso di carte geo-storiche.
4.a) La Grecia ieri e oggi.
5.a) La nascita della polis.
6.a) Due poleis a confronto:

Sparta e Atene.



6.b) L’oligarchia e la democrazia.

6.c) Le colonie e le città della

Magna Grecia.



6.d) Le arti,la filosofia, la

storia e la mitologia.



6.e) La religione, lo sport.

L’alunno:



  • conosce elementi significativi del passato e

del suo ambiente di vita;

  • usa la linea del tempo per collocare un fatto o un periodo storico.



METODOLOGIA

  • Presentare l’argomento con spiegazioni che suscitano interesse, attraverso ausili didattici specifici e vari: carte storico-geografiche, rappresentazioni grafiche del tempo, mappe, schemi, atlante, Internet, video.

  • Leggere con attenzione il titolo dell’argomento e porsi domande.

  • Leggere il testo e cercare le informazioni che rispondono a domande attraverso le parole chiave.

  • Promuovere discussioni, ponendo confronti sui luoghi e sulla successione o contemporaneità delle diverse civiltà.

  • Utilizzare le varie tecniche dell’apprendimento cooperativo.

VERIFICHE

Le verifiche saranno realizzate tramite:



  • elaborazione ed esposizione degli argomenti studiati;

  • prove di verifica strutturate a“stimolo chiuso-risposta chiusa”( prove oggettive quali quesiti vero/falso, risposta a scelta multipla, prove di completamento);

  • prove a “stimolo aperto-risposte aperte”( interrogazioni, componimenti scritti);

  • questionari a risposta multipla e a domande aperte;

  • osservazioni sistematiche.

VALUTAZIONE DELLE COMPETENZE

La valutazione intesa come momento formativo, avverrà:



  • in itinere di lavoro, valutando gli obiettivi previsti nelle U.d.A.;

  • al termine di ogni Unità di Apprendimento, dove si valuterà l’impegno, l’interesse e la partecipazione alle attività;

  • attraverso l’acquisizione e l’utilizzo del linguaggio specifico alle discipline.

La valutazione periodica degli apprendimenti degli alunni, sarà effettuata mediante l’attribuzione di voti espressi in decimi.




BIMESTRE

U.d.A.

ABILITA’

CONOSCENZE

TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE




La società romana






  1. Distinguere le origini storiche di Roma da quelle leggendarie.

  2. Conoscere i periodi convenzionali nella storia di Roma.



  1. Riconoscere l 'ordinamento

politico di Roma repubblicana.


  1. Conoscere le cause dei conflitti sociali.




1.a) La fondazione di Roma: la storia,

la leggenda.


2.a) Il periodo della monarchia.

2.b) La società romana.
3.a) La Repubblica.

3.b) La lotta fra patrizi e plebei.

3.c) Vivere nell'antica Roma.

3.d) La religione.

3.e) L'espansione di Roma in Italia.

3.f) L'esercito romano.

3.g) Le guerre puniche.

3.h) Il Mediterraneo,"mare nostrum".
4.a) I conflitti sociali a Roma.

4.b) La guerra sociale e la guerra

civile.


4.c) Cesare conquista l'Italia.

4.d) I Celti.

4.e) Il governo di Cesare.

4.f) Ottaviano e il secondo

triumvirato.



L’alunno:



  • conosce elementi significativi del passato e

del suo ambiente di vita;

  • usa la linea del tempo per collocare un fatto o un periodo storici;

  • conosce le società studiate, ed individua le relazioni tra gruppi umani e contesti spaziali;

  • Produce semplici testi storici;

  • Comprende e sa raccontare i fatti studiati.



METODOLOGIA

  • Presentare l’argomento con spiegazioni che suscitano interesse, attraverso ausili didattici specifici e vari: carte storico-geografiche, rappresentazioni grafiche del tempo, mappe, schemi, atlante, Internet, video.

  • Leggere con attenzione il titolo dell’argomento e porsi domande.

  • Leggere il testo e cercare le informazioni che rispondono a domande attraverso le parole chiave.

  • Promuovere discussioni, ponendo confronti sui luoghi e sulla successione o contemporaneità delle diverse civiltà.

  • Utilizzare le varie tecniche dell’apprendimento cooperativo.

VERIFICHE

Le verifiche saranno realizzate tramite:



  • esposizione orale o rielaborazione scritta degli argomenti trattati;

  • prove di verifica strutturate a“stimolo chiuso-risposta chiusa”( prove oggettive quali quesiti vero/falso, risposta a scelta multipla, prove di completamento);

  • prove a “stimolo aperto-risposte aperte”( interrogazioni, componimenti scritti);

  • questionari a risposta multipla e a domande aperte;

  • osservazioni sistematiche.

VALUTAZIONE DELLE COMPETENZE

La valutazione intesa come momento formativo, avverrà:



  • in itinere di lavoro, valutando gli obiettivi previsti nelle U.d.A.;

  • al termine di ogni Unità di Apprendimento, dove si valuterà l’impegno, l’interesse e la partecipazione alle attività;

  • attraverso l’acquisizione e l’utilizzo del linguaggio specifico alle discipline.

La valutazione periodica degli apprendimenti degli alunni, sarà effettuata mediante l’attribuzione di voti espressi in decimi.




BIMESTRE

U.d.A.

ABILITA’

CONOSCENZE

TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE




L'Impero Romano





  1. Acquisire il concetto di Impero.



  1. Individuare i motivi fondamentali della diffusione del Cristianesimo e della persecuzione dei cristiani.



  1. Conoscere le cause della crisi dell'Impero.




1.a) Il governo di Augusto.

1.b) I successori di Augusto.

1.c) Vivere nella Roma imperiale.

1.d) Alla terme, a teatro, al circo...

1.e) Il Colosseo.

1.f) La rete stradale.

2.a) Le origini del Cristianesimo.

2.b) Il Cristianesimo e l'Impero.

2.c) I barbari.
3.a) La crisi dell'Impero.

3.b) Il crollo dell'Impero d'Occidente.


L’alunno:



  • conosce elementi significativi del passato e

del suo ambiente di vita;

  • usa la linea del tempo per collocare un fatto o un periodo storici;

  • conosce le società studiate, ed individua le relazioni tra gruppi umani e contesti spaziali;

  • Produce semplici testi storici;

  • Comprende e sa raccontare i fatti studiati.



METODOLOGIA

  • Presentare l’argomento con spiegazioni che suscitano interesse, attraverso ausili didattici specifici e vari: carte storico-geografiche, rappresentazioni grafiche del tempo, mappe, schemi, atlante, Internet, video.

  • Leggere con attenzione il titolo dell’argomento e porsi domande.

  • Leggere il testo e cercare le informazioni che rispondono a domande attraverso le parole chiave.

  • Promuovere discussioni, ponendo confronti sui luoghi e sulla successione o contemporaneità delle diverse civiltà.

  • Utilizzare le varie tecniche dell’apprendimento cooperativo.

VERIFICHE

Le verifiche saranno realizzate tramite:



  • esposizione orale o rielaborazione scritta degli argomenti trattati;

  • prove di verifica strutturate a“stimolo chiuso-risposta chiusa”( prove oggettive quali quesiti vero/falso, risposta a scelta multipla, prove di completamento);

  • prove a “stimolo aperto-risposte aperte”( interrogazioni, componimenti scritti);

  • questionari a risposta multipla e a domande aperte;

  • osservazioni sistematiche.

VALUTAZIONE DELLE COMPETENZE

La valutazione intesa come momento formativo, avverrà:



  • in itinere di lavoro, valutando gli obiettivi previsti nelle U.d.A.;

  • al termine di ogni Unità di Apprendimento, dove si valuterà l’impegno, l’interesse e la partecipazione alle attività;

  • attraverso l’acquisizione e l’utilizzo del linguaggio specifico alle discipline.

La valutazione periodica degli apprendimenti degli alunni, sarà effettuata mediante l’attribuzione di voti espressi in decimi.

PIANO EDUCATIVO-DIDATTICO CLASSE 5 -GEOGRAFIA a.s. 2017/18

BIMESTRE

U.d.A.

ABILITÁ

CONOSCENZE

TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE





Uno sguardo sull’Europa






  1. Orientarsi nello spazio e sulle carte geografiche, utilizzando i punti cardinali.



  1. Utilizzare le proprie carte mentali per localizzare e definire aspetti fisico-politici del territorio europeo.



  1. Conoscere le prerogative fondamentali dell’Unione Europea.





1.a) Orientamento su carte

geografiche fisiche e

politiche.

1.b) La geografia sulla carta

e dal satellite.



2.a) Gli ambienti europei

2.b) La popolazione

dell’Europa.



3.a) L’ordinamento politico

dell’Unione Europea: il

Parlamento.

3.b) Conoscenza ed analisi

di altri organismi

internazionali

(FAO- UNICEF…)




L’alunno:

  • si orienta nello spazio circostante e sulle carte geografiche, utilizzando riferimenti topologici, punti cardinali e coordinate geografiche;

  • si rende conto che lo spazio geografico è un sistema territoriale, costituito da elementi fisici e antropici legati da rapporti di connessione e/o di interdipendenza;

  • utilizza il linguaggio della geo-graficità per interpretare carte geografiche e per realizzare semplici schizzi cartografici e carte tematiche;

  • ricava informazioni geografiche da una pluralità di fonti.

METODOLOGIA

  • Lezione frontale dell'insegnante.

  • Lettura di vari testi tra cui atlanti geografici e sussidi tecnologici.

  • Studio di carte geografiche, mappamondo, planisferi.

  • Dibattiti collettivi su temi presentati.

  • Utilizzare le varie tecniche dell’apprendimento cooperativo.

  • Osservazione di ambienti.

  • Rielaborazioni dei dati attraverso relazioni, grafici, tabelle, cartelloni, disegni e schemi.

VERIFICHE

Le verifiche saranno realizzate tramite:



  • elaborazione ed esposizione degli argomenti studiati;

  • prove di verifica strutturate a“stimolo chiuso-risposta chiusa”( prove oggettive quali quesiti vero/falso, risposta a scelta multipla, prove di completamento);

  • prove a “stimolo aperto-risposte aperte”( interrogazioni, componimenti scritti);

  • questionari a risposta multipla e a domande aperte;

  • osservazioni sistematiche.




VALUTAZIONE DELLE COMPETENZE

La valutazione intesa come momento formativo, avverrà:



  • in itinere di lavoro, valutando gli obiettivi previsti nelle U.d.A.;

  • al termine di ogni Unità di Apprendimento, dove si valuterà l’impegno, l’interesse e la partecipazione alle attività;

  • attraverso l’acquisizione e l’utilizzo del linguaggio specifico alle discipline.

La valutazione periodica degli apprendimenti degli alunni, sarà effettuata mediante l’attribuzione di voti espressi in decimi.




BIMESTRE

U.d.A.

ABILITÁ

CONOSCENZE

TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE





Gli italiani e i principali aspetti

fisico-politici dell'Italia





  1. Conoscere l'ordinamento dello Stato italiano.




  1. Localizzare sulle carte geografiche dell'Italia le regioni amministrative e i relativi toponimi.


  1. Conoscere ed applicare il concetto polisemico (fisico-politico) di regioni italiana, in relazione al contesto italiano:

le regioni del Nord.




1.a) L'ordinamento dello Stato

italiano.


2.a) Gli Enti locali: Regione,

Provincia, Comune.



2.b) Le Regioni a statuto

speciale.



2.c) Individuazione delle Regioni

italiane su cartina muta.



3.a) Valle d'Aosta.

3.b) Piemonte.

3.c) Lombardia.

3.d) Liguria.

L’alunno:

  • si rende conto che lo spazio geografico è un sistema territoriale, costituito da elementi fisici e antropici legati da rapporti di connessione e/o di interdipendenza;

  • individua, conosce e descrivere gli elementi caratterizzanti dei paesaggi;




METODOLOGIA

  • Lezione frontale dell'insegnante.

  • Lettura di vari testi tra cui atlanti geografici e sussidi tecnologici.

  • Studio di carte geografiche, mappamondo, planisferi.

  • Dibattiti collettivi su temi presentati.

  • Utilizzare le varie tecniche dell’apprendimento cooperativo.

  • Osservazione di ambienti.

  • Rielaborazioni dei dati attraverso relazioni, grafici, tabelle, cartelloni, disegni e schemi.

VERIFICHE

Le verifiche saranno realizzate tramite:



  • elaborazione ed esposizione degli argomenti studiati;

  • prove di verifica strutturate a“stimolo chiuso-risposta chiusa”( prove oggettive quali quesiti vero/falso, risposta a scelta multipla, prove di completamento);

  • prove a “stimolo aperto-risposte aperte”( interrogazioni, componimenti scritti);

  • questionari a risposta multipla e a domande aperte;

  • osservazioni sistematiche.




VALUTAZIONE DELLE COMPETENZE

La valutazione intesa come momento formativo, avverrà:



  • in itinere di lavoro, valutando gli obiettivi previsti nelle U.d.A.;

  • al termine di ogni Unità di Apprendimento, dove si valuterà l’impegno, l’interesse e la partecipazione alle attività;

  • attraverso l’acquisizione e l’utilizzo del linguaggio specifico alle discipline.

La valutazione periodica degli apprendimenti degli alunni, sarà effettuata mediante l’attribuzione di voti espressi in decimi.


Piano educativo-didattico classe v italiano anno scolastico 2017-2018
Piano educativo-didattico classe 5 –educazione fisica a.s. 2017/18
Piano educativo-didattico classe v -inglese a.s. 2017/18



1   2   3   4   5   6


©astratto.info 2017
invia messaggio

    Pagina principale