L'esperienza estetica cap



Scaricare 26.5 Kb.
24.11.2017
Dimensione del file26.5 Kb.

13. Dove si spiega come possa accadere ad una vergine di sentirsi la Madonna.


Il tema dell’/allucinazione/, in quanto semplice “fisicizzazione degli stati psichici”, ha due aspetti (traggo questi concetti dal libro di Silvano Arieti, Il sé intrapsichico, Boringhieri, 1969):

- uno, quello che si presenta nella malattia mentale, in particolare nella schizofrenia, dove gli avvenimenti della vita interiore – quella psichica – e quelli del mondo esterno – gli oggetti fisici – vengono a far parte della medesima realtà psichica e diventano, in modo inconsapevole, quelle che tutti identificano come le vere e proprie allucinazioni;

- un altro, per noi importantissimo, quello che si presenta nell’atteggiamento estetico e che si manifesta come un impulso a rendere - a differenza di coloro che hanno disturbi mentali - “fisici” gli “stati psichici”, ma in modo consapevole: è il bisogno dell’artista di “esprimere” fisicamente, in una /forma/, l’aspetto psichico dell’atteggiamento estetico e cioè il /ritmo/ unito all’”emozione”.

Gli psicologi dicono che, in questi casi, sia il malato che l’artista cercano di rendere “concreto” - e quindi “fisico” - un concetto ”astratto”- come tale, “psichico” o “mentale”. Questo modo di concepire l’astratto e il concreto è un errore che la “filosofia”, e il linguaggio comune - che lo ha imparato dai filosofi - compiono perché seguono l’errato concetto di astrazione di Aristotele, concetto che è proprio il contrario di ciò che cerchiamo di dimostrare con la nostra analisi delle operazioni mentali che danno luogo all’atteggiamento estetico.

Per noi “astrarre” non significa “cercare l’astratto nel concreto”, ma significa cercare a livello di operazioni mentali i costituenti di qualsiasi significato per poi separarli: la “triangolarità” non scaturisce dal “concreto” ma dall’aver separato – mentalmente - i componenti mentali del triangolo – i tre lati, i tre angoli - dopo averli considerati congiunti nel triangolo. Pensate, ad esempio alla “cavallinità”: si parte dal cavallo, si passa all’aggettivo “cavallino”, e quindi si separa la “cavallinità”.

Lo stesso si può dire della “bellezza”. Siete partiti dall’aggettivo “bello” e siete infine approdati al sostantivo astratto “bellezza”. Avete prima “congiunto” – alcune cose hanno tutte la caratteristica di essere belle – per poi separare da esse la “bellezza”.

Insomma, sia il /concreto/ - che, in termini di operazioni mentali, ha come contrario il /concetto/ - che l’/astratto/ - che ha invece come contrario l’/idea/ - sono due categorie mentali che possiamo anche applicare alla stessa situazione vedendola ora concreta ora astratta, o in parte concreta e in parte astratta.

AV^UN = v^/legge/ = /concetto/ UN&VV =/fenomeno/&v = /concreto/

AS^UN = s^/legge/ = /idea/ UN&VS = /fenomeno/&s = /astratto/

La differenza tra le due coppie? Quando riferisco il /concreto/ al /concetto/ non faccio altro che /descrivere/, “passando” da chi parla a chi ascolta, mentre quando riferisco l’/astratto/ all’/idea/ mi limito a /prescindere/ - Totò non c’entra – nel senso che così facendo “separo” facendo “astrazione” da ciò che non ritengo rilevante. Faccio in modo, in altre parole, che l’idea – ad esempio, l’idea di bellezza - resti separata – e quindi “pre-scissa” dalla bellezza stessa: l’idea è una cosa l’astratto un altra.

[/concetto//concreto/] = /descrivere/ [/idea//astratto/] = /prescindere/

La mancata costituzione, o meglio, l’’impossibilità di costituire questi confronti spiega, forse, alcuni comportamenti degli schizofrenici i quali, è probabile, non riescono a fare i confronti e quindi a “descrivere” e a “prescindere”. Ad un paziente – ricorda l’Arieti – a cui venne chiesto di fornire una definizione della parola “sedia” disse: “Sono seduto in questo momento su una sedia. Non sono un falegname”. Un altro paziente, che pensava di essere un angelo seduto su un trono, rispose, alla medesima domanda, di essere seduto su un “trono”. Queste persone non riescono a descrivere, cioè a “passare” dal concreto al concetto e si fermano al primo.

Una paziente invece non riusciva a “prescindere” dalla sua condizione di verginità, cioè a “separare” l’idea dall’astratto. Costei si sentiva la Madonna con il semplice ragionamento – si fa per dire – che la Madonna era vergine come lei e quindi lei era la Madonna. In altre parole, non riusciva a separare la “verginità”, in astratto, dalla semplice idea di essere “vergine”.

Nel parlare quindi di “astrazione” dovremmo, allora, essere più precisi e dire, nel caso dell’allucinazione, e nei fenomeni simili, che il /concreto/ assume la forma, o se si vuole, “prende il posto” del /concetto/; oppure che l’/astratto/ prende il posto dell’/idea/, tenendo sempre presente che si tratta di categorie mentali applicate all’esperienza vissuta.



/concetto/^/allucinazione/&/concreto/ /idea/^/allucinazione/&/astratto/




Condividi con i tuoi amici:


©astratto.info 2019
invia messaggio

    Pagina principale