Lessico Unità di Apprendimento



Scaricare 20.58 Kb.
02.06.2018
Dimensione del file20.58 Kb.

Lessico
Unità di Apprendimento

strumento di progettazione delle attività di apprendimento/insegnamento; della didattica per competenze; reale e non astratto. Ha al centro dell’azione didattica lo studente, richiede la sua partecipazione attiva, come singolo o in gruppo. Contiene attività e strumenti diversificati, innovativi e tecnologici. Mobilita le conoscenze e le abilità dello studente per far diventare lo studente competente non solo in contesti cognitivi interdisciplinari (unitarietà del sapere) e in contesti socio-relazionali. Prevede compiti reali o autentici su cui organizzare la valutazione di specifiche competenze richieste. Ha sempre carattere interdisciplinare.


Referente/Responsabile UDA

Docente con compiti di coordinamento del gruppo UDA dei docenti la cui disciplina è coinvolta nella stessa UDA. Non corrisponde necessariamente al Coordinatore della Classe della Scuola Secondaria di primo grado o della Scuola Primaria. Per la Scuola d’infanzia il docente può coordinare i colleghi per sezioni parallele dello stesso plesso o di plessi afferenti allo stesso Istituto comprensivo. Il Referente/Responsabile UDA:



  • Coordina gli incontri per progettare, monitorare, verificare i percorsi. le attività

  • Registra gli incontri su un diario per evidenziare eventuali criticità / positività nelle fasi si realizzazione dell’UDA

  • Favorisce i rapporti interpersonali promuovendo la condivisione delle procedure della didattica per competenze/ didattica laboratoriale

  • Raccoglie i prodotti elaborati, come richiesti nel compito di realtà/autentico

  • Ha


Disciplina / Campo di esperienza prevalente

Disciplina / Campo di esperienza che contribuisce più delle altre/i a sollecitare il raggiungimento delle competenze fissate nell’UDA, esplicitate nella declinazione di conoscenze e abilità necessariamente individuate in relazione ad esse.


Disciplina / Campo di esperienza concorrente

Discipline / Campi di esperienza che concorrono a sollecitare il raggiungimento delle competenze delle competenze fissate nell’UDA esplicitate nella declinazione di conoscenze e abilità, che sono aggregate a quelle individuate nella disciplina prevalente.


Nucleo fondante

Concetti fondamentali che ricorrono in vari luoghi di una disciplina ed hanno valore strutturante e generativo di conoscenze (F. Olmi). Orientano la scelta dei contenuti prioritari dell'apprendimento/ insegnamento. Costituiscono i nuclei concettuali della disciplina stessa da cui dovrebbero generarsi altre conoscenze. I nuclei fondanti sono:

Italiano

Ascolto e parlato

Lettura (testi letterari nella Scuola Secondaria)

Scrittura

Acquisizione e espansione del lessico ricettivo

Elementi di grammatica esplicita e riflessione sugli usi della lingua


Lingue Straniere

Ascolto (comprensione orale)

Parlato (produzione e interazione orale)

Lettura (comprensione scritta)

Scrittura (produzione scritta)
Storia

Uso delle fonti

Organizzazione delle informazioni

Strumenti concettuali

Produzione scritta e orale
Geografia

Orientamento

Linguaggio della geo-graficità

Paesaggio

Regione e sistema territoriale
Matematica

Numeri

Spazio e figure

Relazioni, dati e previsioni
Scienze

Oggetti, materiali e trasformazioni

Osservare e sperimentare sul campo

L’uomo i viventi e l’ambiente
Musica

Suono

Timbro

Melodia

Fruizione
Arte e Immagine

Esprimersi e comunicare

Osservare e leggere le immagini

Comprendere e apprezzare le opere d’arte
Educazione fisica

Il corpo e la sua relazione con lo spazio e il tempo

Il linguaggio del corpo come modalità comunicativo-espressiva

Il gioco, lo sport, le regole e il fair play

Salute e benessere, prevenzione e sicurezza
Tecnologia

Vedere e osservare

Prevedere e immaginare

Intervenire e trasformare (e produrre nella scuola secondaria)

Rubrica di Valutazione

Descrive ciò che l’alunno sa fare, in quali contesti e condizioni, con quale grado di autonomia e responsabilità. Segue livelli crescenti di evoluzione dei quattro Livelli di padronanza:



Avanzato Intermedio Base Iniziale

I livelli sono tutti descritti in positivo, evidenziano cosa lo studente sa fare . Non esiste un livello zero ma il livello D ossia Iniziale.



Competenza

Competenza è la capacità di utilizzare conoscenze e abilità personali, sociali e/o metodologiche, già possedute, in situazioni nuove, in contesti di vita, di lavoro o di studio e nello sviluppo personale e sociale, generalizzando, trasferendo, creando nessi tra le conoscenze e le abilità già possedute costruendone delle nuove. Le competenze sono descritte in termini di responsabilità e autonomia. L’agire autonomo è proprio assunzione di responsabilità in relazione al proprio comportamento. E’ determinato da una scelta che risiede nella consapevolezza dell’azione. Responsabilità e autonomia sono un binomio inscindibile nel processo di formazione.

(gli insegnanti sono chiamati ad accompagnare i giovani a diventare persone, cittadini e lavoratori competenti, pertanto responsabili e autonomi)

Non esiste apprendimento significativo che non si iscriva nella prospettiva della competenza.


dal Piccolo dizionario di Enrico Bottero

Competenza



in generale, capacità di realizzare con efficacia un compito o un insieme di compiti in situazione. Si ha competenza quando un soggetto fa agire tutte o una parte delle proprie risorse cognitive o affettive per far fronte a un insieme di situazioni complesse. Le risorse possono essere sia interne (ricordi, schemi di azione o cognitivi, concetti, conoscenze, ecc.) che esterne (documenti, materiali, risorse personali, ecc.). La nozione di competenza non ha dunque una sua omogeneità psicologica. Essa comprende conoscenza, saper fare, ragionamenti, schemi motori e sensoriali, atteggiamenti, ecc. Ciò che ne fa l’unità è la sua utilità per un’azione (Rey). L’esercizio reale di una competenza presuppone il possesso di una competenza funzione (capacità) ma anche la volontà e l’intenzione del soggetto che apprende. La competenza complessa, dunque, è sempre contestale. Nella scuola, che è il luogo dei saperi, è possibile promuovere le competenze organizzando situazioni in cui all’allievo viene richiesto di affrontare una questione reale individuando lui stesso i problemi da risolvere (ad es., organizzare un viaggio, organizzare la predisposizione di un giardino che circonda un’abitazione, ecc.) utilizzando le risorse matematiche,linguistiche, scientifiche a sua disposizione…
dal Piccolo dizionario di Enrico Bottero

Abilità

l’abilità è un saper fare, ovvero una particolare conoscenza che consiste nella capacità di applicare conoscenze dichiarative per portare a termine compiti e risolvere problemi noti. Le abilità possono essere cognitive o pratiche. Da alcuni ricercatori (Rey) le abilità vengono identificate con le competenza di primo livello. Il Quadro Europeo delle Qualifiche (EQF) distingue tra conoscenze (sapere), abilità (saper fare) e competenze.

dal Piccolo dizionario di Enrico Bottero

Capacità

disposizione a mettere in atto operazioni mentali o fisiche adeguate a una situazione o a una famiglia di situazioni adeguate a una situazione o a una famiglia di situazioni mentali riproducibile in diversi campi. Le ricerche cognitive più recenti ritengono infatti che non esistano capacità assolutamente trasversali. Ogni capacità ha il proprio campo. Di fatto dunque la capacità si identifica con una competenza-funzione (insieme di atti presi in un repertorio già conosciuto e padroneggiato)


Condividi con i tuoi amici:


©astratto.info 2019
invia messaggio

    Pagina principale