L’hardware da solo non è sufficiente per IL



Scaricare 1.42 Mb.
02.01.2018
Dimensione del file1.42 Mb.



L’hardware da solo non è sufficiente per il

  • L’hardware da solo non è sufficiente per il

  • funzionamento dell’elaboratore ma è

  • necessario introdurre il software

  • ovvero un insieme di programmi che

  • permettono di trasformare un insieme di

  • circuiti elettronici in un oggetto in grado di

  • svolgere varie funzioni



Una programmazione diretta della macchina

  • Una programmazione diretta della macchina

  • hardware da parte degli utenti è davvero difficile

  • l’utente dovrebbe conoscere l’organizzazione

  • fisica dell'elaboratore e il suo linguaggio

  • macchina.

  • Ogni programma dovrebbe essere scritto

  • utilizzando delle sequenze di bit ed ogni piccola

  • differenza hardware comporterebbe una riscrittura

  • del programma stesso



L’utente deve:

  • L’utente deve:

  • usare nello stesso modo, o in modo molto simile, macchine diverse dal punto di vista hardware

  • avere un semplice linguaggio di interazione con la macchina

  • avere un insieme di programmi applicativi per svolgere compiti diversi



Si dice virtuale in quanto non esiste fisicamente ma

  • Si dice virtuale in quanto non esiste fisicamente ma

  • viene realizzata mediante il software (software di

  • base)

  • L'utente interagisce con la macchina virtuale grazie ad un opportuno linguaggio di comandi (semplice).

  • La macchina virtuale si preoccupa della traduzione di ogni comando impartito dall’utente nella sequenza di comandi riconosciuti dalla macchina fisica sottostante che realizzano la stessa funzione



  • Il processore è in grado di eseguire istruzioni scritte in un insieme di codici binari, detto linguaggio macchina

  • Codice Istruzione | Argomento 1 | Argomento 2

  • Usare direttamente il linguaggio macchina per programmare è estremamente difficile

  • L’interfaccia del sistema operativo permette un livello di programmazione molto semplice



L’interfaccia del sistema operativo permette un ……………….

  • L’interfaccia del sistema operativo permette un ……………….

  • Interfaccia =

  • Elemento di collegamento tra l’elaboratore e un’entità esterna che consente il passaggio delle informazioni da uno all’altra

  • Elemento di contatto o di intermediazione fra entità, sistemi, cose, persone ecc ..



Conosciamo due classi di software:

  • Conosciamo due classi di software:

  • Programmi Applicativi

  • Sistemi Operativi



  • programmi di video-scrittura (es. Microsoft Word)

  • browser, usati per “navigare il Web” e spedire posta elettronica (es. MS Explorer, Netscape Communicator)

  • fogli elettronici, usati per manipolare e analizzare numeri e dati (es. Microsoft Excel)

  • programmi per la gestione di banche di dati (database), utilizzati per conservare ed elaborare dati strutturati

  • programmi per creare applicazioni multimediali/grafiche, manipolare foto, fare presentazioni con audio/video, ecc.

  • videogiochi



  • Dos

  • Windows 95, 98, 2000, XP … sVista …Windows 7

  • Linux/Unix

  • BeOs

  • Mac Os(Cheetah , Puma, Leopard)

  • FreeBSD



È il componente software fondamentale di un

  • È il componente software fondamentale di un

  • sistema di calcolo.

  • È formato da un insieme di programmi che

  • interagiscono tra loro per realizzare due obiettivi:

  • Gestire efficientemente l’elaboratore e i suoi dispositivi

  • Creare un ambiente virtuale per l’interazione con l’utente



  • I sistemi di elaborazione li possiamo

  • vedere come:

  • Calcolatori

  • Organizzatori di informazioni

  • Strumenti di comunicazione



Calcolatori: un sistema di elaborazione è un dispositivo di calcolo molto veloce; il concetto centrale è quello di algoritmo; lo strumento principale di accesso ai servizi è il linguaggio di programmazione

  • Calcolatori: un sistema di elaborazione è un dispositivo di calcolo molto veloce; il concetto centrale è quello di algoritmo; lo strumento principale di accesso ai servizi è il linguaggio di programmazione

  • Ordinatori di informazioni: un sistema di elaborazione è capace di archiviare, elaborare e accedere a tanti dati; un sistema operativo è il gestore del servizio di archiviazione; lo strumento principale di accesso è l’interfaccia del sistema operativo



  • Strumenti di comunicazione: un sistema di elaborazione è capace di comunicare con altri sistemi collegati in rete, trasportando quantità di dati ad una certa velocità; il concetto centrale è quello di servizio di comunicazione (posta elettronica, WWW); lo strumento principale di accesso ai servizi di comunicazione è il browser

  • Nota: ricordiamo anche che in molti casi i sistemi di

  • elaborazione si usano come giocattoli



Dal punto di vista strutturale il sistema operativo

  • Dal punto di vista strutturale il sistema operativo

  • è formato da un insieme di livelli, che formano la

  • cosiddetta

  • struttura a cipolla

  • Idealmente l’utente è ignaro di tutti i dettagli delle

  • operazioni svolte ai livelli inferiori e conosce solo le

  • operazioni del livello più alto



L'utente di un computer di solito è interessato a "manipolare" un documento mediante un programma applicativo.

  • L'utente di un computer di solito è interessato a "manipolare" un documento mediante un programma applicativo.

  • I sistemi operativi moderni ( Windows, MacOS, Linux ) sono “documento-centrici”, cioè offrono servizi di gestione per documenti di varia natura (testi, grafica, audio, video, programmi)

  • I documenti vengono conservati da un servizio chiamato “file system”, che contiene, organizza e classifica i documenti.



  • I servizi che un utente chiede al sistema operativo riguardano tutti in ultima analisi la manipolazione di archivi

    • Archivi di dati (.xsl)
    • Archivi "documenti" ( .html, .doc)
    • Archivi programmi (.exe)
    • Archivi di archivi


 

  •  

  • Strumenti di creazione e modifica di documenti

    • editor: wordpad, MS Word, staroffice
  • Visualizzatori: Acroread Reader, ghostview

  • Strumenti di formattazione e stampa di documenti

    • Acrobat distiller
    • TeX, MS Frontpage
  • Strumenti di programmazione

  • Strumenti di archiviazione e compressione

    • WinZip, tar, compress, gzip
  •  Clienti di servizi di comunicazione

    • Outlook Express, Eudora,
    • Internet Explorer, Netscape, Konqueror, Mozilla


Avvio dell’elaboratore

  • Avvio dell’elaboratore

    • Bootstrap (caricamento in memoria centrale di una parte del SO)
  • Gestione dei servizi

  • Gestione dei dispositivi

  • Interazione con l’utente (Interfaccia)



Comunicazione e gestione dell’informazione remota

  • Comunicazione e gestione dell’informazione remota

    • gestione di messaggi di posta elettronica
    • remote login (telnet)
    • remote file transfer (ftp)
    • accesso servizi news (USENET)
    • accesso servizi WWW
  • Funzioni

    • Allocazione di risorse (processore, memoria, dispositivi)
    • Ottimizzazione della gestione (politiche)
    • Soluzione dei conflitti di uso di risorse indivisibili


Il pannello di controllo di Windows

  • Il pannello di controllo di Windows

  • è una funzione chiave del sistema operativo

  • Windows che permette di configurare una serie di

  • comportamenti dei principali servizi del sistema

  • operativo





Interfaccia amichevole: Nei sistemi più primitivi (es. MSDOS) l’interfaccia utente è il terminale è grafico si usano le interfacce grafiche e le loro librerie (MacOS, Windows, X-Window di Linux)

  • Interfaccia amichevole: Nei sistemi più primitivi (es. MSDOS) l’interfaccia utente è il terminale è grafico si usano le interfacce grafiche e le loro librerie (MacOS, Windows, X-Window di Linux)

  • Multiprogrammazione I primi sistemi operativi per PC erano monoprogrammati; dagli anni ’90 è normale avere la funzione di multi-programmazione, per cui in memoria centrale si possono caricare simultaneamente più programmi





  • Quando c’è un’interfaccia testuale il sistema operativo sollecita un comando testuale dal video (shell DOS)

  • Quando c’è un’interfaccia grafica il s.o. facilita l’utente proponendo sullo schermo un menu di comandi selezionabili mediante mouse , che permette anche di manipolare icone disposte su una scrivania virtuale (desktop)



L'interfaccia utente rappresenta il piano di una scrivania (desktop) su cui alcune icone rappresentano documenti, programmi o cassetti (folders) apribili cliccando col mouse

  • L'interfaccia utente rappresenta il piano di una scrivania (desktop) su cui alcune icone rappresentano documenti, programmi o cassetti (folders) apribili cliccando col mouse

  • Un sistema di menù definisce i principali servizi, tra cui:

    • come spegnere il computer
    • come creare o cancellare un archivio
    • come visualizzare il contenuto di un archivio
    • come proteggere un archivio


La nozione di macchina astratta permette di costruire software molto complessi, per esempio sistemi operativi emulati: in questo modo un Macintosh può eseguire applicazioni Windows, o Playstation

  • La nozione di macchina astratta permette di costruire software molto complessi, per esempio sistemi operativi emulati: in questo modo un Macintosh può eseguire applicazioni Windows, o Playstation

  • Lo screenshot seguente (www.uk.research.att.com/vnc)

  • mostra l’interfaccia di Windows emulata entro l’interfaccia

  • di un Macintosh





Un sistema operativo è una macchina astratta complessa. Viene di solito descritta definendo un insieme di agenti chiamati processi

  • Un sistema operativo è una macchina astratta complessa. Viene di solito descritta definendo un insieme di agenti chiamati processi

    • processi di interfaccia utente (shell e finestre)
    • processi delle applicazioni
    • processi di servizio (serventi)
  • Un processo, o agente, è un’attività controllata da un programma, che si svolge su un processore, ed è capace di interagire con i vari dispositivi



Un sistema operativo multiprogrammato include parecchie distinte attività chiamate processi

  • Un sistema operativo multiprogrammato include parecchie distinte attività chiamate processi

  • Queste attività si alternano sul processore (multitasking): quando un processo P1 si sospende per una lettura o una scrittura, il processore viene utilizzato da un altro processo P2

  • I processi dunque non avanzano con continuità; le loro attività sono interrotte per brevi intervalli di tempo dato che condividono tra loro risorse (processori, dispositivi)





Ogni processo durante la sua “vita” alterna gli stati di pronto, esecuzione, e attesa passando attraverso transizioni di stato

  • Ogni processo durante la sua “vita” alterna gli stati di pronto, esecuzione, e attesa passando attraverso transizioni di stato



Transizione da esecuzione ad attesa: sospensione

  • Transizione da esecuzione ad attesa: sospensione

    • avviene per esplicita azione del processo in esecuzione;
    • il processo che si sospende si pone in attesa di un evento E
  • Per esempio,un processo Pi si sospende in attesa di:

    • interruzione da parte di un dispositivo,
    • sincronizzazione con un altro processo,
    • ricezione di un messaggio


Transizione da stato di attesa a stato di pronto: riattivazione.

  • Transizione da stato di attesa a stato di pronto: riattivazione.

    • Schema tipico: Pi sospeso in attesa di evento E, viene riattivato da Pj che segnala E. Esempi di eventi: interruzione, sincronizzazione, arrivo di un messaggio
  • Transizione da pronto a esecuzione: assegnazione del processore (da parte dello scheduler)

  • Transizione da esecuzione a pronto: prerilascio del processore (da parte dello scheduler)



L’avanzamento dei processi è determinato dalla disponibilità del processore e dalla politica con la quale l’uso del processore è ripartito tra i processi

  • L’avanzamento dei processi è determinato dalla disponibilità del processore e dalla politica con la quale l’uso del processore è ripartito tra i processi

  • Le politiche di assegnazione del processore ai processi pronti hanno come obiettivo un uso efficiente del processore. Alcune politiche:

    • consiste nel fare avanzare i processi in ordine di arrivo (FIFO: first in first out)
    • consiste nel fare avanzare i processi con velocità dipendenti dalla loro priorità


In caso di multitasking lo scheduler sceglie di volta in volta il processo da fare avanzare tra quelli pronti

  • In caso di multitasking lo scheduler sceglie di volta in volta il processo da fare avanzare tra quelli pronti

  • I processi che controllano i dispositivi (driver) hanno la precedenza sui processi normali [ Dipendente anche dal tipo di dispositivo controllato]

  • L’avanzamento “contemporaneo” di più processi è possibile perché la memoria centrale è ripartita tra i programmi. Ripartizione effetttuata dal gestore della memoria del sistema operativo



Su cosa operano i sistemi operativi? Sui

  • Su cosa operano i sistemi operativi? Sui

  • documenti immagazzinati nei dischi volatili o fissi.

  • Operano sugli archivi, o f i l e

  • Definizione.

  • Un file (o archivio, o documento elettronico) è

  • sequenza di caratteri (byte) identificata da un

  • nome



Si usano “contenitori” di file detti directory

  • Si usano “contenitori” di file detti directory

  • (che sono essi stessi file)

  • Definizione.

  • Un folder (o directory) è un archivio contenitore di

  • file.

  • Folder è il meccanismo di base per strutturare

  • l’insieme dei file di un sistema detto file system.





Ad ogni file è associato un descrittore che ne descrive le proprietà e ne definisce la struttura logica e la struttura fisica

  • Ad ogni file è associato un descrittore che ne descrive le proprietà e ne definisce la struttura logica e la struttura fisica

  • Mediante il descrittore le operazioni definite sulla struttura logica possono essere tradotte in operazioni sulla struttura fisica, eseguite a cura del s.o.





Tutte le informazioni sui file vengono gestite

  • Tutte le informazioni sui file vengono gestite

  • e immagazzinate nei sistemi operativi.

  • Ad esempio

  • Nei sistemi operativi della classe Windows la struttura detta FAT (File Allocation Table) ricorda dove sono allocati i vari file





Il sistema operativo fornisce un servizio (di solito una interfaccia grafica) che mostra i file in forma di icona; e alcune proprietà di ciascun file

  • Il sistema operativo fornisce un servizio (di solito una interfaccia grafica) che mostra i file in forma di icona; e alcune proprietà di ciascun file

    • tipo: se è un documento o un programma o una cartella
    • la data (e l’ora) di ultima modifica
    • la dimensione su disco
    • l’applicazione che l’ha creato, ecc.




L’attributo più importante di un file è il suo nome;

  • L’attributo più importante di un file è il suo nome;

  • Quando un file system viene organizzato ad albero

  • esistono due metodi per specificare in modo

  • testuale il nome del file:

  • Nel primo metodo, ogni file viene identificato da un cammino assoluto che consiste della sequenza di directory contenute una entro l’altra dalla radice del file system al file

  • L’altro tipo di nome è il cammino relativo, che presuppone il concetto di directory di riferimento



Nota: Esistono due simboli importanti per riferire directory in modo implicito:

  • Nota: Esistono due simboli importanti per riferire directory in modo implicito:

    • ~ directory home
    • .. directory superiore
    • . directory corrente
  • Cammini relativi

    • ~/sdc/lucidi.ps (il cammino parte dalla home)
    • ../../lucidi.ps (il cammino parte da 2 dir in su)


Esempio di cammino assoluto

  • Esempio di cammino assoluto

  • C:\Documents and Settings\studenteCP\MyDocuments\DIDATTICA\IG1

  • Esempio di cammino relativo

  • .\MyDocuments\DIDATTICA\IG1



Nei sistemi multi-utente, per ogni archivio sono definiti un proprietario e alcuni diritti di accesso, di lettura, scrittura o esecuzione

  • Nei sistemi multi-utente, per ogni archivio sono definiti un proprietario e alcuni diritti di accesso, di lettura, scrittura o esecuzione

  • Un altro attributo importante è il tipo del file, che descrive la struttura del contenuto.

  • La maggior parte dei sistemi operativi supporta molti tipi di file, si distinguono per l’estensione (suffisso che si appende al nome).



  • Esistono parecchi formati diversi di file spesso distinguibili

  • dall’estensione:

    • .txt o .asc file in formato ASCII
    • .doc file in formato MS Word
    • .rtf file in Rich Text Format
    • .htm o .html file in formato HTML
    • .zip file compresso
    • .gz file compresso
    • .tar archivio TAR
    • .tar.z archivio TAR e poi compresso
    • .tgz archivio TAR e poi compresso


.gif file immagine in formato GIF

    • .gif file immagine in formato GIF
    • .jpg file immagine in formato JPEG
    • .pic file immagine in formato PIC
    • .wav file audio
    • .au file audio
    • .mpg file filmato MPEG
    • .mov file filmato QuickTime
    • .ps file in formato PostScript
    • .eps file in formato Encapsulated PostScript
    • .pdf file Portable Document Format


Molte applicazioni definiscono in modo particolare, privato, di solito binario, il formato dei documenti che tipicamente creano

  • Molte applicazioni definiscono in modo particolare, privato, di solito binario, il formato dei documenti che tipicamente creano

  • Formato .doc per Microsoft Word

  • L’uso di un formato proprietario è di solito giustificato con ragioni di efficienza, ma l’unica vera ragione è commerciale: il formato proprietario protegge il mercato dell’applicazione che è l’unica che può gestire quel formato

  • La richiesta di interoperabilità tra le applicazioni giustifica l’introduzione di formati di interscambio



Formato di documenti, solitamente testuale e quindi leggibile, riconosciuto da applicazioni di diversi produttori

  • Formato di documenti, solitamente testuale e quindi leggibile, riconosciuto da applicazioni di diversi produttori

  • Lo scambio di documenti in rete rinforza la necessità di formati interscambiabili tra diversi computer e tra diverse applicazioni: nasce la nozione di formato aperto, indipendente sia dalle applicazioni che dall’hardware (ASCII non è sufficiente perché troppo elementare)

  • HTML è un formato “aperto”, non proprietario, e leggibile;

  • PDF è un formato “chiuso”, proprietà di Adobe, e binario



  • Word – elaborazione di testi

  • PowerPoint – sistema di preparazione di presentazioni

  • Excel – foglio elettronico

  • FrontPage – sistema di creazione di documenti Web

  • Outlook – agenda elettronica e cliente email

  • Access – sistema gestione di banche di dati



Framemaker – elaborazione di testi su canali multipli

  • Framemaker – elaborazione di testi su canali multipli

  • Pagemaker - business publishing, small offices

  • InDesign - progettazione struttura grafica dei documenti

  • Acrobat – creazione di documenti digitali

  • Illustrator - creazione di grafica

  • Photoshop – ritocco fotografico

  • GoLive – creazione di documenti Web



Director – creazione presentazioni multimediali su CD

  • Director – creazione presentazioni multimediali su CD

  • Dreamweaver - creazione di documenti Web

  • Fireworks - progettazione struttura grafica dei documenti

  • Flash – creazione presentazioni multimediali per il Web



Esistono diverse applicazioni per elaborare

  • Esistono diverse applicazioni per elaborare

  • documenti che contegono testo (text

  • processing applications). Tali applicazioni

  • possono essere classificate in tre grandi

  • categorie:

  • applicazioni per acquisire il testo di documenti cartacei

  • applicazioni di word processing

  • applicazioni di text formatting



Le applicazioni per acquisire documenti cartacei si basano sull’uso di dispositivi scanner e di software di riconoscimento dei caratteri (OCR – optical character recognition)

  • Le applicazioni per acquisire documenti cartacei si basano sull’uso di dispositivi scanner e di software di riconoscimento dei caratteri (OCR – optical character recognition)

  • Le applicazioni di word processing permettono di editare a schermo testi. Il testo viene visualizzato nella forma in cui verrà stampato (WYSIWYG: what you see is what you get)

  • Le applicazioni di text formatting permettono di configurare graficamente le pagine (layout) di un testo; sono state introdotte per sfruttare le più avanzate funzionalità tipografiche delle stampanti avanzate



Un documento digitale è composto da

  • Un documento digitale è composto da

  • un contenuto

  • un formato di rappresentazione elettronica

  • una struttura

  • uno o più comportamenti ( o stili)



Il contenuto è una sequenza di caratteri, o un’immagine, o un’animazione, o una registrazione audio/video, o una combinazione di questi

  • Il contenuto è una sequenza di caratteri, o un’immagine, o un’animazione, o una registrazione audio/video, o una combinazione di questi

  • Il formato di rappresentazione è una codifica leggibile o binaria dell’informazione-contenuto. La codifica è tipica o del sistema operativo o dell’applicazione che crea/manipola il documento

  • La struttura è la forma del documento: un saggio, un romanzo, un articolo scientifico, un film ecc. sono documenti con elementi e strutture diverse

  • I comportamenti dipendono dall’uso che si intende fare del documento, e sono decisi o dall’autore o dalle applicazioni che manipolano il documento stesso



Il ciclo di vita di un documento è la descrizione organica

  • Il ciclo di vita di un documento è la descrizione organica

  • delle fasi in cui viene:

  • creato (per es. a partire da una scansione di un cartaceo)

  • manipolato (per es. mediante un editor)

  • memorizzato (per es. all’interno di un sito Web)

  • collegato ad altri documenti (per es. in un repertorio)

  • catalogato (per es. da un motore di ricerca)

  • trasmesso (per es. per posta elettronica)

  • distrutto (per es. eliminando tutte le copie esistenti)



La fruibilità corretta dei documenti digitali dipende

  • La fruibilità corretta dei documenti digitali dipende

  • da molti fattori tecnologici

  • Dipendenza dai dispositivi disponibili

    • La dimensione e la risoluzione dello schermo, oppure la risoluzione della stampante e la dimensione e qualità della pagina fisica influiscono sulla leggibilità
  • Dipendenza dal sistema operativo

    • L’autore di un documento usa la fonte A sul suo sistema operativo; se il sistema del lettore non contiene A la leggibilità del documento sarà compromesso. Anche i driver di stampa introducono dipendenze specifiche


Dipendenza dall’applicazione creatrice

  • Dipendenza dall’applicazione creatrice

    • Un documento che nasce sotto Word (formato .doc), anche se viene trasformato in altro formato, mantiene alcune dipendenze, strutturali o procedurali
  • Dipendenza dall’applicazione visualizzatrice

    • Un documento visualizzato sotto Explorer appare diversamente che sotto Netscape


Microsoft Word è uno dei più diffusi word processor, sia su Windows che su Macintosh.

  • Microsoft Word è uno dei più diffusi word processor, sia su Windows che su Macintosh.

  • Alcune sue importanti funzioni sono dipendenti dal sistema operativo sottostante

    • le fonti usabili sono quelle installate nel sistema operativo
    • le modalità di stampa sono definite dal driver di stampa
    • la visualizzazione è definita dalla risoluzione


Nella versione più semplice un documento elettronico è un contenitore di contenuto unimediale, ovvero informazioni o tutte testuali, o tutte grafiche, o tutte audio, ecc.

  • Nella versione più semplice un documento elettronico è un contenitore di contenuto unimediale, ovvero informazioni o tutte testuali, o tutte grafiche, o tutte audio, ecc.

  • Tuttavia i documenti digitali moderni spesso sono contenitori di informazioni multimediali.

  • Le applicazioni della suite MS Office sono combinazioni di componenti più semplici. Allo stesso modo, anche i documenti creati con Office sono contenitori di oggetti: combinano testo, formule, tabelle, figure in diversi formati grafici, audio, video.

  • Un documento contenitore potrebbe aver bisogno di parecchi editor specializzati per manipolare i suoi componenti





I documenti digitali che contengono testo sono

  • I documenti digitali che contengono testo sono

  • rappresentati internamente ad un sistema informatico:

    • da un codice alfanumerico, ad esempio ASCII o Unicode, che definisce la rappresentazione del testo del documento in forma di bit
    • da un codice di markup, ad esempio il .doc di Word, che definisce la struttura (il “formato”) del documento in funzione dell’applicazione che lo ha creato


Nella misura in cui un sistema operativo controlla hardware “standard”, ovvero con un processore normale, memoria adeguata e dispositivi “tradizionali” dal punto di vista dell’utente comune non esistono differenze significative tra i diversi sistemi operativi

  • Nella misura in cui un sistema operativo controlla hardware “standard”, ovvero con un processore normale, memoria adeguata e dispositivi “tradizionali” dal punto di vista dell’utente comune non esistono differenze significative tra i diversi sistemi operativi

  • Le differenze più percepibili dalla maggior parte degli utenti riguardano la metafora d’interfaccia ed il suo “look and feel”, ovvero come gli utenti utilizzano (ed interiorizzano) i diversi servizi.



Nel mercato mondiale si sono affermati alcuni

  • Nel mercato mondiale si sono affermati alcuni

  • sistemi operativi che oggi sono più popolari di altri

  • per alcuni compiti specifici;

  • Il sistema più popolare su personal computer è Windows, che detiene oltre il 95% (da aggiornare) di questo mercato;

  • Il sistema più popolare per server di Internet è Linux/Unix;

  • Il sistema più popolare per handheld computer è PalmOS, fortemente insidiato da una variante di Windows chiamata Windows CE



Il sistema operativo arriva di solito già installato su una macchina appena comprata

  • Il sistema operativo arriva di solito già installato su una macchina appena comprata

  • Ogni sistema operativo è un programma complesso fatto da molti componenti, e talvolta uno di questi componenti “si guasta”: occorre allora reinstallare il sistema da una copia integra del sistema operativo

  • Nel corso del tempo inoltre vengono pubblicate nuove versioni del sistema operativo

  • L’installazione del sistema operativo è una procedura complessa





Condividi con i tuoi amici:


©astratto.info 2019
invia messaggio

    Pagina principale