L’identità dell’Istituto Margherita di Savoia


LE VIE dell'ARTE e della CULTURA



Scaricare 1.02 Mb.
Pagina9/12
22.05.2018
Dimensione del file1.02 Mb.
1   ...   4   5   6   7   8   9   10   11   12

TEMPLI – MOSCHEE – SINAGOGHE – CATTEDRALI

LE VIE dell'ARTE e della CULTURA

        1. 1. 2. RESPONSABILE del DIPARTIMENTO e SOGGETTI IMPLICATI


Dalle riunioni preliminari per materia si è riscontrato che la cattedra di appartenenza A025, Disegno e Storia dell’Arte, si articola all’indomani delle sperimentazioni, in una varietà d’indirizzi, che lasciano ampio spazio di autonomia alle docenti, per soddisfare le esigenze di ogni singolo Consiglio di Classe.

In un contesto formativo, così variegato, è necessario avere un punto d’incontro e di confronto, anche quale riferimento per gli alunni.

Il Dipartimento, che da questo anno scolastico vede impegnate, oltre a Disegno e Storia dell’Arte e Musica, anche Religione, fa confluire esperienze ed esigenze verso conoscenze e competenze comuni, al fine di ottenere una più facile circolazione ed una migliore veicolazione dei contenuti disciplinari, in esperienze trasversali interdisciplinari, anche a supporto delle codocenze Arte e/o Musica, realizzate nello sperimentale Liceo delle Scienze Sociali.


3. FINALITA’ EDUCATIVE E FORMATIVE

Le discipline Artistiche promuovono un approccio attivo ai problemi percettivo-visivi ed analitico- critici di ogni forma di comunicazione visiva, mediante la ricerca costante di interconnessioni tra le arti visive ed i contenuti delle varie discipline. Al pari la Musica sollecita la percezione sonora proiettata ad uno sviluppo delle qualità sensoriali, motorie, intellettive e cognitive.

La Religione, intesa come conoscenza e studio della Storia delle varie Religioni, è in stretta connessione con l’Arte, avendo le varie popolazioni, dedicato creatività, risorse ed energie per edificare e conservare i “Luoghi Sacri”

Le finalità educative vanno ricercate nella stretta interconnessione dei due linguaggi non verbali con la conoscenza della storia religiosa dei vari popoli nei secoli, in una visione multietnica, affinché si possano superare le diffidenze nei confronti di coloro i quali, provenienti da altri Paesi, portano con se lingue, usi, costumi, tradizioni e religioni, molto diversi dai nostri, per stimolare negli studenti e nelle loro famiglie atteggiamenti e comportamenti di accettazione ed integrazione.

4. OBIETTIVI SPECIFICI

La potenzialità più interessante dell’ipotesi di programmazione risiede nella possibilità di realizzare:



  • integrazione delle competenze, delle conoscenze e dei saperi finalizzati ai linguaggi non verbali degli allievi.

  • offrire agli studenti un approccio attivo ai problemi percettivo-visivi-sonori e analitico-critici.

  • sviluppo di un atteggiamento critico nei confronti di ogni forma di comunicazione non verbale ed analitico dell’altrui cultura.

  • potenziamento della sensibilità estetica e musicale degli allievi.

  • Creare i presupposti culturali per il superamento di diffidenze per popoli e cultura diverse dalla nostra per innestare spunti produttivi e creativi tra le giovani generazioni e le loro famiglie. Tanto risulta anche in armonia con la storia della nostra Istituzione Scolastica.

5. ARTICOLAZIONI della PROGRAMMAZIONE

La programmazione si articola in tre fasi:



    • Progettazione – il responsabile di Dipartimento, a seguito delle riunioni preliminari ha raccolto materiale e suggerimenti dalle varie docenti coinvolte ed ha proceduto alla redazione. Tutte le docenti coinvolte ne hanno ricevuto copia per apporre modifiche e miglioramenti.

    • Attuazione – ad approvazione avvenuta del Collegio Docenti, seguirà la consegna ai vari Consigli di Classe.

    • Didattica – verifica delle ricadute trasversali nei vari Consigli di Classe.

6. TEMPI di ATTUAZiONE

La Programmazione avrà la durata di tutto l’anno scolastico 2009/2010. Le verifiche da parte del Dipartimento si avranno nel 1° e 2° Quadrimestre durante gli incontri stabiliti dalla Dirigenza, ma anche quando si presenti l’esigenza di confronto da parte delle docenti impegnate.

7. METODI

Metodo globale, sperimentale ed euristico. Si punterà a valorizzare le interconnessioni contenutistiche e strumentali delle varie discipline di Dipartimento, al fine di fornire agli alunni una vera uniformità e fusione dei linguaggi. Non verrà trascurata l’interdisciplinarietà contenutistica, con le esigenze che scaturiranno da tutte le discipline curriculari, con particolare attenzione ai vari aspetti della storia, della comunicazione, dell’individuo e dell’interazione sociale.



8. STRUMENTI di VERIFICA e MODALITA’ di VALUTAZIONE

Controllo periodico degli obiettivi intermedi prefissati.

In base ai risultati ottenuti si procederà ad un eventuale aggiustamento della metodica impiegata, per il miglioramento delle funzionalità o per il ridimensionamento programmatico. In caso contrario si procederà come da progettazione.

DISCIPLINA



DISEGNO E STORIA dell’ARTE

TABELLA SINTETICA di VALUTAZIONE a.s 2009/2010


TEMPI

COMPETENZE COMUNI

Obiettivi minimi

Trimestre

Vedere, guardare, osservare, analizzare. La percezione dei linguaggi non verbali.




1° Trimestre

Saper cogliere, attraverso l’analisi visiva gli aspetti del territorio scoprendo particolari poco leggibili ad una visione superficiale. La percezione visiva




1° Trimestre

Saper riconoscere le forme di comunicazione visiva adeguate alle varie esigenze disciplinari

Conoscere la corretta interpretazione delle immagini ed il passaggio da queste al linguaggio parlato.

1° Trimestre

Saper analizzare, decodificare e interpretare i messaggi provenienti dal territorio con particolare interesse per il patrimonio artistico.




2° Trimestre

Saper utilizzare le forme di comunicazione visiva adeguate alle varie discipline.




2° Trimestre

Saper comprendere criticamente molte forme di comunicazione visiva.

Conoscere i fenomeni ed i problemi legati alla percezione visiva in forma analitico/critica.

2° Trimestre

Saper cogliere affinità e diversità provenienti dalle immagini e dalle arti visive della propria e dell’altrui cultura.




2° Trimestre

Saper individuare l’oggetto di studio Storico Artistico.

Fruire e comprendere l’opera d’Arte.

3° Trimestre

Saper riconoscere linguaggi estetici specifici.




3° Trimestre

Saper descrivere i concetti delle varie forme di espressione artistica.

Fruire, leggere e commentare l’Opera d’Arte nel contesto sociale in cui è stata prodotta.

3° Trimestre

Decodificare e ricodificare messaggi visivi




3° Trimestre

Saper individuare criticamente aspetti tecnici dei vari tipi di linguaggi visivi e visuali.

Aver acquisito le capacità critiche di comprensione e lettura dell’opera d’Arte. Aver acquisito le capacità progettuali di rielaborazione dei messaggi e comunicazione visiva, mediante l’uso di strumentazioni informatiche e tecnologiche.


I descrittori di competenze sono comuni a tutti gli Indirizzi Liceali ed a tutte le classi di ogni singolo Corso.


MATEMATICA
FINALITA'

  • Contribuire alla consapevolezza dell'importanza che hanno le conoscenze di base delle discipline nella comprensione della complessa realtà che ci circonda.

  • Promuovere lo sviluppo delle capacità di apprendimento nell'ambito della specifica disciplina.

  • Sviluppare le facoltà intuitive e logiche.

  • Educare ai procedimenti euristici ed ai processi di astrazione.

  • Esercitare al ragionamento induttivo e deduttivo.

  • Sviluppare le attitudini analitiche e sintetiche.

  • Utilizzare un linguaggio specifico, esprimendosi in modo chiaro e corretto.

Inoltre al fine di contribuire allo sviluppo del processo di maturazione degli allievi e favorire il loro sviluppo civile e personale si perseguiranno le seguenti finalità educative:

- promuovere il senso di responsabilità;

- promuovere la motivazione alla conoscenza e all'apprendimento;

- promuovere la capacità di condividere le regole all'interno del gruppo e della classe.

OBIETTIVI
1 Obiettivi educativi generali:


  1. Essere abitualmente attento in classe;

  2. Saper rispettare i tempi e le modalità di esecuzione delle attività;

  3. Saper migliorare il proprio metodo di studio;

  4. Rispettare le persone e le cose;

  5. Esprimere le proprie idee ed esporre le ragioni delle proprie idee.

2 Obiettivi cognitivi generali:

Saper:


  • utilizzare consapevolmente le tecniche e le procedure di calcolo studiate;

  • usare un linguaggio appropriato ed esprimere correttamente le proposizioni matematiche;

  • matematizzare semplici situazioni problematiche in vari ambiti disciplinari;

  • usare i metodi e gli strumenti informatici introdotti;

  • indagare e produrre autonomamente la realtà e i suoi fenomeni;

  • analizzare i dati di una situazione problematica e giungere ad una soluzione;

  • individuare le variabili di una situazione e prevedere possibili nuovi sviluppi;

  • capacità di adattare le abilità acquisite a realtà e problematiche diverse.


COMPETENZE PER IL CORSO SCIENTIFICO

BIENNIO


CLASSE PRIMA

Saper:


  • operare con gli insiemi

  • determinare il valore di verità di una proposizione

  • classificare e ordinare

  • definire un'operazione in un insieme e riconoscerne le proprietà

  • operare in un insieme numerico

  • operare con i monomi

  • operare con i polinomi

  • scomporre un polinomio

  • operare con le frazioni algebriche

  • dare le definizione dei primi enti geometrici in modo corretto

  • conoscere la differenza tra assioma e teorema

  • applicare i concetti relativi alla congruenza

  • riconoscere e operare con triangoli congruenti

  • riconoscere la perpendicolarità e il parallelismo e saperne applicare le proprietà

  • riconoscere parallelogrammi e trapezi ed applicarne le proprietà


CLASSE SECONDA

Saper:


  • classificare un'equazione

  • risolvere equazioni di primo grado e ad esse riconducibili

  • risolvere problemi mediante equazioni

  • risolvere sistemi di primo grado di due equazioni in due incognite con vari metodi

  • risolvere sistemi di primo grado con più di due equazioni in altrettante incognite

  • risolvere problemi il cui modello algebrico è un sistema lineare

  • risolvere disequazioni e sistemi di disequazioni lineari in due variabili

  • operare con i radicali aritmetici e con le potenze razionali di numeri reali

  • operare con i radicali algebrici

  • risolvere equazioni irrazionali e con valore assoluto

  • risolvere equazioni e sistemi di equazioni di secondo grado

  • individuare un luogo geometrico

  • individuare le proprietà di una circonferenza

  • riconoscere poligoni inscritti e circoscritti e conoscerne le proprietà

  • riconoscere poligoni regolari e conoscerne le proprietà

  • individuare i punti notevoli di un triangolo

  • riconoscere poligoni equivalenti applicando opportuni criteri

  • applicare il teorema di Pitagora e i teoremi di Euclide

  • riconoscere ed utilizzare la proporzionalità fra grandezze

  • calcolare la misura dell'area dei principali poligoni

  • individuare figure simili e utilizzare le proprietà della similitudine.

TRIENNIO


CLASSE TERZA

saper:


  • risolvere disequazioni di grado superiore al primo

  • risolvere sistemi di disequazioni di grado superiore al primo

  • risolvere disequazioni irrazionali e con valore assoluto

  • rappresentare punti in un sistema di riferimento cartesiano ortogonale

  • risolvere problemi sulla retta

  • risolvere esercizi applicativi sulle coniche

  • rappresentare graficamente la funzione esponenziale e la funzione logaritmica

  • risolvere equazioni esponenziali e equazioni logaritmiche


CLASSE QUARTA

saper:


- risolvere equazioni e disequazioni goniometriche

- applicare i teoremi sui triangoli: risoluzione dei triangoli rettangoli, teorema della corda

- risolvere i triangoli qualsiasi: teorema dei seni, teorema di Carnot e area di un triangolo

- risolvere problemi sui triangoli rettangoli e sui triangoli qualunque

- risolvere disequazioni esponenziali e disequazioni logaritmiche

- riconoscere le principali caratteristiche dei poliedri e dei solidi di rotazione

- calcolare le misure delle superfici e dei volumi dei principali solidi.
CLASSE QUINTA

saper:


- risolvere problemi di geometria solida anche per via algebrica

- riconoscere alcune caratteristiche delle funzioni

- individuare le caratteristiche di un insieme numerico

- calcolare limiti di funzioni

- riconoscere la continuità e le discontinuità di una funzione

- individuare gli asintoti di una funzione

- calcolare la derivata di una funzione

- applicare i teoremi sulle funzioni derivabili

- trovare i punti di massimo e di minimo di una funzione

- stabilire la concavità di una funzione

- studiare in modo completo una funzione

- calcolare le primitive di una funzione

- calcolare misure di aree di superfici piane, di aree e di volumi di solidi di rotazione.


LICEO LINGUISTICO- SCIENZE SOCIALI- SOCIO PSICO PEDAGOGICO.

OBIETTIVI MINIMI PER CLASSI PARALLELE

MATEMATICA
CLASSE PRIMA

Saper:


operare con gli insiemi

definire un'operazione in un insieme e riconoscerne le proprietà

operare in un insieme numerico

operare con i monomi

operare con i polinomi

scomporre un polinomio e operare con le frazioni algebriche

risolvere equazioni di primo grado

dare le definizioni dei primi enti geometrici

riconoscere e operare con triangoli congruenti

riconoscere il parallelismo e saperne applicare le proprietà.


CLASSE SECONDA

Saper:


risolvere sistemi di equazioni di primo grado

risolvere disequazioni e sistemi di disequazioni di primo grado

risolvere problemi il cui modello algebrico è un'equazione o un sistema lineare

operare con i radicali

organizzare e rappresentare i dati di un'indagine statistica e determinare i valori sintetici di una distribuzione di frequenze(socio psico pedagogico e scienze sociali)

riconoscere parallelogrammi e trapezi ed applicarne le proprietà

riconoscere i principali luoghi geometrici

individuare le proprietà di una circonferenza, riconoscere poligoni inscritti e circoscritti e conoscerne le proprietà, conoscere le proprietà dei poligoni regolari

riconoscere poligoni equivalenti applicando opportuni criteri

calcolare la misura dell'area dei principali poligoni

applicare il teorema di Pitagora e i teoremi di Euclide

risolvere semplici problemi di geometria per via algebrica.


CLASSE TERZA

Saper:


risolvere equazioni di secondo grado e sistemi di secondo grado

conoscere il concetto di funzione

rappresentare punti in un sistema di riferimento cartesiano ortogonale

risolvere problemi sulla retta e sulla circonferenza

rappresentare una parabola nel piano cartesiano e scriverne l'equazione

applicare le proprietà delle proporzioni

riconoscere la proporzionalità diretta e inversa

individuare figure simili


CLASSE QUARTA

Saper:


la definizione di logaritmo di un numero

le proprietà della funzione esponenziale e della funzione logaritmica e relativo grafico

le proprietà delle funzioni goniometriche e le relazioni fondamentali della goniometria

rappresentare graficamente le funzioni goniometriche

i valori di angoli particolari e relazioni fra archi associati.

le relazioni fra le funzioni goniometriche

risolvere un triangolo rettangolo e un triangolo qualunque, l'area del triangolo

risolvere una disequazione di secondo grado anche graficamente.


CLASSE QUINTA

Saper:


riconoscere alcune caratteristiche delle funzioni

calcolare limiti di funzioni

riconoscere la continuità e le discontinuità di una funzione

individuare gli asintoti di una funzione

calcolare la derivata di una funzione sia applicando la definizione sia applicando opportune regole di derivazione

applicare i teoremi sulle funzioni derivabili

trovare i punti di massimo e di minimo di una funzione

trovare i punti di flesso e stabilire la concavità di una funzione

studiare in modo completo una funzione razionale.

CONTENUTI DI MATEMATICA DEL CORSO SCIENTIFICO
CLASSE PRIMA

Teoria degli insiemi: operazioni e proprietà. Relazioni e funzioni.

Elementi di logica: proposizioni e operazioni con le proposizioni.Tautologie e regole di deduzione.

Numeri naturali, interi relativi e razionali: operazioni e proprietà delle operazioni.

Monomi, polinomi, prodotti notevoli, divisione tra due polinomi e regola di Ruffini.

Scomposizione di un polinomio in fattori. Frazioni algebriche.

GEOMETRIA: nozioni fondamentali di geometria euclidea, i triangoli e loro classificazione, criteri di congruenza dei triangoli e conseguenze. Rette perpendicolari e rette parallele. Criterio di parallelismo di due rette e conseguenze. Luoghi geometrici. Le simmetrie. Parallelogrammi e loro proprietà. Parallelogrammi particolari. I trapezi.
CLASSE SECONDA

Equazioni, disequazioni e sistemi di primo grado. Numeri reali e radicali. Equazioni e sistemi di secondo grado. Particolari equazioni di grado superiore al secondo. Equazioni irrazionali e equazioni con valore assoluto.

GEOMETRIA: circonferenza e cerchio, poligoni inscritti e circoscritti, poligoni regolari.

Equivalenza delle superfici piane, teoremi di Euclide e teorema di Pitagora. Rapporti e proporzioni.

Teorema di Talete e sue conseguenze. Similitudine tra figure piane, triangoli simili, corde e secanti di una circonferenza.
CLASSE TERZA

Disequazioni di secondo grado e sistemi di disequazioni di secondo grado, disequazioni fratte,

disequazioni irrazionali e disequazioni con valore assoluto.

GEOMETRIA ANALITICA: introduzione alla geometria analitica, la retta nel piano cartesiano.

Le coniche nel piano cartesiano: circonferenza, parabola, ellisse e iperbole.

Potenze a esponente reale. La funzione esponenziale e proprietà. Definizione di logaritmo e proprietà dei logaritmi. La funzione logaritmica. Equazioni esponenziali e equazioni logaritmiche.


CLASSE QUARTA

Disequazioni esponenziali e disequazioni logaritmiche.

Funzioni goniometriche. Formule goniometriche. Equazioni e disequazioni goniometriche.

Relazioni fra lati e angoli di un triangolo e risoluzione dei triangoli. Applicazioni della trigonometria.

Rette e piani nello spazio. Poliedri e solidi di rotazione.
CLASSE QUINTA

Insiemi numerici. Funzioni e classificazione delle funzioni matematiche. Definizione di limite di una funzione e teoremi generali sui limiti. Funzioni continue e calcolo dei limiti.Teoremi sul calcolo dei limiti. Limiti delle funzioni razionali. Limiti notevoli. Forme indeterminate. Infinitesimi e infinti e loro confronto.Discontinuità delle funzioni e proprietà delle funzioni continue.Zeri di una funzione. Definizioni e nozioni fondamentali sulle derivate. Derivate fondamentali. Teoremi sul calcolo delle derivate. Differenziale di una funzione. Regola di De L'Hopital. Teoremi sulle funzioni derivabili. Massimi, minimi e flessi. Problemi di massimo e di minimo. Asintoti di una funzione.

Schema generale per lo studio di una funzione.

Integrali indefiniti e integrali definiti. Calcolo di aree e di volumi.



CONTENUTI DI MATEMATICA PER GLI INDIRIZZI:

LINGUISTICO-SCIENZE SOCIALI E SOCIO PSICO-PEDAGOGICO.
CLASSE PRIMA

Teoria degli insiemi:operazioni e proprietà.

Numeri naturali, interi relativi e razionali.

Calcolo letterale: monomi, polinomi e scomposizione dei polinomi in fattori primi.

Frazioni algebriche. Equazioni di primo grado.

GEOMETRIA

Concetti primitivi e postulati della geometria euclidea. Rette semirette e segmenti. Angoli. Poligoni.

I triangoli e criteri di congruenza. Classificazione dei triangoli. Rette perpendicolari e rette parallele. Criterio di parallelismo e conseguenze.


CLASSE SECONDA

Relazioni e funzioni. Il piano cartesiano e la retta. Sistemi di primo grado. Disequazioni di primo grado e sistemi di disequazioni. I numeri reali e i radicali.

Elementi di statistica. (Scienze Sociali e Socio psico pedagogico)

GEOMETRIA

Trasformazioni isometriche nel piano euclideo: simmetria centrale e simmetria assiale.

Luoghi geometrici. I parallelogrammi e proprietà. Parallelogrammi particolari. I trapezi.

Circonferenza e cerchio. Poligoni inscritti e circoscritti. Poligoni regolari. Equivalenza delle figure

piane. Teoremi di Euclide e teorema di Pitagora.


CLASSE TERZA

Equazioni di secondo grado e sistemi di secondo grado.

GEOMETRIA ANALITICA: retta, circonferenza e parabola.

GEOMETRIA: rapporti e proporzioni fra grandezze, teorema di Talete, similitudine di figure piane.

Criteri di similitudine dei triangoli. Triangoli particolari.


CLASSE QUARTA

Disequazioni di secondo grado e sistemi di disequazioni.

Potenze a esponente reale. Definizione di logaritmo. La funzione esponenziale e la funzione logaritmica: proprietà e rappresentazione grafica, dominio e codominio.

Funzioni goniometriche: variazione e periodicità, rappresentazione grafica, dominio e codominio.

Relazioni tra le funzioni goniometriche. Angoli particolari. Archi associati.

Relazioni tra lati e angoli di un triangolo. Teoremi sui triangoli rettangoli e sui triangoli qualsiasi.

Risoluzione dei triangoli.
CLASSE QUINTA

Le funzioni e loro proprietà. Classificazione delle funzioni matematiche e determinazione del dominio. I limiti delle funzioni. Funzioni continue e calcolo dei limiti. Limiti delle funzioni razionali. Forme indeterminate. Alcuni limiti notevoli. Proprietà delle funzioni continue.

Discontinuità di una funzione. Gli asintoti. Derivata di una funzione e teoremi sulle funzioni derivabili. Punti di massimo e minimo relativo e punti di flesso per una funzione. Condizione necessaria e condizione sufficiente per l'esistenza di tali punti.

Studio di una funzione razionale e sua rappresentazione grafica.




FISICA
LICEO SCIENTIFICO E LINGUISTICO
COMPETENZE DI FISICA PER CLASSI PARALLELE
CLASSE TERZA

Saper:


utilizzare la notazione scientifica

riconoscere la relazione tra due grandezze e rappresentarla graficamente

operare con i vettori

stabilire se un corpo rigido vincolato o no sia in equilibrio

valutare il vantaggio di una macchina semplice

calcolare la velocità media e l'accelerazione media

utilizzare la legge oraria del moto rettilineo uniforme

applicare le leggi del moto uniformemente accelerato

applicare i tre principi della dinamica

calcolare la forza gravitazionale

calcolare il lavoro di una forza costante

valutare l'energia potenziale di un corpo

applicare il teorema dell'energia cinetica
CLASSE QUARTA

Saper:


calcolare la dilatazione di un solido o un liquido

applicare la legge fondamentale della termologia

determinare la temperatura di equilibrio

applicare le leggi dei gas

calcolare il lavoro in una trasformazione termodinamica

applicare il primo principio della termodinamica

calcolare il rendimento di una macchina termica

applicare le leggi della riflessione e della rifrazione

costruire graficamente l'immagine di un oggetto
CLASSE QUINTA

Saper:


applicare la legge di Coulomb

valutare il campo elettrico in un punto

calcolare la capacità equivalente di più condensatori

schematizzare un circuito elettrico

applicare la I e la II legge di Ohm

determinare la resistenza equivalente di un circuito

valutare l'effetto della resistenza interna

individuare direzione e verso del campo magnetico

calcolare l'intensità del campo magnetico in alcuni casi particolari

calcolare la forza su un conduttore percorso da corrente

calcolare il flusso del campo magnetico

applicare la legge di Faraday-Neumann-Lenz

distinguere fra i vari tipi di onde elettromagnetiche.


CONTENUTI DI FISICA PER IL LICEO LINGUISTICO
CLASSE TERZA

Grandezze fisiche scalari e vettoriali. Operazioni con i vettori.

Velocità, accelerazione, moto rettilineo uniforme, moto uniformemente accelerato e leggi orarie.

Grafico spazio-tempo e grafico velocità-tempo. Il moto circolare uniforme.

Le forze. Forza peso, forza d'attrito e forza elastica.

Condizioni di equilibrio di un punto materiale e di un corpo rigido.

I principi della dinamica. I sistemi di riferimento inerziali. La massa inerziale. La caduta libera e la discesa lungo un piano inclinato Il lavoro e la potenza. Energia cinetica e energia potenziale. Principio di conservazione dell'energia meccanica. La legge della gravitazione universale.

L'equilibrio dei fluidi.


CLASSE QUARTA

Il termometro e scale termometriche. L'equilibrio termico. La dilatazione lineare dei solidi e la

dilatazione volumica dei solidi e dei liquidi con relative leggi. Le leggi dei gas. Il gas perfetto.

Calore e lavoro. Capacità termica e calore specifico. Propagazione del calore. Cambiamenti di stato

della materia. I e II principio della termodinamica. Le macchine termiche e il ciclo di Carnot.

Le onde elastiche e loro caratteristiche. Il suono e l'effetto Doppler. La luce, riflessione e rifrazione della luce. La riflessione totale. Costruzione dell'immagine per lo specchio piano e per gli specchi sferici. Teoria corpuscolare e teoria ondulatoria della luce. Interferenza e diffrazione.


CLASSE QUINTA

La carica elettrica e l'elettrizzazione. La legge di Coulomb. Il campo elettrico e le linee del campo.

L'energia potenziale elettrica e il potenziale elettrico. Le superfici equipotenziali. Conduttori in equilibrio. Capacità di un conduttore. Il condensatore. La corrente elettrica e sua intensità. I generatori di tensione e i circuiti elettrici. La prima legge di Ohm. Resistori in serie e in parallelo.

I conduttori metallici e la seconda legge di Ohm. Resistività e temperatura. La corrente elettrica nei liquidi e nei gas. La forza magnetica e le linee del campo magnetico. Forze tra magneti e correnti.

Forze tra correnti. L'intensità del campo magnetico. La forza magnetica su un filo percorso da corrente. Il campo magnetico di un filo, di una spira e di un solenoide percorsi dalla corrente elettrica. La forza di Lorentz. Il flusso del campo magnetico. La corrente indotta. La legge di Faraday-Neumann e la legge di Lenz. Le onde elettromagnetiche.


CONTENUTI DI FISICA DEL CORSO SCIENTIFICO
CLASSE TERZA

MECCANICA

Grandezze fisiche e loro misura.

Sistemi di riferimento.La velocità, il moto rettilineo uniforme e il grafico spazio-tempo.

L'accelerazione e il grafico velocità-tempo, il moto uniformemente accelerato. I vettori e operazioni con i vettori. I moti nel piano. Moto circolare uniforme e il moto armonico. Le forze. Forza peso, forze d'attrito e forza elastica.

L'equilibrio dei solidi: l'equilibrio di un corpo rigido, le leve e il piano inclinato, il baricentro.

I principi della dinamica e i sistemi di riferimento inerziali. La caduta libera e la forza peso. Il moto armonico di una molla e il pendolo.

Lavoro ed energia. Principio di conservazione dell'energia meccanica. Quantità di moto e relativa legge di conservazione.Le leggi di Keplero e la legge di gravitazione universale.

L'equilibrio dei fluidi: la pressione, i vasi comunicanti e la spinta di Archimede. La pressione atmosferica. Legge di Pascal. Legge di Stevin.


CLASSE QUARTA

TERMOLOGIA

Il termometro e le scale termometriche.L'equilibrio termico.La dilatazione lineare e volumica con relative leggi. Calore e lavoro. Capacità termica e calore specifico. Il calorimetro. Propagazione del calore. Cambiamenti di stato. Le leggi dei gas. L'equazione di stato del gas perfetto.

I principi della termodinamica. Le macchine termiche. Gli enunciati di Kelvin e di Clausius.Il ciclo di Carnot e il rendimento di una macchina. L'entropia.
ACUSTICA

Le onde elastiche e loro caratteristiche. L' interferenza. Il suono e l'effetto Doppler.



OTTICA

La luce. Riflessione e rifrazione. La riflessione totale. Lo specchio piano e gli specchi curvi.

Costruzione dell'immagine per gli specchi sferici e la legge dei punti coniugati. Le lenti sferiche.

Teoria corpuscolare e teoria ondulatoria della luce. Interferenza e diffrazione della luce.


CLASSE QUINTA

ELETTROMAGNETISMO

La carica elettrica e l'elettrizzazione. La legge di Coulomb. Il campo elettrico e le linee del campo.

Il teorema di Gauss. L'energia potenziale elettrica e il potenziale elettrico. Le superfici equipotenziali. Conduttori in equilibrio. Capacità di un conduttore. Il condensatore. Condensatori

in serie e in parallelo.

La corrente elettrica. Generatori di tensione e i circuiti elettrici. La prima legge di Ohm. I resistori

in serie e in parallelo. Le leggi di Kirchoff. La forza elettromotrice. I conduttori metallici e la seconda legge di Ohm. Resistività e temperatura.

L'estrazione degli elettroni da un metallo: l'effetto termoionico e l'effetto fotoelettrico. L'effetto

Volta. La corrente elettrica nei liquidi e nei gas.

Fenomeni magnetici fondamentali. Forze tra magneti e correnti e forze tra correnti. L'intensità del campo magnetico. Il campo magnetico di un filo percorso da corrente, di una spira e di un solenoide. La forza di Lorentz. Il moto di una carica in un campo magnetico uniforme. Il flusso del

campo magnetico. L'induzione elettromagnetica. La legge di Faraday-Neumann e la legge di Lenz.

L'autoinduzione. La corrente alternata. Le onde elettromagnetiche. Fisica relativistica. Fisica quantistica.

METODOLOGIA E STRUMENTI

Lezioni interattive svolte alla scoperta di nessi, relazioni, leggi.

Risoluzione di problemi.

Lezioni frontali per la sistematizzazione.

Lavori di produzione in piccoli gruppi.

Laboratorio di informatica con Derive ed Excel.

Laboratorio di fisica.
VERIFICHE

prove scritte con: risoluzione di esercizi, test a risposta multipla, domande a risposta aperta.

prove orali,

interventi costruttivi e/o propositivi.

Nella valutazione delle prove si terrà conto:

del grado di conoscenza dello specifico argomento:



  • conoscenza dei contenuti e delle regole

  • applicazione corretta degli algoritmi di calcolo

  • uso del linguaggio appropriato

  • coerenza logica

della capacità di rielaborazione personale:

- svolgimento ben organizzato

- ricerca del percorso ottimale di risoluzione.




EDUCAZIONE FISICA

Finalità della disciplina



  1. Socializzazione

  2. Capacità di operare individualmente e in cooperazione con gli altri

  3. Consapevolezza dei propri mezzi e dei propri limiti

  4. Rispetto degli altri

  5. Capacità di controllo motorio e di autocontrollo

  6. Acquisizione di procedure motorie,alimentari, igienico -sanitarie necessarie al mantenimento della migliore condizione fisica.

Obiettivi generali

  1. Potenziamento fisiologico con particolare attenzione agli effetti benefici dell’attività motoria sugli apparati scheletrico - muscolare,cardiocircolatorio, respiratorio.

  2. Potenziamento delle capacità condizionali ( resistenza, forza, velocità) e delle capacità coordinative (equilibrio, coordinazione motoria).

  3. Attività motoria come linguaggio corporeo.

  4. Pratica sportiva sottolineando l’aspetto altamente formativo dello sport, volto al miglioramento continuo di se stessi, al rispetto dei ruoli, alla lealtà e alla collaborazione in vista di un obiettivo comune.

  5. Assunzione di corrette posture come mezzo per prevenire i paramorfismi.

  6. Tecniche di rilassamento.

  7. Norme fondamentali sulla tutela de3lla salute e sul corpo umano.



Temi e contenuti

disciplinari



Nuclei fondanti e

obiettivi specifici



Competenze/capacità/

abilità



Metodologie

Esercizi e

attività


Materiali e sussidi usati

Strumenti di

verifica


Potenziamento

fisiologico

Corsa di


resistenza.

Esercizi di rafforzamento

muscolare

eseguiti in

movimento.

Saltelli in tutte

le direzioni.


Migliorare la capacità respiratoria,cardio

circolatoria e

muscolare scheletrica.





Spiegazione degli effetti degli esercizi

Palestra

Osservazioni sistematiche

Potenziamento

delle capacità condizionali e coordinative.

Esercizi di scioltezza articolare.

Esercizi di coordinazione motoria.

Esercizi di velocità e forza




Migliorare la resistenza, la forza, la velocità, la scioltezza, l’equilibrio, la coordinazione motoria




Esercizi a corpo libero,individuali, in coppie, in gruppi.

Esercizi a carico naturale.

Esercizi di opposizione e resistenza.


Piccoli attrezzi, la trave, tappetini

Test

Osservazioni sistematiche



Movimento come linguaggio

Capacità di esprimere col movimento particolari stati d’animo




Esercizi di mimica

Tappetini

Osservazioni sistematiche

ALTRE ATTIVITA’ : Giochi sportivi studenteschi



Temi e contenuti

disciplinari



Nuclei fondanti e

obiettivi specifici



Competenze/capacità/

abilità



Metodologie

Esercizi e

attività


Materiali e sussidi usati

Strumenti di

verifica


Pratica sportiva

Pallavolo

Tennistavolo

Migliorare le abilità tecniche relative agli sport trattati.

Rispettare le regole.

Acquisire il concetto di lealtà.

Imparare a collaborare e a rispettare gli altri.



Acquisire tecniche sempre più raffinate e comportamenti corretti e leali

Fondamentali individuali e di squadra.

Impostazione del gioco e della tecnica dell’attacco e della difesa.



palloni

Incontri di pallavolo con arbitraggio.

Tornei di tennistavolo.



Prevenzione di paramorfismi con assunzione di corrette posture

Sensibilizzazione all’acquisizione di atteggiamenti corretti sia in posizione statica che dinamica allo scopo di prevenire scoliosi, cifosi, lordosi.

Essere in grado di percepire la corretta postura statica e dinamica

Esrcizi di mobilizzazione della colonna vertebrale e delle articolazioni scapolo-omerale e coxo-femorale.


Piccoli attrezzi,

Test motori


Tecniche di rilassamento



Riuscire a ritrovare la capacità di rilassare corpo e mente per tipristinare le proprie energie vitali.




Educazione respiratoria con esercizi eseguiti individualmente.

Training autogeno



Tappetini

Osservazioni sistematiche

Norme sulla tutela della salute







Lezioni teoriche sull’alimentazione,pronto soccorso,paramorfismi e brevi cenni di anatomia del corpo umano.

Igiene dei vari apparati



Libro di testo

Interrogazioni

ALTRE ATTIVITA’ : Giochi sportivi studenteschi

L’integrazione dell’offerta formativa
I progetti per il 2009-2010

Progetto “Italiano per principianti”




Obiettivi

- Apprendere la lingua italiana in vista di competenze pragmatico- comunicative;

- Sviluppo delle modalità generali del pensiero attraverso la riflessione sul linguaggio;

- Acquisizione di una competenza comunicativa elementare che permetta di servirsi della lingua in

modo adeguato al contesto;

- Integrazione col territorio ospitante



attraverso


Due incontri settimanali in orario extracurricolare

Interventi didattici per il consolidamento e/o più completa alfabetizzazione culturale e linguistica

Progetto Scambi culturali “Conoscere le città europee: Napoli -Berlino”




Obiettivi

  • Ampliare la formazione dell’alunno in quanto cittadino europeo

  • Abbattere la barriera dei pregiudizi attraverso la conoscenza di sé e dell’altro

  • Approfondimento linguistico e culturale

  • Ampliamento della competenza comunicativa dell’alunno

attraverso




Accoglienza ospiti

tedeschi del

Ruckert Gymnasium


Viaggio- soggiorno a Berlino

Attività storico-culturali


Visite alle sedi istituzionali

Progetto ”Leggiamoci fuori scuola”





Obiettivi

  • sviluppare l’interesse per la lettura

  • arricchire il bagaglio comunicativo degli allievi

  • accostare gli studenti alla letteratura contemporanea

attraverso




Lettura guidata di cinque testi di autori contemporanei

.








Incontri pomeridiani con l’autore per discutere sui temi del libro .

Progetto DELF




Obiettivi

  • Miglioramento dei livelli di conoscenza e competenza della lingua francese

  • Potenziamento dello studio delle lingue attraverso percorsi di apprendimento innovativi, che applichino anche nuove tecnologie didattiche

  • Raggiungimento dei livelli standard di competenza linguistica, così come definiti dal portfolio europeo

  • Autonomia di apprendimento




attraverso

Corso di preparazione alle prove scritte ed orali per la certificazione DELF,livello B1 del Quadro Europeo Comune di Riferimento (QECR)

 Progetto “Trinity College Examinations”




Obiettivi

  • Approfondire conoscenze fonologiche ,grammaticali e funzionali

  • Sviluppare abilità comunicative orali conformi ai vari livelli del quadro comune di riferimento europeo

attraverso


Certificazione esterna in lingua inglese

Due corsi di livello B1 e B2



Uso di materiale video ed audio

 Progetto “Non violenza. Difesa senza violenza”



Obiettivi

- Far riflettere su una visione positiva dei conflitti,indagandone possibili fattori di trasformazione;

- Fornire occasioni di conoscenza dell’approccio non violento;

- Acquisire modalità relazionali di rispetto dell’altro,anche nel conflitto: non distruttive



attraverso


Quattro incontri di 2 ore in orario extracurricolare



 Progetto “Certificazione in lingua spagnola DELE”




Obiettivi

  • Rafforzamento della competenza comunicativa in lingua spagnola

  • Promuovere e favorire l’apertura alle culture altre

  • Arricchire le conoscenze linguistiche in L1 e L2

attraverso

Un incontro settimanale in orario extracurricolare



 Progetto “Cired”





Obiettivi

  • Acquisizione di un atteggiamento di ricerca

  • Acquisizione di autonomia, autostima,autovalutazione

  • Acquisizione di efficacia relazionale e comunicativa

  • Percezione del valore formativo della conoscenza

  • Acquisizione del metodo di studio

attraverso


I molti luoghi tra il cielo e la terra (filosofia)

I luoghi tra sogno e realtà (geografia)



Incontri settimanali durante le ore curricolari.

Cinque incontri pomeridiani con esperti



Progetto “Il tempo da Anassimandro ad Heisemberg”


Obiettivi

- Promozione e diffusione della cultura scientifica

- Conoscenza della fisica moderna

- Capacità di comprendere i procedimenti dell’indagine scientifica

- Capacità di operare collegamenti di pensiero a differenti livelli di astrazione e di formalizzazione

- Uso degli strumenti espressivi ed argomentativi



attraverso

E’ un intervento pluridisciplinare che affronta ed approfondisce tematiche dell’intero corso di studi.

Un incontro settimanale in orario extracurricolare


Progetto “L’Europa del Welfare State”




Obiettivi

- Riconoscere le origini comuni e le caratteristiche essenziali dei sistemi socio economici europei e

la connessione tra essi e i sistemi costituzionali e politici che ne sono derivati.

- Acquisire capacità partecipative e di iniziativa nella vita sociale e nella futura vita lavorativa.

- Acquisire abilità a cooperare nel lavoro di ricerca.

- Sviluppo dell’autostima , delle capacità argomentative e comunicazionali.



attraverso

1 o 2 incontri settimanali per tre mesi in orario extracurricolare

Eventuale viaggio d’istruzione a Stoccolma

Progetto “ Le risorse del mare e della storia”




Obiettivi

- Sviluppare l’attenzione per il territorio a vantaggio della ricerca e dello studio.

- Dare agli studenti l’occasione di sviluppare attività di formazione per la riqualificazione e la

creazione di competenze legate al patrimonio e alle attività culturali.



attraverso

Integrazione delle conoscenze e dei saperi della storia e delle tradizioni artistiche di Napoli per la progettazione di imprese giovanili

Sviluppo di capacità di teoria e applicazione di ricerca storica, antropologica e culturale per integrare le conoscenze ai fini imprenditoriali.

Un incontro settimanale in orario extracurricolare

 Progetto “Passi nell’arcobaleno”





Obiettivi

  • Perfezionamento del linguaggio del corpo

  • Sviluppo della creatività e della coordinazione motoria

  • Disinvoltura nei movimenti; adattabilità allo sforzo

  • Sviluppo di capacità espressive non verbali

attraverso




Due incontri settimanali di due ore extracurricolari

Improvvisazione coreografica guidata



Costruzione di brevi brani coreografici

Spettacolo di fine anno



Progetto “ La gioia di vivere ”


Obiettivi

- Prevenire tutti i disturbi che si possono presentare in età avanzata;

- Conoscenza approfondita dei percorsi di prevenzione


attraverso

Prevenzione della salute attraverso la corretta informazione

Incontri con esperti in orario curricolare





Progetto “ Centro sportivo scolastico ”




Obiettivi

-Promuovere l’attività sportiva costruendo un circuito strutturato a misura di ogni partecipante e

ponendo doverosa attenzione ai diversamente abili;

-Creare negli alunni un’abitudine sportiva nello stile di vita e permettere loro di percepirla come

un’attività regolare e tendenzialmente quotidiana.


attraverso

Attività sportive: tennis –tavolo e pallavolo maschile e femminile

Tre incontri settimanali di circa 2 ore in orario extracurricolare



Progetti Programma Operativo Nazionale (PON)




COMMISSIONE EUROPEA
Progetto “SVILUPPO DELLE COMPETENZE CHIAVE”

Azione C1



Obiettivi didattici

Migliorare i livelli di conoscenza e competenza dei giovani

Gli interventi progettati saranno rivolti in modo particolare agli alunni del biennio e prevedono le seguenti aree:

- comunicazione nelle lingue straniere (francese) “Lingua francese”;

- comunicazione nelle lingue straniere (inglese) “A future for you”;

- competenze digitali “Certificazione Microsoft IC3”;

- competenze matematiche “Accogliamoli con i numeri”.


attraverso

30/ 50 ore per corso in orario extracurricolare


Metodologia laboratoriale




Progetto “Interventi per promuovere il successo scolastico”

Azione F2


Obiettivi didattici

Promuovere il successo scolastico ,le pari opportunità e l’inclusione sociale

Gli interventi progettati prevedono percorsi di formazione abilità di studio/orientamento nelle

le seguenti aree:



  • “ Sopra le righe” ( italiano)

  • “ No sms” ( italiano)

  • “ Discutiamo di matematica” ( matematica)

  • “ Il mondo dei numeri” ( matematica)

  • “ Sperimenti@moci” ( scienze)

  • “ Multimedialità e realtà socio-culturale del territorio” (Percorso formativo genitori)




attraverso

30 ore per corso in orario extracurricolare


Metodologia laboratoriale




Progetto “Impariamo continuamente..”

Azione G1


Obiettivi didattici

Interventi formativi flessibili finalizzati al recupero dell'istruzione di base per giovani e adulti

Competenze storico-socio-economiche

- “ Cultura,eventi e società”

Competenze linguistiche (lingue straniere)

- “ Interlingua 2009”



attraverso

60 ore per corso in orario extracurricolare


Metodologia laboratoriale




Progetto “Aggiornamento docenti”

Azione B7


Obiettivi

Interventi individualizzati e per l'auto-aggiornamento del personale scolastico

Percorso di formazione all'apprendimento linguistico
“ Inglese prof!”


attraverso

50 ore per corso in orario extracurricolare


Metodologia laboratoriale






1   ...   4   5   6   7   8   9   10   11   12


©astratto.info 2017
invia messaggio

    Pagina principale