L’immagine iconoclastica la fede filosofica di Andrea Emo 1



Scaricare 82.5 Kb.
Pagina4/8
29.03.2019
Dimensione del file82.5 Kb.
1   2   3   4   5   6   7   8
Campi di ricerca

Nel corso della più che ventennale attività studioso, la sua ricerca si è sviluppata in tre principali direzioni :

a) l’indagine teoretica su alcune questioni relative alla filosofia greca(e legate in particolare all’opera di Platone, Aristotele e Plotino)e alla riappropriazione e reinterpretazione della tradizione greca da parte della filosofia moderna e contemporanea (con particolare attenzione al pensiero di Hegel, Nietzsche, Heidegger e Derrida).

Testimonianza di ciò sono le personali traduzioni commentate di classici della filosofia greca(presocratici, Platone ed Aristotele), per collane scolastiche di approfondimento(e regolarmente adottate nei licei) e soprattutto il volume Movimento e sostanza. Saggio sulla teologia platonico-aristotelica(1995), definito da M.Cacciari: “un audace tentativo di combinare in Aristotele teologia e fisica, attraverso la ridiscussione dei termini di arché e àpeiron.



  1. L’indagine di tipo genealogico e critico sul pensiero operante nei saperi scientifici e nelle scienze umane(dall’antropologia, alla psicologia, alla psicoanalisi, all’economia, alla politica), alla ricerca delle loro figure paradigmatiche e degli “effetti di verità” prodotti dalle loro pratiche.

Testimonianza di questo percorso - oltre ai numerosi convegni e cicli di incontri pubblici promossi e organizzati su questi temi, per conto dell’Istituto-Fondazione “A.Gramsci” del Veneto - è il libro I miti della globalizzazione(2003, pref. di P.Barcellona), nonché le collaborazioni, anche recenti, sul tema dei saperi e delle immagini di Europa, con il prof. Felix Duque dell’Universidad Autónoma di Madrid.

  1. La ricerca sulla valenza estetica delle “forme del fare” iniziata col libro Le forme del fare(scritto nel 1987 con M.Cacciari e M.Donà), proseguita nel corso della collaborazione con il Politecnico di Torino e con il contributo a riviste come “Fotologia”(fondata e diretta da Italo Zannier) e “Anfione Zeto”. Questa direzione di ricerca ha avuto un nuovo impulso negli ultimi anni, in seguito all’impegno presso l’Accademia delle Belle Arti di Brera e la frequentazione e la collaborazione con gli artisti che vi insegnano e con i quali è entrato in contatto in qualità di “filosofo dell’immagine”.

Nel suo percorso attraverso tali orizzonti di ricerca, ha avuto modo di confrontarsi e di collaborare con molti tra i più importanti filosofi e/o testimoni privilegiati della cultura italiana ed europea, quali: Emanuele Severino, Giulio Girello, Pietro Barcellona, Félix Duque, Giacomo Marramao, Bruno Forte, Roberto Esposito, Salvatore Natoli, Carlo Sini, Claudio Napoleoni, Massimo Cacciari, Massimo Donà, Sergio Givone, Vincenzo Vitiello, Mario Perniola, Carlo Galli, Paolo Flores d’Arcais, Pier Aldo Rovatti, Umberto Curi, Giorgio Pasqualotto, Andrea Tagliapietra, Francesco Tomatis, Patxi Lanceros, Toni Negri, Christian Marrazzi, Edoardo Benvenuto, Giuseppe Mazzariol, Giuseppe Ciribini, Francesco Dal Co, Italo Zannier, Bernardo Secchi, Valeriano Pastor, Giovanna Fozzer, Flavio Ermini, Daniele Del Giudice, Andrea Zanzotto.

Ha pubblicato sinora per i seguenti editori nazionali ed esteri:

Liguori (Napoli), Marsilio (Venezia), Guerini e Associati (Milano), Raffaello Cortina(Milano), Dedalo (Bari); Franco Angeli (Milano), La Nuova Italia Scientifica (Roma), Alinea (Firenze), Pagus (Treviso), il Cardo (Venezia), Belborgo (Ferrara), il Poligrafo (Padova), Colonna (Milano), Guida (Napoli), Moretti&Vitali(Bergamo); Ediciones Akal (Madrid), Ediciones CBA(Madrid), Spur Verlag (Zurigo), Bompiani(Milano), Bollati-Boringhieri(Torino), Mimesis(Milano) .




Condividi con i tuoi amici:
1   2   3   4   5   6   7   8


©astratto.info 2019
invia messaggio

    Pagina principale