L’osservazione nella ricerca educativa Roberto Trinchero



Scaricare 0.53 Mb.
02.06.2018
Dimensione del file0.53 Mb.


L’osservazione nella ricerca educativa

  • Roberto Trinchero

  • Università degli studi di Torino

  • roberto.trinchero@unito.it

  • Slides disponibili su www.edurete.org


Vedere, guardare, osservare

  • Vedere: non intenzionale, non sistematico

  • Guardare: intenzionale, non sistematico

  • Osservare: intenzionale, sistematico



Osservazione

  • “Una rilevazione di informazioni intenzionale e rigorosa. […] Implica un guardare selettivo, secondo ipotesi, finalizzato a rilevare informazioni in modo valido e costante.” (C. Coggi)



Osservazione

  • L’osservazione comporta (C. Coggi):

  • La presenza di un osservatore adeguatamente formato

  • Un contesto scelto con attenzione

  • Un oggetto da osservare ben delimitato

  • Strumenti idonei e coerenti



Temi legati all’Osservazione

  • «Il problema fondamentale dell’osservazione è l’oggettività. A questa oggettività ci si accosta attraverso il mondo interno dell’osservatore, che non va inteso come un registratore indifferente di eventi, ma un insieme di pensieri e di sentimenti che entrano nel processo cognitivo e il cui codice di lettura può essere ampio, aperto alle possibilità e al diverso o viceversa, chiuso e pregiudicante. L’osservazione è dunque apertura alla problematicità e alla possibilità, alla sospensione del giudizio, intendendo con questi termini la capacità di cogliere i segni inviati dall’oggetto, di percepire l’oggetto come processo, come realtà in divenire che cresce nel tempo e nel tempo si arricchisce di significati e di nuove possibilità interpretative. L’osservazione implica un atteggiamento libero della mente capace di accettare il mutamento, l’evoluzione dell’oggetto, l’evoluzione della mente dell’osservante, comporta l’accettazione del nuovo, la tolleranza dell’ignoto, l’apertura al futuro e, insieme, l’esperienza del passato, la memoria e il ricordo che si arricchiscono nella continuità dell’esperienza».



Osservazione

  • Osservazione come metodo di ricerca → Ricerca osservativa

  • Osservazione come tecnica di ricerca → Rilevazione mediante osservazione



Osservazione come metodo

  • Contrapposto agli studi sperimentali

  • Mira a studiare gli eventi “così come si presentano in natura”:

    • Fornendo una base descrittiva ampia e completa del comportamento
    • Cogliendo la significatività di tale comportamento
    • Rendendo conto dell’effettivo manifestarsi del comportamento nella vita reale


Osservazione come tecnica di rilevazione dei dati

  • Un insieme di procedure, che utilizzano determinati strumenti, volte a rilevare dati che devono essere validi ed attendibili

  • Mira a produrre dati con vari livelli di strutturazione, volti a:

    • descrivere oggetti e contesti,
    • spiegare fattori sulla base di altri fattori
    • comprendere le “buone ragioni” alla base dell’agire dei soggetti


L’influenza dei modelli dell’osservatore

  • Ciò che osserviamo esiste realmente o è una nostra rappresentazione?

  • Osservare senza modelli espliciti ci espone al rischio di vedere le cose secondo numerosi modelli impliciti (Gallino)



Esempio



Eventi



Un possibile processo di ricerca osservativa

  • Dichiarare gli obiettivi dell’osservazione → Perché vogliamo osservare?

  • Dichiarare le attese dell’osservatore (ipotesi) → Cosa ci aspettiamo di osservare?

  • Definire gli elementi da osservare → Cosa vogliamo osservare?

  • Definire i contesti di osservazione → Dove vogliamo osservare?

  • Definire le tecniche e gli strumenti di osservazione → Come e con che cosa vogliamo osservare?

  • Controllare validità e attendibilità dei dati rilevati → Come possiamo controllare di aver osservato proprio ciò che ci serviva, senza distorsioni?

  • Analizzare i dati → Cosa abbiamo imparato dall’osservazione?



1. Dichiarare gli obiettivi dell’osservazione

  • Quattro tipologie di obiettivi:

  • Descrivere una situazione osservata attraverso parametri statistici (quanti …)

  • Spiegare fattori sulla base di altri fattori

  • Descrivere una situazione osservata identificandone le caratteristiche distintive (quali …)

  • Comprendere le “buone ragioni” alla base dell’agire dei soggetti



Esempi di obiettivi

  • A. Descrivere le dinamiche di integrazione degli allievi della classe X

  • B. “Stabilire se esiste una relazione tra grado di integrazione in classe ed atti di bullismo subiti”

  • C. “Comprendere le ‘buone ragioni’ che portano un soggetto ad essere isolato dal resto della classe”



Tutto si può osservare?

  • Eventi (ciò che è successo, di cui il soggetto è testimone)

  • Dati personali (ciò che il soggetto è o è stato)

  • Comportamenti (ciò che il soggetto fa o ha fatto)

  • Scelte (opinioni/preferenze/intenzioni) (ciò che il soggetto sceglie o ha scelto)

  • Atteggiamenti (ciò che il soggetto pensa o ha pensato a proposito di …)

  • Conoscenze/Abilità (ciò che il soggetto sa/sa fare)

  • Credenze (ciò che il soggetto è convinto di sapere, anche senza averne riscontro oggettivo)

  • Vissuti (ciò che il soggetto “sente” internamente: stati d’animo, emozioni, sentimenti)



2. Dichiarare le attese dell’osservatore (ipotesi)

  • Le ipotesi sono sempre espresse in forma assertiva (es. “Gli allievi che hanno più relazioni sociali in classe subiscono meno atti di bullismo”)

  • Anche negli studi “esplorativi” possono entrare in gioco numerose ipotesi implicite



Esempi di ipotesi

  • A. “Le dinamiche di integrazione nella classe X fanno riferimento ai seguenti comportamenti:

    • Svolgere attività con i compagni
    • Parlare di sé con i compagni
    • …”
  • B. “Esiste una relazione tra integrazione dell’allievo in classe ed atti di bullismo che subisce”

  • C. “Le ‘buone ragioni’ che portano un allievo ad isolare un compagno sono:

    • Avere interessi diversi dai propri
    • Appartenere ad un’etnia diversa
    • …”


3. Definire gli elementi da osservare

  • Se ricerca standard:

  • Isolare i fattori presenti nelle ipotesi

  • Dare a ciascun fattore presente nell’ipotesi una definizione operativa → individuare gli indicatori osservabili dello stato assunto dai fattori



Definizione operativa

  • Ipotesi: A. “Le dinamiche di integrazione nella classe X fanno riferimento ai seguenti comportamenti:

    • Svolgere attività con i compagni
    • Parlare di sé con i compagni
    • …”


3. Definire gli elementi da osservare

  • Se ricerca interpretativa:

  • Isolare i concetti presenti nelle ipotesi

  • Dare a ciascun concetto presente nelle ipotesi una definizione concettuale → dichiarare cosa si intende con quel concetto



Definizione concettuale

  • Ipotesi: C. “Le ‘buone ragioni’ che portano un allievo ad isolare un compagno sono:

    • Avere interessi diversi dai propri
    • Appartenere ad un’etnia diversa
    • …”


4. Definire i contesti di osservazione

  • Popolazione di riferimento

  • Campione preso in considerazione

  • Tempo/Luogo dove si osserva il campione oggetto di osservazione

  • L’unità di rilevazione è sempre il singolo soggetto



5. Definire le tecniche e gli strumenti di osservazione



Osservazione strutturata

  • Tecnica: Osservazione strutturata tramite check list

  • Strumento: check list



Osservazione strutturata

  • Tecnica: Osservazione strutturata tramite scala di valutazione

  • Strumento: scala di valutazione



Osservazione strutturata

  • Tecnica: osservazione strutturata tramite schema di codifica

  • Strumento: schema e foglio di codifica



Osservazione semi-strutturata

  • Tecnica: Osservazione semi-strutturata tramite griglia di osservazione

  • Strumento: griglia di osservazione



Osservazione semi-strutturata

  • Tecnica: Osservazione semi-strutturata tramite specimen

  • Strumento: scheda per la registrazione di specimen



Osservazione semi-strutturata

  • Tecnica: osservazione semi-strutturata tramite episodi aneddotici

  • Strumento: scheda per la registrazione di episodi aneddotici



Osservazione a bassa strutturazione

  • Tecnica: Osservazione esperienziale

  • Strumenti: diario, diario di bordo, videocamera



6. Controllare validità e attendibilità dei dati rilevati

  • La rilevazione è valida → se rilevo proprio ciò che mi prefiggevo di rilevare quando ho dichiarato i miei obiettivi

  • La rilevazione è attendibile → se in una seconda rilevazione, a parità di condizioni iniziali, il risultato della rilevazione è lo stesso



Minacce alla validità

  • Perdere di vista le finalità dell’osservazione

  • Non distinguere i fatti dalle proprie interpretazioni

  • Assumere un atteggiamento valutativo

  • Non tenere sotto controllo il proprio atteggiamento emotivo

  • Non tenere sotto controllo le proprie aspettative

  • Non tenere sotto controllo gli “effetti alone”

  • Non rapportare i comportamenti alla “cultura” del gruppo

  • Non tenere conto di possibili fattori di disturbo

  • Non calibrarsi con l’auto-osservazione

  • Effettuare sessioni quando non si è in buone condizioni psicofisiche



Minacce all’attendibilità

  • Non annotare in modo accurato ciò che accade

  • Limitarsi all’annotazione di comportamenti

  • Non offre sufficienti informazioni contestuali e temporali

  • Non adottare prospettive diverse nella rilevazione

  • Non tenere conto della reattività dei soggetti (“effetto Hawtorne”)



7. Analisi dei dati

  • Costruzione della matrice dei dati ed analisi statistica

  • Riduzione, codifica e rappresentazione degli asserti emersi



Matrice dei dati

  • Raggruppa i dati raccolti con tecniche ad alta strutturazione e consente l’applicazione di tecniche statistiche tramite software appositi (es. JsStat: www.edurete.org/jsstat)



Mappe concettuali



Controllo delle ipotesi

  • Tramite tecniche statistiche bivariate

  • Tramite la divisione degli asserti in “asserti che confermano le ipotesi” e “asserti che confutano l’ipotesi”



Fine





Condividi con i tuoi amici:


©astratto.info 2019
invia messaggio

    Pagina principale