Madonna del passo



Scaricare 11.89 Kb.
17.11.2017
Dimensione del file11.89 Kb.

In cammino con la Vergine Maria, la “Madonna del passo”
Il brano del Vangelo che abbiamo ascoltato ci invita a riflettere sul cammino di Gesù e sul nostro cammino, ovvero sul nostro modo di seguire Gesù. Nel Vangelo secondo Luca, Gesù è sempre in cammino. Anche la vita cristiana, essendo essenzialmente imitazione di Gesù, è una “via”, un “cammino” (At 9,2; 19,9). Egli si incammina decisamente verso Gerusalemme. L’intera vita di Gesù è orientata verso il compimento della sua “Ora”. In obbedienza al Padre, Cristo accetta la sofferenza e la morte per giungere alla sua glorificazione. Ed è a Gerusalemme che deve compiersi il suo cammino e la sua missione salvifica.

Anche il discepolo di Gesù è uno che cammina nel mondo portando l’annuncio della salvezza «sino agli estremi confini della terra» (At 1,8). Anche per il discepolo c’è un “deve” che domina la sua esistenza. Non la forza del destino, ma l’adesione alla volontà salvifica di Dio. La sequela di Gesù ha in sé il carattere della definitività. L’obbedienza al cammino prefissato si tramuterà alla fine dell’esistenza terrena in vita eterna, in comunione perenne con le tre persone

Quest’anno il cammino diocesano delle Confraternite si svolge a Specchia e parte dalla Chiesa della “Madonna del passo”. Questo titolo mariano deriva probabilmente dal fatto che la cripta (o laura basiliana) si trova sulla strada dove era ubicato un “passo”, un punto di passaggio tra le Serre Salentine, un percorso stradale di notevole importanza strategica, sia militare e sia commerciale per il territorio del Capo di Leuca. La scoperta della cripta è legata a una leggenda. Si narra, infatti, di un pastore che, pascolando il suo gregge, si accorse di aver smarrito una pecora, la più grossa e la più generosa di latte. L'uomo cominciò a cercarla, senza riuscire a trovarla. Quando stava per perdere ogni speranza, sentì un belato che veniva da una grotta. Entratovi, trovò la sua pecora inginocchiata davanti all'immagine di una Madonna affrescata su una parete. Tornato a Specchia, raccontò a tutti l'accaduto, e subito si decise di erigere in quel posto una Chiesa dedicata alla “Madonna del Passo”. Da allora, gli abitanti di Specchia hanno riservato una devozione molto sentita verso la vergine che invita a camminare.

Maria indica un cammino spirituale che è fatto soprattutto di preghiera e di misericordia. La preghiera è un cammino che assomiglia alla salita su un’alta montagna. Dio parla. Pregare è dunque mettersi in ascolto e instaurare un dialogo con Dio. La sua parola può toccarci, guarirci e trasformarci. La preghiera allora è la coscienza della vita cristiana come cammino verso Dio. Un Dio che è invisibile e silenzioso, ma non assente. Il suo nascondimento è appello, chiamata, vocazione. Così la preghiera si fa dialogo e comunicazione, domanda e risposta, desiderio ed esaudimento, con le sue molteplici modulazioni: ringraziamento, invocazione, intercessione, richiesta. La preghiera riempie la vita, si trasforma in amore, e si fa azione, donazione, offerta, abbandono alla volontà divina.

È questa la vetta della montagna. La preghiera cristiana appare così come lo spazio di purificazione delle immagini divine per andare verso il Dio rivelato nel Cristo crocifisso e risorto, vera immagine di Dio consegnata all’umanità; un costante e interminabile itinerario del credente verso il suo Dio misterioso e ineffabile; incessante ricerca del volto di Dio. Bisogna, certo, puntare alla vetta per dare nerbo alla nostra preghiera, ma non bisogna arrestarsi. Si arriva in alto per ridiscendere in basso. Sulla vetta si prova l’ebbrezza dell’orizzonte sconfinato, ma si avvertono anche le raffiche di vento e di tempesta. Si gode la presenza del Dio misterioso e ineffabile, ma poi si deve scendere tra gli uomini.

Anche la misericordia è un cammino. Nell’Antico Testamento la parola misericordia è la confluenza di due concetti: la fedeltà e la compassione. Il primo termino (in ebraico hesed e in greco ελεοs), fa riferimento ad un amore cosciente, che scaturisce da un’esigenza interiore come risposta alla fedeltà a se stesso. Hesed esprime la pietà che implica fedeltà, una bontà unita al desiderio di aiutare. Per questo non è difficile trovare nella Scrittura hesed unita alla parola emeth (cfr. Sal 25,10; 26,3). Si tratta della fedeltà di Dio alla sua alleanza malgrado l’infedeltà degli uomini. La misericordia con questa caratteristica di fedeltà si manifesta come un amore più forte del peccato e del tradimento.

Il secondo vocabolo è rahamim che vuol dire grembo ed esprime i sentimenti materni (cfr. Is 13,18; 49,15). È la dimensione affettiva dell’amore: la compassione. È un amore gratuito che non è frutto del merito. La misericordia di Dio è l’amore tenero, paziente, compassionevole, che va incontro all’essere umano e si manifesta specialmente come un amore che perdona il peccato. In Gesù Cristo percepiamo la fedeltà e l’amore tenero e compassionevole. Non un amore astratto, ma un amore personale che si abbassa e conosce il cuore umano e la sua situazione di peccato.

Sotto questo profilo occorre distinguere tra amore e misericordia. L’amore è sinonimo di misericordia, la misericordia, però, è un tipo speciale di amore. Secondo S. Tommaso d’Aquino, la carità si distingue dalla misericordia per lo scopo a cui tende. La carità è una virtù che tende a procurare il bene al prossimo, mentre la misericordia è una virtù che cerca di eliminare il male che lo affligge. La carità tende a moltiplicare il bene, la misericordia invece ad evitare il male (cfr. S. Th., II-II, q. 31, a. 1).

Accogliere la misericordia divina diventa un cammino di riconciliazione con il Padre, con se stessi, con gli altri. Secondo le rivelazioni fatte da Gesù a Santa Faustina, questo cammino si manifesta in tre modi: «Ti sottopongo tre modi per dimostrare misericordia verso il prossimo: il primo è l’azione, il secondo è la parola, il terzo la preghiera. In questi tre gradi è racchiusa la pienezza della misericordia ed è una dimostrazione irrefutabile dell’amore verso di me» (Diario, II, p. 457).

La misericordia è l’iniziativa di Dio che fa il primo passo verso di noi e ci riconcilia a sé. La misericordia è anche un cammino di riconciliazione con se stessi, accettando fino in fondo il proprio peccato e la propria fragilità morale. Infine la misericordia è un cammino di riconciliazione con gli atri. L’amore verso gli altri si manifesta innanzitutto nell’azione, nella vita quotidiana, nei doveri più semplici. Si tratta di essere custodi dei nostri fratelli, vigilare per la loro salvezza, venire incontro ai loro bisogni, ascoltare i loro problemi, aiutarli nel loro cammino di conversione e crescita della fede. Il secondo modo di esercitare la misericordia verso gli altri consiste nell’offrire loro una parola di consolazione. Consigliare e consolare sono due grandi opere di misericordia. Il terzo modo è la preghiera per la salvezza dei peccatori e per le persone che amiamo: la preghiera è una forza misteriosa capace di portare sollievo all’anima e liberalo da ogni paura e da ogni tristezza.



Cari confratelli e consorelle, ecco delineato il cammino che la Chiesa ci propone in questo anno giubilare. In cammino con la Vergine Maria, la “Madonna del passo”, compiamo il nostro itinerario spirituale come esperienza di preghiera e di misericordia.


Omelia nella Messa del IV Cammino diocesano della Confraternite, Parrocchia , Specchia 26 giugno 2016.




©astratto.info 2017
invia messaggio

    Pagina principale