Maestro dove abiti



Scaricare 0.83 Mb.
Pagina46/153
29.03.2019
Dimensione del file0.83 Mb.
1   ...   42   43   44   45   46   47   48   49   ...   153

Claudia Koll

Dal porno soft di Tinto Brass alle missioni in Etiopia. Quella di Claudia Koll è la storia di una conversione. L´attrice in questi giorni è a Torino, in giuria al Festival internazionale di cinema delle donne. Una presenza simbolica. Un´icona della femminilità che sotto la spinta di un improvviso e fortissimo sentimento religioso conduce da un paio d´anni anni battaglie umanitarie a favore dei più deboli, in un´edizione del Festival che ha come temi principali lo sfruttamento, i soprusi, le violenze su donne e bambini, la drammatica subalternità dei deboli del mondo. «Ho accettato l´invito del festival perché mi interessa guardare la realtà dal punto di vista delle donne - spiega l´attrice - mi piace ascoltarle, sono sempre capaci di esprimere una voce di pace.

Sono qui per dimostrare che esiste un modo di essere donne fuori dagli stereotipi della bellezza e della seduzione. Il corpo è il tempio dello spirito, dico da cristiana, e va rispettato. I veri motori della vita sono l´affettività, la pietà, l´amore». Un messaggio evangelico abbastanza sorprendente sulla bocca di un´attrice che sulla bellezza, sulla seduzione e sul corpo ha costruito una carriera, soprattutto agli inizi.

«È stato un percorso privato, ho capito tante cose, ho scoperto tanti valori. La carriera è venuta di conseguenza. Il cambiamento, o come dice lei la conversione, è legata a un momento drammatico della mia vita. Due anni fa ero sola, stavo male. Nessuno mi avrebbe potuta aiutare. Così ho gridato. E il Signore mi ha risposto. Ho scoperto la fede, la forza dell´amore e della misericordia. E da allora il mio desiderio è rendere testimonianza di questo miracolo»






Condividi con i tuoi amici:
1   ...   42   43   44   45   46   47   48   49   ...   153


©astratto.info 2019
invia messaggio

    Pagina principale