Maestro dove abiti



Scaricare 2.13 Mb.
Pagina60/153
29.03.2019
Dimensione del file2.13 Mb.
1   ...   56   57   58   59   60   61   62   63   ...   153
Sulla divinità di Cristo
Le più gravi falsità contenute ne Il Codice da Vinci riguardano la divinità di Cristo. L'autore le mette in bocca a un anziano studioso inglese, un certo Teabing, che propone una serie di spropositi madornali. Ecco le sue principali affermazioni. «La vita di Gesù è stata scritta da migliaia di suoi seguaci in tutte le terre [...]. La Bibbia come noi la conosciamo oggi è stata collazionata dall'Imperatore romano pagano Costantino il Grande [...]. Nel cristianesimo non c'è nulla di originale. Il dio precristiano Mitra - chiamalo "Figlio di Dio" e "Luce del mondo" - era nato il 25 dicembre. Quando morì, fu sepolto in una tomba nella roccia e poi risorse tre giorni più tardi. Tra l'altro il 25 dicembre è anche il compleanno di Osiride, Adone e Dioniso. Al neonato Krishna sono stati offerti oro. incenso e mirra. Anche il giorno di festa dei cristiani è stato rubato ai pagani [...]. Costantino ha spostato la festa ebraica del sabato per farla coincidere con il giorno che i pagani dedicavano al Sole. Oggi la gente va in chiesa la domenica senza neppure immaginare che lo fanno per rendere omaggio al dio Sole [...]. Costantino convocò una famosa riunione, nota sotto il nome di Concilio di Nicea. nel 325. Si discussero molti aspetti del cristianesimo, che furono decisi attraverso un voto: la data della Pasqua [...]. E naturalmente la divinità di Gesù [...]. Fino a quel momento storico Gesù era visto dai suoi discepoli come un profeta mortale, un uomo grande e potente, ma pur sempre un uomo, un mortale. Non il Figlio di Dio. Lo statuto di Gesù come Figlio di Dio è stato ufficialmente proposto e votato al Concilio di Nicea [...]. La divinità di Gesù è stata il risultato di un voto [...] a maggioranza assai ristretta [...]. Fu tutta una questione di potere [...]. Cristo come Messia era indispensabile al funzionamento della Chiesa e dello Stato [...]. Costantino commissionò e finanziò una nuova Bibbia, che escludeva i vangeli in cui si parlava dei tratti umani del Cristo [.,.]. I vecchi vangeli vennero messi al bando, sequestrati e bruciati [...]. Fortunatamente alcuni vangeli che Costantino voleva mettere al bando riuscirono a sopravvivere, tra questi i Rotoli del Mar Morto [...]. La Chiesa ha cercato di impedire la diffusione di questi testi [...]. Quel che intendo dire è che quasi tutto ciò che i nostri padri ci hanno insegnato di Cristo è falso» (pp. 271-276).




Condividi con i tuoi amici:
1   ...   56   57   58   59   60   61   62   63   ...   153


©astratto.info 2019
invia messaggio

    Pagina principale