Maria, donna di pace



Scaricare 33.5 Kb.
26.01.2018
Dimensione del file33.5 Kb.

Maria, donna di pace

1 Gennaio 2005


di
+ Bruno Forte
Arcivescovo Metropolita di Chieti-Vasto

In questo primo giorno dell’anno la Chiesa ci invita a guardare a Maria, invocando con Lei e per mezzo della Sua intercessione materna il dono della pace. Ella è la donna di pace, che manifesta in se stessa i tratti della pace voluta da Dio e ci aiuta a rifiutare i modelli falsi della pace, che le ideologie degli ultimi secoli e la loro crisi hanno proposto.

Il grande sogno della modernità, quella che potremmo chiamare l'utopia moderna, è l'utopia di un mondo finalmente adulto, dove nessuno sia asservito ad altri e ognuno sia non più oggetto, ma soggetto di storia. Il tipo di pace che questa utopia comporta è quella compresa all'interno di una visione ideale da imporre al mondo e alla vita: è la pace dell'ideologia, l'ideologia della pace. Ecco perché la pace perseguita nelle avventure dell’ideologia moderna sarà sempre, inesorabilmente, una pace violenta: non c'è stato regime, di destra o di sinistra, che non abbia parlato di pace, che non abbia promesso la pace e che non abbia preteso di costruire la pace, con i frutti devastanti di violenza che conosciamo. Perciò occorre essere sempre molto diffidenti verso chi fa della pace un'ideologia. Essere costruttori di pace non può né deve significare essere "pacifisti" in senso ideologico. La sete di totalità della ragione ideologica è diventata in tutte le sue forme totalitarismo e violenza: il sogno di pace si è tradotto nella pace dell'egemonia, imposta dal più forte, dal gendarme del mondo di turno nella storia. In questo senso, bisogna riconoscere che la tentazione ideologica è tutt’altro che morta, è anzi oggi viva più che mai: che cos'è se non una ideologia lo schema su cui si muove la politica di guerra condotta come risposta alla barbarie terroristica? La tesi di Samuel Huntington (Lo scontro delle civiltà e il nuovo ordine mondiale, Garzanti, Milano 1997), considerata profetica del nostro presente nella sua previsione dello “scontro delle civiltà” come scontro dei mondi religiosi ad esse sottesi, risponde in realtà a uno schema totalmente ideologico: l'Ottocento è stato il secolo dello scontro delle nazioni, il Novecento è stato il secolo dello scontro delle ideologie, il XXI secolo sarà il secolo dello scontro delle civiltà, dove civiltà è soprattutto quel complesso di idee, di costumi, di prassi, che si radicano in una visione religiosa della vita. Inevitabile sarebbe allora lo scontro tra l'Occidente "cristiano" e l'Islam, con un'unica prospettiva di soluzione: la vittoria dell'uno sull'altro.

Lì dove la modernità era il tempo dell'utopia, di un sogno di pace da costruire a qualunque prezzo, la post-modernità è il tempo in cui non si crede più possibile il sogno della pace, o perlomeno della pace universale. Nella coscienza post-moderna la pace viene a coincidere col patto fra soggetti parziali che si accordano per un interesse comune: ciò che è tipico del post-moderno non è l'assenza di un desiderio di pace, ma è la riduzione della ricerca della pace a un interesse parziale. È questo che scatena le brame etniche, le ambizioni di gruppi, le logiche legate ad un vantaggio di parte esasperato fino a diventare assoluto. Questa è la pace tipica del nichilismo post-moderno, una pace fondata sul compromesso che realizzi l'interesse non di tutti, ma solo di quanti riescono a mettersi d'accordo per fare il proprio interesse. Ecco perché si parla di disincanto: è come se si fosse perso il gusto, il sogno, di una visione più grande, più alta, mentre l'ideologia ancora sognava un mondo di pace, anche se lo realizzava nel segno della violenza. La frammentazione rispetto ai sogni totalizzanti dell'idea non è, però, meno violenta dell'idea stessa. Se l'ideologia è stata violenza, il nichilismo post-ideologico e il suo relativismo sono un'ideologia ancora più violenta dell'ideologia stessa. Insomma, non c'è assolutamente un carattere innocuo nel riflusso nel privato o nella chiusura degli orizzonti nel proprio gruppo, nella propria etnia, nella propria logica di parte. Anzi, questi processi sono eticamente devastanti e producono frutti velenosi per la costruzione della pace secondo il disegno di Dio.

La pace da perseguire e per la quale spendersi senza riserve sarà allora tutt’altra: è quella che Cristo in persona è venuto a portarci. Cristo è la nostra pace perché in Lui non c'è una visione ideologica, non c'è una risposta totale a buon mercato: il primo tratto della sua pace è di essere totalmente donata, avvolta dal silenzio dell'Altro. Chi crede in Cristo, principe della pace, crede in una pace che non sa spiegare, di cui non sa fino in fondo rendere ragione secondo la logica di questo mondo: per il discepolo del Crocifisso la pace viene da altrove, è dono di un altrove che resta nascosto nel silenzio dell'adorazione. Cristo è la nostra pace non perché ci spiega il mondo come facevano le ideologie, ma perché ci testimonia il mistero del mondo, perché ci rimanda ad un'origine più profonda, altra, misteriosa e nascosta, cui solo l'adorazione e l'ascolto obbediente corrispondono. La pace viene da Dio e soltanto da Lui deve essere continuamente invocata: come avviene nell’esperienza di Maria, Vergine dell’ascolto e proprio così Madre della pace. Guardando a Lei sappiamo che il costruttore della pace o sarà un contemplativo di Dio o non sarà. La forza dei costruttori di pace secondo il Vangelo viene dall’alto e va accolta in umiltà e con l’attesa adorante e raccolta.. Lo specifico dell'anima cristiana della pace sta nell'essere nascosti con Cristo in Dio per ricevere in dono la pace. La dimensione contemplativa della costruzione della pace caratterizza il cristiano: ne è icona vivente Giovanni Paolo II, di cui è stato detto – e ritengo giustamente – che è soprattutto un mistico. E che sia proprio un mistico ad essere stato il più grande protagonista del "no" alla guerra, la dice lunga: questa è la forza dei costruttori di pace secondo Gesù, non altra.

Cristo è poi nostra pace perché muore nell'abbandono per amore degli altri: l'altro nome della sua pace è la carità, l'agape. La pace non si costruisce attraverso l'esercizio di una volontà di una potenza: se noi pensiamo che la pace la fanno le bombe intelligenti o le truppe di occupazione, siamo totalmente al di fuori della logica della rivelazione. Chi dice che la pace si costruisce con le armi semplicemente ignora l’umile evidenza della Croce. La pace si costruisce con la non violenza, con la perdita di sé, con il dono della vita fino alla fine: la via della pace non può essere quella della potenza del mondo, ma è solo quella dell’apparente debolezza, del dialogo, della giustizia, del perdono. Il ruolo dei costruttori di pace secondo il Vangelo è ispirato dalla logica della carità, che non è mai una logica vincente agli occhi del mondo, ma è la logica di chi non resiste al malvagio, oppone anzi a chi lo colpisce su una guancia l'altra guancia. È la carità indifesa, ma non per questo indiscreta, è una carità lucida, consapevole, intelligente quella che può costruire la pace che non delude, fondata sulla giustizia per tutti e sul reciproco perdono: è la carità di Maria, donna di pace, che ai piedi della Croce edifica la pace nella compassione infinita del dolore del Figlio, consegnato alla morte per amore nostro. Un solo gesto di carità fa per la pace più che tutte le armi del mondo: ci ottenga Maria di convincercene tutti, a cominciare dai grandi della terra!

Infine, Cristo risorto è la nostra pace, il testimone e il custode della pace che non tramonterà mai: la Madre sua che dopo gli eventi della Pasqua lo attende e poi gli va incontro in cielo ci insegna come la speranza sia l’altro nome della pace. Proprio così la ricerca della pace è il fermento critico che ci ricorda come nessuna realizzazione mondana sia totalmente la pace della Gerusalemme celeste. Non ci sarà mai qualcuno che potrà dirci "abbiamo finalmente realizzato la pace", perché Gesù Risorto ci dice che la nostra pace è altrove, è nascosta con Lui nel cuore di Dio e verso questa pace dobbiamo sempre tendere. Nulla è più pericoloso per il discepolo di Gesù nostra pace che uno spirito di trionfalismo, un'estasi dell'adempimento: sull’esempio di Maria, che meditava nel suo cuore i misteri di Dio nella sua esistenza terrena, noi siamo tutti pellegrini della pace, perché Cristo con la sua resurrezione ci indica sempre un altrove della pace, la patria di Dio tutto in tutti nello “shalom” finale, escatologico. Uomo di pace, secondo il Vangelo, non è dunque quello che crede nella efficacia dell’ideologia e nella forza delle armi o dei patti secondo l'interesse del mondo, ma quello che crede in un Dio, che questa pace è venuto a costruirla con noi, abbandonando suo Figlio sulla croce e aprendoci una speranza di resurrezione. Contemplativi della pace, nella carità, fino alla fine, nei metodi, nelle forme, finanche nella possibile resa e sconfitta agli occhi del mondo, ma testimoni di speranza sempre: questo mi sembra lo stile dei costruttori di pace non in astratto fuori tempo, ma oggi, davanti allo scenario di questo mondo segnato dagli eventi seguiti all'11 settembre 2001 e dal tragico richiamo di questi ultimi giorni del 2004 col maremoto nel Sud Est asiatico, che ci ricorda oltre ogni possibile smentita quanto sia grande la fragilità di tutte le pretese umane di potenza e di dominio.

Preghiamo allora con Maria, umile donna di pace, e proprio così Regina della pace:



Si sciolse in canto


il tuo silenzio,

giovane donna dell’attesa,

e fu urgenza del cuore

confessare grande

Chi aveva amato

l’umile sua serva.

Fu gioia, fu pace,

fu grazia di bellezza:

un’esultanza dell’anima,

un sorgivo sussulto

nell’inondante presenza dell’Amato,

un celebrante sospiro

del nulla del frammento,

abitato dal Tutto dell’Eterno.

Cantasti parole d’amore

nell’improvvisa esperienza

della maternità predestinata,

della verginità feconda

come di terra arata,

pronta ad accogliere

il seme della vita,

presenza dell’Eterno

nella fragile stanza del tempo.

Silenzio fecondo,

dimora del Verbo,

da sempre pronunciato dal Padre,

fosti canto, fosti bellezza

per dire grande l’Amato

del tuo cuore,

entrato in Te nel cuore

della storia.
Perciò Ti invochiamo,

esuli figli di Eva:

Donna di pace,

Tu che fosti per sempre

Regina della pace

per il sì amoroso della Tua fede

e del Tuo amore umile,

ottienici la pace

dono di Tuo Figlio,

Cristo, nostra pace.

Amen!


Condividi con i tuoi amici:


©astratto.info 2019
invia messaggio

    Pagina principale