Memories and Encounters



Scaricare 445 b.
18.11.2017
Dimensione del file445 b.


Memories and Encounters Jonathan Baldock Shane Campbell Julia Staszak contenuti didattici di approfondimento a cura di Giulio Verago per Viafarini


introduzione

  • Questo documento offre spunti critici e suggerimenti di approfondimento per approfondire le ricerche degli artisti in residenza nell’ambito del programma di residenza Memories and Encounters.

  • Gli artisti sono introdotti attraverso alcune parole chiave, corredate da immagini di alcune opere rappresentative del loro percorso.

  • Il documento è completato da opere di artisti che condividono, da prospettive diverse, alcuni dei nuclei chiave delle ricerche degli artisti.



1_ Jonathan Baldock _ artist statement

  • My practice is led by a continuing interest in the grotesque and the carnivalesque manifested through the homemade and handcrafted object. Recent work has largely referenced the human condition, with representations of the face and body made in salt-dough, embroidered felt and hand-embroidered doilies as well as more traditional oil painting. I am inspired by the idea of the classical human form in art history but also in contemporary culture, and in this manner the idea of the “body perfect”. This has been re-enforced through research of Mikhail Bahktin's critique of Francois Rabelais where he focuses on the coarseness and extravagance of human nature in the medieval carnival and the corruption of the classical body; a representation of order and establishment.

  • I am interested in the anthropological importance of an object and also art processes, namely that of decoration. My hope is to transform these everyday materials into something new. Touching on the defining questions of existence itself: what is it? Why is it like this? Where did it come from? Why is it here?

  • My work often encapsulates a very theatrical aesthetic and this connects with my love of the dark, glamorous and uncanny spectacle of theatre. Where the beautiful unmasks the horrific. I enjoy using material that has associative values as something familiar from childhood. That whilst laden with unwarranted cosy connotations can become thrilling when subverted and distorted with the suppositious and traditional nature of craft in folklore, fairs and ritual.”



1_ Jonathan Baldock _ artist statement

  • La mia pratica artistica è guidata da un continuo interesse per il carattere grottesco e carnevalesco che si manifesta negli oggetti di fabbricazione manuale e artigianale. I lavori più recenti hanno ampi riferimenti alla condizione umana, con rappresentazioni della faccia e del corpo realizzate con la pasta di sale, ricami di feltro e centrini realizzati a mano, così come con la più tradizionale pittura a d olio. Sono ispirato dall'idea della classica forma umana nella storia dell'arte ma anche nella cultura contemporanea, e di conseguenza dall'idea di “corpo perfetto”. Tutto ciò si è rinforzato attraverso la ricerca sulla critica di Francois Rebelais fatta da Mikhail Bahktin, il quale si è concentrato sulla rozzezza e sulla stravaganza della natura umana nel carnevale medievale e la corruzione della concezione classica del; una rappresentazione di ordine e potere costituito.

  • Mi interessa inoltre la rilevanza antropologica di un oggetto e del processo artistico, ovvero quello della decorazione. La mia speranza è di trasformare questi materiali di tutti I giorni in qualcosa di nuovo, toccando una delle domande definitorie della stessa esistenza: che cos’è? Perché è così? Da dove viene? Perché è qui?

  • Il mio lavoro spesso assume una estetica molto teatrale e questo trae origine dal mio amore per l'aspetto oscuro, fascinoso e inquietante del teatro stesso. Laddove il bello smaschera lユorripilante. Mi piace usare un materiale che rimandi a qualcosa di familiare, proprio dell'infanzia. Il carico di ingiustificate connotazioni intimistiche può diventare qualcosa di spaventevole quando viene sovvertito e distorto attraverso il carattere fantasioso e tradizionale delle arti legate al folklore, alle fiabe e ai rituali.



1_ Jonathan Baldock _ introduzione

  • “L’artista lavora sui medium scultura, installazione e pittura. Le sue opere allegre ed estrose si basano su una ricerca che verte intorno alla rappresentazione grottesca, la deformazione, il gusto del paradosso e dell’esasperato. Da un punto di vista tecnico le sculture sono caratterizzate da decorazioni geometriche e naturalistiche, costruite attraverso l’intreccio e l’accostamento spiazzante di materiali diversi. Nel suo approccio figurativo l’artista si confronta con la storia dell’ideale della forma umana nella storia dell’arte, indagato con uno sguardo ibrido che predilige gli aspetti assurdi della realtà, gli scherzi percettivi ai limiti del surreale. Per il progetto di residenza Baldock partirà da un’analisi delle tracce rimaste a Milano dell’estetica teatrale legata alle manifestazioni del gusto bizzarro e farsesco, laddove il bello si mescola con l’orribile e il farsesco. All’artista interessa la contrapposizione tra queste tradizioni e il ruolo di Milano oggi, percepita come capitale cosmopolita del fashion e del design.” Marco Tagliaferro



1_ Jonathan Baldock _ introduzione

  • Il mondo enigmatico delle maschere di Baldock,ha qualche affinità con le ricerche dell’artista americano Cameron Jamie sul folklore europeo, e in particolare alla sua opera Kranky Klaus, un progetto nel quale l’artista si ispira alla festa popolare della cacciata del demonio da parte di San Nicola, un rito popolare ancora praticato in Austria che prevede a tutt’oggi una parata in costume per le vie della città il 6 dicembre. Nel video omonimo l’artista mette in scena la parata tradizionale modificandola e svuotandola degli originali significati religiosi e devozionali, per farne emergere il lato più animalesco, di ascendenza pagana. Oltre al video l’artista ha prodotto delle maschere ispirate alla leggenda, recuperando tecniche e materiali tradizionali. Un altro artista che ha elaborato l’estetica grottesca attraverso l’uso di materiali e tecniche diverse (pittura, scultura, porcellana, fotografia, performance…) è Luigi Ontani. L’artista italiano concepisce la sua stessa vita come una elaborata messa in scena, dove ogni opera mette continuamente in discussione il concetto di identità, in una continua metamorfosi di forme stupefacenti. Ontani, come Baldock, non offre chiavi di lettura allo spettatore, ma preferisce piuttosto che l’opera sia punto di riflessione sull’individuo e sul suo rapporto con la tradizione nella quale è cresciuta e a partire dalla quale si è formata.



1_ Jonathan Baldock _ parole chiave

  • Grottesco come registro etico ed estetico associabile a ciò che è bizzarro, paradossale e assurdo, caratterizzato dal fascino per la stranezza, la deformità, spesso non disgiunto dal ridicolo

  • Folklore lo studio di un sapere e di un sistema di credenze tradizionali acquisiti attraverso l’esperienza da un determinato gruppo sociale (ingl. Folk, popolo + lore, dal lat. lorum, laccio)

  • Teatro/teatralità (dal gr. Thayma, ammirazione, meraviglia)

  • Artigianalità

  • Perturbante (cfr. S. Freud, « Il perturbante è quella sorta di spaventoso che risale a quanto ci è noto da lungo tempo, a ciò che ci è familiare. » Il perturbante, 1919. - cfr. F. Schelling « E’ detto unheimlich tutto ciò che potrebbe restare [...] segreto, nascosto, e che è invece affiorato. » Filosofia della mitologia, 1842)



1_ Jonathan Baldock _ opere



1_ Jonathan Baldock _ opere

































2_ Shane Campbell _ artist statement

  • The moment Shane Campbell stepped into Giulio Romanos’ Hall of Giants he knew. This is what struggle is. Maybe not gods versus giants, but man and his consummate clash against something bigger, something unknown.

  • In Via Farini’s Memories & Encounter, Campbell presents a tug-of-war. Pulling on one side of the rope, man; on the other end, something unknown and formidable. Leaving the opponent to be created in the mind of the viewer depicts real life conflict. So much of what individuals struggle against is abstract and faceless.As an entrance to his work, Campbell refers viewers to Edward Hopper, famous for paintings of lone figures confronting the ominous modern city. Like Hopper, Campbell’s tug-of-war depict man's struggle against the unseen. Campbell's work uses formal elements, rich mark-making traditions of painting, and Kafka-esque representation to combine his experience at the Hall of Giants with emotions evoked in Edward Hoppers paintings.



2_ Shane Campbell _ artist statement

  • Nel momento in cui Shane Campbell ha messo piede nella Sala dei Giganti di Giulio Romano ha capito cosa significhi la lotta. Forse non Dio contro i giganti, ma l’uomo e il suo scontrarsi contro qualcosa di più grande, qualcosa di sconosciuto.

  • Nell’ambito del programma Memories and Encounters Campbell presenta un tiro alla fune. Da un lato della fune un uomo; dall’altro qualcosa di ignoto e formidabile. La scelta di lasciare allo spettatore il compito di ricreare mentalmente la parte opposta vuole rappresentare pittoricamente l’aspetto conflittuale dell’esistenza. Gran parte di ciò contro cui gli individui lottano è astratto e anonimo. Come via d’accesso al suo lavoro, Campbell indirizza gli spettatori verso Edward Hopper, celebre per i suoi dipinti di figure solitarie che affrontano il carattere anonimo della città moderna. Similarmente a Hopper, il tiro alla fune di Campbell rappresenta la lotta dell’uomo contro l’al di là. Il lavoro di Campbell ricorre a elementi formali, attingendo a ricche e seminali tradizioni pittoriche, e rappresentazioni kafkiane che combinano l’esperienza dell’artista dinnanzi dentro la Sala dei Giganti con le emozioni evocate dai dipinti di Edward Hopper.



2_ Shane Campbell _ introduzione

  • L’opera pittorica di Shane Campbell si esprime attraverso una scelta linguistica che esaspera, deforma e stravolge gli strumenti espressivi ed i soggetti della tradizione. L’artista predilige il colore violento e non naturalistico, lo stravolgimento delle strutture spaziali, la semplificazione e contemporaneamente l’esasperazione del segno. Durante la residenza milanese l’artista californiano partirà da uno studio del frammentario tessuto architettonico della città, caratterizzato dal contrasto tra il rilievo storico dei monumenti giustapposto ai moderni templi del business cittadino. L’artista vuole soffermarsi in particolare sul contrasto tra le tracce del passato e la naturale propensione della città verso il futuro, approfondendo il dinamismo generato da questi contrasti formali, storici e culturali.

  • Marco Tagliafierro



2_ Shane Campbell _ introduzione

  • Oltre alle ricerche di Edward Hopper e alla Sala dei Giganti affrescata da Giulio Romano già citate dall’artista nel proprio statement si segnalano opere di altri artisti: le investigazioni pittoriche degli artisti newyorkesi Dana Schutz, trenunenne, e del più maturo Caroll Dunham, attraverso diversi approcci figurativi hanno entrambi grandemente stimolato la ricerca dello stesso Campbell.

  • Le ricerche di Jack & Dinos Chapman sono segnalate per la violenta eloquenza delle loro formalizzazioni, che attinge in modi diversi al registro farsesco, recuperando un decorativismo esasperato. Gli artistimettono in scena la banalità della violenza attraverso una esasperazione del registro macabro.



2_ Shane Campbell _ parole chiave

  • Contrasto sia inteso come contrasto formale/cromatico che esaspera le coordinate espressive del dipinto, sia inteso come contrasto poetico

  • Monumentalità espresso nella ricerca sul valore plastico

  • Kafkaesque inteso come approccio generale ispirato alle atmosfere tipiche dell’opera del romanziere ceco Franz Kafka (1883-1924)

















3_ Julia Staszak _ artist statement

  • “I am a painter whose work stretches the traditional definitions of painting by combining conceptual art, sculpture, painting and curating in often large scale installations. Drawing freely from a broad range of sources – such as the work of other artists, popular and vernacular culture, fashion, literature – my work explores these different forms of cultural expressions in an open, fluid approach that embraces both relationships and contradictions. Using role-playing, collaboration, appropriation and the transformation of the commonplace I construct a community of social relations in my artwork.”



3_ Julia Staszak _ artist statement

  • “Sono una pittrice e attraverso i l mio lavoro intendo allargare l’accezione classica di pittura combinandola con l’arte concettuale, la scultura e la curatela, realizzando installazioni spesso di grandi dimensioni. Spazio liberamente tra un’ampia gamma di fonti differenti, quali il lavoro di altri artisti, la cultura locale e il vernacolo, la moda, la letteratura - il mio lavoro esplora queste differenti forme di espressione culturale con un approccio aperto e fluido, che vuole comprenderne sia le relazioni che le eventuali contraddizioni. Nelle mie opere costruisco una comunità di relazioni sociali sfruttando lo scambio dei ruoli, la collaborazione, l’appropriazione, e la trasformazione dello spazio comune.”



3_ Julia Staszak _ introduzione

  • Julia Staszak parte da una formazione come pittrice ma ama intrecciare creativamente i codici della rappresentazione pittorica con quelli della tradizione dellʼarte concettuale, della scultura e dellʼinstallazione. Le sue installazioni sono composizioni apparentemente incongrue di materiali e tecniche dalla storia profondamente diverse, che rivelano a uno sguardo più attento una serie di affinità, analogie e corrispondenze segniche tra i vari elementi. Lʼartista spazia tra fonti differenti, mescolando il registro vernacolare e profano con citazioni letterarie, in un flusso continuo e contraddittorio di appropriazioni, citazioni, trasformazioni e contrapposizioni, che lʼartista intende come “simpatie” tra mondi distanti e difformi. Le opere rivelano una profonda tensione verso la costruzione di uno sfondo condiviso di relazioni sociali. Nel suo periodo di permanenza lʼartista partirà da uno studio delle logiche della committenza in Italia e a Milano in particolare, ispirandosi allʼevoluzione dei rapporti tra patroni e artisti sino, mutatis mutandis, alla scena dellʼarte contemporanea e dellʼindustria del design.

  • Marco Tagliafierro



3_ Julia Staszak _ introduzione

  • Julia Staszak si interroga sui limiti e le potenzialità dello spazio allestito, concependo vere e proprie installazioni ambientali dal valore sia pittorico che installativo.

  • Mescolando sapientemente i propri interventi con contributi o vere e proprie opere di altri artisti, Staszak allestisce spazi scenici nei quali ricrea una nuova rete di significati e significanti.

  • La ricerca di Staszak si inserisce nelle strategie dell’appropriazione e della messa in discussione dei cliché degli spazi espositivi e museali, un tema importante nell’arte del 900 come in quella più contemporanea. Le “copie autentiche” di Elaine Sturtevant, così come la ricostruzione della casa di un ipotetico collezionista realizzata da Elmgreen & Dragset per la Biennale di Venezia, rappresentano sperimentazioni simili, basate rispettivamente sulla assimilazione e la appropriazione di opere altrui. Anche la designer e artista Janette Laverrière (classe 1909), nella sua recente opera per la 5^ Bennale di Berlino si è aperta al dialogo con altri artisti, realizzando una installazione “condivisa”. Tobias Rehberger infine, recente leone d’Oro alla Biennale di Venezia, ha spinto la sua indagine sul concetto di installazione sino a trasformare una caffetteria in una opera d’arte in grado di far dialogare la sperimentazione visiva con gli esiti più felici del design d’avanguardia.



3_ Julia Staszak _ parole chiave

  • Sincretismo come unione o tentativo di fusione di differenti linguaggi e vocabolari espressivi

  • Sistema dell’arte come rete di luoghi, istituzioni e figure chiave che si occupano di tutto il ciclo dell’arte contemporanea: dalla formazione dell’artista sino alla produzione delle sue opere, alla curatela delle mostre, promozione e vendita dei suoi lavori, documentazione critica e conservazione nel tempo della sua opera e dei suoi scritti teorici

  • Display System ovvero lo studio delle modalità di allestimento e disposizione dell’opera. Implica, tra l’altro, lo studio della percezione dell’opera nello spazio, dell’interazione (o dialogo) fra opere diverse e l’organizzazione dell’esperienza dello spettatore.

  • Autenticità dell’opera richiama in causa il tema dell’aura dell’opera d’arte nell’era della sua riproducibilità tecnica (cfr. W. Benjamin)

  • Dialogo con altri artisti / Appropriazione

















approfondimenti on-line

  • Jonathan Baldock http://registry.whitecolumns.org/view_artist.php?artist=2693

  • Shane Campbell www.artinfo.com/news/story/25145/deep-in-second-life

  • Julia Staszak www.flickr.com/photos/tulip-enterprises/1457406281/in/photostream

  • Luigi Ontani www.mambo-bologna.org/file-sito/ita/mostre/archivio/approfondimento-ontani.htm

  • Cameron Jamie http://listart.mit.edu/node/168

  • Jake and Dinos Chapman www.jakeanddinoschapman.com/

  • Tobias Rehberger http://www.youtube.com/watch?v=bk16efEgyO4

  • Janette Laverrière www.cristinagrajalesinc.com/janette-laverri-re

  • Elmgreen & Dragset http://www.youtube.com/watch?v=pLQ8MsXOqNc www.nicolaiwallner.com/artists/micing/micingtext.html

  • Su Elaine Sturtevant e Cameron Jamie si segnala il dossier a cura di Viafarini: http://www.viafarini.org/pdf/Lesson_Two_Carron.pdf Per ulteriori approfondimenti: http://www.viafarini.org/italiano/education.html






©astratto.info 2017
invia messaggio

    Pagina principale