Mente, anima, sensazione. Le fonti mediche della psicologia di thomas reid



Scaricare 77.53 Kb.
13.11.2018
Dimensione del file77.53 Kb.


MENTE, ANIMA, SENSAZIONE. LE FONTI MEDICHE DELLA PSICOLOGIA DI THOMAS REID
Sebastiano Gino
Università degli Studi di Torino

Dipartimento di Filosofia e Scienze dell’Educazione

sebastiano.gino@unito.it / segino86@gmail.com

Key words: Mind / Mente

Soul / Anima

Nervous system / Sistema nervoso

Reflexes / Riflessi




Riassunto:

La ricerca medica nella Scozia settecentesca ha contribuito notevolmente allo studio analitico del sistema nervoso. I fisiologi scozzesi hanno fornito descrizioni accurate del sistema nervoso centrale e periferico, e su questa base hanno ritenuto il meccanicismo cartesiano incapace di dar conto dei più recenti risultati sperimentali. Pertanto, dal punto di vista fisiologico, essi sostituirono il concetto cartesiano di “macchina vivente” con quello di “essere senziente”. Questo tipo di spiegazione venne pienamente accettato da Robert Whytt, professore di medicina a Edimburgo. Le sue tesi sui movimenti vitali, come ad esempio il movimento del cuore, influenzarono i filosofi, oltreché gli scienziati. Thomas Reid fece ampio ricorso alle idee di Whytt nel tentativo di difendere lo spiritualismo dagli attacchi dei materialisti che rifiutavano il concetto di anima immateriale. Sicché si può affermare che Reid adattò la fisiologia di Whytt per sostenere l’antropologia cristiana.


Abstract:

Medical research in 18th century Scotland contributed especially to the study of the nervous system. By providing accurate descriptions of both central and peripheral nervous system, Scottish physicians charged Cartesian mechanism with inconsistency, as it turned out incapable of accounting for newer experimental results. Thus, on the physiological level of analysis, they replaced Cartesian concept of “living machinery” with a “sentient being”. This kind of physiological explanation was wholeheartedly endorsed by Robert Whytt, professor of medicine in Edinburgh. His account of vital motions such as heartbeat influenced philosophers, as well as scientists. Thomas Reid made large use of Whytt’s ideas when he defended spiritualism against materialist thinkers who denied man’s possession of an immaterial soul. So we can claim that Reid adapted Whytt’s physiology in order to sustain Christian anthropology.



MEDICINA E FILOSOFIA NELL’ILLUMINISMO SCOZZESE: LE RAGIONI DI UN CONFRONTO
I contributi più notevoli degli illuministi scozzesi vengono di solito identificati con l’elaborazione di teorie economiche e con l’applicazione delle scoperte scientifiche alle innovazioni tecnologiche, in un modo che ha favorito quel processo di trasformazione della produzione che si definisce “rivoluzione industriale”. Minore importanza viene invece attribuita alle ricerche di filosofia naturale condotte in Scozia durante il Settecento, che pure venivano coltivate nelle università: i curricula accademici prevedevano infatti insegnamenti di “storia naturale”, titolo generico che raggruppava discipline che oggi costituiscono materie di studio indipendenti, come l’anatomia, la fisiologia, la biologia, la farmacologia, la chimica e la geologia(1). Per chi si occupa di storia della medicina nella Scozia settecentesca, ciò che maggiormente salta agli occhi è la dimensione sociale della ricerca: a Edimburgo, che rimase la capitale culturale del paese dopo aver perso il ruolo di capitale politica, venne fondato nel 1729 il primo ospedale pubblico scozzese, interamente gestito da volontari, il quale ottenne la certificazione regia nel 1736 e prese il nome di Royal Infirmary of Edinburgh. L’obiettivo di favorire la concreta applicazione delle recenti acquisizioni scientifiche, e quindi promuovere su vasta scala la lotta contro le patologie più comuni all’epoca, come la gotta e i calcoli, era condiviso dai membri della Society for the Improvement of Medical Knowledge, che nel 1737 si trasformò nella Royal Society of Edinburgh. Fra i benemerenti contributori di questa società figura il nome di Alexander Monro primus, che inoltre promosse la riorganizzazione del curriculum scientifico all’Università di Edimburgo per quanto riguarda l’insegnamento della medicina. Nel 1726 venne infatti istituita la Facoltà di Medicina come struttura autonoma e, nel corso dei decenni successivi, la notorietà di questa scuola crebbe al punto da renderla competitiva coi maggiori centri di insegnamento sul Continente, cioè Leida, Reims e Montpellier(2, 3).

Per quanto concerne i contenuti specifici della ricerca in campo medico nella Scozia settecentesca, i risultati più cospicui vanno rintracciati sul piano di quella oggi si chiama anatomia comparata: il livello analitico e descrittivo delle indagini sui corpi viventi si alza notevolmente e gli esperimenti condotti su diverse specie consentono di evidenziare le analogie strutturali e le differenze fra la specie umana e gli altri animali. In particolare, nell’ambito delle ricerche condotte alla Facoltà di Medicina dell’Università di Edimburgo, gli studi sul sistema nervoso conoscono un avanzamento notevole: gli scritti di Robert Whytt, William Cullen e Alexander Monro secundus danno un forte impulso alla ricerca neurologica e alla conoscenza delle interconnessioni fra sistema nervoso centrale e periferico(4). Si può quindi affermare che l’anatomia comparata incominciò a essere sistematicamente praticata prima di venir istituzionalizzata come disciplina specifica. Dal punto di vista fisiologico, invece, le soluzioni prospettate dai physicians scozzesi appaiono più antiquate e più legate a dibattiti filosofici che nel secolo successivo perderanno importanza. La questione più discussa nel Settecento riguarda le cause della contrazione muscolare e la trasmissione degli impulsi nervosi ai muscoli. La relativa arretratezza delle teorie proposte dagli scienziati dell’epoca per dar conto di questi fenomeni non ci deve oltremodo stupire: infatti, le loro ricerche si muovevano in un orizzonte concettuale anteriore alle scoperte di Luigi Galvani, e l’applicazione dei risultati della chimica alla fisiologia animale prese avvio solo nell’ultimo quarto di secolo. Per questi motivi, il richiamo al movimento degli spiriti animali attraverso i nervi e l’appello a presunte anime sensitive sono ancora costanti verso la metà del Settecento, in sede di discussione fisiologica(5).

L’importanza teorica delle ricerche condotte sul sistema nervoso e sul movimento muscolare in Scozia sta piuttosto nel tentativo di elaborare alternative concettuali al meccanicismo di Cartesio e alla tradizione iatromeccanica, ancora dominante sul Continente europeo. In questo contributo si intende presentare la teoria fisiologica dello scozzese Robert Whytt (1714-1766), che tenne l’insegnamento di medicina generale (institutions of medicine, nel linguaggio dell’epoca) all’Università di Edimburgo fra il 1746 e il 1764, e metterla a confronto con una teoria filosofica coeva. Come si vedrà, la sua insistenza sull’anima sensitiva quale causa di tutti i processi che regolano la vita animale rende evidente la notevole ipoteca teorica che gravava sulla sua indagine: il rifiuto, cioè, di collocare la causa ultima dei fenomeni fisici in elementi materiali(6, 7). D’altra parte, i risultati di precisi esperimenti che egli condusse nel corso di laboriose ricerche lo portarono a sostenere la dipendenza dei riflessi nervosi dal midollo spinale, aprendo la strada a studi che troveranno pieno sviluppo solo con Marshall Hall nell’Ottocento.

Questa ambivalenza di fondo, dovuta al contrasto fra l’adozione di procedure epistemologiche espressamente naturalistiche (l’osservazione e l’esperimento scientifico) e la proposta di soluzioni teoriche ancora legate a una terminologia e a quadri concettuali derivati dalla tradizione filosofica, emerge anche in riferimento alla ricerca più propriamente filosofica che venne sviluppata dagli illuministi scozzesi. Uno dei maggiori lasciti della cultura scozzese del Settecento è la cosiddetta filosofia del senso comune, vale a dire quell’indirizzo di indagine inaugurato negli anni Sessanta da Thomas Reid (1710-1796), professore di filosofia nelle Università di Aberdeen e, dal 1764, di Glasgow. La “scuola del senso comune” è più che altro un’etichetta interpretativa, creata dagli studiosi per indicare uno specifico indirizzo teorico, cioè una forma di realismo gnoseologico: secondo Reid e i suoi seguaci, il pensiero umano e la realtà pensata (il mondo esterno) stanno in relazione immediata, e gli oggetti dei pensieri sono le cose stesse, anziché presunte rappresentazioni soggettive(8). L’indagine cui Reid si dedicò fra gli anni Cinquanta e Ottanta del XVIII secolo verrebbe oggi catalogata come una ricerca di scienza cognitiva, giacché egli intese illustrare il modo in cui i processi di pensiero si formano a partire dal contatto fra gli organi di senso e gli oggetti della percezione. Nonostante le molte dichiarazioni programmatiche relative alla sua adesione al metodo sperimentale della scienza moderna, egli propose un modello di spiegazione in cui i pensieri costituiscono atti della mente, là dove “mente” (mind) significa ancora “anima” (soul), ossia un’entità spirituale capace di pensare e irriducibile al cervello.



Il confronto fra la struttura epistemologica del discorso scientifico di Whytt e la filosofia della mente di Reid si giustifica quindi per due motivi fondamentali. In prima istanza, il richiamo al paradigma scientifico induttivo-sperimentale è trasversale alle indagini di ordine anatomo-fisiologico e alle riflessioni filosofiche sulla mente nella cultura illuministica scozzese. Perciò fra i due ambiti di indagine c’è convergenza e anche una forma di continuità – nella misura in cui una comprensione esaustiva della costituzione del corpo è utile a spiegare come la mente interagisce con esso. In secondo luogo, si vedrà che questi due autori condivisero una medesima istanza, che si potrebbe definire apologetica: tacitamente sottesa alle loro riflessioni, si può cogliere la loro convinzione che l’indagine scientifica non deve entrare in conflitto coi dogmi della fede cristiana, come l’immortalità dell’anima; sicché entrambi ritennero infondate tutte le teorie di sapore materialistico, che puntavano a escludere il concetto di “anima” dai discorsi scientifici.

I LIMITI DEL MECCANICISMO E LA FISIOLOGIA DI ROBERT WHYTT
Dopo aver compiuto un viaggio sul Continente attraverso la Francia del Nord e l’Olanda, Whytt ritornò in Scozia nel 1737 e divenne famoso per aver proposto un rimedio contro i calcoli renali, basato su una soluzione saturata di idrossido di calcio. Grazie a questo successo, dal 1746 occupò una delle quattro cattedre alla Facoltà di Medicina di Edimburgo e solo a partire dalla fine degli anni Quaranta poté dedicarsi alla pubblicazione dei propri risultati. Durante i suoi viaggi in Europa, Whytt era entrato in contatto con il celebre medico olandese Herman Boerhaave, famoso esponente della “iatromeccanica”: il corpo umano, in linea con quanto aveva sostenuto Cartesio, è per Boerhaave un complesso macchinario, in cui il passaggio di fluidi attraverso i vasi sanguigni, i vasi linfatici e i nervi da una parte, e i movimenti di tensione e rilassamento delle fibre organiche dall’altra, sono alla base di tutti i fenomeni vitali. In altri termini, i principi della meccanica classica, cioè la legge d’inerzia e la trasmissione della quantità di moto, sono sufficienti a spiegare la respirazione, il battito cardiaco, le contrazioni muscolari e in generale tutti i movimenti e le trasformazioni che intervengono nei corpi viventi. Whytt si rese conto delle limitazioni inerenti a questo modello di spiegazione considerando i risultati di esperimenti condotti da altri medici e replicati da se stesso: le osservazioni di Stephen Hales e di John Keill avevano smentito la tesi di William Harvey e dimostrato che l’impulso impresso dalla sistole cardiaca sul fluido sanguigno non è sufficiente a fargli compiere un circolo completo nell’organismo. Whytt riprese i loro esperimenti e giunse a sostenere che il movimento del sangue nei capillari è dovuto ai movimenti oscillatori di questi(3, 6, 7). In tal senso, egli si accostò al modello teorico dell’inglese Francis Glisson, secondo cui determinati tessuti dei corpi viventi posseggono un potere di irritabilità, ossia si mettono in movimento quando vengono stimolati in un certo modo, e non in quanto una certa quantità di moto viene loro trasmessa attraverso un urto. Whytt credette allora di poter affermare che le oscillazioni dei piccoli vasi sanguigni sono provocate dal sangue stesso, che esercita su di essi uno stimolo come sostanza calda e acida. Queste considerazioni vennero sviluppate in alcune conferenze tenute alla Philosophical Society di Edimburgo a metà degli anni Quaranta e, in certo senso, aprirono la strada all’elaborazione di un sistema completo di fisiologia, che Whytt espose in un Essay on the Vital and other Involuntary Motions of Animals, pubblicato nel 1751.

L’Essay costituisce l’opera fondamentale di Whytt e, analogamente ai manuali di fisiologia contemporanea, è suddiviso in sezioni che affrontano ciascuna la funzionalità e le operazioni di un organo diverso. Le spiegazioni di ordine meccanicistico vengono fatte oggetto di critica puntuale e le tesi di autori come Cartesio, Boerhaave e Friedrich Hofmann vengono attaccate nei loro fondamenti. Per quanto riguarda la sistole cardiaca, ad esempio, la posizione cartesiana appare in contrasto coi dati sperimentali: «Cartesio, più versato in matematica che in fisiologia, attribuì i movimenti di quest’organo all’ebollizione del sangue che si riversa nei suoi ventricoli»(9). Ma se è vero che il sangue non è in grado di entrare in ebollizione per provocare la sistole del cuore, la spiegazione più plausibile di questo fenomeno è analoga, secondo Whytt, a quella elaborata per dar conto dei movimenti nei capillari: il sangue possiede proprietà chimiche tali per cui il suo contatto con le pareti cardiache provoca una stimolazione che, in ultima analisi, mette capo alla sistole. «Il sangue, in quanto contiene salii e olii acidi in quantità ridotta, è adatto a comunicare uno stimolo gentile a quei nervi sensibili che terminano sulla superficie interna degli atri e dei ventricoli del cuore» (10). La causa della contrazione cardiaca va quindi rintracciata in una forma di sensibilità intrinseca alle papille nervose presenti sulla pareti interne del cuore, le quali, entrando a contatto con il fluido sanguigno, veicolano un impulso nervoso che si traduce nella sistole.

Whytt concepisce questo tipo di impulso come un “potere nervoso”, capace di produrre movimenti spontanei delle fibre che compongono i muscoli. Questo schema teorico non vale solo per il cuore, ma coinvolge in generale tutti i movimenti degli organi corporei(6). Infatti, «la causa immediata della contrazione muscolare […] pare trovarsi nel cervello e nei nervi», e a tale causa si può dare il nome di «potere o influenza dei nervi»(11). Che non si tratti di un genere di “influsso” che opera meccanicamente, ossia attraverso l’impulso prodotto dall’urto fra particelle corporee, è reso evidente dagli esperimenti di vivisezione, in cui i muscoli vengono stimolati artificialmente. «Gli stimoli, quando vengono applicati a muscoli di animali messi a nudo, anziché produrre una sola contrazione che dura per un tempo considerevole, producono piuttosto movimenti alternati di contrazione e rilassamento, che si succedono l’un l’altro»(12). Questo dimostra che la causa della contrazione non può essere meccanica, altrimenti la stimolazione e la risposta dovrebbero essere omogenee, giacché il movimento trasmesso da un corpo a un altro deve essere proporzionale alla forza con cui i corpi si urtano e orientato nella stessa direzione. D’altra parte, che le contrazioni muscolari derivino da un influsso nervoso, anziché da una causa meccanica, è provato dal fatto che spesso non c’è continuità spaziale fra l’elemento stimolante e le fibre muscolari che si contraggono:
Poiché si osserva che i muscoli degli animali vengono messi in azione senza che le loro fibre siano irritate, ogniqualvolta uno stimolo viene applicato ai tessuti e alle membrane che rivestono i muscoli, ai nervi che giungono ad esse, o a qualche parte del corpo vicina o distante, appare irragionevole attribuire tale movimento all’azione meccanica di uno stimolo sulle fibre del muscolo(13).
I movimenti vitali, come il battito cardiaco, e quelli involontari, ossia le contrazioni muscolari di animali vivisezionati, sono radicati nella natura sensibile della materia nervosa: questa è la tesi centrale dell’Essay di Whytt, sicché le sue teorie danno complessivamente corpo a una dottrina vitalista del movimento animale. In realtà, la specificità della sua posizione emerge dal modo in cui egli concepisce la natura del “potere nervoso” che farebbe da veicolo per la sensibilità dei corpi animali: il vero soggetto di questa sensibilità organica non è la materia nervosa in se stessa, bensì un “principio senziente” (sentient principle) legato all’anima.

Richiamandosi a una tradizione che risale a Lucrezio, Whytt distingue due principi, o poteri, dell’anima: la capacità di pensare e le funzioni sensoriali, laddove il principio del pensiero prende il nome di animus, mentre l’anima è la fonte delle sensazioni. Tuttavia, di contro a quanto avevano immaginato gli epigoni britannici di Cartesio, come Thomas Willis, l’anima sensitiva non è un principio separato e autonomo rispetto al soggetto del pensiero: «sono portato a pensare – scrive Whytt – che l’anima e l’animus, come sono stati chiamati, o l’anima sensitiva e l’anima razionale, siano un unico principio che agisce secondo differenti facoltà»(14). La vita dipende quindi da un essere spirituale, che opera in funzione delle stimolazioni della materia nervosa, e tuttavia non è riducibile a una mera proprietà materiale. È certo, infatti, che «i poteri e le facoltà della mente non si ritrovano nella materia, […] o negli elementi, di cui gli antichi e i moderni hanno pensato che essa consistesse»(15). Pertanto è scorretto identificare la fonte della vita con un’anima “ignea”, così come aveva fatto Willis, che sotto questo rispetto si riallacciava all’atomismo classico.



SIMPATIA ORGANICA E RIFLESSI MUSCOLARI: UN PROBLEMA ONTOLOGICO
La ragione per cui i corpi degli esseri umani e degli altri animali sono in grado di interagire funzionalmente con l’ambiente esterno consiste quindi nell’unione fra questi corpi e altrettante anime, che sono in grado di reagire alle stimolazioni che si producono sul sistema nervoso e rispondono ad esse in modo teleologico, cioè in vista della salvaguardia della salute e delle continuazione della vita:
Tale è la costituzione della nostra struttura, e la legge della meravigliosa unione dell’anima e del corpo, che la prima, a fronte di una sensazione spiacevole, produce quei movimenti e cambiamenti nel secondo, che naturalmente e nel modo più efficace tendono a diminuirla o a espellere la causa irritante(16).
L’anima sensitiva degli animali è diffusa su tutto il loro sistema nervoso, nel quale, in un certo senso, risiede. Whytt sostiene che essa è coestensiva con il sistema nervoso centrale: «l’anima non è confinata in un punto indivisibile, ma deve essere presente, ad un tempo, se non in tutte le parti del corpo dove si trovano i nervi, per lo meno alla loro origine, vale a dire che deve essere diffusa su gran parte del cervello e del midollo spinale»(17). In base a questa supposizione, risulta più semplice spiegare i movimenti involontari di animali vivisezionati, di contro alle teorie meccaniciste che localizzavano la fonte degli spiriti animali nell’encefalo. Whytt concepisce l’operatività dell’anima sensitiva sul corpo nei termini di un sistema di coordinazione fra stimolazioni periferiche e risposte centralizzate(18, 19). Per descrivere tale sistema, egli utilizza il concetto di “simpatia”: «la simpatia […] che si osserva fra i nervi delle diverse parti del corpo non si spiega meccanicamente, ma va attribuita all’energia di quell’essere senziente, il quale […] attraverso i nervi vivifica l’intera macchina»(20). Utilizzando espressioni quali simpathy o consent in riferimento ai legami fra le varie parti del sistema nervoso, Whytt si riallaccia alla tradizione ippocratica, in cui il senso di unità organica dei viventi veniva concepito in termini, appunto, simpatetici.

La teoria di Whytt rappresenta dunque una forma di animismo. Riportata all’attenzione degli scienziati dalla Theoria medica vera del tedesco Ernst Georg Stahl all’inizio del Settecento, la tematica del coinvolgimento dell’anima nei processi fisiologici viene ampiamente sfruttata da alcuni medici scozzesi per dar conto della vita animale(7). Ciò che può apparire un mero residuo metafisico, o una funambolesca operazione finalizzata a colmare vuoti teorici altrimenti inaggirabili, si rivela in realtà un potente strumento interpretativo dei dati sperimentali. Whytt riporta infatti i risultati di esperimenti condotti su rane decapitate e le sue osservazioni hanno un forte potenziale innovativo, giacché mettono in luce il ruolo del midollo spinale nella produzione di quello che successivamente verrà chiamato “arco riflesso”(21, 22). Whytt nota che, a seguito della decapitazione, si produce uno shock nervoso: «quando le zampe posteriori di una rana vengono ferite, immediatamente dopo che la testa è stata tagliata, non si osserva nessun movimento nei muscoli stimolati delle zampe»(23). Tuttavia, dopo che il corpo della rana ha recuperato il tono muscolare, i suoi muscoli sono nuovamente ricettivi rispetto agli stimoli, che quindi hanno efficacia per la presenza di un residuo di potere nervoso nel midollo spinale – secondo la terminologia di Whytt. Egli sintetizza in questo modo il risultato di molti esperimenti:


Quando un muscolo qualsiasi della zampa della rana viene compresso, molti muscoli delle zampe e delle cosce si contraggono, anche dopo la decapitazione, se il midollo spinale è rimasto integro; ma quando questo viene distrutto, benché le fibre del muscolo stimolato vadano soggette a un debole tremolio, nondimeno i muscoli vicini rimangono completamente immobili(24).
Come già si è osservato in apertura, il carattere particolarmente accurato di queste osservazioni pare contrastare con l’impianto di fondo del discorso di Whytt, in cui l’anima, concepita come un essere spirituale, occupa un posto centrale. Egli indubbiamente avvertiva l’esigenza di non ridurre la sensibilità dei tessuti organici a proprietà del mero composto materiale che costituisce il vivente. Tutte le sue spiegazioni relative ai riflessi muscolari e all’attività degli organi vitali sono formulate in accordo con un ben preciso presupposto filosofico: vale a dire la tesi ontologica che la materia è una sostanza qualitativamente unitaria, universalmente caratterizzata dalla passività (la vis inertiae), e perciò incapace di produrre spontaneamente qualsiasi mutamento fisico. Trattando della natura del principio senziente, Whytt argomenta che:
se si immagina che [l’Autore della natura] ha attribuito alle fibre animali la capacità di sentire e generare il movimento, senza aggiungere e unire ad esse un principio attivo, che serva da soggetto e causa di questi [fenomeni], riteniamo che si tratti di una supposizione inammissibile; giacché supporre che la materia possa, di per sé, attraverso una modificazione delle sue parti, divenire capace di sensazione o movimento, pare altrettanto irragionevole quanto ascriverle il potere di pensare(25).
Di sicuro, l’aderenza di questo schema teorico alle risultanze sperimentali diminuisce notevolmente quando si considerano casi di altro tipo, ossia le contrazioni dei muscoli presenti su arti amputati. Whytt parla di residui di potere nervoso nei nervi degli arti recisi dal corpo, ma la sua spiegazione si dimostra molto debole: se l’attivazione delle risposte muscolari dipende in ultima analisi dall’attività di un centro nervoso, l’arto amputato non dovrebbe contrarsi, poiché l’anima rimane legata al corpo che ha subito l’amputazione e non si frammenta in due principi separati. Le contrazioni dei muscoli esportati dall’organismo si spiegherebbero meglio secondo le teoria di Albrecht von Haller, il quale riteneva che le fibre muscolari fossero in se stesse irritabili, indipendentemente dall’anima e dal legame col sistema nervoso centrale. Haller è infatti stato un detrattore delle idee di Whytt e lo ha aspramente criticato in scritti composti tra gli anni Cinquanta e Sessanta(26).

In conclusione si può osservare come il problema di fondo della fisiologia di Whytt consista nel tentativo di mantenersi fedele a una concezione tradizionale dell’anima, quella cioè di ascendenza platonica che la identifica con un essere spirituale auto-sussistente, immortale, unitario e separabile dal corpo, mentre, al contempo, la nozione di “spirito sensibile” viene impiegata per dar conto delle funzioni di un corpo vivente e di una materia organica(5, 18, 27). Rispetto a questa ambiguità e a tutte le difficoltà che conseguono alla teoria dell’anima vitale e coestensiva col corpo, Whytt mette in campo un argomento di sapore teologico, tendente al panteismo: «così come Dio è presente ovunque e agisce in parti infinitamente distanti dello spazio, […] non possono le anime degli animali essere presenti ovunque nei loro corpi, muoverli e renderli vivi, contemporaneamente in tutte le loro membra?»(28)



DALLE ANIME DEGLI ANIMALI AL PENSIERO UMANO
La filosofia scozzese del senso comune ebbe un forte impatto sulla cultura accademica non solo britannica: nella prima metà del XIX secolo essa costituì il riferimento teorico principale per l’insegnamento della filosofia nei college americani, in particolar modo all’Università del New Jersey – poi rinominata Princeton – ove era stata importata dalla scozzese John Witherspoon. La visione del mondo che emerge dagli scritti di Reid viene costruita con l’intento di armonizzare le credenze dell’uomo comune (plain man) con la concezione scientifica della realtà, vale a dire il sistema della fisica moderna. In questo progetto rientra anche la considerazione filosofica delle scienze della vita e dei recenti progressi della medicina. Questa riflessione non ha tuttavia trovato spazio nelle sue opere edite ed è rimasta in forma manoscritta fino a pochi anni fa, quando i suoi studi di scienza naturale sono stati pubblicati in edizione critica(29).

Come è stato mostrato, le considerazioni che Reid dedica al problema della vita e della costituzione dei corpi animali risentono della lezione dei fisiologi della Facoltà di Medicina di Edimburgo e ci sono testimonianze della lettura da parte del filosofo scozzese dell’Essay sulla fisiologia animale di Whytt durante gli anni Cinquanta(30, 31). Si può ragionevolmente affermare che Reid si impossessò delle teorie sul principio vitale immateriale per impiegarle contro le tesi dei materialisti: la tradizione del materialismo britannico, che andava da Hobbes a Collins, veniva difesa nella seconda metà del Settecento dal chimico Joseph Priestley, il quale avversò apertamente la filosofia scozzese del senso comune. Secondo Priestley, tutti i fenomeni fisici e biologici risultano dall’interazione di atomi materiali, fra i quali si instaurano specifici rapporti di carattere energetico. Rispetto alla questione della vita e del pensiero, egli difendeva una forma di emergentismo: la capacità di sentire e pensare “emerge” dalla stessa costituzione materiale dei corpi viventi, sicché non ha nulla a che vedere con una supposta anima immateriale. Reid entrò in polemica con questa posizione tra gli anni Settanta e Ottanta in una serie di appunti manoscritti, in cui emerge con chiarezza la sua adesione a una dottrina analoga a quella di Whytt:


[Rispetto alla questione] se il principio della vita consista in una sostanza indivisibile unita al corpo durante la vita e separata da esso al momento della morte, oppure se tutti i fenomeni della vita risultino dalla particolare organizzazione del corpo o di una parte di esso, e la morte [consista] nella rottura di alcuni ingranaggi o nel danneggiamento di parti essenziali della macchina; [di fronte a tale problema] non vedo ragionevoli congetture contro la prima di queste ipotesi(32).
Reid è quindi pronto a riconoscere che esiste «una differenza specifica fra la materia animata e quella inanimata»(33), ma questa differenza non dipende dalla materia stessa e della sua particolare disposizione, bensì dal fatto che «la materia animata possiede un principio della vita (principle of life) congiunto con essa, il quale pervade l’intero animale o vegetale, e lo rende un essere unitario»(34). Il regno dei viventi in generale si caratterizza quindi per la presenza di una componente spirituale presente in ogni organismo, le cui parti interagiscono in modo funzionale proprio in virtù di questo spirito. La spiritualità, agli occhi di Reid, è ciò che costituisce l’anello di congiunzione fra gli esseri umani e le altre specie animali, in quanto l’unione fra gli spiriti vitali e i corpi viventi è analoga all’unione fra l’anima e il corpo umano: «sia gli animali, sia i vegetali sono uniti ad alcunché di immateriale, grazie a una connessione analoga a quella che concepiamo fra l’anima e il corpo»(35). In Reid il concetto di “spirito” è dunque più esteso e ha un significato più ampio rispetto a quanto riteneva Cartesio: esso infatti investe anche i regni animale e vegetale, oltreché la specie umana, e soprattutto gli spiriti vengono considerati responsabili non solo del pensiero razionale, ma anche delle funzioni vitali. Come è stato giustamente rilevato, una delle fonti principali delle riflessioni di Reid su queste tematiche è proprio la trattazione fisiologica di Whytt(19, 30).

L’idea di una connessione fra l’anima e il corpo caratterizza anche le riflessioni di Reid sulla genesi dei pensieri e sul rapporto fra organi di senso e intelletto. Un tratto comune a tutte le ricerche dei pensatori scozzesi di quest’epoca è il richiamo al metodo induttivo e sperimentale come l’unica via d’accesso legittima ai fenomeni mentali. Quella che all’epoca di Reid veniva indicata come “pneumatologia” e che oggi verrebbe probabilmente rubricata sotto le indagini di scienza cognitiva è quindi un tipo di ricerca empirica, basata sull’osservazione dei fatti fisiologici e sull’introspezione(36). Questa stessa struttura epistemologica non impedisce tuttavia a Reid di tracciare un confine netto fra le operazioni ascrivibili alla materia e gli atti dell’intelletto. Gli Essays on the Intellectual Powers of Man (1785) si soffermano a lungo sul problema della percezione sensibile e a proposito delle condizioni necessarie affinché questa si verifichi, Reid afferma:


L’oggetto, o immediatamente o attraverso un certo mezzo, deve produrre un’impressione sull’organo. Senza questo, un’impressione non potrebbe imprimersi sul nervo e senza il nervo essa non potrebbe imprimersi sul cervello. Qui finisce il ruolo della materia o, quanto meno, non possiamo seguirla oltre; il resto spetta all’intelletto(37).
Reid pensa quindi che la consapevolezza introspettiva di un soggetto percipiente, così come tutte le altre operazioni intellettuali superiori – il ragionamento, la deduzione logica, la concezione di entità astratte e così via – necessitino di una mente immateriale come loro soggetto, ossia di un’anima. Che quest’anima e il corpo interagiscano, e che le percezioni sensoriali non sarebbero possibili in una mente disincarnata, appaiono a Reid tesi solidissime, perché confermate dai fatti di esperienza. Infatti, se «l’anima e il corpo operano l’una sull’altro secondo stabili leggi di natura», il compito del filosofo consiste nello «scoprire queste leggi attraverso l’osservazione e l’esperimento»(38). La necessità di ammettere un’anima spirituale per dar conto del pensiero si associa, in Reid, a una critica di tutte quelle correnti filosofiche che tendevano invece a escluderla dai discorsi scientifici. Nel Settecento britannico avevano avuto una vasta eco le teorie associazionistiche di David Hartley, difese anche dal già citato Priestley: costoro ritenevano che il pensiero si formasse per l’associazione delle vibrazioni di una sostanza eterea presente nei nervi. In risposta alle loro speculazioni, Reid afferma che «niente si può immaginare di più ridicolo del fatto che il movimento o una modificazione materiale possa produrre il pensiero»(39). La stessa teoria delle vibrazioni nervose è ascientifica, perché non trova conferma nelle dissezioni anatomiche dei medici, come proprio Whytt aveva notato. Nel suo saggio di fisiologia, egli aveva infatti osservato che le contrazioni dei muscoli «non possono essere dovute a vibrazioni elastiche eccitate nelle loro fibre o nel fluido nervoso presente in esse»(40).

È chiaro che tanto Whytt quanto Reid favorivano un’interpretazione dei risultati sperimentali in chiave apologetica, ossia tendevano a costruire sistemi scientifici allineati con l’antropologia cristiana, secondo cui l’essere umano è costituito da due principi irriducibili. Il medico e il filosofo condividevano infatti un medesimo presupposto teorico, l’idea cioè che la materia fosse fonte di mera passività – ciò che essi esprimono attribuendole semplice vis inertiae, ossia l’effettiva mancanza di potere attivo – mentre l’attività e la capacità di dare inizio al movimento sono prerogative dello spirito. L’impalcatura epistemologica di questo discorso è radicata in una visione gerarchica della realtà, in cui la “catena dell’essere” si determina in base alla maggiore o minore prossimità a Dio, concepito come puro spirito. Nei manoscritti di Reid dedicati alla critica del materialismo di Priestley si afferma che «non c’è ragione di pensare che [Dio] abbia creato solo un tipo di sostanza», giacché è più coerente con quanto si osserva in natura ritenere che «egli abbia creato diversi tipi [di esseri], distinti secondo il rango e la dignità, e che i più bassi siano subordinati ai più alti»(41).



CONCLUSIONE
Le posizioni dei due autori che si sono presentate permettono di trarre alcune conclusioni di carattere generale. In primo luogo, si può notare come nel contesto dell’illuminismo scozzese le discussioni di ordine anatomo-fisiologico si riallacciassero a dibattiti di più ampia portata, che coinvolgevano questioni antropologiche, filosofiche e religiose. D’altronde, i risultati di un autore come Whytt, che li presentò in forma sistematica appoggiandosi su precise basi speculative, contribuirono essi stessi a plasmare le discussioni che i filosofi intrattenevano nelle accademie, nei club privati e nelle università. Tutto questo ci porta a sostenere che, se è vero che nel Settecento il richiamo al metodo sperimentale era comune a intellettuali impegnati in ricerche di varia natura, lo stesso appello ai “fatti” si intrecciava sovente con ben precise assunzioni di natura metafisica, come per esempio l’immaterialità del pensiero e della causa della vita.

In secondo luogo, dalla ricostruzione proposta nei paragrafi precedenti emerge un’istanza caratterizzante buona parte del movimento illuministico in Scozia: di contro a quanto avvenne in Francia, e con la pur notevolissima eccezione di Hume, gli intellettuali scozzesi del Settecento tentarono di non contraddire la tesi di una piena convergenza fra ragione naturale e rivelazione. Per questo motivo le teorie fisiologiche di Whytt presentano una singolare affinità con un sistema filosofico come quello di Reid: entrambi concepirono l’anima in termini sostanzialistici, benché sul piano descrittivo essi dichiarassero di mantenersi fedeli a un modello naturalistico, ossia la scienza sperimentale di Galileo e Newton. D’altronde, secondo Reid, il fatto che piante e animali posseggono un’anima, analoga, seppur inferiore, allo spirito umano, rientra nel quadro generale di una filosofia che dovrebbe rispecchiare le credenze del senso comune(42). Ma questo concetto di “senso comune” è declinato secondo precise credenze religiose.



BIBLIOGRAFIA



  1. Sher RB: Science and Medicine in the Scottish Enlightenment. In “The Scottish Enlightenment: Essays in Reinterpretation”, 2000: 99-156, University of Rochester Press, Rochester.




  1. Emerson RL: The Founding of the Edinburgh Medical School. Journal of the History of Medicine and Allied Sciences 2004; 59, 2: 183-218.




  1. Paoletti C: Studi medici e discussione filosofica. In “La difesa dell’errore. Senso comune e filosofia positiva in Thomas Brown”, 2006: 61-104, CLUEB, Bologna.




  1. Rocca J: William Cullen (1710–1790) and Robert Whytt (1714–1766) on the Nervous System. In “Brain, Mind and Medicine: Neuroscience in the 18th Century”, 2007: 85-98, Springer, New York.




  1. Wright JP: Metaphysics and Physiology: Mind, Body and the Animal Oeconomy in the Eighteenth-Century Scotland. In “Studies in the Philosophy of the Scottish Enlightenment”, 1990: 251-301, Clarendon Press, Oxford.




  1. French RK: Robert Whytt, the Soul, and Medicine. The Wellcome Institute of the History of Medicine, 1969, London.




  1. Wright JP: Materialism and the Life Soul in Eighteenth-Century Scottish Physiology. In “The Scottish Enlightenment: Essays in Reinterpretation”, 2000: 177-197, University of Rochester Press, Rochester.




  1. Lehrer K: Thomas Reid. Routledge, 1989, London and New York.




  1. Whytt R: The Works of Robert Whytt. Balfour, 1768, Edinburgh, p. 16.




  1. Whytt R: The Works of Robert Whytt. Balfour, 1768, Edinburgh, p. 27.




  1. Whytt R: The Works of Robert Whytt. Balfour, 1768, Edinburgh, p. 6.




  1. Whytt R: The Works of Robert Whytt. Balfour, 1768, Edinburgh, p. 129.




  1. Whytt R: The Works of Robert Whytt. Balfour, 1768, Edinburgh, p. 132.




  1. Whytt R: The Works of Robert Whytt. Balfour, 1768, Edinburgh, p. 148.




  1. Whytt R: The Works of Robert Whytt. Balfour, 1768, Edinburgh, p. 147.




  1. Whytt R: The Works of Robert Whytt. Balfour, 1768, Edinburgh, p. 101.




  1. Whytt R: The Works of Robert Whytt. Balfour, 1768, Edinburgh, pp. 201-2.



  1. Bassiri N: The Brain and the Unconscious Soul in Eighteenth-Century Nervous Physiology: Robert Whytt’s Sensorium Commune. Journal of the History of Ideas 2013; 74, 3: 425-448.




  1. Maione M: Scienza, linguaggio, mente in Thomas Reid. Carocci, 2001, Roma.




  1. Whytt R: The Works of Robert Whytt. Balfour, 1768, Edinburgh, p. 98.




  1. Canguilhem G: La formation du concept de réflexe aux XVIIe et XVIIIe siècles. Presses Universitaires de France, 1955, Paris.




  1. Wübben Y: Transhumane Physiologie. Bilder und Praktiken des Reflexes (Thomas Willis, Robert Whytt, Marshall Hall). In “Transitions and Borders between Animals, Humans and Machine: 1600-1800”, 2010: 105-121, Brill, Leiden.




  1. Whytt R: The Works of Robert Whytt. Balfour, 1768, Edinburgh, p. 501.




  1. Whytt R: The Works of Robert Whytt. Balfour, 1768, Edinburgh, p. 510.




  1. Whytt R: The Works of Robert Whytt. Balfour, 1768, Edinburgh, p. 128.




  1. Duchesneau F: Sensibilité et structure organique: l’alternative Whytt - Haller. In “La physiologie des Lumières: Empirisme, Modèles et Théories”, 1982: 171-234, Nijhoff, The Hague.




  1. Wright JP: Substance versus Function Dualism in Eighteenth-Century Medicine. In “Psyche and Soma”, 2000: 237-254.




  1. Whytt R: The Works of Robert Whytt. Balfour, 1768, Edinburgh, p. 203.




  1. Wood PB: Thomas Reid on the Animate Creation: Papers relating to Life Sciences. Edinburg University Press, 1995, Edinburgh.




  1. Paoletti C: Thomas Reid e le scienze mediche. Rivista di storia della filosofia 2006; 61, 2: 317-343.




  1. Wood PB: Thomas Reid and the Culture of Science. In “The Cambridge Companion to Thomas Reid”, 2004: 53-76, Cambridge University Press, Cambridge.




  1. Wood PB: Thomas Reid on the Animate Creation: Papers relating to Life Sciences. Edinburg University Press, 1995, Edinburgh, pp. 236-7.




  1. Wood PB: Thomas Reid on the Animate Creation: Papers relating to Life Sciences. Edinburg University Press, 1995, Edinburgh, p. 232.




  1. Wood PB: Thomas Reid on the Animate Creation: Papers relating to Life Sciences. Edinburg University Press, 1995, Edinburgh, p. 224.




  1. Wood PB: Thomas Reid on the Animate Creation: Papers relating to Life Sciences. Edinburg University Press, 1995, Edinburgh, p. 218.




  1. Ducheyne S: Reid’s Adaptation and Radicalization of Newton’s Natural Philosophy. History of European Ideas 2006; 32, 2: 173-189.




  1. Reid T, Haakonssen K, Brookes DR: Essays on the Intellectual Powers of Man. Edinburgh University Press, 2002, Edinburgh, p. 75.




  1. Reid T, Haakonssen K, Brookes DR: Essays on the Intellectual Powers of Man. Edinburgh University Press, 2002, Edinburgh, p. 283.




  1. Reid T, Haakonssen K, Brookes DR: Essays on the Intellectual Powers of Man. Edinburgh University Press, 2002, Edinburgh, p. 87.




  1. Whytt R: The Works of Robert Whytt. Balfour, 1768, Edinburgh, p. 131.




  1. Wood PB: Thomas Reid on the Animate Creation: Papers relating to Life Sciences. Edinburg University Press, 1995, Edinburgh, p. 234.




  1. Paoletti C: Thomas Reid naturalista. Dianoia 2001; 6: 163-183.






©astratto.info 2017
invia messaggio

    Pagina principale