Modulo: Dal criticismo kantiano all’idealismo romantico Unità didattica 1 L’idealismo etico di Fichte



Scaricare 52 Kb.
04.01.2018
Dimensione del file52 Kb.

Modulo: Dal criticismo kantiano all’idealismo romantico

Unità didattica 1 L’idealismo etico di Fichte

L’uomo si chiede la causa del proprio esistere,

e Fichte ci dice che la sola causa ragionevole

che può avere la nostra esistenza è unicamente

quella che noi daremo alla nostra vita,

cioè il fine che ci imporremo di conseguire

con le nostre forze.
V. E. Alfieri, Introduzione a La missione del dotto
1. 1. Premesse

Con Fichte (1762-1814) ha luogo il passaggio dal criticismo kantiano all’idealismo romantico, che – nelle pagine fichtiane – si declina nelle forme di un pensiero morale in cui il valore di concetti quali quelli della libertà e dello sforzo attuato per raggiungerla assumono importanza assoluta e fondamentale.

Tuttavia, prima di affrontare il pensiero di Fichte, ritengo sia necessario avere presenti – in via preliminare – un paio di aspetti: da una parte il significato di due termini fondamentali, ossia dogmatismo e idealismo, dall’altra il confronto con gli assunti fondamentali della gnoseologia kantiana. Partire da qui significa compiere il primo passo verso la comprensione non solo della complessa filosofia fichtiana, ma anche di quella – altrettanto complessa – di Schelling e Hegel.

Dogmatismo: atteggiamento filosofico che consiste nel partire dal mondo oggettivo esterno, dalla natura, per spiegare l’Io che conosce. Secondo il dogmatismo esiste un mondo, esso sta al di fuori del soggetto, e questi lo percepisce passivamente per come è. Sono i fenomeni esterni che mi si impongono nel loro modo di essere. Questa filosofia pone una qualche forma di dipendenza dell’io dalle cose (oggetti), se non altro per il fatto che sono esse a rendersi conoscibili: oggetti già costituiti, le cose impressionano la capacità percettiva del soggetto, il quale si limita a registrarli. La conoscenza si spiega come il prodotto dell’azione dei corpi esterni sulla nostra mente.

Secondo Fichte facendo dipendere il soggetto dalle cose sensibili lo si rende debole e incapace di agire. L’atteggiamento teoretico secondo il quale la nostra conoscenza dipende dalle cose a noi esterne fa dipendere il soggetto dall’oggetto; secondo Fichte ciò si traduce in una negazione della libertà e dell’autonomia del soggetto, ossia dell’Io. Ciò rende l’uomo fiacco sul piano etico e ne scoraggia l’attività, la negazione dell’autonomia dell’Io conduce al fatalismo.

E’ questo il cuore della critica fichtiana a Kant, il quale – pur essendosi distanziato da una simile visione della conoscenza, concependo il conoscere come attività e non come passività – rimane all’interno di una concezione dogmatica, in quanto aveva delimitato l’Io penso o Autocoscienza con l’ammissione di qualcosa di esterno e irriducibile a esso: la cosa in sé, limite invalicabile del conoscere. In questo modo Kant assegna dei limiti al soggetto, e non lo riconosce come infinita originalità creatrice.

Idealismo: Il termine idealismo è introdotto nel linguaggio filosofico intorno alla metà del Seicento in riferimento alla dottrina platonica, che fa consistere nelle idee la vera realtà, in opposizione alle cose materiali, mutevoli e precarie, la cui consistenza reale è solo apparente. E’ stato poi usato in altre accezioni, e specificamente per designare: 1) l’impianto gnoseologico proprio di varie correnti della filosofia moderna e contemporanea; 2) una corrente storicamente determinata. In quest’ultimo senso “idealismo” è il nome di una grande corrente di pensiero che si afferma in Germania nel periodo postkantiano (per opera soprattutto di Fichte, Schelling ed Hegel), secondo cui sola e unica realtà è lo Spirito, e tutto quanto esiste è manifestazione dell’attività dello Spirito.

L’idealismo è l’atteggiamento filosofico opposto al dogmatismo, e dunque consiste nel partire dall’Io per spiegare il mondo oggettivo (la natura, la materia, i corpi e tutta la realtà, nel lessico fichtiano: il non-Io). Per l’idealismo non sono le cose a generare la coscienza, non è la materia (mondo della passività e dell’inerzia) a produrre lo spirito (mondo dell’attività e dell’autodeterminazione); semmai è il contrario.

Negando ogni autonomia e indipendenza alla realtà esterna all’Io (realtà esterna che deve semmai la sua esistenza all’Io), e affermando la piena autonomia e l’assenza di ogni condizionamento e dipendenza dell’Io da parte delle cose, il carattere dell’Io è dunque assoluto e infinito. L’idealismo è la filosofia che meglio esprime la libertà assoluta del soggetto: esso si qualifica come filosofia della libertà.

N.B. Ora, la conseguenza filosofica di questa esaltazione idealistica dell’assoluta libertà e autonomia del soggetto va ritrovata sul piano morale. Questa libertà va letta come, kantianamente, volontà di progredire nel perfezionamento morale e spirituale, un impegno etico la cui possibilità di realizzazione è aperta dal carattere assolutamente libero del soggetto, dalla sua autonomia e sovranità nei confronti di una realtà dalla quale non dipende, e a cui non è asservito, ma che anzi il soggetto stesso plasma e a cui dà senso.



Si è detto che per Fichte l’Io è essenzialmente libertà. Ciò significa che l’Io non è secondario né dipendente da un mondo di cose esterne, che non trae significato dalle cose esterne (non-Io), bensì, semmai, che è originario, ossia che è ciò da cui solo trae significato e realtà il mondo. L’Io è dunque il creatore del senso del mondo, e della sua realtà concreta, il principio primo in base al quale tutto il resto è deducibile.

La vocazione filosofica di Fichte è stata occasionata dagli scritti di Kant. Ma Fichte non si ferma agli insegnamenti del maestro, perché:



  • Kant aveva voluto costruire una filosofia del finito, Fichte vuole costruire una filosofia dell’infinito, dell’infinito che è nell’uomo, anzi che è l’uomo stesso nella sua dimensione morale (o pratica). Per la tensione morale che lo caratterizza l’idealismo fichtiano prende il nome di idealismo etico. Ricorderemo Fichte come il filosofo della infinità dell’Io, della sua assoluta attività e spontaneità, quindi della sua assoluta libertà.

Sintesi:

Kant: Io limitato dalla cosa in sé

Fichte:

1) Io puro (ossia libero dal condizionamento delle cose) come punto di partenza del sistema fichtiano;

2) Io puro come attività libera e priva di limiti;

3) Io puro come infinita attività creatrice del mondo e di se stesso.



1.2. Caratteri dell’idealismo fichtiano

L’idealismo fichtiano si caratterizza per alcuni elementi teorici distintivi:



  • La necessità di prendere a fondamento della nuova filosofia il pensiero kantiano, ma al tempo stesso di affrontare il problema lasciato aperto da Kant, l’esistenza di una nozione come quella di cosa in sé. Dobbiamo infatti sempre ricordare che la cosa in sé è un limite posto alle capacità conoscitive del soggetto. Ciò per Fichte significa porre un limite alla libera soggettività umana;

  • Secondo Fichte tutto ciò che si percepisce e si pensa è conoscibile soltanto perché esiste il soggetto, e attraverso le leggi di quello. A questo – che era già stato detto da Kant – Fichte aggiunge il fatto che il pensiero (l’Io) non solo condiziona – kantianamente – l’oggetto (il Non-Io, l’Altro), ma lo pone, ovvero lo costituisce. In altre parole l’Io è non solo l’unico principio del conoscere, cioè alla sua attività è dovuto non solo il pensiero della realtà, ma questa stessa realtà nel suo contenuto materiale. L’Io è infinito in quanto è l’unica sorgente della realtà materiale. E’ dunque l’Io a determinare le cose esterne; esso è originario, nel senso che l’Io costituisce il mondo. L’Io trascendentale kantiano, da organizzatore e unificatore di un molteplice sensibile che gli viene dal di fuori (soluzione kantiana), diventa produttore anche del molteplice sensibile.


1.3. La Dottrina della scienza

La filosofia di Fichte è conosciuta soprattutto attraverso il suo primo testo di carattere programmatico: i Fondamenti dell’intera dottrina della scienza, o anche semplicemente la Dottrina della scienza (1794-95). L’opera citata gli conferisce il ruolo di vero e proprio fondatore dell’idealismo trascendentale, di cui la Dottrina è considerata il manifesto. La Dottrina della scienza vuole mostrare come, muovendo dall’Io puro, sia possibile dedurre rigorosamente da esso tutto il reale: la natura, il nostro corpo, le cose intorno a noi.



  • Dobbiamo spiegare il significato dell’espressione “idealismo trascendentale”. Il vocabolo kantiano trascendentale significa “che è condizione della pensabilità di qualche cosa”; dunque l’espressione idealismo trascendentale significa più o meno che l’idea (da intendersi come spirito, coscienza, o ancora soggetto pensante) è condizione della pensabilità della materia.

  • Il vero protagonista della Dottrina della scienza fichtiana è l’Io puro (dove puro vuol dire fuori da ogni relazione con oggetti esterni): di cosa si tratta?

  • Per Io dobbiamo intendere l’Autocoscienza, la ragione nella purezza o assolutezza della sua essenza disincarnata, quella che è presente in tutti gli uomini e che Kant aveva chiamato Io trascendentale, la condizione di ogni possibile esperienza; ancora, esso costituisce la pura soggettività; in ogni caso esso è inesauribile attività creatrice del mondo, dato che questo – senza l’Io – non avrebbe né significato né esistenza. Esso non va dunque confuso con l’io empirico, che è anzi una produzione dell’Io che chiameremo puro o universale. L’Io, inteso come universale astratto nello stesso modo in cui intendiamo l’insieme degli uomini nel termine “umanità”, è infinita originalità creatrice; esso è infinito nella sua essenza, ed è fuori del tempo (il tempo è anzi la manifestazione della realizzazione successiva e progressiva in cui l’Io, limitandosi, prende coscienza di sé).

  • Fichte trasforma l’Io trascendentale kantiano nell’Io puro: condizione di ogni possibile esistenza. Questo Io, che è presupposto da ogni posizione di esistenza, non è il soggetto individuale, bensì ciò che ne costituisce il fondo, l’essenza. Esso non è il nostro stato di individui limitati, bensì ciò che costituisce il loro presupposto. L’Io in sé, l’Io puro, è anteriore alla individualità, tuttavia l’Io non può giungere alla coscienza di se stesso se non nelle sue determinazioni empiriche, ossia tramite i modi particolari nei quali la vita cosciente si realizza e si manifesta. L’Io è sempre uno e identico a sé, il mondo empirico è invece molteplice.

  • In altri termini, l’Io infinito o puro di cui parla Fichte non è qualcosa di diverso dall’insieme degli io finiti nei quali esso si realizza, esattamente come l’umanità non è qualcosa di diverso dai vari individui che la compongono, anche se l’Io infinito, come l’Umanità, perdura nel tempo, mentre i singoli io finiti e i particolari individui sono soggetti alla nascita e alla morte.

  • L’Io puro, o soggettività assoluta, è anteriore a ogni distinzione tra Io e non-Io, ed è la condizione di ogni essere empirico, tra cui l’uomo; in quanto ragione universale è la condizione stessa del pensare e la meta cui deve tendere il singolo individuo.

2. La vita dell’Io

2.1. L’Io e la sua attività

Si è detto innanzitutto che l’Io puro o universale è infinita attività creatrice. Lo è perché conferisce senso e realtà al mondo, il quale – altrimenti – non potrebbe esistere. Tutto ciò che esiste è esistente in quanto vi è una coscienza che lo percepisce, che ne ha conoscenza, e che gli conferisce senso e significato. Per l’idealismo, questo rappresentarsi le cose del mondo equivale a crearle.


Noi possiamo dire infatti che qualcosa esiste solo rapportandolo alla nostra coscienza, solo in quanto appare a noi: senza l’Io, cioè se l’Io non esistesse, non ci sarebbe dunque alcun atto dell’attività conoscitiva (percezione, rappresentazione, pensiero, giudizio, principio logico). Questo Io iniziale, creatore del mondo, non è però l’io personale o empirico di ciascun individuo, ma una realtà spirituale che precede l’esistente: l’Io puro, appunto, come fondamento di ogni realtà.
Questo Io puro o spirito è un processo creativo e infinito che si articola in tre momenti essenziali. Nel primo momento “l’Io pone se stesso”. L’io non potrebbe stabilire alcun rapporto con la realtà al di fuori di sé se non ponesse prima se stesso, cioè se non si ponesse come esistente. L’io non può affermare nulla senza affermare in primo luogo la propria esistenza. Esso, a sua volta, non è posto da altri, ma si pone da sé. Dunque l’Io pone se stesso come realtà originaria.
L’Io, poi, non è immobile, anzi è infinita tensione verso un’ideale meta di perfezione. Allora l’Io sarebbe qualcosa di astratto e di vuoto, se non si trovasse di fronte a un Non-io, ossia a qualcosa che è diverso da sé, e che gli si contrappone, gli resiste, fungendo da ostacolo alla sua attività. L’io puro (la ragione) non è cosa che esista sempre e comunque, non è sostanza, realtà già data, ma attività che deve realizzarsi e che, se non agisse, cesserebbe di esistere. L’Io di Fichte non è dunque statico, ma è costantemente impegnato in un processo di autorealizzazione.
Da ciò il secondo momento della deduzione fichtiana, che è quello per cui “l’Io” – inesauribile attività creatrice – “pone il non-Io”. All’Io è opposto quindi un non-Io come realtà altra posta dall’infinita attività produttiva dell’Io. Il non-Io è il mondo della natura e della molteplicità; come tale comprende tutto ciò che è materiale e privo di ragione, anche il nostro corpo e le nostre sensazioni.
In altri termini, l’io non solo pone se stesso, ma oppone anche a se stesso qualcosa che, in quanto gli è opposto, è un non-io (oggetto, mondo, natura, tutto ciò che è sensibile e corporeo). Tale non-io (la natura, il mondo sensibile), che appare alle coscienze individuali e finite qualcosa di esterno e contrapposto a esse, non è tuttavia tale se considerato dalla prospettiva dell’Io puro. Il non-io è infatti posto dall’Io stesso ed è quindi interno all’Io puro: è chiaro il tentativo fichtiano e idealistico in genere di spiritualizzazione della natura. La natura, il mondo e gli iindividui non esistono insomma prima dell’Io, in modo indipendente da esso; sono piuttosto momenti indispensabili della vita dello spirito, sue manifestazioni.
Ora, però, il principio spirituale, l’Io puro, non sarebbe conoscibile se non si mostrasse nelle sue manifestazioni empiriche: è questo il terzo momento della vita dell’Io; l’Io si particolarizza e si concretizza nei singoli io empirici e finiti, nella pluralità delle persone, negli individui che trovano di fronte a loro il mondo esterno o non-Io; l’io empirico e il non-Io hanno nell’Io puro la loro fonte, sono le determinazione empiriche dell’Io puro, che però esiste concretamente solo attraverso le sue manifestazioni particolari, ossia la natura e la molteplicità degli io finiti.

3. La centralità dell’etica

3.1. Io, non io e vita morale

Abbiamo affermato che l’Io puro di Fichte, essendo attività, ha bisogno di porre un oggetto di fronte a sé come proprio limite (o ostacolo), affinché possa superarlo e rivelare il suo aspetto peculiare che risiede nello Streben, “sforzo, tensione”. L’io è infinito in quanto si rende tale, svincolandosi dalla realtà sensibile che esso stesso pone; e la pone perché senza di essa la sua libertà infinita non sarebbe possibile. L’insieme delle cose particolari e contingenti è il non-Io. Il non-Io è necessario perché la nostra attività morale abbia uno stimolo che la faccia sorgere, un ostacolo contro cui lottare.


Per Fichte la presenza del non io (che costituisce appunto questo ostacolo posto all’azione dell’Io) può essere spiegata solo in relazione alla moralità. In altri termini, per Fichte il mondo esterno esiste solo in quanto costituisce il teatro dell’agire morale dell’Io. Fichte pone al vertice del suo sistema la preoccupazione morale e assegna all’uomo il compito morale di affermare la libertà nel mondo, superando di continuo – per questo si parla di ostacolo e di sforzo – tutte le difficoltà che si frappongono sulla via della piena e perfetta realizzazione dell’Io, che è sempre di tipo morale. La libertà acquista coscienza di sé, del suo infinito potere, soltanto misurandosi con gli ostacoli che danno un oggetto allo sforzo (Streben) incessante verso una più alta realtà.
Il mondo esterno costituisce pertanto il campo del nostro agire e la natura (comprese le nostre passioni e il nostro corpo) l’ostacolo che l’Io si costruisce per mettersi alla prova, superarlo e, quindi, realizzarsi come libertà. L’attività dell’Io sul non-io costituisce l’azione morale. Lo sforzo che tende a ricondurre il non io (l’oggetto, la natura) alla pura attività dell’Io, cioè a trionfare su esso e ad affermare su esso il potere della ragione, è l’attività morale, l’agire etico.

In altre parole, di fronte all’uomo sta un mondo naturale, materiale che (sia pure opera della produzione inconscia dello spirito) appare diverso e nemico all’Io, realtà irrazionale che si contrappone alla razionalità della coscienza. Ma la legge che governa lo spirito umano è quella della unità razionale; senonché non è possibile all’uomo subordinare il suo mondo interiore, almeno nella sfera della conoscenza, alla legge dell’unità, se questa stessa esigenza non è da lui attuata nel mondo esteriore. Bisogna che anche le cose siano sottomesse alla legge dello spirito: che il loro meccanismo sia dominato dalla finalità, propria del nostro mondo morale: che quella molteplicità che noi non sappiamo perché sia quello che è, perché tale e non altra, sia domata dal nostro lavoro, acquistando così un significato e un valore.

Ed ecco che l’uomo pone mano alle cose, e apre strade, costruisce case, inventa macchine, vince gli elementi, strappa alla natura i suoi segreti, cerca sempre nuove utilità materiali che in tanto si giustificano in quanto servono a rendere più libero l’uomo nella sua opera morale. Solo così si può parlare di una razionalità del mondo esterno, di una razionalità effettiva di esso.

La vita morale e la missione del dotto

Potremmo dire che il proposito fichtiano è quello di sottomettere alla razionalità tutto ciò che non è dotato di ragione o non prodotto direttamente e consapevolmente dalla ragione: gli impulsi e le passioni innanzitutto, e il mondo delle cose sensibili. L’opera dell’attività razionale, la capacità di dominare la natura in noi e fuori di noi, elevando la sensibilità e subordinandola alla ragione, è ciò che Fichte chiama cultura.

L’uomo ha la missione di plasmare se stesso, attuando nella vita quotidiana quell’impegno etico in cui consiste la sua libertà. Pur essendo un io finito, e dunque dipendente dalle passioni e dalle cose, l’uomo deve mirare a realizzarsi come Io puro. Questo è il fine della cultura, che implica l’idea di una educazione e di una formazione continua, attuata grazie alla ragione, che sottomette gli istinti e la sensibilità, subordinando la materia allo spirito, al pensiero. La perfezione dell’uomo è intesa dunque come continua conquista, come perfezionamento all’infinito, cui la cultura o educazione sono dirette. Con le parole del filosofo: “L’uomo esiste per divenire egli stesso sempre migliore moralmente e per rendere migliore materialmente e (se consideriamo l’uomo nella società) moralmente tutto quanto lo circonda, conquistandosi così una felicità sempre maggiore”.

Vi è dunque – per Fichte – un ruolo morale della cultura, ed è ciò che è espresso nell’opera considerata il capolavoro fichtiano, La missione del dotto, raccolta di cinque lezioni di educazione morale tenuta a Jena nel 1794, dove la classe dei dotti, ossia degli intellettuali, occupa un ruolo altamente onorevole nella società: essi hanno il compito dell’educazione degli altri uomini; promuovendo il progresso e lo sviluppo della cultura, il dotto guida la formazione morale e spirituale del genere umano. Questo perfezionamento morale dell’uomo è per Fichte un compito altissimo, ma anche infinito, mentre il dotto – proprio in ragione di questa missione educativa, e in quanto maestro – dev’essere l’uomo moralmente migliore del suo tempo.






Condividi con i tuoi amici:


©astratto.info 2019
invia messaggio

    Pagina principale