Modulo Fonetica e Fonologia Corso di Linguistica generale



Scaricare 465 b.
11.11.2018
Dimensione del file465 b.


Modulo Fonetica e Fonologia

  • Corso di Linguistica generale

  • a.a. 2008/09


Introduzione

  • Di tutti i suoni che un essere umano è in grado di produrre, solo una piccola parte sono i suoni che fanno parte di una lingua in senso stretto

  • Ogni lingua ha un suo inventario di suoni che funzionano linguisticamente (fonemi)



Definizioni

  • Fonetica: “disciplina della linguistica che studia gli aspetti fisici inerenti alla produzione dei foni delle lingue naturali. Va tenuta distinta dalla fonologia, che studia il modo in cui i foni interagiscono tra di loro all’interno di specifiche lingue. Mentre quindi la fonetica agisce ad un livello concreto […], la fonologia si muove ad un livello astratto, in cui le preoccupazioni sistemiche prendono il sopravvento sull’indagine parcellizzata” (Pier Marco Bertinetto)



Definizioni 2

  • Fono: “ogni suono prodotto dall’apparato fonatorio umano, considerato in quanto entità fisica discreta individuabile nella catena fonica. […] Il termine sta in rapporto con fonema come morfo con morfema, designando in senso stretto ogni singola realizzazione effettiva di un suono linguistico, differente da qualsiasi altra nelle infinite possibili esecuzioni […]. Per convenzione, un suono linguistico cui si faccia riferimento in quanto fono è indicato con il simbolo incluso in parentesi quadre: [a]” (Michele Loporcaro)



La fonetica

  • Fonetica acustica: è la branca della fonetica che si interessa agli aspetti acustici della fonazione, studiando con apposite apparecchiature i movimenti (vibrazioni) delle particelle d’aria prodotti dagli organi fonatori

  • Fonetica articolatoria: una delle principali branche della fonetica, dedita allo studio della produzione dei suoni linguistici da parte dell’apparato fonatorio umano



La fonetica 2

  • Fonetica percettiva: è la branca della fonetica che si interessa delle caratteristiche percettive dei suoni delle varie lingue e propone diverse teorie per spiegare come avvenga il processo di percezione del segnale verbale



La fonetica articolatoria

  • Descrive l’anatomia dell’apparato fonatorio

  • Studia il processo di fonazione

  • Fornisce criteri e termini per la classificazione dei foni

  • Lingua scritta e lingua parlata: le lettere sono elementi discreti giustapposti, mentre il parlato è un continuum in cui è piuttosto difficile individuare i singoli foni



L’apparato fonatorio



L’apparato fonatorio 2

  • È l’insieme delle strutture anatomiche che l’uomo utilizza per parlare

  • È formato da organi che, pur appartenendo primariamente agli apparati respiratorio e digerente, svolgono anche funzioni fonatorie

  • Produzione del suono:

  • Polmoni  trachea  laringe (corde vocali)  faringe  cavità orali



Cavità orale

  • Lingua

  • Palato duro

  • Alveoli

  • Denti

  • Labbra

  • Cavità nasali



Organi mobili

  • Organi mobili

  • Pliche vocali

  • Velo palatino

  • Lingua

  • labbra



Il meccanismo della fonazione

  • Durante la fonazione un flusso d’aria proveniente dai polmoni viene spinto attraverso laringe, faringe, cavità orale (o nasale), labbra

  • Durante questo percorso il flusso d’aria può incontrare degli ostacoli

  • È proprio l’incontro tra il flusso d’aria e uno o più di questi ostacoli a generare i foni



Classificazione dei suoni

  • Per classificare un suono sono necessari tre parametri:

  • Modo di articolazione

  • Punto di articolazione

  • sonorità



IPA - International Phonetic Association

  • http://www.arts.gla.ac.uk/IPA/index.html

  • The IPA is the major as well as the oldest representative organisation for phoneticians. It was established in 1886 in Paris.

  • The aim of the IPA is to promote the scientific study of phonetics and the various practical applications of that science

  • The IPA provides the academic community world-wide with a notational standard for the phonetic representation of all languages - the International Phonetic Alphabet



Classi di suoni

  • Consonanti

  • Vocali

  • Semiconsonanti (approssimanti)

  • Vocali, semiconsonanti, liquide e nasali formano la classe delle sonoranti; tutti i suoni non sonoranti si chiamano ostruenti



Le consonanti Modi di articolazione

  • Occlusive: il suono è prodotto tramite una occlusione momentanea dell’aria cui fa seguito una specie di ‘esplosione’

  • Fricative: l’aria deve passare attraverso una fessura piuttosto stretta producendo così una ‘frizione’

  • Affricate: suoni che iniziano con un’articolazione di tipo occlusivo e terminano con un’articolazione di tipo fricativo



Modi di articolazione 2

  • Nasali: il velo palatino si posiziona in modo tale da lasciar passare l’aria attraverso la cavità nasale

  • Laterali: la lingua si posiziona contro i denti e l’aria fuoriesce dai due lati della lingua stessa

  • Vibranti: vibrazione o dell’apice della lingua o dell’ugola

  • Approssimanti: gli organi articolatori vengono avvicinati, ma senza contatto; it. [j] e [w]



Punti di articolazione

  • Bilabiali: il suono è prodotto mediante l’occlusione, cioè la chiusura, di entrambe le labbra

  • Labiodentali: il suono deve attraversare una fessura che si forma appoggiando gli incisivi superiori al labbro inferiore

  • Dentali: la parte anteriore della lingua tocca la parte interna degli incisivi



Punti di articolazione 2

  • Alveolari: la parte anteriore della lingua tocca o si avvicina agli alveoli

  • Palato-alveolari: la parte anteriore della lingua si avvicina agli alveoli ed ha il corpo arcuato

  • Palatali: sono prodotte con la lingua che si avvicina al palato

  • Velari: sono prodotte con la lingua che tocca il velo palatino







©astratto.info 2017
invia messaggio

    Pagina principale