Obiettivi: Obiettivi



Scaricare 0.75 Mb.
26.01.2018
Dimensione del file0.75 Mb.



Obiettivi:

  • Obiettivi:

    • Definire classi contenenti attributi, metodi e costruttori
    • Istanziare oggetti di tali classi
    • Usare l’operatore “.” per accedere ad attribute e metodi delle classi
    • Apprendere l’uso dei modificatori d’accesso public e private
    • Creare gerarchie classi con ereditarietà
    • Apprendere l’uso dei modificatori protected, final e static


Paradigma di programmazione nato negli anni ’80 che permette di definire oggetti software in grado di interagire gli uni con gli altri attraverso lo scambio di messaggi

  • Paradigma di programmazione nato negli anni ’80 che permette di definire oggetti software in grado di interagire gli uni con gli altri attraverso lo scambio di messaggi

  • Non è l’unico paradigma:

    • programmazione procedurale (Fortran, COBOL)
    • programmazione strutturata (Pascal, Ada, C)
    • programmazione funzionale (Lisp, Haskell)
  • Java non è l’unico esempio di linguaggio object-oriented: lo sono anche Smalltalk, Eiffel, C++, C#, Python, Ruby, ecc.



Principali vantaggi:

  • Principali vantaggi:

    • supporto naturale alla modellazione software degli oggetti del mondo reale o del modello astratto da riprodurre
    • più facile gestione e manutenzione di progetti di grandi dimensioni
    • modularità e riuso di codice
  • Principali proprietà:

    • Incapsulamento
    • Ereditarietà
    • Polimorfismo


La differenza tra classe e oggetto è la stessa differenza che c’è tra tipo di dato e dato

  • La differenza tra classe e oggetto è la stessa differenza che c’è tra tipo di dato e dato

  • La classe è la descrizione astratta di un tipo di dato: specifica cioè i metodi e gli attributi che quel tipo di dato possiede

  • L’oggetto è una istanza della classe: quando si istanzia una «variabile» definendola di una certa classe, si crea un oggetto di quella classe rappresentato dal nome della «variabile» istanziata



La classe Melody permetterà di descrivere astrattamente una qualsiasi melodia, ad esempio prevedendo al proprio interno

  • La classe Melody permetterà di descrivere astrattamente una qualsiasi melodia, ad esempio prevedendo al proprio interno

    • un array di note pitches e una stringa title (attributi)
    • le funzioni contaNote, calcolaMaxPitch, trasponi e stampa (metodi)
  • Definita la classe, posso istanziare 2 oggetti di tale classe chiamati miaMelodia e jingleBells, ciascuno dei quali avrà uno stato differente (sequenza di note e autore differenti) e su cui si potranno invocare i metodi previsti

  • Nell’esempio riportato si prescinde dalla sintassi per definire le classi e per istanziare oggetti (vedi slide successive) Dopo aver descritto la sintassi, si veda l’esempio Melody.java



Dichiarazione minimale

  • Dichiarazione minimale

  • class MiaClasse

  • {

  • // dichiarazione di attributi, metodi e costruttori

  • }

  • Il corpo della classe contiene (o dovrebbe contenere) tutto il codice che serve per il ciclo di vita degli oggetti di tale classe. Il programmatore può costruire le classi richieste dal proprio codice.



class MiaClasse

  • class MiaClasse

  • {

  • // dichiarazione di attributi, metodi e costruttori

  • }

  • Attributi: campi (variabili o costanti) che definiscono lo stato dell’oggetto

  • Metodi: funzioni che implementano i comportamenti ammissibili dell’oggetto o che ne riflettono lo stato

  • Attributi e metodi sono entrambi membri di una classe

  • Costruttori: metodi speciali richiamati quando si istanzia un oggetto della classe per inizializzarne lo stato

    • Ad esempio per allocare spazio in memoria e per assegnare valori di default alle variabili


public class Note

  • public class Note

  • {

  • public int pitch;

  • private int octave;

  • public Note() {

  • pitch = 0;

  • octave = 0;

  • }

  • public int getOctave() {

  • return octave;

  • }

  • }



Quando si progetta una classe, si decide quali metodi e quali attributi essa contiene: queste entità saranno poi richiamabili dall’esterno della classe da parte del programmatore (con le debite limitazioni).

  • Quando si progetta una classe, si decide quali metodi e quali attributi essa contiene: queste entità saranno poi richiamabili dall’esterno della classe da parte del programmatore (con le debite limitazioni).

  • Tale modo di operare trasforma attributi e metodi di una classe nella sua interfaccia verso l’esterno: si può pensare all’oggetto come ad una scatola nera di cui si vede solamente l’interfaccia. L’interfaccia nasconde all’esterno l’implementazione interna.

  • Dall’esterno è noto «cosa fa» un metodo, ma non «come lo fa». I dati interni si possono dunque occultare e rendere accessibili attraverso metodi. Allo scopo si utilizzano i modificatori d’accesso.



I modificatori sono le parole chiave capaci di cambiare il significato di un componente di un’applicazione Java

  • I modificatori sono le parole chiave capaci di cambiare il significato di un componente di un’applicazione Java

  • Si possono anteporre alla dichiarazione di un componente di un’applicazione Java anche più modificatori alla volta, senza tener conto dell’ordine in cui vengono anteposti

  • I modificatori di accesso sono una categoria di modificatori che regolano essenzialmente la visibilità e l’accesso ad un componente Java



I membri di una classe si possono definire:

  • I membri di una classe si possono definire:

    • public: visibilità totale dall’interno e dall’esterno della classe (attributi accessibili in lettura e scrittura e metodi invocabili da chiunque);
    • private: visibilità ristretta alla classe proprietaria (attributi accessibili e metodi invocabili solo dall’interno della classe)
    • altri modificatori d’accesso verranno introdotti più avanti
  • Quando si progetta una classe è necessario individuare ciò che dovrà essere visibile all’esterno e cosa invece è necessario solo al corretto funzionamento interno: nel secondo caso è pericoloso permettere che altre classi possano modificare attributi o utilizzare funzioni pensate per lavorare sullo stato interno della classe stessa



I modificatori di accesso permettono di implementare la proprietà dell’incapsulamento, che ha due principali finalità.

  • I modificatori di accesso permettono di implementare la proprietà dell’incapsulamento, che ha due principali finalità.

  • Nascondere l’implementazione interna: dall’esterno della classe è noto cosa fa un metodo pubblico, cioè se ne conosce l’interfaccia (funzionalità svolta, parametri in ingresso e tipo restituito), ma non è noto come lo fa

  • Consentire un accesso protetto e «ragionato» dall’esterno:

    • ad esempio è possibile proteggere da scrittura un attributo definendolo private e implementando un metodo pubblico che ne restituisce il valore. Sarà possibile modificare tale valore solo dall’interno della classe;
    • ad esempio è possibile consentire di accedere in scrittura a un attributo non in modo diretto (public), ma definendolo private e creando un metodo public che effettua un controllo sui valori e gestisce eventuali situazioni di errore


Quando un oggetto viene istanziato, cioè quando il compilatore trova la parola riservata new, invoca automaticamente un metodo particolare dell’oggetto: il costruttore

  • Quando un oggetto viene istanziato, cioè quando il compilatore trova la parola riservata new, invoca automaticamente un metodo particolare dell’oggetto: il costruttore

  • Tale metodo è definito secondo alcune regole ben precise:

    • è un membro public della classe
    • ha lo stesso nome della classe
    • non restituisce alcun valore (è un metodo void)
    • public [Nome_Classe]([parametri]) { // corpo del metodo }
  • E’ possibile definire più costruttori (overload del costruttore), che devono distinguersi per numero e tipo di parametri passati.

    • Quando ha senso passare parametri a un costruttore? Ad esempio per inizializzare gli attributi con valori passati all’atto della costruzione dell’oggetto


Nel caso non venga esplicitamente fornito dal programmatore, il compilatore utilizza un costruttore di default. Il costruttore infatti deve esistere comunque in una classe, a prescindere dalla esplicita volontà del progettista

  • Nel caso non venga esplicitamente fornito dal programmatore, il compilatore utilizza un costruttore di default. Il costruttore infatti deve esistere comunque in una classe, a prescindere dalla esplicita volontà del progettista

  • Nota miaNota = new Nota(); // richiama il costruttore di default

  • Il costruttore di default non ha alcun parametro di costruzione: eventuali attributi dell’oggetto non inizializzati rimangono tali fino ad una necessaria inizializzazione esplicita successiva

  • Attenzione: se viene esplicitamente definito anche un solo costruttore, allora il costruttore di default non viene costruito



Una volta definita una classe, un oggetto di tale classe si istanzia usando il nome della classe come se fosse un tipo di variabile e richiamandone il costruttore

  • Una volta definita una classe, un oggetto di tale classe si istanzia usando il nome della classe come se fosse un tipo di variabile e richiamandone il costruttore

  • [Nome_Classe] [Nome_Istanza] = new [Nome_Classe]();

  • Nell’esempio di prima, richiamando il costruttore di default:

  • Melody jingleBells = new Melody();



Una volta dichiarati i membri di una classe, è possibile accedere ad essi utilizzando il carattere “.”

  • Una volta dichiarati i membri di una classe, è possibile accedere ad essi utilizzando il carattere “.”

  • [Nome_Oggetto].[Nome_Membro]

  • Nel caso di tentativo di accesso a un membro inesistente, il compilatore restituisce errore

  • Risulteranno visibili all’esterno solo i membri dichiarati public. Nel caso di tentativo di accesso a un membro private dall’esterno della classe, il compilatore restituisce errore



L’istruzione Java System.out.println("Hello World"); chiama il metodo println dell’oggetto System.out, che è fornito nella libreria standard del Java (JDK). Questo metodo stampa a video la stringa che riceve in ingresso.

  • L’istruzione Java System.out.println("Hello World"); chiama il metodo println dell’oggetto System.out, che è fornito nella libreria standard del Java (JDK). Questo metodo stampa a video la stringa che riceve in ingresso.

  • Tale metodo però è proprio dell’oggetto System.out e se proviamo a richiamarlo su un oggetto diverso che non lo contempla, il compilatore restituisce errore: MyNoteClass miaNota = new MyNoteClass(); miaNota.println("Hello World!!!"); // chiamata non valida La classe MyNoteClass di cui miaNota è un’istanza infatti non prevede un metodo pubblico println().



Dall’interno di un metodo è possibile accedere implicitamente agli attributi e metodi della classe di cui fa parte la funzione stessa

  • Dall’interno di un metodo è possibile accedere implicitamente agli attributi e metodi della classe di cui fa parte la funzione stessa

  • Nel caso (sempre evitabile con opportune convenzioni di naming) che una variabile locale nasconda una variabile globale della classe, è necessario poter distinguere

  • In ogni funzione, oltre ai parametri passati in ingresso, esiste sempre una variabile che fa riferimento alla classe stessa: è il parametro implicito this

  • Utilizzando tale parametro e la notazione puntata è possibile disambiguare una variabile locale con lo stesso nome di una globale



public class Messaggio

  • public class Messaggio

  • {

  • private String toPrint;

  • public Messaggio(String print)

  • {

  • toPrint = print;

  • }

  • public void print()

  • {

  • System.out.println(toPrint);

  • }

  • public static void main(String args[])

  • {

  • Messaggio ciaoMondo = new Messaggio("Hello World!");

  • ciaoMondo.print();

  • }

  • }



La definizione di nuove classi in Java corrisponde alla creazione di un nuovo tipo strutturato di dati

  • La definizione di nuove classi in Java corrisponde alla creazione di un nuovo tipo strutturato di dati

  • Rispetto ai tipi primitivi quali int o char, una classe contiene n attributi e potenzialmente m metodi

  • E’ possibile istanziare oggetti di una seconda classe inclusa nello stesso codice sorgente

    • Si osservi che dal main si ha accesso a tutti i membri della prima classe (in quanto il main è interno alla classe stessa), ma solo ai membri public della seconda classe


ESEMPIO

  • ESEMPIO

  • Fractions.java

  • Il codice contiene l’implementazione di una classe definita dall’utente per rappresentare i numeri razionali come frazione tra un numeratore e un denominatore intero. Esso contiene:

  • diversi costruttori per inizializzare le strutture dati;

  • metodi ad hoc per effettuare le quattro operazioni aritmetiche elementari sulle frazioni

  • un metodo per semplificare le frazioni, basato sul calcolo del massimo comun divisore

  • un metodo per la rappresentazione in formato stringa delle frazioni.



ESERCIZIO

  • ESERCIZIO

  • Si riveda il codice relativo alla classe Fractions allo scopo di rappresentare i valori ritmici delle note. In particolare:

  • si aggiungano due enumerazioni che contengono le definizioni testuali delle durate (es.: INTERO, META, QUARTO, OTTAVO,… e SEMIBREVE, SEMIMINIMA, MINIMA, CROMA,…);

  • si implementino dei costruttori che prendono in ingresso un valore di una delle enumerazioni per compilare opportunamente numeratore e denominatore;

  • si rivedano i costruttori che permettono di passare il valore del denominatore, passando l’esponente cui elevare la base 2 anziché il valore esplicito (ad esempio, per il denominatore di ½ si deve passare 1 in luogo di 2, per ¼ si deve passare 2 in luogo di 4, ecc.). Si faccia in modo che il denominatore sia compreso tra 1 e 8, quindi il valore minimo supportato sia il duecentocinquantaseiesimo.



elenco: download -> materiale didattico -> progmus
download -> Concesio, venerdì 24 settembre 2010 – XI colloquio internazionale di Studio dell’Istituto Paolo VI saluto del Vescovo mons. Luciano Monari
download -> La Preistoria La nostra Terra si è formata 5 miliardi di anni fa. Pian piano sulla Terra sono nate le prime forme di vita: all’inizio si trattava solo di organismi monocellulari
download -> Excursus sulla sociologia dei sensi
download -> Sören kierkegaard
download -> Dei bambini (0-6 anni) Pastorale battesimale. Schede operative a cura degli Uffici Pastorali Brescia 2014 Introduzione
download -> La gerusalemme liberata
progmus -> Utilizzo dei tipi numerici interi
progmus -> Obiettivo della lezione è saper aprire in lettura e scrittura file binari. Obiettivo della lezione è saper aprire in lettura e scrittura file binari
progmus -> E’ un linguaggio di programmazione moderno e ampiamente utilizzato


Condividi con i tuoi amici:


©astratto.info 2017
invia messaggio

    Pagina principale