Oggetto: dipinto soggetto: donna che avverte un profumo



Scaricare 11.13 Kb.
24.01.2018
Dimensione del file11.13 Kb.


OGGETTO: dipinto

SOGGETTO: donna che avverte un profumo

TITOLO: “Profumo”

AUTORE: Luigi Russolo (1885-1947)

COLLOCAZIONE ATTUALE: Milano, “Esposizione d’arte libera”

CRONOLOGIA: 1909-1910

TECNICA E MATERIALI: olio su tela

DIMENSIONI: 65,5 x 64.5 cm

STATO DI CONSERVAZIONE: ottimo

ISCRIZIONI: nessuna

Questo dipinto rappresenta una ragazza nell’atto di odorare e apprezzare un profumo; non viene illustrata la fonte dell’aroma, ma è possibile notare la sua diffusione nell’aria per mezzo delle variazioni di colore.

L’opera e stata eseguita nel periodo di maggiore ispirazione dell’artista: proprio in quegli anni Russolo aveva infatti abbracciato, insieme all’amico Boccioni, gli ideali futuristi.

In questa corrente si sentiva pienamente appagato, ed anche nei suoi dipinti dimostrava immensa soddisfazione e pace interiore.

Era attratto dalla modernità, e cercava quindi di coinvolgere, utilizzando le proprie tele, sfere sensoriali come l’udito e l’olfatto.

“Profumo” è perciò un magnifico riassunto di sensazioni e sentimenti.

Gli elementi del linguaggio pittorico

In questo dipinto la linea ha un ruolo estremamente importante: definisce infatti la forma degli oggetti come confine tra aree di diverso colore, e concorre alla resa dei valori chiaroscurali come contorno.

Prevalgono linee ad andamento curvo, per ricordare il diffondersi nell’aria della fragranza.

Per quanto riguarda la superficie pittorica, è da notare il fatto che la stesura del colore è tale da rendere visibili le pennellate.


Il formato del dipinto è quadrato; gli elementi sono disposti sul piano al di fuori del tracciato strutturale, fatta eccezione per una diagonale che attraversa la testa della ragazza.

Per il maggior “peso compositivo”, relativo alle dimensioni e al colore, alcuni elementi prevalgono sugli altri: l’osservatore è infatti colpito inizialmente dal viso, ed in seguito dalla fonte del profumo.

Riguardo alle forme, esse non sono nettamente distinte dallo sfondo; si intuiscono però alcune direttrici di movimento, le quali tendono a circondare la ragazza.

Lo spazio gioca un ruolo fondamentale: l’opera è infatti collocata rispetto all’osservatore per essere vista dall'alto verso il basso, ossia dalla testa della ragazza alla fonte dell’aroma.


La scena è rappresentata per essere vista allo stesso livello del personaggio; le disposizione delle luci e delle ombre compaiono come indizi di profondità.
I colori dei soggetti rappresentati sono molto arbitrari e tendono a compenetrarsi gli uni con gli altri.

Fin da una prima osservazione si notano grandi contrasti tra colori caldi e colori freddi.

Uno degli elementi di maggiore importanza è la luce: essa proviene da una fonte ben individuabile e mostra sul personaggio forti contrasti chiaroscurali.

In base all’andamento delle linee di contorno e ai rapporti di luce e colore la composizione risulta composta; ne deriva quindi un’impressione di serenità, leggermente velata da un alone di mistero.



I MOTIVI E I SOGGETTI DELLA RAPPRESENTAZIONE
L’opera è astratta: la figura umana appare perciò idealizzata e sottoposta a deformazioni di tipo espressivo.

Il profumo che si diffonde è rappresentato come sostanze di diversi colori, che rendono il tutto piuttosto irreale.


La scena è completamente priva di ambientazione, in quanto il personaggio e la fragranza occupano interamente il quadro; sullo sfondo è quindi presente solamente il profumo che si diffonde.


enrybony@libero.it







Condividi con i tuoi amici:


©astratto.info 2017
invia messaggio

    Pagina principale