Omepage > Articolo



Scaricare 9.33 Kb.
17.11.2017
Dimensione del file9.33 Kb.

LA MATEMATICA: CONCRETA O ASTRATTA?




Spesso l’insegnamento della matematica è aiutato da strumenti ed esempi concreti. La matematica non può fare a meno del ragionamento astratto che i bambini sanno capire.

 

Si usa dire che, dovendo far apprendere la matematica a bambini piccoli, si devono usare oggetti concreti e solo riferimenti concreti: è per questo che, qualche decennio fa, si sono divulgati e molto diffusi ambienti artificiali di apprendimento: numeri colorati, regoli, blocchi numerici, modellini di geometria ecc. Lo scopo è quello di creare apprendimento "locale" di fatti matematici con la scommessa pedagogica seguente: se un bambino ha appreso quel concetto con quello strumento, in quella situazione ludica, lo esporterà poi ad altri ambienti, generalizzandolo, secondo il (falso) principio che il transfer cognitivo è automatico. Il fallimento totale di questo sogno è sotto gli occhi di tutti.



Studiosi del calibro di Hermann Maier, Colette Laborde e molti altri, anche di scuola italiana e anglosassone, hanno mostrato che le cose non stanno così (forse qualche lettore ancora ricorda il mio articolo Basta con le cianfrusaglie, pubblicato su "La Vita Scolastica" alcuni anni fa...). Se si propone un concetto matematico esclusivamente sotto forma concreta, il bambino ha tutto il diritto di identificare il concetto con l'oggetto; cosicché legherà strettamente e indissolubilmente il suo apprendimento a quell'oggetto, presentato sotto forma concreta, e dunque, di fatto, non apprenderà il concetto, ma legherà quell'apprendimento alla relazione od operazione concreta che gli è stata proposta.

 

PRIMO CATTIVO ESEMPIO: PIZZA E FRAZIONI

Martha Isabel Fandino Pinilla, nel suo fortunatissimo libro "Frazioni, aspetti concettuali e didattici" (Pitagora, Bologna 2005), riprendendo studi precedenti di scuola spagnola e anglosassone, ha mostrato che l'accanimento didattico a insegnare le frazioni su pizze e torte, su rettangoli concreti di carta e basta, finisce con il fare identificare il concetto matematico "frazione" a quello concreto su cui si è tanto insistito. Tanto che, quando sarà necessario, nella stessa Scuola primaria, ma ancor più in quella media, che la frazione si identifichi con un numero razionale, allora lo studente crolla cognitivamente e non sa più come comportarsi. Cominciano allora quelle aberrazioni che ogni insegnante delle medie conosce, per esempio, il bambino pone sulla linea dei numeri razionali 4/5 tra 4 e 5, identificandolo con 4,5; e altre amenità simili.

 

SECONDO CATTIVO ESEMPIO: IL CUBO E IL DADO ROSSO

Maier da oltre vent'anni mostra come l'atto di usare solo modelli concreti in geometria provoca non apprendimento, ma totale confusione nell'apprendimento degli studenti: lo studente apprende il modello concreto, non apprende la matematica. Tanto per farmi capire: se si mostra a un bambino di 5 anni un cubo di legno rosso piccolo e lo si identifica con il nome "cubo", il bambino avrebbe tutto il diritto di capire che il significato specifico del termine "cubo" sta nel dato percettivo più evidente e, per lui, rilevante, il color rosso. Per cui potrebbe apprendere che i cubi sono i solidi concreti rossi. È ovvio che sto esagerando, ma solo per farmi capire; gli esempi dati negli anni da Maier e numerosi altri sono tanti. Anche il grande psicologo Efraim Fischbein è intervenuto più volte sull'argomento, con esempi che hanno fatto il giro del mondo e che io, ingenuamente, credevo fossero conosciuti da tutti, anche dalla comunità degli sperimentatori psicologi.

 SCORCIATOIE DA EVITARE

Le prime conclusioni (parziali) che possiamo trarre sono che non si deve identificare la matematica con modelli concreti, anche perché per sua natura l'apprendimento umano è situato e la sua generalizzazione richiede sforzi specifici. D'altra parte, non si può, a bambini così giovani e immaturi, proporre tutta la matematica solo attraverso formalismi o giochi simbolici o pure astrazioni verbali; un ancoraggio alla realtà empirica dalla quale traggono le maggiori informazioni è necessario. Ci sono poi costrutti matematici che si spiegano solo all'interno della matematica e che nessun modello concreto è in grado di spiegare.

 MATEMATICA E REALTÀ

Le conclusioni sono allora che non si deve identificare la matematica solo con ragionamenti astratti e formali a causa dell'età del discente che necessita di ancoraggi al reale; ma non si deve neppure fare il contrario. E allora? La risposta è già implicita: la cultura matematica e didattica dell'insegnante deve plasmare la sua metodologia didattica, offrendo allo studente ancoraggi reali, ma proprio per affrancarlo da essi e mostrare la matematica per quel che è. La matematica è strettamente legata al reale, ma non è il reale, non è una scienza empirica, è, come si usa dire, una scienza astratta. Conoscerla aiuta a capire il reale, il contrario funziona poco ed è pericoloso. Non tutto in matematica si può modellizzare in modo concreto, se non si vuol rischiare un insuccesso clamoroso; e non tutto si deve offrire solo formalmente o astrattamente, per lo stesso motivo.

 I BAMBINI SANNO SEGUIRE RAGIONAMENTI ASTRATTI?



Comunque, come sempre, non tutto il male viene per nuocere: la scoperta sa di acqua calda, ma è utile per permettermi questa ulteriore riflessione. Chi l'ha detto che i bambini non sanno ragionare in maniera astratta? Silvia Sbaragli ha da anni mostrato la sottile arguzia con la quale i bambini capiscono il concetto di punto geometrico, astratto, privo di dimensioni; e come sanno distinguere tra oggetto matematico e sua rappresentazione, se ben guidati (Martini, Sbaragli, 2005). Dietro il concreto, spesso, ci si rifugia noi adulti, perché non sappiamo compiere corrette trasposizioni didattiche. Un po' di studio continuo di matematica e didattica, anche se si è in servizio, male non fa.

Tratto dalla rivista Vita Scolastica



©astratto.info 2017
invia messaggio

    Pagina principale