Pantano nunzia santoro pina galioto carmela caristia nuccia centorbi sebastiano milluzzo rosetta



Scaricare 239.29 Kb.
Pagina1/3
18.11.2017
Dimensione del file239.29 Kb.
  1   2   3



Istituto Comprensivo Statale


PROGRAMMAZIONE

MULTIDISCIPLINARE
Buccheri/Buscemi

SCUOLA PRIMARIA STATALE

BUCCHERI – BUSCEMI

CLASSI 3^ A e B

Anno scolastico

2012/2013

DOCENTI classe 3^A DOCENTI classe 3^B

PANTANO NUNZIA SANTORO PINA

GALIOTO CARMELA CARISTIA NUCCIA

CENTORBI SEBASTIANO MILLUZZO ROSETTA

CENTORBI SEBASTIANO



Analisi della situazione iniziale

Classe 3^ A

In linea generale l’ambiente scolastico risulta omogeneo,senza cambiamenti evidenti rispetto all’anno precedente.

Riallacciare le relazioni nel gruppo, favorire lo scambio linguistico, riprendere le fila del percorso interrotto, in un contesto connotato dall’intreccio «accoglienza-accertamento», sono stati gli obiettivi dei primissimi giorni di scuola.

L’ avvio di nuovi itinerari didattici sarà preceduto da attività di consolidamento e/o di recupero per consentire ai bambini che ne hanno bisogno di risolvere particolari situazioni individuali e garantire, si spera, il successo formativo di ciascuno relativamente alle sue capacità e potenzialità.

In itinere, attraverso prove oggettive fondate sulle sequenze didattiche programmate, saranno accertate le competenze, e acquisiti i dati sul processo di apprendimento in atto di ciascun alunno, per poter intervenire, dove sarà necessario, con unità di lavoro alternative rispondenti ai suoi reali bisogni cognitivi e finalizzati a risolvere le sue eventuali difficoltà, tenendo sempre conto delle nuove Indicazioni Nazionali.

Preso atto della situazione delle singole classi, il team dei docenti ha elaborato una programmazione didattica annuale nella quale ogni approccio terrà conto di due parametri essenziali fondamentali per ogni tipo di apprendimento, l’interesse e la motivazione, al fine di garantire una partecipazione attenta e costante dei bambini.

Analisi della situazione iniziale

Classe 3^B

E’ composta da 10 alunni di cui 3 maschi e 7 femmine.

Il contesto socio-culturale di provenienza si può ritenere discreto e omogeneo, non si evidenziano situazioni particolarmente problematiche.

Gli alunni ben socializzati sono integrati nel gruppo classe.

La scolaresca si mostra disponibile e pronta a collaborare, ognuno secondo le proprie capacità.

Le prove d’ingresso e le osservazioni sistematiche quotidiane, rilevate da tutti i docenti durante le attività didattiche, hanno permesso di accertare che gli alunni, in linea generale possiedono i prerequisiti richiesti e le loro prestazioni sono positive, anche se qualche alunno ha qualche incertezza nell’organizzazione del lavoro.

Eseguono le consegne, comprendono i testi scritti e sono pertinenti nella produzione orale e scritta.

Le verifiche somministrate agli alunni, attraverso prove oggettive e soggettive, permetteranno ai docenti di stilare la progettazione didattica per il nuovo anno scolastico.

Progetto extracurriculare

Il Consiglio di classe prevede di svolgere , per il corrente anno scolastico, attività formative che, sicuramente, offriranno a tutti gli alunni occasione di collaborazione e di confronto. A questo proposito la classe 3^ A svilupperà un progetto dal titolo “ PANE E DINTORNI”, per far conoscere agli alunni il percorso di trasformazione del grano. La classe 3^B svilupperà un progetto sullo studio deiproblemi inerenti la tutela dell’ambiente, attraverso attività di riuso e di riciclaggio di rifiuti.



Visite guidate e uscite didattiche

Si prevede di effettuare nel periodo natalizio un’uscita didattica a Noto per assistere ad una rappresentazione teatrale al Teatro V.Emanuele.

Inoltre si prevede una visita guidata tra le seguenti mete: Viagrande a visitare “la casa delle farfalle” e all’acquario di Giarre o nel territorio siracusano in una Azienda Agrituristica o Acireale-Acicastello-Acitrezza o in una fattoria didattica nelle provincie limitrofe alla nostra.


IDENTITA


  1. conoscenza di sé

Riflettere su se stesso e gestire la propria emotività

Riuscire a comunicare i propri stati d’ animo senza sentirsi a disagio

Trovare le modalità adatte per risolvere problemi in autonomia

Porsi in modo attivo di fronte alla crescente quantità di informazioni e di sollecitazioni comportamentali esterne



  1. relazione con gli altri

Imparare ad interagire con i coetanei e con gli adulti rispettando le regole di convivenza civile

Essere disponibili alla cooperazione

Rispettare gli altri riconoscendo in ogni persona un insieme di potenzialità

Sviluppare il senso di solidarietà

Essere disponibili al dialogo e alla collaborazione

3) orientamento

Avere consapevolezza dei propri punti di forza per poter, tramite questi, sviluppare anche i punti deboli


OBIETTIVI EDUCATIVI

CITTADINANZA

E COSTITUZIONE


Acquisire comportamenti tali da promuovere il benessere psico-fisico, per star bene con se stesso, con gli altri e con l’ ambiente

Maturare un’ apertura al confronto, inter-etnico, inter-culturale

Salvaguardare la propria sicurezza e quella degli altri

Riconoscere il valore della legalità



OBIETTIVI TRASVERSALI ( a tutti i linguaggi e a tutte le discipline )

COMUNICAZIONE

ED ESPRESSIONE


  • Ascoltare in modo attivo

  • Interagire con pertinenza e proprietà lessicale nelle varie situazioni comunicative

  • Comprendere testi di vario tipo, individuandone le informazioni principali

  • Utilizzare i linguaggi specifici delle singole discipline

  • Comunicare le proprie esperienze in modo corretto




STRATEGIE DI PENSIERO


  • Individuare problemi

  • Formulare ipotesi e trovare possibili soluzioni

  • Sviluppare modalità creative

  • Collegare le nuove conoscenze con altre già possedute

  • Riutilizzare abilità e conoscenze in situazioni nuove




METODO DI

LAVORO


  • Utilizzare in modo adeguato strumenti e tempi

  • Utilizzare efficacemente le procedure apprese



  • Operare con crescente autonomia

  • Acquisire tecniche per organizzare e riesporre contenuti di studio






Linee metodologiche e didattiche generali



  • lezione frontale

  • lavoro di gruppo

  • brain storming

  • discussione guidata

  • attività laboratoriali

  • Tutoring

  • Riflessione metacognitiva

  • Peer-education

  • Life Skills

  • metodo della ricerca (problema-ipotesi-verifica-conclusione )

  • soluzione di conflitto

  • individualizzazione degli apprendimenti

  • metodologia del “Cooperative Learning”

  • il "Mastery Learning" nella progettazione

  • Attuare interventi adeguati nei riguardi delle diversità;

  • Valorizzare l’esperienza e le conoscenze degli alunni;

  • Promuovere la consapevolezza del proprio modo di appendere,

  • Favorire l’esplorazione e la scoperta




VERIFICA E VALUTAZIONE

La valutazione degli alunni, intesa sia come verifica dei risultati, sia come valutazione dei processi cognitivi, è il risultato di opportune prove di controllo/verifica effettuate nell’ambito degli specifici settori di apprendimento ed è strettamente collegata alla programmazione educativa e didattica.

Gli strumenti di verifica sono rappresentati da:

- questionari

- prove soggettive/oggettive

- prove pratiche

- test oggettivi

- colloqui con gli alunni (interrogazioni)

e sono opportunamente integrati da osservazioni significative.

I risultati delle verifiche periodiche sono utilizzati ai fini della valutazione quadrimestrale per gli opportuni adeguamenti, oltre che per eventuali interventi di recupero e di sostegno.

La valutazione globale tiene conto della situazione di partenza, delle reali capacità dell’alunno, dell’impegno dimostrato e dell’efficacia dell’azione formativa, considerate le condizioni ambientali, fisiche e psichiche.

Per i contenuti specifici e le strategie metodologiche delle varie discipline si rimanda alle programmazioni dei singoli docenti.



RAPPORTI SCUOLA FAMIGLIA

Gli incontri con le famiglie saranno finalizzati alla collaborazione per una più proficua azione educativo - didattica e saranno programmati secondo le modalità stabilite dal Collegio dei docenti.



Attività laboratoriale

  • Un racconto al giorno

Dalla voce alle parole: attività di ascolto di fiabe- favole- miti-leggende e rielaborazione da parte degli alunni.

Per ascolto si intende il sentire con attenzione il messaggio di chi legge per comprenderne il significato.



  • Scoprire il piacere della lettura

Lettura attiva ed espressiva di favole/fiabe/miti/leggende, fumetti;

Rappresentazione delle sequenze in immagini;

Gioco di ruolo e di simulazione;

Il testo o i testi letti potranno essere adattati per una drammatizzazione.

Cogliere le sfumature di significato delle parole in base al contesto.


  • Scrittura creativa

Illustrazione di una storia in sequenze con didascalia.

Produzione creativa di brevi testi fantastici.

Costruzione di un rimario per la produzione di brevi testi poetici.

Giochi linguistici, rebus, crucipuzzle, cruciverba, anagrammi.



ITALIANO

OBIETTIVI EDUCATIVI E FORMATIVI GENERALI

  • Comprendere il significato globale di una comunicazione.

  • Comunicare in modo semplice e chiaro.

  • Scrivere e produrre brevi testi di vario genere.

  • Leggere e comprendere testi diversi.

  • Applicare correttamente le convenzioni ortografiche, morfologiche e sintattiche.

PROVE D’INGRESSO:

Obiettivi

  • Ascoltare ciò che viene letto o detto e comprendere il contenuto e il significato.

  • Leggere in modo corretto, scorrevole ed espressivo.

  • Comprendere il contenuto fondamentale di un testo rispondendo a domande aperte.

  • Scrivere autonomamente e sotto dettatura rispettando le principali convenzioni ortografiche.

  • Conoscere il significato di alcuni termini.



ASCOLTO E PARLATO

Obiettivi

Conoscenze e abilità

Contenuti

Competenze in uscita

Interagire nello scambio comunicativo in modo adeguato alla situazione(dialogo, conversazione, discussione), rispettando le regole stabilite.

Mantenere l’attenzione, orientarsi nella comprensione e porsi in modo attivo nell’ascolto.

Riconoscere situazioni, informazioni, consegne, sequenze, messaggi verbali di diverso tipo.



Regole della comunicazione

Comprendere il significato e lo scopo di diverse situazioni comunicative.




 

 

 

Ascoltare e comprendere le informazioni di varie tipologie testuali e riferirne il contenuto con ordine logico e/o cronologico.

Comprendere il significato di semplici testi orali, riconoscendone la funzione e individuandone gli elementi essenziali.

Struttura di un testo: personaggi, protagonisti…

Ascoltare conversazioni e letture di testi individuandone il protagonista, i personaggi secondari, i tempi e il luogo della vicenda.

 

 




 

Raccontare un vissuto personale o una storia fantastica rispettando l’ordine logico e/o cronologico.

Interagire nello scambio comunicativo in modo adeguato alla situazione, rispettando le regole stabilite.

Testi narrativi autobiografici, descrittivi e poetici legati al mondo del bambino.

Inserirsi al momento opportuno e con pertinenza negli scambi dialogici, esprimersi in modo organico e circostanziato.

 

 

 

 

Ricostruire verbalmente le fasi di un’esperienza vissuta a scuola o in altri contesti. Memorizzare e recitare filastrocche e poesie.

Narrare brevi esperienze personali o altro, seguendo un ordine temporale.

Mutamenti stagionali. Festività.

Fornire semplici resoconti coerenti e completi delle proprie esperienze, esprimendo giudizi e valutazioni.

 

 

 

 

 

Produrre brevi testi orali di tipo descrittivo, narrativo e regolativi che utilizzino un registro adatto alla situazione comunicativa.

 

 



LETTURA

Obiettivi

Conoscenze e abilità

Contenuti

Competenze in uscita

Leggere semplici testi in modo ritmato ed espressivo, rispettandone la punteggiatura e utilizzando strategie nuove.

Acquisire le tecniche di lettura.

Riconoscere nelle lettura vocaboli nuovi e comprenderne il significato.



Testi realistici e poetici sul mondo degli affetti.

Leggere brevi racconti, o resoconti, cogliendone il senso globale e l’intenzione comunicativa.














Leggere e comprendere diverse tipologie testuali (il testo narrativo, fantastico, descrittivo, regolativo, poetico ecc.), riconoscendone il senso globale, gli elementi essenziali e lo scopo comunicativo.

Mantenere l’attenzione e orientarsi nella comprensione.


Testi narrativi realistici, autobiografici, fantastici, poetici sui sentimenti e le emozioni dei bambini.

Mutamenti stagionali.



Festività.

Analizzare il rapporto testo- immagine.














Leggere e rintracciare in un testo le principali caratteristiche strutturali.


Comprendere e apprezzare la componente sonora (timbro, intonazione, intensità, accentazione, ritmo) nei testi espressivo - poetici.

Struttura di un racconto: introduzione, svolgimento, conclusione.
















 

Utilizzare forme di lettura diverse, funzionali allo scopo.

 

 
















Leggere testi di diverso tipo, cogliendone le informazioni.









SCRITTURA

Obiettivi

Conoscenze e abilità

Contenuti

Competenze in uscita

Scrivere testi sotto dettatura rispettando le convenzioni ortografiche conosciute.

Produrre semplici testi narrativi, descrittivi e regolativi, informativi e poetici.


Testi narrativi, descrittivi, regolativi sui giochi e la vita all’aria aperta.

Produrre semplici testi scritti connessi con situazioni quotidiane e brevi testi per descrivere, informare, raccontare.













Produrre semplici testi per diversi scopi comunicativi (narrare, descrivere, stabilire regole, informare, comunicare emozioni ecc.) con il supporto di immagini, parole, scalette, domande-stimolo e schemi.

Produrre in modo autonomo testi di vario genere.

Scrivere testi corretti, coerenti e chiari.

Raccogliere idee per la scrittura attraverso la lettura del reale, il recupero in memoria, l’invenzione.

Comprendere il significato delle parole deducendolo dal contesto.

Organizzare la produzione scritta, seguendo la successione temporale, le convenzioni ortografiche…..


Testi narrativi, descrittivi (descrizione soggettiva e oggettiva).

Testi poetici (rime, strutture, similitudini..).

La fiaba e la favola.

Testi informativi.

Il mito e la leggenda.

Il riassunto.




Comporre testi utilizzando in modo coerente il linguaggio verbale e quello iconico.
















Manipolare semplici testi in base a un vincolo dato, anche in modo creativo.

La strutture di un testo: le sequenze narrative.






RIFLESSIONE LINGUISTICA

Obiettivi

Conoscenze e abilità

Contenuti

Competenze in uscita

Conoscere l’ordine alfabetico.

Conoscere e rispettare le fondamentali convenzioni ortografiche.

Conoscere le principali parti della frase.

Rispettare l’ordine alfabetico.

Scrivere in maniera ortograficamente corretta.

Conoscere e utilizzare correttamente la punteggiatura all’interno di un testo scritto.

Riconoscere all’interno di una frase gli elementi morfosintattici principali.



Ordine alfabetico.

I suoni affini e i suoni difficili.

Le sillabe.

Le doppie.

Uso corretto dei digrammi: gn, sc, gl.

I suoni: cu, qu, cq.

L’accento.

L’apostrofo.

L’H nelle forme del verbo avere.

La punteggiatura.

Le esclamazioni.

Discorso diretto e indiretto.

I nomi di persona, animale e cosa, comuni e propri, maschili e femminili, singolari e plurali, concreti, alterati, derivati e primitivi, astratti…

Gli articoli: determinativi e indeterminativi.

L’articolo partitivo.

Gli aggettivi.

Le preposizioni semplici e articolate.

I verbi: tempo presente, passato e futuro.

La frase: soggetto e predicato.


Comprendere l’ordine alfabetico.

Produrre brevi testi orali di tipo descrittivo, narrativo e regolativi, rispettando le principali regole di coesione testuale (tempi, genere, numero, …).

Produrre brevi testi orali di tipo descrittivo, narrativo e regolativi, rispettando le principali regole di coesione testuale e le fondamentali convenzioni ortografiche.

Conoscere gli elementi principali di una frase.





  1   2   3


©astratto.info 2017
invia messaggio

    Pagina principale