Parte III comunicazione e conoscenza (capp. 1, 3) Per gli approfondimenti: U. Fabietti, Elementi di antropologia culturale



Scaricare 138.62 Kb.
Pagina6/6
26.03.2019
Dimensione del file138.62 Kb.
1   2   3   4   5   6
doppio regime temporale, cosicché si pensa l'anno in termini di stagioni e il giorno in termini di "fasi" solari. Esiste inoltre un tempo "qualitativo" non necessariamente quantificabile, di cui noi stessi, in regime di oralità ristretta, facciamo largo uso (quando andavamo all'asilo, all'epoca in cui i miei nonni erano giovani, quando i mandorli sono in fiore).

Tempo e spazio sono inestricabilmente connessi nel pensiero umano: un esempio per dire quanto le due entità (tempo cronometrico e spazio geometrico) diventino correlabili anche sul piano matematico, l'indicazione di un limite orario di 50 km all'ora.

Ma lo spazio non è sempre e ovunque lo spazio astratto della geometria: spesso si rivela elemento centrale per la memoria del gruppo (il Santo Sepolcro); spesso ancora testimonia la memoria sociale del gruppo (villaggi disposti a diverse altitudini che rispecchiano le stratigrafie storiche e le successioni delle generazioni, a partire da una coppia fondatrice).

Lo spazio, per poter essere vissuto, deve anche essere "addomesticato". Essere nello spazio significa allora entrare in un rapporto con un mondo noto o sconosciuto (esempio singolare, il campanile di Marcellinara del contadino incontrato da Ernesto De Martino).

La disposizione di uno spazio domestico parla in modo eloquente delle regole sociali vigenti nelle diverse culture (androceo e gineceo, haram, case delle donne mestruate, ecc.)



La disposizione dello spazio sociale, a sua volta, esplicita i ritmi di un tempo ordinario e straordinario (il tempo della festa e il tempo quotidiano), di un tempo sacro e un tempo profano (un santuario o un'edicola votiva) e ci immette direttamente nelle categorie e nei sistemi di pensiero metaforico, magico, mitico, le cui funzioni di mediazione dialettica del pensiero razionale verranno a esplicitarsi progressivamente.




Condividi con i tuoi amici:
1   2   3   4   5   6


©astratto.info 2019
invia messaggio

    Pagina principale