Pierpaolo Coccia



Scaricare 0.67 Mb.
Pagina113/177
28.03.2019
Dimensione del file0.67 Mb.
1   ...   109   110   111   112   113   114   115   116   ...   177

3.2 La strada

In strada, Dionicio alloggia in un gruppo, costituito da dodici ragazze e venti ragazzi, che si mantiene nei pressi del mercato centrale, poi però a causa di un problema, devono spostarsi verso il Parco. Come per Dionicio, per molte ragazze e ragazzi, la vita di strada si svolge principalmente in gruppo, all’interno del quale viene a crearsi una rete di relazioni, che costituirà poi, una base di sostegno ai membri della banda (Lucchini, 1996). Inoltre, la composizione del gruppo di Dionicio è mista, a maggioranza maschile, come per la maggior parte delle bande di strada, sono 32 in tutto, anche se esistono aggregazioni che raggiungono i cento componenti (Lutte, 1995).

Dionicio descrive due tipologie di giornata che può trascorrere un ragazzo in strada, secondo l’attività praticata, indispensabile per sfamarsi e per comprare la droga. Un ragazzo di strada che elemosina, deve passare tutto il giorno a raccogliere soldi, in modo che la sera ne ha abbastanza per drogarsi e la mattina dopo, per mangiare. Chi invece, si dedica al furto, ha la possibilità di avere sempre abbastanza soldi per soddisfare le proprie necessità, la mattina, quando si sveglia, può permettersi di fare colazione: rubare è un’attività che viene sempre organizzata in gruppo, anche la droga e il cibo vengono comprate insieme ai compagni che hanno partecipato al furto.

Dionicio con i suoi compagni ruba ad ogni ora del giorno, anche se preferisce la notte, tra le sei e le sette di sera, quando i poliziotti cambiano turno e lasciano la strada senza controllo. Quando rubano nelle auto, il loro attrezzo del mestiere è un pezzo di forbici, le aprono e prendono radio, casse e tutto ciò che trovano di valore, a volte, invece derubano ricchi passanti, che consentono loro di avere denaro immediato. Per Dionicio l’elemosina è un’attività che permette di sopravvivere in strada, il furto, però anche se più rischioso, consente di vivere bene e con le tasche sempre piene di soldi.

Il racconto di Dionicio conferma le tesi di Lutte (2001) : il furto è un’attività svolta principalmente dai ragazzi, è un lavoro di gruppo ma è anche il più rischioso, inoltre, il ragazzo di strada è consapevole di poter essere arrestato e torturato, o a volte ucciso, sia entrando nelle case dei ricchi, sempre armati di fucili, e sia quando ha davanti a sé le forze dell’ordine. Anche l’elemosina rientra nelle attività necessarie per la sopravvivenza in strada (Human Rights Watch, 1997), anche se spesso si limita ai primi mesi trascorsi dal ragazzo in strada (Anleu e Gonzalez, 1996).

La polizia, per il gruppo di Dionicio, è uno dei principali problemi, spesso quando stanno dormendo, vengono aggrediti improvvisamente e senza ragione, a volte tutti insieme riescono a respingerli. Dionicio racconta, di un poliziotto, conosciuto da tutti i ragazzi, per essere autore di numerosi arresti violenti e spesso senza motivo, tanto che una volta arriva con un gruppo di poliziotti e porta via tutto il gruppo. Dionicio pensa che la polizia è cambiata, prima non creava mai problemi, ora ti deruba e se non hai soldi ti picchiano e poi ti arrestano, per un periodo, hanno utilizzato un bastone “elettrico” per i loro pestaggi. Dionicio racconta di una volta che, insieme ad un suo compagno, vengono arrestati e portati al secondo corpo, i poliziotti, credendo che fossero di una mara, li mettono in una stanzetta e cominciano ad interrogarli, quando i ragazzi tentano di spiegare che non appartengono a nessun tipo di mara, vengono incappucciati e picchiati, e poi portati in carcere.

La descrizione di Dionicio del comportamento della polizia, ribadisce ciò che afferma lo studio dell’Human Rights Watch (1997) e la ricerca di Lutte (1995): le forze dell’ordine rappresentano la mano armata nella guerra contro i ragazzi di strada, responsabili di sequestri, torture e omicidi, le vittime sono maggiormente i ragazzi, spesso derubati dagli agenti, e incarcerati quando si rifiutano di pagare, mentre le ragazze sono spesso stuprate, costrette dalla minaccia di morte o di essere arrestate.





Condividi con i tuoi amici:
1   ...   109   110   111   112   113   114   115   116   ...   177


©astratto.info 2019
invia messaggio

    Pagina principale