Pierpaolo Coccia



Scaricare 0.67 Mb.
Pagina75/177
28.03.2019
Dimensione del file0.67 Mb.
1   ...   71   72   73   74   75   76   77   78   ...   177

3.3 L’esperienza del carcere



L’ingresso
Mauricio entra in carcere la prima volta a 15 anni, è arrestato per un furto, organizzato con la collaborazione di un altro compagno, e dopo essere stato picchiato sul camioncino della polizia, viene portato in carcere. Il suo ingresso nel penitenziario è traumatico, non ha problemi con gli altri detenuti solo perché non ha soldi, altrimenti gli sarebbero stati rubati: Mauricio soffre la mancanza del suo mondo privato, costretto a lasciare all’esterno, sente che una parte di sé, la parte più importante è attaccata, sta per essere soppressa. Il detenuto, al suo ingresso in carcere, avverte un senso di vuoto, tutti i suoi riferimenti abituali sono scomparsi in maniera brutale: sottrarre l’individuo al suo universo è uno degli scopi dell’incarcerazione (Gonin, 1994).

Mauricio, appena entrato, prova sulla sua pelle le regole della sopravvivenza nella comunità carceraria: il concetto di privato è stravolto, scompare il senso del possesso e non è più possibile conservare “spazi” ed “oggetti” personali. Mauricio viene quindi “spogliato” due volte, da parte dell’istituzione, perché privato del suo mondo personale, e della società dei detenuti, o meglio dalle sue regole interne, che gli strappano via anche la sua intimità.





Condividi con i tuoi amici:
1   ...   71   72   73   74   75   76   77   78   ...   177


©astratto.info 2019
invia messaggio

    Pagina principale