Pierpaolo Coccia



Scaricare 0.67 Mb.
Pagina89/177
28.03.2019
Dimensione del file0.67 Mb.
1   ...   85   86   87   88   89   90   91   92   ...   177

3.3 L’esperienza del carcere



L’ingresso
Manuel entra in carcere per la prima volta a 15 anni, accusato di furto aggravato e detenzione di arma bianca, viene portato al Gaviotas, centro di detenzione minorile per recidivi e reati gravi. Al Gaviotas, viene picchiato e torturato, perché appartiene alla mara della 18: l’appartenenza ad una mara opposta a quella più potente all’interno del carcere rende la vita in carcere ancora più difficile. Manuel, al momento del suo primo ingresso, appartiene già ad una mara, organizzata diversamente dalla banda di strada, con una gerarchia interna e regole rigide (Lutte, 2001).

Compierà altri due ingressi, il terzo al carcere per adulti, pur avendo 17 anni, è però lui a sceglierlo, motivandolo con il fatto che è stufo della vita del minorile, vuole “provare qualcosa di più grande”. È solito che i ragazzi di strada dichiarino di essere maggiorenni, perché dal carcere per adulti, si esce più rapidamente pagando una multa (Lutte, 1995), ma per Manuel, la motivazione è diversa e più profonda, non trova più adatto a lui il minorile, è una condizione, quella di minorenne, che gli va stretta, né tanto meno, si identifica in quella di adulto, è forse, più una ricerca di autonomia, di “libertà”, come se rifiutasse di essere rinchiuso in uno status predefinito. È questa una caratteristica dei ragazzi di strada, che incontriamo nella scelta della strada, espressione di emancipazione e di autonomia e non di fuga dal disagio (Lutte, 2001).

Quando entra al carcere per adulti, gli altri detenuti hanno un atteggiamento di compassione e di protezione, non credono che il carcere sia un posto adatto a lui, e, gli consigliano di tornare a casa una volta uscito. Manuel ha molta paura e ha avuto più volte voglia di suicidarsi: un sentimento, quello della paura, tipico al momento dell’ingresso in carcere, il detenuto viene spogliato di tutto ciò che apparteneva alla vita da “libero”, ed è costretto a riorganizzare la propria personalità in funzione dell’istituzione (Serra, 1989).




Condividi con i tuoi amici:
1   ...   85   86   87   88   89   90   91   92   ...   177


©astratto.info 2019
invia messaggio

    Pagina principale