Pignolerie indispensabili su Hegel: della serie ora so di più



Scaricare 25.22 Kb.
26.01.2018
Dimensione del file25.22 Kb.

Pignolerie indispensabili su Hegel (della serie: ora so di più).

Esplorato nelle sue grandi compagini il pensiero di Hegel, la nostra trattazione merita il coronamento di qualche precisazione. Questi sono alcuni dei termini e dei concetti fondamentali da masticare.




  1. Termini chiave del sistema


Idealismo. Con questo termine Hegel intende la teoria della risoluzione dialettica del finito nell’infinito, ossia della non realtà del finito.1
L’Infinito. È la totalità au-to-suf-fi-ci-en-te in cui si risolve ogni ente finito.2

L’Assoluto. Hegel per specificare il concetto di Assoluto usa, di volta in volta, i termini di Infinito, Idea, Soggetto, Ragione, Spirito. L’assoluto è, in una parola, la divinità, panteisticamente intesa come sostanza immanente nel mondo. Una sostanza, però, non statica, come la Natura di Spinoza, ma in divenire, una Attività, ossia una realtà che si auto-produce e che solo alla fine del processo si rivela per ciò che è, ossia Spirito e Ragione. Di tale assoluto, il Dio cristiano non è che una metafora, una Rap-pre-sen-ta-zio-ne.3
L’Idea. L’idea è l’Assoluto, inteso come Ragione in atto, come unità dialettica di pensiero ed essere, di concetto e cosa, di ragione e realtà, è “l’unità assoluta del finito e dell’infinito, del reale e dell’ideale”.4
L’Idea pura (l’idea in sé e per sé). È l’idea progettuale, l’idea a prescindere dalla sua concreta realizzazione nella Natura o nello Spirito (vedi sotto). In senso logico, è l’idea “prima della creazione”, il “programma” della realtà.5 Questo concetto si avvicina alla teoria platonica di idea come modello eterno delle cose, con la differenza sostanziale che in questo caso l’idea non trascende il mondo, come in Platone, ma ne è immanente.
La Natura (l’idea fuori di sé). È l’Idea “nella forma dell’essere altro” (Enc. Par. 247), l’estrinsecazione dell’Idea nelle realtà spazio-temporali, nell’accidentalità. È questo il momento dell’Alienazione.6
Lo Spirito (Geist). Anche questo è un termine che Hegel usa spesso per identificare la totalità e anch’esso coincide con l’Assoluto. In questo specifico caso, però, è l’Idea (tesi) che, dopo essersi alienata nella Natura (antitesi), torna presso di sé nell’uomo, arricchita della coscienza ( sintesi). Possiamo allora affermare che lo Spirito è la più alta definizione dell’assoluto, la sintesi cui perviene l’idea progettuale dopo che si è esplicitata nel mondo ed è giunta alla possibilità di conoscere se stessa attraverso la coscienza dell’uomo. Il termine Spirito, implica la compresenza di due nozioni: quella di vita e quella di coscienza. La vita dello Spirito non ha relazioni con la morte, poiché esso è vivente assoluto, non ha nulla a che vedere con la morte delle sue singole parti, ed inoltre è vita elevata a coscienza; una coscienza, però che è tale solo in seguito ad un percorso, è tale soltanto nel suo stadio finale.7
2. Concetti chiave del sistema

La Dialettica. È sia la legge di sviluppo sia la legge di comprensione della Realtà e consiste nell’affermazione, nella posizione di un concetto astratto, la tesi, nella negazione dello stesso attraverso un concetto opposto, l’antitesi, e nell’unificazione dell’affermazione e della negazione in una sintesi comprensiva di entrambe. La sintesi è una ri-affermazione potenziata dell’affermazione iniziale, ottenuta tramite la negazione. Sono i tre aspetti: l’intellettuale (astratto), il negativo-razionale (dialettico), il positivo-razionale (speculativo).


  • L’Alienazione. In Hegel il termine coincide con il momento della negazione o dell’ opposizione dialettica. È da considerarsi un momento logico-ontologico necessario (in questo caso nel significato di indispensabile) in quanto la comprensione della realtà si può avere solo nella relazione tra due opposizioni. È questo il momento della Antitesi, l’aspetto negativo-razionale della coscienza. È il momento in cui lo Spirito non riconosce ancora nel proprio oggetto se stesso, ma lo percepisce come altro da sé, come opposto che gli si contrappone.

  • Dal punto di vista del processo di sviluppo dello Spirito l’Alienazione corrisponde al momento della Natura.

  • Dal punto di vista del Pensiero umano, è il momento negativo-razionale della coscienza (antitesi) che supera il “principio d’identità” proprio dell’Intelletto, dimostrando come ad ogni affermazione corrisponda ne-ces-sa-ria-men-te una negazione. Per specificare ciò che una cosa è, occorre implicitamente riferirsi a ciò che essa non è (ad esempio, il concetto di uno, per essere chiarito, deve essere messo in contrapposizione a quello di molti, il concetto di finito a quello di infinito, il concetto di bene a quello di male e così via).

  • Dal punto di vista della Logica l’alienazione è il momento in cui l’essere trapassa nel nulla, che per Hegel non è il contrario dell’essere ma un momento necessario, dialettico, dell’essere (vedi sotto).

Da confrontare con lo stesso termine in Marx e in Feuerbach.
L’Aufhebung. Il termine letteralmente significa togliere-conservando. È un tecnicismo usato da Hegel per indicare il procedimento della dialettica che nega e nello stesso tempo conserva ciascuno dei suoi momenti. Nella sintesi, l’opposizione è compresa in un tutto unitario, ma non per questo si annulla, i contrari non cessano mai di essere contrari.8

La Realtà.

Nella lingua tedesca vi sono due termini per tradurre questo complesso concetto, uno derivante dal latino e l’altro originario germanico: Realitaet e Wirklichkeit. Potremmo dire sinteticamente che il primo termine è usato per indicare la realtà di ciò che esiste (l’esistente), ciò che è determinato e lo è in senso accidentale, il secondo termine è quello usato da Hegel (nella celebre frase “il reale è razionale e il razionale è reale”) per significare la realtà come antitesi a ciò che è illusorio, irreale. E ciò che è illusorio, per Hegel, è la “realtà statica”, considerata semplicemente nelle sue singole determinazioni, non in relazione col tutto.

Hegel, dunque, distingue il piano della vera realtà (Wirklichkeit ) da quello del puro accadere esteriore, accidentale (Realitaet). Reale in senso proprio, è dunque solo l’Idea (ossia l’unità di pensiero e realtà). Occorre riconoscere nella parvenza di ciò che è temporale e transeunte (la Realitaet) ciò che è Wirklichkeit, la Sub-stantia, l’Eterno. Reale è soltanto l’Assoluto, l’Intero che esiste tutto in sé e non dipende da altro. Le singole manifestazioni dello spirito, ossia ciascun elemento individuale, considerato fuori dal suo rapporto con il tutto, non è reale, non è concreto (vedi), sia che si tratti di un singolo oggetto nello spazio sia che si tratti di un singolo evento nel tempo. Ogni cosa del mondo e della coscienza dell’uomo ha senso e realtà soltanto in relazione col tutto.


La ragione. Non è la ragione finita dell’uomo (non solo), è piuttosto la Realtà stessa in quanto vera realtà, ossia l’ Idea, ossia l’unità di pensiero ed essere: “la ragione è la certezza della coscienza di essere ogni realtà (Fenomenologia, I, p.194).

Il reale è razionale e il razionale è reale. Tratto dalla Filosofia del Diritto, questo celeberrimo chiasmo, intende affermare che la razionalità non è pura idealità, ma è la sostanza stessa di ciò che esiste e la realtà non è una materia caotica, ma il dispiegarsi di una struttura razionale, che si manifesta in modo inconsapevole nella Natura e in modo consapevole nell’Uomo.
L’Accidentale. L’accidentale è ciò che per sua natura passa e va; dunque la singola esistenza, i singoli elementi della natura, i singoli eventi sono pura accidentalità. Nel linguaggio Hegeliano l’accidentale individua la presenza del casuale, del contingente e dunque del non-necessario, del fortuito contemplato dalla natura. Ora, essendo razionale soltanto ciò che è reale, ciò che è accidentale, non si può chiamare razionale, poiché non è reale in sé, ma solo in quanto frammento del tutto, una sua manifestazione. È nel Tutto la sua realtà e dunque anche la sua razionalità (l’accidentale in sé esiste, ma non è, poiché deriva il suo essere da altro, dal Tutto).
Essere e Nulla.9 Nella Logica dell’essere, Hegel afferma che il concetto di nulla, a differenza di quanto affermato da Parmenide non è contrapposto a quello di essere, in quanto, essendo questo un qualcosa di dinamico (e non statico come per il filosofo d’Elea), comprende in sé il nulla come suo momento. L’essere e il nulla trapassano continuamente l’uno nell’altro, essendo il nulla il momento ne-ga-ti-vo dell’essere; la sintesi di questa unità di opposti è il divenire. Questa è la concezione per la quale Hegel è in debito con Eraclito. Essere/nulla – nulla/essere = divenire (vedi il Nulla sulla piattaforma).
Astratto/Concreto. Nella lingua corrente, diciamo concreto ciò che ha a che fare con la realtà oggettuale e fattuale, mentre astratto ciò che riguarda le pure realtà del pensiero (gli oggetti della matematica ad esempio); nella filosofia di Hegel, invece, concreto è soltanto il reale, inteso come “vero”, ossia l’“intero”. Astratti diventano, in tal modo, i singoli elementi del reale, avulsi dalla contestualità del tutto, ossia considerati separatamente, come se fossero indipendenti dal movimento complessivo dell’essere. Molto più concreta di un evento accaduto (ma decontestualizzato dalla Storia complessiva di un popolo) o di un singolo uomo (preso isolatamente dal suo tutto, che è lo Stato) è, per Hegel, un’Idea, poiché essa conserva sempre la coscienza della relazione che intrattiene con le altre idee.

1 Cari miei - sembra volerci dire Hegel - mi permetto di insistere: un baffo di gatto trovato per strada, non mi significa nulla senza il gatto attaccato; conta quanto la famosa lattina di Coca cola, di cui sappiamo tutto. Io sostengo che quel baffo sia irrisorio, privo di reale significato, così come lo è un vagone ferroviario staccato dal resto del convoglio e in mezzo ad un deserto di sabbia… fate voi.

2 È il gatto, di cui parlavo sopra – continua Hegel - con tutti i suoi baffi, con la loro importante funzione propriocettiva, i suoi peli e gli unghioli e la milza e così via con tutte le cose dei gatti al loro posto, comprese le “ piccole pulci che lo abitano”.

3 Poniamo di scoprire che il nostro gatto esaurisca la totalità del mondo. Parliamo in questo caso di un gatto immenso, divino, increato e totalmente fiero della sua autosufficienza ( nel senso che non conosce genitori, non mangia e non sporca) e che si sviluppa continuamente, pian piano, fino a divenire un gatto consapevole di essere Il Tutto. Intelligente dunque? Non proprio. E allora come e quando diviene “consapevole”? Diciamo che Lui, in quanto gatto cosmico, è soltanto ciò che è, ossia la “manifestazione di un intrinseco progetto razionale”, ma cosciente di questo lo diviene solo e soltanto attraverso i suoi ospiti: “le piccole pulci che lo abitano”. Esse divengono poco a poco consapevoli della razionalità intrinseca nel gatto universale e di esserne parte integrante,così come lo sono i suoi peli, le sue orecchie e i vari “ così via”; vuoi perché il micione esse lo abitano e di lui si nutrono, vuoi perché sono composte degli stessi elementi semplici che lo costituiscono. Quello che sto asserendo, in termini rigorosamente filosofici – continua Hegel- è già stato scoperto dalla Coscienza (del cui percorso parlo diffusamente nella mia Fenomenologia) attraverso la Religione cristiana. Si, la religione lo dice, soltanto che lo fa in termini di rappresentazione, di metafora… basta tradurre.

4 Quando parlo di Idea e basta - interviene Hegel - mi riferisco sempre al nostro divino gatto in funzione, nella sua interezza, pensabile ed esistente al contempo (Enc. Par. 214).

5 Uscendo dalla metafora del gatto, questo potrebbe essere il momento del progetto di una casa, dove vengono studiati l’aspetto, i materiali, le tappe costruttive e i soliti “così via”. Ma se volessimo continuare col gatto – interviene Hegel- potremmo dire che si tratta di un ologramma dettagliato

6 So che Hegel preferirebbe continuare a parlare del suo gatto: questo direbbe Hegel è il “corpo” del felinone, la concreta fisicità composta dalle singole parti dove singoli peli crescono, cadono si riformano, dove singole cellule del pelo si riproducono continuamente e così via ed è anche il luogo in cui le piccole pulci vivono la loro piccola vita, ossia nascono si nutrono e muoiono.

7Diciamo che la vita eterna del nostro splendido gatto eterno comprende la vita mortale di ogni sua singola parte, dalle cellule ai tessuti e ai “ così via”, comprese le piccole pulci. La possibilità di conoscere il gatto è propria solo di costoro, le quali, divenute consapevoli di essere appartenenti al gatto (di vivere sopra di lui ed esserne parte) decidono di esplorare tutti gli angoli della sua morbida superficie, fino a che alcune, più audaci, prendono il coraggio a 6 zampe e, arrampicandosi sopra i peli più alti, guardano fuori e scoprono che oltre il gatto non vi è nulla.

8 È come nella piazza del mercato dove coesistono il comprare e il vendere, concepiti nell’unico quadro dell’attività economica: vi sono i compratori e i venditori, i loro interessi sono diametralmente opposti, però non vi possono essere gli uni che offrono senza gli altri che chiedono e viceversa.

9 Incontrato nell’ambito della trattazione su Schopenhauer, il concetto di nulla è stato brevemente trattato in un apposito capitolo disponibile sulla piattaforma. Ho evitato di inserirvi il particolare significato che il concetto assume in Hegel, in quanto, non avendo egli rivolto specifica cura alla nozione in oggetto, ritenevo fosse sufficiente, in quella sede, la menzione fatta all’interno del capitolo a lui dedicato (e precisamente nel paragrafo relativo alla Logica).




©astratto.info 2017
invia messaggio

    Pagina principale