Politecnico di bari



Scaricare 1.83 Mb.
Pagina1/26
22.05.2018
Dimensione del file1.83 Mb.
  1   2   3   4   5   6   7   8   9   ...   26


POLITECNICO DI BARI
PIANO STRATEGICO 2013 -2015

Politecnico di Bari

Piano Strategico

2013-2015




  1. LE RAGIONI E GLI OBIETTIVI DEL PIANO STRATEGICO 2013-2015


1.2 Esame dei risultati perseguiti con il piano strategico 2010-2012

1.2.1 I primi risultati del Presidio della Qualità

1.2.2 Ulteriori risultati concreti della attuazione della Politica della Qualità

1.2.3 I risultati ottenuti nel campo della ricerca scientifica

1.2.4 Il progetto Taranto (Progetto Pilota di un Green Campus)

1.2.4.1 Sintesi del progetto, obiettivo finale e principali risultati attesi

1.2.4.2 Base scientifica nazionale e internazionale di partenza (stato dell’arte)

1.2.4.2.1 Sviluppo sostenibile e Green Economy

1.2.4.2.2 Sustainable University

1.2.4.3 Descrizione del progetto

1.2.4.3.1 La sede di Taranto del Politecnico di Bari

1.2.4.3.2 Analisi SWOT associata alla proposta progettuale

1.2.4.4 Attività previste

1.2.4.5 Scheda dei costi relativi al triennio

1.2.4.6 Grado di fattibilità del progetto e adeguatezza economica

1.2.4.7 Coerenza con obiettivi di sistema previsti nel DM 827/2013

1.2.4.8 Sintesi risultati/azioni

1.2.5 Prospettive future e organizzazione del lavoro



  1. IL PROCESSO DI PIANIFICAZIONE STRATEGICA


2.1. Le fasi di attuazione del Piano e le Macro Azioni di Ateneo

2.2 Fase di diagnosi. Analisi interna ed esterna

2.3 Fase di Progettazione: definizione degli Obiettivi Strategici, Operativi e delle Linee di Azioni

2.4 La valutazione dei risultati

    1. La relazione di Indirizzo alla definizione del Piano di Programmazione Triennale 2013-15 del Presidio della Qualità del Politecnico di Bari

      1. Premessa e Background normativo

      2. Indirizzi specifici della Programmazione 2013-2015

      3. Azione di Miglioramento Continuo della Qualità e della Sostenibilità (MCQ&S)

      4. Premessa: il miglioramento continuo nelle Università italiane

      5. Stato dell’arte della qualità nel Politecnico di Bari

      6. Motivazioni della azione UFC-MCQ&S

      7. Obiettivi funzionali della UFC-MCQ&S

      8. Dettagli della organizzazione della UFC-MCQ&S .

      9. Obiettivi operativi nel triennio di riferimento

      10. Miglioramenti attesi dalla implementazione della UFC-MCQ&S

      11. Coerenza della azione rispetto alla programmazione triennale

      12. Impegno di risorse

      13. Stima dell’impegno di risorse umane .



  1. OFFERTA DIDATTICA


3.1 Analisi di contesto

3.1.1 Analisi degli immatricolati nel triennio 2010-2012

3.1.2 Confronto degli immatricolati alle lauree triennali di Ingegneria e dei laureati con titolo ingegneristico a livello nazionale

3.1.3 Gli immatricolati in Architettura

3.1.4 Analisi degli studenti immatricolati che non hanno effettuato alcun esame entro l’anno accademico successivo

3.1.5 Analisi degli studenti iscritti ad anni successivi al primo distinti per CDS e per numero di CFU conseguiti

3.1.6 Iscritti in Corso e Fuori Corso per gli A.A. 2010/2011 - 2011-2012 - 2012-2013

3.1.7 Percentuali di successo di Laureati Triennali

3.1.8 Percentuali di successo di Laureati Magistrali

3.1.9 Bilancio sul primo decennio di vita del CdL in Disegno Industriale

3.2 La Scuola di Dottorato di Ricerca del Politecnico di Bari: attività nel triennio accademico 2010-2013.

3.2.1 Il DR erogato da DICAR e la scuola di Specializzazione in Beni culturali e del Paesaggio

    1. Documento di progettazione del CdS “Ingegneria dei Sistemi Logistici”, redatto in conformità con le LINEE GUIDA per le valutazioni pre-attivazione dei Corsi di Studio da parte delle Commissioni di Esperti della Valutazione (CEV), ai sensi dell’art. 4, comma 4 del Decreto Ministeriale 30 gennaio 2013 n. 47.

      1. Politiche di Ateneo e Programmazione

      2. Motivazioni per la progettazione/attivazione del CdS

3.3.3 Analisi della domanda di formazione

3.3.4 Analisi dei profili di competenza e dei risultati di apprendimento attesi

3.3.5 L’esperienza dello studente

3.3.6 Risorse previste

3.3.7 Assicurazione della Qualità

3.4 Obiettivi Strategici, Operativi e Linee Di Azione dell’offerta Formativa



  1. ATTIVITÀ DI RICERCA


4.1 Analisi di contesto

      1. Personale del Politecnico di Bari dedicato alla ricerca e aree di afferenza

4.1.2 Progetti finanziati

4.1.2.1 Progetti di Rilevante Interesse Nazionale (PRIN)

4.1.2.2 Progetti Futuro in Ricerca (FIRB)

4.1.2.3 Progetti Programma Operativo Nazionale (PON)

4.1.2.4 Altri Progetti Nazionali

4.1.2.5 Progetti Regionali

4.1.2.6 Progetti Europei

4.1.3 Convenzioni di Ricerca

4.1.4 Valutazione della Ricerca del Politecnico di Bari

4.2 Missione dell’attività di ricerca

4.3. Obiettivi strategici, operativi e Linee di azioni per l’attività di Ricerca



  1. SERVIZI AGLI STUDENTI


5.1 Analisi di contesto

5.1.1 Centro Linguistico

5.1.1.1 I corsi di lingua curricolari

5.1.1.2 I corsi di lingua extra-curricolari

5.1.1.3 L’autoapprendimento

5.1.1.4 L’attività di verifica, la certificazione linguistica e i servizi linguistici

5.1.2 Il Labit

5.1.3 Le Biblioteche

5.1.4 Considerazioni finali

5.2 Missione per i Servizi agli Studenti

5.3 Obiettivi Strategici, operativi, Linee di azioni per i Servizi agli Studenti



  1. INTERNAZIONALIZZAZIONE


6.1 Analisi di contesto

6.1.1 Mobilità studentesca

      1. Mobilità dei docenti

      2. Master e dottorati di ricerca

      3. Contratti e convenzioni

      4. Considerazioni finali

    1. Missione dell’Ateneo per l’Internazionalizzazione

    2. Obiettivi strategici, operativi e linee di azione strategica



  1. GOVERNANCE E RISORSE UMANE




    1. Governance

    2. Risorse umane

7.2.1 Missione per le Risorse Umane

7.2.2 Obiettivi strategici, operativi e linee di azioni per le risorse umane



  1. RAPPORTI CON IL TERRITORIO




    1. Analisi di contesto

      1. Attività di Raccordo Ricerca-Industria

      2. Potenziamento delle procedure di comunicazione e interazione tra l’Ufficio ILO e i Dipartimenti del Politecnico di Bari

      3. Collegamento a reti e network nazionali e internazionali

      4. Brevetti

      5. Seminari

      6. Affiancamento consulenziale sulla gestione della proprietà intellettuale

      7. Considerazioni finali

8.2. Piano di lavoro 2014 dell’ufficio ILO - Politecnico di Bari

      1. Premessa

8.2.2 Attività

8.3 Il progetto FIxO

8.4 Missione per i rapporti con il territorio

8.5 Obiettivi strategici, operativi e linee di azione strategica

      1. Individuare il fabbisogno di conoscenze scientifiche e tecnologiche avanzate del territorio

      2. Potenziare la ricerca avanzata orientata allo sviluppo sociale ed economico del territorio

      3. PoliBa MA.DE. MAterial DEsign: Material Library un’infrastruttura per il trasferimento tecnologico e l’innovazione di prodotto.

Coerenza con la mission e vision del CdS in Disegno industriale nei processi di trasferimento tecnologico e di raccordo con il territorio.

Requisiti del progetto.

Descrizione del progetto.

Dettagli sulle specificità della Material Library o Materioteca, PoliBa MA.DE

      1. Adottare strumenti normativi adeguati alla valorizzazione dei risultati della ricerca

      2. Potenziare l’ILO e le attività di comunicazione

      3. Ottimizzare i processi di valorizzazione dei risultati della ricerca

8.6 Indicatori di risultato per la valutazione in itinere ed ex post

RINGRAZIAMENTI
Allegato 1
Progetto POP – Promozione Orientamenti Placement

Linea guida del DM Programmazione triennale 2013-2015:

INTRODUZIONE

GLI OBIETTIVI

LE AZIONI DI ORIENTAMENTO IN INGRESSO

1) AZIONE HAP: POLIHAPPENING

2) AZIONE ORE: PERCORSI DIDATTICI NELLE SCUOLE

3) AZIONE LAB: STAGE NEI LABORATORI DI RICERCA

LE AZIONI DI ORIENTAMENTO IN ITINERE

4) AZIONE PHM: SUPPORTO A DISTANZA

5) AZIONE MATH-LAB: SUPPORTO IN LABORATORIO

6) TUTORAGGIO: PEER TUTORAGE

LE AZIONI DI ORIENTAMENTO IN USCITA

7) AZIONE PxP: POLIBAxPLACEMENT
Allegato 2
Progetto DEPASAS -DEmaterializzazione dei Processi Amministrativi per i Servizi Agli Studenti

Inquadramento con le azioni del Piano Strategico 2013-2015

Premessa: Università e centralità dei servizi allo studente

Linea di intervento 1: dematerializzazione dei processi amministrativi

Linea di intervento 2: rifacimento totale del web site del Politecnico di Bari e dei suoi Dipartimenti

Linea di intervento 3: Carta Campus

1. Dematerializzazione dei processi amministrativi relativi agli studenti

1.1 Descrizione dell’intervento

1.2 Grafico dei costi e tempistica di realizzazione

2. Rifacimento totale del web site del Politecnico di Bari e dei suoi Dipartimenti

2.1 Descrizione del progetto

2.2 Grafico dei costi e tempistica di realizzazione

3. Carta campus

3.1 Descrizione del progetto

3.2 Grafico dei costi e tempistica di realizzazione

4. Supporto personale/strumentale ai servizi
Allegato 3

Convenzioni di ricerca del Politecnico di Bari attive al 10/2013.

  1. LE RAGIONI E GLI OBIETTIVI DEL PIANO STRATEGICO 2013-2015

Il Piano Strategico 2013-2015 del Politecnico di Bari, recepisce le linee generali d’indirizzo e gli obiettivi della programmazione del sistema universitario, contenuti nel DM programmazione 2013-2015, emanato il 15 ottobre 2013 e pubblicato sulla G.U. n. 7 del 10 gennaio 2014, e riprende quello dello stesso Politecnico relativo al triennio 2010-2012, che tracciava le azioni da avviare nel medio–lungo periodo per affrontare al meglio le sfide che l’attuale sistema universitario impone a livello locale, nazionale e internazionale.

Il Piano Strategico 2013-2015 si pone l’obiettivo, attraverso un processo dinamico dettato dalle procedure di qualità, di verificare la reale attuazione del Piano 2010-2012, quanto è stato realizzato e quanto ancora resta da fare, correggendo in itinere le azioni intraprese sulla base delle nuove disposizioni ministeriali e sulle richieste provenienti dagli studenti, dal mondo delle professioni, dal mercato del lavoro, dal contesto produttivo locale, nazionale e internazionale; tutto ciò nella consapevolezza che solo esaminando il passato, attraverso una sua attenta analisi, si può costruire il futuro.

Si è partiti dal ritenere di dover conservare ben saldi, confermandoli, i principi ispiratori del Piano 2010-2012, in breve nel seguito sintetizzati.

Il Politecnico di Bari è un’istituzione pubblica che ha quali finalità primarie l’organizzazione e la promozione dell’istruzione superiore e della ricerca, nonché l’elaborazione e il trasferimento delle conoscenze scientifiche e tecnologiche.

Il Politecnico riconosce nel proprio Statuto lo strumento per organizzare e svolgere le attività di cui sopra a espressione della propria autonomia.

Il Politecnico, in cui si riconoscono tre componenti fondamentali, studenti, docenti e personale tecnico, amministrativo, bibliotecario e dirigente (PTABD), opera secondo i principi della democrazia, del pluralismo e delle libertà individuali e collettive, garantendo la partecipazione più ampia e la trasparenza dei processi decisionali, assicurando la pubblicità di tutti gli atti conseguenti.

Il Politecnico, per il conseguimento delle proprie finalità, opera con il concorso responsabile dei docenti, del personale bibliotecario, tecnico, amministrativo e dirigente, oltre che degli studenti e sviluppa l’innovazione culturale, scientifica e tecnologica anche mediante forme di cooperazione con altre Università, enti di ricerca e organizzazioni pubbliche e private nazionali e internazionali.

Il Politecnico favorisce l’attuazione di programmi di collaborazione con organismi internazionali, in particolare con l’Unione Europea; promuove e incoraggia gli scambi internazionali di professori, ricercatori, laureati, studenti e personale tecnico, amministrativo, bibliotecario e dirigente (PTABD), anche con interventi di natura economica.

Il Politecnico recepisce i valori della Dichiarazione Universale dei Diritti dell’Uomo e si impegna, nelle proprie attività, al loro rispetto; inoltre, garantisce che la sperimentazione scientifica sia svolta in conformità con i principi universali del rispetto della vita, della dignità delle persone e della tutela attiva dell’ambiente naturale.

Il Politecnico promuove tutte le iniziative necessarie per l’attuazione di azioni positive in materia di pari opportunità in conformità ai principi legislativi vigenti.

Il Politecnico incentiva, per l’espletamento delle proprie attività, la scelta del regime di impegno a tempo pieno dei docenti.

Il Politecnico di Bari forma ingegneri e architetti con variegate e innovative specializzazioni, puntando sulla qualità e sulla innovazione della didattica, della ricerca e dell’attività di servizio che si sostanziano in un rapporto sempre più fecondo con la realtà economica e produttiva del territorio nazionale e non.

Il Politecnico di Bari organizza le attività didattiche nel rispetto dei principi espressi nell’art. 3, comma 2, del proprio Statuto, garantendo, quindi, l’autonomia delle relative strutture, la libertà di insegnamento dei singoli docenti e rispettandone le finalità individuate dal Senato Accademico.

Come prevede la nostra Carta Costituzionale, i principi di fondo, secondo cui devono operare le Università pubbliche, sono lo sviluppo della cultura scientifica e tecnica, la libertà e l’uguaglianza dei cittadini, la diffusione di eguali opportunità di accesso ai più alti livelli degli studi per tutti i capaci e meritevoli, la libertà della ricerca e della didattica. Scienza e tecnica hanno avuto nel passato un ruolo importante nell’affermazione di questi principi, come dimostrato dal radicamento storico della cultura e della scuola politecnica nel contesto sociale, nel filone di un approccio progressista ai problemi dello sviluppo.

Nel precedente piano, in tutti i confronti con altre Università, si era fatto riferimento prevalentemente ai due Politecnici di Milano e di Torino, per ragioni di omogeneità didattico-scientifica. Tuttavia, tali confronti sono risultati necessariamente impari, dato che questi ultimi, per la loro storia e per il contesto territoriale in cui operano, sono enormemente avvantaggiati rispetto al Politecnico di Bari. Solo per citare un dato esemplificativo, al 31 luglio 2013 il numero di docenti dei succitati Politecnici è risultato pari a 1344 e 832, contro i 298 del Politecnico di Bari. Solo 5 anni or sono il rapporto docenti tra i Politecnici di Milano/Torino e Bari era pari a 3/2 (oggi 4,5/2,8), il che sta a dimostrare che i cosiddetti tagli lineari, operati dai vari Ministeri per la congiuntura economica e la riduzione della spesa, non sono valsi per i tre Politecnici esistenti in Italia, penalizzando l’unico operante nel Mezzogiorno, che tante speranze aveva suscitato al momento della sua istituzione, avvenuta con l’approvazione della legge n. 245 del 7 agosto 1990, che sancì, a decorrere dall’anno accademico 1991-92, l’istituzione di un Politecnico a Bari con lo scorporo della Facoltà di Ingegneria dall’Ateneo barese, la costituzione della Facoltà di Architettura e la gemmazione della Facoltà di Ingegneria a Taranto.

Le attese erano notevoli, basti citare il rapporto OCSE 1991 sulla ricerca in Italia. Nel grigiore generale si intravedeva nel Politecnico, in comunione con Tecnopolis, una delle poche possibilità offerte al Meridione per il suo sviluppo. Anche gli Enti locali sembravano mossi da un interesse nuovo e propositivo verso la nuova struttura. Infatti veniva inserito nello Statuto del Comune di Bari un articolo che prevede l’istituzionalizzazione di un rapporto continuativo di collaborazione con il Politecnico e con l'Università di Bari. Oggi, terminato l’esperimento di Tecnopolis, resta solo il Politecnico ad assicurare un solido presidio per l’alta formazione tecnico-scientifica, la ricerca applicata e il trasferimento tecnologico, elementi essenziali per creare quel tessuto produttivo, ancora carente nel Mezzogiorno, necessario allo sviluppo industriale in un’area geografica idonea a scambi commerciali con i paesi costieri del Mediterraneo.

Molti credettero che l’istituzione del Politecnico avrebbe consentito sia il superamento di una grave carenza culturale in campo architettonico, sia un servizio didattico, scientifico e tecnologico sempre più qualificato alla committenza esterna e alla realtà socio-economica meridionale. Vi era anche l’opportunità di andare incontro al bacino d’utenza studentesco con le nuovi sedi del Politecnico a Taranto e a Foggia.


Con l’Università di Bari non si volle arrivare a un divorzio, ma si attivarono rapporti di collaborazione, in grado di favorire una sempre maggiore integrazione tra le diverse culture e in particolare tra quelle tecniche e umanistiche, con iniziative da sviluppare sia sul piano nazionale (parchi tecnologici, centri e istituti CNR, ecc.), sia su quello europeo (progetti di ricerca di base, didattici e di ricerca applicata, in collaborazione con le imprese locali). C’è stata e continua a esserci la reciproca disponibilità a operare in modo interdisciplinare su progetti concreti a livello interuniversitario, incentivando momenti di riflessione collettiva che portino ad attivare scambi culturali con la eliminazione di vecchi diaframmi.
Le nuove leggi sull'Università, anche se in modo frammentato e poco organico, spingono da una parte verso l’autonomia e dall’altra verso un coordinamento dell’offerta didattica a livello regionale. Il Politecnico si è proposto come soggetto attivo di questo processo, allargando le forme di collaborazione dalla Regione Puglia alla Basilicata e alla Calabria. Nonostante questa attiva interpretazione e attuazione delle leggi sull’Università, non si può sottacere il particolare nocumento arrecato al Politecnico dall’applicazione ministeriale del D. Lgs. 29 marzo 2012, n. 49, emanato in attuazione della delega prevista dall’articolo 5, comma 1, della legge 30 dicembre 2010, n. 240 recante “Disciplina per la programmazione, il monitoraggio e la valutazione delle politiche di bilancio e di reclutamento degli Atenei” seguito dal Decreto Legge 7 maggio 2012, n. 52 convertito con modifiche dalla legge 6 luglio 2012, n. 94 in tema di Spending Review. Occorre ricordare l’iniziativa del Rettore di promuovere un’azione coordinata tra tutte le Università pugliesi per spingere il Ministero a una rivisitazione dei criteri utilizzati nell’assegnazione dei punti organico agli Atenei. Le motivazioni stanno in estrema sintesi nella totale mancanza di una funzione di controllo in un sistema che, con tutta evidenza, non funziona.
La Commissione Pianificazione Strategica del Politecnico di Bari ha espresso la sua ferma disapprovazione della ripartizione ministeriale dei punti organico per l’anno 2013. Pur condividendo il principio della premialità come strumento per l’incentivazione della qualità dei sistema universitario, la Commissione ha costatato che la ripartizione effettuata dal Ministero introduce abnormi disparità di trattamento tra Atenei ritenuti finanziariamente virtuosi, che non solo conservano tutti i punti organico rinvenienti dal proprio turnover, ma li incrementano con percentuali che in taluni casi superano il 200%, incamerando punti organico sottratti ad altri Atenei, i quali sono ritenuti invece meritevoli di penalizzazione. Il Politecnico di Bari è certamente tra gli Atenei più fortemente penalizzati da tale ripartizione; pur essendo annoverabile tra gli Atenei virtuosi (ovvero con un indicatore di sostenibilità del costo del personale inferiore all’80%) subisce un netto taglio di risorse. Esprimendo l’auspicio che siano introdotti fattori correttivi ai criteri di ripartizione dei punti organico, la Commissione ha sottolineato che limiti di turnover così bassi rendono di fatto impossibile una programmazione strategica delle risorse.
Verificata la validità del Piano Strategico del Politecnico di Bari 2010-2012, questo nuovo Piano ne ha ripreso l’organizzazione avvalendosi di una specifica Commissione, costituita da componenti interni all’Ateneo, che ha condotto il processo di istruzione ed elaborazione del Piano. Si è partiti dal verificare il posizionamento dell’Ateneo a livello nazionale, quindi si sono poste le premesse per il perseguimento dei fini istituzionali del Politecnico attraverso lo sviluppo di coerenti politiche di ricerca e formazione, di trasferimento tecnologico e servizi al territorio, nonché per la revisione dell’assetto organizzativo e delle modalità di governo dell’Ateneo.
Particolarmente importante si è rivelata la fase di valutazione dei risultati ottenuti nel triennio precedente, sintetizzati nel paragrafo successivo. Estremamente utili sono state le Schede del Riesame e la Scheda Unica Annuale dei Corsi di Studio (e di Dottorato). La maturazione delle indicazioni contenute in queste schede ha permesso l’elaborazione di scenari evolutivi e l’identificazione di linee strategiche sottoposte al vaglio dei Consigli di Dipartimento, con la finalità di arricchire l’insieme delle alternative e di far maturare il livello di condivisione delle scelte. Le discussioni che hanno accompagnato le analisi di queste Schede hanno confermato quanto contenuto nelle linee guida del Piano Strategico 2010-2012, ovvero che il Politecnico di Bari si trova di fronte a scelte importanti, quali:


  • qualificarsi ulteriormente sul piano della ricerca e della formazione, perseguendo uno sviluppo che lo posizioni al livello delle migliori Università in ambito nazionale e internazionale;

  • rispondere alla crescente domanda di cultura e di formazione politecnica attraverso percorsi formativi dalle caratteristiche anche molto differenziate;

  • rafforzare la presenza della istituzione nella ricerca scientifica e tecnologica per essere interlocutore autorevole e di supporto alle scelte della comunità di riferimento;

  • dotarsi di una struttura di governo e amministrativa funzionale agli obiettivi strategici.

L’elaborazione del Piano è stata, quindi, intesa come un processo che, a partire dall’analisi del contesto di partenza, consentisse di identificare linee di intervento e obiettivi di ampio respiro. In seguito all’approvazione del Piano Strategico da parte degli Organi di Governo dell’Ateneo, sarà data attuazione alle linee e agli obiettivi strategici nei progetti attuativi che specificano le modalità di intervento.





    1. Esame dei risultati perseguiti con il piano strategico 2010-2012
      Monitorare, valutare e comunicare i progressi ottenuti
      Impresa sostenibile - temi della scuola
      Allegato wp2. attività di natura soft (green campus come contenuto)
      Alcuni campi di applicazione specifici: la nautica, i materiali avanzati, il tessile.
      Obiettivi strategici, operativi e linee di azione dell’offerta formativa
      Missione dell’ateneo per l’internazionalizzazione
      Adottare una disciplina organica in materia di proprietà industriale
      Ringraziamenti
      Linea di intervento 3: carta campus



  1   2   3   4   5   6   7   8   9   ...   26


©astratto.info 2017
invia messaggio

    Pagina principale