Pomodoro solanum lycopersicum Mill



Scaricare 33 Kb.
02.06.2018
Dimensione del file33 Kb.

POMODORO

POMODORO (Solanum lycopersicum Mill.)

Famiglia: Solanaceae

Droga: Frutti

Costituenti principali:
Carotenoidi (licopene), vitamine (A, B, D, K e C), sali minerali (Potassio), flavonoidi, xantofille, aminoacidi, alcaloidi

Attività principali:
Antiossidante, antiradicalico, remineralizzante-rivitaminizzante, immunostimolante, protettore cardiovascolare

Impiego terapeutico:
Stress ossidantivo, fotoaging, prevenzione di malattie degenerative di occhi, polmoni, pelle e tratto gastrointestinale, disturbi cardiovascolari.

Attività farmacologica:
La pianta del pomodoro è inizialmente nota come pianta ornamentale e odorosa e fino alla metà del ´700 il suo utilizzo alimentare fu praticamente sconosciuto in Europa. Presto però se ne scoprirono le proprietà alimentari divenendo uno degli ortaggi di più largo consumo. La parte edibile della pianta è il frutto, il pomodoro propriamente detto, ricco di vitamine, sali minerali, aminoacidi, flavonoidi, xantofille e carotenoidi; diffuso è anche il consumo del succo di pomodoro come bevanda, di cui si apprezzano le sue proprietà rinfrescanti e diuretiche-drenanti. L´interesse fitoterapico e nutrizionale è recente e legato alla scoperta del ricco contenuto del pomodoro in licopene, un carotenoide. I carotenoidi sono pigmenti estremamente diffusi nel regno vegetale e in alcuni microrganismi mentre l´uomo non è in grado di sintetizzarli. Esistono in letteratura indicazioni sull´esistenza di almeno 600 differenti tipi di carotenoidi. Le recenti acquisizioni scientifiche hanno affermato l´estrema importanza dei carotenoidi per la salute del nostro organismo divenendo nutrienti essenziali per l´uomo. I carotenoidi sono naturalmente presenti anche negli alimenti. Però, nonostante si ritrovino abbondanti in molta frutta e verdura è importante assicurare il corretto apporto giornaliero per contrastare l´azione degenerativa dei radicali liberi sui tessuti dell´organismo. Infatti le quantità necessarie ad esercitare effetti fisiologici-protettivi richiederebbero un grande consumo di vegetali. La tecnologia ha quindi messo a punto carotenoidi in forma purificata adatti alla realizzazione di forme farmaceutiche che permettano l´integrazione della loro quota giornaliera. Il licopene è definito ´il carotenoide del pomodoro´. Chimicamente il licopene è un isomero aciclico del betacarotene, ma al contrario di quest´ultimo, non possiede attività di vitamina A (non pro-vitamina A). E´ un composto lipofilo e insolubile in acqua. Presenta infatti una lunga catena polienica (40 atomi di carbonio) caratterizzata da doppi legami (11) e con stereoisomeria. La forma trans- è l´isomero naturale predominante nel regno vegetale e quindi negli alimenti. Il licopene che si trova nel sangue è invece una miscela 1:1 degli isomeri trans- e cis-. Lo studio della farmacocinetica del licopene ha evidenziato che l´isomero cis- è quello più assorbito a livello intestinale e vi sono evidenze sperimentali che la trasformazione da trans- a cis- accade con la cottura dell´alimento o durante le preparazioni industriali. Il suo potere ed efficacia sono legati alle sue proprietà antiossidanti. Il licopene è uno dei carotenoidi più potenti nel neutralizzare i radicali liberi: neutralizza le specie radicaliche dell´ossigeno (singoletto e tripletto), tra le più pericolose per i nostri tessuti. Il licopene inibisce inoltre l´ossidazione del DNA, la perossidazione lipidica e l´ossidazione delle lipoproteine. Il risultato è un efficace effetto antiossidante, preventivo di patologie degenerative delle strutture tessutali, soprattutto di polmoni, prostata, pelle e occhi. Numerose sono infatti le ricerche disponibili sul ruolo preventivo che la sua integrazione eserciterebbe nel contrastare gli effetti dell´invecchiamento e sul rischio di sviluppo di malattie degenerative, la cui eziopatogenesi sia riconducibile ad un forte stress ossidativo prodotto dai radicali liberi. Per gli stessi meccanismi il licopene è ritenuto di importanza fondamentale per la protezione dell´epidermide dagli effetti della luce solare e dei raggi UV (fotoaging), soprattutto in caso di lunga esposizione. L´azione antiossidante del licopene è inoltre utile nella prevenzione del danno cardiovascolare limitando la trasformazione del colesterolo LDL nella sua forma ossidata, causa prima degli accidenti cardiovascolari. La lunga tradizione e diffusione d´uso lascia concludere che il pomodoro sia una pianta sicura e ben tollerata. Gli studi farmacologici e clinici non riportano tossicità, non sono riportati effetti collaterali significativi e non sono note controindicazioni particolari, eccetto per l´ipersensibilità individuale.

Aspetti botanici:
Il pomodoro è una pianta erbacea annua, originaria delle zone temperate del Sud e Centro America, si ipotizza il Perù. Fu introdotto in Europa nel XVI secolo come pianta ornamentale e solo successivamente divenne coltivato a scopo alimentare. E´ oggi infatti uno degli ortaggi più diffusi in tutto il mondo. Può essere coltivato in condizioni climatiche differenti (dalle zone subpolari fino a quelle equatoriali, in campi aperti o in cultura protetta (serra). Ha un fusto rampicante, che raggiunge una altezza variabile dai 50 cm al metro, con foglie pennatosette pelose ed emananti un caratteristico odore. I fiori sono piccoli e gialli a corimbe. I frutti sono bacche carnose, di colore rosso scarlatto, suddivise in logge contenenti una mucillaggine rossastra nella quale si trovano immersi piccoli semi (detti apireni). Il pomodoro è suddiviso in subgeneri botanici in funzione della grandezza e della forma della bacca. Dal frutto, a piena maturazione, si ottiene per estrazione l´oleoresina, ricca in licopene, preparata poi in forma microincapsulata a diversa concentrazione (1%, 3%, 5%). La microincapsulazione è l´unica forma che garantisca la stabilità del licopene nel tempo e il mantenimento in efficienza delle sue proprietà antiossidanti. Con gli estratti microincapsulati si preparano le forme di dosaggio orali, capsule, compresse, polveri, in uso a scopo fitoterapico.

Forme farmaceutiche e posologia:
ES: 5-15 mg di licopene / 1 cps al giorno


Condividi con i tuoi amici:


©astratto.info 2019
invia messaggio

    Pagina principale