Possiamo definire IL ragionamento quel procedimento che collega premesse e conclusioni



Scaricare 198 Kb.
16.12.2017
Dimensione del file198 Kb.





Possiamo definire il ragionamento quel procedimento che collega premesse e conclusioni

  • Possiamo definire il ragionamento quel procedimento che collega premesse e conclusioni

  • Un ragionamento è corretto se è il risultato di un valido processo di inferenza

  • L’inferenza è appunto il processo logico grazie al quale , data una o più premesse, è possibile trarre delle conclusioni



Nel ragionare spesso commettiamo errori legati “più alle viscere che ai neuroni”

  • Nel ragionare spesso commettiamo errori legati “più alle viscere che ai neuroni”

  • Ci si lascia condizionare dai sentimenti che si provano verso chi propone il ragionamento

  • Si fa confusione tra causa ed effetto

  • Si generalizzano casi particolari

  • Si fa un uso improprio delle congiunzioni e disgiunzioni tra due affermazioni



La causa principale di questi errori consiste nella difficoltà di astrazione

  • La causa principale di questi errori consiste nella difficoltà di astrazione

  • Anche se Piaget sostiene che l’esito naturale dello sviluppo intellettivo è il pensiero astratto, di fatto gli uomini hanno una razionalità limitata, o meglio ecologica, finalizzata all’adattamento all’ambiente

  • È per questo che si prediligono strategie come la tendenza alla conferma, il falsificazionismo, il ricorso a tutte le nostre conoscenze pregresse



Il logico considera il ragionamento una procedura astratta in cui certi contenuti ideativi vengono collegati ad altri

  • Il logico considera il ragionamento una procedura astratta in cui certi contenuti ideativi vengono collegati ad altri

  • Il processo di astrazione prevede che si isolino i contenuti ideativi dalle determinazioni spazio-temporali

  • Per ragionare correttamente è necessario badare alla FORMA più che al contenuto, cioè al processo di inferenza



Quando ragioniamo possiamo adottare diversi procedure logiche :

  • Quando ragioniamo possiamo adottare diversi procedure logiche :

  • INDUZIONE : si parte dall’esperienza, si analizzano casi particolari, se ne trae una regola generale

  • ABDUZIONE : si parte da un’ipotesi, che se verificata, conduce alla soluzione del problema in esame

  • DEDUZIONE : si parte da una regola generale per spiegare casi particolari





Sia induzione che abduzione non contengono in sé validità logica, come la deduzione. Hanno quindi bisogno di verifiche esterne

  • Sia induzione che abduzione non contengono in sé validità logica, come la deduzione. Hanno quindi bisogno di verifiche esterne

  • L’abduzione non è però una semplice generalizzazione di fatti specifici, come l’induzione, ma procede a generalizzazioni esplicative dei fatti

  • Induzione e abduzione sono aperte a nuove conoscenze, la deduzione, pur portando a conoscenze certe e non solo probabili, non apre a nuove conoscenze



“Il sillogismo è quel procedimento nel quale , poste alcune premesse, ne consegue necessariamente alcunché di diverso dalle premesse”(Aristotele, Primi Analitici I,I 24 b)

  • “Il sillogismo è quel procedimento nel quale , poste alcune premesse, ne consegue necessariamente alcunché di diverso dalle premesse”(Aristotele, Primi Analitici I,I 24 b)

  • Aristotele identifica la deduzione con il sillogismo che consiste nell’affermare o negare che una classe (insieme di elementi con caratteristiche comuni), è inclusa in tutto o in parte nell’altra in considerazione



Il sillogismo categorico è formato da tre proposizioni:

  • Il sillogismo categorico è formato da tre proposizioni:

  • due premesse e una conclusione

  • Ciascuna proposizione si riferisce ad una classe

  • Si dice premessa maggiore quella che contiene la classe più ampia, premessa minore quella con la classe meno estesa

  • Sia nella premessa maggiore che nella premessa minore troviamo il termine medio che collega le due premesse



Analizziamo il seguente sillogismo:

  • Analizziamo il seguente sillogismo:

  • Ogni animale è mortale

  • Ogni uomo è animale

  • Ogni uomo è mortale

  • Le classi in questione sono nell’ordine di ampiezza

  • Mortale

  • Animale

  • Uomo

  • Il termine medio è Animale



Le proposizioni che compongono i sillogismi possono distinguersi per qualità: affermative ( es. tutti i cani sono fedeli) o negative ( Nessun corvo è mammifero).

  • Le proposizioni che compongono i sillogismi possono distinguersi per qualità: affermative ( es. tutti i cani sono fedeli) o negative ( Nessun corvo è mammifero).

  • Tali proposizioni si distinguono anche per quantità: universali ( Tutti, Nessuno )o particolari ( Alcuni, Qualche)

  • Combinando qualità e quantità abbiamo quattro tipi di proposizioni indicate con le vocali A( universale affermativa) E( universale negativa) I( particolare affermativa) O (particolare negativa)



Le figure del sillogismo sono determinate dalla posizione del termine medio

  • Le figure del sillogismo sono determinate dalla posizione del termine medio

  • Si possono avere quattro figure:

  • 1° Il termine medio è soggetto nella premessa maggiore e soggetto nella minore

  • 2° Il termine medio è predicato in tutte e due le premesse

  • 3° Il termine medio e soggetto in tutte e due le premesse

  • 4° Il termine medio è predicato nella premessa maggiore e soggetto nella minore



Si dicono modi del sillogismo le possibili combinazioni tra i diversi tipi di proposizioni e le premesse e conclusioni di un sillogismo

  • Si dicono modi del sillogismo le possibili combinazioni tra i diversi tipi di proposizioni e le premesse e conclusioni di un sillogismo

  • Poiché abbiamo 4 forme di proposizioni e 4 figure, esistono 256 forme di sillogismo

  • Non tutti sono validi

  • Per memorizzare i modi validi si fa ricorso alla filastrocca latina



Perché un sillogismo sia valido devono essere rispettate 5 regole, distinte per qualità e quantità

  • Perché un sillogismo sia valido devono essere rispettate 5 regole, distinte per qualità e quantità

  • QUALITA’

  • 1) da due premesse negative non deriva alcuna conclusione

  • 2) se una delle due premesse è negativa lo sarà anche la conclusione

  • 3) da due premesse affermative non può derivare una conclusione negativa



Qualità

  • Qualità

  • Il termine medio deve essere distribuito in almeno una delle premesse

  • se non è distribuito in almeno una delle due premesse non lo sarà neanche nella conclusione

  • Un termine si dice DISTRIBUITO quando si riferisce a tutti i membri di una classe



ni semplicIl sillogismo ipotetico consiste in un ragionamento che ha come premessa una proposizione molecolare ,cioè composta da due proposizioni semplici collegate mediante un connettivo detto implicazione

  • ni semplicIl sillogismo ipotetico consiste in un ragionamento che ha come premessa una proposizione molecolare ,cioè composta da due proposizioni semplici collegate mediante un connettivo detto implicazione

  • L’implicazione si esprime nella forma “se…allora”

  • Lo scopo di questo tipo di sillogismo consiste nel verificare la correttezza della conclusione affermando o negando solo una delle due proposizioni



Esempio : se piove fa freddo

  • Esempio : se piove fa freddo

  • piove è detto Antecedente

  • fa freddo e detto Conseguente

  • Il Modus ponens è quel procedimento logico che consiste nell’affermazione dell’antecedente.” Piove, quindi fa freddo”

  • Il Modus tollens è quel procedimento logico che consiste nella negazione del conseguente .”non fa freddo quindi non piove”



Se diciamo “ se piove fa freddo, non piove quindi non fa freddo” abbiamo commesso un errore nel ragionamento detto negazione dell’antecedente

  • Se diciamo “ se piove fa freddo, non piove quindi non fa freddo” abbiamo commesso un errore nel ragionamento detto negazione dell’antecedente

  • Se invece diciamo “ se piove fa freddo, fa freddo, quindi piove” anche in questo caso abbiamo commesso un errore detto affermazione del conseguente



Secondo alcuni studiosi il modus tollens è più difficile da capire del modus ponens

  • Secondo alcuni studiosi il modus tollens è più difficile da capire del modus ponens

  • Ciò è dovuto alla confusione tra Condizionale e Bicondizionale

  • Si pensa cioè che se è vera la frase “se piove fa freddo”lo sarà anche “se fa freddo piove”

  • Inoltre gli errori diventano più frequenti se le frasi mancano di riferimenti temporali





Condividi con i tuoi amici:


©astratto.info 2019
invia messaggio

    Pagina principale