Presentazione del corso Introduzione alla comunicazione come processo sociale Corso di comunicazione sociale – A. A. 2007-08



Scaricare 241 Kb.
03.06.2018
Dimensione del file241 Kb.


Presentazione del corso Introduzione alla comunicazione come processo sociale

  • Corso di comunicazione sociale – A.A. 2007-08

  • Docente: Giuseppina Pellegrino

  • E-mail: gpellegrinous@yahoo.com, g.pellegrino@unical.it

  • Corso di Laurea in Scienze del Servizio Sociale – sede di Rende

  • Facoltà di Scienze Politiche - Università della Calabria


Obiettivi del corso

  • Introdurre gli elementi fondamentali della comunicazione sociale, articolandone significati, definizioni ed ambiti di applicazione e pertinenza

  • Evidenziare le peculiarità della comunicazione sociale come tipologia e modalità di comunicazione delle organizzazioni non profit e del volontariato

  • Collocare la comunicazione sociale nel contesto più ampio e generale dei processi comunicativi

  • Analizzare soggetti, strumenti e contesti della comunicazione sociale



Programma

  • Parte I: Dalla socialità della comunicazione alla comunicazione sociale: uno sguardo d’assieme su comunicazione e interazione sociale

  • Parte II: I soggetti e gli attori emittenti della comunicazione sociale

  • Parte III: I testi e i generi della comunicazione sociale

  • Parte IV: Contesti/pratiche della comunicazione sociale (il volontariato)



Parte I: dalla socialità della comunicazione alla comunicazione sociale

  • Uno sguardo d’assieme su comunicazione e interazione sociale

  • Etimologia e definizioni di “comunicazione”

  • La comunicazione interpersonale

  • Comunicazione e interazione

  • Media e comunicazione

  • Definizione della situazione e ambiti di comunicazione



Parte II: I soggetti e gli attori emittenti della comunicazione sociale

  • Definizione di comunicazione sociale: distinzioni, sovrapposizioni, interazioni tra “comunicazione” e “sociale”

  • Il “chi” della comunicazione sociale: organizzazioni non profit, volontariato, imprese

  • La dimensione di servizio della comunicazione sociale

  • La comunicazione nei servizi sociali



Parte III: I testi e i generi della comunicazione sociale

  • Il linguaggio pubblicitario e gli strumenti retorici della pubblicità (metafora)

  • La pubblicità sociale e le campagne sociali

  • La campagna come strumento di comunicazione e il communication mix della comunicazione sociale

  • La pubblicità sociale e il caso di “Pubblicità Progresso”

  • Specificità e retoriche della pubblicità sociale come genere e come linguaggio

  • Media e comunicazione sociale



Parte IV: Contesti/pratiche della comunicazione sociale

  • La comunicazione come risorsa strategica e il ruolo dei nuovi media per il sociale

  • Comunicazione nel volontariato e nel non profit: tra paradossi e ricerca della qualità nell’ambito dei servizi alla persona

  • Esperienze, testimonianze, materiali (discussioni in aula)



Testi di riferimento

  • Parte I : Dispensa introduttiva a cura della docente (bacheca elettronica)

  • Bosco, N. (2005). La forma dell’acqua. In Primo rapporto sulla comunicazione sociale in Italia, a cura di Cucco, Pagani e Pasquali, Rai-Eri (cap. 1).

  • Gadotti, G.(2001). La comunicazione sociale. Soggetti, strumenti e linguaggi. Arcipelago Edizioni (capp. 1 e 2).

  • Parte II: Gadotti, G. (2001). La comunicazione sociale. Soggetti, strumenti e linguaggi. Arcipelago Edizioni, 2001 (cap. 3).

  • Parte III: Iannucci, F. (2006). "La comunicazione pubblicitaria". In Gensini, S. Fare comunicazione. Teoria ed esercizi. Carocci, Roma.

  • Del Basso, T. (2006). “Osservatorio pubblicità. Gli strumenti retorici”. In Gensini, S. Fare comunicazione. Teoria ed esercizi. Carocci, Roma.

  • Gadotti, G. (2001). La comunicazione sociale. Soggetti, strumenti e linguaggi. Arcipelago Edizioni, 2001 (capp. 6, 7 e 8).

  • Parte IV: Volterrani, A. (2004).  Panorami sociali. Il sociale nei media, i media nel sociale. Liguori Editore (cap. 4).



Dalla socialità della comunicazione alla comunicazione sociale

  • Uno sguardo d’assieme su comunicazione

  • e interazione sociale



Comunicazione/comunicazione sociale

  • Comunicazione sociale: specifico ambito/processo comunicativo, che condivide alcune caratteristiche e presupposti con la comunicazione in generale

  • Per rispondere alla domanda “che cos’è la comunicazione sociale?”, occorre prima chiedersi che “cos’è la comunicazione?”

  • La comunicazione è un’azione ed un processo sociale



Parole, simboli, segni

  • Parole = simboli significativi che rinviano sempre “convenzionalmente” a qualcosa d’altro

  • Simbolo = particolare tipo di segno che rinvia, per convenzione, a qualcos’altro (significato)

  • Segno = fenomeno che rappresenta o allude a qualcosa di differente dal fenomeno stesso secondo diversi tipi di rapporto (es. icona, indice, sintomo)



Linguaggio/codice

  • Il linguaggio in quanto sistema organizzato di associazioni tra segni e significati (ciò che si definisce codice), è ciò che permette di veicolare e condividere significati.

  • Parole = sistemi stratificati di significati, accumulati nel corso della storia, significati che non sono mai separati, né separabili, dalla cultura nella quale vengono elaborati e condivisi.

  • Il termine “comunicazione” non fa, in questo senso, eccezione: rinvia ad un insieme variegato di significati e di definizioni.



Alle origini della comunicazione - 1

  • Communis (ciò che è o viene messo in comune, o anche condiviso), che è la stessa radice del termine “comunità” (communitas)

  • Comunicazione/comunità: accezioni che hanno a che fare con “l’avere rapporti, essere in relazione con qualcuno”, quindi con un senso di partecipazione.



Alle origini della comunicazione - 2

  • Cum Munus (dono/obbligazione; superamento delle barriere, da moenia, mura)

  • Ambivalenza della comunicazione come dono (onore) ed onere, e come superamento di barriere o confini



Definizione di comunicazione - 1

  • “La comunicazione è quindi un atto di compartecipazione, in cui tutti i partecipanti condividono una stessa comune condizione e hanno, per così dire, obblighi e doni, oneri ed onori. E’ un processo attraverso il quale i partecipanti creano e condividono informazioni (ma, oltre a questo, creano e condividono un mondo comune), utilizzando uno o più codici che siano comuni (o che vanno costruiti per intendersi)” (Giaccardi, 2005: 14).



Comunicazione come comportamento

  • Comunicazione = processo complesso, un fenomeno dinamico e un tipo particolare di azione e di comportamento sociale.

  • Scuola di Palo Alto ed i suoi principali autori Watzlawick, Beavin e Jackson, fondatori dell’approccio pragmatico alla comunicazione

  • “Assioma della comunicazione”: “non si può non comunicare” (inevitabilità della comunicazione)



Comunicazione verbale/non verbale

  • La comunicazione non è solo quella che passa attraverso il linguaggio verbale (le parole) ma anche quella veicolata attraverso gesti, mimica facciale, postura del corpo, persino attraverso il silenzio.

  • Comunicazione non verbale = dimensione essenziale della comunicazione in compresenza (faccia-a-faccia); costituita dalla mimica facciale e corporea (cinesica), dai tratti paralinguistici (ritmo, tono di voce, uso delle pause nel discorso), dalle posture, dalle distanze fisiche tra i soggetti, dall’uso comunicativo dello spazio (prossemica) etc.



Convergenza/divergenza

  • Tra il livello non verbale e quello verbale può esserci tanto convergenza (un livello rafforza l’altro) quanto divergenza (un livello contraddice l’altro, creando effetti di spiazzamento o di menzogna).

  • La comunicazione non verbale:

  • - non può essere evitata;

  • - di solito precede quella verbale;

  • - è ritenuta particolarmente affidabile (in quanto meno controllabile rispetto a quella verbale, nel caso ad esempio il soggetto stia mentendo);

  • - può essere fonte di profonde incomprensioni, specialmente quando i partecipanti alla comunicazione provengono da contesti culturali differenti



Metacomunicazione

  • La comunicazione non verbale può assumere una funzione metacomunicativa, ovvero di “commento” alla comunicazione verbale

  • “Metacomunicazione” è una comunicazione “sulla comunicazione”, un messaggio che consente di interpretarne un altro

  • In ogni comunicazione, dunque, vi è un piano del contenuto e un piano della relazione che accompagna il contenuto, e che costituisce la metacomunicazione



“Trasmettere, trasferire informazioni da un mittente ad un destinatario” (uso corrente del termine)

  • “Trasmettere, trasferire informazioni da un mittente ad un destinatario” (uso corrente del termine)

  • “Teoria matematica della comunicazione” di Shannon e Weaver, elaborata sul finire degli anni quaranta

  • Riadattata ed arricchita da Roman Jakobson negli anni ‘50

  • Oscura i significati originari del termine comunicazione (limiti del modello)





Caratteristiche del modello

  • Equivalenza tra comunicazione e informazione

  • Comunicazione come processo trasmissivo unidirezionale che procede da una fonte emittente ad una fonte ricevente, da un mittente ad un destinatario del messaggio

  • Il messaggio, secondo il modello, viene codificato e decodificato in maniera “automatica” e non problematica (comunicazione tra macchine)



Limiti del modello

  • Modello riduzionista rispetto alla complessità della comunicazione

  • Ignora la variabile “contesto” (emittente e destinatario sono inseriti in contesti socio-culturali specifici)

  • Ignora il carattere interattivo della comunicazione e l’interscambio dei ruoli tra emittente e destinatario), i processi di feed-back, le aspettative e gli atteggiamenti dei partecipanti alla comunicazione



Il modello di Jakobson

  • Utilizza i termini della teoria matematica della comunicazione per descrivere la comunicazione verbale

  • Resta fondamentalmente unilineare (di fatto ipotizza comunicazione verbale come scambio di lettere tra mittente e ricevente)

  • “Il mittente invia un messaggio al destinatario. Per essere operante, il messaggio richiede in primo luogo il riferimento a un contesto (…) che possa essere afferrato dal destinatario (…); in secondo luogo esige un codice interamente, o almeno parzialmente, comune al mittente e al destinatario (in altri termini, al codificatore e al decodificatore del messaggio); infine un contatto, un canale fisico e una connessione psicologica fra il mittente e il destinatario, che consenta loro di stabilire e di mantenere la comunicazione” (Jakobson, 1972, cit. in Gensini, 2006, p. 20).



Dalla trasmissione al dialogo

  • Più che trasmissione di segnali lungo un canale, la comunicazione è un processo di trasformazione e condivisione di significati, un processo dialogico

  • Il dialogo presuppone l’incontro di alterità, e uno sforzo di relazione che passa per l’ascolto e il riconoscimento dell’altro come interlocutore (l’elemento della reciprocità). Senza questo riconoscimento non c’è dialogo, ma solo monologhi (...) Attraverso il dialogo è possibile non soltanto lo scambio di informazioni che arricchiscono la conoscenza, ma anche la costruzione cooperativa di un mondo comune attraverso lo scambio di simboli” (Giaccardi, 2005, p. 15).



Una definizione di sintesi

  • “La comunicazione è costruzione collettiva e condivisa del significato, un processo dotato di livelli diversi di formalizzazione, consapevolezza e intenzionalità” (Paccagnella, 2004, p. 27).

  • Comunicazione = processo di costruzione sociale orientato a creare e condividere significati tra i partecipanti, a partire da risorse di vario tipo che supportano l’interazione comunicativa



Comunicazione come interazione

  • La comunicazione “è un genere particolare di attività sociale che comporta la produzione, la trasmissione e la ricezione di forme simboliche e presuppone l’utilizzo di risorse di vario tipo” (Thompson, 1998: 32-33).

  • Risorse = mezzi di comunicazione (media)

  • Media = mezzi tecnici che supportano materialmente le forme simboliche separando i contesti di produzione da quelli di ricezione



Media e distanziazione spazio-temporale

  • Interazione faccia-a-faccia: compresenza spazio-temporale

  • Interazione mediata da mezzi tecnici: separazione dei contesti di produzione e fruizione delle forme simboliche; accessibilità estesa nel tempo e nello spazio delle forme simboliche (es. programmi tv)



Mass media e comunicazione di massa

  • Mass Media = Un insieme di prodotti e di istituzioni (es. libri, film, programmi televisivi e radiofonici, ma anche le industrie e le istituzioni che sono sorte intorno a specifici mezzi tecnici, es. stampa, cinema, radio- tv)

  • Pubblico di massa: pubblico disperso e atomizzato, passivo e facilmente manipolabile

  • Comunicazione di massa: processo di trasmissione unidirezionale da emittenti dotati di un forte potere a destinatari deboli e quasi inermi



Tipi di interazione



Definizione della situazione

  • I partecipanti al processo comunicativo definiscono una situazione comune, che rimanda ad un contesto di significati condivisi: l’interpretazione è sempre situata, e il successo della interazione comunicativa dipende da quanto comune e condivisa sia la definizione della situazione dei partecipanti all’interazione

  • Definire una situazione è definire il ruolo degli interlocutori nella relazione, e stabilire dunque le attese reciproche, le regole a cui ci si dovrà attenere e, non ultimo, il significato stesso dei messaggi scambiati.



Emittenti e destinatari

  • Non sono di norma delle entità astratte, ma dei soggetti concreti.

  • dispongono di competenze comunicative e di conoscenze pregresse

  • La competenza comunicativa corrisponde alla capacità del membro di una data società di utilizzare in modo appropriato ed efficacemente l’insieme degli strumenti comunicativi e metacomunicativi di cui dispone

  • Le differenze riguardanti le competenze comunicative possono generare delle asimmetrie di potere

  • Emittenti e destinatari hanno una storia (esperienza) e delle conoscenze pregresse



Ambiti di comunicazione: verso la comunicazione sociale

  • Gli emittenti, coloro che comunicano producendo forme simboliche, possono essere attori di livello molto diverso: da singoli individui, a gruppi di individui fino ad organizzazioni o istituzioni.

  • La comunicazione è un genere di azione sociale i cui attori sono molteplici, in quanto sono attori sociali non soltanto i soggetti singoli individuabili concretamente, ma anche aggregazioni sociali super individuali (i gruppi, le associazioni, le istituzioni).



Ambiti di comunicazione: lo schema di Lasswell

  • “5W”: per analizzare un processo comunicativo occorre chiedersi: “chi (who) comunica cosa (what) a chi (whom) usando quale canale (where) e con quali effetti (what effects).

  • La comunicazione istituzionale, quella politica, quella d’impresa e quella sociale, ad esempio, sono ambiti di comunicazione distinti e distinguibili in base ai soggetti emittenti (“i comunicatori”), ma congiuntamente, in base anche ai pubblici di riferimento, al contenuto e alla forma dei messaggi, ai codici e alle retoriche messe in gioco, agli obiettivi che si intende raggiungere attraverso la comunicazione, ai media e alle tecniche utilizzate.



Comunicazione e identità

  • La comunicazione resta un tipo particolare di azione sociale, ma diventa anche un insieme di tecniche e di strumenti, un insieme di discorsi significativi e di risorse decisive per la costruzione dell’identità dei partecipanti al processo comunicativo

  • La comunicazione sociale concorre alla costruzione dell’identità di specifici soggetti attraverso specifici linguaggi, in particolari contesti sociali e organizzativi.



Parte II: I soggetti e gli attori della comunicazione sociale

  • Definizione di comunicazione sociale: distinzioni, sovrapposizioni, interazioni tra “comunicazione” e “sociale”

  • Il “chi” della comunicazione sociale: organizzazioni non profit, volontariato, imprese

  • La dimensione di servizio della comunicazione sociale

  • La comunicazione nei servizi sociali



Definizioni e scenari della comunicazione sociale

  • Testo di riferimento:

  • Bosco, N. in Primo rapporto sulla comunicazione sociale in Italia, a cura di Cucco, Pagani e Pasquali, Rai-Eri, 2005

  • (cap. 1)



Scenari della comunicazione sociale

  • Comunicazione sociale = oggetto relativamente nuovo; diffusione crescente del tema;

  • Comunicazione sociale = comunicazione su temi sociali

  • Quali funzioni svolge la comunicazione sociale nella società contemporanea?

  • Dimensione teorica ed empirica della comunicazione sociale



Diffusione della comunicazione sociale

  • Aumento degli attori in campo (nel settore pubblico, es. Ministeri ed in quello privato, es. non profit, volontariato, imprese private)

  • Crescente ricorso alla comunicazione sociale come modalità comunicativa

  • Moltiplicazione degli interessi economici coinvolti (crescenti investimenti in comunicazione sociale da parte degli attori in campo)



Le coordinate teoriche

  • Comunicazione: processo sempre sociale, costitutivamente (cfr. I parte)

  • Il carattere precipuamente sociale della comunicazione sociale consiste nel riferimento ad un insieme di valori (“collante” della società) e ad uno spazio pubblico

  • Comunicazione sociale: funzione di integrazione simbolica + informazioni su comportamenti idonei a tutelare valori individuali e collettivi (es. salute, qualità dell’ambiente, etc.)

  • Passaggio dall’informazione all’esperienza



Che cosa significa “sociale”?

  • Nel senso comune, evoca la presenza di un “noi”, è qualcosa che “riguarda tutti”

  • Ambivalenza del “sociale”: da un lato la società esercita un controllo (pone dei vincoli, delle norme) nei confronti degli individui; dall’altro ciò che è sociale si riferisce ad uno spazio pubblico negoziato

  • Problema sociale: tutto ciò che lede un universo consolidato di modi di pensare e di agire

  • Ciò che è giusto o appropriato (ciò che costituisce un problema) viene definito in base al contesto (costruzione culturale dei problemi sociali)

  • La comunicazione sociale concorre alla definizione/attribuzione di rilevanza ai problemi sociali



Il sociale come spazio pubblico

  • Jurgen Habermas (1962): definisce la sfera pubblica come dimensione emergente della nascente società borghese, ovvero quella dimensione costituita da privati cittadini riuniti in pubblico per discutere problemi e fini comuni (interazione in compresenza)

  • Hannah Arendt (1958): sfera pubblica come dimensione basata sulla presenza simultanea di molteplici prospettive; comunicazione pubblica come arena di confronto su temi di interesse pubblico

  • Paradosso: democratizzazione e ampliamento della sfera pubblica ne minano la centralità, la possibilità di esistenza (processo di frammentazione legato ad interessi eterogenei)

  • Fragilità dei confini della sfera pubblica richiama l’importanza della coesione: la comunicazione sociale svolge anche questa funzione



Il sociale: mercato o mission?

  • Polisemia del termine sociale

  • Nell’accezione “mercato sociale”, il sociale diventa uno specifico settore merceologico, un’area di mercato in cui operare

  • Allo stesso tempo, il sociale consiste nella creazione di legami, è l’obiettivo dell’azione(sviluppare e ridefinire il confronto fra soggetti nello spazio collettivo



Alcune definizioni di comunicazione sociale

  • “Luogo” per ribadire il richiamo a particolari valori/sanzionare (implicitamente)chi non li condivide/creare accordo o coesione su questioni relativamente controverse

  • Ambito economico caratterizzato da logiche di profitto

  • Strumento per il potenziamento/ampliamento della sfera pubblica (incrementare comunicazione, partecipazione sociale e risorse di capitale sociale)

  • Parte della (più ampia e generale) “comunicazione pubblica”(attori e linguaggi che si occupano di temi di pubblica utilità)



Distinzioni e differenze nella comunicazione sociale - 1

  • Comunicazione sociale ≠ Pubblicità sociale

  • Pubblicità sociale: campagne informative di massa per modificare atteggiamenti e comportamenti del pubblico (limiti: scarsa incisività)

  • Comunicazione sociale: approccio alla persuasione più generale e più ampio; utilizza diversi strumenti/metodi per raggiungere i destinatari della comunicazione: pubblicità sociale ma anche manifestazioni, incontri, interventi di esperti etc. e i suoi messaggi sono considerati utili alla collettività (dimensione di servizio della comunicazione sociale)



Distinzioni e differenze nella comunicazione sociale - 2

  • Definizioni “in negativo” (“X non è…..”) della comunicazione sociale

  • Comunicazione sociale: comunicazione non avente finalità commerciali, pubblicità non a scopo di profitto, o che non ha per oggetto prodotti

  • Comunicazione sociale: ambito di comunicazione distinto in base ai soggetti e agli oggetti della comunicazione (rispetto ad altri ambiti)



Comunicazione sociale e comunicazione di pubblica utilità: i soggetti e gli oggetti della comunicazione sociale

  • Testo di riferimento:

  • Gadotti, G. La comunicazione sociale. Soggetti, strumenti e linguaggi. Arcipelago Edizioni, 2001 (cap. 1).



La comunicazione di pubblica utilità (non profit)

  • Da altri definita anche “comunicazione pubblica” (Gadotti ritiene invece che comunicazione pubblica sia troppo legata allo Stato/P.A.)

  • Comunicazione di pubblica utilità = “Forma di comunicazione che tratta di tematiche di particolare interesse per la popolazione”

  • Insieme di attività di comunicazione messe in atto da un soggetto pubblico o privato volte a promuovere finalità non lucrative



Classificazione in base ai soggetti

  • “Chi” fa comunicazione di pubblica utilità? (schema di Lasswell: emittenti)

  • Istituzioni pubbliche (Stato, Pubblica Amministrazione)

  • Partiti

  • Organizzazioni non profit (es. volontariato, associazioni, Pubblicità Progresso)

  • Grandi istituzioni (Chiesa cattolica, sindacati)

  • Aziende pubbliche e private (solo in casi particolari)



Classificazione in base all’oggetto - 1

  • “ Su che cosa” comunicano i soggetti della comunicazione di pubblica utilità?

  • (schema di Lasswell: messaggi/contenuti)

  • Istituzioni pubbliche: comunicazione istituzionale (promuove l’immagine dell’istituzione); comunicazione normativa (es. gazzette ufficiali); comunicazione di pubblico servizio (erogazione di servizi, es. apertura sportelli al pubblico); comunicazione sociale (es. campagne Ministero Salute su tossicodipendenza, AIDS etc.)



Classificazione in base all’oggetto - 2

  • Partiti: comunicazione politica (es. propaganda elettorale)

  • Organizzazioni non profit e grandi istituzioni: comunicazione istituzionale, comunicazione di pubblico servizio, comunicazione sociale, advocacy (tematiche controverse)

  • Aziende pubbliche e private: comunicazione istituzionale, promozione di prodotti/servizi, sensibilizzazione opinione pubblica (responsabilità sociale dell’impresa o cause related marketing, ovvero marketing legato ad una causa sociale)



Comunicazione sociale: definizione di sintesi e tipologie

  • “La comunicazione sociale è quell’insieme di attività di comunicazione, messo in atto da un soggetto pubblico o privato, volto a promuovere finalità non lucrative e avente per oggetto tematiche di interesse sociale ampiamente condivise” (Gadotti, p. 24)

  • Tre tipologie di comunicazione sociale:

  • appelli al pubblico, comunicazione di sensibilizzazione, comunicazione di educazione



Appelli al pubblico



Comunicazione di sensibilizzazione



Comunicazione di educazione



Dai tipi alle iniziative concrete

  • Tipologia classificatoria e concettuale che non si ritrova rigidamente separata nelle iniziative concrete di comunicazione sociale

  • Iniziative concrete: ibridi tra le tre categorie di comunicazione sociale (sensibilizzazione + raccolta fondi etc.) e tra comunicazione sociale e istituzionale (promozione d’immagine)

  • Esempio: campagna “azalea” di AIRC (14 maggio 2005)



Comunicazione e organizzazioni non profit

  • Testo di riferimento:

  • Gadotti, G. La comunicazione sociale. Soggetti, strumenti e linguaggi. Arcipelago Edizioni, 2001 (cap. 3).



Che cos’è il non profit?

  • Manca una definizione condivisa di un termine sempre più pervasivo

  • Ci sono tuttavia alcune caratteristiche che ci aiutano a circoscrivere il non profit:

  • - Assetto istituzionale e organizzativo i cui fini e interessi siano di tipo collettivo e sociale

  • - Reinvestimento vs distribuzione risorse/capitali

  • - Campo d’azione rappresentato dallo scenario della crisi del Welfare State

  • - Caratteristiche privatistiche degli enti (né pubblici né privati, da cui la denominazione di “Terzo Settore”)

  • - Regime fiscale stabilito dalla L. 460/97 che regola le organizzazioni di tipo ONLUS (Organizzazioni Non Lucrative di Utilità Sociale) entro settori specifici (Sono ONLUS di diritto le cooperative sociali, le associazioni di volontariato e le organizzazioni non governative)

  • - Obbligo di Bilancio, rendiconto e “ordinamento democratico” all’interno dell’organizzazione (es. Statuto, assemblea dei soci etc.)



Terzo Settore e “Privato Sociale”

  • Terzo Settore: “risposta economicamente appropriata ad alcune esigenze non ottemperabili né dal pubblico né da terzi”

  • Esempi di organizzazioni appartenenti al Terzo Settore: club, associazioni, cooperative, organizzazioni di volontariato, fondazioni

  • Privato sociale: insieme di quelle organizzazioni privatistiche e non profit che forniscono servizi alla collettività (e non solo ai propri aderenti) tipici dell’intervento pubblico, dunque dotate di un’organizzazione stabile e capaci di influenzare le politiche sociali



Una tipologia delle organizzazioni non profit

  • Distinzione tra organizzazioni non profit tradizionali, evolute e imprese sociali

  • Criteri di distinzione: aspetto economico, aspetto strutturale e aspetto operativo dell’organizzazione

  • Processi di cambiamento e trasformazione delle organizzazioni non profit che riguardano non solo la dimensione economica, strutturale ed operativa ma anche le strategie comunicative adottate dalle organizzazioni stesse



Evoluzione delle organizzazioni non profit: uno schema di sintesi



Gli strumenti di comunicazione delle organizzazioni non profit evolute - 1

  • Direct response/direct marketing (direct mail, telemarketing, coupon, numero verde spesso finalizzati alla raccolta fondi).

  • - Limiti/ostacoli allo strumento: legge sulla privacy (L. 675/96)

  • - Caso: Telefono Azzurro (campagna “numero breve”)

  • - Relazioni pubbliche o esterne (attività finalizzate a instaurare relazioni e creare un’area di interesse/immagine positiva tra il soggetto che comunica e i pubblici di riferimento, es. contatto personale, mezzi di comunicazione organizzativi come house-organ, opuscoli, newsletter etc.)



Gli strumenti di comunicazione delle organizzazioni non profit evolute - 2

  • Eventi speciali (sottocategoria delle relazioni pubbliche) caratterizzati da un arco temporale limitato e dal coinvolgimento dei media e di sponsor ( es. eventi di piazza, eventi televisivi)

  • - Caso: AIRC (campagna “Storie al microscopio)

  • - Limiti/ostacoli allo strumento: costi economici ed organizzativi, effetti “boomerang” in caso di insuccesso

  • Pubblicità (differenze/similarità tra pubblicità commerciale e pubblicità sociale, cfr. III parte corso)

  • - Limiti/ostacoli allo strumento: costi economici, concorrenza

  • - Caso: Arché





Condividi con i tuoi amici:


©astratto.info 2019
invia messaggio

    Pagina principale