Presentazione del libro di Giovanni Salonia



Scaricare 36.43 Kb.
Pagina1/8
28.03.2019
Dimensione del file36.43 Kb.
  1   2   3   4   5   6   7   8

Presentazione del libro di Giovanni Salonia


Sulla felicità e dintorni

EdiArgo, Ragusa




1. Una bussola nel cammino della vita, nelle trasformazioni del nostro tempo
- “Vi è un’età in cui si insegna ciò che si sa, ma poi ne viene un’altra in cui si insegna ciò che non si sa e questo si chiama cercare: ora forse è l’età di un’altra esperienza, quella del disimparare … Questa esperienza ha un nome illustre e fuori di moda: sapienza, che è nessun potere, un po’ di sapere e quanto più sapore possibile”. Ho pensato a queste parole di Roland Barthes quando ho finito di leggere il testo di Giovanni Salonia. Si tratta, infatti, anzitutto di un libro nutriente, intriso di sapienza, una sapienza che con chiarezza e dolcezza svela le ambivalenze che attraversano e inquinano vita e rapporti ma che, al tempo stesso, apre orizzonti ampi e positivi.

Orizzonti ampi, per la profondità di esperienza e di studio a cui attinge (dalla grande tradizione umanistica alla psicoterapia della Gestalt, alla fede cristiana e al messaggio di Francesco…), esperienza e studio che fanno di Giovanni Salonia un ‘maestro’ nel senso greco del termine, un ‘hodopoieticós’ che apre strade e aiuta a percorrerle. Orizzonti positivi, perché il tono resta sempre libero da quel cupo e ipocrita moralismo che tutti ci paralizza e incattivisce. E tuttavia positività sempre attenta anche alle macerie della vita e della storia, e quindi positività non ingenua

- Un libro, allora, che aiuta nel cammino della vita come una bussola o un viatico (così lo definisce Piergiorgio Barone). Un libro, che offre pace, freschezza, riposo a uomini e donne che lo desiderano e che non accettano di ridursi, per dirla con Chiavacci, a ‘schiavi contenti’ che si divertono per necessario conformismo e intanto non si curano del disastro dei fratelli. “Un libro esile e potente, delicato e penetrante - scrive Antonio Sichera - … opportunità per il lettore ordinario di immergersi nel mondo tutto speciale e intrigante con cui un terapeuta può leggere e pensare l’esistenza, ben al di là dei luoghi comuni e degli inutili psicologismi da rotocalco”.

- Un libro, da far circolare tra amici che conoscono “la gioia di una vita intima e il coraggio di una vita pubblica”; tra quanti hanno cura dei poveri e della polis con coinvolgimento pieno e gratuito, attenti a “non lasciarsi corrompere il cuore dall’astio e dall’amarezza”; tra quanti hanno a cuore la crescita delle nuove generazioni (genitori, insegnanti, catechisti) senza indulgere a mode, offrendo piuttosto sicurezza e senso attraverso il cibo buono delle relazioni sane, delle grandi tradizioni culturali, del vangelo fatto risplendere in tutta la sua bellezza e non ridotto a ricettario morale.



Sentieri che portano lontano



Condividi con i tuoi amici:
  1   2   3   4   5   6   7   8


©astratto.info 2017
invia messaggio

    Pagina principale