Presentazione pag. 3 A cura del Centro Nazionale meg editoriale



Scaricare 2.37 Mb.
Pagina1/3
28.11.2017
Dimensione del file2.37 Mb.
  1   2   3





L’amore, per quanto sia misterioso, è certamente qualcosa di grande e da esso dipende tutto ciò che è in noi. Che cosa è l’amore, che cosa può l’amore e da dove viene?

Ugo di San Vittore


PRESENTAZIONE pag. 3 A cura del Centro Nazionale MEG

EDITORIALE pag. 4 Le parole dell’amore

(di Francesco Pecori Giraldi s.i.)

6 Bibliografia

INVITO ALLA PREGHIERA 7 “…ma sulla tua parola getterò le reti)

(Lc 5 2-10)



HANNO DETTO… pag. 9 Molti modi per parlare d’amore

ATTIVITÀ PER LE BRANCHE pag. 12 Dialogo: L’amore maturo sceglie

13 Proposte di attività per Gruppi Emmaus,

Ragazzi Nuovi, Comunità 14 e pre-Testimoni



VITA MEG - TESTIMONIANZE pag. 18 Direttamente dai Convegni Nazionali 2007:

Parlano i C.14



CAMMINARE CON LA CHIESA pag. 21 La teologia del corpo (Giovanni Paolo II)

Intenzioni dell’Apostolato della Preghiera
Nel MEG abbiamo imparato a pregare ogni giorno per i problemi che il Papa ci affida, usando una preghiera che ci permette di cooperare con Gesù alla salvezza del mondo, offrendogli la nostra amicizia e le nostre giornate.
Signore Gesù,

che per amore nostro hai il cuore trafitto,

e nell'Eucaristia continui a salvare il mondo,

io ti offro la mia amicizia e la mia vita di oggi,

perché voglio fare la Messa con te,

e con te costruire un mondo nuovo.

Accetta questa offerta per le mani di Maria,

madre tua e madre mia.


Ogni giorno del mese di settembre aggiungiamo:

Perché i cristiani, dove sono minoranza, abbiano la forza per vivere e perseverare nella fede.
Come ti amo? Ora ne conto i modi.

Ti amo quanto profondo e ampio e alto la mia anima può, quando oltre ogni sguardo si volge all'Essenza, alla Grazia ideale.

Ti amo al livello del più quieto bisogno di ogni giorno, al sole e a lume di candela.

Ti amo in libertà, come chi per giustizia lotta; ti amo semplicemente, come chi evita la lode; ti amo con la passione delle mie amiche pene e con la fiducia che avevo da bambina.

Ti amo di un amore che credevo perduto, coi miei passati santi, ti amo col respiro i sorrisi e le lacrime di tutta la mia vita!

E, Iddio lo voglia, di più ti amerò dopo la morte.

Elisabeth Barret Browning



Care e cari Responsabili,

ciascuno di noi, a sentire nominare la parola amore, facilmente può fare riferimento a un’esperienza, una sensazione, un moto del cuore che lo ha toccato personalmente. Tutti conosciamo l’appagamento che da esso deriva, le pene che talvolta comporta o il senso di vuoto che provoca la sua assenza. Ma siamo certi di parlare sempre della medesima cosa quando usiamo la parola ‘amore’?

Probabilmente la prima immagine che ci si presenta alla mente è quella di due innamorati, ma se riflettiamo ci accorgeremo che la parola ‘amore’ viene usata in molti altri casi. In occasioni diverse diciamo di amare la natura, la pasta fatta in casa, il nostro cane, gli amici, l’arte, i poveri, i nemici, Dio… Le differenze che esistono fra queste varie espressioni non riguardano solamente i destinatari del nostro amore, ma anche la qualità del sentimento che con il verbo “amare” esprimiamo di volta in volta e l’atteggiamento che quello stesso tipo di amore ci induce ad assumere. Godiamo dello stare in mezzo a un bosco o nel contemplare un’opera d’arte, mangiamo con gusto un bel piatto di tagliatelle, ma del nostro cane ci prendiamo cura; nel rapporto di coppia il nostro corpo è specialmente sollecitato e non lo è - o lo è certamente in misura ridotta - nella relazione amicale; il sentimento alimenta l’amore per la nostra famiglia, ma non ci aiuta ad amare il nemico, né sostiene la scelta di spenderci per gli ultimi…

Vale la pena soffermarsi su queste distinzioni, soprattutto in un contesto culturale in cui troppo spesso l’amore ci viene quasi esclusivamente presentato come una passione zuccherosa, fatta tutta di palpiti del cuore ed emozioni forti. È quello che intendiamo fare su questo numero del sussidio affrontando in primo luogo il tema da un punto di vista concettuale, per chiarirci un po’ le idee. In un secondo tempo, attraverso le attività che proporremo per le branche, cercheremo di fare emergere dall’esperienza dei ragazzi soprattutto la consapevolezza che un’autentica relazione d’amore poggia sostanzialmente su due pilastri: la scelta e la fedeltà.

Da ultimo, nelle pagine conclusive di questo numero inizieremo a pubblicare alcuni stralci di una serie di interventi sulla corporeità, degni di particolare attenzione, che tenne a sua tempo papa Giovanni Paolo II nel corso delle udienze generali del mercoledì. Una catechesi efficace sull’affettività non può dimenticare che una larga parte della nostra comunicazione avviene proprio attraverso il nostro corpo, e che attraverso di esso l’essere umano esprime la sua apertura agli altri e al mondo.
Il Signore benedica e accompagni il lavoro di voi Responsabili e delle vostre comunità

Il Centro Nazionale MEG


Le parole dell’amore


Francesco Pecori s.j.


“Amore” è un termine dal significato quanto mai ampio, in primo luogo perché lo usiamo in ambiti molto diversi. Pur condividendone alcune dimensioni di fondo, l’amore tra uomo e donna è diverso dall’amore tra genitori e figli. E potremmo ancora distinguere le caratteristiche specifiche dell’amore paterno e materno e dell’amore dei figli verso i genitori. Se è raro che nell’amicizia si dica: “ti amo”, resta vero il fatto che le amicizie sono vere se possiedono alcune caratteristiche dell’amore maturo.

Altre volte, poi, usiamo la parola “amore” per descrivere la nostra passione per un’attività, per uno sport (“amo giocare a tennis!”), per un piatto particolare (“amo gli spaghetti alla carbonara”)…



La qualità delle nostre relazioni

È facile rendersi conto che nei diversi luoghi di relazione (la coppia, la famiglia, l’amicizia) viviamo relazioni di qualità molto diversa. Nel linguaggio ordinario sono emerse molteplici espressioni proprio per esprimere questa diversità: “stimare qualcuno”, “avere molto rispetto per”, “amare”, “apprezzare”, “innamorarsi”, “sentirsi in sintonia con”, “stare insieme a”, “dovere tantissimo a”… A volte cerchiamo rifugio in esperienze superficiali, ma è anche vero che il desiderio più profondo è quello di relazioni significative, autentiche, mature. Cerchiamo l’amore in senso proprio. La nostra coscienza si interroga sulla qualità delle relazioni in cui è coinvolta. Come va il rapporto con la mia fidanzata, con mio padre, con questa mia amica? Si tratta di domande di base, domande che si pongono credenti, e non credenti perché toccano comunque un aspetto fondamentale della vita. Anche il discepolo di Gesù si pone questa domanda e se la pone cercando nel Vangelo indicazioni per il cammino. L’uomo si distingue dagli animali anche perché si interroga sulla qualità delle relazioni che vive, quando si domanda: “Io, amo o no questa persona?”. E questa domanda ne richiama subito un’altra: “Quand’è che si può parlare di amore? Quali sono le caratteristiche dell’amore?”.



Il peso dei sentimenti

Quando pensiamo ai sentimenti spesso alla nostra mente vengono evocate emozioni forti, movimenti poderosi dell’animo. In realtà, i batticuore, le palpitazioni emotive, le profonde commozioni non sono che la punta di un iceberg più ampio, il quale - da buon iceberg - giace per lo più nascosto agli sguardi di superficie. Tutti noi siamo abitati da una dimensione affettiva che comprende anche, ma non solo, i sentimenti forti e che permette di appassionarsi alle persone, alle situazioni, alle attività, alla vita. Questa partecipazione ci rende più pienamente esseri umani.

I sentimenti giocano un ruolo particolare nella fase di ‘lancio’ e di inizio di nuove situazioni. L’innamoramento, il colpo di fulmine danno lo slancio per affrontare la vita di coppia; il desiderio acceso e un po’ ingenuo di cambiare il mondo permette al giovane di lanciarsi nella vita; l’entusiasmo per una nuova scoperta sostiene lo scienziato a proseguire la sua ricerca… Come vedremo le emozioni iniziali non bastano, ma guai se non ci fossero!

I sentimenti sono poi importanti anche durante il cammino proprio di tutte le relazioni. Il clima festoso per celebrare un anniversario (nella coppia, in famiglia, tra amici) risveglia la dimensione emotiva per richiamare l’attenzione sulla bellezza e l’importanza di determinati legami. Per questo è importante ricordare gli anniversari!



Il sentimento non basta

Detto quanto sopra, i sentimenti non sono tutto. Uno dei più grandi inganni sta proprio nel confondere un amore maturo con l’avere sentimenti intensi. Chi porta nel cuore questa idea sarà eternamente preoccupato di provare emozioni forti con il/la fidanzato/a, con gli amici e in famiglia. Una vita così sarà in primo luogo una vita agitata. Dato che i sentimenti forti vanno e vengono, quando una relazione cessa di darmi forti emozioni - in genere esse non durano molto – mi sento motivato a cambiarla! Ma che fatica dovere stare sempre al ‘top’ delle emozioni! Si finisce inevitabilmente per passare ossessivamente da una storia all’altra. In secondo luogo, un’esistenza che cerca solo emozioni sarà anche povera. Infatti, non essendo capace di resistere a lungo nelle situazioni, non arriverà mai a sperimentare il gusto di accompagnare qualcuno ed esserne accompagnato nei diversi momenti della vita, piacevoli o spiacevoli che siano. Per certi “sapori” della vita di relazione vale ciò che è vero per il vino: è necessario aspettare un certo… invecchiamento.



È la scelta che definisce l’amore

C’è amore e c’è una relazione autentica e significativa, nella misura in cui si sceglie di vivere fino in fondo questa stessa relazione. Scegliendo decidiamo di orientare le nostre energie in modo particolare verso una certa persona. Le dedicheremo energie di cuore, di pensiero e di tempo perché lo desideriamo, perché lo vogliamo e non a seconda di come ci sentiamo.

Questa dimensione è evidente nel caso della coppia e dell’amicizia, ma è una dimensione importante anche per la famiglia. Se non decido veramente di essere in relazione con mio padre, mia madre, i miei fratelli e sorelle posso passare anni senza mai instaurare una vera comunicazione con loro, senza condividere i miei bisogni, progetti, gioie e tristezze e senza preoccuparmi di accogliere i loro. Attraverso la scelta io decido di orientare le mie forze di vita verso una persona e, al tempo stesso, mi rendo disponibile a ricevere i suoi doni. Scegliere è un fatto importante perché noi non abbiamo energie infinite e, dunque, orientandole verso una particolare persona, la dichiariamo preziosa, speciale, importante per noi. Scegliere può essere, in questo senso, molto faticoso, perché dedicarsi seriamente a qualcuno comporta la consapevolezza di avere meno energie per altro/altre cose… E in genere non ci piace chiudere delle possibilità. Ma una relazione con qualcuno diventa significativa quando accetto di ridurre le possibilità di altri legami per investirmi più seriamente in quella relazione.

È la fedeltà che definisce l’amore

C’è amore, c’è una relazione autentica e significativa quando c’è fedeltà. La fedeltà nel tempo non è, come talvolta si pensa, un obbligo stabilito dall’alto. La Parola di Dio e la Tradizione della Chiesa propongono di sperimentare nella fedeltà un cammino gustoso e importante. Una relazione è autentica se appare il desiderio di accompagnare e di essere accompagnati nel tempo, affrontando i cambiamenti che a volte ostacolano questo accompagnamento. A volte, affaticati dagli sforzi per andare incontro all’altro, possiamo borbottare frasi come: “Meglio soli che male accompagnati…”. Ma l’isolamento è davvero una brutta bestia ed è, a ragione, la nostra più temibile angoscia. Solo un accompagnamento fedele nel tempo produce un vero senso di appartenenza e dei legami profondi; solo la fedeltà ci rende possibile vivere nella gioia e nella pace.



Lo specifico della fede cristiana

Anche un non credente si può accorgere che una relazione significativa, un amore autentico porta a fare delle scelte a lungo termine e ad essere fedele. Qual è lo sguardo specifico della fede cristiana? Il discepolo di Gesù è colui che ascolta la Buona Notizia: Gesù ti ama e ha dato se stesso per te! Gesù per primo ti ha scelto e ti ama di un amore fedele. È discepolo di Gesù colui che, ascoltata la Buona Notizia, attirato da essa, sceglie di aprirsi ad essa, di lasciarla entrare il più possibile nel suo cuore. Il discepolo è anche colui che sperimenta che più si apre all’amore di Gesù e più questo amore trasforma le sue relazioni con gli altri. Egli ritrova in Gesù la sorgente di una nuova capacità di amore.

L’amore di Gesù è un amore che sceglie e che dunque accetta di consacrare, dedicare cuore, testa, corpo alla persona amata. È un amore fedele, che accompagna sempre, nella gioia come nel dolore. È un amore gratuito, che non ti ama per il tuo denaro, per i tuoi vestiti, per la tua simpatia, per le tue conoscenze. Ama te in quanto sei tu e basta. È un amore così particolare che nel Nuovo Testamento si usa per indicarlo allora il termine tutto particolare di agape, proprio per distinguerlo dagli altri modi di relazione che amore vero non sono.

“L’agape è paziente, è benigno l’agape; non è invidioso l’agape, non si vanta, non si gonfia, non manca di rispetto, non cerca il suo interesse, non si adira, non tiene conto del male

ricevuto, non gode dell’ingiustizia, ma si compiace della verità. Tutto copre, tutto crede, tutto spera, tutto sopporta” (1 Corinzi 13,4-7).

______________________________________






Per la riflessione

  • Oggi che linguaggio usano i giovani per descrivere le loro relazioni in famiglia, nella coppia, tra amici? Cosa indica questo linguaggio?

  • Cosa è per te una relazione significativa? Quando c’è amore vero? Ti sembrano importanti le dimensioni della scelta e della fedeltà?

  • In gruppo, dopo un po’ di tempo di riflessione silenziosa, racconta una relazione dove hai vissuto una evoluzione positiva e i frutti che essa ha portato. Può essere interessante farlo anche riferendosi ad una relazione che è peggiorata di qualità…

  • Come valuti il tuo rapporto con i tuoi genitori? Hai mai pensato che anche i genitori vanno in qualche modo ‘scelti’, nel senso che vanno accolti effettivamente come padre e madre? Sperimenti con loro il gusto di una relazione dove ti coinvolgi affettivamente?

  • E con fratelli e sorelle…? Pensi mai che il Signore promette e chiede che queste relazioni fondamentali siano significative, autentiche, relazioni di qualità?

  • La vita di preghiera ha un’influenza sulla qualità delle relazioni che vivi ?



BIBLIOGRAFIA

  • Bauman Zygmunt, Amore liquido. Sulla fragilità dei legami affettivi, Laterza

“La solitudine genera insicurezza, ma altrettanto fa la relazione sentimentale. In una relazione, puoi sentirti insicuro quanto saresti senza di essa, o anche peggio. Cambiano solo i nomi che dai alla tua ansia". Protagonisti di questo libro sono gli uomini e le donne nostri contemporanei, che anelano la sicurezza dell'aggregazione e una mano su cui poter contare nel momento del bisogno. Eppure sono gli stessi che hanno paura di restare impigliati in relazioni stabili e temono che un legame stretto comporti oneri che non vogliono né pensano di poter sopportare.

  • C. B. Christiansen, Che cos’è l’amore?, Mondadori

Bitte ha dodici anni e si chiede sempre più spesso: che cos’è l’amore? Sembra che nessuno voglia rispondere alla sua domanda, anzi, in casa i pensieri sono tutti per Kari, la sua adorata sorella maggiore che a soli quindici anni è rimasta incinta. Bitte inizia a sognare il suo futuro di zia, fatto di coccole e giochi con la nipotina, ma il futuro che Kari ha scelto per sua figlia è diverso, e sarà molto duro per Bitte riuscire a capire e ad accettare. Solo allora, improvvisamente, capirà che cos’è l’amore.

  • Fred Uhlman, L’amico ritrovato, Feltrinelli

È la storia della grande amicizia che unisce due adolescenti nella Germania del 1932, quando intolleranza e culto della razza ariana si stanno ormai diffondendo. Hans, figlio di un medico ebreo, ama la lettura, il teatro e vuole diventare poeta. Si sente diverso dai compagni di scuola che hanno altre ambizioni e con i quali non ha nulla da condividere. Ma l’arrivo in classe di Konradin, suscita l’entusiasmo di Hans. La vita di entrambi cambia: nasce un’amicizia pura e disinteressata, forte e sincera, ma che viene spezzata l’anno successivo dall’esilio forzato di Hans.

Pietro, figura-guida dell’anno 2007/08

Ma sulla tua parola getterò le reti…



Alcuni suggerimenti per valorizzare il momento di preghiera. Scegli un luogo in cui riesci a trovare la pace nel tuo cuore e che più ti aiuta a concentrarti

  1. Per un attimo fermati a pensare come Dio ti guarda amorevolmente

  2. Immagina il luogo in cui si svolge la scena che ti è stata presentata

  3. Chiedi al Signore ciò che vuoi e desideri

  4. Leggi il testo lentamente, punto per punto, sapendo che dietro ogni parola c’è il Signore che ti vuole parlare in questo luogo ed in questo momento. Poi puoi:

  1. Riflettere sul testo (magari a partire da alcuni interrogativi che ti sono stati posti presentandoti il brano)

  2. Guardare la scena, quello che avviene

  3. Ripetere una frase, una parola che gusti lentamente

Ogni 5/10 minuti puoi soffermarti sui pensieri e sentimenti che nascono dalla preghiera; puoi scriverli in una parola o in una frase. Oppure puoi fare questo al termine della preghiera.

Non avere fretta: non occorre che mediti su tutto, ciò che è importante è sostare lì dove trovi pace, consolazione, gioia profonda, lì dove riesci a “dare del tu a Dio”.

Puoi concludere conversando con il Signore, da amico ad amico, su ciò che hai vissuto in questo tempo.
La Parola di Dio. Per scoprire le parole dell’amore ci affidiamo all’esperienza di Simon-Pietro. Quante parole dette nella sua vita… Che significato dare a quelle espressioni? Quanto contenuto vitale avevano? Quali parole “nuove” ha ascoltato da quel Gesù di Nazareth?
Un giorno, mentre, levato in piedi, stava presso il lago di Genèsaret e la folla gli faceva ressa intorno per ascoltare la parola di Dio, vide due barche ormeggiate alla sponda. I pescatori erano scesi e lavavano le reti. Salì in una barca, che era di Simone, e lo pregò di scostarsi un poco da terra. Sedutosi, si mise ad ammaestrare le folle dalla barca. Quando ebbe finito di parlare, disse a Simone: "Prendi il largo e calate le reti per la pesca". Simone rispose: "Maestro, abbiamo faticato tutta la notte e non abbiamo preso nulla; ma sulla tua parola getterò le reti". E avendolo fatto, presero una quantità enorme di pesci e le reti si rompevano. Allora fecero cenno ai compagni dell’altra barca, che venissero ad aiutarli. Essi vennero e riempirono tutte e due le barche al punto che quasi affondavano. Al veder questo, Simon Pietro si gettò alle ginocchia di Gesù, dicendo: "Signore, allontanati da me che sono un peccatore". Grande stupore infatti aveva preso lui e tutti quelli che erano insieme con lui per la pesca che avevano fatto; così pure Giacomo e Giovanni, figli di Zebedèo, che erano soci di Simone. Gesù disse a Simone: "Non temere; d’ora in poi sarai pescatore di uomini". Tirate le barche a terra, lasciarono tutto e lo seguirono (Lc 5,2-10).
Anche quel giorno Simone stava rassettando le reti dopo una nottata senza aver pescato nulla… Immaginiamo le sue parole di sconforto, la sua delusione, la fatica vanificata dall’insuccesso…

Proprio quel giorno Gesù di Nazareth entra nella sua vita invitando Simone a calare di nuovo le reti! Un’altra volta? Simone tra sé avrà pensato: “Cosa vuole da me quest’uomo? Le sue sono solo parole. Le solite parole umane… È facile parlare: tanto Lui non ha nulla da perdere!”.

Ed invece, proprio attraverso quelle parole, quell’uomo, Gesù, gli ha voluto bene. E non unicamente provando per lui sentimenti di cordialità, fiducia, compassione…, ma giocando se stesso, i suoi progetti per e con Simone: davanti a tutti egli lo ha invitato a seguirlo.

Gesù gioca se stesso amando e cioè scegliendo Simone e rimanendo fedele a lui, a quello che era Simone e cioè, alla sua storia, alle sue caratteristiche, alle sue paure, alle sue speranze.

Per questa ragione Simone inizia a fidarsi di Lui.

Gesù gli chiede di restare con lui, di seguirlo perché lo ha scelto per qualcosa di importante. E quella proposta urla dentro Simone, non riesce a non pensarci, e forse non vuole non pensarci. Da quel momento non può più far finta di non averlo conosciuto. Quel Gesù che ha incontrato lo chiama, lo invita ad andare dietro di lui. Simone, debole com’è!! Criticone e sempre burbero con tutti! Come può seguirlo? Eppure la persona di Gesù lo affascina, perché le sue parole non sono pura retorica. Sono parole d’amore perché intrise di scelta e di fedeltà!!



Una grazia da chiedere

Gesù, donami occhi per riconoscere la tua scelta su di me e la tua fedeltà nella mia vita e insegnami a vivere con gli altri allo stesso modo.

Molti modi per parlare d’amore

Presentiamo alcuni testi tratti da opere di letteratura, di filosofia, di spiritualità, ma anche da racconti popolari, canzoni… che riguardano il tema trattato in questo numero. La proposta mira a rendere più completa l’esposizione dell’argomento e a suggerire spunti e agganci per la programmazione delle riunioni.

Nella prima poesia un autore americano del ‘900 si interroga su cosa sia in verità l’amore. Le canzoni, i versi, i testi che seguono costituiscono diversi tentativi -alcuni anche un po’ faceti- di offrire una risposta.

Dicono alcuni che amore è un bambino e alcuni che è un uccello, alcuni che manda avanti il mondo e alcuni che è un'assurdità.

E quando ho domandato al mio vicino, che aveva tutta l'aria di sapere, sua moglie si è seccata e ha detto che non era il caso, no. Assomiglia a una coppia di pigiami o al salame dove non c'è da bere? Per l'odore può ricordare i lama o avrà un profumo consolante? È pungente a toccarlo, come un pruno o è lieve come morbido piumino? È tagliente o ben liscio lungo gli orli?

La verità, vi prego, sull'amore.

I manuali di storia ce ne parlano in qualche noticina misteriosa, ma è un argomento assai comune a bordo delle navi da crociera; ho trovato che vi si accenna nelle cronache dei suicidi e l'ho visto persino scribacchiato sul retro degli orari ferroviari.

Ha il latrato di un alsaziano a dieta o il bum-bum di una banda militare? Si può farne una buona imitazione su una sega oppure su uno Steinway da concerto? Quando canta alle feste è un finimondo? Apprezzerà soltanto roba classica? Smetterà se si vuole un po' di pace?

La verità, vi prego, sull'amore.

Quando viene, verrà senza avvisare, proprio mentre sto frugando il naso? Busserà la mattina alla mia porta o là sul bus mi pesterà un piede? Accadrà come quando cambia il tempo? Sarà cortese o spiccio il suo saluto? Darà una svolta a tutta la mia vita?

La verità, vi prego, sull'amore

(Wystan Hugh Auden, La verità, vi prego, sull'amore)

When the moon hits your eye like a big pizza pie: that's amore. When the world seems to shine like you've had too much wine: that's amore. Bells will ring ting-a-ling-a-ling, ting-a-ling-a-ling.And you'll sing "Vita bella". Hearts will play tippy-tippy-tay, tippy-tippy-tay like a gay tarantella.

When the stars make you drool just like a pasta fazool: that's amore. When you dance down the street with a cloud at your feet: you're in love. When you walk down in a dream but you know you're not dreaming Signore. Scuzza me, but you see, back in old Napoli: that's amore.

Quando la luna colpisce il tuo occhio come una grande fetta di pizza: questo è amore. Quando il mondo sembra splendere come se avessi bevuto troppo vino: questo è amore. Le campane suoneranno, dlin dlon dlin dlon. E tu canterai: "Vita bella". I cuori batteranno un boom boom come una allegra tarantella. Quando le stelle ti fanno venir fame come la pasta e fagioli: questo è amore. Quando balli per la strada con una nuvola sotto i piedi: sei innamorato. Quando cammini in un sogno ma tu sai che non stai sognando il Signore. Scusami ma, vedi, dietro te c'è la vecchia Napoli: questo è amore!

(Dean Martin, That's Amore)

Se scorge un volto d’apparenza divina, o una qualche forma corporea che ben riproduca la bellezza, subito rabbrividisce e si sente mancare; poi, rimirando questa bellezza, la venera come divina e, se non temesse d’essere giudicato del tutto impazzito, sacrificherebbe al suo amore come all’immagine di un dio. Se l’amato è assente, l’anima innamorata soffre, ma appena lo rivede torna a respirare, si riposa delle trafitture e degli affanni, e di nuovo gode, almeno per il momento, questo soavissimo piacere. E non si staccherebbe mai dalla bellezza dell’amato, che apprezza più di ogni cosa, sino a dimenticarsi della madre, dei fratelli e di tutti gli amici; se il patrimonio va in rovina perché lo ha abbandonato, non gliene importa nulla, e, trascurando regole e convenienze, a cui prima teneva tanto, accetta volentieri ogni schiavitù. […] Questo patimento dell’anima […] è ciò che gli uomini chiamano amore.

(Platone, Fedro 251 e-252 b)

La costruzione di un amore spezza le vene delle mani, mescola il sangue col sudore e se ne rimane…

La costruzione di un amore non ripaga del dolore, è come un altare di sabbia in riva al mare.

La costruzione del mio amore mi piace guardarla salire come un grattacielo a cento piani o come un girasole.

Ed io ci metto l'esperienza come su un albero di natale, come un regalo ad una sposa, un qualcosa che sta lì e che non fa male.

Ad ogni piano c'è un sorriso per ogni inverno da passare, ad ogni piano un paradiso da consumare.

Dentro il mio corpo un po’ d'amore per quando non ci sarà tempo per fare l'amore, per quando farai un po’ tardi, la mia sola fotografia.

Ma intanto guardo questo amore che si fa più vicino al cielo, come se dietro l'orizzonte ci fosse ancora il cielo.

Son io, son qui e mi meraviglio, tanto da mordermi le braccia. Ma no, son proprio io,lo specchio della mia faccia. Son io che guardo questo amore, che si fa più vicino al cielo, come se dopo tanto amore bastasse ancora il cielo e tutto ciò mi meraviglia tanto che se finisse adesso lo so, mi chiederei che mi crollasse addosso.

E la fortuna di un amore come lo so che può cambiare. Dopo si dice: l'ho fatto per fare, ma era per non morire. Si dice: che bello tornare alla vita che mi era sembrata finita, che bello tornare a vedere. E quel che è peggio che è tutto vero

Perché la costruzione di un amore spezza le vene delle mani, mescola il sangue col sudore se te ne rimane.

La costruzione di un amore non ripaga del dolore, è come un altare di sabbia in riva al mare.

(Ivano Fossati, La costruzione di un amore)

Amarsi un po' è come bere. Più facile è respirare. Basta guardarsi e poi, avvicinarsi un po' e non lasciarsi mai impaurire, no, no.

Amarsi un po' è un po' fiorire. Aiuta sai a non morire. Senza nascondersi, manifestandosi, si può eludere la solitudine.

Però, però volersi bene no, partecipare è difficile quasi come volare. Ma quanti ostacoli e sofferenze e poi sconforti e lacrime per diventare noi. Uniti, indivisibili. Vicini, ma irraggiungibili.

(Lucio Battisti, Amarsi un po’)

Dammi il supremo coraggio dell'Amore, questa è la mia preghiera, coraggio di parlare, di agire, di soffrire, di lasciare tutte le cose, o di essere lasciato solo. Temperami con incarichi rischiosi, onorami con il dolore, e aiutami ad alzarmi ogni volta che cadrò. Dammi la suprema certezza nell'amore, e dell'amore, questa è la mia preghiera, la certezza che appartiene alla vita nella morte, alla vittoria nella sconfitta, alla potenza nascosta nella più fragile bellezza, a quella dignità nel dolore, che accetta l'offesa, ma disdegna di ripagarla con l'offesa. Dammi la forza di amare sempre e ad ogni costo.

(Kahlil Gibran, da Quando l'amore chiama, seguilo, Piemme Pocket)

Penetriamo in noi stessi, nel più intimo di noi stessi, per scoprire cos'è che arde, cos'è che ci riempie di gioia indescrivibile e ci allarga il cuore giovanile con ansie e ideali. In questa penetrazione noi incontriamo un primo strato, che è il mondo della nostra immaginazione, già più profondo del mondo delle sensazioni dei nostri sensi, ma tuttavia ancora volubile e superficiale. Se continuiamo la nostra penetrazione, toccheremo il mondo affettivo, più esuberante, più intimo, ma pure esso mutevole e che non esaurisce la realtà del nostro essere: sono miei affetti, ma non sono io stesso. Penetrando ancora di più, raggiungeremo il mondo delle idee, mondo intellettuale, profondo, personale e più stabile; ma anche qui non sono io, ma le mie idee. Ma se lo attraversiamo e ci approfondiamo ancora di più, ci incontreremo con qualcosa di fermo e stabile, che rimane con noi tutta la vita: l'Io personale, il supporto di tutto il resto, dove io mi incontro e io riconosco me stesso e dove mi sento responsabile di tutte le mie azioni passate.

È questa la grande scoperta. Quello che mi è più intimo di quanto non sia io a me stesso (intimior intimo meo), è l'Amore personificato infinito, di infinita energia, che ci dà vita e impulso.

(Pedro Arrupe sj, Il pellegrinaggio interiore,Discorso ai giovani, Roma 11 dicembre 1980).

È il rischio implicito in ogni grande amore quello di smarrirvi... starei per dire la polifonia dell’esistenza. Voglio dire che Dio e la sua eternità pretendono di essere amati dal profondo del cuore, senza però che l’amore terreno ne venga danneggiato o indebolito, qualche cosa come un canto fermo, piuttosto, in rapporto al quale le altre voci della vita formino il contrappunto; l’amore terreno è uno di questi terreni contrappuntistici, del tutto autonomi e tuttavia correlati al canto fermo. Non c’è forse nella Bibbia il Cantico dei Cantici? In verità non sapremmo immaginare un amore più caldo, più sensuale, più incandescente di quello che vi viene cantato (cfr.7,1-6!) ed è importante che si trovi nella Bibbia a smentire tutti coloro che vedono il cristianesimo nella moderazione delle passioni (ma dov’è mai questa moderazione nell’Antico Testamento?). Quando il canto fermo è limpido e distinto, il contrappunto può dispiegarsi in tutta la possibile energia.

(Dietrich Bonhoeffer Lettere dal carcere - 20 maggio 1944)

Chiamo amore quell’esperienza intensa, indimenticabile e inconfondibile che si può fare soltanto nell'incontro con un'altra persona. Non c'è quindi amore con una cosa astratta, con una virtù. Non c'è amore solitario. L'amore suppone sempre un altro e si attua in un incontro concreto. Per questo l'amore ha bisogno di appuntamenti, di scambi, di gesti, di parole, di doni che, se sono parziali, sono tuttavia simbolo del dono pieno di una persona ad un'altra. Amore è dunque incontrare un'altra persona scambiandosi dei doni, è esperienza in cui si dà qualcosa di sé e c'è più amore quanto più si dà qualcosa di sé. L'amore è un incontro in cui l'altro mi appare importante, in un certo senso più importante di me: così importante che, al limite, io vorrei che lui fosse anche con perdita di me. Uno scopre di essere innamorato quando si accorge che l'altro gli è divenuto, in qualche modo, più importante di se stesso. Per questo l'amore realizza qualcosa che potremmo chiamare un'estasi, un uscire da sé, dal proprio tornaconto: una sorta di estasi in cui io mi sento tanto più vero e tanto più autentico, tanto più genuinamente io quanto più mi dono, mi spendo e non mi appartengo più in esclusiva.



(Carlo Maria Martini, Amore: cos’è? dal Dizionario spirituale)

Dialogo: l’amore maturo sceglie




Note per i Responsabili. Attraverso il brano della vocazione di Matteo vogliamo dire come una relazione di amore vero comporti necessariamente una scelta. Questo è particolarmente visibile quando Gesù chiama le persone, ma tale dimensione è presente in qualche modo in tutte le relazioni che maturano e crescono.

La chiamata di Matteo sembra consumarsi in pochi secondi e così, attraverso personaggi immaginari, abbiamo cercato di ricostruire un contesto più ampio. Abbiamo fatto riferimento a pensieri e sentimenti che la Bibbia dice essere presenti nel cuore dell’uomo. In particolare abbiamo voluto dire che:



  • una relazione tende ad essere matura e significativa (tende cioè all’amore vero) nella misura in cui si sceglie di dare un’attenzione particolare a una determinata persona;

  • nell’amore vero, la scelta particolare di una persona non solo non esclude nessuno ma, al contrario, influenza positivamente il mio modo di stare con gli altri;

  • scegliere costa fatica, perché spendere più energie per qualcuno può significare rinunciare a possibilità alternative, sottrarre quelle stesse energie ad altre persone/attività/cose.

**********************************************


Dialogo tra Ioatam, Giosafat, Rebecca e Tamar. Brano di riferimento Lc 5,27-32
Giosasaf (G) = Salve amici! Ma che succede in casa di Matteo il pubblicano? Sono passato lì vicino e ho visto un sacco di gente che parlava e che banchettava (Lc 5,29)…
Rebecca (R) = (con tono un po’ schifato) Se avessi visto gli invitati non ti interesseresti più di tanto: sono per lo più i suoi colleghi, esattori delle tasse per conto dei romani… tutta gentaglia!
Tamar (T) = Matteo mi ha detto che ha organizzato questo banchetto in onore di Gesù…
Ioatam (I) = Furbo questo Gesù! Si sta introducendo nel mondo dei pubblicani. Certamente vuole farsi degli amici nel mondo del denaro.
T = Parli senza conoscerlo. Io non sono una discepola di Gesù ma ne so abbastanza per dirti che è una bella persona, un tipo che non è affatto interessato ai soldi. Gira di villaggio in villaggio, è un rabbi (maestro) itinerante, tutto dedicato all’annuncio della Buona Notizia e all’aiuto delle persone. Dorme e mangia come può … Fa una vita dura, altro che!
G = Anch’io l’ho conosciuto personalmente: non è un imbroglione. D’altronde Matteo non è nato ieri. Come pubblicano conosce gli intrighi e gli imbrogli del mondo del denaro e della politica … se si è fidato di Gesù, non lo avrà fatto a cuore leggero.
R = La gente dice che Gesù, dopo un miracolo (Lc 5,17-26), abbia incontrato Matteo per strada, al banco delle imposte, e gli abbia detto: “Seguimi!”. E Matteo ha lasciato tutto lì, si è alzato e lo ha seguito.
T =È vero, ma questo non è stato il loro unico incontro. Matteo aveva già incontrato Gesù diverse volte, lo aveva ascoltato mentre insegnava, gli aveva fatto delle domande, aveva avuto modo di osservarlo nelle sue relazioni con altre persone…
G = Già! Matteo era molto attirato dalla figura di Gesù e so che aveva dedicato notevoli energie per conoscerlo meglio: si era informato, aveva chiesto in giro…
I = Ecco perché in questi ultimi tempi era meno disponibile ai nostri soliti passatempi: incontri tra amici, gite… diceva che aveva da fare. Forse era proprio questa ricerca su Gesù che gli prendeva del tempo.
T = Sì, Matteo ultimamente è stato sempre più preso dal desiderio di conoscere Gesù e dal desiderio di essere suo discepolo. D’altra parte Gesù ha una capacità straordinaria di stare con le persone, di ascoltarle, di intuire i loro problemi… Segue le persone con un’attenzione speciale per ciascuna (Gv 10,3)… Davanti a lui ci si sente scelti, voluti, amati.
I = Quindi Gesù ha chiesto a Matteo di seguirlo dopo essersi dedicato a lui per un certo tempo?
G = Proprio così. Gesù si era accorto dell’interesse di Matteo, delle sue domande e dei suoi dubbi. Più volte si erano ritrovati a parlare a lungo. Matteo era molto colpito da come Gesù gli avesse dedicato dell’attenzione, da come lo avesse scelto … Oggigiorno non è facile trovare uno che ti ascolta.
R = (tono un po’ ironico…) Come parlate bene di questo Gesù… Voi stessi ne sembrate affascinati. Non diventerete suoi discepoli anche voi, spero!
G = Tu scherzi, ma in effetti mi sto ponendo tante domande. Mai nessuno ha parlato come lui e non ho mai incontrato nessuno prima che abbia dimostrato un simile interesse per le persone e per i loro problemi.
I = E allora? Perché non diventi suo discepolo?
T = Non è facile… Ho paura di dedicarmi più seriamente a Gesù. Mi rendo conto che se lo scelgo come amico, come avviene in tutte le amicizie vere, egli finirà per occupare parte del mio tempo, cambierà alcune le mie abitudini…. Mi sento combattuta.
G = Ragazzi, vi saluto. Questi discorsi mi fanno rendere conto che io desidero proprio conoscere meglio questo Gesù. Vado al banchetto da Matteo… tu che fai Tamar? Vieni con me?
T = Non lo so ci devo pensare… Voglio prima parlarne con Susanna, che è una buona amica e mi conosce, poi deciderò…
PROPOSTE DI ATTIVITÁ PER I BAMBINI EMMAUS (8-10 anni)

Raccomandiamo ai Responsabili di leggere con particolare attenzione l’editoriale di questo numero per prepararsi alla riunione.





Condividi con i tuoi amici:
  1   2   3


©astratto.info 2019
invia messaggio

    Pagina principale