Primo Levi. Se questo e' un uomo. Giulio Einaudi editore, Torino 1958. Indice. Prefazione. IL viaggio. Sul fondo. Iniziazione. Ka-Be. Le nostre notti. IL lavoro. Una buona giornata



Scaricare 328.87 Kb.
09.12.2017
Dimensione del file328.87 Kb.

Primo Levi. SE QUESTO E' UN UOMO. Giulio Einaudi editore, Torino 1958. INDICE. Prefazione. - Il viaggio. - Sul fondo. - Iniziazione. - Ka-Be. - Le nostre notti. - Il lavoro. - Una buona giornata. - Al di qua del bene e del male. - I sommersi e i salvati. - Esame di chimica. - Il canto di Ulisse. - I fatti dell'estate. - Ottobre 1944. - Kraus. - Die drei Leute vom Labor. - L'ultimo. - Storia di dieci giorni. Per mia fortuna, sono stato deportato ad Auschwitz solo nel 1944, e cio� dopo che il governo tedesco, causa la crescente scarsit� di manodopera, aveva stabilito di allungare la vita media dei prigionieri da eliminarsi, concedendo sensibili miglioramenti nel tenor di vita e sospendendo temporaneamente le uccisioni ad arbitrio dei singoli. Perci� questo mio libro, in fatto di particolari atroci, non aggiunge nulla a quanto � ormai noto ai lettori di tutto il mondo sull'inquietante argomento dei campi di distruzione. Esso non � stato scritto allo scopo di formulare nuovi capi di accusa; potr� piuttosto fornire documenti per uno studio pacato di alcuni aspetti dell'animo umano. A molti, individui o popoli, pu� accadere di ritenere, pi� o meno consapevolmente, che �ogni straniero � nemico�. Per lo pi� questa convinzione giace in fondo agli animi come una infezione latente; si manifesta solo in atti saltuari e incoordinati, e non sta all'origine di un sistema di pensiero. Ma quando questo avviene, quando il dogma inespresso diventa premessa maggiore di un sillogismo, allora, al termine della catena, sta il Lager. Esso � il prodotto di una concezione del mondo portata alle sue conseguenze con rigorosa coerenza: finch� la concezione sussiste, le conseguenze ci minacciano. La storia dei campi di distruzione dovrebbe venire intesa da tutti come un sinistro segnale di pericolo. Mi rendo conto e chiedo venia dei difetti strutturali del libro. Se non di fatto, come intenzione e come concezione esso � nato gi� fin dai giorni di Lager. Il bisogno di raccontare agli �altri�, di fare gli �altri� partecipi, aveva assunto fra noi, prima della liberazione e dopo, il carattere di un impulso immediato e violento, tanto da rivaleggiare con gli altri bisogni elementari; il libro � stato scritto per soddisfare a questo bisogno, in primo luogo quindi a scopo di liberazione interiore. Di qui il suo carattere frammentario: i capitoli sono stati scritti non in successione logica, ma per ordine di urgenza. Il lavoro di raccordo e di fusione � stato svolto su piano, ed � posteriore. Mi pare superfluo aggiungere che nessuno dei fatti � inventato. PRIMO LEVI. "Voi che vivete sicuri Nelle vostre tiepide case, Voi che trovate tornando a sera Il cibo caldo e visi amici: Considerate se questo � un uomo Che lavora nel fango Che non conosce pace Che lotta per mezzo pane Che muore per un s� o per un no. Considerate se questa � una donna, Senza capelli e senza nome Senza pi� forza di ricordare Vuoti gli occhi e freddo il grembo Come una rana d'inverno. Meditate che questo � stato: Vi comando queste parole. Scolpitele nel vostro cuore Stando in casa andando per via, Coricandovi alzandovi; Ripetetele ai vostri figli. O vi si sfaccia la casa, La malattia vi impedisca, I vostri nati torcano il viso da voi." Il viaggio. Ero stato catturato dalla Milizia fascista il 13 dicembre 1943. Avevo ventiquattro anni, poco senno, nessuna esperienza, e una decisa propensione, favorita dal regime di segregazione a cui da quattro anni le leggi razziali mi avevano ridotto, a vivere in un mio mondo scarsamente reale, popolato da civili fantasmi cartesiani, da sincere amicizie maschili e da amicizie femminili esangui. Coltivavo un moderato e astratto senso di ribellione. Non mi era stato facile scegliere la via della montagna, e contribuire a mettere in piedi quanto, nella opinione mia e di altri amici di me poco pi� esperti, avrebbe dovuto diventare una banda partigiana affiliata a �Giustizia e Libert��. Mancavano i contatti, le armi, i quattrini e l'esperienza per procurarseli; mancavano gli uomini capaci, ed eravamo invece sommersi da un diluvio di gente squalificata, in buona e in mala fede, che arrivava lass� dalla pianura in cerca di una organizzazione inesistente, di quadri, di armi, o anche solo di protezione, di un nascondiglio, di un fuoco, di un paio di scarpe. A quel tempo, non mi era stata ancora insegnata la dottrina che dovevo pi� tardi rapidamente imparare in Lager, e secondo la quale primo ufficio dell'uomo � perseguire i propri scopi con mezzi idonei, e chi sbaglia paga; per cui non posso che considerare conforme a giustizia il successivo svolgersi dei fatti. Tre centurie della Milizia, partite in piena notte per sorprendere un'altra banda, di noi ben pi� potente e pericolosa, annidata nella valle contigua, irruppero in una spettrale alba di neve nel nostro rifugio, e mi condussero a valle come persona sospetta. Negli interrogatori che seguirono, preferii dichiarare la mia condizione di �cittadino italiano di razza ebraica�, poich� ritenevo che non sarei riuscito a giustificare altrimenti la mia presenza in quei luoghi troppo appartati anche per uno �sfollato�, e stimavo (a torto, come si vide poi) che l'ammettere la mia attivit� politica avrebbe comportato torture e morte certa. Come ebreo, venni inviato a Fossoli, presso Modena, dove un vasto campo di internamento, gi� destinato ai prigionieri di guerra inglesi e americani andava raccogliendo gli appartenenti alle numerose categorie di persone non gradite al neonato governo fascista repubblicano. Al momento del mio arrivo, e cio� alla fine del gennaio 1944, gli ebrei italiani nel campo erano centocinquanta circa, ma entro poche settimane il loro numero giunse a oltre seicento. Si trattava per lo pi� di intere famiglie, catturate dai fascisti o dai nazisti per loro imprudenza, o in seguito a delazione. Alcuni pochi si erano consegnati spontaneamente, o perch� ridotti alla disperazione dalla vita randagia, o perch� privi di mezzi, o per non separarsi da un congiunto catturato, o anche, assurdamente, per �mettersi in ordine con la legge�. V'erano inoltre un centinaio di militari iugoslavi internati, e alcuni altri stranieri considerati politicamente sospetti. L'arrivo di un piccolo reparto di S.S. tedesche avrebbe dovuto far dubitare anche gli ottimisti; si riusc� tuttavia a interpretare variamente questa novit�, senza trarne la pi� ovvia delle conseguenze, in modo che, nonostante tutto, l'annuncio della deportazione trov� gli animi impreparati. Il giorno 20 febbraio i tedeschi avevano ispezionato il campo con cura, avevano fatte pubbliche e vivaci rimostranze al commissario italiano per la difettosa organizzazione del servizio di cucina e per lo scarso quantitativo della legna distribuita per il riscaldamento; avevano perfino detto che presto un'infermeria avrebbe dovuto entrare in efficienza. Ma il mattino del 21 si seppe che l'indomani gli ebrei sarebbero partiti. Tutti: nessuna eccezione. Anche i bambini, anche i vecchi, anche i malati. Per dove, non si sapeva. Prepararsi per quindici giorni di viaggio. Per ognuno che fosse mancato all'appello, dieci sarebbero stati fucilati. Soltanto una minoranza di ingenui e di illusi si ostin� nella speranza: noi avevamo parlato a lungo coi profughi polacchi e croati, e sapevamo che cosa voleva dire partire. Nei riguardi dei condannati a morte, la tradizione prescrive un austero cerimoniale, atto a mettere in evidenza come ogni passione e ogni collera siano ormai spente, e come l'atto di giustizia non rappresenti che un triste dovere verso la societ�, tale da potere accompagnarsi a piet� verso la vittima da parte dello stesso giustiziere. Si evita perci� al condannato ogni cura estranea, gli si concede la solitudine, e, ove lo desideri, ogni conforto spirituale, si procura insomma che egli non senta intorno a s� l'odio o l'arbitrio, ma la necessit� e la giustizia, e, insieme con la punizione, il perdono. Ma a noi questo non fu concesso, perch� eravamo troppi, e il tempo era poco, e poi, finalmente, di che cosa avremmo dovuto pentirci, e di che cosa venir perdonati? Il commissario italiano dispose dunque che tutti i servizi continuassero a funzionare fino all'annunzio definitivo; la cucina rimase perci� in efficienza, le corv�es di pulizia lavorarono come di consueto, e perfino i maestri e i professori della piccola scuola tennero lezione a sera, come ogni giorno. Ma ai bambini quella sera non fu assegnato compito. E venne la notte, e fu una notte tale, che si conobbe che occhi umani non avrebbero dovuto assistervi e sopravvivere. Tutti sentirono questo: nessuno dei guardiani, n� italiani n� tedeschi, ebbe animo di venire a vedere che cosa fanno gli uomini quando sanno di dover morire. Ognuno si conged� dalla vita nel modo che pi� gli si addiceva. Alcuni pregarono, altri bevvero oltre misura, altri si inebriarono di nefanda ultima passione. Ma le madri vegliarono a preparare con dolce cura il cibo per il viaggio, e lavarono i bambini, e fecero i bagagli, e all'alba i fili spinati erano pieni di biancheria infantile stesa al vento ad asciugare; e non dimenticarono le fasce, e i giocattoli, e i cuscini, e le cento piccole cose che esse ben sanno, e di cui i bambini hanno in ogni caso bisogno. Non fareste anche voi altrettanto? Se dovessero uccidervi domani col vostro bambino, voi non gli dareste oggi da mangiare? Nella baracca 6 A abitava il vecchio Gattegno, con la moglie e i molti figli e i nipoti e i generi e le nuore operose. Tutti gli uomini erano falegnami; venivano da Tripoli, attraverso molti e lunghi viaggi, e sempre avevano portati con s� gli strumenti del mestiere, e la batteria di cucina, e le fisarmoniche e il violino per suonare e ballare dopo la giornata di lavoro, perch� erano gente lieta e pia. Le loro donne furono le prime fra tutte a sbrigare i preparativi per il viaggio, silenziose e rapide, affinch� avanzasse tempo per il lutto; e quando tutto fu pronto, le focacce cotte, i fagotti legati, allora si scalzarono, si sciolsero i capelli, e disposero al suolo le candele funebri, e le accesero secondo il costume dei padri, e sedettero a terra a cerchio per la lamentazione, e tutta notte pregarono e piansero. Noi sostammo numerosi davanti alla loro porta, e ci discese nell'anima, nuovo per noi, il dolore antico del popolo che non ha terra, il dolore senza speranza dell'esodo ogni secolo rinnovato. L'alba ci colse come un tradimento; come se il nuovo sole si associasse agli uomini nella deliberazione di distruggerci. I diversi sentimenti che si agitavano in noi, di consapevole accettazione, di ribellione senza sbocchi, di religioso abbandono, di paura, di disperazione, confluivano ormai, dopo la notte insonne, in una collettiva incontrollata follia. Il tempo di meditare, il tempo di stabilire erano conchiusi, e ogni moto di ragione si sciolse nel tumulto senza vincoli, su cui, dolorosi come colpi di spada, emergevano in un lampo, cos� vicini ancora nel tempo e nello spazio, i ricordi buoni delle nostre case. Molte cose furono allora fra noi dette e fatte; ma di queste � bene che non resti memoria. Con la assurda precisione a cui avremmo pi� tardi dovuto abituarci, i tedeschi fecero l'appello. Alla fine,- Wieviel St�ck? - domand� il maresciallo; e il caporale salut� di scatto, e rispose che i �pezzi� erano seicentocinquanta, e che tutto era in ordine; allora ci caricarono sui torpedoni e ci portarono alla stazione di Carpi. Qui ci attendeva il treno e la scorta per il viaggio. Qui ricevemmo i primi colpi: e la cosa fu cos� nuova e insensata che non provammo dolore, nel corpo n� nell'anima. Soltanto uno stupore profondo: come si pu� percuotere un uomo senza collera? I vagoni erano dodici, e noi seicentocinquanta; nel mio vagone eravamo quarantacinque soltanto, ma era un vagone piccolo. Ecco dunque, sotto i nostri occhi, sotto i nostri piedi, una delle famose tradotte tedesche, quelle che non ritornano, quelle di cui, fremendo e sempre un poco increduli, avevamo cos� spesso sentito narrare. Proprio cos�, punto per punto: vagoni merci, chiusi dall'esterno, e dentro uomini donne bambini, compressi senza piet�, come merce di dozzina, in viaggio verso il nulla, in viaggio all'ingi�, verso il fondo. Questa volta dentro siamo noi. Tutti scoprono, pi� o meno presto nella loro vita che la felicit� perfetta non � realizzabile, ma pochi si soffermano invece sulla considerazione opposta: che tale � anche una infelicit� perfetta. I momenti che si oppongono alla realizzazione di entrambi i due stati-limite sono della stessa natura: conseguono dalla nostra condizione umana, che � nemica di ogni infinito. Vi si oppone la nostra sempre insufficiente conoscenza del futuro; e questo si chiama, in un caso, speranza e nell'altro, incertezza del domani. Vi si oppone la sicurezza della morte, che impone un limite a ogni gioia, ma anche a ogni dolore. Vi si oppongono le inevitabili cure materiali, che, come inquinano ogni felicita duratura, cos� distolgono assiduamente la nostra attenzione dalla sventura che ci sovrasta, e ne rendono frammentaria, e perci� sostenibile, la consapevolezza. Sono stati proprio i disagi, le percosse, il freddo, la sete, che ci hanno tenuti a galla sul vuoto di una disperazione senza fondo, durante il viaggio e dopo. Non gi� la volont� di vivere, n� una cosciente rassegnazione: ch� pochi sono gli uomini capaci di questo, e noi non eravamo che un comune campione di umanit�. Gli sportelli erano stati chiusi subito, ma il treno non si mosse che a sera. Avevamo appreso con sollievo la nostra destinazione. Auschwitz: un nome privo di significato, allora e per noi; ma doveva pur corrispondere a un luogo di questa terra. Il treno viaggiava lentamente, con lunghe soste snervanti. Dalla feritoia, vedemmo sfilare le alte rupi pallide della val d'Adige, gli ultimi nomi di citt� italiane. Passammo il Brennero alle dodici del secondo giorno, e tutti si alzarono in piedi, ma nessuno disse parola. Mi stava nel cuore il pensiero del ritorno, e crudelmente mi rappresentavo quale avrebbe potuto essere la inumana gioia di quell'altro passaggio, a portiere aperte, ch� nessuno avrebbe desiderato fuggire, e i primi nomi italiani... e mi guardai intorno, e pensai quanti, fra quella povera polvere umana, sarebbero stati toccati dal destino. Fra le quarantacinque persone del mio vagone, quattro soltanto hanno rivisto le loro case; e fu di gran lunga il vagone pi� fortunato. Soffrivamo per la sete e il freddo: a tutte le fermate chiedevamo acqua a gran voce, o almeno un pugno di neve, ma raramente fummo uditi; i soldati della scorta allontanavano chi tentava di avvicinarsi al convoglio. Due giovani madri, coi figli ancora al seno, gemevano notte e giorno implorando acqua. Meno tormentose erano per tutti la fame, la fatica e l'insonnia, rese meno penose dalla tensione dei nervi: ma le notti erano incubi senza fine. Pochi sono gli uomini che sanno andare a morte con dignit�, e spesso non quelli che ti aspetteresti. Pochi sanno tacere, e rispettare il silenzio altrui. Il nostro sonno inquieto era interrotto sovente da liti rumorose e futili, da imprecazioni, da calci e pugni vibrati alla cieca come difesa contro qualche contatto molesto e inevitabile. Allora qualcuno accendeva la lugubre fiammella di una candela, e rivelava, prono sul pavimento, un brulichio fosco, una materia umana confusa e continua, torpida e dolorosa, sollevata qua e l� da convulsioni improvvise subito spente dalla stanchezza. Dalla feritoia, nomi noti e ignoti di citt� austriache, Salisburgo, Vienna; poi c�che, infine polacche. Alla sera del quarto giorno, il freddo si fece intenso: il treno percorreva interminabili pinete nere, salendo in modo percettibile. La neve era alta. Doveva essere una linea secondaria, le stazioni erano piccole e quasi deserte. Nessuno tentava pi�, durante le soste, di comunicare col mondo esterno: ci sentivamo ormai �dall'altra parte�. Vi fu una lunga sosta in aperta campagna, poi la marcia riprese con estrema lentezza, e il convoglio si arrest� definitivamente, a notte alta, in mezzo a una pianura buia e silenziosa. Si vedevano, da entrambi i lati del binario, file di lumi bianchi e rossi, a perdita d'occhio; ma nulla di quel rumorio confuso che denunzia di lontano i luoghi abitati. Alla luce misera dell'ultima candela, spento il ritmo delle rotaie, spento ogni suono umano, attendemmo che qualcosa avvenisse. Accanto a me, serrata come me fra corpo e corpo, era stata per tutto il viaggio una donna. Ci conoscevamo da molti anni, e la sventura ci aveva colti insieme, ma poco sapevamo l'uno dell'altra. Ci dicemmo allora, nell'ora della decisione, cose che non si dicono fra i vivi. Ci salutammo, e fu breve; ciascuno salut� nell'altro la vita. Non avevamo pi� paura. Venne a un tratto lo scioglimento. La portiera fu aperta con fragore, il buio echeggi� di ordini stranieri, e di quei barbarici latrati dei tedeschi quando comandano, che sembrano dar vento a una rabbia vecchia di secoli. Ci apparve una vasta banchina illuminata da riflettori. Poco oltre, una fila di autocarri. Poi tutto tacque di nuovo. Qualcuno tradusse: bisognava scendere coi bagagli, e depositare questi lungo il treno. In un momento la banchina fu brulicante di ombre ma avevamo paura di rompere quel silenzio, tutti si affaccendavano intorno ai bagagli, si cercavano, si chiamavano l'un l'altro, ma timidamente, a mezza voce. Una decina di S.S. stavano in disparte, l'aria indifferente, piantati a gambe larghe. A un certo momento, penetrarono fra di noi, e, con voce sommessa, con visi di pietra, presero a interrogarci rapidamente, uno per uno, in cattivo italiano. Non interrogavano tutti, solo qualcuno. �Quanti anni? Sano o malato?� e in base alla risposta ci indicavano due diverse direzioni. Tutto era silenzioso come in un acquario, e come in certe scene di sogni. Ci saremmo attesi qualcosa di pi� apocalittico: sembravano semplici agenti d'ordine. Era sconcertante e disarmante. Qualcuno os� chiedere dei bagagli: risposero �bagagli dopo�; qualche altro non voleva lasciare la moglie: dissero �dopo di nuovo insieme�; molte madri non volevano separarsi dai figli: dissero �bene bene, stare con figlio�. Sempre con la pacata sicurezza di chi non fa che il suo ufficio di ogni giorno; ma Renzo indugi� un istante di troppo a salutare Francesca, che era la sua fidanzata, e allora con un solo colpo in pieno viso lo stesero a terra; era il loro ufficio di ogni giorno. In meno di dieci minuti tutti noi uomini validi fummo radunati in un gruppo. Quello che accadde degli altri, delle donne, dei bambini, dei vecchi, noi non potemmo stabilire allora n� dopo: la notte li inghiott�, puramente e semplicemente. Oggi per� sappiamo che in quella scelta rapida e sommaria, di ognuno di noi era stato giudicato se potesse o no lavorare utilmente per il Reich; sappiamo che nei campi rispettivamente di Buna-Monowitz e Birkenau, non entrarono, del nostro convoglio, che novantasei uomini e ventinove donne, e che di tutti gli altri, in numero di pi� di cinquecento, non uno era vivo due giorni pi� tardi. Sappiamo anche, che non sempre questo pur tenue principio di discriminazione in abili e inabili fu seguito, e che successivamente fu adottato spesso il sistema pi� semplice di aprire entrambe le portiere dei vagoni, senza avvertimenti n� istruzioni ai nuovi arrivati. Entravano in campo quelli che il caso faceva scendere da un lato del convoglio; andavano in gas gli altri. Cos� mor� Emilia, che aveva tre anni; poich� ai tedeschi appariva palese la necessit� storica di mettere a morte i bambini degli ebrei. Emilia, figlia dell'ingegner Aldo Levi di Milano, che era una bambina curiosa, ambiziosa, allegra e intelligente; alla quale, durante il viaggio nel vagone gremito, il padre e la madre erano riusciti a fare il bagno in un mastello di zinco, in acqua tiepida che il degenere macchinista tedesco aveva acconsentito a spillare dalla locomotiva che ci trascinava tutti alla morte. Scomparvero cos�, in un istante, a tradimento, le nostre donne, i nostri genitori, i nostri figli. Quasi nessuno ebbe modo di salutarli. Li vedemmo un po' di tempo come una massa oscura all'altra estremit� della banchina, poi non vedemmo pi� nulla. Emersero invece nella luce dei fanali due drappelli di strani individui. Camminavano inquadrati, per tre, con un curioso passo impacciato, il capo spenzolato in avanti e le braccia rigide. In capo avevano un buffo berrettino, ed erano vestiti di una lunga palandrana a righe, che anche di notte e di lontano si indovinava sudicia e stracciata. Descrissero un ampio cerchio attorno a noi, in modo da non avvicinarci, e, in silenzio, si diedero ad armeggiare coi nostri bagagli, e a salire e scendere dai vagoni vuoti. Noi ci guardavamo senza parola. Tutto era incomprensibile e folle, ma una cosa avevamo capito. Questa era la metamorfosi che ci attendeva. Domani anche noi saremmo diventati cos�. Senza sapere come, mi trovai caricato su di un autocarro con una trentina di altri; l'autocarro part� nella notte a tutta velocit�; era coperto e non si poteva vedere fuori, ma dalle scosse si capiva che la strada aveva molte curve e cunette. Eravamo senza scorta? ...buttarsi gi�? Troppo tardi, troppo tardi, andiamo tutti �gi��. D'altronde, ci siamo presto accorti che non siamo senza scorta: � una strana scorta. E' un soldato tedesco, irto d'armi: non lo vediamo perch� � buio fitto, ma ne sentiamo il contatto duro ogni volta che uno scossone del veicolo ci getta tutti in mucchio a destra o a sinistra. Accende una pila tascabile, e invece di gridare �Guai a voi, anime prave� ci domanda cortesemente ad uno ad uno, in tedesco e in lingua franca, se abbiamo danaro od orologi da cedergli: tanto dopo non ci servono pi�. Non � un comando, non � regolamento questo: si vede bene che � una piccola iniziativa privata del nostro caronte. La cosa suscita in noi collera e riso e uno strano sollievo. Sul fondo. Il viaggio non dur� che una ventina di minuti. Poi l'autocarro si � fermato, e si � vista una grande porta, e sopra una scritta vivamente illuminata (il suo ricordo ancora mi percuote nei sogni): ARBEIT MACHT FREI, il lavoro rende liberi. Siamo scesi, ci hanno fatti entrare in una camera vasta e nuda, debolmente riscaldata. Che sete abbiamo! Il debole fruscio dell'acqua nei radiatori ci rende feroci: sono quattro giorni che non beviamo. Eppure c'� un rubinetto: sopra un cartello, che dice che � proibito bere perch� l'acqua � inquinata. Sciocchezze, a me pare ovvio che il cartello � una beffa, �essi� sanno che noi moriamo di sete, e ci mettono in una camera, e c'� un rubinetto, e Wassertrinken verboten. Io bevo, e incito i compagni a farlo; ma devo sputare, l'acqua � tiepida e dolciastra, ha odore di palude. Questo � l'inferno. Oggi, ai nostri giorni, l'inferno deve essere cos�, una camera grande e vuota, e noi stanchi stare in piedi, e c'� un rubinetto che gocciola e l'acqua non si pu� bere, e noi aspettiamo qualcosa di certamente terribile e non succede niente e continua a non succedere niente. Come pensare? Non si pu� pi� pensare, � come essere gi� morti. Qualcuno si siede per terra. Il tempo passa goccia a goccia. Non siamo morti; la porta si � aperta ed � entrata una S.S., sta fumando. Ci guarda senza fretta, chiede: - Wer kann Deutsch? - Si fa avanti uno fra noi che non ho mai visto, si chiama Flesch; sar� lui il nostro interprete. La S.S. fa un lungo discorso pacato: l'interprete traduce. Bisogna mettersi in fila per cinque, a intervalli di due metri fra uomo e uomo; poi bisogna spogliarsi e fare un fagotto degli abiti in un certo modo, gli indumenti di lana da una parte e tutto il resto dall'altra, togliersi le scarpe ma far molta attenzione di non farcele rubare. Rubare da chi? perch� ci dovrebbero rubare le scarpe? e i nostri documenti, il poco che abbiamo in tasca, gli orologi? Tutti guardiamo l'interprete, e l'interprete interrog� il tedesco, e il tedesco fumava e lo guard� da parte a parte come se fosse stato trasparente, come se nessuno avesse parlato. Non avevo mai visto uomini anziani nudi. Il signor Bergmann portava il cinto erniario, e chiese all'interprete se doveva posarlo, e l'interprete esit�. Ma il tedesco comprese, e parl� seriamente all'interprete indicando qualcuno; abbiamo visto l'interprete trangugiare, e poi ha detto: - Il maresciallo dice di deporre il cinto, e che le sar� dato quello del signor Coen -. Si vedevano le parole uscire amare dalla bocca di Flesch, quello era il modo di ridere del tedesco. Poi viene un altro tedesco, e dice di mettere le scarpe in un certo angolo, e noi le mettiamo, perch� ormai � finito e ci sentiamo fuori del mondo e l'unica cosa � obbedire. Viene uno con la scopa e scopa via tutte le scarpe, via fuori dalla porta in un mucchio. E' matto, le mescola tutte, novantasei paia, poi saranno spaiate. La porta d� all'esterno, entra un vento gelido e noi siamo nudi e ci copriamo il ventre con le braccia. Il vento sbatte e richiude la porta; il tedesco la riapre, e sta a vedere con aria assorta come ci contorciamo per ripararci dal vento uno dietro l'altro; poi se ne va e la richiude. Adesso � il secondo atto. Entrano con violenza quattro con rasoi, pennelli e tosatrici, hanno pantaloni e giacche a righe, un numero cucito sul petto; forse sono della specie di quegli altri di stasera (stasera o ieri sera?); ma questi sono robusti e floridi. Noi facciamo molte domande, loro invece ci agguantano e in un momento ci troviamo rasi e tosati. Che facce goffe abbiamo senza capelli! I quattro parlano una lingua che non sembra di questo mondo, certo non � tedesco, io un poco il tedesco lo capisco. Finalmente si apre un'altra porta: eccoci tutti chiusi, nudi tosati e in piedi, coi piedi nell'acqua, � una sala di docce. Siamo soli, a poco a poco lo stupore si scioglie e parliamo, e tutti domandano e nessuno risponde. Se siamo nudi in una sala di docce, vuol dire che faremo la doccia. Se faremo la doccia, � perch� non ci ammazzano ancora. E allora perch� ci fanno stare in piedi, e non ci danno da bere, e nessuno ci spiega niente, e non abbiamo n� scarpe n� vestiti ma siamo tutti nudi coi piedi nell'acqua, e fa freddo ed � cinque giorni che viaggiamo e non possiamo neppure sederci. E le nostre donne ? L'ingegner Levi mi chiede se penso che anche le nostre donne siano cos� come noi in questo momento, e dove sono, e se le potremo rivedere. Io rispondo che s�, perch� lui � sposato e ha una bambina; certo le rivedremo. Ma ormai la mia idea � che tutto questo � una grande macchina per ridere di noi e vilipenderci, e poi � chiaro che ci uccidono, chi crede di vivere � pazzo, vuol dire che ci � cascato, io no, io ho capito che presto sar� finita, forse in questa stessa camera, quando si saranno annoiati di vederci nudi, ballare da un piede all'altro e provare ogni tanto a sederci sul pavimento, ma ci sono tre dita d'acqua fredda e non ci possiamo sedere. Andiamo in su e in gi� senza costrutto, e parliamo, ciascuno parla con tutti gli altri, questo fa molto chiasso. Si apre la porta, entra un tedesco, � il maresciallo di prima; parla breve, l'interprete traduce. - Il maresciallo dice che dovete fare silenzio, perch� questa non � una scuola rabbinica -. Si vedono le parole non sue, le parole cattive, torcergli la bocca uscendo, come se sputasse un boccone disgustoso. Lo preghiamo di chiedergli che cosa aspettiamo, quanto tempo ancora staremo qui, delle nostre donne, tutto: ma lui dice di no, che non vuol chiedere. Questo Flesch, che si adatta molto a malincuore a tradurre in italiano frasi tedesche piene di gelo, e rifiuta di volgere in tedesco le nostre domande perch� sa che � inutile, � un ebreo tedesco sulla cinquantina, che porta in viso la grossa cicatrice di una ferita riportata combattendo contro gli italiani sul Piave. E' un uomo chiuso e taciturno, per il quale provo un istintivo rispetto perch� sento che ha cominciato a soffrire prima di noi. Il tedesco se ne va, e noi adesso stiamo zitti, quantunque ci vergogniamo un poco di stare zitti. Era ancora notte, ci chiedevamo se mai sarebbe venuto il giorno. Di nuovo si apr� la porta, ed entr� uno vestito a righe. Era diverso dagli altri, pi� anziano, cogli occhiali, un viso pi� civile, ed era molto meno robusto. Ci parla, e parla italiano. Oramai siamo stanchi di stupirci. Ci pare di assistere a qualche dramma pazzo, di quei drammi in cui vengono sulla scena le streghe, lo Spirito Santo e il demonio. Parla italiano malamente, con un forte accento straniero. Ha fatto un lungo discorso, � molto cortese, cerca di rispondere a tutte le nostre domande. Noi siamo a Monowitz, vicino ad Auschwitz, in Alta Slesia: una regione abitata promiscuamente da tedeschi e polacchi. Questo campo � un campo di lavoro, in tedesco si dice Arbeitslager; tutti i prigionieri (sono circa diecimila) lavorano ad una fabbrica di gomma che si chiama la Buna, perci� il campo stesso si chiama Buna. Riceveremo scarpe e vestiti, no, non i nostri: altre scarpe, altri vestiti, come i suoi. Ora siamo nudi perch� aspettiamo la doccia e la disinfezione, le quali avranno luogo subito dopo la sveglia, perch� in campo non si entra se non si fa la disinfezione. Certo, ci sar� da lavorare, tutti qui devono lavorare. Ma c'� lavoro e lavoro: lui, per esempio, fa il medico, � un medico ungherese che ha studiato in Italia; � il dentista del Lager. E' in Lager da quattro anni (non in questo: la Buna esiste da un anno e mezzo soltanto), eppure, possiamo vederlo, sta bene, non � molto magro. Perch� � in Lager? E' ebreo come noi? - No, dice lui con semplicit�, - io sono un criminale. Noi gli facciamo molte domande, lui qualche volta ride, risponde ad alcune e non ad altre, si vede bene che evita certi argomenti. Delle donne non parla: dice che stanno bene, che presto le rivedremo, ma non dice n� come n� dove. Invece ci racconta altro, cose strane e folli, forse anche lui si fa gioco di noi. Forse � matto: in Lager si diventa matti. Dice che tutte le domeniche ci sono concerti e partite di calcio. Dice che chi tira bene di boxe pu� diventare cuoco. Dice che chi lavora bene riceve buoni-premio con cui ci si pu� comprare tabacco e sapone. Dice che veramente l'acqua non � potabile, e che invece ogni giorno si distribuisce un surrogato di caff�, ma generalmente nessuno lo beve, perch� la zuppa stessa � acquosa quanto basta per soddisfare la sete. Noi lo preghiamo di procurarci qualcosa da bere, ma lui dice che non pu�, che � venuto a vederci di nascosto, contro il divieto delle S.S., perch� noi siamo ancora da disinfettare, e deve andarsene subito; � venuto perch� gli sono simpatici gli italiani, e perch�, dice, �ha un po' di cuore�. Noi gli chiediamo ancora se ci sono altri italiani in campo, e lui dice che ce n'� qualcuno, pochi, non sa quanti, e subito cambia discorso. In quel mentre ha suonato una campana, e lui � subito fuggito, e ci ha lasciati attoniti e sconcertati. Qualcuno si sente rinfrancato, io no, io continuo a pensare che anche questo dentista, questo individuo incomprensibile, ha voluto divertirsi a nostre spese, e non voglio credere una parola di quanto ha detto. Alla campana, si � sentito il campo buio ridestarsi. Improvvisamente l'acqua � scaturita bollente dalle docce, cinque minuti di beatitudine; ma subito dopo irrompono quattro (forse sono i barbieri) che, bagnati e fumanti, ci cacciano con urla e spintoni nella camera attigua, che � gelida; qui altra gente urlante ci butta addosso non so che stracci, e ci schiaccia in mano un paio di scarpacce a suola di legno, non abbiamo tempo di comprendere e gi� ci troviamo all'aperto, sulla neve azzurra e gelida dell'alba, e, scalzi e nudi con tutto il corredo in mano, dobbiamo correre fino ad un'altra baracca, a un centinaio di metri. Qui ci � concesso di vestirci. Quando abbiamo finito, ciascuno � rimasto nel suo angolo, e non abbiamo osato levare gli occhi l'uno sull'altro. Non c'� ove specchiarsi, ma il nostro aspetto ci sta dinanzi, riflesso in cento visi lividi, in cento pupazzi miserabili e sordidi. Eccoci trasformati nei fantasmi intravisti ieri sera. Allora per la prima volta ci siamo accorti che la nostra lingua manca di parole per esprimere questa offesa, la demolizione di un uomo. In un attimo, con intuizione quasi profetica, la realt� ci si � rivelata: siamo arrivati al fondo. Pi� gi� di cos� non si pu� andare: condizione umana pi� misera non c'�, e non � pensabile. Nulla pi� � nostro: ci hanno tolto gli abiti, le scarpe, anche i capelli; se parleremo, non ci ascolteranno, e se ci ascoltassero, non ci capirebbero. Ci toglieranno anche il nome: e se vorremo conservarlo, dovremo trovare in noi la forza di farlo, di fare s� che dietro al nome, qualcosa ancora di noi, di noi quali eravamo, rimanga. Noi sappiamo che in questo difficilmente saremo compresi, ed � bene che cos� sia. Ma consideri ognuno, quanto valore, quanto significato � racchiuso anche nelle pi� piccole nostre abitudini quotidiane, nei cento oggetti nostri che il pi� umile mendicante possiede: un fazzoletto, una vecchia lettera, la fotografia di una persona cara. Queste cose sono parte di noi, quasi come membra del nostro corpo; n� � pensabile di venirne privati, nel nostro mondo, ch� subito ne ritroveremmo altri a sostituire i vecchi, altri oggetti che sono nostri in quanto custodi e suscitatori di memorie nostre. Si immagini ora un uomo a cui, insieme con le persone amate, vengano tolti la sua casa, le sue abitudini, i suoi abiti, tutto infine, letteralmente tutto quanto possiede: sar� un uomo vuoto, ridotto a sofferenza e bisogno, dimentico di dignit� e discernimento, poich� accade facilmente, a chi ha perso tutto, di perdere se stesso; tale quindi, che si potr� a cuor leggero decidere della sua vita o morte al di fuori di ogni senso di affinit� umana; nel caso pi� fortunato, in base ad un puro giudizio di utilit�. Si comprender� allora il duplice significato del termine �Campo di annientamento�, e sar� chiaro che cosa intendiamo esprimere con questa frase: giacere sul fondo. "H�ftling": ho imparato che io sono un "H�ftling". Il mio nome � 174 517; siamo stati battezzati, porteremo finch� vivremo il marchio tatuato sul braccio sinistro. L'operazione � stata lievemente dolorosa, e straordinariamente rapida: ci hanno messi tutti in fila, e ad uno ad uno, secondo l'ordine alfabetico dei nostri nomi, siamo passati davanti a un abile funzionario munito di una specie di punteruolo dall'ago cortissimo. Pare che questa sia l'iniziazione vera e propria: solo �mostrando il numero� si riceve il pane e la zuppa. Sono occorsi vari giorni, e non pochi schiaffi e pugni perch� ci abituassimo a mostrare il numero prontamente, in modo da non intralciare le quotidiane operazioni annonarie di distribuzione; ci son voluti settimane e mesi perch� ne apprendessimo il suono in lingua tedesca. E per molti giorni, quando l'abitudine dei giorni liberi mi spinge a cercare l'ora sull'orologio a polso, mi appare invece ironicamente il mio nuovo nome, il numero trapunto in segni azzurrognoli sotto l'epidermide. Solo molto pi� tardi, e a poco a poco, alcuni di noi hanno poi imparato qualcosa della funerea scienza dei numeri di Auschwitz, in cui si compendiano le tappe della distruzione dell'ebraismo d'Europa. Ai vecchi del campo, il numero dice tutto: l'epoca di ingresso al campo, il convoglio di cui si faceva parte, e di conseguenza la nazionalit�. Ognuno tratter� con rispetto i numeri dal 30000 all'80000: non sono pi� che qualche centinaio, e contrassegnano i pochi superstiti dei ghetti polacchi. Conviene aprire bene gli occhi quando si entra in relazioni commerciali con un 116000 o 117000: sono ridotti ormai a una quarantina, ma si tratta dei greci di Salonicco, non bisogna lasciarsi mettere nel sacco. Quanto ai numeri grossi, essi comportano una nota di essenziale comicit�, come avviene per i termini �matricola� o �coscritto� nella vita normale: il grosso numero tipico � un individuo panciuto, docile e scemo, a cui puoi far credere che all'infermeria distribuiscono scarpe di cuoio per individui dai piedi delicati, e convincerlo a corrervi e a lasciarti la sua gamella di zuppa �in custodia�; gli puoi vendere un cucchiaio per tre razioni di pane; lo puoi mandare dal pi� feroce dei Kapos, a chiedergli (� successo a me!) se � vero che il suo � il Kartoffelschalenkommando, il Kommando Pelatura Patate, e se � possibile esservi arruolati. D'altronde, l'intero processo di inserimento in questo ordine per noi nuovo avviene in chiave grottesca e sarcastica. Finita l'operazione di tatuaggio, ci hanno chiusi in una baracca dove non c'� nessuno. Le cuccette sono rifatte, ma ci hanno severamente proibito di toccarle e di sedervi sopra: cos� ci aggiriamo senza scopo per met� della giornata nel breve spazio disponibile, ancora tormentati dalla sete furiosa del viaggio. Poi la porta si � aperta, ed � entrato un ragazzo dal vestito a righe, dall'aria abbastanza civile, piccolo, magro e biondo. Questo parla francese, e gli siamo addosso in molti, tempestandolo di tutte le domande che finora ci siamo rivolti l'un l'altro inutilmente. Ma non parla volentieri: nessuno qui parla volentieri. Siamo nuovi, non abbiamo niente e non sappiamo niente; a che scopo perdere tempo con noi? Ci spiega di malavoglia che tutti gli altri sono fuori a lavorare, e torneranno a sera. Lui � uscito stamane dall'infermeria, per oggi � esente dal lavoro. Io gli ho chiesto (con una ingenuit� che solo pochi giorni dopo gi� doveva parermi favolosa) se ci avrebbero restituito almeno gli spazzolini da denti; lui non ha riso, ma col viso atteggiato a intenso disprezzo mi ha gettato: - Vous n'�tes pas � la maison -. Ed � questo il ritornello che da tutti ci sentiamo ripetere: non siete pi� a casa, questo non � un sanatorio, di qui non si esce che per il Camino (cosa vorr� dire? lo impareremo bene pi� tardi). E infatti: spinto dalla sete, ho adocchiato, fuori di una finestra, un bel ghiacciolo a portata di mano. Ho aperto la finestra, ho staccato il ghiacciolo, ma subito si e fatto avanti uno grande e grosso che si aggirava la fuori, e me lo ha strappato brutalmente. - Warum?- gli ho chiesto nel mio povero tedesco. - Hier ist kein warum, - (qui non c'� perch�) mi ha risposto, ricacciandomi dentro con uno spintone. La spiegazione � ripugnante ma semplice: in questo luogo � proibito tutto, non gi� per riposte ragioni, ma perch� a tale scopo il campo � stato creato. Se vorremo viverci, bisogner� capirlo presto e bene: ...Qui non ha luogo il Santo Volto, qui si nuota altrimenti che nel Serchio! Ora dopo ora, questa prima lunghissima giornata di antinferno volge al termine. Mentre il sole tramonta in un vortice di truci nubi sanguigne, ci fanno finalmente uscire dalla baracca. Ci daranno da bere? No, ci mettono ancora una volta in fila, ci conducono in un vasto piazzale che occupa il centro del campo, e ci dispongono meticolosamente inquadrati. Poi non accade pi� nulla per un'altra ora: sembra che si aspetti qualcuno. Una fanfara incomincia a suonare, accanto alla porta del campo: suona "Rosamunda", la ben nota canzonetta sentimentale, e questo ci appare talmente strano che ci guardiamo l'un l'altro sogghignando; nasce in noi un'ombra di sollievo, forse tutte queste cerimonie non costituiscono che una colossale buffonata di gusto teutonico. Ma la fanfara, finita "Rosamunda", continua a suonare altre marce, una dopo l'altra, ed ecco apparire i drappelli dei nostri compagni, che ritornano dal lavoro. Camminano in colonna per cinque: camminano con un'andatura strana, innaturale, dura, come fantocci rigidi fatti solo di ossa: ma camminano seguendo scrupolosamente il tempo della fanfara. Anche loro si dispongono come noi, secondo un ordine minuzioso, nella vasta piazza; quando l'ultimo drappello � rientrato, ci contano e ci ricontano per pi� di un'ora, avvengono lunghi controlli che sembrano tutti fare capo a un tale vestito a righe, il quale ne rende conto a un gruppetto di S.S. in pieno assetto di guerra. Finalmente (� ormai buio, ma il campo � fortemente illuminato da fanali e riflettori) si sente gridare �Absperre!�, al che tutte le squadre si disfano in un viavai confuso e turbolento. Adesso non camminano pi� rigidi e impettiti come prima: ciascuno si trascina con sforzo evidente. Noto che tutti portano in mano o appesa alla cintura una scodella di lamiera grande quasi come un catino. Anche noi nuovi arrivati ci aggiriamo tra la folla, alla ricerca di una voce, di un viso amico, di una guida. Contro la parete di legno di una baracca stanno seduti a terra due ragazzi: sembrano giovanissimi, sui sedici anni al massimo, tutti e due hanno il viso e le mani sporche di fuliggine. Uno dei due, mentre passiamo, mi chiama, e mi pone in tedesco alcune domande che non capisco; poi mi chiede da dove veniamo. - Italien, - rispondo; vorrei domandargli molte cose, ma il mio frasario tedesco � limitatissimo. - Sei ebreo? - gli chiedo . - S�, ebreo polacco. - Da quanto sei in Lager? - Tre anni, - e leva tre dita. Deve essere entrato bambino, penso con orrore; d'altronde, questo significa che almeno qualcuno qui pu� vivere. - Qual � il tuo lavoro? - Schlosser, - risponde. Non capisco: - Eisen; Feuer, - (ferro, fuoco) insiste lui, e fa cenno colle mani come di chi batta col martello su di un'incudine. E' un fabbro, dunque. - Ich Chemiker, - dichiaro io; e lui accenna gravemente col capo, - Chemiker gut -. Ma tutto questo riguarda il futuro lontano: ci� che mi tormenta, in questo momento, � la sete. - Bere, acqua. Noi niente acqua, - gli dico. Lui mi guarda con un viso serio, quasi severo, e scandisce: - Non bere acqua, compagno, - e poi altre parole che non capisco. - Warum? - Geschwollen, - risponde lui telegraficamente: io crollo il capo, non ho capito. - Gonfio, - mi fa capire, enfiando le gote e abbozzando colle mani una mostruosa tumescenza del viso e del ventre. - Warten bis heute abend -. �Aspettare fino oggi sera�, traduco io parola per parola. Poi mi dice: - Ich Schlome. Du? - Gli dico il mio nome, e lui mi chiede: - Dove tua madre? - In Italia -. Schlome si stupisce: - Ebrea in Italia? - S�, spiego io del mio meglio, - nascosta, nessuno conosce, scappare, non parlare, nessuno vedere -. Ha capito; ora si alza, mi si avvicina e mi abbraccia timidamente. L'avventura � finita, e mi sento pieno di una tristezza serena che � quasi gioia. Non ho pi� rivisto Schlome, ma non ho dimenticato il suo volto grave e mite di fanciullo, che mi ha accolto sulla soglia della casa dei morti. Moltissime cose ci restano da imparare, ma molte le abbiamo gi� imparate. Gi� abbiamo una certa idea della topografia del Lager; questo nostro Lager � un quadrato di circa seicento metri di lato, circondato da due reticolati di filo spinato, il pi� interno dei quali � percorso da corrente ad alta tensione. E' costituito da sessanta baracche in legno, che qui si chiamano Blocks, di cui una decina in costruzione; a queste vanno aggiunti il corpo delle cucine, che � in muratura; una fattoria sperimentale, gestita da un distaccamento di H�ftlinge privilegiati; le baracche delle docce e delle latrine, in numero di una per ogni gruppo di sei od otto Blocks. Di pi�, alcuni Blocks sono adibiti a scopi particolari. Innanzitutto, un gruppo di otto, all'estremit� est del campo, costituisce l'infermeria e l'ambulatorio; v'� poi il Block 24 che � il Kr�tzeblock, riservato agli scabbiosi; il Block 7, in cui nessun comune H�ftling � mai entrato, riservato alla �Prominenz�, cio� all'aristocrazia, agli internati che ricoprono le cariche supreme; il Block 47, riservato ai Reichsdeutsche (gli ariani tedeschi, politici o criminali); il Block 49, per soli Kapos; il Block 12, una met� del quale, ad uso dei Reichsdeutsche e Kapos, funge da Kantine, cio� da distributorio di tabacco, polvere insetticida, e occasionalmente altri articoli; il Block 37, che contiene la Fureria centrale e l'Ufficio del lavoro; e infine il Block 29, che ha le finestre sempre chiuse perch� � il Frauenblock, il postribolo del campo, servito da ragazze H�ftlinge polacche, e riservato ai Reichsdeutsche. I comuni Blocks di abitazione sono divisi in due locali; in uno (Tagesraum) vive il capo-baracca con i suoi amici: vi � un lungo tavolo, sedie, panche; ovunque una quantit� di strani oggetti dai colori vivaci, fotografie, ritagli di riviste, disegni, fiori finti, soprammobili; sulle pareti, grandi scritte, proverbi e poesiole inneggianti all'ordine, alla disciplina, all'igiene; in un angolo, una vetrina con gli attrezzi del Blockfris�r (barbiere autorizzato), i mestoli per distribuire la zuppa e due nerbi di gomma, quello pieno e quello vuoto, per mantenere la disciplina medesima. L'altro locale, � il dormitorio; non vi sono che cento quarantotto cuccette a tre piani, disposte fittamente come celle di alveare, in modo da utilizzare senza residui tutta la cubatura del vano, fino al tetto, e divise da tre corridoi; qui vivono i comuni H�ftlinge, in numero di duecento-duecentocinquanta per baracca, due quindi in buona parte delle cuccette, le quali sono di tavole di legno mobili, provviste di un sottile sacco a paglia e di due coperte ciascuna. I corridoi di disimpegno sono cos� stretti che a stento ci si passa in due; la superficie totale di pavimento � cos� poca che gli abitanti di uno stesso Block non vi possono soggiornare tutti contemporaneamente se almeno la met� non sono coricati nelle cuccette. Di qui il divieto di entrare in un Block a cui non si appartiene. In mezzo al Lager � la piazza dell'Appello, vastissima, dove ci si raduna al mattino per costituire le squadre di lavoro, e alla sera per venire contati. Di fronte alla piazza dell'Appello c'� una aiuola dall'erba accuratamente rasa, dove si montano le forche quando occorre. Abbiamo ben presto imparato che gli ospiti del Lager sono distinti in tre categorie: i criminali, i politici e gli ebrei. Tutti sono vestiti a righe, sono tutti H�ftlinge, ma i criminali portano accanto al numero, cucito sulla giacca, un triangolo verde; i politici un triangolo rosso; gli ebrei che costituiscono la grande maggioranza, portano la stella ebraica, rossa e gialla. Le S.S. ci sono s�, ma poche, e fuori del campo, e si vedono relativamente di rado: i nostri padroni effettivi sono i triangoli verdi, i quali hanno mano libera su di noi, e inoltre quelli fra le due altre categorie che si prestano ad assecondarli: i quali non sono pochi. Ed altro ancora abbiamo imparato, pi� o meno rapidamente, a seconda del carattere di ciascuno; a rispondere �Jawohl�, a non fare mai domande, a fingere sempre di avere capito. Abbiamo appreso il valore degli alimenti; ora anche noi raschiamo diligentemente il fondo della gamella dopo il rancio, e la teniamo sotto il mento quando mangiamo il pane per non disperderne le briciole. Anche noi adesso sappiamo che non � la stessa cosa ricevere il mestolo di zuppa prelevato dalla superficie o dal fondo del mastello, e siamo gi� in grado di calcolare, in base alla capacit� dei vari mastelli, quale sia il posto pi� conveniente a cui aspirare quando ci si mette in coda. Abbiamo imparato che tutto serve; il fil di ferro, per legarsi le scarpe; gli stracci, per ricavarne pezze da piedi; la carta, per imbottirsi (abusivamente) la giacca contro il freddo. Abbiamo imparato che d'altronde tutto pu� venire rubato, anzi, viene automaticamente rubato non appena l'attenzione si rilassa; e per evitarlo abbiamo dovuto apprendere l'arte di dormire col capo su un fagotto fatto con la giacca, e contenente tutto il nostro avere, dalla gamella alle scarpe. Conosciamo gi� in buona parte il regolamento del campo, che � favolosamente complicato. Innumerevoli sono le proibizioni: avvicinarsi a meno di due metri dal filo spinato; dormire con la giacca, o senza mutande, o col cappello in testa; servirsi di particolari lavatoi e latrine che sono �nur f�r Kapos� o �nur f�r Reichsdeutsche�; non andare alla doccia nei giorni prescritti, e andarvi nei giorni non prescritti; uscire di baracca con la giacca sbottonata, o col bavero rialzato; portare sotto gli abiti carta o paglia contro il freddo; lavarsi altrimenti che a torso nudo. Infiniti e insensati sono i riti da compiersi: ogni giorno al mattino bisogna fare �il letto�, perfettamente piano e liscio; spalmarsi gli zoccoli fangosi e repellenti con l'apposito grasso da macchina, raschiare via dagli abiti le macchie di fango (le macchie di vernice, di grasso e di ruggine sono invece ammesse); alla sera, bisogna sottoporsi al controllo dei pidocchi e al controllo della lavatura dei piedi; al sabato farsi radere la barba e i capelli, rammendarsi o farsi rammendare gli stracci; alla domenica, sottoporsi al controllo generale della scabbia, e al controllo dei bottoni della giacca, che devono essere cinque. Di pi�, ci sono innumerevoli circostanze, normalmente irrilevanti, che qui diventano problemi. Quando le unghie si allungano, bisogna accorciarle, il che non si pu� fare altrimenti che coi denti (per le unghie dei piedi basta l'attrito delle scarpe); se si perde un bottone bisogna saperselo riattaccare con un filo di ferro; se si va alla latrina o al lavatoio, bisogna portarsi dietro tutto, sempre e dovunque, e mentre ci si lavano gli occhi, tenere il fagotto degli abiti stretto fra le ginocchia: in qualunque altro modo, esso in quell'attimo verrebbe rubato. Se una scarpa fa male bisogna presentarsi alla sera alla cerimonia del cambio delle scarpe: qui si mette alla prova la perizia dell'individuo, in mezzo alla calca incredibile bisogna saper scegliere con un colpo d'occhio una (non un paio: una) scarpa che si adatti, perch�, fatta la scelta, un secondo cambio non � concesso. N� si creda che le scarpe, nella vita del Lager, costituiscano un fattore d'importanza secondaria. La morte incomincia dalle scarpe: esse si sono rivelate, per la maggior parte di noi, veri arnesi di tortura, che dopo poche ore di marcia davano luogo a piaghe dolorose che fatalmente si infettavano. Chi ne � colpito, � costretto a camminare come se avesse una palla al piede (ecco il perch� della strana andatura dell'esercito di larve che ogni sera rientra in parata); arriva ultimo dappertutto, e dappertutto riceve botte; non pu� scappare se lo inseguono; i suoi piedi si gonfiano, e pi� si gonfiano, pi� l'attrito con il legno e la tela delle scarpe diventa insopportabile. Allora non resta che l'ospedale: ma entrare in ospedale con la diagnosi di �dicke F�sse� (piedi gonfi) � estremamente pericoloso, perch� � ben noto a tutti, ed alle S.S. in ispecie, che di questo male, qui, non si pu� guarire. E in tutto questo, non abbiamo ancora accennato al lavoro, il quale � a sua volta un groviglio di leggi, di tab� e di problemi. Tutti lavoriamo, tranne i malati (farsi riconoscere come malato comporta di per s� un imponente bagaglio di cognizioni e di esperienze). Tutte le mattine usciamo inquadrati dal campo alla Buna; tutte le sere, inquadrati, rientriamo. Per quanto concerne il lavoro, siamo suddivisi in circa duecento Kommandos, ognuno dei quali conta da quindici a centocinquanta uomini ed � comandato da un Kapo. Vi sono Kommandos buoni e cattivi: per la maggior parte sono adibiti a trasporti, e il lavoro vi � assai duro, specialmente d'inverno, se non altro perch� si svolge sempre all'aperto. Vi sono anche Kommandos di specialisti (elettricisti, fabbri, muratori, saldatori, meccanici, cementisti, eccetera), ciascuno addetto a una certa officina o reparto della Buna, e dipendenti in modo pi� diretto da Meister civili, per lo pi� tedeschi e polacchi; questo avviene naturalmente solo nelle ore di lavoro: nel resto della giornata, gli specialisti (non sono pi� di tre o quattrocento in tutto) non hanno trattamento diverso dai lavoratori comuni. All'assegnazione dei singoli ai vari Kommandos, sovrintende uno speciale ufficio del Lager, l'Arbeitsdienst, che � in continuo contatto con la direzione civile della Buna. L'Arbeitsdienst decide in base a criteri sconosciuti, spesso palesemente in base a protezioni e corruzioni, in modo che, se qualcuno riesce a procurarsi da mangiare, � anche praticamente sicuro di ottenere un buon posto in Buna. L'orario di lavoro � variabile con la stagione. Tutte le ore di luce sono ore lavorative: perci� si va da un orario minimo invernale (ore 8- 12 e 12,30-16) a uno massimo estivo (ore 6,30-12 e 13-18). Per nessuna ragione gli H�ftlinge possono trovarsi al lavoro nelle ore di oscurit� o quando c'� nebbia fitta, mentre si lavora regolarmente anche se piove o nevica o (caso assai frequente) soffia il vento feroce dei Carpazi; questo in relazione al fatto che il buio o la nebbia potrebbero dare occasione a tentativi di fuga. Una domenica ogni due � regolare giorno lavorativo; nelle domeniche cosiddette festive, invece di lavorare in Buna si lavora di solito alla manutenzione del Lager, in modo che i giorni di effettivo riposo sono estremamente rari. Tale sar� la nostra vita. Ogni giorno, secondo il ritmo prestabilito, Ausr�cken ed Einr�cken, uscire e rientrare; lavorare, dormire e mangiare; ammalarsi, guarire o morire. ...E fino a quando? Ma gli anziani ridono a questa domanda: a questa domanda si riconoscono i nuovi arrivati. Ridono e non rispondono: per loro, da mesi, da anni, il problema del futuro remoto � impallidito, ha perso ogni acutezza, di fronte ai ben pi� urgenti e concreti problemi del futuro prossimo: quanto si manger� oggi, se nevicher�, se ci sar� da scaricare carbone. Se fossimo ragionevoli, dovremmo rassegnarci a questa evidenza, che il nostro destino � perfettamente inconoscibile, che ogni congettura � arbitraria ed esattamente priva di fondamento reale. Ma ragionevoli gli uomini sono assai raramente, quando � in gioco il loro proprio destino; essi preferiscono in ogni caso le posizioni estreme; perci�, a seconda del loro carattere, fra di noi gli uni si sono convinti immediatamente che tutto � perduto, che qui non si pu� vivere e che la fine � certa e prossima; gli altri, che, per quanto dura sia la vita che ci attende, la salvezza � probabile e non lontana, e, se avremo fede e forza, rivedremo le nostre case e i nostri cari. Le due classi, dei pessimisti e degli ottimisti, non sono peraltro cos� ben distinte: non gi� perch� gli agnostici siano molti, ma perch� i pi�, senza memoria n� coerenza, oscillano fra le due posizioni-limite, a seconda dell'interlocutore e del momento. Eccomi dunque sul fondo. A dare un colpo di spugna al passato e al futuro, si impara assai presto, se il bisogno preme. Dopo quindici giorni dall'ingresso, gi� ho la fame regolamentare, la fame cronica sconosciuta agli uomini liberi, che fa sognare di notte e siede in tutte le membra dei nostri corpi; gi� ho imparato a non lasciarmi derubare, e se anzi trovo in giro un cucchiaio, uno spago, un bottone di cui mi possa appropriare senza pericolo di punizione, li intasco e li considero miei di pieno diritto. Gi� mi sono apparse, sul dorso dei piedi, le piaghe torpide che non guariranno. Spingo vagoni, lavoro di pala, mi fiacco alla pioggia, tremo al vento; gi� il mio stesso corpo non � pi� mio: ho il ventre gonfio e le membra stecchite, il viso tumido al mattino e incavato a sera; qualcuno fra noi ha la pelle gialla, qualche altro grigia: quando non ci vediamo per tre o quattro giorni, stentiamo a riconoscerci l'un l'altro. Avevamo deciso di trovarci, noi italiani, ogni domenica sera in un angolo del Lager; ma abbiamo subito smesso, perch� era troppo triste contarci, e trovarci ogni volta pi� pochi, e pi� deformi, e pi� squallidi. Ed era cos� faticoso fare quei pochi passi: e poi, a ritrovarsi, accadeva di ricordare e di pensare, ed era meglio non farlo. Iniziazione. Dopo i primi giorni di capricciosi trasferimenti da blocco a blocco e da Kommando a Kommando, a sera tarda, sono stato assegnato al Block 30, e mi viene indicata una cuccetta in cui gi� dorme Diena. Diena si sveglia, e, bench� esausto, mi fa posto e mi riceve amichevolmente. Io non ho sonno, o per meglio dire il mio sonno � mascherato da uno stato di tensione e di ansia da cui non sono ancora riuscito a liberarmi, e perci� parlo e parlo. Ho troppe cose da chiedere. Ho fame, e quando domani distribuiranno la zuppa, come far� a mangiarla senza cucchiaio? e come si pu� avere un cucchiaio? e dove mi manderanno a lavorare? Diena ne sa quanto me, naturalmente, e mi risponde con altre domande. Ma da sopra, da sotto, da vicino, da lontano, da tutti gli angoli della baracca ormai buia, voci assonnate e iraconde mi gridano: - Ruhe, Ruhe! Capisco che mi si impone il silenzio, ma questa parola � per me nuova, e poich� non ne conosco il senso e le implicazioni, la mia inquietudine cresce. La confusione delle lingue � una componente fondamentale del modo di vivere di quaggi�; si � circondati da una perpetua Babele, in cui tutti urlano ordini e minacce in lingue mai prima udite, e guai a chi non afferra a volo. Qui nessuno ha tempo, nessuno ha pazienza, nessuno ti d� ascolto; noi ultimi venuti ci raduniamo istintivamente negli angoli, contro i muri, per sentirci le spalle materialmente coperte. Rinuncio dunque a fare domande, e in breve scivolo in un sonno amaro e teso. Ma non � riposo: mi sento minacciato, insidiato, a ogni istante sono pronto a contrarmi in uno spasimo di difesa. Sogno, e mi pare di dormire su una strada, su un ponte, per traverso di una porta per cui va e viene molta gente. Ed ecco giunge, ahi quanto presto, la sveglia. L'intera baracca si squassa dalle fondamenta, le luci si accendono, tutti intorno a me si agitano in una repentina attivit� frenetica: scuotono le coperte suscitando nembi di polvere fetida, si vestono con fretta febbrile, corrono fuori nel gelo dell'aria esterna vestiti a mezzo, si precipitano verso le latrine e il lavatoio; molti, bestialmente, orinano correndo per risparmiare tempo, perch� entro cinque minuti inizia la distribuzione del pane, del pane-Brot-Broit-chleb-pain-lechem-keny�r, del sacro blocchetto grigio che sembra gigantesco in mano del tuo vicino, e piccolo da piangere in mano tua. E' una allucinazione quotidiana, a cui si finisce col fare l'abitudine: ma nei primi tempi � cos� irresistibile che molti fra noi, dopo lungo discutere a coppie sulla propria palese e costante sfortuna, e sfacciata fortuna altrui, si scambiano infine le razioni, al che l'illusione si ripristina invertita lasciando tutti scontenti e frustrati. Il pane � anche la nostra sola moneta: nei pochi minuti che intercorrono fra la distribuzione e la consumazione, il Block risuona di richiami, di liti e di fughe. Sono i creditori di ieri che pretendono il pagamento, nei brevi istanti in cui il debitore e solvibile. Dopo di che, subentra una relativa quiete, e molti ne approfittano per recarsi nuovamente alle latrine a fumare mezza sigaretta, o al lavatoio per lavarsi veramente. Il lavatoio � un locale poco invitante. E' male illuminato, pieno di correnti d'aria, e il pavimento di mattoni � coperto da uno strato di fanghiglia; l'acqua non � potabile, ha un odore disgustoso e spesso manca per molte ore. Le pareti sono decorate da curiosi affreschi didascalici: vi si vede ad esempio lo H�ftling buono, effigiato nudo fino alla cintola, in atto di insaponarsi diligentemente il cranio ben tosato e roseo e lo H�ftling cattivo, dal naso fortemente semitico e dal colorito verdastro, il quale, tutto infagottato negli abiti vistosamente macchiati, e col berretto in testa immerge cautamente un dito nell'acqua del lavandino. Sotto al primo sta scritto: �So bist du rein� (cos� sei pulito), e sotto al secondo: �So gehst du ein� (cos� vai in rovina); e pi� in basso, in dubbio francese ma in caratteri gotici: �La propret�, c'est la sant��. Sulla parete opposta campeggia un enorme pidocchio bianco rosso e nero, con la scritta: �Eine Laus dein Tod� (un pidocchio � la tua morte), � il distico ispirato: Nach dem Abort, vor dem Essen H�nde waschen, nicht vergessen (dopo la latrina, prima di mangiare, l�vati le mani, non dimenticare). Per molte settimane, ho considerato questi ammonimenti all'igiene come puri tratti di spirito teutonico, nello stile del dialogo relativo al cinto erniario con cui eravamo stati accolti al nostro ingresso in Lager. Ma ho poi capito che i loro ignoti autori, forse inconsciamente, non erano lontani da alcune importanti verit�. In questo luogo, lavarsi tutti i giorni nell'acqua torbida del lavandino immondo � praticamente inutile ai fini della pulizia e della salute; � invece importantissimo come sintomo di residua vitalit�, e necessario come strumento di sopravvivenza morale. Devo confessarlo: dopo una sola settimana di prigionia, in me l'istinto della pulizia � sparito. Mi aggiro ciondolando per il lavatoio, ed ecco Steinlauf, il mio amico quasi cinquantenne, a torso nudo, che si strofina collo e spalle con scarso esito (non ha sapone) ma con estrema energia. Steinlauf mi vede e mi saluta, e senza ambagi mi domanda severamente perch� non mi lavo. Perch� dovrei lavarmi? starei forse meglio di quanto sto? piacerei di pi� a qualcuno? vivrei un giorno, un'ora di pi�? Vivrei anzi di meno, perch� lavarsi � un lavoro, uno spreco di energia e di calore. Non sa Steinlauf che dopo mezz'ora ai sacchi di carbone ogni differenza fra lui e me sar� scomparsa? Pi� ci penso, e pi� mi pare che lavarsi la faccia nelle nostre condizioni sia una faccenda insulsa, addirittura frivola: un'abitudine meccanica, o peggio, una lugubre ripetizione di un rito estinto. Morremo tutti, stiamo per morire: se mi avanzano dieci minuti fra la sveglia e il lavoro, voglio dedicarli ad altro, a chiudermi in me stesso, a tirare le somme, o magari a guardare il cielo e a pensare che lo vedo forse per l'ultima volta; o anche solo a lasciarmi vivere, a concedermi il lusso di un minuscolo ozio. Ma Steinlauf mi d� sulla voce. Ha terminato di lavarsi, ora si sta asciugando con la giacca di tela che prima teneva arrotolata fra le ginocchia e che poi infiler�, e senza interrompere l'operazione mi somministra una lezione in piena regola. Ho scordato ormai, e me ne duole, le sue parole diritte e chiare, le parole del gi� sergente Steinlauf dell'esercito austro-ungarico, croce di ferro della guerra '14-18. Me ne duole, perch� dovr� tradurre il suo italiano incerto e il suo discorso piano di buon soldato nel mio linguaggio di uomo incredulo. Ma questo ne era il senso, non dimenticato allora n� poi: che appunto perch� il Lager � una gran macchina per ridurci a bestie, noi bestie non dobbiamo diventare; che anche in questo luogo si pu� sopravvivere, e perci� si deve voler sopravvivere, per raccontare, per portare testimonianza; e che per vivere, � importante sforzarci di salvare almeno lo scheletro, l'impalcatura, la forma della civilt�. Che siamo schiavi, privi di ogni diritto, esposti a ogni offesa, votati a morte certa, ma che una facolt� ci � rimasta, e dobbiamo difenderla con ogni vigore perch� � l'ultima: la facolt� di negare il nostro consenso. Dobbiamo quindi, certamente, lavarci la faccia senza sapone, nell'acqua sporca, e asciugarci nella giacca. Dobbiamo dare il nero alle scarpe, non perch� cos� prescrive il regolamento, ma per dignit� e per propriet�. Dobbiamo camminare diritti, senza strascicare gli zoccoli, non gi� in omaggio alla disciplina prussiana, ma per restare vivi, per non cominciare a morire. Queste cose mi disse Steinlauf, uomo di volont� buona: strane cose al mio orecchio dissueto, intese e accettate solo in parte, e mitigate in una pi� facile, duttile e blanda dottrina, quella che da secoli si respira al di qua delle Alpi, e secondo la quale, fra l'altro, non c'� maggior vanit� che sforzarsi di inghiottire interi i sistemi morali elaborati da altri, sotto altro cielo. No, la saggezza e la virt� di Steinlauf, buone certamente per lui, a me non bastano. Di fronte a questo complicato mondo infero, le mie idee sono confuse; sar� proprio necessario elaborare un sistema e praticarlo? o non sar� pi� salutare prendere coscienza di non avere sistema? Ka-Be. I giorni si somigliano tutti, e non � facile contarli. Da non so quanti giorni facciamo la spola, a coppie dalla ferrovia al magazzino: un centinaio di metri di suolo in disgelo. Avanti sotto il carico, indietro colle braccia pendenti lungo i fianchi, senza parlare. Intorno, tutto ci � nemico. Sopra di noi, si rincorrono le nuvole maligne, per separarci dal sole; da ogni parte ci stringe lo squallore del ferro in travaglio. I suoi confini non li abbiamo mai visti, ma sentiamo, tutto intorno, la presenza cattiva del filo spinato che ci segrega dal mondo. E sulle impalcature, sui treni in manovra, nelle strade, negli scavi, negli uffici, uomini e uomini, schiavi e padroni, i padroni schiavi essi stessi; la paura muove gli uni e l'odio gli altri, ogni altra forza tace. Tutti ci sono nemici o rivali. No, in verit�, in questo mio compagno di oggi, aggiogato oggi con me sotto lo stesso carico, non sento un nemico n� un rivale. E' Null Achtzehn. Non si chiama altrimenti che cos�, Zero Diciotto, le ultime tre cifre del suo numero di matricola: come se ognuno si fosse reso conto che solo un uomo � degno di avere un nome, e che Null Achtzehn non � pi� un uomo. Credo che lui stesso abbia dimenticato il suo nome, certo si comporta come se cos� fosse. Quando parla, quando guarda, d� l'impressione di essere vuoto interiormente, nulla pi� che un involucro, come certe spoglie di insetti che si trovano in riva agli stagni, attaccate con un filo ai sassi, e il vento le scuote. Null Achtzehn � molto giovane, il che costituisce un pericolo grave. Non solo perch� i ragazzi sopportano peggio degli adulti le fatiche e il digiuno, ma soprattutto perch� qui, per sopravvivere, occorre un lungo allenamento alla lotta di ciascuno contro tutti, che i giovani raramente posseggono. Null Achtzehn non � neppure particolarmente indebolito, ma tutti rifuggono dal lavorare con lui. Tutto gli � a tal segno indifferente che non si cura pi� di evitare la fatica e le percosse e di cercare il cibo. Eseguisce tutti gli ordini che riceve, ed � prevedibile che, quando lo manderanno alla morte, ci andr� con questa stessa totale indifferenza. Non possiede la rudimentale astuzia dei cavalli da traino, che smettono di tirare un po' prima di giungere all'esaurimento: ma tira o porta o spinge finch� le forze glielo permettono, poi cede di schianto, senza una parola di avvertimento, senza sollevare dal suolo gli occhi tristi e opachi. Mi ricorda i cani da slitta dei libri di London, che faticano fino all'ultimo respiro e muoiono sulla pista. Ora, poich� noi tutti cerchiamo invece con ogni mezzo di sottrarci alla fatica, Null Achtzehn � quello che lavora pi� di tutti. Per questo, e perch� � un compagno pericoloso, nessuno vuol lavorare con lui; e siccome d'altronde nessuno vuol lavorare con me, perch� sono debole e maldestro, cos� spesso accade che ci troviamo accoppiati. Mentre, a mani vuote, ancora una volta torniamo strascicando i piedi dal magazzino, una locomotiva fischia breve e ci taglia la strada. Contenti della interruzione forzata, Null Achtzehn ed io ci fermiamo: curvi e laceri, aspettiamo che i vagoni abbiano finito di sfilarci lentamente davanti. ...Deutsche Reichsbahn. Deutsche Reichsbahn. S.N.C.F. Due giganteschi vagoni russi, con la falce e il martello mal cancellati. Deutsche Reichsbahn. Poi, Cavalli 8, Uomini 40, Tara, Portata: un vagone italiano.... Salirvi dentro, in un angolo, ben nascosto sotto il carbone, e stare fermo e zitto, al buio, ad ascoltare senza fine il ritmo delle rotaie, pi� forte della fame e della stanchezza; finch�, a un certo momento, il treno si fermerebbe, e sentirei l'aria tiepida e odore di fieno, e potrei uscire fuori, nel sole: allora mi coricherei a terra, a baciare la terra, come si legge nei libri: col viso nell'erba. E passerebbe una donna, e mi chiederebbe �Chi sei?� in italiano, e io le racconterei, in italiano, e lei capirebbe, e mi darebbe da mangiare e da dormire. E non crederebbe alle cose che io dico, e io le farei vedere il numero che ho sul braccio, e allora crederebbe... ...E' finito. L'ultimo vagone � passato, e, come al sollevarsi di un sipario, ci sta davanti agli occhi la catasta dei supporti di ghisa, il Kapo in piedi sulla catasta con una verga in mano, i compagni sparuti, a coppie, che vengono e vanno. Guai a sognare: il momento di coscienza che accompagna il risveglio � la sofferenza pi� acuta. Ma non ci capita sovente, e non sono lunghi sogni: noi non siamo che bestie stanche. Ancora una volta siamo ai piedi della catasta. Mischa e il Galiziano alzano un supporto e ce lo posano con malgarbo sulle spalle. Il loro posto � il meno faticoso, perci� essi fanno sfoggio di zelo per conservarlo: chiamano i compagni che indugiano, incitano, esortano, impongono al lavoro un ritmo insostenibile. Questo mi riempie di sdegno, pure gi� so ormai che � nel normale ordine delle cose che i privilegiati opprimano i non privilegiati: su questa legge umana si regge la struttura sociale del campo. Questa volta tocca a me camminare davanti. Il supporto � pesante ma molto corto, per cui a ogni passo sento, dietro di me, i piedi di Null Achtzehn che incespicano contro i miei, poich� egli non � capace, o non si cura, di seguire il mio passo. Venti passi, siamo arrivati al binario, c'� un cavo da scavalcare. Il carico � mal messo, qualcosa non va, tende a scivolare dalla spalla. Cinquanta passi, sessanta. La porta del magazzino; ancora altrettanto cammino e lo deporremo. Basta, � impossibile andare oltre, il carico mi grava ormai interamente sul braccio; non posso sopportare pi� a lungo il dolore e la fatica, grido, cerco di voltarmi: appena in tempo per vedere Null Achtzehn inciampare e buttare tutto. Se avessi avuto la mia agilit� di un tempo, avrei potuto balzare indietro: invece eccomi a terra, con tutti i muscoli contratti, il piede colpito stretto fra le mani, cieco di dolore. Lo spigolo di ghisa mi ha colpito di taglio il dorso del piede sinistro. Per un minuto, tutto si annulla nella vertigine della sofferenza. Quando mi posso guardare attorno, Null Achtzehn � ancora l� in piedi, non si � mosso, colle mani infilate nelle maniche, senza dire una parola, mi guarda senza espressione. Arrivano Mischa e il Galiziano, parlano fra di loro in yiddisch, mi danno non so che consigli. Arrivano Templer e David e tutti gli altri: approfittano del diversivo per sospendere il lavoro. Arriva il Kapo, distribuisce pedate, pugni e improperi, i compagni si disperdono come pula al vento; Null Achtzehn si porta una mano al naso e se la guarda atono sporca di sangue. A me non toccano che due schiaffi al capo, di quelli che non fanno male perch� stordiscono. L'incidente � chiuso. Constato che, bene o male, mi posso reggere in piedi, l'osso non deve essere rotto. Non oso togliere la scarpa per paura di risvegliare il dolore, e anche perch� so che poi il piede gonfier� e non potr� pi� rimetterla. Il Kapo mi manda a sostituire il Galiziano alla catasta, e questi, guardandomi torvo, va a prendere il suo posto accanto a Null Achtzehn; ma ormai gi� passano i prigionieri inglesi, sar� presto ora di rientrare al campo. Durante la marcia, faccio del mio meglio per camminare svelto, ma non riesco a tenere il passo, il Kapo designa Null Achtzehn e Finder perch� mi sostengano fino al passaggio davanti alle S.S., e finalmente (fortunatamente stasera non c'� appello) sono in baracca e mi posso buttare sulla cuccetta e respirare. Forse � il calore, forse la fatica della marcia, ma il dolore si � risvegliato, assieme a una strana sensazione di umidit� al piede ferito. Tolgo la scarpa: � piena di sangue, ormai rappreso e impastato con il fango e coi brandelli del cencio che ho trovato un mese fa e che adopero come pezza da piedi, un giorno a destra, un giorno a sinistra. Stasera, subito dopo la zuppa, andr� in Ka-Be. Ka-Be � abbreviazione di Krankenbau, l'infermeria. Sono otto baracche, simili in tutto alle altre del campo, ma separate da un reticolato. Contengono permanentemente un decimo della popolazione del campo, ma pochi vi soggiornano pi� di due settimane e nessuno pi� di due mesi: entro questi termini siamo tenuti a morire o a guarire. Chi ha tendenza alla guarigione, in Ka-Be viene curato; chi ha tendenza ad aggravarsi, dal Ka-Be viene mandato alle camere a gas. Tutto questo perch� noi, per nostra fortuna, apparteniamo alla categoria degli �ebrei economicamente utili�. Al Ka-Be non sono mai stato, neppure all'Ambulatorio, e tutto qui � nuovo per me. Gli ambulatori sono due, Medico e Chirurgico. Davanti alla porta, nella notte e nel vento, stanno due lunghe file di ombre. Alcuni hanno bisogno solo di un bendaggio o di qualche pillola, altri chiedono visita; qualcuno ha la morte in viso. I primi delle due file gi� sono scalzi e pronti a entrare; gli altri, a mano a mano che il loro turno di ingresso si avvicina, si ingegnano, in mezzo alla ressa, di sciogliere i legacci di fortuna e i fili di ferro delle calzature, e di svolgere, senza lacerarle, le preziose pezze da piedi; non troppo presto, per non stare inutilmente nel fango a piedi nudi; non troppo tardi, per non perdere il turno d'ingresso: poich� entrare in Ka-Be con le scarpe � rigorosamente proibito. Chi fa rispettare il divieto � un gigantesco H�ftling francese, il quale risiede nella guardiola che sta fra le porte dei due ambulatori. E' uno dei pochi funzionari francesi del campo: n� si pensi che il passare la propria giornata fra le scarpe fangose e sbrindellate costituisca un piccolo privilegio. Basta pensare a quanti entrano in Ka-Be colle scarpe, e ne escono senza averne pi� bisogno... Quando arriva la mia volta, riesco miracolosamente a togliermi scarpe e stracci senza perdere gli uni n� le altre, senza farmi rubare la gamella n� i guanti, e senza perdere l'equilibrio, pur stringendo sempre in mano il berretto, che per nessuna ragione si pu� tenere in capo quando si entra nelle baracche. Lascio le scarpe al deposito e ritiro lo scontrino relativo, dopo di che, scalzo e zoppicante, le mani impedite da tutte le povere mie cose che non posso lasciare da nessuna parte, sono ammesso all'interno e mi accodo a una nuova fila che fa capo alla sala delle visite. In questa fila ci si spoglia progressivamente, e quando si arriva verso la testa, bisogna essere nudi perch� un infermiere ci infila il termometro sotto l'ascella; se qualcuno � vestito, perde il turno e ritorna ad accodarsi. Tutti devono ricevere il termometro, anche se hanno soltanto la scabbia o il mal di denti. In questo modo si � sicuri che chi non � seriamente malato non si sobbarcher� per capriccio a questo complicato rituale. Arriva finalmente la mia volta: sono ammesso davanti al medico, l'infermiere mi toglie il termometro e mi annuncia: - Nummer 174 517, kein Fieber -. Per me non occorre una visita a fondo: sono immediatamente dichiarato Arztvormelder, che cosa voglia dire non so, non � certo questo il posto di domandare spiegazioni. Mi trovo espulso, ricupero le scarpe e ritorno in baracca. Chajim si felicita con me: ho una buona ferita, non pare pericolosa e mi garantisce un discreto periodo di riposo. Passer� la notte in baracca con gli altri, ma domani mattina, invece di andare al lavoro, mi debbo ripresentare ai medici per la visita definitiva: questo vuol dire Arztvormelder. Chajim � pratico di queste cose, e pensa che probabilmente domani verr� ammesso al Ka-Be. Chajim � il mio compagno di letto, ed io ho in lui una fiducia cieca. E' un polacco, ebreo pio, studioso della Legge. Ha press'a poco la mia et�, � di mestiere orologiaio, e qui in Buna fa il meccanico di precisione; � perci� fra i pochi che conservino la dignit� e la sicurezza di s� che nascono dall'esercitare un'arte per cui si � preparati. Cos� � stato. Dopo la sveglia e il pane, mi hanno chiamato fuori con altri tre della mia baracca. Ci hanno portati in un angolo della piazza dell'Appello, dove c'era una lunga fila, tutti gli Arztvormelder di oggi; � venuto un tale e mi ha portato via gamella cucchiaio berretto e guanti. Gli altri hanno riso, non sapevo che dovevo nasconderli o affidarli a qualcuno, o meglio che tutto venderli, e che in Ka-Be non si possono portare? Poi guardano il mio numero e scuotono il capo: da uno che ha un numero cos� alto ci si pu� aspettare qualunque sciocchezza. Poi ci hanno contati, ci hanno fatti spogliare fuori al freddo, ci hanno tolto le scarpe, ci hanno di nuovo contati, ci hanno rasa la barba i capelli e i peli, ci hanno contati ancora, e ci hanno fatto fare una doccia; poi � venuta una S.S., ci ha guardati senza interesse, si � soffermata davanti a uno che ha un grosso idrocele, e lo ha fatto mettere da parte. Dopo di che ci hanno contati ancora una volta e ci hanno fatto fare un'altra doccia, bench� fossimo ancora bagnati della prima e alcuni tremassero di febbre. Ora siamo pronti per la visita definitiva. Fuori dalla finestra si vede il cielo bianco, e qualche volta il sole; in questo paese lo si pu� guardare fisso, attraverso le nuvole, come attraverso un vetro affumicato. A giudicare dalla sua posizione, debbono essere le quattordici passate: addio zuppa ormai, e siamo in piedi da dieci ore e nudi da sei. Anche questa seconda visita medica � straordinariamente rapida: il medico (ha il vestito a righe come noi, ma sopra indossa un camice bianco, ed ha il numero cucito sul camice, ed � molto pi� grasso di noi) guarda e palpa il mio piede gonfio e sanguinante, al che io grido di dolore, poi dice: - Aufgenommen, Block 23 -. Io resto l� a bocca aperta, in attesa di qualche altra indicazione, ma qualcuno mi tira brutalmente indietro, mi getta un mantello sulle spalle nude, mi porge un paio di sandali e mi caccia all'aperto. A un centinaio di metri c'� il Block 23; sopra c'� scritto �Schonungsblock�: chiss� cosa vorr� dire? Dentro, mi tolgono mantello e sandali, e io mi trovo ancora una volta nudo e ultimo di una fila di scheletri nudi: i ricoverati di oggi. Da molto tempo ho smesso di cercare di capire. Per quanto mi riguarda, sono ormai cos� stanco di reggermi sul piede ferito e non ancora medicato, cos� affamato e pieno di freddo, che nulla pi� mi interessa. Questo pu� benissimo essere l'ultimo dei miei giorni; e questa camera la camera dei gas di cui tutti parlano, che ci potrei fare? Tanto vale appoggiarsi al muro e chiudere gli occhi e aspettare. Il mio vicino non deve essere ebreo. Non � circonciso, e poi (questa � una delle poche cose che ho imparato finora) una pelle cos� bionda, un viso e una corporatura cos� massicci sono caratteristici dei polacchi non ebrei. E' pi� alto di me di tutta la testa, ma ha una fisionomia abbastanza cordiale, come l'hanno solo coloro che non soffrono la fame. Ho provato a chiedergli se sa quando ci faranno entrare. Lui si � voltato all'infermiere, che gli somiglia come un gemello e sta in un angolo a fumare; hanno parlato e riso insieme senza rispondere, come se io non ci fossi: poi uno di loro mi ha preso il braccio e ha guardato il numero, e allora hanno riso pi� forte. Tutti sanno che i centosettantaquattromila sono gli ebrei italiani: i ben noti ebrei italiani, arrivati due mesi fa, tutti avvocati, tutti dottori, erano pi� di cento e gi� non sono che quaranta, quelli che non sanno lavorare e si lasciano rubare il pane e prendono schiaffi dal mattino alla sera; i tedeschi li chiamano �zwei linke H�nde� (due mani sinistre), e perfino gli ebrei polacchi li disprezzano perch� non sanno parlare yiddisch. L'infermiere indica all'altro le mie costole, come se io fossi un cadavere in sala anatomica; accenna alle palpebre e alle guance gonfie e al collo sottile, si curva e preme coll'indice sulla mia tibia e fa notare all'altro la profonda incavatura che il dito lascia nella carne pallida, come nella cera. Vorrei non aver mai rivolto la parola al polacco: mi pare di non avere mai, in tutta la mia vita, subito un affronto pi� atroce di questo. L'infermiere intanto pare abbia finito la sua dimostrazione, nella sua lingua che io non capisco e che mi suona terribile; si rivolge a me, e in quasi-tedesco, caritatevolmente, me ne fornisce il compendio: - Du Jude kaputt. Du schnell Krematorium fertig - (tu ebreo spacciato, tu presto crematorio, finito). Qualche altra ora � passata prima che tutti i ricoverati venissero presi in forza, ricevessero la camicia e fosse compilata la loro scheda. Io, come al solito, sono stato l'ultimo; un tale, col vestito a rigoni nuovo fiammante, mi ha chiesto dove sono nato, che mestiere facevo �da civile�, se avevo figli, quali malattie ho avuto, una quantit� di domande, a che cosa possono mai servire, questa � una complicata messinscena per farsi beffe di noi. Sarebbe questo l'ospedale? Ci fanno stare nudi in piedi e ci fanno delle domande. Finalmente anche per me si � aperta la porta, e ho potuto entrare nel dormitorio. Anche qui, come dappertutto, cuccette a tre piani in tre file per tutta la baracca, separate da due corridoi strettissimi. Le cuccette sono centocinquanta, i malati circa duecentocinquanta: due quindi in quasi tutte le cuccette. I malati delle cuccette superiori, schiacciati contro il soffitto, non possono quasi stare seduti; si sporgono curiosi a vedere i nuovi arrivati di oggi, � il momento pi� interessante della giornata, si trova sempre qualche conoscente. Io sono stato assegnato alla cuccetta 10; miracolo! � vuota. Mi distendo con delizia, � la prima volta, da che sono in campo, che ho una cuccetta tutta per me. Nonostante la fame, non passano dieci minuti che sono addormentato. La vita del Ka-Be � vita di limbo. I disagi materiali sono relativamente pochi, a parte la fame e le sofferenze inerenti alle malattie. Non fa freddo, non si lavora, e, a meno di commettere qualche grave mancanza, non si viene percossi. La sveglia � alle quattro, anche per i malati; bisogna rifare il letto e lavarsi, ma non c'� molta fretta n� molto rigore. Alle cinque e mezzo distribuiscono il pane, e si pu� tagliarlo comodamente a fette sottili, e mangiare sdraiati con tutta calma; poi ci si pu� riaddormentare, fino alla distribuzione del brodo di mezzogiorno. Fin verso le sedici � Mittagsruhe, riposo pomeridiano; a quest'ora c'� sovente la visita medica e la medicazione, bisogna scendere dalle cuccette, togliersi la camicia e fare la fila davanti al medico. Anche il rancio serale viene distribuito nei letti; dopo di che, alle ventuno, tutte le luci si spengono, tranne la lampadina velata della guardia di notte, ed � il silenzio. ...E per la prima volta da che sono in campo, la sveglia mi coglie nel sonno profondo, e il risveglio � un ritorno dal nulla. Alla distribuzione del pane si sente lontano, fuori delle finestre, nell'aria buia, la banda che incomincia a suonare: sono i compagni sani che escono inquadrati al lavoro. Dal Ka-Be, la musica non si sente bene: arriva assiduo e monotono il martellare della grancassa e dei piatti, ma su questa trama le frasi musicali si disegnano solo a intervalli, col capriccio del vento. Noi ci guardiamo l'un l'altro dai nostri letti, perch� tutti sentiamo che questa musica � infernale. I motivi sono pochi, una dozzina, ogni giorno gli stessi, mattina e sera: marce e canzoni popolari care a ogni tedesco. Esse giacciono incise nelle nostre menti, saranno l'ultima cosa del Lager che dimenticheremo: sono la voce del Lager, l'espressione sensibile della sua follia geometrica, della risoluzione altrui di annullarci prima come uomini per ucciderci poi lentamente. Quando questa musica suona, noi sappiamo che i compagni, fuori nella nebbia, partono in marcia come automi; le loro anime sono morte e la musica li sospinge, come il vento le foglie secche, e si sostituisce alla loro volont�. Non c'� pi� volont�: ogni pulsazione diventa un passo, una contrazione riflessa dei muscoli sfatti. I tedeschi sono riusciti a questo. Sono diecimila, e sono una sola grigia macchina; sono esattamente determinati; non pensano e non vogliono, camminano. Alla marcia di uscita e di entrata non mancano mai le S.S. Chi potrebbe negare loro il diritto di assistere a questa coreografia da loro voluta, alla danza degli uomini spenti, squadra dopo squadra, via dalla nebbia verso la nebbia? quale prova pi� concreta della loro vittoria? Anche quelli del Ka-Be conoscono questo uscire e rientrare dal lavoro, l'ipnosi del ritmo interminabile che uccide il pensiero e attutisce il dolore; l'hanno provato e lo riproveranno. Ma bisogna uscire dall'incantamento, sentire la musica dal di fuori, come accadeva in Ka-Be e come ora la ripensiamo, dopo la liberazione e la rinascita, senza obbedirvi, senza subirla, per capire che cosa era; per capire per quale meditata ragione i tedeschi avevano creato questo rito mostruoso, e perch�, oggi ancora, quando la memoria ci restituisce qualcuna di quelle innocenti canzoni, il sangue ci si ferma nelle vene, e siamo consci che essere ritornati da Auschwitz non � stata piccola ventura. Ho due vicini di cuccetta. Giacciono tutto il giorno e tutta la notte fianco a fianco, pelle contro pelle, incrociati come i Pesci dello zodiaco, in modo che ciascuno ha i piedi dell'altro accanto al capo. Uno � Walter Bonn, un olandese civile e abbastanza colto. Vede che non ho nulla per tagliare il pane, mi impresta il suo coltello, poi si offre di vendermelo per mezza razione di pane. Io discuto sul prezzo, indi rinuncio, penso che qui in Ka-Be ne trover� sempre qualcuno in prestito, e fuori costano solo un terzo di razione. Non per questo Walter vien meno alla sua cortesia, e a mezzogiorno, mangiata la sua zuppa, forbisce colle labbra il cucchiaio (il che � buona norma prima di imprestarlo, per ripulirlo e per non mandare sprecate le tracce di zuppa che vi aderiscono) e me lo offre spontaneamente. - Che malattia hai, Walter? - �K�rperschw�che�, - deperimento organico. La peggiore malattia: non la si pu� curare, ed � molto pericoloso entrare in Ka-Be con questa diagnosi. Se non fosse stato dell'edema alle caviglie (e me le mostra) che gli impedisce di uscire al lavoro, si sarebbe ben guardato dal farsi ricoverare. Su questo genere di pericoli io ho ancora idee assai confuse. Tutti ne parlano indirettamente, per allusioni, e quando io faccio qualche domanda, mi guardano e tacciono. E' dunque vero quello che si sente dire, di selezioni, di gas, di crematorio? Crematorio. L'altro, il vicino di Walter, si sveglia di soprassalto, si rizza a sedere: chi parla di crematorio? che avviene? non si pu� lasciare in pace chi dorme? E' un ebreo polacco, albino, dal viso scarno e bonario, non pi� giovane. Si chiama Schmulek, � fabbro. Walter lo ragguaglia brevemente. Cos�, �der Italeyner� non crede alle selezioni? Schmulek vorrebbe parlare tedesco ma parla yiddisch; lo capisco a stento, solo perch� lui vuole farsi capire. Fa tacere Walter con un cenno, ci penser� lui a farmi persuaso: - Mostrami il tuo numero: tu sei il 174 517. Questa numerazione � incominciata diciotto mesi fa, e vale per Auschwitz e per i campi dipendenti. Noi siamo ora diecimila qui a Buna-Monowitz; forse trentamila fra Auschwitz e Birkenau. Wo sind die Andere? dove sono gli altri? - Forse trasferiti in altri campi...? - propongo io. Schmulek crolla il capo, si rivolge a Walter: - Er will nix verstayen, - non vuole capire. Ma era destino che presto mi inducessi a capire, e Schmulek stesso ne facesse le spese. A sera si � aperta la porta della baracca, una voce ha gridato - Achtung! - e ogni rumore si � spento e si � sentito un silenzio di piombo. Sono entrate due S.S. (uno dei due ha molti gradi forse � un ufficiale?), si sentivano i loro passi nella baracca come se fosse vuota; hanno parlato col medico capo, questi ha mostrato loro un registro indicando qua e l�. L'ufficiale ha preso nota su un libretto Schmulek mi tocca le ginocchia: - Pass' auf, pass auf, - fa' attenzione. L'ufficiale, seguito dal medico, gira in silenzio e con noncuranza fra le cuccette; ha in mano un frustino, frusta un lembo di coperta che pende da una cuccetta alta, il malato si precipita a riassettarla. L'ufficiale passa oltre. Un altro ha il viso giallo; l'ufficiale gli strappa via le coperte, quello trasalisce, l'ufficiale gli palpa il ventre, dice: - Gut, gut, - poi passa oltre. Ecco, ha posato lo sguardo su Schmulek; tira fuori il libretto, controlla il numero del letto e il numero del tatuaggio. Io vedo tutto bene, dall'alto: ha fatto una crocetta accanto al numero di Schmulek. Poi � passato oltre. Io guardo ora Schmulek, e dietro di lui ho visto gli occhi di Walter, e allora non ho fatto domande. Il giorno dopo, invece del solito gruppo di guariti, sono stati messi in uscita due gruppi distinti. I primi sono stati rasi e tosati e hanno fatto la doccia. I secondi sono usciti cos�, con le barbe lunghe e le medicazioni non rinnovate, senza doccia. Nessuno ha salutato questi ultimi, nessuno li ha incaricati di messaggi per i compagni sani. Di questi faceva parte Schmulek. In questo modo discreto e composto, senza apparato e senza collera, per le baracche del Ka-Be si aggira ogni giorno la strage, e tocca questo o quello. Quando Schmulek � partito, mi ha lasciato cucchiaio e coltello; Walter e io abbiamo evitato di guardarci e siamo rimasti a lungo silenziosi. Poi Walter mi ha chiesto come posso conservare cos� a lungo la mia razione di pane, e mi ha spiegato che lui di solito taglia la sua per il lungo, in modo da avere fette pi� larghe su cui � pi� agevole spalmare la margarina. Walter mi spiega molte cose: Schonungsblock vuol dire baracca di riposo, qui ci sono solo malati leggeri, o convalescenti, o non bisognosi di cure. Fra questi, almeno una cinquantina di dissenterici pi� o meno gravi. Costoro vengono controllati ogni terzo giorno. Si mettono in fila lungo il corridoio; all'estremit� stanno due bacinelle di latta e l'infermiere, con registro, orologio e matita. A due per volta, i malati si presentano, e devono dimostrare, sul posto e subito, che la loro diarrea persiste; a tale scopo viene loro concesso un minuto esatto. Dopo di che presentano il risultato all'infermiere, il quale osserva e giudica; lavano rapidamente le bacinelle in una apposita tinozza, e subentrano i due successivi. Fra coloro che attendono, alcuni si torcono nello spasimo di trattenere la preziosa testimonianza ancora venti, ancora dieci minuti; altri, privi di risorse in quel momento, tendono vene e muscoli nello sforzo opposto. L'infermiere assiste impassibile, mordicchiando la matita, uno sguardo all'orologio, uno sguardo ai campioni che gli vengono via via presentati. Nei casi dubbi, parte con la bacinella e va a sottoporla al medico. ...Ho ricevuto una visita: � Pietro Sonnino, il romano. - Hai visto come l'ho buscherato? -: Piero ha una enterite assai leggera, � qui da venti giorni, e ci sta bene, si riposa e ingrassa, se ne infischia delle selezioni e ha deciso di restare in Ka-Be fino alla fine dell'inverno, a ogni costo. Il suo metodo consiste nel mettersi in fila dietro a qualche dissenterico autentico, che offra garanzia di successo; quando viene il suo turno gli domanda la sua collaborazione (da rimunerarsi con zuppa o pane), e se quello ci sta, e l'infermiere ha un momento di disattenzione, scambia le bacinelle in mezzo alla ressa e il colpo � fatto. Piero sa quello che rischia, Ma la vita del Ka-Be non � questa. Non sono gli attimi cruciali delle selezioni, non sono gli episodi grotteschi dei controlli della diarrea e dei pidocchi, non sono neppure le malattie. Il Ka-Be � il Lager a meno del disagio fisico. Perci�, chi ancora ha seme di coscienza, vi riprende coscienza; perci�, nelle lunghissime giornate vuote, vi si parla di altro che di fame e di lavoro, e ci accade di considerare che cosa ci hanno fatti diventare, quanto ci � stato tolto, che cosa � questa vita. In questo Ka-Be, parentesi di relativa pace, abbiamo imparato che la nostra personalit� � fragile, � molto pi� in pericolo che non la nostra vita; e i savi antichi, invece di ammonirci �ricordati che devi morire�, meglio avrebbero fatto a ricordarci questo maggior pericolo che ci minaccia. Se dall'interno dei Lager un messaggio avesse potuto trapelare agli uomini liberi, sarebbe stato questo: fate di non subire nelle vostre case ci� che a noi viene inflitto qui. Quando si lavora, si soffre e non si ha tempo di pensare: le nostre case sono meno di un ricordo. Ma qui il tempo � per noi: da cuccetta a cuccetta, nonostante il divieto, ci scambiamo visite, e parliamo e parliamo. La baracca di legno, stipata di umanit� dolente, � piena di parole, di ricordi e di un altro dolore. �Heimweh� si chiama in tedesco questo dolore; � una bella parola, vuol dire �dolore della casa�. Sappiamo donde veniamo: i ricordi del mondo di fuori popolano i nostri sonni e le nostre veglie, ci accorgiamo con stupore che nulla abbiamo dimenticato, ogni memoria evocata ci sorge davanti dolorosamente nitida. Ma dove andiamo non sappiamo. Potremo forse sopravvivere alle malattie e sfuggire alle scelte, forse anche resistere al lavoro e alla fame che ci consumano: e dopo? Qui, lontani momentaneamente dalle bestemmie e dai colpi, possiamo rientrare in noi stessi e meditare, e allora diventa chiaro che non ritorneremo. Noi abbiamo viaggiato fin qui nei vagoni piombati; noi abbiamo visto partire verso il niente le nostre donne e i nostri bambini; noi fatti schiavi abbiamo marciato cento volte avanti e indietro alla fatica muta, spenti nell'anima prima che dalla morte anonima. Noi non ritorneremo. Nessuno deve uscire di qui, che potrebbe portare al mondo, insieme col segno impresso nella carne, la mala novella di quanto, ad Auschwitz, � bastato animo all'uomo di fare dell'uomo. Le nostre notti. Dopo venti giorni di Ka-Be, essendosi la mia ferita praticamente rimarginata, con mio vivo dispiacere sono stato messo in uscita. La cerimonia � semplice, ma comporta un doloroso e pericoloso periodo di riassestamento. Chi non dispone di particolari appoggi, all'uscita dal Ka-Be non viene restituito al suo Block e al suo Kommando di prima, ma � arruolato, in base a criteri a me sconosciuti, in una qualsiasi altra baracca e avviato a un qualsiasi altro lavoro. Di pi�, dal Ka-Be si esce nudi; si ricevono vestiti e scarpe �nuovi� (intendo dire, non quelli lasciati all'ingresso), intorno a cui bisogna adoperarsi con rapidit� e diligenza per adattarli alla propria persona, il che comporta fatica e spese. Occorre procurarsi daccapo cucchiaio e coltello; infine, e questa � la circostanza pi� grave, ci si trova intrusi in un ambiente sconosciuto, fra compagni mai visti e ostili con capi di cui non si conosce il carattere e da cui quindi � difficile guardarsi. La facolt� umana di scavarsi una nicchia, di secernere un guscio, di erigersi intorno una tenue barriera di difesa, anche in circostanze apparentemente disperate, � stupefacente, e meriterebbe uno studio approfondito. Si tratta di un prezioso lavorio di adattamento, in parte passivo e inconscio, e in parte attivo: di piantare un chiodo sopra la cuccetta per appendervi le scarpe di notte; di stipulare taciti patti di non aggressione coi vicini; di intuire e accettare le consuetudini e le leggi del singolo Kommando e del singolo Block. In virt� di questo lavoro, dopo qualche settimana si riesce a raggiungere un certo equilibrio, un certo grado di sicurezza di fronte agli imprevisti; ci si � fatto un nido, il trauma del travasamento � superato. Ma l'uomo che esce dal Ka-Be, nudo e quasi sempre insufficientemente ristabilito, si sente proiettato nel buio e nel gelo dello spazio siderale. I pantaloni gli cascano di dosso, le scarpe gli fanno male, la camicia non ha bottoni. Cerca un contatto umano, e non trova che schiene voltate. E' inerme e vulnerabile come un neonato, eppure al mattino dovr� marciare al lavoro. In queste condizioni mi trovo io quando l'infermiere, dopo i vari riti amministrativi prescritti, mi ha affidato alle cure del Block�ltester del Block 45. Ma subito un pensiero mi colma di gioia: ho avuto fortuna, questo � il Block di Alberto! Alberto � il mio migliore amico. Non ha che ventidue anni, due meno di me, ma nessuno di noi italiani ha dimostrato capacit� di adattamento simili alle sue. Alberto � entrato in Lager a testa alta, e vive in Lager illeso e incorrotto. Ha capito prima di tutti che questa vita � guerra; non si � concesso indulgenze, non ha perso tempo a recriminare e a commiserare s� e gli altri, ma fin dal primo giorno � sceso in campo. Lo sostengono intelligenza e istinto: ragiona giusto, spesso non ragiona ed � ugualmente nel giusto. Intende tutto a volo: non sa che poco francese, e capisce quanto gli dicono tedeschi e polacchi. Risponde in italiano e a gesti, si fa capire e subito riesce simpatico. Lotta per la sua vita, eppure � amico di tutti. �Sa� chi bisogna corrompere, chi bisogna evitare, chi si pu� impietosire, a chi si deve resistere. Eppure (e per questa sua virt� oggi ancora la sua memoria mi � cara e vicina) non � diventato un tristo. Ho sempre visto, e ancora vedo in lui, la rara figura dell'uomo forte e mite, contro cui si spuntano le armi della notte. Non sono per� riuscito a ottenere di dormire in cuccetta con lui, e neppure Alberto ci � riuscito, quantunque nel Block 45 egli goda ormai di una certa popolarit�. E' peccato, perch� avere un compagno di letto di cui fidarsi, o con cui almeno ci si possa intendere, � un inestimabile vantaggio; e inoltre, adesso � inverno, e le notti sono lunghe, e dal momento che siamo costretti a scambiare sudore, odore e calore con qualcuno, sotto la stessa coperta e in settanta centimetri di larghezza, � assai desiderabile che si tratti di un amico. D'inverno, le notti sono lunghe, e ci � concesso per il sonno un intervallo di tempo considerevole. Si spegne a poco a poco il tumulto del Block; da pi� di un'ora � terminata la distribuzione del rancio serale, e soltanto qualche ostinato persiste a grattare il fondo ormai lucido della gamella, rigirandola minuziosamente sotto la lampada, con la fronte corrugata per l'attenzione. L'ingegner Kardos gira per le cuccette a medicare i piedi feriti ed i calli suppurati, questa � la sua industria; non c'� chi non rinunzi volentieri ad una fetta di pane, pur che gli venga alleviato il tormento delle piaghe torpide, che sanguinano ad ogni passo per tutta la giornata, ed in questo modo, onestamente, l'ingegner Kardos ha risolto il problema di vivere. Dalla porticina posteriore, di nascosto e guardandosi attorno con cautela, � entrato il cantastorie. Si � seduto sulla cuccetta di Wachsmann, e subito gli si � raccolta attorno una piccola folla attenta e silenziosa. Lui canta una interminabile rapsodia yiddisch, sempre la stessa, in quartine rimate, di una melanconia rassegnata e penetrante (o forse tale la ricordo perch� allora ed in quel luogo l'ho udita?); dalle poche parole che capisco, dev'essere una canzone da lui stesso composta, dove ha racchiuso tutta la vita del Lager, nei pi� minuti particolari. Qualcuno � generoso, e rimunera il cantastorie con un pizzico di tabacco o una gugliata di filo; altri ascoltano assorti, ma non d�nno nulla. Risuona ancora improvviso il richiamo per l'ultima funzione della giornata: - Wer hat kaputt die Schuhe? - (chi ha le scarpe rotte?) e subito si scatena il fragore dei quaranta o cinquanta pretendenti al cambio, i quali si precipitano verso il Tagesraum con furia disperata, ben sapendo che soltanto i dieci primi arrivati, nella migliore delle ipotesi, saranno soddisfatti. Poi � la quiete. La luce si spegne una prima volta, per pochi secondi, per avvisare i sarti di riporre il preziosissimo ago e il filo; poi suona lontano la campana, e allora si insedia la guardia di notte e tutte le luci si spengono definitivamente. Non ci resta che spogliarci e coricarci. Non so chi sia il mio vicino; non sono neppure sicuro che sia sempre la stessa persona, perch� non l'ho mai visto in viso se non per qualche attimo nel tumulto della sveglia, in modo che molto meglio del suo viso conosco il suo dorso e i suoi piedi. Non lavora nel mio Kommando e viene in cuccetta solo al momento del silenzio; si avvoltola nella coperta, mi spinge da parte con un colpo delle anche ossute, mi volge il dorso e comincia subito a russare. Schiena contro schiena, io mi adopero per conquistarmi una superficie ragionevole di pagliericcio; esercito colle reni una pressione progressiva contro le sue reni, poi mi rigiro e provo a spingere colle ginocchia, gli prendo le caviglie e cerco di sistemarle un po' pi� in l� in modo da non avere i suoi piedi accanto al viso: ma tutto � inutile, � molto pi� pesante di me e sembra pietrificato dal sonno. Allora io mi adatto a giacere cos�, costretto all'immobilit�, per met� sulla sponda di legno. Tuttavia sono cos� stanco e stordito che in breve scivolo anch'io nel sonno, e mi pare di dormire sui binari del treno. Il treno sta per arrivare: si sente ansare la locomotiva, la quale � il mio vicino. Non sono ancora tanto addormentato da non accorgermi della duplice natura della locomotiva. Si tratta precisamente di quella locomotiva che rimorchiava oggi in Buna i vagoni che ci hanno fatto scaricare: la riconosco dal fatto che anche ora, come quando � passata vicina a noi, si sente il calore che irradia dal suo fianco nero. Soffia, � sempre pi� vicina, � sempre sul punto di essermi addosso, e invece non arriva mai. Il mio sonno � molto sottile, � un velo, se voglio lo lacero. Lo far�, voglio lacerarlo, cos� potr� togliermi dai binari. Ecco, ho voluto, e ora sono sveglio: ma non proprio sveglio, soltanto un po' di pi�, al gradino superiore della scala fra l'incoscienza e la coscienza. Ho gli occhi chiusi, e non li voglio aprire per non lasciar fuggire il sonno, ma posso percepire i rumori: questo fischio lontano sono sicuro che � vero, non viene dalla locomotiva sognata, � risuonato oggettivamente: � il fischio della Decauville, viene dal cantiere che lavora anche di notte. Una lunga nota ferma, poi un'altra pi� bassa di un semitono, poi di nuovo la prima, ma breve e tronca. Questo fischio � una cosa importante, e in qualche modo essenziale: cos� sovente l'abbiamo udito, associato alla sofferenza del lavoro e del campo, che ne � divenuto il simbolo, e ne evoca direttamente la rappresentazione, come accade per certe musiche e certi odori. Qui c'� mia sorella, e qualche mio amico non precisato, e molta altra gente. Tutti mi stanno ascoltando, e io sto raccontando proprio questo: il fischio su tre note, il letto duro, il mio vicino che io vorrei spostare, ma ho paura di svegliarlo perch� � pi� forte di me. Racconto anche diffusamente della nostra fame, e del controllo dei pidocchi, e del Kapo che mi ha percosso sul naso e poi mi ha mandato a lavarmi perch� sanguinavo. E' un godimento intenso, fisico, inesprimibile, essere nella mia casa, fra persone amiche, e avere tante cose da raccontare: ma non posso non accorgermi che i miei ascoltatori non mi seguono. Anzi, essi sono del tutto indifferenti: parlano confusamente d'altro fra di loro, come se io non ci fossi. Mia sorella mi guarda, si alza e se ne va senza far parola. Allora nasce in me una pena desolata, come certi dolori appena ricordati della prima infanzia: � dolore allo stato puro, non temperato dal senso della realt� e dalla intrusione di circostanze estranee, simile a quelli per cui i bambini piangono; ed � meglio per me risalire ancora una volta in superficie, ma questa volta apro deliberatamente gli occhi, per avere di fronte a me stesso una garanzia di essere effettivamente sveglio. Il sogno mi sta davanti, ancora caldo, e io, bench� sveglio, sono tutt'ora pieno della sua angoscia: e allora mi ricordo che questo non � un sogno qualunque, ma che da quando sono qui l'ho gi� sognato, non una ma molte volte, con poche variazioni di ambiente e di particolari. Ora sono in piena lucidit�, e mi rammento anche di averlo gi� raccontato ad Alberto, e che lui mi ha confidato, con mia meraviglia, che questo � anche il suo sogno, e il sogno di molti altri, forse di tutti. Perch� questo avviene? perch� il dolore di tutti i giorni si traduce nei nostri sogni cos� costantemente, nella scena sempre ripetuta della narrazione fatta e non ascoltata? ...Mentre cos� medito, cerco di profittare dell'intervallo di veglia per scuotermi di dosso i brandelli di angoscia del sopore precedente, in modo da non compromettere la qualit� del sonno successivo. Mi rannicchio a sedere nel buio, mi guardo intorno e tendo l'orecchio. Si sentono i dormienti respirare e russare, qualcuno geme e parla. Molti schioccano le labbra e dimenano le mascelle. Sognano di mangiare: anche questo � un sogno collettivo. E' un sogno spietato, chi ha creato il mito di Tantalo doveva conoscerlo. Non si vedono soltanto i cibi, ma si sentono in mano, distinti e concreti, se ne percepisce l'odore ricco e violento, qualcuno ce li avvicina fino a toccare le labbra, poi una qualche circostanza, ogni volta diversa, fa s� che l'atto non vada a compimento. Allora il sogno si disfa e si scinde nei suoi elementi, ma si ricompone subito dopo, e ricomincia simile e mutato: e questo senza tregua, per ognuno di noi, per ogni notte e per tutta la durata del sonno. Devono essere passate le ventitr� perch� gi� � intenso l'andirivieni al secchio, accanto alla guardia di notte. E' un tormento osceno e una vergogna indelebile: ogni due, ogni tre ore ci dobbiamo alzare, per smaltire la grossa dose di acqua che di giorno siamo costretti ad assorbire sotto forma di zuppa, per soddisfare la fame: quella stessa acqua che alla sera ci gonfia le caviglie e le occhiaie, impartendo a tutte le fisionomie una deforme rassomiglianza, e la cui eliminazione impone ai reni un lavoro sfibrante. Non si tratta solo della processione al secchio; � legge che l'ultimo utente del secchio medesimo vada a vuotarlo alla latrina; � legge altres�, che di notte non si esca dalla baracca se non in tenuta notturna (camicia e mutande), e consegnando il proprio numero alla guardia. Ne segue, prevedibilmente, che la guardia notturna cercher� di esonerare dal servizio i suoi amici, i suoi connazionali, e i prominenti; si aggiunga ancora che i vecchi del campo hanno talmente affinato i loro sensi che, pur restando nelle loro cuccette, sono miracolosamente in grado di distinguere, soltanto in base al suono delle pareti del secchio, se il livello � o no al limite pericoloso, per cui riescono quasi sempre a sfuggire alla svuotatura. Perci� i candidati al servizio del secchio sono, in ogni baracca, un numero assai limitato, mentre i litri complessivi da eliminare sono almeno duecento, e il secchio deve quindi essere vuotato una ventina di volte. In conclusione, � assai grave il rischio che incombe su di noi, inesperti e non privilegiati, ogni notte, quando la necessit� ci spinge al secchio. Improvvisamente la guardia di notte balza dal suo angolo e ci agguanta, si scarabocchia il nostro numero, ci consegna un paio di suole di legno e il secchio, e ci caccia fuori in mezzo alla neve, tremanti e insonnoliti. A noi tocca trascinarci fino alla latrina, col secchio che ci urta i polpacci nudi, disgustosamente caldo; � pieno oltre ogni limite ragionevole, e inevitabilmente, con le scosse, qualcosa ci trabocca sui piedi, talch�, per quanto questa funzione sia ripugnante, � pur sempre preferibile esservi comandati noi stessi piuttosto che il nostro vicino di cuccetta. Cos� si trascinano le nostre notti. Il sogno di Tantalo e il sogno del racconto si inseriscono in un tessuto di immagini pi� indistinte: la sofferenza del giorno, composta di fame, percosse, freddo, fatica, paura e promiscuit�, si volge di notte in incubi informi di inaudita violenza, quali nella vita libera occorrono solo nelle notti di febbre. Ci si sveglia a ogni istante, gelidi di terrore, con un sussulto di tutte le membra, sotto l'impressione di un ordine gridato da una voce piena di collera, in una lingua incompresa. La processione del secchio e i tonfi dei calcagni nudi sul legno del pavimento, si mutano in un'altra simbolica processione: siamo noi, grigi e identici, piccoli come formiche e grandi fino alle stelle, serrati l'uno contro l'altro, innumerevoli per tutta la pianura fino all'orizzonte; talora fusi in un'unica sostanza, un impasto angoscioso in cui ci sentiamo invischiati e soffocati; talora in marcia a cerchio, senza principio e senza fine, con vertigine accecante e una marea di nausea che ci sale dai precordi alla gola; finch� la fame, o il freddo, o la pienezza della vescica non convogliano i sogni entro gli schemi consueti. Cerchiamo invano, quando l'incubo stesso o il disagio ci svegliano, di districarne gli elementi, e di ricacciarli separatamente fuori dal campo dell'attenzione attuale, in modo da difendere il sonno dalla loro intrusione: non appena gli occhi si richiudono, ancora una volta percepiamo il nostro cervello mettersi in moto al di fuori del nostro volere; picchia e ronza, incapace di riposo, fabbrica fantasmi e segni terribili, e senza posa li disegna e li agita in nebbia grigia sullo schermo dei sogni. Ma per tutta la durata della notte, attraverso tutte le alternanze di sonno, di veglia e di incubo, vigila l'attesa e il terrore del momento della sveglia: mediante la misteriosa facolt� che molti conoscono, noi siamo in grado, pur senza orologi, di prevederne lo scoccare con grande approssimazione. All'ora della sveglia, che varia da stagione a stagione ma cade sempre assai prima dell'alba, suona a lungo la campanella del campo, e allora in ogni baracca la guardia di notte smonta: accende le luci, si alza, si stira, e pronunzia la condanna di ogni giorno: - Aufstehen, - o pi� spesso, in polacco: - Wstawac. Pochissimi attendono dormendo lo Wstawac: � un momento di pena troppo acuta perch� il sonno pi� duro non si sciolga al suo approssimarsi. La guardia notturna lo sa, ed � per questo che non lo pronunzia con tono di comando, ma con voce piana e sommessa, come di chi sa che l'annunzio trover� tutte le orecchie tese, e sar� udito e obbedito. La parola straniera cade come una pietra sul fondo di tutti gli animi. �Alzarsi�: l'illusoria barriera delle coperte calde, l'esile corazza del sonno, la pur tormentosa evasione notturna, cadono a pezzi intorno a noi, e ci ritroviamo desti senza remissione, esposti all'offesa, atrocemente nudi e vulnerabili. Incomincia un giorno come ogni giorno, lungo a tal segno da non potersene ragionevolmente concepire la fine, tanto freddo, tanta fame, tanta fatica ce ne separano: per cui � meglio concentrare l'attenzione e il desiderio sul blocchetto di pane grigio, che � piccolo, ma fra un'ora sar� certamente nostro, e per cinque minuti, finch� non l'avremo divorato, costituir� tutto quanto la legge del luogo ci consente di possedere. Allo Wstawac si rimette in moto la bufera. L'intera baracca entra senza transizione in attivit� frenetica: ognuno si arrampica su e gi�, rif� la cuccetta e cerca contemporaneamente di vestirsi, in modo da non lasciare nessuno dei suoi oggetti incustodito; l'atmosfera si riempie di polvere fino a diventare opaca; i pi� svelti fendono a gomitate la calca per recarsi al lavatoio e alla latrina prima che vi si costituisca la coda. Immediatamente entrano in scena gli scopini, e cacciano tutti fuori, picchiando e urlando. Quando io ho rifatto la cuccia e mi sono vestito, scendo sul pavimento e mi infilo le scarpe. Allora mi si riaprono le piaghe dei piedi, e incomincia una nuova giornata. Il lavoro. Prima di Resnyk, con me dormiva un polacco di cui tutti ignoravano il nome; era mite e silenzioso, aveva due vecchie piaghe alle tibie e di notte emanava un odore squallido di malattia; era anche debole di vescica, e perci� si svegliava e mi svegliava otto o dieci volte per notte. Una sera mi ha lasciato i guanti in consegna ed � entrato in ospedale. Io ho sperato per mezz'ora che il furiere dimenticasse che ero rimasto solo occupante della mia cuccetta, ma, quando gi� era suonato il silenzio, la cuccetta ha tremato e un tipo lungo e rosso, con il numero dei francesi di Drancy, si � arrampicato accanto a me. Avere un compagno di letto di statura alta � una sciagura, vuol dire perdere ore di sonno; e a me toccano proprio sempre compagni alti, perch� io sono piccolo e due alti insieme non possono dormire. Ma invece si � visto subito che Resnyk, malgrado ci�, non era un cattivo compagno. Parlava poco e cortesemente, era pulito, non russava, non si alzava che due o tre volte per notte e sempre con molta delicatezza. Al mattino si � offerto di fare lui il letto (questa � una operazione complicata e penosa, e inoltre comporta una notevole responsabilit� perch� quelli che rifanno male il letto, gli �schlechte Bettenbauer�, vengono diligentemente puniti), e lo ha fatto rapidamente e bene; in modo che ho provato un certo fugace piacere nel vedere, pi� tardi in piazza dell'Appello, che � stato aggregato al mio Kommando. Nella marcia verso il lavoro, vacillanti nei grossi zoccoli sulla neve gelata, abbiamo scambiato qualche parola, e ho saputo che Resnyk � polacco; ha vissuto vent'anni a Parigi, ma parla un francese incredibile. Ha trent'anni, ma, come a tutti noi, gliene potresti dare da diciassette a cinquanta. Mi ha raccontato la sua storia, e oggi l'ho dimenticata, ma era certo una storia dolorosa, crudele e commovente; ch� tali sono tutte le nostre storie, centinaia di migliaia di storie, tutte diverse e tutte piene di una tragica sconcertante necessit�. Ce le raccontiamo a vicenda a sera, e sono avvenute in Norvegia, in Italia, in Algeria, in Ucraina, e sono semplici e incomprensibili come le storie della Bibbia. Ma non sono anche esse storie di una nuova Bibbia? Quando siamo arrivati al cantiere, ci hanno condotti alla Eisenr�hreplatz, che � la spianata dove si scaricano i tubi di ferro, e poi hanno cominciato ad avvenire le solite cose di tutti i giorni. Il Kapo ha rifatto l'appello, ha preso brevemente atto del nuovo acquisto, si � accordato col Meister civile sul lavoro di oggi. Poi ci ha affidati al Vorarbeiter e se ne � andato a dormire nella capanna degli attrezzi, vicino alla stufa; questo non � un Kapo che dia noia, perch� non � ebreo e non ha paura di perdere il posto. Il Vorarbeiter ha distribuito le leve di ferro a noi e le binde ai suoi amici; � avvenuta la solita piccola lotta per conquistare le leve pi� leggere, e oggi a me � andata male, la mia � quella storta, che pesa forse quindici chili; so che, se anche la dovessi adoperare a vuoto, dopo mezz'ora sar� morto di fatica. Poi ce ne siamo andati, ciascuno con la sua leva, zoppicando nella neve in disgelo. A ogni passo, un po' di neve e di fango aderiscono alle nostre suole di legno, finch� si cammina instabili su due pesanti ammassi informi di cui non ci si riesce a liberare; a un tratto uno si stacca, e allora � come se una gamba fosse un palmo pi� corta dell'altra. Oggi bisogna scaricare dal vagone un enorme cilindro di ghisa: credo che sia un tubo di sintesi, peser� parecchie tonnellate. Per noi � meglio cos�, perch� notoriamente si fatica di meno coi grandi carichi che coi piccoli; infatti il lavoro � pi� suddiviso e ci vengono concessi attrezzi adeguati; per� siamo in pericolo, non bisogna mai distrarsi, basta una svista di un attimo e si pu� essere travolti. Meister Nogalla in persona, il capomastro polacco, rigido serio e taciturno, ha sorvegliato l'operazione di scarico. Ora il cilindro giace al suolo e Meister Nogalla dice: - Bohlen holen. A noi si svuota il cuore. Vuol dire �portare traversine� per costruire nel fango molle la via su cui il cilindro verr� sospinto colle leve fin dentro la fabbrica. Ma le traversine sono incastrate nel terreno, e pesano ottanta chili; sono all'incirca al limite delle nostre forze. I pi� robusti di noi possono, lavorando in coppia, portare traversine per qualche ora; per me � una tortura, il carico mi storpia l'osso della spalla, dopo il primo viaggio sono sordo e quasi cieco per lo sforzo, e commetterei qualunque bassezza per sottrarmi al secondo. Prover� a mettermi in coppia con Resnyk, che pare un buon lavoratore, e inoltre, essendo di alta statura, verr� a sopportare la maggior parte del peso. So che � nell'ordine delle cose che Resnyk mi rifiuti con disprezzo, e si metta in coppia con un altro individuo robusto; e allora io chieder� di andare alla latrina, e ci star� il pi� a lungo possibile, e poi cercher� di nascondermi con la certezza di essere immediatamente rintracciato, deriso e percosso; ma tutto � meglio di questo lavoro. Invece no: Resnyk accetta, non solo, ma solleva da solo la traversina e me l'appoggia sulla spalla destra con precauzione; poi alza l'altra estremit�, vi pone sotto la spalla sinistra e partiamo. La traversina � incrostata di neve e di fango, a ogni passo mi batte contro l'orecchio e la neve mi scivola nel collo. Dopo una cinquantina di passi, sono al limite di quanto si suole chiamare la normale sopportazione: le ginocchia si piegano, la spalla duole come stretta in una morsa, l'equilibrio � in pericolo. A ogni passo sento le scarpe succhiate dal fango avido, da questo fango polacco onnipresente il cui orrore monotono riempie le nostre giornate. Mi mordo profondamente le labbra: a noi � noto che il procurarsi un piccolo dolore estraneo serve come stimolante per mobilitare le estreme riserve di energia. Anche i Kapos lo sanno: alcuni ci percuotono per pura bestialit� e violenza, ma ve ne sono altri che ci percuotono quando siamo sotto il carico, quasi amorevolmente, accompagnando le percosse con esortazioni e incoraggiamenti, come fanno i carrettieri coi cavalli volenterosi. Arrivati al cilindro, scarichiamo a terra la traversina, e io resto impalato, cogli occhi vuoti, la bocca aperta e le braccia penzoloni, immerso nella estasi effimera e negativa della cessazione del dolore. In un crepuscolo di esaurimento, attendo lo spintone che mi costringer� a riprendere il lavoro, e cerco di profittare di ogni secondo dell'attesa per ricuperare qualche energia. Ma lo spintone non viene; Resnyk mi tocca il gomito, il pi� lentamente possibile ritorniamo alle traversine. L� si aggirano gli altri, a coppie, cercando tutti di indugiare quanto pi� possono prima di sottoporsi al carico. - Allons, petit, attrape -. Questa traversina � asciutta e un po' pi� leggera, ma alla fine del secondo viaggio mi presento al Vorarbeiter e chiedo di andare alla latrina. Noi abbiamo il vantaggio che la nostra latrina � piuttosto lontana; questo ci autorizza, una volta al giorno, a una assenza un po' pi� lunga che di norma, e inoltre, poich� � proibito recarvisi da soli, ne � seguito che Wachsmann, il pi� debole e maldestro del Kommando, � stato investito della carica di Scheissbegleiter, �accompagnatore alle latrine�; Wachsmann, per virt� di tale nomina, � responsabile di un nostro ipotetico (risibile ipotesi!) tentativo di fuga, e, pi� realisticamente, di ogni nostro ritardo. Poich� la mia domanda � stata accettata, me ne parto nel fango, nella neve grigia e tra i rottami metallici, scortato dal piccolo Wachsmann. Con questo non riesco a intendermi, perch� non abbiamo alcuna lingua in comune; ma i suoi compagni mi hanno detto che � rabbino, � anzi un Melamed, un dotto della Thor�, e inoltre, al suo paese, in Galizia, aveva fama di guaritore e di taumaturgo. N� sono lontano dal crederlo, pensando come, cos� esile e fragile e mite, riesca da due anni a lavorare senza ammalarsi e senza morire, acceso invece di una stupefacente vitalit� di sguardo e di parola per cui passa lunghe sere a discutere di questioni talmudiche, incomprensibilmente, in yiddisch e in ebraico, con Mendi che � rabbino modernista. La latrina � un'oasi di pace. E' una latrina provvisoria, che i tedeschi non hanno ancora provveduto delle consuete tramezze in legno che separano i vari scompartimenti: �Nur f�r Engl�nder�, �Nur f�r Polen�, �Nur f�r Ukrainische Frauen� e cos� via, e, un po' in disparte, �Nur f�r H�ftlinge�. All'interno, spalla a spalla, siedono quattro H�ftlinge famelici; un vecchio barbuto operaio russo con la fascia azzurra O.S.T. sul braccio sinistro; un ragazzo polacco, con una grande P. bianca sulla schiena e sul petto; un prigioniero militare inglese, dal viso splendidamente rasato e roseo, con la divisa kaki nitida, stirata e pulita, a parte il grosso marchio K.G. (Kriegsgefangener) sul dorso. Un quinto H�ftling sta sulla porta, e ad ogni civile che entra sfilandosi la cintola, chiede paziente e monotono: - Etes-vous fran�ais? Quando ritorno al lavoro, si vedono passare gli autocarri del rancio, il che vuol dire che sono le dieci, e questa � gi� un'ora rispettabile, tale che la pausa di mezzogiorno gi� si profila nella nebbia del futuro remoto e noi possiamo cominciare ad attingere energia dall'attesa. Faccio con Resnyk ancora due o tre viaggi, cercando con ogni cura, anche spingendoci a cataste lontane, di trovare traversine pi� leggere, ma ormai tutte le migliori sono gi� state trasportate, e non restano che le altre, atroci, dagli spigoli vivi, pesanti di fango e ghiaccio, con inchiodate le piastre metalliche per adattarvi le rotaie. Quando viene Franz a chiamare Wachsmann perch� vada con lui a ritirare il rancio, vuol dire che sono le undici, e il mattino � quasi passato, e al pomeriggio nessuno pensa. Poi c'� il ritorno della corv�e, alle undici e mezzo, e l'interrogatorio stereotipo, quanta zuppa oggi, e di che qualit�, e se ci � toccata dal principio o dal fondo del mastello; io mi sforzo di non farle, queste domande, ma non posso impedirmi di tendere avidamente l'orecchio alle risposte, e il naso al fumo che viene col vento dalla cucina. E finalmente, come una meteora celeste, sovrumana e impersonale come un segno divino, la sirena di mezzogiorno esplode a esaudire le nostre stanchezze e le nostre fami anonime e concordi. E di nuovo accadono le cose solite: tutti accorriamo alla baracca, e ci mettiamo in fila colle gamelle tese, e tutti abbiamo una fretta animalesca di perfonderci i visceri con l'intruglio caldo, ma nessuno vuol essere il primo, perch� al primo tocca la razione pi� liquida. Come al solito il Kapo ci irride e ci insulta per la nostra voracit�, e si guarda bene dal rimescolare la marmitta, perch� il fondo spetta notoriamente a lui. Poi viene la beatitudine (positiva questa, e viscerale) della distensione e del calore nel ventre e nella capanna intorno alla stufa rombante. I fumatori, con gesti avari e pii, si arrotolano una magra sigaretta, e gli abiti di tutti, madidi di fango e di neve, fumano densi alla vampa della stufa, con odore di canile e di gregge. Una tacita convenzione vuole che nessuno parli: in un minuto tutti dormono, serrati gomito a gomito, cascando improvvisi in avanti e riprendendosi con un irrigidirsi del dorso. Di dietro alle palpebre appena chiuse, erompono i sogni con violenza, e anche questi sono i soliti sogni. Di essere a casa nostra, in un meraviglioso bagno caldo. Di essere a casa nostra seduti a tavola. Di essere a casa e raccontare questo nostro lavorare senza speranza, questo nostro aver fame sempre, questo nostro dormire di schiavi. Poi, in seno ai vapori delle digestioni torpide, un nucleo doloroso si condensa, e ci punge, e cresce fino a varcare le soglie della coscienza, e ci toglie la gioia del sonno. �Es wird bald ein Uhr sein�: � quasi la una. Come un cancro rapido e vorace, fa morire il nostro sonno e ci stringe di angoscia preventiva: tendiamo l'orecchio al vento che fischia fuori e al leggero fruscio della neve contro il vetro, �es wird schnell ein Uhr sein�. Mentre ognuno si aggrappa al sonno perch� non ci abbandoni, tutti i sensi sono tesi nel raccapriccio del segnale che sta per venire, che � fuori della porta, che � qui... Eccolo. Un tonfo al vetro, Meister Nogalla ha lanciato contro la finestrella una palla di neve, ed ora sta rigido in piedi fuori, e tiene l'orologio col quadrante rivolto verso di noi. Il Kapo si alza in piedi, si stira, e dice, sommesso come chi non dubita di essere obbedito: - Alles heraus, - tutti fuori. Oh poter piangere! Oh poter affrontare il vento come un tempo facevamo, da pari a pari, e non come qui, come vermi vuoti di anima! Siamo fuori, e ciascuno riprende la sua leva. Resnyk insacca la testa fra le spalle, si calca il berretto sugli orecchi, e leva il viso al cielo basso e grigio da cui turbina la neve inesorabile: - Si j'avey une chien, je ne le chasse pas dehors. Una buona giornata. La persuasione che la vita ha uno scopo � radicata in ogni fibra di uomo, � una propriet� della sostanza umana. Gli uomini liberi d�nno a questo scopo molti nomi, e sulla sua natura molto pensano e discutono: ma per noi la questione � pi� semplice. Oggi e qui, il nostro scopo � di arrivare a primavera. Di altro, ora, non ci curiamo. Dietro a questa meta non c'�, ora, altra meta. Al mattino, quando, in fila in piazza dell'Appello, aspettiamo senza fine l'ora di partire per il lavoro, e ogni soffio di vento penetra sotto le vesti e corre in brividi violenti per i nostri corpi indifesi, e tutto � grigio intorno, e noi siamo grigi; al mattino, quando � ancor buio, tutti scrutiamo il cielo a oriente a spiare i primi indizi della stagione mite, e il levare del sole viene ogni giorno commentato: oggi un po' prima di ieri; oggi un po' pi� caldo di ieri; fra due mesi, fra un mese, il freddo ci dar� tregua, e avremo un nemico di meno. Oggi per la prima volta il sole � sorto vivo e nitido fuori dell'orizzonte di fango. E' un sole polacco freddo bianco e lontano, e non riscalda che l'epidermide, ma quando si � sciolto dalle ultime brume un mormorio � corso sulla nostra moltitudine senza colore, e quando io pure ho sentito il tepore attraverso i panni, ho compreso come si possa adorare il sole. - Das Schlimmste ist vor�ber, - dice Ziegler tendendo al sole le spalle aguzze: il peggio � passato. Accanto a noi � un gruppo di greci, di questi ammirevoli e terribili ebrei Saloniki tenaci, ladri, saggi, feroci e solidali, cos� determinati a vivere e cos� spietati avversari nella lotta per la vita; di quei greci che hanno prevalso, nelle cucine e in cantiere, e che perfino i tedeschi rispettano e i polacchi temono. Sono al loro terzo anno di campo, e nessuno sa meglio di loro che cosa � il campo; ora stanno stretti in cerchio, spalla a spalla, e cantano una delle loro interminabili cantilene. Felicio il greco mi conosce: - L'ann�e prochaine � la maison! mi grida; ed aggiunge: - ... � la maison par la Chemin�e! - Felicio � stato a Birkenau. E continuano a cantare, e battono i piedi in cadenza, e si ubriacano di canzoni. Quando siamo finalmente usciti dalla grande porta del campo, il sole era discretamente alto e il cielo sereno. Si vedevano a mezzogiorno le montagne; a ponente, familiare e incongruente, il campanile di Auschwitz (qui, un campanile!) e tutto intorno i palloni frenati dello sbarramento. I fumi della Buna ristagnavano nell'aria fredda, e si vedeva anche una fila di colline basse, verdi di foreste: e a noi si � stretto il cuore, perch� tutti sappiamo che l� � Birkenau, che l� sono finite le nostre donne, e presto anche noi vi finiremo: ma non siamo abituati a vederlo. Per la prima volta ci siamo accorti che, ai due lati della strada, anche qui i prati sono verdi: perch�, se non c'� sole, un prato � come se non fosse verde. La Buna no: la Buna � disperatamente ed essenzialmente opaca e grigia. Questo sterminato intrico di ferro, di cemento, di fango e di fumo � la negazione della bellezza. Le sue strade e i suoi edifici si chiamano come noi, con numeri o lettere, o con nomi disumani e sinistri. Dentro al suo recinto, non cresce un filo d'erba, e la terra � impregnata dei succhi velenosi del carbone e del petrolio, e nulla � vivo se non macchine e schiavi: e pi� quelle di questi. La Buna � grande come una citt�; vi lavorano, oltre ai dirigenti e ai tecnici tedeschi, quarantamila stranieri, e vi si parlano quindici o venti linguaggi, Tutti gli stranieri abitano in vari Lager, che alla Buna fanno corona: il Lager dei prigionieri di guerra inglesi, il Lager delle donne ucraine, il Lager dei francesi volontari, e altri che noi non conosciamo. Il nostro Lager (Judenlager, Vernichtungslager, Kazett) fornisce da solo diecimila lavoratori, che vengono da tutte le nazioni d'Europa; e noi siamo gli schiavi degli schiavi, a cui tutti possono comandare, e il nostro nome � il numero che portiamo tatuato sul braccio e cucito sul petto. La Torre del Carburo, che sorge in mezzo alla Buna e la cui sommit� � raramente visibile in mezzo alla nebbia, siamo noi che l'abbiamo costruita. I suoi mattoni sono stati chiamati Ziegel, briques, tegula, cegli, kamenny, bricks, t�glak, e l'odio li ha cementati; l'odio e la discordia, come la Torre di Babele, e cos� noi la chiamiamo: Babelturm, Bobelturm; e odiamo in essa il sogno demente di grandezza dei nostri padroni, il loro disprezzo di Dio e degli uomini, di noi uomini. E oggi ancora, cos� come nella favola antica, noi tutti sentiamo, e i tedeschi stessi sentono, che una maledizione, non trascendente e divina, ma immanente e storica, pende sulla insolente compagine, fondata sulla confusione dei linguaggi ed eretta a sfida del cielo come una bestemmia di pietra. Come diremo, dalla fabbrica di Buna, attorno a cui per quattro anni i tedeschi si adoperarono, e in cui noi soffrimmo e morimmo innumerevoli, non usc� mai un chilogrammo di gomma sintetica. Ma oggi le eterne pozzanghere, su cui trema un velo iridato di petrolio, riflettono il cielo sereno. Tubi, travi, caldaie, ancora freddi del gelo della notte, sono grondanti di rugiada. La terra smossa degli scavi, i mucchi di carbone, i blocchi di cemento, esalano in lieve nebbia l'umidit� dell'inverno. Oggi � una buona giornata. Ci guardiamo intorno come ciechi che riacquistino la vista, e ci guardiamo l'un l'altro. Non ci eravamo mai visti al sole: qualcuno sorride. Se non fosse della fame! Poich� tale � la natura umana, che le pene e i dolori simultaneamente sofferti non si sommano per intero nella nostra sensibilit�, ma si nascondono, i minori dietro i maggiori, secondo una legge prospettica definita. Questo � provvidenziale, e ci permette di vivere in campo. Ed � anche questa la ragione per cui cos� spesso, nella vita libera, si sente dire che l'uomo � incontentabile: mentre, piuttosto che di una incapacit� umana per uno stato di benessere assoluto, si tratta di una sempre insufficiente conoscenza della natura complessa dello stato di infelicit�, per cui alle sue cause, che sono molteplici e gerarchicamente disposte, si d� un solo nome, quello della causa maggiore; fino a che questa abbia eventualmente a venir meno, e allora ci si stupisce dolorosamente al vedere che dietro ve n'� un'altra; e in realt�, una serie di altre. Perci�, non appena il freddo, che per tutto l'inverno ci era parso l'unico nemico, � cessato, noi ci siamo accorti di avere fame: e, ripetendo lo stesso errore cos� oggi diciamo: �Se non fosse della fame!...� Ma come si potrebbe pensare di non aver fame? il Lager � la fame: noi stessi siamo la fame, fame vivente. Al di l� della strada lavora una draga. La benna, sospesa ai cavi, spalanca le mascelle dentate, si libra un attimo come esitante nella scelta, poi si avventa alla terra argillosa e morbida, e azzanna vorace, mentre dalla cabina di comando sale uno sbuffo soddisfatto di fumo bianco e denso. Poi si rialza, fa un mezzo giro, e vomita a tergo il boccone di cui � grave, e ricomincia. Appoggiati alle nostre pale, noi stiamo a guardare affascinati. A ogni morso della benna, le bocche si socchiudono, i pomi d'Adamo danzano in su e poi in gi�, miseramente visibili sotto la pelle floscia. Non riusciamo a svincolarci dallo spettacolo del pasto della draga. Sigi ha diciassette anni, ed ha pi� fame di tutti quantunque riceva ogni sera un po' di zuppa da un suo protettore, verosimilmente non disinteressato. Aveva cominciato col parlare della sua casa di Vienna e di sua madre, ma poi � scivolato nel tema della cucina, e ora racconta senza fine di non so che pranzo nuziale e ricorda, con genuino rimpianto, di non aver finito il terzo piatto di zuppa di fagioli. E tutti lo fanno tacere, e non passano dieci minuti, che B�la ci descrive la sua campagna ungherese, e i campi di granoturco, e una ricetta per fare la polenta dolce, con la meliga tostata, e il lardo, e le spezie, e... e viene maledetto, insultato, e comincia un terzo a raccontare... Come � debole la nostra carne! Io mi rendo conto appieno di quanto siano vane queste fantasie di fame, ma non mi posso sottrarre alla legge comune, e mi danza davanti agli occhi la pasta asciutta che avevamo appena cucinata, Vanda, Luciana, Franco ed io, in Italia al campo di smistamento, quando ci � giunta a un tratto la notizia che all'indomani saremmo partiti per venire qui; e stavamo mangiandola (era cos� buona, gialla, solida) e abbiamo smesso, noi sciocchi, noi insensati: se avessimo saputo! E se ci dovesse succedere un'altra volta... Assurdo; se una cosa � certa al mondo, � bene questa: che non ci succeder� un'altra volta. Fischer, l'ultimo arrivato, cava di tasca un involto, confezionato con la minuzia degli ungheresi, e dentro c'� mezza razione di pane: la met� del pane di stamattina. E' ben noto che solo i Grossi Numeri conservano in tasca il loro pane; nessuno di noi anziani � in grado di serbare il pane per un'ora. Varie teorie circolano per giustificare questa nostra incapacit�: il pane mangiato a poco per volta non si assimila del tutto; la tensione nervosa necessaria per conservare il pane, avendo fame, senza intaccarlo, � nociva e debilitante in alto grado; il pane che diviene raffermo perde rapidamente il suo valore alimentare, per cui, tanto prima viene ingerito, tanto pi� risulta nutriente; Alberto dice che la fame e il pane in tasca sono addendi di segno contrario, che si elidono automaticamente a vicenda e non possono coesistere nello stesso individuo; i pi�, infine, affermano giustamente che lo stomaco � la cassaforte pi� sicura contro i furti e le estorsioni.- Moi, on m'a jamais vol� mon pain! - ringhia David battendosi lo stomaco concavo: ma non pu� distrarre gli occhi da Fischer che mastica lento e metodico, dal �fortunato� che possiede ancora mezza razione alle dieci del mattino: - ... sacr� veinard, va! Ma non soltanto a causa del sole oggi � giorno di gioia: a mezzogiorno una sorpresa ci attende. Oltre al rancio normale del mattino, troviamo nella baracca una meravigliosa marmitta da cinquanta litri, di quelle della Cucina di Fabbrica, quasi piena. Templer ci guarda trionfante: questa �organizzazione� � opera sua. Templer � l'organizzatore ufficiale del nostro Kommando: ha per la zuppa dei Civili una sensibilit� squisita, come le api per i fiori. Il nostro Kapo, che non � un cattivo Kapo, gli lascia mano libera, e con ragione: Templer parte seguendo piste impercettibili, come un segugio, e ritorna con la preziosa notizia che gli operai polacchi del Metanolo, a due chilometri di qui, hanno avanzato quaranta litri di zuppa perch� sapeva di rancido, o che un vagone di rape sta incustodito sul binario morto della Cucina di Fabbrica. Oggi i litri sono cinquanta, e noi siamo quindici, Kapo e Vorarbeiter compresi. Sono tre litri a testa; uno lo avremo a mezzogiorno, oltre al rancio normale, e per gli altri due, andremo a turno nel pomeriggio alla baracca, e ci saranno eccezionalmente concessi cinque minuti di sospensione del lavoro per fare il pieno. Che si potrebbe desiderare di pi�? Anche il lavoro ci pare leggero, con la prospettiva dei due litri densi e caldi che ci attendono nella baracca. Periodicamente viene il Kapo fra noi, e chiama: - Wer hat noch zu fressen? Questo non gi� per derisione o per scherno, ma perch� realmente questo nostro mangiare in piedi, furiosamente, scottandoci la bocca e la gola, senza il tempo di respirare, � �fressen�, il mangiare delle bestie, e non certo �essen�, il mangiare degli uomini, seduti davanti a un tavolo, religiosamente. �Fressen� � il vocabolo proprio, quello comunemente usato fra noi. Meister Nogalla assiste, e chiude un occhio sul nostro assentarci dal lavoro. Anche Meister Nogalla ha l'aria di aver fame, e se non fosse delle convenienze sociali, forse non rifiuterebbe un litro della nostra broda calda. Viene il turno di Templer, a cui, con plebiscitario consenso, sono stati destinati cinque litri, prelevati dal fondo della marmitta. Ch� Templer, oltre a essere un buon organizzatore, � un eccezionale mangiatore di zuppa, e, cosa unica, � in grado di svuotare l'intestino, volontariamente e preventivamente, in vista di un pasto voluminoso: il che contribuisce alla sua capacit� gastrica stupefacente. Di questo suo dono egli va giustamente fiero, e tutti, anche Meister Nogalla, ne sono a conoscenza. Accompagnato dalla gratitudine di tutti, il benefattore Templer si chiude pochi istanti nella latrina, esce radioso e pronto, e si avvia, fra la generale benevolenza, a godere il frutto della sua opera: - Nu, Templer, hast du Platz genug f�r die Suppe gemacht? Al tramonto, suona la sirena del Feierabend, della fine del lavoro; e poich� siamo tutti, almeno per qualche ora, sazi, cos� non sorgono litigi, ci sentiamo buoni, il Kapo non si induce a picchiarci, e siamo capaci di pensare alle nostre madri e alle nostre mogli, il che di solito non accade. Per qualche ora, possiamo essere infelici alla maniera degli uomini liberi. Al di qua del bene e del male Avevamo una incorreggibile tendenza a vedere in ogni avvenimento un simbolo e un segno. Da ormai settanta giorni si faceva attendere il W�schetauschen, che � la cerimonia del cambio della biancheria, e gi� circolava insistente la voce che mancava biancheria di ricambio perch�, a causa dell'avanzare del fronte, era preclusa ai tedeschi la possibilit� di fare affluire ad Auschwitz nuovi trasporti, e �perci�� la liberazione era prossima; e parallelamente, la interpretazione opposta, che il ritardo nel cambio era segno sicuro di una prossima integrale liquidazione del campo. Invece il cambio venne, e, come al solito, la direzione del Lager pose ogni cura perch� avvenisse improvvisamente, e ad un tempo in tutte le baracche. Bisogna sapere infatti che in Lager la stoffa manca, ed � preziosa; e che l'unico modo che noi abbiamo di procurarci uno straccio per nettarci il naso, o una pezza da piedi, � appunto quello di tagliare un lembo di camicia al momento del cambio. Se la camicia ha le maniche lunghe, si tagliano le maniche; se no, ci si accontenta di un rettangolo dal fondo, o si scuce una delle numerose rappezzature. In ogni caso, occorre un certo tempo per procurarsi ago e filo, e per eseguire l'operazione con qualche arte, in modo che il guasto non sia troppo evidente all'atto della consegna. La biancheria sporca e lacera passa alla rinfusa alla Sartoria del campo, dove viene sommariamente rappezzata, indi alla disinfezione a vapore (non al lavaggio!) e viene poi ridistribuita; da ci�, per salvaguardare la biancheria usata dalle accennate mutilazioni, la necessit� di fare avvenire i cambi nel modo pi� improvviso. Ma, sempre come al solito, non si � potuto evitare che qualche sguardo sagace penetrasse sotto il telone del carro che usciva dalla disinfezione, in modo che in pochi minuti il campo ha saputo dell'imminenza di un W�schetauschen, e per giunta, che questa volta si trattava di camicie nuove, provenienti da un trasporto di ungheresi arrivato tre giorni fa. La notizia ha avuto immediata risonanza. Tutti i detentori abusivi di seconde camicie, rubate od organizzate, o magari onestamente comperate con pane per ripararsi dal freddo o per investire capitale in un momento di prosperit�, si sono precipitati alla Borsa, sperando di arrivare in tempo a riscambiare con generi di consumo la loro camicia di riserva prima che l'ondata delle camicie nuove, o la certezza del loro arrivo, svalutassero irreparabilmente il prezzo dell'articolo. La Borsa � attivissima sempre. Bench� ogni scambio (anzi, ogni forma di possesso) sia esplicitamente proibito, e bench� frequenti rastrellamenti di Kapos o Block�lteste travolgano a intervalli in un'unica fuga mercanti, clienti e curiosi, tuttavia, nell'angolo nordest del Lager (significativamente, l'angolo pi� lontano dalle baracche delle S.S.), non appena le squadre sono rientrate dal lavoro, siede in permanenza un assembramento tumultuoso, all'aperto d'estate, dentro un lavatoio d'inverno. Qui si aggirano a decine, colle labbra socchiuse e gli occhi rilucenti, i disperati della fame, che un istinto fallace spinge col� dove le mercanzie esibite rendono pi� acre il rodimento dello stomaco, e pi� assidua la salivazione. Sono muniti, nel migliore dei casi, della misera mezza razione di pane che, con sforzo doloroso, hanno risparmiato fin dal mattino, nella speranza insensata che si presenti l'occasione di un baratto vantaggioso con qualche ingenuo, ignaro delle quotazioni del momento. Alcuni di questi, con selvaggia pazienza, acquistano colla mezza razione un litro di zuppa, che, appartatisi, sottopongono alla metodica estrazione dei pochi pezzi di patata giacenti sul fondo; ci� fatto, la riscambiano con pane, e il pane con un nuovo litro da denaturare, e questo fino a esaurimento dei nervi, o fino a che qualche danneggiato, coltili sul fatto, non infligga loro una severa lezione, esponendoli alla derisione pubblica. Alla stessa specie appartengono coloro che vengono in Borsa a vendere la loro unica camicia; essi ben sanno quello che accadr�, alla prossima occasione, quando il Kapo constater� che sono nudi sotto la giacca. Il Kapo chieder� loro che cosa hanno fatto della camicia; � una pura domanda retorica, una formalit� utile soltanto per entrare in argomento. Loro risponderanno che la camicia � stata rubata nel lavatoio; anche questa risposta � di prammatica, e non pretende di essere creduta; infatti anche le pietre del Lager sanno che, novantanove volte su cento, chi non ha camicia se la � venduta per fame, e che del resto della propria camicia si � responsabili, perch� essa appartiene al Lager. Allora il Kapo li percuoter�, verr� loro assegnata un'altra camicia, e presto o tardi ricominceranno. Ciascuno nel suo angolo consueto, stazionano in Borsa i mercanti di professione; primi fra questi i greci, immobili e silenziosi come sfingi, accovacciati a terra dietro alle gamelle di zuppa densa, frutto del loro lavoro, delle loro combinazioni e della loro solidariet� nazionale. I greci sono ormai ridotti a pochissimi, ma hanno portato un contributo di prim'ordine alla fisionomia del campo, ed al gergo internazionale che vi circola. Tutti sanno che �caravana� � la gamella, e che �la comedera es buena� vuol dire che la zuppa � buona; il vocabolo che esprime l'idea generica di furto, � �klepsi-klepsi�, di evidente origine greca. Questi pochi superstiti della colonia ebraica di Salonicco, dal duplice linguaggio, spagnolo ed ellenico, e dalle molteplici attivit�, sono i depositari di una concreta, terrena, consapevole saggezza in cui confluiscono le tradizioni di tutte le civilt� mediterranee. Che questa saggezza si risolva in campo con la pratica sistematica e scientifica del furto e dell'assalto alle cariche, e con il monopolio della Borsa dei baratti non deve far dimenticare che la loro ripugnanza dalla brutalit� gratuita, la loro stupefacente coscienza del sussistere di una almeno potenziale dignit� umana, facevano dei greci in Lager il nucleo nazionale pi� coerente, e, sotto questi aspetti, pi� civile. Puoi trovare in Borsa gli specializzati in furti alla cucina, con le giacche sollevate da misteriosi rigonfi. Mentre per la zuppa esiste un prezzo pressoch� stabile (mezza razione di pane per un litro), la quotazione delle rape, carote, patate � estremamente capricciosa, e dipende fortemente, fra altri fattori, anche dalla diligenza e dalla corruttibilit� dei guardiani di turno ai magazzini. Si vende il Mahorca: il Mahorca � un tabacco di scarto, in forma di schegge legnose, il quale � ufficialmente in vendita alla Kantine, in pacchetti da cinquanta grammi, contro versamento dei �buonipremio� che la Buna dovrebbe distribuire ai migliori lavoratori. Tale distribuzione avviene irregolarmente con grande parsimonia e palese iniquit�, in modo che la massima parte dei buoni finiscono, direttamente o per abuso di autorit�, nelle mani dei Kapos e dei prominenti; tuttavia i buoni-premio della Buna circolano sul mercato del Lager in funzione di moneta, e il loro valore � variabile in stretta obbedienza alle leggi dell'economia classica. Ci sono stati periodi in cui per il buono-premio si � pagata una razione di pane, poi una e un quarto, anche una e un terzo; un giorno � stato quotato una razione e mezza, ma poi � venuto meno il rifornimento di Mahorca alla Kantine, e allora, mancando la copertura, la moneta � precipitata di colpo a un quarto di razione. E' successo un altro periodo di rialzo dovuto a una singolare ragione: il cambio della guardia al Frauenblock, con arrivo di un contingente di robuste ragazze polacche. Infatti, poich� il buono-premio � valido (per i criminali e i politici: non per gli ebrei, i quali d'altronde non soffrono della limitazione) per un ingresso al Frauenblock, gli interessati ne hanno fatta attiva e rapida incetta: donde la rivalutazione, che per altro non ebbe lunga durata. Fra i comuni H�ftlinge, non sono molti quelli che ricercano il Mahorca per fumarlo personalmente; per lo pi�, esso esce dal campo, e finisce ai lavoratori civili della Buna. E' questo uno schema di �kombinacja� assai diffuso: lo H�ftling, economizzata in qualche modo una razione di pane, la investe in Mahorca; si mette cautamente in contatto con un �amatore� civile, che acquista il Mahorca effettuando il pagamento a contanti, con una dose di pane superiore a quella inizialmente stanziata. Lo H�ftling si mangia il margine di guadagno, e rimette in ciclo la razione che avanza. Speculazioni di questo genere stabiliscono un legame fra l'economia interna del Lager e la vita economica del mondo esterno: quando � venuta accidentalmente a mancare la distribuzione del tabacco alla popolazione civile di Cracovia, il fatto, superando la barriera di filo spinato che ci segrega dal consorzio umano, ha avuto immediata ripercussione in campo, provocando un netto rialzo della quotazione del Mahorca, e quindi del buono-premio. Il caso sopra delineato non � che il pi� schematico: un altro gi� pi� complesso � il seguente. Lo H�ftling acquista mediante Mahorca o pane, o magari ottiene in dono, da un civile, un qualunque abominevole, lacero, sporco cencio di camicia, il quale sia per� tuttora provvisto di tre fori adatti a passarvi bene o male le braccia e il capo. Purch� non porti che segni di usura, e non di mutilazioni artificiosamente fatte, un tale oggetto, all'atto del W�schetauschen, � valido come camicia, e d� diritto al cambio; tutt'al pi� colui che lo esibisce potr� ricevere un'adeguata dose di colpi per aver posto cos� poca cura nel conservare gli indumenti di ordinanza. Perci�, all'interno del Lager, non v'� grande differenza di valore fra una camicia degna di tal nome e uno straccio pieno di toppe; lo H�ftling di cui sopra non avr� difficolt� a trovare un compagno in possesso di una camicia in stato commerciabile, e che non possa valorizzarla perch�, per ragioni di ubicazione di lavoro, o di linguaggio, o di intrinseca incapacit�, non � in relazione con lavoratori civili. Quest'ultimo si accontenter� di un modesto quantitativo di pane per accettare il cambio; infatti il prossimo W�schetauschen ristabilir� in certo modo il livellamento, ripartendo biancheria buona o cattiva in maniera perfettamente casuale. Ma il primo H�ftling potr� contrabbandare in Buna la camicia buona, e venderla al civile di prima (o ad un altro qualunque) per quattro, sei, fino a dieci razioni di pane. Questo cos� elevato margine di guadagno rispecchia la gravit� del rischio di uscire dal campo con pi� di una camicia indosso, o di rientrarvi senza camicia. Molte sono le variazioni su questo tema. C'� chi non esita a farsi estrarre le coperture d'oro dei denti per venderle in Buna contro pane o tabacco; ma � pi� comune il caso che tale traffico abbia luogo per interposta persona. Un �grosso numero�, vale a dire un nuovo arrivato, giunto da poco ma gi� a sufficienza abbrutito dalla fame e dalla tensione estrema della vita in campo, viene notato da un �piccolo numero� per qualche sua ricca protesi dentaria; il �piccolo� offre al �grosso� tre o quattro razioni di pane in contanti per sottoporsi all'estrazione. Se il grosso accetta, il piccolo paga, si porta l'oro in Buna, e, se � in contatto con un civile di fiducia, dal quale non ci siano da temere delazioni o raggiri, pu� realizzare senz'altro un guadagno di dieci fino a venti e pi� razioni, che gli vengono corrisposte gradualmente, una o due al giorno. Notiamo a tale proposito che, contrariamente a quanto avviene in Buna, quattro razioni di pane costituiscono l'importo massimo degli affari che si concludono entro il campo, perch� quivi sarebbe praticamente impossibile sia stipulare contratti a credito, sia preservare dalla cupidigia altrui e dalla fame propria una quantit� superiore di pane. Il traffico coi civili � un elemento caratteristico dell'Arbeitslager, e, come si � visto, ne determina la vita economica. E' d'altronde un reato, esplicitamente contemplato dal regolamento del campo e assimilato ai reati �politici�; viene perci� punito con particolare severit�. Lo H�ftling convinto di �Handel mit Zivilisten�, se non dispone di appoggi influenti, finisce a Gleiwitz III, a Janina, a Heidebreck alle miniere di carbone; il che significa la morte per esaurimento nel giro di poche settimane. Inoltre, lo stesso lavoratore civile suo complice pu� venire denunziato alla competente autorit� tedesca, e condannato a trascorrere in Vernichtungslager, nelle stesse nostre condizioni un periodo variabile, a quanto mi consta, dai quindici giorni agli otto mesi. Gli operai a cui viene applicato questo genere di contrappasso, vengono come noi spogliati all'ingresso, ma i loro effetti personali vengono conservati in un apposito magazzino. Non vengono tatuati e conservano i loro capelli, il che li rende facilmente riconoscibili, ma per tutta la durata della punizione sono sottoposti allo stesso nostro lavoro e alla nostra disciplina: escluse beninteso le selezioni. Lavorano in Kommandos particolari, e non hanno contatti di alcun genere con i comuni H�ftlinge. Infatti per loro il Lager costituisce una punizione, ed essi, se non morranno di fatica o di malattia, hanno molte probabilit� di ritornare fra gli uomini; se potessero comunicare con noi, ci� costituirebbe una breccia nel muro che ci rende morti al mondo, ed uno spiraglio sul mistero che regna fra gli uomini liberi intorno alla nostra condizione. Per noi invece il Lager non � una punizione; per noi non � previsto un termine, e il Lager altro non � che il genere di esistenza a noi assegnato, senza limiti di tempo, in seno all'organismo sociale germanico. Una sezione del nostro stesso campo � destinata appunto ai lavoratori civili, di tutte le nazionalit�, che devono soggiornarvi per un tempo pi� o meno lungo in espiazione dei loro rapporti illeciti con H�ftlinge. Tale sezione � separata dal resto del campo mediante un filo spinato, e si chiama E-Lager, ed E-H�ftlinge se ne chiamano gli ospiti. �E� � l'iniziale di �Erziehung�, che significa �educazione�. Tutte le combinazioni finora delineate sono fondate sul contrabbando di materiale appartenente al Lager. Per questo le S.S. sono cos� rigorose nel reprimerlo: l'oro stesso dei nostri denti � di loro propriet�, poich�, strappato dalle mascelle dei vivi o dei morti, tutto finisce presto o tardi nelle loro mani. E' dunque naturale che esse si adoperino affinch� l'oro non esca dal campo. Ma contro il furto in s�, la direzione del campo non ha alcuna prevenzione. Lo dimostra l'atteggiamento di ampia connivenza, manifestato dalle S.S. nei riguardi del contrabbando inverso. Qui le cose generalmente sono pi� semplici. Si tratta di rubare o ricettare qualcuno degli svariati attrezzi, utensili, materiali, prodotti eccetera, coi quali veniamo quotidianamente in contatto in Buna per ragioni di lavoro; introdurlo in campo la sera, trovare il cliente, ed effettuare il baratto contro pane o zuppa. Questo traffico � intensissimo: per certi articoli, che pure sono necessari alla vita normale del Lager, questa, del furto in Buna, � l'unica e regolare via di approvvigionamento. Tipici i casi delle scope, della vernice, del filo elettrico, del grasso da scarpe. Valga come esempio il traffico di quest'ultima merce. Come abbiamo altrove accennato, il regolamento del campo prescrive che ogni mattina le scarpe vengano unte e lucidate, e ogni Block�ltester � responsabile di fronte alle S.S. dell'ottemperanza alla disposizione da parte di tutti gli uomini della sua baracca. Si potrebbe quindi pensare che ogni baracca goda di una periodica assegnazione di grasso da scarpe, ma cos� non �: il meccanismo � un altro. Occorre premettere che ogni baracca riceve, a sera, un'assegnazione di zuppa che � alquanto pi� alta della somma delle razioni regolamentari; il di pi� viene ripartito secondo l'arbitrio del Block�ltester, il quale ne ricava, in primo luogo, gli omaggi per i suoi amici e protetti, in secondo, i compensi dovuti agli scopini, alle guardie notturne, ai controllori dei pidocchi e a tutti gli altri funzionari-prominenti della baracca. Quello che ancora avanza (e ogni accorto Block�ltester fa s� che sempre ne avanzi) serve precisamente per gli acquisti. Il resto si intende: quegli H�ftlinge a cui capita in Buna l'occasione di riempirsi la gamella di grasso od olio da macchina (o anche altro: qualunque sostanza nerastra e untuosa si considera rispondente allo scopo), giunti alla sera in campo, fanno sistematicamente il giro delle baracche, finch� trovano il Block�ltester che � sprovvisto dell'articolo o intende farne scorta. Del resto ogni baracca ha per lo pi� il suo fornitore abituale, col quale � stato pattuito un compenso fisso giornaliero, a condizione che egli fornisca il grasso ogni volta che la riserva stia per esaurirsi. Tutte le sere, accanto alle porte dei Tagesr�ume, stazionano pazientemente i capannelli dei fornitori: fermi in piedi per ore e ore sotto la pioggia o la neve, parlano concitatamente sottovoce di questioni relative alle variazioni dei prezzi e del valore del buono-premio. Ogni tanto qualcuno si stacca dal gruppo, fa una breve visita in Borsa, e torna con le ultime notizie. Oltre a quelli gi� nominati, innumerevoli sono gli articoli reperibili in Buna che possono essere utili al Block, o graditi al Block�ltester, o suscitare l'interesse o la curiosit� dei prominenti. Lampadine, spazzole, sapone comune e per barba, lime, pinze, sacchi, chiodi; si smercia l'alcool metilico, buono per farne beveraggi, e la benzina, buona per i rudimentali acciarini, prodigi dell'industria segreta degli artigiani del Lager. In questa complessa rete di furti e controfurti, alimentati dalla sorda ostilit� fra i comandi S.S. e le autorit� civili della Buna, una funzione di prim'ordine � esplicata dal Ka-Be. Il Ka-Be � il luogo di minor resistenza, la valvola da cui pi� facilmente si possono evadere i regolamenti ed eludere la sorveglianza dei capi. Tutti sanno che sono gli infermieri stessi quelli che rilanciano sul mercato, a basso prezzo, gli indumenti e le scarpe dei morti, e dei selezionati che partono nudi per Birkenau; sono gli infermieri e i medici che esportano in Buna i sulfamidici di assegnazione, vendendoli ai civili contro generi alimentari. Gli infermieri poi traggono ingente guadagno dal traffico dei cucchiai. Il Lager non fornisce cucchiaio ai nuovi arrivati, bench� la zuppa semiliquida non possa venir consumata altrimenti. I cucchiai vengono fabbricati in Buna, di nascosto e nei ritagli di tempo, dagli H�ftlinge che lavorano come specializzati in Kommandos di fabbri e lattonieri: si tratta di rozzi e massicci arnesi, ricavati da lamiere lavorate a martello, spesso col manico affilato, in modo che serva in pari tempo da coltello per affettare il pane. I fabbricanti stessi li vendono direttamente ai nuovi arrivati: un cucchiaio semplice vale mezza razione, un cucchiaio-coltello tre quarti di razione di pane. Ora, � legge che in Ka-Be si possa entrare col cucchiaio, non per� uscirne. Ai guariti, all'atto del rilascio e prima della vestizione, il cucchiaio viene sequestrato dagli infermieri, e da loro rimesso in vendita sulla Borsa. Aggiungendo ai cucchiai dei guariti quelli dei morti e dei selezionati, gli infermieri vengono a percepire ogni giorno il ricavato della vendita di una cinquantina di cucchiai. Per contro, i degenti rilasciati sono costretti a rientrare al lavoro collo svantaggio iniziale di mezza razione di pane da stanziarsi per l'acquisto di un nuovo cucchiaio. Infine, il Ka-Be � il principale cliente e ricettatore dei furti consumati in Buna: della zuppa destinata al Ka-Be, ben venti litri ogni giorno sono preventivati come fondo-furti per l'acquisto dagli specialisti degli articoli pi� svariati. C'� chi ruba tubo sottile di gomma, che viene utilizzato in Ka-Be per gli enteroclismi e le sonde gastriche; chi viene a offrire matite e inchiostri colorati, richiesti per la complicata contabilit� della fureria del Ka-Be; e termometri, e vetreria, e reagenti chimici, che escono dai magazzini della Buna nelle tasche degli H�ftlinge e trovano impiego nell'infermeria come materiale sanitario. E non vorrei peccare di immodestia aggiungendo che � stata nostra, di Alberto e mia, l'idea di rubare i rotoli di carta millimetrata dei termografi del Reparto Essiccazione, e di offrirli al Medico Capo del Ka-Be, suggerendogli di impiegarli sotto forma di moduli per i diagrammi polso-temperatura. In conclusione: il furto in Buna, punito dalla Direzione civile, � autorizzato e incoraggiato dalle S.S.; il furto in campo, represso severamente dalle S.S., � considerato dai civili una normale operazione di scambio; il furto fra H�ftlinge viene generalmente punito, ma la punizione colpisce con uguale gravit� il ladro e il derubato. Vorremmo ora invitare il lettore a riflettere, che cosa potessero significare in Lager le nostre parole �bene� e �male�, �giusto� e �ingiusto�; giudichi ognuno, in base al quadro che abbiamo delineato e agli esempi sopra esposti, quanto del nostro comune mondo morale potesse sussistere al di qua del filo spinato. I sommersi e i salvati. Questa, di cui abbiamo detto e diremo, � la vita ambigua del Lager. In questo modo duro, premuti sul fondo, hanno vissuto molti uomini dei nostri giorni, ma ciascuno per un tempo relativamente breve; per cui ci si potr� forse domandare se proprio metta conto, e se sia bene, che di questa eccezionale condizione umana rimanga una qualche memoria. A questa domanda ci sentiamo di rispondere affermativamente. Noi siamo infatti persuasi che nessuna umana esperienza sia vuota di senso e indegna di analisi, e che anzi valori fondamentali, anche se non sempre positivi, si possano trarre da questo particolare mondo di cui narriamo. Vorremmo far considerare come il Lager sia stato, anche e notevolmente, una gigantesca esperienza biologica e sociale. Si rinchiudano tra i fili spinati migliaia di individui diversi per et�, condizioni, origine, lingua, cultura e costumi, e siano quivi sottoposti a un regime di vita costante, controllabile, identico per tutti e inferiore a tutti i bisogni: � quanto di pi� rigoroso uno sperimentatore avrebbe potuto istituire per stabilire che cosa sia essenziale e che cosa acquisito nel comportamento dell'animale-uomo di fronte alla lotta per la vita. Noi non crediamo alla pi� ovvia e facile deduzione: che l'uomo sia fondamentalmente brutale, egoista e stolto come si comporta quando ogni sovrastruttura civile sia tolta, e che lo �H�ftling� non sia dunque che l'uomo senza inibizioni. Noi pensiamo piuttosto che, quanto a questo, null'altro si pu� concludere, se non che di fronte al bisogno e al disagio fisico assillanti, molte consuetudini e molti istinti sociali sono ridotti al silenzio. Ci pare invece degno di attenzione questo fatto: viene in luce che esistono fra gli uomini due categorie particolarmente ben distinte: i salvati e i sommersi. Altre coppie di contrari (i buoni e i cattivi, i savi e gli stolti, i vili e i coraggiosi, i disgraziati e i fortunati) sono assai meno nette, sembrano meno congenite, e soprattutto ammettono gradazioni intermedie pi� numerose e complesse. Questa divisione � molto meno evidente nella vita comune; in questa non accade spesso che un uomo si perda, perch� normalmente l'uomo non � solo, e, nel suo salire e nel suo discendere, � legato al destino dei suoi vicini; per cui � eccezionale che qualcuno cresca senza limiti in potenza, o discenda con continuit� di sconfitta in sconfitta fino alla rovina. Inoltre ognuno possiede di solito riserve tali, spirituali, fisiche e anche pecuniarie, che l'evento di un naufragio, di una insufficienza davanti alla vita, assume una anche minore probabilit�. Si aggiunga ancora che una sensibile azione di smorzamento � esercitata dalla legge, e dal senso morale, che � legge interna; viene infatti considerato tanto pi� civile un paese, quanto pi� savie ed efficienti vi sono quelle leggi che impediscono al misero di essere troppo misero, e al potente di essere troppo potente. Ma in Lager avviene altrimenti: qui la lotta per sopravvivere � senza remissione, perch� ognuno � disperatamente ferocemente solo. Se un qualunque Null Achtzehn vacilla, non trover� chi gli porga una mano; bens� qualcuno che lo abbatter� a lato, perch� nessuno ha interesse a che un �mussulmano� (1) di pi� si trascini ogni giorno al lavoro; e se qualcuno, con un miracolo di selvaggia pazienza e astuzia, trover� una nuova combinazione per defilarsi dal lavoro pi� duro, una nuova arte che gli frutti qualche grammo di pane, cercher� di tenerne segreto il modo, e di questo sar� stimato e rispettato, e ne trarr� un suo esclusivo personale giovamento; diventer� pi� forte, e perci� sar� temuto, e chi � temuto �, ipso facto, un candidato a sopravvivere. Nella storia e nella vita pare talvolta di discernere una legge feroce, che suona �a chi ha, sar� dato; a chi non ha, a quello sar� tolto�. Nel Lager, dove l'uomo � solo e la lotta per la vita si riduce al suo meccanismo primordiale, la legge iniqua � apertamente in vigore, � riconosciuta da tutti. Con gli adatti, con gli individui forti e astuti, i capi stessi mantengono volentieri contatti, talora quasi camerateschi, perch� sperano di poterne trarre forse pi� tardi qualche utilit�. Ma ai mussulmani, agli uomini in dissolvimento, non vale la pena di rivolgere la parola, poich� gi� si sa che si lamenterebbero, e racconterebbero quello che mangiavano a casa loro. Tanto meno vale la pena di farsene degli amici, perch� non hanno in campo conoscenze illustri, non mangiano niente extrarazione, non lavorano in Kommandos vantaggiosi e non conoscono nessun modo segreto di organizzare. E infine, si sa che sono qui di passaggio, e fra qualche settimana non ne rimarr� che un pugno di cenere in qualche campo non lontano, e su un registro un numero di matricola spuntato. Bench� inglobati e trascinati senza requie dalla folla innumerevole dei loro consimili, essi soffrono e si trascinano in una opaca intima solitudine, e in solitudine muoiono o scompaiono, senza lasciar traccia nella memoria di nessuno. Il risultato di questo spietato processo di selezione naturale si sarebbe potuto leggere nelle statistiche del movimento dei Lager. Ad Auschwitz, nell'anno 1944 dei vecchi prigionieri ebrei (degli altri non diremo qui, ch� altre erano le loro condizioni), �kleine Nummer�, piccoli numeri inferiori al centocinquantamila, poche centinaia sopravvivevano; NESSUNO di questi era un comune H�ftling, vegetante nei comuni Kommandos e pago della normale razione. Restavano solo i medici, i sarti, i ciabattini, i musicisti, i cuochi, i giovani attraenti omosessuali, gli amici o compaesani di qualche autorit� del campo; inoltre individui particolarmente spietati, vigorosi e inumani, insediatisi (in seguito a investitura da parte del comando delle S.S. che in tale scelta dimostravano di possedere una satanica conoscenza umana) nelle cariche di Kapo, di Block�ltester, o altre; e infine coloro che, pur senza rivestire particolari funzioni, per la loro astuzia ed energia fossero sempre riusciti a organizzare con successo, ottenendo cos�, oltre al vantaggio materiale e alla reputazione, anche indulgenza e stima da parte dei potenti del campo. Chi non sa diventare un Organisator, Kombinator, Prominent (truce eloquenza dei termini!) finisce in breve mussulmano. Una terza via esiste nella vita, dove � anzi la norma; non esiste in campo di concentramento. Soccombere � la cosa pi� semplice: basta eseguire tutti gli ordini che si ricevono, non mangiare che la razione, attenersi alla disciplina del lavoro e del campo. L'esperienza ha dimostrato che solo eccezionalmente si pu� in questo modo durare pi� di tre mesi. Tutti i mussulmani che vanno in gas hanno la stessa storia, o, per meglio dire, non hanno storia; hanno seguito il pendio fino al fondo, naturalmente, come i ruscelli che vanno al mare. Entrati in campo, per loro essenziale incapacit�, o per sventura, o per un qualsiasi banale incidente, sono stati sopraffatti prima di aver potuto adeguarsi; sono battuti sul tempo, non cominciano a imparare il tedesco e a discernere qualcosa nell'infernale groviglio di leggi e di divieti, che quando il loro corpo � gi� in sfacelo, e nulla li potrebbe pi� salvare dalla selezione o dalla morte per deperimento. La loro vita � breve ma il loro numero � sterminato; sono loro, i Muselm�nner, i sommersi, il nerbo del campo; loro, la massa anonima, continuamente rinnovata e sempre identica, dei non-uomini che marciano e faticano in silenzio, spenta in loro la scintilla divina, gi� troppo vuoti per soffrire veramente. Si esita a chiamarli vivi: si esita a chiamar morte la loro morte, davanti a cui essi non temono perch� sono troppo stanchi per comprenderla. Essi popolano la mia memoria della loro presenza senza volto, e se potessi racchiudere in una immagine tutto il male del nostro tempo, sceglierei questa immagine, che mi � familiare: un uomo scarno, dalla fronte china e dalle spalle curve, sul cui volto e nei cui occhi non si possa leggere traccia di pensiero. Se i sommersi non hanno storia, e una sola e ampia � la via della perdizione, le vie della salvazione sono invece molte, aspre ed impensate. La via maestra, come abbiamo accennato, � la Prominenz. �Prominenten� si chiamano i funzionari del campo, a partire dal direttore-H�ftling (Lager�ltester) ai Kapos, ai cuochi, agli infermieri, alle guardie notturne, fino agli scopini delle baracche e agli Scheissminister e Bademeister (sovraintendenti alle latrine e alle docce). Pi� specialmente interessano qui i prominenti ebrei, poich�, mentre gli altri venivano investiti degli incarichi automaticamente, al loro ingresso in campo, in virt� della loro supremazia naturale, gli ebrei dovevano intrigare e lottare duramente per ottenerli. I prominenti ebrei costituiscono un triste e notevole fenomeno umano. In loro convergono le sofferenze presenti, passate e ataviche, e la tradizione e l'educazione di ostilit� verso lo straniero, per farne mostri di asocialit� e di insensibilit�. Essi sono il tipico prodotto della struttura del Lager tedesco: si offra ad alcuni individui in stato di schiavit� una posizione privilegiata, un certo agio e una buona probabilit� di sopravvivere, esigendone in cambio il tradimento della naturale solidariet� coi loro compagni, e certamente vi sar� chi accetter�. Costui sar� sottratto alla legge comune, e diverr� intangibile; sar� perci� tanto pi� odioso e odiato, quanto maggior potere gli sar� stato concesso. Quando gli venga affidato il comando di un manipolo di sventurati, con diritto di vita o di morte su di essi, sar� crudele e tirannico, perch� capir� che se non lo fosse abbastanza, un altro, giudicato pi� idoneo, subentrerebbe al suo posto. Inoltre avverr� che la sua capacit� di odio, rimasta inappagata nella direzione degli oppressori, si riverser�, irragionevolmente, sugli oppressi: ed egli si trover� soddisfatto quando avr� scaricato sui suoi sottoposti l'offesa ricevuta dall'alto. Ci rendiamo conto che tutto questo � lontano dal quadro che ci si usa fare, degli oppressi che si uniscono, se non nel resistere, almeno nel sopportare. Non escludiamo che ci� possa avvenire quando l'oppressione non superi un certo limite, o forse quando l'oppressore, per inesperienza o per magnanimit�, lo tolleri o lo favorisca. Ma constatiamo che ai nostri giorni, in tutti i paesi in cui un popolo straniero ha posto piede da invasore, si � stabilita una analoga situazione di rivalit� e di odio fra gli assoggettati; e ci�, come molti altri fatti umani, si � potuto cogliere in Lager con particolare cruda evidenza. Sui prominenti non ebrei c'� meno da dire, bench� fossero di gran lunga i pi� numerosi (nessuno H�ftling �ariano� era privo di una carica, sia pure modesta). Che siano stati stolidi e bestiali � naturale, a chi pensi che per lo pi� erano criminali comuni, scelti dalle carceri tedesche in vista appunto del loro impiego come sovrintendenti nei campi per ebrei; e riteniamo che fosse questa una scelta ben accurata, perch� ci rifiutiamo di credere che gli squallidi esemplari umani che noi vedemmo all'opera rappresentino un campione medio, non che dei tedeschi in genere, anche soltanto dei detenuti tedeschi in specie. E' pi� difficile spiegarsi come in Auschwitz i prominenti politici tedeschi, polacchi e russi, rivaleggiassero in brutalit� con i rei comuni. Ma � noto che in Germania la qualifica di reato politico si applicava anche ad atti quali il traffico clandestino, i rapporti illeciti con ebree, i furti a danno di funzionari del Partito. I politici �veri� vivevano e morivano in altri campi, dal nome ormai tristemente famoso, in condizioni notoriamente durissime, ma sotto molti aspetti diverse da quelle qui descritte. Ma oltre ai funzionari propriamente detti, vi � una vasta categoria di prigionieri che, non favoriti inizialmente dal destino, lottano con le sole loro forze per sopravvivere. Bisogna risalire la corrente; dare battaglia ogni giorno e ogni ora alla fatica, alla fame, al freddo, e alla inerzia che ne deriva; resistere ai nemici e non aver piet� per i rivali; aguzzare l'ingegno, indurare la pazienza, tendere la volont�. O anche, strozzare ogni dignit� e spegnere ogni lume di coscienza, scendere in campo da bruti contro gli altri bruti, lasciarsi guidare dalle insospettate forze sotterranee che sorreggono le stirpi e gli individui nei tempi crudeli. Moltissime sono state le vie da noi escogitate e attuate per non morire: tante quanti sono i caratteri umani. Tutte comportano una lotta estenuante di ciascuno contro tutti, e molte una somma non piccola di aberrazioni e di compromessi. Il sopravvivere senza aver rinunciato a nulla del proprio mondo morale, a meno di potenti e diretti interventi della fortuna, non � stato concesso che a pochissimi individui superiori, della stoffa dei martiri e dei santi. In quanti modi si possa dunque raggiungere la salvazione, noi cercheremo di dimostrare raccontando le storie di Schepschel, Alfred L., Elias e Henri. Schepschel vive in Lager da quattro anni. Si � visti morire intorno decine di migliaia di suoi simili, a partire dal pogrom che lo ha cacciato dal suo villaggio in Galizia. Aveva moglie e cinque figli, e un prospero negozio di sellaio, ma da molto tempo si � disabituato dal pensare a s� altrimenti che come a un sacco che deve essere periodicamente riempito. Schepschel non � molto robusto, n� molto coraggioso, n� molto malvagio; non � neppure particolarmente astuto, e non ha mai trovato una sistemazione che gli conceda un po' di respiro, ma � ridotto agli espedienti spiccioli e saltuari, alle �kombinacje�, come qui si chiamano. Ogni tanto ruba in Buna una scopa e la rivende al Block�ltester; quando riesce a mettere da parte un po' di capitale-pane, prende in affitto i ferri dal ciabattino del Block, che � suo compaesano, e lavora qualche ora in proprio; sa fabbricare bretelle con filo elettrico intrecciato; Sigi mi ha detto che nella pausa di mezzogiorno lo ha visto cantare e ballare davanti alla capanna degli operai slovacchi, che lo ricompensano qualche volta con gli avanzi della loro zuppa. Ci� detto, ci si pu� sentire portati a pensare a Schepschel con indulgente simpatia, come a un meschino il cui spirito non alberga ormai che umile ed elementare volont� di vita, e che conduce valorosamente la sua piccola lotta per non soccombere. Ma Schepschel non era un'eccezione, e quando l'occasione si present�, non esit� a far condannare alla fustigazione Moischl, che gli era stato complice in un furto alla cucina, nella speranza, malamente fondata, di acquistarsi merito agli occhi del Block�ltester, e di porre la sua candidatura al posto di lavatore delle marmitte. La storia dell'ingegner Alfred L. dimostra, fra le altre cose, quanto sia vano il mito dell'uguaglianza originale fra gli uomini. L. dirigeva nel suo paese una importantissima fabbrica di prodotti chimici, e il suo nome era (ed �) noto negli ambienti industriali di tutta Europa. Era un uomo robusto sulla cinquantina; non so come fosse stato arrestato, ma in campo era entrato come tutti entravano: nudo, solo e sconosciuto. Quando io lo conobbi, era molto deperito, ma conservava sul viso i tratti di una energia disciplinata e metodica; in quel tempo, i suoi privilegi si limitavano alla pulitura giornaliera della marmitta degli operai polacchi; questo lavoro, di cui egli aveva ottenuto non so come l'esclusivit�, gli fruttava mezza gamella di zuppa al giorno. Non bastava certamente questo a soddisfare la sua fame; tuttavia nessuno lo aveva mai udito lamentarsi. Anzi, le poche parole che lasciava cadere erano tali da far pensare a grandiose risorse segrete, a una �organizzazione� solida e fruttuosa. Il che trovava conferma nel suo aspetto. L. aveva �una linea�: le mani e il viso sempre perfettamente puliti, aveva la rarissima abnegazione di lavarsi, ogni quindici giorni, la camicia, senza aspettare il cambio bimestrale (facciamo qui notare che lavare la camicia vuol dire trovare il sapone, trovare il tempo, trovare lo spazio nel lavatoio sovraffollato; adattarsi a sorvegliare attentamente, senza distogliere gli occhi un attimo, la camicia bagnata, e indossarla, naturalmente ancora bagnata, all'ora del silenzio, in cui si spengono le luci); possedeva un paio di suole di legno per andare alla doccia, e perfino il suo abito a righe era singolarmente adatto alla sua corporatura, pulito e nuovo. L. si era procurato in sostanza tutto l'aspetto del prominente assai prima di diventarlo: poich� solo molto tempo dopo ho saputo che tutta questa ostentazione di prosperit�, L. se l'era saputa guadagnare con incredibile tenacia, pagando i singoli acquisti e servizi col pane della sua stessa razione, e astringendosi cos� a un regime di privazioni supplementari. Il suo piano era di lungo respiro, il che � tanto pi� notevole, in quanto era stato concepito in un ambiente in cui dominava la mentalit� del provvisorio; e L. lo attu� con rigida disciplina interiore, senza piet� per s�, n�, a maggior ragione, per i compagni che gli traversassero il cammino. L. sapeva che fra l'essere stimato potente e il divenire effettivamente tale il passo � breve, e che dovunque, ma particolarmente frammezzo al generale livellamento del Lager, un aspetto rispettabile � la miglior garanzia di essere rispettato. Egli dedic� ogni cura al non essere confuso col gregge: lavorava con impegno ostentato, esortando anche all'occasione i compagni pigri, con tono suadente e deprecatorio; evitava la lotta quotidiana per il posto migliore nella coda del rancio, e si adattava a ricevere ogni giorno la prima razione, notoriamente pi� liquida, in modo da essere notato dal Block�ltester per la sua disciplina. A completare il distacco, nei rapporti con i compagni si comportava sempre con la massima cortesia compatibile con il suo egoismo, che era assoluto. Quando fu costituito, come diremo, il Kommando Chimico, L. comprese che la sua ora era giunta: non occorreva altro che il suo abito nitido e il suo viso scarno s�, ma rasato, in mezzo alla mandria dei colleghi sordidi e sciatti, per convincere immediatamente Kapo e Arbeitsdienst che quello era un autentico salvato, un prominente potenziale; per cui (a chi ha, sar� dato) fu senz'altro promosso �specializzato�, nominato capotecnico del Kommando, e assunto dalla Direzione della Buna come analista nel laboratorio del reparto Stirolo. Fu in seguito incaricato di esaminare via via i nuovi acquisti del Kommando Chimico, per giudicare della loro abilit� professionale: il che egli fece sempre con estremo rigore, specialmente nei riguardi di coloro in cui subodorava possibili futuri competitori. Ignoro il seguito della sua storia; ma ritengo assai probabile che sia sfuggito alla morte, e viva oggi la sua vita fredda di dominatore risoluto e senza gioia. Elias Lindzin, 14I 565, piovve un giorno, inesplicabilmente, nel Kommando Chimico. Era un nano non pi� alto di un metro e mezzo, ma non ho mai visto una muscolatura come la sua. Quando � nudo, si distingue ogni muscolo lavorare sotto la pelle, potente e mobile come un animale a s� stante; ingrandito senza alterarne le proporzioni, il suo corpo sarebbe un buon modello per un Ercole: ma non bisogna guardare la testa. Sotto il cuoio capelluto, le suture craniche sporgono smisurate. Il cranio � massiccio, e d� l'impressione di essere di metallo o di pietra; si vede il limite nero dei capelli rasi appena un dito sopra le sopracciglia. Il naso, il mento, la fronte, gli zigomi sono duri e compatti, l'intero viso sembra una testa d'ariete uno strumento adatto a percuotere. Dalla sua persona emana un senso di vigore bestiale. Veder lavorare Elias � uno spettacolo sconcertante i Meister polacchi, i tedeschi stessi talvolta si soffermano ad ammirare Elias all'opera. Pare che a lui nulla sia impossibile. Mentre noi portiamo a stento un sacco di cemento, Elias ne porta due, poi tre, poi quattro, mantenendoli in equilibrio non si sa come, e mentre cammina fitto fitto sulle gambe corte e tozze, fa smorfie di sotto il carico, ride, impreca, urla e canta senza requie, come se avesse polmoni di bronzo. Elias, nonostante le suole di legno, si arrampica come una scimmia su per le impalcature, e corre sicuro su travi sospese nel vuoto; porta sei mattoni per volta in bilico sul capo; sa farsi un cucchiaio con un pezzo di lamiera, e un coltello con un rottame di acciaio; trova ovunque carta, legna e carbone asciutti e sa accendere in pochi istanti un fuoco anche sotto la pioggia. Sa fare il sarto, il falegname, il ciabattino, il barbiere; sputa a distanze incredibili; canta, con voce di basso non sgradevole, canzoni polacche e yiddisch mai prima sentite; pu� ingerire sei, otto, dieci litri di zuppa senza vomitare e senza avere diarrea, e riprendere il lavoro subito dopo. Sa farsi uscire fra le spalle una grossa gobba, e va attorno per la baracca sbilenco e contraffatto, strillando e declamando incomprensibile, fra la gioia dei potenti del campo. L'ho visto lottare con un polacco pi� alto di lui di tutto il capo, e atterrarlo con un colpo del cranio nello stomaco, potente e preciso come una catapulta. Non l'ho mai visto riposare, non l'ho mai visto zitto o fermo, non l'ho mai saputo ferito o ammalato. Della sua vita di uomo libero, nessuno sa nulla; del resto, rappresentarsi Elias in veste di uomo libero esige un profondo sforzo della fantasia e dell'induzione. Non parla che polacco, e l'yiddisch torvo e deforme di Varsavia; inoltre, � impossibile indurlo a un discorso coerente. Potrebbe avere venti o quarant'anni; di solito dice di averne trentatr�, e di avere procreato diciassette figli: il che non � inverosimile. Parla continuamente, degli argomenti pi� disparati; sempre con voce tonante, con accento oratorio, con una mimica violenta da dissociato. Come se sempre si rivolgesse a un folto pubblico: e, come � naturale, il pubblico non gli manca mai. Quelli che capiscono il suo linguaggio bevono le sue declamazioni torcendosi dalle risa, gli battono le spalle dure entusiasti, lo stimolano a proseguire; mentre lui, feroce e aggrondato, si rigira come una belva entro la cerchia degli ascoltatori, apostrofando ora questo ora quello; a un tratto ghermisce uno per il petto con la sua piccola zampa adunca, lo attrae a s� irresistibile, gli vomita sul viso attonito una incomprensibile invettiva, poi lo scaglia indietro come un fuscello, e, fra gli applausi e le risa, le braccia tese al cielo come un piccolo mostro profetante, prosegue nel suo dire furibondo e dissennato. La sua fama di lavoratore d'eccezione si diffuse assai presto, e, per l'assurda legge del Lager, da allora smise praticamente di lavorare. La sua opera veniva richiesta direttamente dai Meister, per quei lavori soltanto ove occorressero perizia e vigore particolari. A parte queste prestazioni, sovrintendeva insolente e violento al nostro piatto faticare quotidiano, eclissandosi di frequente per misteriose visite e avventure in chiss� quali recessi del cantiere, di dove ritornava con grossi rigonfi nelle tasche e spesso con lo stomaco visibilmente ripieno. Elias � naturalmente e innocentemente ladro: manifesta in questo l'istintiva astuzia degli animali selvaggi. Non viene mai colto sul fatto, perch� non ruba che quando si presenta un'occasione sicura: ma quando questa si presenta, Elias ruba, fatalmente e prevedibilmente, cos� come cade una pietra abbandonata. A parte il fatto che � difficile sorprenderlo, � chiaro che a nulla servirebbe punirlo dei suoi furti: essi rappresentano per lui un atto vitale qualsiasi, come respirare e dormire. Ci si pu� ora domandare chi � questo uomo Elias. Se � un pazzo, incomprensibile ed extraumano, finito in Lager per caso. Se � un atavismo, eterogeneo dal nostro mondo moderno, e meglio adatto alle primordiali condizioni di vita del campo. O se non � invece un prodotto del campo, quello che tutti noi diverremo, se in campo non morremo, e se il campo stesso non finir� prima. C'� del vero nelle tre supposizioni. Elias � sopravvissuto alla distruzione dal di fuori, perch� � fisicamente indistruttibile; ha resistito all'annientamento dal di dentro, perch� � demente. E' dunque in primo luogo un superstite: � il pi� adatto, l'esemplare umano pi� idoneo a questo modo di vivere. Se Elias riacquister� la libert�, si trover� confinato in margine del consorzio umano, in un carcere o in un manicomio. Ma qui, in Lager, non vi sono criminali n� pazzi: non criminali, perch� non v'� legge morale a cui contravvenire, non pazzi, perch� siamo determinati, e ogni nostra azione �, a tempo e luogo, sensibilmente l'unica possibile. In Lager, Elias prospera e trionfa. E' un buon lavoratore e un buon organizzatore, e per tale duplice ragione � al sicuro dalle selezioni e rispettato da capi e compagni. Per chi non abbia salde risorse interne, per chi non sappia trarre dalla coscienza di s� la forza necessaria per ancorarsi alla vita, la sola strada di salvezza conduce a Elias: alla demenza e alla bestialit� subdola. Tutte le altre strade non hanno sbocco. Ci� detto, qualcuno sarebbe forse tentato di trarre conclusioni, e magari anche norme, per la nostra vita quotidiana. Non esistono attorno a noi degli Elias, pi� o meno realizzati? Non vediamo noi vivere individui ignari di scopo, e negati a ogni forma di autocontrollo e di coscienza? ed essi non gi� vivono "malgrado" queste loro lacune, ma precisamente, come Elias, in funzione di esse. La questione � grave, e non sar� ulteriormente svolta, perch� queste vogliono essere storie del Lager, e sull'uomo fuori del Lager molto si � gi� scritto. Ma una cosa ancora vorremmo aggiungere: Elias, per quanto ci � possibile giudicare dal di fuori, e per quanto la frase pu� avere di significato, Elias era verosimilmente un individuo felice. Henri � invece eminentemente civile e consapevole, e sui modi di sopravvivere in Lager possiede una teoria completa e organica. Non ha che ventidue anni � intelligentissimo, parla francese, tedesco, inglese e russo, ha un'ottima cultura scientifica e classica. Suo fratello � morto in Buna nell'ultimo inverno, e da quel giorno Henri ha reciso ogni vincolo di affetti; si � chiuso in s� come in una corazza, e lotta per vivere senza distrarsi, con tutte le risorse che pu� trarre dal suo intelletto pronto e dalla sua educazione raffinata. Secondo la teoria di Henri, per sfuggire all' annientamento, tre sono i metodi che l'uomo pu� applicare rimanendo degno del nome di uomo: l'organizzazione, la piet� e il furto. Lui stesso li pratica tutti e tre. Nessuno � miglior stratega di Henri nel circuire (�coltivare�, dice lui) i prigionieri di guerra inglesi. Essi diventano, nelle sue mani, vere galline dalle uova d'oro: si pensi che, dal baratto di una sola sigaretta inglese, in Lager si ricava di che sfamarsi per un giorno. Henri � stato visto una volta in atto di mangiare un autentico uovo sodo. Il traffico della merce di provenienza inglese � monopolio di Henri, e fin qui si tratta di organizzazione; ma il suo strumento di penetrazione, presso gli inglesi e gli altri, � la piet�. Henri ha il corpo e il viso delicati e sottilmente perversi del San Sebastiano del Sodoma: i suoi occhi sono neri e profondi, non ha ancora barba, si muove con languida naturale eleganza (quantunque all'occorrenza sappia correre e saltare come un gatto, e la capacit� del suo stomaco sia appena inferiore a quella di Elias). Di queste sue doti naturali Henri � perfettamente a conoscenza, e le mette a profitto con la fredda competenza di chi manovra uno strumento scientifico: i risultati sono sorprendenti. Si tratta in sostanza di una scoperta: Henri ha scoperto che la piet�, essendo un sentimento primario e irriflesso, alligna assai bene, se abilmente instillata, proprio negli animi primitivi dei bruti che ci comandano, di quelli stessi che non hanno ritegno ad abbatterci a pugni senza perch�, e a calpestarci una volta a terra, e non gli � sfuggita la grande portata pratica di questa scoperta, sulla quale egli ha inserito la sua industria personale. Come l'icneumone paralizza i grossi bruchi pelosi, ferendoli nel loro unico ganglio vulnerabile, cos� Henri valuta con un'occhiata il soggetto, �son type�; gli parla brevemente, a ciascuno con il linguaggio appropriato, e il �type� � conquistato: ascolta con crescente simpatia, si commuove sulla sorte del giovane sventurato, e non occorre molto tempo perch� incominci a rendere. Non c'� anima cos� indurita su cui Henri non riesca a far breccia, se ci si mette seriamente. In Lager, e anche in Buna, i suoi protettori sono numerosissimi: soldati inglesi, operai civili francesi, ucraini, polacchi; �politici� tedeschi; almeno quattro Block�lteste, un cuoco, perfino una S.S. Ma il suo campo preferito � il Ka-Be; in Ka-Be Henri ha ingresso libero, il dottor Citron e il dottor Weiss sono, pi� che suoi protettori, suoi amici, e lo ricoverano quando vuole, e con la diagnosi che vuole. Ci� avviene specialmente in vista delle selezioni, e nei periodi di lavoro pi� gravoso: a �svernare�, dice lui. Disponendo di cos� cospicue amicizie, � naturale che raramente Henri sia ridotto alla terza via, al furto d'altronde, si comprende che su questo argomento non si confidi volentieri. E' molto gradevole discorrere con Henri, nei momenti di riposo. E' anche utile: non c'� cosa del campo che egli non conosca, e su cui non abbia ragionato, nella sua maniera serrata e coerente. Delle sue conquiste, parla con educata modestia, come di prede di poco conto, ma si dilunga volentieri a esporre il calcolo che l'ha condotto ad avvicinare Hans chiedendogli del figlio al fronte, e invece Otto mostrandogli le cicatrici che ha sugli stinchi. Parlare con Henri � utile e gradevole; accade anche qualche volta, di sentirlo caldo e vicino, pare possibile una comunicazione, forse perfino un affetto; sembra di percepire il fondo umano, dolente e consapevole della sua non comune personalit�. Ma il momento appresso il suo sorriso triste si raggela in una smorfia fredda che pare studiata allo specchio; Henri domanda cortesemente scusa (�... j'ai quelque chose � faire�, �... j'ai quelqu'un � voir�), ed eccolo di nuovo tutto alla sua caccia e alla sua lotta: duro e lontano, chiuso nella sua corazza, nemico di tutti, inumanamente scaltro e incomprensibile come il Serpente della Genesi. Da tutti i colloqui con Henri, anche dai pi� cordiali, sono sempre uscito con un leggero sapore di sconfitta; col sospetto confuso di essere stato anch'io, in qualche modo inavvertito, non un uomo di fronte a lui, ma uno strumento nelle sue mani. Oggi so che Henri � vivo. Darei molto per conoscere la sua vita di uomo libero, ma non desidero rivederlo. NOTE. Nota 1:Con tale termine, �Muselmann�, ignoro per qual ragione, i vecchi del campo designavano i deboli, gli inetti, i votati alla selezione. Esame di chimica. Il Kommando 98, detto Kommando Chimico, avrebbe dovuto essere un reparto di specialisti. Il giorno in cui fu dato l'annuncio ufficiale della sua costituzione, uno sparuto gruppo di quindici H�ftlinge si radun� intorno al nuovo Kapo, in piazza dell'Appello, nel grigiore dell'alba. Fu la prima delusione: era ancora un �triangolo verde�, un delinquente professionale, l'Arbeitsdienst non aveva giudicato necessario che il Kapo del Kommando Chimico fosse un chimico. Inutile sprecare il fiato a fargli domande, non avrebbe risposto, o risposto a urli e pedate. Peraltro rassicurava il suo aspetto non troppo robusto e la statura inferiore alla media. Fece un breve discorso in sguaiato tedesco da caserma, e la delusione fu confermata. Quelli erano dunque i chimici: bene, lui era Alex, e se loro pensavano di essere entrati in paradiso sbagliavano. In primo luogo, fino al giorno dell'inizio della produzione, il Kommando 98 non sarebbe stato che un comune Kommando-trasporti addetto al magazzino del Cloruro di Magnesio. Poi, se credevano, per essere degli Intelligenten, degli intellettuali, di farsi gioco di lui, Alex, un Reichsdeutscher, ebbene, Herrgottsacrament, gli avrebbe fatto vedere lui, gli avrebbe... (e, il pugno chiuso e l'indice teso, tagliava l'aria di traverso nel gesto di minaccia dei tedeschi); e finalmente, non dovevano pensare di ingannare nessuno, se qualcuno si era presentato come chimico senza esserlo; un esame, sissignori, in uno dei prossimi giorni; un esame di chimica, davanti al triumvirato del Reparto Polimerizzazione: il Doktor Hagen, il Doktor Probst, il Doktor Ingenieur Pannwitz. Col che, meine Herren, si era gi� perso abbastanza tempo, i Kommandos 96 e 97 si erano gi� avviati, avanti marsch, e, per cominciare, chi non avesse camminato al passo e allineato avrebbe avuto a che fare con lui. Era un Kapo come tutti gli altri Kapos. Uscendo dal Lager, davanti alla banda musicale e al posto di conta delle S.S., si marcia per cinque, col berretto in mano, le braccia immobili lungo i fianchi e il collo rigido, e non si deve parlare. Poi ci si mette per tre, e allora si pu� tentare di scambiare qualche parola attraverso l'acciottolio delle diecimila paia di zoccoli di legno. Chi sono questi miei compagni chimici? Vicino a me cammina Alberto, � studente del terzo anno, anche questa volta siamo riusciti a non separarci. Il terzo alla mia sinistra non l'ho mai visto, sembra molto giovane, � pallido come la cera, ha il numero degli olandesi. Anche le tre schiene davanti a me sono nuove. Indietro � pericoloso voltarsi, potrei perdere il passo o inciampare; pure provo per un attimo, ho visto la faccia di Iss Clausner. Finch� si cammina non c'� tempo di pensare, bisogna badare di non togliere gli zoccoli a quello che zoppica davanti e di non farseli togliere da quello che zoppica dietro; ogni tanto c'� un cavo da scavalcare, una pozzanghera viscida da evitare. So dove siamo, di qui sono gi� passato col mio Kommando precedente, � la H-Strasse, la strada dei magazzini. Lo dico ad Alberto: si va veramente al Cloruro di Magnesio, almeno questa non � stata una storia. Siamo arrivati, scendiamo in un vasto interrato umido e pieno di correnti d'aria; � questa la sede del Kommando, quella che qui si chiama Bude. Il Kapo ci divide in tre squadre; quattro a scaricare i sacchi dal vagone, sette a trasportarli gi�, quattro a impilarli nel magazzino. Questi siamo io con Alberto, Iss e l'olandese. Finalmente si pu� parlare, e a ciascuno di noi quello che Alex ha detto sembra il sogno di un pazzo. Con queste nostre facce vuote, con questi crani tosati, con questi abiti di vergogna, fare un esame di chimica. E sar� in tedesco, evidentemente; e dovremo comparire davanti a un qualche biondo Ario Doktor sperando che non dovremo soffiarci il naso, perch� forse lui non sapr� che noi non possediamo fazzoletto, e non si potr� certo spiegarglielo. E avremo addosso la nostra vecchia compagna fame, e stenteremo a stare immobili sulle ginocchia, e lui sentir� certamente questo nostro odore, a cui ora siamo avvezzi, ma che ci perseguitava i primi giorni: l'odore delle rape e dei cavoli crudi cotti e digeriti. Cos� �, conferma Clausner. Hanno dunque i tedeschi tanto bisogno di chimici? O � un nuovo trucco una nuova macchina �pour faire chier les Juifs?� Si rendono conto della prova grottesca e assurda che ci viene richiesta, a noi non pi� vivi, noi gi� per met� dementi nella squallida attesa del niente? Clausner mi mostra il fondo della sua gamella. L� dove gli altri incidono il loro numero, e Alberto ed io abbiamo inciso il nostro nome, Clausner ha scritto: �Ne pas chercher � comprendre�. Bench� noi ci pensiamo non pi� di qualche minuto al giorno, e anche allora in uno strano modo staccato ed esterno, noi sappiamo bene che finiremo in selezione. Io so che non sono della stoffa di quelli che resistono, sono troppo civile, penso ancora troppo, mi consumo al lavoro. Ed ora so anche che mi salver� se diventer� Specialista, e diventer� Specialista se superer� un esame di chimica. Oggi, questo vero oggi in cui io sto seduto a un tavolo e scrivo, io stesso non sono convinto che queste cose sono realmente accadute. Passarono tre giorni, tre dei soliti immemorabili giorni, cos� lunghi mentre passavano e cos� brevi dopo che erano passati, e gi� tutti si erano stancati di credere all'esame di chimica. Il Kommando era ridotto a dodici uomini: tre erano scomparsi nel modo consueto di laggi�, forse nella baracca accanto, forse cancellati dal mondo. Dei dodici, cinque non erano chimici; tutti e cinque avevano subito chiesto ad Alex di ritornare ai loro precedenti Kommandos. Non evitarono le percosse, ma inaspettatamente, e da chiss� quale autorit�, fu deciso che rimanessero, aggregati come ausiliari al Kommando Chimico. Venne Alex nella cantina del Clormagnesio e chiam� fuori noi sette, per andare a sostenere l'esame. Ecco noi, come sette goffi pulcini dietro la chioccia, seguire Alex su per la scaletta del Polimerisations-B�ro. Siamo sul pianerottolo, una targhetta sulla porta con i tre nomi famosi. Alex bussa rispettosamente, si cava il berretto, entra; si sente una voce pacata; Alex riesce: - Ruhe, jetzt. Warten. - Aspettare in silenzio. Di questo siamo contenti. Quando si aspetta, il tempo cammina liscio senza che si debba intervenire per cacciarlo avanti, mentre invece quando si lavora ogni minuto ci percorre faticosamente e deve venire laboriosamente espulso. Noi siamo sempre contenti di aspettare, siamo capaci di aspettare per ore con la completa ottusa inerzia dei ragni nelle vecchie tele. Alex � nervoso, passeggia su e gi�, e noi ogni volta ci scostiamo al suo passaggio. Anche noi, ciascuno a suo modo, siamo inquieti; solo Mendi non lo �. Mendi � rabbino; � della Russia Subcarpatica, di quel groviglio di popoli in cui ciascuno parla almeno tre lingue, e Mendi ne parla sette. Sa moltissime cose, oltre che rabbino � sionista militante, glottologo, � stato partigiano ed � dottore in legge; non � chimico ma vuol tentare ugualmente, � un piccolo uomo tenace, coraggioso e acuto. B�lla ha una matita e tutti gli stanno addosso. Non siamo sicuri se saremo ancora capaci di scrivere, vorremmo provare. Kohlenwasserstoffe, Massenwirkungsgesetz. Mi affiorano i nomi tedeschi dei composti e delle leggi: provo gratitudine verso il mio cervello, non mi sono pi� occupato molto di lui eppure mi serve ancora cos� bene. Ecco Alex. Io sono un chimico: che ho a che fare con questo Alex? Si pianta sui piedi davanti a me, mi riassetta ruvidamente il colletto della giacca, mi cava il berretto e me lo ricalca in capo, poi fa un passo indietro, squadra il risultato con aria disgustata e volta le spalle bofonchiando: - Was f�r ein Muselmann Zugang! - che nuovo acquisto scalcinato! La porta si � aperta. I tre dottori hanno deciso che sei candidati passeranno in mattinata. Il settimo no. Il settimo sono io, ho il numero di matricola pi� elevato, mi tocca ritornare al lavoro. Solo nel pomeriggio viene Alex a prelevarmi; che disdetta, non potr� neppure comunicare cogli altri per sapere �che domande fanno�. Questa volta ci siamo proprio. Per le scale, Alex mi guarda torvo, si sente in qualche modo responsabile del mio aspetto miserevole. Mi vuol male perch� sono italiano, perch� sono ebreo e perch�, fra tutti, sono quello che pi� si scosta dal suo caporalesco ideale virile. Per analogia, pur senza capirne nulla, e di questa sua incompetenza essendo fiero, ostenta una profonda sfiducia nelle mie probabilit� per l'esame. Siamo entrati. C'� solo il Doktor Pannwitz, Alex, col berretto in mano, gli parla a mezza voce: - ... un italiano, in Lager da tre mesi soltanto, gi� mezzo kaputt... ...Er sagt er ist Chemiker... - ma lui Alex sembra su questo faccia le sue riserve. Alex viene brevemente congedato e relegato da parte, ed io mi sento come Edipo davanti alla Sfinge. Le mie idee sono chiare, e mi rendo conto anche in questo momento che la posta in gioco � grossa; eppure provo un folle impulso a scomparire, a sottrarmi alla prova. Pannwitz � alto, magro, biondo; ha gli occhi, i capelli e il naso come tutti i tedeschi devono averli, e siede formidabilmente dietro una complicata scrivania. Io, H�ftling 174 517, sto in piedi nel suo studio che � un vero studio, lucido pulito e ordinato, e mi pare che lascerei una macchia sporca dovunque dovessi toccare. Quando ebbe finito di scrivere, alz� gli occhi e mi guard�. Da quel giorno, io ho pensato al Doktor Pannwitz molte volte e in molti modi. Mi sono domandato quale fosse il suo intimo funzionamento di uomo; come riempisse il suo tempo, all'infuori della Polimerizzazione e della coscienza indogermanica; soprattutto, quando io sono stato di nuovo un uomo libero, ho desiderato di incontrarlo ancora, e non gi� per vendetta, ma solo per una mia curiosit� dell'anima umana. Perch� quello sguardo non corse fra due uomini; e se io sapessi spiegare a fondo la natura di quello sguardo, scambiato come attraverso la parete di vetro di un acquario tra due esseri che abitano mezzi diversi, avrei anche spiegato l'essenza della grande follia della terza Germania. Quello che tutti noi dei tedeschi pensavamo e dicevamo si percep� in quel momento in modo immediato. Il cervello che sovrintendeva a quegli occhi azzurri e a quelle mani coltivate diceva: �Questo qualcosa davanti a me appartiene a un genere che � ovviamente opportuno sopprimere. Nel caso particolare, occorre prima accertarsi che non contenga qualche elemento utilizzabile�. E nel mio capo, come semi in una zucca vuota: �Gli occhi azzurri e i capelli biondi sono essenzialmente malvagi. Nessuna comunicazione possibile. Sono specializzato in chimica mineraria. Sono specializzato in sintesi organiche. Sono specializzato...� Ed incominci� l'interrogatorio, mentre nel suo angolo sbadigliava e digrignava Alex, terzo esemplare zoologico. - Wo sind Sie geboren? - mi d� del Sie, del lei: il Doktor Ingenieur Pannwitz non ha il senso dell'umorismo. Che sia maledetto, non fa il minimo sforzo per parlare un tedesco un po' comprensibile. - Mi sono laureato a Torino nel 1941, summa cum laude, - e, mentre lo dico, ho la precisa sensazione di non esser creduto, a dire il vero non ci credo io stesso, basta guardare le mie mani sporche e piagate, i pantaloni da forzato incrostati di fango. Eppure sono proprio io, il laureato di Torino, anzi, particolarmente in questo momento � impossibile dubitare della mia identit� con lui, infatti il serbatoio dei ricordi di chimica organica, pur dopo la lunga inerzia, risponde alla richiesta con inaspettata docilit�; e ancora, questa ebriet� lucida, questa esaltazione che mi sento calda per le vene, come la riconosco, � la febbre degli esami, la "mia" febbre dei "miei" esami, quella spontanea mobilitazione di tutte le facolt� logiche e di tutte le nozioni che i miei compagni di scuola tanto mi invidiavano. L'esame sta andando bene. A mano a mano che me ne rendo conto, mi pare di crescere di statura. Ora mi chiede su quale argomento ho fatto la tesi di laurea. Devo fare uno sforzo violento per suscitare queste sequenze di ricordi cos� profondamente lontane: � come se cercassi di ricordare gli avvenimenti di una incarnazione anteriore. Qualcosa mi protegge. Le mie povere vecchie "Misure di costanti dielettriche" interessano particolarmente questo ariano biondo dalla esistenza sicura: mi chiede se so l'inglese, mi mostra il testo del Gattermann, e anche questo � assurdo e inverosimile, che quaggi�, dall'altra parte del filo spinato, esista un Gattermann in tutto identico a quello su cui studiavo in Italia, in quarto anno, a casa mia. Adesso � finito: l'eccitazione che mi ha sostenuto lungo tutta Ia prova cede d'un tratto ed io contemplo istupidito e atono la mano di pelle bionda che, in segni incomprensibili, scrive il mio destino sulla pagina bianca. - Los, ab! - Alex rientra in scena, io sono di nuovo sotto la sua giurisdizione. Saluta Pannwitz sbattendo i tacchi, e ne ottiene in cambio un lievissimo cenno delle palpebre. Io brancolo per un attimo nella ricerca di una formula di congedo appropriata: invano, in tedesco so dire mangiare, lavorare, rubare, morire; so anche dire acido solforico, pressione atmosferica e generatore di onde corte, ma non so proprio come si pu� salutare una persona di riguardo. Eccoci di nuovo per le scale. Alex vola gli scalini: ha le scarpe di cuoio perch� non � ebreo, � leggero sui piedi come i diavoli di Malebolge. Si volge dal basso a guardarmi torvo, mentre io discendo impacciato e rumoroso nei miei zoccoli spaiati ed enormi, aggrappandomi alla ringhiera come un vecchio. Pare che sia andata bene, ma sarebbe insensato farci conto. Conosco gi� abbastanza il Lager per sapere che non si devono mai fare previsioni, specie se ottimistiche. Quello che � certo, � che ho passato una giornata senza lavorare, e quindi stanotte avr� un po' meno fame, e questo � un vantaggio concreto e acquisito. Per rientrare alla Bude, bisogna attraversare uno spiazzo ingombro di travi e di tralicci metallici accatastati. Il cavo d'acciaio di un argano taglia la strada, Alex lo afferra per scavalcarlo, Donnerwetter, ecco si guarda la mano nera di grasso viscido. Frattanto io l'ho raggiunto: senza odio e senza scherno, Alex strofina la mano sulla mia spalla, il palmo e il dorso, per nettarla, e sarebbe assai stupito, l'innocente bruto Alex, se qualcuno gli dicesse che alla stregua di questo suo atto io oggi lo giudico, lui e Pannwitz e gli innumerevoli che furono come lui, grandi e piccoli, in Auschwitz e ovunque. Il canto di Ulisse. Eravamo sei a raschiare e pulire l'interno di una cisterna interrata; la luce del giorno ci giungeva soltanto attraverso il piccolo portello d'ingresso. Era un lavoro di lusso, perch� nessuno ci controllava; per� faceva freddo e umido. La polvere di ruggine ci bruciava sotto le palpebre e ci impastava la gola e la bocca con un sapore quasi di sangue. Oscill� la scaletta di corda che pendeva dal portello qualcuno veniva. Deutsch spense la sigaretta, Goldner svegli� Sivadjan; tutti ci rimettemmo a raschiare vigorosamente la parete sonora di lamiera. Non era il Vorarbeiter, era solo Jean, il Pikolo del nostro Kommando. Jean era uno studente alsaziano; bench� avesse gi� ventiquattr'anni, era il pi� giovane H�ftling del Kommando Chimico. Era perci� toccata a lui la carica di Pikolo, vale a dire di fattorino-scritturale, addetto alla pulizia della baracca, alle consegne degli attrezzi, alla lavatura delle gamelle, alla contabilit� delle ore di lavoro del Kommando. Jean parlava correntemente francese e tedesco: appena si riconobbero le sue scarpe sul gradino pi� alto della scaletta, tutti smisero di raschiare: - Also, Pikolo, was gibt es Neues? - Qu'est-ce qu'il y a comme soupe aujourd'hui? ...di che umore � il Kapo? E la faccenda delle venticinque frustate a Stern? Che tempo faceva fuori? Aveva letto il giornale? Che odore c'era alla cucina civile? Che ora era? Jean era molto benvoluto al Kommando. Bisogna sapere che la carica di Pikolo costituisce un gradino gi� assai elevato nella gerarchia delle Prominenze: il Pikolo (che di solito non ha pi� di diciassette anni) non lavora manualmente, ha mano libera sui fondi della marmitta del rancio e pu� stare tutto il giorno vicino alla stufa: �perci�� ha diritto a mezza razione supplementare, ed ha buone probabilit� di divenire amico e confidente del Kapo, dal quale riceve ufficialmente gli abiti e le scarpe smesse. Ora, Jean era un Pikolo eccezionale. Era scaltro e fisicamente robusto, e insieme mite e amichevole: pur conducendo con tenacia e coraggio la sua segreta lotta individuale contro il campo e contro la morte, non trascurava di mantenere rapporti umani coi compagni meno privilegiati; d'altra parte, era stato tanto abile e perseverante da affermarsi nella fiducia di Alex, il Kapo. Alex aveva mantenuto tutte le sue promesse. Si era dimostrato un bestione violento e infido, corazzato di solida e compatta ignoranza e stupidit�, eccezion fatta per il suo fiuto e la sua tecnica di aguzzino esperto e consumato. Non perdeva occasione di proclamarsi fiero del suo sangue puro e del suo triangolo verde, e ostentava un altero disprezzo per i suoi chimici cenciosi e affamati: - Ihr Doktoren! Ihr Intelligenten! - sghignazzava ogni giorno vedendoli accalcarsi colle gamelle tese alla distribuzione del rancio. Nei riguardi dei Meister civili era estremamente arrendevole e servile, e con le S.S. manteneva vincoli di cordiale amicizia. Era palesemente intimidito dal registro di Kommando e dal rapportino quotidiano delle prestazioni, e questa era stata la via che Pikolo aveva scelta per renderglisi necessario. Era stata un'opera lenta cauta e sottile, che l'intero Kommando aveva seguita per un mese a fiato sospeso; ma alla fine la difesa dell'istrice fu penetrata, e Pikolo confermato nella carica, con soddisfazione di tutti gli interessati. Per quanto Jean non abusasse della sua posizione, gi� avevamo potuto constatare che una sua parola detta nel tono giusto e al momento giusto, aveva grande potere; gi� pi� volte era valsa a salvare qualcuno di noi dalla frusta o dalla denunzia alle S.S. Da una settimana eravamo amici: ci eravamo scoperti nella eccezionale occasione di un allarme aereo, ma poi, presi dal ritmo feroce del Lager, non avevamo potuto che salutarci di sfuggita, alle latrine, al lavatoio. Appeso con una mano alla scala oscillante, mi indic�: - Aujourd'hui c'est Primo qui viendra avec moi chercher la soupe. Fino al giorno prima era stato Stern, il transilvano strabico; ora questi era caduto in disgrazia per non so che storia di scope rubate in magazzino, e Pikolo era riuscito ad appoggiare la mia candidatura come aiuto nell'�Essenholen�, nella corv�e quotidiana del rancio. Si arrampic� fuori, ed io lo seguii, sbattendo le ciglia nello splendore del giorno. Faceva tiepido fuori il sole sollevava dalla terra grassa un leggero odore di vernice e di catrame che mi ricordava una qualche spiaggia estiva della mia infanzia. Pikolo mi diede una delle due stanghe, e ci incamminammo sotto un chiaro cielo di giugno. Cominciavo a ringraziarlo, ma mi interruppe, non occorreva. Si vedevano i Carpazi coperti di neve. Respirai l'aria fresca, mi sentivo insolitamente leggero. - Tu es fou de marcher si vite. On a le temps, tu sais. - Il rancio si ritirava a un chilometro di distanza; bisognava poi ritornare con la marmitta di cinquanta chili infilata nelle stanghe. Era un lavoro abbastanza faticoso, per� comportava una gradevole marcia di andata senza carico, e l'occasione sempre desiderabile di avvicinarsi alle cucine. Rallentammo il passo. Pikolo era esperto, aveva scelto accortamente la via in modo che avremmo fatto un lungo giro, camminando almeno un'ora, senza destare sospetti. Parlavamo delle nostre case, di Strasburgo e di Torino, delle nostre letture, dei nostri studi. Delle nostre madri: come si somigliano tutte le madri! Anche sua madre lo rimproverava di non saper mai quanto denaro aveva in tasca; anche sua madre si sarebbe stupita se avesse potuto sapere che se l'era cavata, che giorno per giorno se la cavava. Pass� una S.S. in bicicletta. E' Rudi, il Blockf�hrer. Alt, sull'attenti, togliersi il berretto. - Sale brute, celui-l�. Ein ganz gemeiner Hund. - Per lui � indifferente parlare francese o tedesco? E' indifferente, pu� pensare in entrambe le lingue. E' stato in Liguria un mese, gli piace l'Italia, vorrebbe imparare l'italiano. Io sarei contento di insegnargli l'italiano: non possiamo farlo? Possiamo. Anche subito, una cosa vale l'altra, l'importante � di non perdere tempo, di non sprecare quest'ora. Passa Limentani, il romano, strascicando i piedi, con una gamella nascosta sotto la giacca. Pikolo sta attento, coglie qualche parola del nostro dialogo e la ripete ridendo: - Zup-pa, cam-po, ac-qua. Passa Frenkel, la spia. Accelerare il passo, non si sa mai, quello fa il male per il male. ...Il canto di Ulisse. Chiss� come e perch� mi � venuto in mente: ma non abbiamo tempo di scegliere, quest'ora gi� non � pi� un'ora. Se Jean � intelligente capir�. Capir�: oggi mi sento da tanto. ...Chi � Dante. Che cosa � la Commedia. Quale sensazione curiosa di novit� si prova, se si cerca di spiegare in breve che cosa � la Divina Commedia. Come � distribuito l'Inferno, cosa � il contrappasso. Virgilio � la Ragione, Beatrice � la Teologia. Jean � attentissimo, ed io comincio, lento e accurato: Lo maggior corno della fiamma antica Cominci� a crollarsi mormorando, Pur come quella cui vento affatica. Indi, la cima in qua e in l� menando Come fosse la lingua che parlasse Mise fuori la voce, e disse: Quando... Qui mi fermo e cerco di tradurre. Disastroso: povero Dante e povero francese! Tuttavia l'esperienza pare prometta bene: Jean ammira la bizzarra similitudine della lingua, e mi suggerisce il termine appropriato per rendere �antica�. E dopo �Quando� ? Il nulla. Un buco nella memoria. �Prima che s� Enea la nominasse�. Altro buco. Viene a galla qualche frammento non utilizzabile: �... la pi�ta Del vecchio padre, n� 'l debito amore Che doveva Penelope far lieta...� sar� poi esatto? ...Ma misi me per l'alto mare aperto. Di questo s�, di questo sono sicuro, sono in grado di spiegare a Pikolo, di distinguere perch� �misi me� non � �je me mis�, � molto pi� forte e pi� audace, � un vincolo infranto, � scagliare se stessi al di l� di una barriera, noi conosciamo bene questo impulso. L'alto mare aperto: Pikolo ha viaggiato per mare e sa cosa vuol dire, � quando l'orizzonte si chiude su se stesso, libero diritto e semplice, e non c'� ormai che odore di mare: dolci cose ferocemente lontane. Siamo arrivati al Kraftwerk, dove lavora il Kommando dei posacavi. Ci dev'essere l'ingegner Levi. Eccolo, si vede solo la testa fuori della trincea. Mi fa un cenno colla mano, � un uomo in gamba, non l'ho mai visto gi� di morale, non parla mai di mangiare. �Mare aperto�. �Mare aperto�. So che rima con �diserto�: �... quella compagna Picciola, dalla qual non fui diserto�, ma non rammento pi� se viene prima o dopo. E anche il viaggio, il temerario viaggio al di l� delle colonne d'Ercole, che tristezza, sono costretto a raccontarlo in prosa: un sacrilegio. Non ho salvato che un verso, ma vale la pena di fermarcisi: ..Acci� che l'uom pi� oltre non si metta. �Si metta�: dovevo venire in Lager per accorgermi che � la stessa espressione di prima, �e misi me�. Ma non ne faccio parte a Jean, non sono sicuro che sia una osservazione importante. Quante altre cose ci sarebbero da dire, e il sole � gi� alto, mezzogiorno � vicino. Ho fretta, una fretta furibonda. Ecco, attento Pikolo, apri gli orecchi e la mente, ho bisogno che tu capisca: Considerate la vostra semenza: Fatti non foste a viver come bruti, Ma per seguir virtute e conoscenza. Come se anch'io lo sentissi per la prima volta: come uno squillo di tromba, come la voce di Dio. Per un momento, ho dimenticato chi sono e dove sono. Pikolo mi prega di ripetere. Come � buono Pikolo, si � accorto che mi sta facendo del bene. O forse � qualcosa di pi�: forse, nonostante la traduzione scialba e il commento pedestre e frettoloso, ha ricevuto il messaggio, ha sentito che lo riguarda, che riguarda tutti gli uomini in travaglio, e noi in specie; e che riguarda noi due, che osiamo ragionare di queste cose con le stanghe della zuppa sulle spalle. Li miei compagni fec'io s� acuti... ..e mi sforzo, ma invano, di spiegare quante cose vuol dire questo �acuti�. Qui ancora una lacuna, questa volta irreparabile. �... Lo lume era di sotto della luna� o qualcosa di simile; ma prima?... Nessuna idea, �keine Ahnung� come si dice qui. Che Pikolo mi scusi, ho dimenticato almeno quattro terzine. - �a ne fait rien, vas-y tout de m�me. ..Quando mi apparve una montagna, bruna Per la distanza, e parvemi alta tanto Che mai veduta non ne avevo alcuna. S�, s�, �alta tanto�, non �molto alta�, proposizione consecutiva. E le montagne, quando si vedono di lontano... le montagne... oh Pikolo, Pikolo, di' qualcosa, parla, non lasciarmi pensare alle mie montagne, che comparivano nel bruno della sera quando tornavo in treno da Milano a Torino! Basta, bisogna proseguire, queste sono cose che si pensano ma non si dicono. Pikolo attende e mi guarda. Darei la zuppa di oggi per saper saldare �non ne avevo alcuna� col finale. Mi sforzo di ricostruire per mezzo delle rime, chiudo gli occhi, mi mordo le dita: ma non serve, il resto � silenzio. Mi danzano per il capo altri versi: �... la terra lagrimosa diede vento...� no, � un'altra cosa. E' tardi, � tardi, siamo arrivati alla cucina, bisogna concludere: Tre volte il fe' girar con tutte l'acque, Alla quarta levar la poppa in suso E la prora ire in gi�, come altrui piacque... Trattengo Pikolo, � assolutamente necessario e urgente che ascolti, che comprenda questo �come altrui piacque�, prima che sia troppo tardi, domani lui o io possiamo essere morti, o non vederci mai pi�, devo dirgli, spiegargli del Medioevo, del cos� umano e necessario e pure inaspettato anacronismo, e altro ancora, qualcosa di gigantesco che io stesso ho visto ora soltanto, nell'intuizione di un attimo, forse il perch� del nostro destino, del nostro essere oggi qui... Siamo oramai nella fila per la zuppa, in mezzo alla folla sordida e sbrindellata dei porta-zuppa degli altri Kommandos. I nuovi giunti ci si accalcano alle spalle. - Kraut und R�ben? - Kraut und R�ben. - Si annunzia ufficialmente che oggi la zuppa � di cavoli e rape: - Choux et navets. - Kaposzta �s r�pak. Infin che 'l mar fu sopra noi rinchiuso. I fatti dell'estate. Durante tutta la primavera erano arrivati trasporti dall'Ungheria; un prigioniero ogni due era ungherese, l'ungherese era diventato, dopo l'yiddisch, la seconda lingua del campo. Nel mese di agosto 1944, noi, entrati cinque mesi prima, contavamo ormai fra gli anziani. Come tali, noi del Kommando 98 non ci eravamo stupiti che le promesse fatteci e l'esame di chimica superato non avessero portato a conseguenze: n� stupiti, n� rattristati oltre misura: in fondo, avevamo tutti un certo timore dei cambiamenti: �Quando si cambia, si cambia in peggio�, diceva uno dei proverbi del campo. Pi� in generale, l'esperienza ci aveva gi� dimostrato infinite volte la vanit� di ogni previsione: a che scopo travagliarsi per prevedere l'avvenire, quando nessun nostro atto, nessuna nostra parola lo avrebbe potuto minimamente influenzare? Eravamo dei vecchi H�ftlinge: la nostra saggezza era il �non cercar di capire�, non rappresentarsi il futuro, non tormentarsi sul come e sul quando tutto sarebbe finito: non porre e non porsi domande. Conservavamo i ricordi della nostra vita anteriore, ma velati e lontani, e perci� profondamente dolci e tristi, come sono per ognuno i ricordi della prima infanzia e di tutte le cose finite; mentre per ognuno il momento dell'ingresso al campo stava all'origine di una diversa sequenza di ricordi, vicini e duri questi, continuamente confermati dalla esperienza presente, come ferite ogni giorno riaperte. Le notizie, apprese in cantiere, dello sbarco alleato in Normandia, dell'offensiva russa e del fallito attentato a Hitler, avevano sollevato ondate di speranza violente ma effimere. Ognuno sentiva, giorno per giorno, le forze fuggire, la volont� di vivere sciogliersi, la mente ottenebrarsi; e la Normandia e la Russia erano cos� lontane, e l'inverno cos� vicino; cos� concrete la fame e la desolazione, e cos� irreale tutto il resto, che non pareva possibile che veramente esistesse un mondo e un tempo, se non il nostro mondo di fango, e il nostro tempo sterile e stagnante a cui eravamo oramai incapaci di immaginare una fine. Per gli uomini vivi le unit� del tempo hanno sempre un valore, il quale � tanto maggiore, quanto pi� elevate sono le risorse interne di chi le percorre; ma per noi, ore, giorni e mesi si riversavano torpidi dal futuro nel passato, sempre troppo lenti, materia vile e superflua di cui cercavamo di disfarci al pi� presto. Conchiuso il tempo in cui i giorni si inseguivano vivaci, preziosi e irreparabili, il futuro ci stava davanti grigio e inarticolato, come una barriera invincibile. Per noi, la storia si era fermata. Ma nell'agosto '44 incominciarono i bombardamenti sull'Alta Slesia, e si prolungarono, con pause e riprese irregolari, per tutta l'estate e l'autunno fino alla crisi definitiva. Il mostruoso concorde travaglio di gestazione della Buna si arrest� bruscamente, e subito degener� in una attivit� slegata, frenetica e parossistica. Il giorno in cui la produzione della gomma sintetica avrebbe dovuto incominciare, che nell'agosto pareva imminente, fu via via rimandato, e i tedeschi finirono col non parlarne pi�. Il lavoro costruttivo cess�; la potenza dello sterminato gregge di schiavi fu rivolta altrove, e si fece di giorno in giorno pi� riottosa e passivamente nemica. A ogni incursione, c'erano sempre nuovi guasti da riparare; smontare e smobilitare il delicato macchinario da pochi giorni messo faticosamente in opera; erigere frettolosamente rifugi e protezioni che alla prossima prova si rivelavano ironicamente inconsistenti e vani. Noi avevamo creduto che ogni cosa sarebbe stata preferibile alla monotonia delle giornate uguali e accanitamente lunghe, allo squallore sistematico e ordinato della Buna in opera; ma abbiamo dovuto mutare pensiero quando la Buna ha cominciato a cadere a pezzi intorno a noi, come colpita da una maledizione in cui noi stessi ci sentivamo coinvolti. Abbiamo dovuto sudare fra la polvere e le macerie roventi, e tremare come bestie, schiacciati a terra sotto la rabbia degli aerei; tornavamo la sera in campo, rotti di fatica e asciugati dalla sete, nelle sere lunghissime e ventose dell'estate polacca, e trovavamo il campo sconvolto, niente acqua per bere e lavarsi, niente zuppa per le vene vuote, niente luce per difendere il pezzo di pane l'uno dalla fame dell'altro, e per ritrovare, al mattino le scarpe e gli abiti nella bolgia buia e urlante del Block. Nella Buna imperversavano i civili tedeschi, nel furore dell'uomo sicuro che si desta da un lungo sogno di dominio, e vede la sua rovina e non la sa comprendere. Anche i Reichsdeutsche del Lager, politici compresi, nell'ora del pericolo risentirono il legame del sangue e del suolo. Il fatto nuovo riport� l'intrico degli odii e delle incomprensioni ai suoi termini elementari, e ridivise i due campi: i politici, insieme con i triangoli verdi e le S.S. vedevano, o credevano di vedere, in ognuno dei nostri visi, lo scherno della rivincita e la trista gioia della vendetta. Essi trovarono concordia in questo, e la loro ferocia raddoppi�. Nessun tedesco poteva ormai dimenticare che noi eravamo dall'altra parte: dalla parte dei terribili seminatori che solcavano il cielo tedesco da padroni, al di sopra di ogni sbarramento, e torcevano il ferro vivo delle loro opere, portando ogni giorno la strage fin dentro alle loro case, nelle case mai prima violate del popolo tedesco. Quanto a noi, eravamo troppo distrutti per temere veramente. I pochi che ancora sapessero rettamente giudicare e sentire, trassero dai bombardamenti nuova forza e speranza; coloro che la fame non aveva ancora ridotto all'inerzia definitiva, profittarono spesso dei momenti di panico generale per intraprendere spedizioni doppiamente temerarie (poich�, oltre al rischio diretto delle incursioni, il furto consumato in condizioni di emergenza era punito con l'impiccagione) alla cucina di fabbrica e ai magazzini. Ma la maggior parte sopport� il nuovo pericolo e il nuovo disagio con immutata indifferenza: non era rassegnazione cosciente, ma il torpore opaco delle bestie domate con le percosse, a cui non dolgono pi� le percosse. A noi l'accesso ai rifugi corazzati era vietato. Quando la terra cominciava a tremare, ci trascinavamo, storditi e zoppicanti, attraverso i fumi corrosivi dei nebbiogeni, fino alle vaste aree incolte, sordide e sterili, racchiuse nel recinto della Buna; l� giacevamo inerti, ammonticchiati gli uni sugli altri come morti, sensibili tuttavia alla momentanea dolcezza delle membra in riposo. Guardavamo con occhi atoni le colonne di fumo e di fuoco prorompere intorno a noi: nei momenti di tregua, pieni del lieve ronzio minaccioso che ogni europeo conosce, sceglievamo dal suolo cento volte calpestato le cicorie e le camomille stente, e le masticavamo a lungo in silenzio. Ad allarme finito, ritornavamo da ogni parte ai nostri posti, gregge muto innumerevole, assueto all'ira degli uomini e delle cose; e riprendevamo quel nostro lavoro di sempre, odiato come sempre, e inoltre ormai palesemente inutile e insensato. In questo mondo scosso ogni giorno pi� profondamente dai fremiti della fine vicina, fra nuovi terrori e speranze e intervalli di schiavit� esacerbata, mi accadde di incontrare Lorenzo. La storia della mia relazione con Lorenzo � insieme lunga e breve, piana ed enigmatica; essa � una storia di un tempo e di una condizione ormai cancellati da ogni realt� presente, e perci� non credo che potr� essere compresa altrimenti di come si comprendono oggi i fatti della leggenda e della storia pi� remota. In termini concreti, essa si riduce a poca cosa: un operaio civile italiano mi port� un pezzo di pane e gli avanzi del suo rancio ogni giorno per sei mesi; mi don� una sua maglia piena di toppe; scrisse per me in Italia una cartolina, e mi fece avere la risposta. Per tutto questo, non chiese n� accett� alcun compenso, perch� era buono e semplice, e non pensava che si dovesse fare il bene per un compenso. Tutto questo non deve sembrare poco. Il mio caso non � stato il solo; come gi� si � detto, altri fra noi avevano rapporti di vario genere con civili, e ne traevano di che sopravvivere: ma erano rapporti di diversa natura. I nostri compagni ne parlavano con lo stesso tono ambiguo e pieno di sottintesi con cui gli uomini di mondo parlano delle loro relazioni femminili: e cio� come di avventure di cui si pu� a buon diritto andare orgogliosi e di cui si desidera essere invidiati, le quali per�, anche per le coscienze pi� pagane, rimangono pur sempre al margine del lecito e dell'onesto; per cui sarebbe scorretto e sconveniente parlarne con troppa compiacenza. Cos� gli H�ftlinge raccontano dei loro �protettori� e �amici� civili: con ostentata discrezione, senza far nomi, per non comprometterli e anche e soprattutto per non crearsi indesiderabili rivali. I pi� consumati, i seduttori di professione come Henri, non ne parlano affatto; essi circondano i loro successi di un'aura di equivoco mistero, e si limitano agli accenni e alle allusioni, calcolate in modo da suscitare negli ascoltatori la leggenda confusa e inquietante che essi godano delle buone grazie di civili illimitatamente potenti e generosi. Questo in vista di un preciso scopo: la fama di fortuna, come altrove abbiamo detto, si dimostra di fondamentale utilit� a chi sa circondarsene. La fama di seduttore, di �organizzato�, suscita insieme invidia, scherno, disprezzo e ammirazione. Chi si lascia vedere in atto di mangiare roba �organizzata� viene giudicato assai severamente; � questa una grave mancanza di pudore e di tatto, oltre che una evidente stoltezza. Altrettanto stolto e impertinente sarebbe domandare �chi te l'ha dato? dove l'hai trovato? come hai fatto?� Solo i Grossi Numeri, sciocchi inutili e indifesi, che nulla sanno delle regole del Lager, fanno di queste domande; a queste domande non si risponde, o si risponde �Verschwinde, Mensch!� �Hau' ab�, �Uciekaj�, �Schiess' in den Wind�, �Va chier�; con uno insomma dei moltissimi equivalenti di �L�vati di torno� di cui � ricco il gergo del campo. C'� anche chi si specializza in complesse e pazienti campagne di spionaggio, per individuare qual � il civile o il gruppo di civili a cui il tale fa capo, e cerca poi in vari modi di soppiantarlo. Ne nascono interminabili controversie di priorit�, rese pi� amare per il perdente dal fatto che un civile gi� �sgrossato� � quasi sempre pi� redditizio, e soprattutto pi� sicuro, di un civile al suo primo contatto con noi. E' un civile che vale molto di pi�, per evidenti ragioni sentimentali e tecniche: conosce gi� i fondamenti dell'�organizzazione�, le sue regole e i suoi pericoli, e inoltre ha dimostrato di essere in grado di superare la barriera di casta. Infatti, noi per i civili siamo gli intoccabili. I civili, pi� o meno esplicitamente, e con tutte le sfumature che stanno fra il disprezzo e la commiserazione, pensano che, per essere stati condannati a questa nostra vita, per essere ridotti a questa nostra condizione, noi dobbiamo esserci macchiati di una qualche misteriosa gravissima colpa. Ci odono parlare in molte lingue diverse, che essi non comprendono, e che suonano loro grottesche come voci animali; ci vedono ignobilmente asserviti, senza capelli, senza onore e senza nome, ogni giorno percossi, ogni giorno pi� abietti, e mai leggono nei nostri occhi una luce di ribellione, o di pace, o di fede. Ci conoscono ladri e malfidi, fangosi cenciosi e affamati, e, confondendo l'effetto con la causa, ci giudicano degni della nostra abiezione. Chi potrebbe distinguere i nostri visi? per loro noi siamo �Kazett�, neutro singolare. Naturalmente questo non impedisce a molti di loro di gettarci qualche volta un pezzo di pane o una patata, o di affidarci, dopo la distribuzione della �Zivilsuppe� in cantiere, le loro gamelle da raschiare e restituire lavate. Essi vi si inducono per togliersi di torno qualche importuno sguardo famelico, o per un momentaneo impulso di umanit�, o per la semplice curiosit� di vederci accorrere da ogni parte a contenderci il boccone l'un l'altro, bestialmente e senza ritegno, finch� il pi� forte lo ingozza, e allora tutti gli altri se ne vanno scornati e zoppicanti. Ora, tra me e Lorenzo non avvenne nulla di tutto questo. Per quanto di senso pu� avere il voler precisare le cause per cui proprio la mia vita, fra migliaia di altre equivalenti, ha potuto reggere alla prova, io credo che proprio a Lorenzo debbo di essere vivo oggi; e non tanto per il suo aiuto materiale, quanto per avermi costantemente rammentato, con la sua presenza, con il suo modo cos� piano e facile di essere buono, che ancora esisteva un mondo giusto al di fuori del nostro, qualcosa e qualcuno di ancora puro e intero, di non corrotto e non selvaggio, estraneo all'odio e alla paura; qualcosa di assai mal definibile, una remota possibilit� di bene, per cui tuttavia metteva conto di conservarsi. I personaggi di queste pagine non sono uomini. La loro umanit� � sepolta, o essi stessi l'hanno sepolta, sotto l'offesa subita o inflitta altrui. Le S.S. malvage e stolide, i Kapos, i politici, i criminali, i prominenti grandi e piccoli, fino agli H�ftlinge indifferenziati e schiavi, tutti i gradini della insana gerarchia voluta dai tedeschi, sono paradossalmente accomunati in una unitaria desolazione interna. Ma Lorenzo era un uomo; la sua umanit� era pura e incontaminata, egli era al di fuori di questo mondo di negazione. Grazie a Lorenzo mi � accaduto di non dimenticare di essere io stesso un uomo. Ottobre 1944. Con tutte le nostre forze abbiamo lottato perch� l'inverno non venisse. Ci siamo aggrappati a tutte le ore tiepide, a ogni tramonto abbiamo cercato di trattenere il sole in cielo ancora un poco, ma tutto � stato inutile. Ieri sera il sole si � coricato irrevocabilmente in un intrico di nebbia sporca, di ciminiere e di fili, e stamattina � inverno. Noi sappiamo che cosa vuol dire, perch� eravamo qui l'inverno scorso, e gli altri lo impareranno presto. Vuol dire che, nel corso di questi mesi, dall'ottobre all'aprile, su dieci di noi, sette morranno. Chi non morr�, soffrir� minuto per minuto, per ogni giorno, per tutti i giorni: dal mattino avanti l'alba fino alla distribuzione della zuppa serale dovr� tenere costantemente i muscoli tesi, danzare da un piede all'altro, sbattersi le braccia sotto le ascelle per resistere al freddo. Dovr� spendere pane per procurarsi guanti, e perdere ore di sonno per ripararli quando saranno scuciti. Poich� non si potr� pi� mangiare all'aperto, dovremo consumare i nostri pasti nella baracca, in piedi, disponendo ciascuno di un palmo di pavimento, e appoggiarsi sulle cuccette � proibito. A tutti si apriranno ferite sulle mani, e per ottenere un bendaggio bisogner� attendere ogni sera per ore in piedi nella neve e nel vento. Come questa nostra fame non � la sensazione di chi ha saltato un pasto, cos� il nostro modo di aver freddo esigerebbe un nome particolare. Noi diciamo �fame�, diciamo �stanchezza�, �paura�, e �dolore�, diciamo �inverno�, e sono altre cose. Sono parole libere, create e usate da uomini liberi che vivevano, godendo e soffrendo, nelle loro case. Se i Lager fossero durati pi� a lungo, un nuovo aspro linguaggio sarebbe nato, e di questo si sente il bisogno per spiegare cosa � faticare l'intera giornata nel vento, sotto zero, con solo indosso camicia, mutande, giacca e brache di tela, e in corpo debolezza e fame e consapevolezza della fine che viene. In quel modo con cui si vede finire una speranza cos� stamattina � stato inverno. Ce ne siamo accorti quando siamo usciti dalla baracca per andarci a lavare: non c'erano stelle, l'aria buia e fredda aveva odore di neve. In piazza dell'Appello, nella prima luce, alla adunata per il lavoro, nessuno ha parlato. Quando abbiamo visto i primi fiocchi di neve, abbiamo pensato che, se l'anno scorso a quest'epoca ci avessero detto che avremmo visto ancora un inverno in Lager, saremmo andati a toccare il reticolato elettrico; e che anche adesso ci andremmo, se fossimo logici, se non fosse di questo insensato pazzo residuo di speranza inconfessabile. Perch� �inverno� vuol dire altro ancora. La primavera scorsa, i tedeschi hanno costruito due enormi tende in uno spiazzo del nostro Lager. Ciascuna per tutta la buona stagione ha ospitato pi� di mille uomini; ora le tende sono state smontate, e duemila ospiti in soprannumero affollano le nostre baracche. Noi vecchi prigionieri sappiamo che queste irregolarit� non piacciono ai tedeschi, e che presto qualcosa succeder� perch� il nostro numero venga ridotto. Le selezioni si sentono arrivare. �Selekcja�: la ibrida parola latina e polacca si sente una volta, due volte, molte volte, intercalata in discorsi stranieri; dapprima non la si individua, poi si impone all'attenzione, infine ci perseguita. Stamattina i polacchi dicono �Selekcja�. I polacchi sono i primi a sapere le notizie, e cercano in genere di non lasciarle diffondere, perch� sapere qualcosa mentre gli altri non la sanno ancora pu� sempre essere vantaggioso. Quando tutti sapranno che la selezione � imminente, il pochissimo che qualcuno potrebbe tentare per defilarsi (corrompere con pane o con tabacco qualche medico o qualche prominente; passare dalla baracca in Ka-Be o viceversa, al momento esatto, in modo da incrociare la commissione) sar� gi� monopolio loro. Nei giorni che seguono, l'atmosfera del Lager e del cantiere � satura di �Selekcja�: nessuno sa nulla di preciso e tutti ne parlano, perfino gli operai liberi, polacchi, italiani, francesi, che di nascosto vediamo sul lavoro. Non si pu� dire che ne risulti un'ondata di abbattimento. Il nostro morale collettivo � troppo inarticolato e piatto per essere instabile. La lotta contro la fame, il freddo e il lavoro lascia poco margine per il pensiero, anche se si tratta di questo pensiero. Ciascuno reagisce a suo modo, ma quasi nessuno con quegli atteggiamenti che sembrerebbero pi� plausibili perch� sono realistici, e cio� con la rassegnazione o con la disperazione. Chi pu� provvedere provvede; ma sono i meno, perch� sottrarsi alla selezione � molto difficile, i tedeschi fanno queste cose con grande seriet� e diligenza. Chi non pu� provvedere materialmente cerca difesa altrimenti. Ai gabinetti, al lavatoio, noi ci mostriamo l'un l'altro il torace, le natiche, le cosce, e i compagni ci rassicurano: - Puoi essere tranquillo, non sar� certo la tua volta, ... du bist kein Muselmann... io piuttosto invece... - e a loro volta si calano le brache e sollevano la camicia. Nessuno nega altrui questa elemosina: nessuno � cos� sicuro della propria sorte da avere animo di condannare altri. Anch'io ho sfacciatamente mentito al vecchio Wertheimer; gli ho detto che, se lo interrogheranno, risponda di avere quarantacinque anni, e che non trascuri di farsi radere la sera prima, anche a costo di rimetterci un quarto di pane; che, a parte ci�, non deve nutrire timori, e che d'altronde non � per nulla certo che si tratti di una selezione per il gas: non ha sentito dal Block�ltester che i prescelti andranno a Jaworszno al campo di convalescenza? E' assurdo che Wertheimer speri: dimostra sessant'anni, ha enormi varici, non sente quasi neppur pi� la fame. Eppure se ne va in cuccetta sereno e tranquillo, e, a chi gli fa domande, risponde con le mie parole; sono la parola d'ordine del campo in questi giorni: io stesso le ho ripetute come, a meno di particolari, me le sono sentite recitare da Chajim, che � in Lager da tre anni, e siccome � forte e robusto, � mirabilmente sicuro di s�; e io l'ho creduto. Su questa esigua base anch'io ho attraversato la grande selezione dell'ottobre 1944 con inconcepibile tranquillit�. Ero tranquillo perch� ero riuscito a mentirmi quanto era bastato. Il fatto che io non sia stato scelto � dipeso soprattutto dal caso e non dimostra che la mia fiducia fosse ben fondata. Anche Monsieur Pinkert �, a priori, un condannato: basta vedere i suoi occhi. Mi chiama con un cenno, e con aria confidenziale mi racconta che ha saputo, da qual fonte non mi pu� dire, che effettivamente questa volta c'� del nuovo: la Santa Sede, per mezzo della Croce Rossa Internazionale... infine, garantisce lui personalmente che, sia per s� che per me, nel modo pi� assoluto, � escluso ogni pericolo: da civile lui era, come � noto, addetto all'ambasciata belga di Varsavia. In vari modi dunque, anche questi giorni di vigilia, che raccontati sembra dovessero essere tormentosi al di l� di ogni limite umano, passano non molto diversamente dagli altri giorni. La disciplina del Lager e della Buna non sono in alcun modo allentate, il lavoro, il freddo e la fame sono sufficienti a impegnare senza residui le nostre attenzioni. Oggi � domenica lavorativa, Arbeitssonntag: si lavora fino alle tredici, poi si ritorna in campo per la doccia, la rasatura e il controllo generale della scabbia e dei pidocchi, e in cantiere, misteriosamente, tutti abbiamo saputo che la selezione sar� oggi. La notizia � giunta, come sempre, circondata da un alone di particolari contraddittori e sospetti: stamattina stessa c'� stata selezione in infermeria; la percentuale � stata del sette per cento del totale, del trenta, del cinquanta per cento dei malati. A Birkenau il camino del Crematorio fuma da dieci giorni. Deve essere fatto posto per un enorme trasporto in arrivo dal ghetto di Posen. I giovani dicono ai giovani che saranno scelti tutti i vecchi. I sani dicono ai sani che saranno scelti solo i malati. Saranno esclusi gli specialisti. Saranno esclusi gli ebrei tedeschi. Saranno esclusi i Piccoli Numeri. Sarai scelto tu. Sar� escluso io. Regolarmente, a partire dalle tredici in punto, il cantiere si svuota e la schiera grigia interminabile sfila per due ore davanti alle due stazioni di controllo, dove come ogni giorno veniamo contati e ricontati, e davanti all'orchestra che, per due ore senza interruzione, suona come ogni giorno le marce sulle quali dobbiamo, all'entrata e all'uscita, sincronizzare i nostri passi. Sembra che tutto vada come ogni giorno, il camino delle cucine fuma come di consueto, gi� si comincia la distribuzione della zuppa. Ma poi si � udita la campana, e allora si � capito che ci siamo. Perch� questa campana suona sempre all'alba, e allora � la sveglia, ma quando suona a met� giornata vuol dire �Blocksperre�, clausura in baracca, e questo avviene quando c'� selezione, perch� nessuno vi si sottragga, e quando i selezionati partono per il gas, perch� nessuno li veda partire. Il nostro Block�ltester conosce il suo mestiere. Si � accertato che tutti siano rientrati, ha fatto chiudere la porta a chiave, ha distribuito a ciascuno la scheda che porta la matricola, il nome, la professione, l'et� e la nazionalit�, e ha dato ordine che ognuno si spogli completamente, conservando solo le scarpe. In questo modo, nudi e con la scheda in mano, attenderemo che la commissione arrivi alla nostra baracca. Noi siamo la baracca 48, ma non si pu� prevedere se si comincer� dalla baracca 10 dalla 60. In ogni modo, per almeno un'ora possiamo stare tranquilli, e non c'� ragione che non ci mettiamo sotto le coperte delle cuccette per riscaldarci. Gi� molti sonnecchiano, quando uno scatenarsi di comandi, di bestemmie e di colpi indica che la commissione � in arrivo. Il Block�ltester e i suoi aiutanti, a pugni e a urli, a partire dal fondo del dormitorio, si cacciano davanti la turba dei nudi spaventati, e li stipano dentro il Tagesraum, che � la Direzione-Fureria. Il Tagesraum � una cameretta di sette metri per quattro: quando la caccia � finita, dentro il Tagesraum � compressa una compagine umana calda e compatta, che invade e riempie perfettamente tutti gli angoli ed esercita sulle pareti di legno una pressione tale da farle scricchiolare. Ora siamo tutti nel Tagesraum, e, oltre che non esserci tempo, non c'� neppure posto per avere paura. La sensazione della carne calda che preme tutto intorno � singolare e non spiacevole. Bisogna aver cura di tener alto il naso per trovare aria, e di non spiegazzare o perdere la scheda che teniamo in mano. Il Block�ltester ha chiuso la porta Tagesraum-dormitorio e ha aperto le altre due che dal Tagesraum e dal dormitorio d�nno all'esterno. Qui, davanti alle due porte, sta l'arbitro del nostro destino, che � un sottufficiale delle S.S. Ha a destra il Block�ltester, a sinistra il furiere della baracca. Ognuno di noi, che esce nudo dal Tagesraum nel freddo dell'aria di ottobre, deve fare di corsa i pochi passi fra le due porte davanti ai tre, consegnare la scheda alla S.S. e rientrare per la porta del dormitorio. La S.S., nella frazione di secondo fra due passaggi successivi, con uno sguardo di faccia e di schiena giudica della sorte di ognuno, e consegna a sua volta la scheda all'uomo alla sua destra o all'uomo alla sua sinistra, e questo � la vita o la morte di ciascuno di noi. In tre o quattro minuti una baracca di duecento uomini � �fatta�, e nel pomeriggio l'intero campo di dodicimila uomini. Io confitto nel carnaio del Tagesraum ho sentito gradualmente allentarsi la pressione umana intorno a me, e in breve � stata la mia volta. Come tutti, sono passato con passo energico ed elastico, cercando di tenere la testa alta, il petto in fuori e i muscoli contratti e rilevati. Con la coda dell'occhio ho cercato di vedere alle mie spalle, e mi � parso che la mia scheda sia finita a destra. A mano a mano che rientriamo nel dormitorio, possiamo rivestirci. Nessuno conosce ancora con sicurezza il proprio destino, bisogna anzitutto stabilire se le schede condannate sono quelle passate a destra o a sinistra. Ormai non � pi� il caso di risparmiarsi l'un l'altro e di avere scrupoli superstiziosi. Tutti si accalcano intorno ai pi� vecchi, ai pi� denutriti, ai pi� �mussulmani�; se le loro schede sono andate a sinistra, la sinistra � certamente il lato dei condannati. Prima ancora che la selezione sia terminata, tutti gi� sanno che la sinistra � stata effettivamente la �schlechte Seite�, il lato infausto. Ci sono naturalmente delle irregolarit�: Ren� per esempio, cos� giovane e robusto, � finito a sinistra: forse perch� ha gli occhiali, forse perch� cammina un po' curvo come i miopi, ma pi� probabilmente per una semplice svista: Ren� � passato davanti alla commissione immediatamente prima di me, e potrebbe essere avvenuto uno scambio di schede. Ci ripenso, ne parlo con Alberto, e conveniamo che l'ipotesi � verosimile: non so cosa ne penser� domani e poi; oggi essa non desta in me alcuna emozione precisa. Parimenti di un errore deve essersi trattato per Sattler, un massiccio contadino transilvano che venti giorni fa era ancora a casa sua; Sattler non capisce il tedesco, non ha compreso nulla di quel che � successo e sta in un angolo a rattopparsi la camicia. Devo andargli a dire che non gli servir� pi� la camicia? Non c'� da stupirsi di queste sviste: l'esame � molto rapido e sommario, e d'altronde, per l'amministrazione del Lager, l'importante non � tanto che vengano eliminati proprio i pi� inutili, quanto che si rendano speditamente liberi posti in una certa percentuale prestabilita. Nella nostra baracca la selezione � ormai finita, per� continua nelle altre, per cui siamo ancora sotto clausura. Ma poich� frattanto i bidoni della zuppa sono arrivati, il Block�ltester decide di procedere senz'altro alla distribuzione. Ai selezionati verr� distribuita doppia razione. Non ho mai saputo se questa fosse un'iniziativa assurdamente pietosa dei Block�ltester od un'esplicita disposizione delle S.S., ma di fatto, nell'intervallo di due o tre giorni (talora anche molto pi� lungo) fra la selezione e la partenza, le vittime a Monowitz-Auschwitz godevano di questo privilegio. Ziegler presenta la gamella, riscuote la normale razione, pi resta l� in attesa. - Che vuoi ancora? - chiede il Block�ltester: non gli risulta che a Ziegler spetti il supplemento, lo caccia via con una spinta, ma Ziegler ritorna e insiste umilmente: � stato proprio messo a sinistra, tutti l'hanno visto, vada il Block�ltester a consultare le schede: ha diritto alla doppia razione. Quando l'ha ottenuta, se ne va quieto in cuccetta a mangiare. Adesso ciascuno sta grattando attentamente col cucchiaio il fondo della gamella per ricavarne le ultime briciole di zuppa, e ne nasce un tramestio metallico sonoro il quale vuol dire che la giornata � finita. A poco a poco prevale il silenzio, e allora, dalla mia cuccetta che � al terzo piano, si vede e si sente che il vecchio Kuhn prega, ad alta voce, col berretto in testa e dondolando il busto con violenza. Kuhn ringrazia Dio perch� non � stato scelto. Kuhn � un insensato. Non vede, nella cuccetta accanto, Beppo il greco che ha vent'anni, e dopodomani andr� in gas, e lo sa, e se ne sta sdraiato e guarda fisso la lampadina senza dire niente e senza pensare pi� niente? Non sa Kuhn che la prossima volta sar� la sua volta? Non capisce Kuhn che � accaduto oggi un abominio che nessuna preghiera propiziatoria, nessun perdono, nessuna espiazione dei colpevoli, nulla insomma che sia in potere dell'uomo di fare, potr� risanare mai pi�? Se io fossi Dio, sputerei a terra la preghiera di Kuhn. Kraus. Quando piove si vorrebbe poter piangere. E' novembre, piove gi� da dieci giorni e la terra � come il fondo di una palude. Ogni cosa di legno ha odore di funghi. Se potessi fare dieci passi a sinistra, c'� la tettoia, sarei al riparo; mi basterebbe anche un sacco per coprirmi le spalle, o solamente la speranza di un fuoco dove asciugarmi; o magari un cencio asciutto da mettermi fra la camicia e la schiena. Ci penso, fra un colpo di pala e l'altro, e credo proprio che avere un cencio asciutto sarebbe felicit� positiva. Ormai pi� bagnati non si pu� diventare; solo bisogna cercare di muoversi il meno possibile, e soprattutto di non fare movimenti nuovi, perch� non accada che qualche altra porzione di pelle venga senza necessit� a contatto con gli abiti zuppi e gelidi. E fortuna che oggi non tira vento. Strano, in qualche modo si ha sempre l'impressione di essere fortunati, che una qualche circostanza, magari infinitesima, ci trattenga sull'orlo della disperazione e ci conceda di vivere. Piove, ma non tira vento. Oppure, piove e tira vento: ma sai che stasera tocca a te il supplemento di zuppa, e allora anche oggi trovi la forza di tirar sera. O ancora, pioggia, vento, e la fame consueta, e allora pensi che se proprio dovessi, se proprio non ti sentissi pi� altro nel cuore che sofferenza e noia, come a volte succede, che pare veramente di giacere sul fondo; ebbene, anche allora noi pensiamo che se vogliamo, in qualunque momento, possiamo pur sempre andare a toccare il reticolato elettrico, o buttarci sotto i treni in manovra, e allora finirebbe di piovere. Da stamattina stiamo confitti nella melma, a gambe larghe, senza mai muovere i piedi dalle due buche che si sono scavati nel terreno vischioso; oscillando sulle anche a ogni colpo di pala. Io sono a met� dello scavo, Kraus e Clausner sono sul fondo, Gounan sopra di me, a livello del suolo. Solo Gounan pu� guardarsi intorno, e a monosillabi avvisa ogni tanto Kraus dell'opportunit� di accelerare il ritmo, o eventualmente di riposarsi, a seconda di chi passa per la strada. Clausner piccona, Kraus alza la terra a me palata per palata, e io a mano a mano la alzo a Gounan che la ammucchia a lato. Altri fanno la spola con le carriole e portano la terra chiss� dove, non ci interessa, oggi il nostro mondo � questa buca di fango. Kraus ha sbagliato un colpo, un pacchetto di mota vola e mi si spiaccica sulle ginocchia. Non � la prima volta che succede, senza molta fiducia lo ammonisco di fare attenzione: � ungherese, capisce assai male il tedesco, e non sa una parola di francese. E' lungo lungo, ha gli occhiali e una curiosa faccia piccola e storta; quando ride sembra un bambino, e ride spesso. Lavora troppo, e troppo vigorosamente: non ha ancora imparato la nostra arte sotterranea di fare economia di tutto, di fiato, di movimenti, perfino di pensiero. Non sa ancora che � meglio farsi picchiare, perch� di botte in genere non si muore, ma di fatica s�, e malamente, e quando uno se ne accorge � gi� troppo tardi. Pensa ancora... oh no, povero Kraus, non � ragionamento il suo, � solo la sua sciocca onest� di piccolo impiegato, se la � portata fin qui dentro, e ora gli pare che sia come fuori, dove lavorare � onesto e logico, e inoltre conveniente, perch�, a quanto tutti dicono, quanto pi� uno lavora, tanto pi� guadagna e mangia. - Regardez-moi �a!... Pas si vite, idiot! - impreca Gounan dall'alto; poi si ricorda di tradurre in tedesco: - Langsam, du bl�der Einer, langsam, verstanden? -; Kraus pu� anche ammazzarsi di fatica, se crede, ma non oggi, che lavoriamo in catena e il ritmo del nostro lavoro � condizionato dal suo. Ecco, questa � la sirena del Carburo, adesso i prigionieri inglesi se ne vanno, sono le quattro e mezzo. Poi passeranno le ragazze ucraine, e allora saranno le cinque, potremo raddrizzare la schiena, e ormai solo la marcia di ritorno, l'appello e il controllo dei pidocchi ci divideranno dal riposo. E' l'adunata, �Antreten� da tutte le parti; da tutte le parti strisciano fuori i fantocci di fango, stirano le membra aggranchite, riportano gli attrezzi nelle baracche. Noi estraiamo i piedi dal fosso, cautamente per non lasciarvi succhiati gli zoccoli, e ce ne andiamo, ciondolanti e grondanti, a inquadrarci per la marcia di rientro. �Zu dreien�, per tre. Ho cercato di mettermi vicino ad Alberto, oggi abbiamo lavorato separati, abbiamo da chiederci a vicenda come � andata: ma qualcuno mi ha dato una manata sullo stomaco, sono finito dietro, guarda, proprio vicino a Kraus. Ora partiamo. Il Kapo scandisce il passo con voce dura: - Links, links, links -; dapprima si ha male ai piedi, poi a poco a poco ci si riscalda e i nervi si distendono. Anche oggi, anche questo oggi che stamattina pareva invincibile ed eterno, l'abbiamo perforato attraverso tutti i suoi minuti; adesso giace conchiuso ed � subito dimenticato, gi� non � pi� un giorno, non ha lasciato traccia nella memoria di nessuno. Lo sappiamo, che domani sar� come oggi: forse piover� un po' di pi� o un po' di meno, o forse invece di scavar terra andremo al Carburo a scaricar mattoni. O domani pu� anche finire la guerra, o noi essere tutti uccisi, o trasferiti in un altro campo, o capitare qualcuno di quei grandi rinnovamenti che, da che Lager � Lager, vengono infaticabilmente pronosticati imminenti e sicuri. Ma chi mai potrebbe seriamente pensare a domani? La memoria � uno strumento curioso: finch� sono stato in campo, mi hanno danzato per il capo due versi che ha scritto un mio amico molto tempo fa: ...infin che un giorno senso non avr� pi� dire: domani. Qui � cos�. Sapete come si dice �mai� nel gergo del campo? �Morgen fr�h�, domani mattina. Adesso � l'ora di �links, links, links und links�, l'ora in cui non bisogna sbagliare passo. Kraus � maldestro, si � gi� preso un calcio dal Kapo perch� non sa camminare allineato: ed ecco, incomincia a gesticolare e a masticare un tedesco miserevole, odi odi, mi vuole chiedere scusa della palata di fango, non ha ancora capito dove siamo, bisogna proprio dire che gli ungheresi sono gente singolare. Andare al passo e fare un discorso complicato in tedesco, � ben troppo, questa volta sono io che lo avverto che ha il passo sbagliato, e lo ho guardato, e ho visto i suoi occhi, dietro le gocciole di pioggia degli occhiali, e sono stati gli occhi dell'uomo Kraus. Allora avvenne un fatto importante, e mette conto di raccontarlo adesso, forse per la stessa ragione per cui metteva conto che avvenisse allora. Mi accadde di fare un lungo discorso a Kraus: in cattivo tedesco, ma lento e staccato, sincerandomi, dopo ogni frase, che lui l'avesse capita. Gli raccontai che avevo sognato di essere a casa mia, nella casa dove ero nato, seduto con la mia famiglia con le gambe sotto il tavolo, e sopra molta, moltissima roba da mangiare. Ed era d'estate, ed era in Italia: a Napoli? ...ma s�, a Napoli, non � il caso di sottilizzare. Ed ecco, a un tratto suonava il campanello, e io mi alzavo pieno di ansia, e andavo ad aprire, e chi si vedeva? Lui, il qui presente Kraus P�li, coi capelli, pulito e grasso, e vestito da uomo libero, e in mano una pagnotta. Da due chili, ancora calda. Allora �Servus, P�li, wie geht's?� e mi sentivo pieno di gioia, e lo facevo entrare e spiegavo ai miei chi era, e che veniva da Budapest, e perch� era cos� bagnato: perch� era bagnato, cos�, come adesso. E gli davo da mangiare e da bere, e poi un buon letto per dormire, ed era notte, ma c'era un meraviglioso tepore per cui in un momento eravamo tutti asciutti (s�, perch� anch'io ero molto bagnato). Che buon ragazzo doveva essere Kraus da borghese: non vivr� a lungo qui dentro, questo si vede al primo sguardo e si dimostra come un teorema. Mi dispiace non sapere l'ungherese, ecco che la sua commozione ha rotto gli argini, ed erompe in una marea di bislacche parole magiare. Non ho potuto capire altro che il mio nome, ma dai gesti solenni si direbbe che giura ed augura. Povero sciocco Kraus. Se sapesse che non � vero, che non ho sognato proprio niente di lui, che per me anche lui � niente, fuorch� in un breve momento, niente come tutto � niente quaggi�, se non la fame dentro, e il freddo e la pioggia intorno. Die drei Leute vom Labor. Quanti mesi sono passati dal nostro ingresso in campo? Quanti dal giorno in cui sono stato dimesso dal Ka-Be? E dal giorno dell'esame di chimica? E dalla selezione di ottobre? Alberto ed io ci poniamo spesso queste domande, e molte altre ancora. Eravamo novantasei quando siamo entrati, noi, gli italiani del convoglio centosettantaquattromila; ventinove soltanto fra noi hanno sopravvissuto fino all'ottobre, e di questi, otto sono andati in selezione. Ora siamo ventuno, e l'inverno � appena incominciato. Quanti fra noi giungeranno vivi al nuovo anno? Quanti alla primavera? Da parecchie settimane ormai le incursioni sono cessate; la pioggia di novembre si � mutata in neve, e la neve ha ricoperto le rovine. I tedeschi e i polacchi vengono al lavoro cogli stivaloni di gomma, i copriorecchi di pelo e le tute imbottite, i prigionieri inglesi con i loro meravigliosi giubbetti di pelliccia. Nel nostro Lager non hanno distribuito cappotti se non a qualche privilegiato; noi siamo un Kommando specializzato, il quale, in teoria, non lavora che al coperto: perci� noi siamo rimasti in tenuta estiva. Noi siamo i chimici, e perci� lavoriamo ai sacchi di fenilbeta. Abbiamo sgomberato il magazzino dopo le prime incursioni, nel colmo dell'estate: la fenilbeta ci si incollava sotto gli abiti alle membra sudate e ci rodeva come una lebbra; la pelle si staccava dai nostri visi in grosse squame bruciate. Poi le incursioni si sono interrotte, e noi abbiamo riportato i sacchi nel magazzino. Poi il magazzino � stato colpito, e noi abbiamo ricoverato i sacchi nella cantina del Reparto Stirolo. Ora il magazzino � stato riparato, e bisogna accatastarvi i sacchi ancora una volta. L'odore acuto della fenilbeta impregna il nostro unico abito, e ci accompagna giorno e notte come la nostra ombra. Finora, i vantaggi di essere nel Kommando Chimico si sono limitati a questi: gli altri hanno ricevuto i cappotti e noi no; gli altri portano sacchi di cinquanta chili di cemento, e noi sacchi di sessanta chili di fenilbeta. Come pensare ancora all'esame di chimica e alle illusioni di allora? Almeno quattro volte, durante l'estate, si � parlato del laboratorio del Doktor Pannwitz nel Bau 939, ed � corsa la voce che sarebbero stati scelti fra noi gli analisti per il reparto Polimerizzazione. Adesso basta, adesso � finito. E' l'ultimo atto: l'inverno � incominciato, e con lui la nostra ultima battaglia. Non � pi� dato dubitare che non sia l'ultima. In qualunque momento del giorno ci accada di prestare ascolto alla voce dei nostri corpi, di interrogare le nostre membra, la risposta � una: le forze non ci basteranno. Tutto intorno a noi parla di disfacimento e di fine. Met� del Bau 939 � un ammasso di lamiere contorte e di calcinacci; dalle condutture enormi dove prima ruggiva il vapore surriscaldato, pendono ora fino al suolo deformi ghiaccioli azzurri grossi come pilastri. La Buna � silenziosa adesso, e quando il vento � propizio, se si tende l'orecchio, si sente un continuo sordo fremito sotterraneo, il quale � il fronte che si avvicina. Sono arrivati in Lager trecento prigionieri del ghetto di Lodz, che i tedeschi hanno trasferiti davanti all'avanzata dei russi: hanno portato fino a noi la voce della lotta leggendaria nel ghetto di Varsavia, e ci hanno raccontato di come, gi� un anno fa, i tedeschi hanno liquidato il campo di Lublino: quattro mitragliatrici agli angoli e le baracche incendiate; il mondo civile non lo sapr� mai. A quando la nostra volta? Stamane il Kapo ha fatto come al solito la divisione delle squadre. I dieci del Clormagnesio, al Clormagnesio: e quelli partono, strascicando i piedi, il pi� lentamente possibile, perch� il Clormagnesio � un lavoro durissimo: si sta tutto il giorno fino alle caviglie nell'acqua salmastra e gelata, che macera le scarpe, gli abiti e la pelle. Il Kapo afferra un mattone e lo scaglia nel mucchio: quelli si scansano goffamente ma non accelerano il passo. E' questa quasi una consuetudine, avviene tutte le mattine, e non sempre suppone nel Kapo un preciso proposito di nuocere. I quattro del Scheisshaus, al loro lavoro: e partono i quattro addetti alla costruzione della nuova latrina. Bisogna infatti sapere che, da quando, coll'arrivo dei convogli di Lodz e di Transilvania, noi abbiamo superato l'effettivo di cinquanta H�ftlinge, il misterioso burocrate tedesco che sovrintende a queste cose ci ha autorizzato alla erezione di uno �Zweiplatziges Kommandoscheisshaus�, vale a dire di un cesso a due posti riservato al nostro Kommando. Noi non siamo insensibili a questo segno di distinzione, che fa del nostro uno dei pochi Kommandos a cui sia vanto l'appartenere: � per� evidente che viene cos� a mancare il pi� semplice dei pretesti per assentarsi dal lavoro e per intessere combinazioni coi civili. - Noblesse oblige, - dice Henri, il quale ha altre corde al suo arco. I dodici dei mattoni. I cinque di Meister Dahm. I due delle cisterne. Quanti assenti? Tre assenti. Homolka entrato stamane in Ka-Be, il Fabbro morto ieri, Fran�ois trasferito chiss� dove e chiss� perch�. Il conto torna; il Kapo registra ed � soddisfatto. Non restiamo ormai che noi diciotto della fenilbeta, oltre ai prominenti del Kommando. Ed ecco l'imprevedibile. Il Kapo dice: - Il Doktor Pannwitz ha comunicato all'Arbeitsdienst che tre H�ftlinge sono stati scelti per il Laboratorio. 169 509, Brackier; 175 633, Kandel; 174 517, Levi. - Per un istante le orecchie mi ronzano e la Buna mi gira intorno. Siamo tre Levi nel Kommando 98, ma Hundert Vierundsiebzig F�nf Hundert Siebzehn sono io, non c'� dubbio possibile. Io sono uno dei tre eletti. Il Kapo ci squadra con un riso astioso. Un belga, un rumeno e un italiano: tre �Franzosen�, insomma. Possibile che dovessero proprio essere tre Franzosen gli eletti per il paradiso del laboratorio? Molti compagni si congratulano; primo fra tutti Alberto, con genuina gioia, senza ombra d'invidia. Alberto non trova nulla a ridire sulla fortuna che mi � toccata, e ne � anzi ben lieto, sia per amicizia, sia perch� ne trarr� lui pure dei vantaggi: infatti noi due siamo ormai legati da uno strettissimo patto di alleanza, per cui ogni boccone �organizzato� viene diviso in due parti rigorosamente uguali. Non ha motivo di invidiarmi, poich� entrare in Laboratorio non rientrava n� nelle sue speranze, n� pure nei suoi desideri. Il sangue delle sue vene � troppo libero perch� Alberto, il mio amico non domato, pensi di adagiarsi in un sistema; il suo istinto lo porta altrove, verso altre soluzioni, verso l'imprevisto, l'estemporaneo, il nuovo. A un buon impiego, Alberto preferisce senza esitare gli incerti e le battaglie della �libera professione�. Ho in tasca un biglietto dell'Arbeitsdienst, dove � scritto che lo H�ftling 174 517, come operaio specializzato, ha diritto a camicia e mutande nuove, e deve essere sbarbato ogni mercoled�. La Buna dilaniata giace sotto la prima neve, silenziosa e rigida come uno smisurato cadavere; ogni giorno abbaiano le sirene del Fliegeralarm; i russi sono a ottanta chilometri. La centrale elettrica � ferma, le colonne del Metanolo non esistono pi�, tre dei quattro gasometri dell'acetilene sono saltati. Nel nostro Lager affluiscono ogni giorno alla rinfusa i prigionieri �recuperati� da tutti i campi della Polonia orientale; i meno vanno al lavoro, i pi� proseguono senz'altro per Birkenau e per il Camino. La razione � stata ancora ridotta. Il Ka-Be rigurgita, gli E-H�ftlinge hanno portato in campo la scarlattina, la difterite e il tifo petecchiale. Ma lo H�ftling 174 517 � stato promosso specialista, e ha diritto a camicia e mutande nuove e deve essere raso ogni mercoled�. Nessuno pu� vantarsi di comprendere i tedeschi. Siamo entrati in laboratorio timidi, sospettosi e disorientati come tre bestie selvagge che si addentrino in una grande citt�. Come � liscio e pulito il pavimento! Questo � un laboratorio sorprendentemente simile a qualunque altro laboratorio. Tre lunghi banchi di lavoro carichi di centinaia di oggetti familiari. La vetreria in un angolo a sgocciolare, la bilancia analitica una stufa Heraeus, un termostato H�ppler. L'odore mi fa trasalire come una frustata: il debole odore aromatico dei laboratori di chimica organica. Per un attimo, evocata con violenza brutale e subito svanita, la grande sala semibuia dell'universit�, il quarto anno, l'aria mite del maggio in Italia. Herr Stawinoga ci assegna i posti di lavoro. Stawinoga � un tedesco-polacco ancor giovane, dal viso energico ma insieme triste e stanco. E anche lui Doktor: non in chimica, bens� (ne pas chercher � comprendre) in glottologia; tuttavia � lui il capo-laboratorio. Con noi non parla volentieri, ma non sembra mal disposto. Ci chiama �Monsieur�, il che � ridicolo e sconcertante. In laboratorio la temperatura � meravigliosa: il termometro segna 24 gradi. Noi pensiamo che ci possono anche mettere a lavare la vetreria, o a scopare il pavimento, o a trasportare le bombole di idrogeno, qualunque cosa pur di restare qui dentro, e il problema dell'inverno per noi sar� risolto. E poi, a un secondo esame, anche il problema della fame non dovrebbe essere difficile a risolversi. Vorranno proprio perquisirci ogni giorno all'uscita? O quando anche cos� fosse, ogni volta che domanderemo di andare alla latrina? Evidentemente no. E qui c'� sapone, c'� benzina, c'� alcool. Mi cucir� una tasca segreta nell'interno della giacca, far� una combinazione con l'inglese che lavora in officina e commercia in benzina. Vedremo quanto severa sar� la sorveglianza: ma ormai ho un anno di Lager, e so che se uno vuole rubare, e ci si dedica seriamente, non esiste sorveglianza e non esistono perquisizioni che glielo possano impedire. A quanto pare dunque, la sorte, battendo strade insospettate, ha fatto s� che noi tre, oggetto di invidia per i diecimila condannati, non avremo quest'inverno n� freddo n� fame. Questo vuol dire forti probabilit� di non ammalarsi gravemente, di salvarsi dai congelamenti, di superare le selezioni. In queste condizioni, persone meno esperte di noi delle cose del Lager potrebbero anche essere tentate dalla speranza di sopravvivere e dal pensiero della libert�. Noi no, noi sappiamo come vanno queste faccende; tutto questo � un dono del destino, che come tale va goduto il pi� intensamente possibile, e subito: ma del domani non v'� certezza. Al primo vetro che romper�, al primo errore di misura, alla prima disattenzione, ritorner� a consumarmi nella neve e nel vento, fino a che sar� anch'io pronto per il Camino. E inoltre, chi pu� sapere che cosa accadr� quando i russi verranno? Perch� i russi verranno. Il suolo trema notte e giorno sotto i nostri piedi; nel vuoto silenzio della Buna il fragore sommesso e sordo delle artiglierie risuona ormai ininterrotto. Si respira un'aria tesa, un'aria di risoluzione. I polacchi non lavorano pi�, i francesi camminano di nuovo a testa alta. Gli inglesi ci strizzano l'occhio, e ci salutano di nascosto con la �V� dell'indice e del medio; e non sempre di nascosto. Ma i tedeschi sono sordi e ciechi, chiusi in una corazza di ostinazione e di deliberata sconoscenza. Ancora una volta hanno fissato la data dell'inizio della produzione di gomma sintetica: sar� per il 1� febbraio 1945. Fabbricano rifugi e trincee, riparano i danni, costruiscano, combattono, comandano, organizzano e uccidono. Che altro potrebbero fare? Sono tedeschi: questo loro agire non � meditato e deliberato, ma segue dalla loro natura e dal destino che si sono scelti. Non potrebbero fare altrimenti: se si ferisce il corpo di un agonizzante, la ferita incomincia tuttavia a cicatrizzare, anche se l'intero corpo morr� fra un giorno. Adesso, ogni mattina, alla divisione delle squadre il Kapo chiama prima di tutti gli altri noi tre del Laboratorio, �die drei Leute vom Labor�. In campo, alla sera e al mattino, nulla mi distingue dal gregge, ma di giorno, al lavoro, io sto al coperto e al caldo, e nessuno mi picchia; rubo e vendo sapone e benzina, senza serio rischio, e forse avr� un buono per le scarpe di cuoio. Inoltre, si pu� chiamare lavoro questo mio? Lavorare � spingere vagoni, portare travi, spaccare pietre, spalare terra, stringere con le mani nude il ribrezzo del ferro gelato. Io invece sto seduto tutto il giorno, ho un quaderno e una matita, e mi hanno perfino dato un libro per rinfrescarmi la memoria sui metodi analitici. Ho un cassetto dove posso riporre berretto e guanti, e quando voglio uscire basta che avvisi Herr Stawinoga, il quale non dice mai di no e se ritardo non fa domande; ha l'aria di soffrire nella sua carne per la rovina che lo circonda. I compagni del Kommando mi invidiano, e hanno ragione; non dovrei forse dirmi contento? Ma non appena, al mattino, io mi sottraggo alla rabbia del vento e varco la soglia del laboratorio, ecco al mio fianco la compagna di tutti i momenti di tregua, del Ka-Be e delle domeniche di riposo: la pena del ricordarsi, il vecchio feroce struggimento di sentirsi uomo, che mi assalta come un cane all'istante in cui la coscienza esce dal buio. Allora prendo la matita e il quaderno, e scrivo quello che non saprei dire a nessuno. Poi ci sono le donne. Da quanti mesi non vedevo una donna? Non di rado si incontravano in Buna le operaie ucraine e polacche, in pantaloni e giubba di cuoio, massicce e violente come i loro uomini. Erano sudate e scarmigliate d'estate, imbottite di abiti spessi d'inverno; lavoravano di pala e di piccone, e non si sentivano accanto come donne. Qui � diverso. Di fronte alle ragazze del laboratorio, noi tre ci sentiamo sprofondare di vergogna e di imbarazzo. Noi sappiamo qual � il nostro aspetto: ci vediamo l'un l'altro, e talora ci accade di specchiarci in un vetro terso. Siamo ridicoli e ripugnanti. Il nostro cranio � calvo il luned�, e coperto di una corta muffa brunastra il sabato. Abbiamo il viso gonfio e giallo, segnato in permanenza dai tagli del barbiere frettoloso, e spesso da lividure e piaghe torpide; abbiamo il collo lungo e nodoso come polli spennati. I nostri abiti sono incredibilmente sudici, macchiati di fango, sangue e untume; le brache di Kandel gli arrivano a met� polpacci, rivelando le caviglie ossute e pelose; la mia giacca mi spiove dalle spalle come da un attaccapanni di legno. Siamo pieni di pulci, e spesso ci grattiamo spudoratamente; siamo costretti a domandare di andare alla latrina con umiliante frequenza. I nostri zoccoli di legno sono insopportabilmente rumorosi, e incrostati di strati alterni di fango e del grasso regolamentare. E poi, al nostro odore noi siamo ormai avvezzi, ma le ragazze no, e non perdono occasione per manifestarcelo. Non � l'odore generico di mal lavato, ma l'odore di H�ftling, scialbo e dolciastro, che ci ha accolti al nostro arrivo in Lager ed esala tenace dai dormitori, dalle cucine, dai lavatoi e dai cessi del Lager. Lo si acquista subito e non lo si perde pi�: �cos� giovane e gi� puzzi!�, cos� si usa accogliere fra noi i nuovi arrivati. A noi queste ragazze sembrano creature ultraterrene. Sono tre giovani tedesche, pi� Fr�ulein Liczba, polacca, che � la magazziniera, e Frau Mayer che � la segretaria. Hanno la pelle liscia e rosea, begli abiti colorati, puliti e caldi, i capelli biondi, lunghi e ben ravviati; parlano con molta grazia e compostezza, e invece di tenere il laboratorio ordinato e pulito, come dovrebbero, fumano negli angoli, mangiano pubblicamente tartine di pane e marmellata, si limano le unghie, rompono molta vetreria e poi cercano di darne a noi la colpa; quando scopano ci scopano i piedi. Con noi non parlano, e arricciano il naso quando ci vedono trascinarci per il laboratorio, squallidi e sudici, disadatti e malfermi sugli zoccoli. Una volta ho chiesto una informazione a Fr�ulein Liczba, e lei non mi ha risposto, ma si � volta a Stawinoga con viso infastidito e gli ha parlato rapidamente. Non ho inteso la frase, ma �Stinkjude� l'ho percepito chiaramente, e mi si sono strette le vene. Stawinoga mi ha detto che, per ogni questione di lavoro, ci dobbiamo rivolgere a lui direttamente. Queste ragazze cantano, come cantano tutte le ragazze di tutti i laboratori del mondo, e questo ci rende profondamente infelici. Discorrono fra loro: parlano del tesseramento, dei loro fidanzati, delle loro case, delle feste prossime... - Domenica vai a casa? Io no: � cos� scomodo viaggiare! - Io andr� a Natale. Due settimane soltanto, e poi sar� ancora Natale: non sembra vero, quest'anno � passato cos� presto! ...Quest'anno � passato presto. L'anno scorso a quest'ora io ero un uomo libero: fuori legge ma libero, avevo un nome e una famiglia, possedevo una mente avida e inquieta e un corpo agile e sano. Pensavo a molte lontanissime cose: al mio lavoro, alla fine della guerra, al bene e al male, alla natura delle cose e alle leggi che governano l'agire umano; e inoltre alle montagne, a cantare, all'amore, alla musica, alla poesia. Avevo una enorme, radicata, sciocca fiducia nella benevolenza del destino, e uccidere e morire mi parevano cose estranee e letterarie. I miei giorni erano lieti e tristi, ma tutti li rimpiangevo, tutti erano densi e positivi; l'avvenire mi stava davanti come una grande ricchezza. Della mia vita di allora non mi resta oggi che quanto basta per soffrire la fame e il freddo; non sono pi� abbastanza vivo per sapermi sopprimere. Se parlassi meglio tedesco, potrei provare a spiegare tutto questo a Frau Mayer; ma certo non capirebbe, o se fosse cos� intelligente e cos� buona da capire, non potrebbe sostenere la mia vicinanza, e mi fuggirebbe, come si fugge il contatto con un malato incurabile o con un condannato a morte. O forse mi regalerebbe un buono per mezzo litro di zuppa civile. Quest'anno � passato presto. L'ultimo. Ormai Natale � vicino. Alberto ed io camminiamo spalla contro spalla nella lunga schiera grigia, curvi in avanti per resistere meglio al vento. E' notte e nevica; non � facile mantenersi in piedi, ancora pi� difficile mantenere il passo e l'allineamento: ogni tanto qualcuno davanti a noi incespica e rotola nel fango nero, bisogna stare attenti a evitarlo e a riprendere il nostro posto nella fila. Da quando io sono in Laboratorio, Alberto ed io lavoriamo separati, e, nella marcia di ritorno, abbiamo sempre molte cose da dirci. Di solito non si tratta di cose molto elevate: del lavoro, dei compagni, del pane, del freddo; ma da una settimana c'� qualcosa di nuovo: Lorenzo ci porta ogni sera tre o quattro litri della zuppa dei lavoratori civili italiani. Per risolvere il problema del trasporto, abbiamo dovuto procurarci ci� che qui si chiama una �menaschka�, vale a dire una gamella fuori serie di lamiera zincata, piuttosto un secchio che una gamella. Silberlust, il lattoniere ce l'ha fabbricata con due pezzi di grondaia, in cambio di tre razioni di pane: � uno splendido recipiente solido e capace, dal caratteristico aspetto di arnese neolitico. In tutto il campo solo qualche greco possiede una menaschka pi� grande della nostra. Questo, oltre ai vantaggi materiali, ha comportato un sensibile miglioramento della nostra condizione sociale. Una menaschka come la nostra � un diploma di nobilt�, � un segno araldico: Henri sta diventando nostro amico e parla con noi da pari a pari; L. ha assunto un tono paterno e condiscendente; quanto a Elias, ci � perennemente alle costole, e mentre da una parte ci spia con tenacia per scoprire il segreto della nostra �organisacja�, dall'altra ci subissa di incomprensibili dichiarazioni di solidariet� e di affetto, e ci introna con una litania di portentose oscenit� e bestemmie italiane e francesi che ha imparate chiss� dove, e con le quali intende palesemente onorarci. Quanto all'aspetto morale del nuovo stato di cose, Alberto e io abbiamo dovuto convenire che non c'� di che andare molto fieri; ma � cos� facile trovarsi delle giustificazioni! D'altronde, questo stesso fatto di avere nuove cose di cui parlare, non � un vantaggio trascurabile. Parliamo del disegno di comperarci una seconda menaschka per fare la rotazione con la prima, in modo che ci basti una sola spedizione al giorno all'angolo remoto del cantiere dove ora lavora Lorenzo. Parliamo di Lorenzo, e del modo di compensarlo; dopo, se ritorneremo, s�, certamente, faremo tutto quanto potremo per lui; ma a che pro parlare di questo? sia lui che noi, sappiamo bene che � difficile che noi torniamo. Bisognerebbe fare qualcosa subito; potremmo provare a fargli riparare le scarpe nella calzoleria del nostro Lager, dove le riparazioni sono gratuite (sembra un paradosso, ma ufficialmente, nei campi di annientamento, � tutto gratuito). Alberto prover�: � amico del ciabattino capo, forse baster� qualche litro di zuppa. Parliamo di tre nuovissime nostre imprese, e ci troviamo d'accordo nel deplorare che evidenti ragioni di segreto professionale sconsiglino di spiattellarle in giro: peccato, il nostro prestigio personale ne trarrebbe un grande vantaggio. Della prima, � mia la paternit�. Ho saputo che il Block�ltester del 44 � a corto di scope, e ne ho rubata una in cantiere: e fin qui non c'� nulla di straordinario. La difficolt� era quella di contrabbandare la scopa in Lager durante la marcia di ritorno, e io l'ho risolta in un modo che credo inedito, smembrando la refurtiva in saggina e manico, segando quest'ultimo in due pezzi, portando in campo i vari articoli separatamente (i due tronconi di manico legati alle cosce, dentro i pantaloni), e ricostituendo il tutto in Lager, per il che ho dovuto trovare un pezzo di lamiera, martello e chiodi per risaldare i due legni. Il travaso ha richiesto quattro soli giorni. Contrariamente a quanto temevo, il committente non solo non ha svalutata la mia scopa, ma l'ha mostrata come una curiosit� a parecchi suoi amici, i quali mi hanno passato regolare ordinazione per altre due scope �dello stesso modello�. Ma Alberto ha ben altro in pentola. In primo luogo, ha messo a punto l'�operazione lima�, e l'ha gi� eseguita due volte con successo. Alberto si presenta al magazzino attrezzi, chiede una lima, e ne sceglie una piuttosto grossa. Il magazziniere scrive �una lima� accanto al suo numero di matricola, e Alberto se ne va. Va difilato da un civile sicuro (un fior di furfante triestino, che ne sa una pi� del diavolo e aiuta Alberto pi� per amor dell'arte che per interesse o per filantropia), il quale non ha difficolt� a cambiare sul libero mercato la lima grossa contro due piccole di valore uguale o minore. Alberto rende �una lima� al magazzino e vende l'altra. E infine, ha coronato in questi giorni il suo capolavoro, una combinazione audace, nuova, e di singolare eleganza. Bisogna sapere che da qualche settimana ad Alberto � stata affidata una mansione speciale: al mattino, in cantiere, gli viene consegnato un secchio con pinze, cacciavite, e parecchie centinaia di targhette di celluloide di colori diversi, le quali egli deve montare mediante appositi supportini per contraddistinguere le numerose e lunghe tubazioni di acqua fredda e calda, vapore, aria compressa, gas, nafta, vuoto eccetera che percorrono in tutti i sensi il Reparto Polimerizzazione. Bisogna sapere inoltre (e sembra che non c'entri affatto: ma l'ingegno non consiste forse nel trovare o creare relazioni fra ordini di idee apparentemente estranei?) che per tutti noi H�ftlinge la doccia � una faccenda assai sgradevole per molte ragioni (l'acqua � scarsa e fredda, o addirittura bollente, non c'� spogliatoio, non abbiamo asciugamani, non abbiamo sapone, e durante la forzata assenza � facile essere derubati. Poich� la doccia � obbligatoria, occorre ai Block�lteste un sistema di controllo che permetta di applicare sanzioni a chi vi si sottrae: per lo pi�, un fiduciario del Block si installa sulla porta, e tasta come Polifemo chi esce per sentire se e bagnato; chi lo �, riceve uno scontrino, chi � asciutto riceve cinque nerbate. Solo presentando lo scontrino si pu� riscuotere il pane al mattino seguente. L'attenzione di Alberto si � appuntata sugli scontrini. In genere, non sono altro che miseri biglietti di carta, che vengono riconsegnati umidi, spiegazzati e irriconoscibili. Alberto conosce i tedeschi, e i Block�lteste sono tutti tedeschi o di scuola tedesca: amano l'ordine, il sistema, la burocrazia; inoltre, pur essendo dei tangheri maneschi e iracondi, nutrono un amore infantile per gli oggetti luccicanti e variopinti. Cos� impostato il tema, eccone il brillante svolgimento. Alberto ha sottratto sistematicamente una serie di targhette dello stesso colore; da ognuna, ha ricavato tre dischetti (lo strumento necessario, un foratappi, l'ho organizzato io in Laboratorio): quando sono stati pronti duecento dischetti, sufficienti per un Block, si � presentato al Block�ltester, e gli ha offerto la �Spezialit�t� per la folle quotazione di dieci razioni di pane, a consegna scalare. Il cliente ha accettato con entusiasmo, e ora Alberto dispone di un portentoso articolo di moda da offrire a colpo sicuro in tutte le baracche, un colore per baracca (nessun Block�ltester vorr� passare per taccagno o misoneista), e, quel che pi� conta, non ha da temere concorrenti, perch� lui solo ha accesso alla materia prima. Non � ben studiato? Di queste cose parliamo, incespicando da una pozzanghera all'altra, fra il nero del cielo e il fango della strada. Parliamo e camminiamo. Io porto le due gamelle vuote, Alberto il peso della menaschka dolcemente piena. Ancora una volta la musica della banda, la cerimonia del �M�tzen ab�, gi� i berretti di scatto davanti alle S.S.; ancora una volta Arbeit Macht Frei e l'annunzio del Kapo: - Kommando 98, zwei uni sechzig H�ftlinge, St�rke stimmt, - sessantadue prigionieri, il conto torna. Ma la colonna non si � sciolta, ci hanno fatto marciare fino in piazza dell'Appello. Ci sar� appello? Non � l'appello. Abbiamo visto la luce cruda del faro, e il profilo ben noto della forca. Ancora per pi� di un'ora le squadre hanno continuato a rientrare, col trepestio duro delle suole di legno sulla neve gelata. Quando poi tutti i Kommandos sono ritornati, la banda ha taciuto a un tratto, e una rauca voce tedesca ha imposto il silenzio. Nell'improvvisa quiete, si � levata un'altra voce tedesca, e nell'aria buia e nemica ha parlato a lungo con collera. Infine il condannato � stato introdotto nel fascio di luce del faro. Tutto questo apparato, e questo accanito cerimoniale, non sono nuovi per noi. Da quando io sono in campo, ho gi� dovuto assistere a tredici pubbliche impiccagioni; ma le altre volte si trattava di comuni reati, furti alla cucina, sabotaggi, tentativi di fuga. Oggi si tratta di altro. Il mese scorso, uno dei crematori di Birkenau � stato fatto saltare. Nessuno di noi sa (e forse nessuno sapr� mai) come esattamente l'impresa sia stata compiuta: si parla del Sonderkommando, del Kommando Speciale addetto alle camere a gas e ai forni, che viene esso stesso periodicamente sterminato, e che viene tenuto scrupolosamente segregato dal resto del campo. Resta il fatto che a Birkenau qualche centinaio di uomini, di schiavi inermi e spossati come noi, hanno trovato in se stessi la forza di agire, di maturare i frutti del loro odio. L'uomo che morr� oggi davanti a noi ha preso parte in qualche modo alla rivolta. Si dice che avesse relazioni cogli insorti di Birkenau, che abbia portato armi nel nostro campo, che stesse tramando un ammutinamento simultaneo anche tra noi. Morr� oggi sotto i nostri occhi: e forse i tedeschi non comprenderanno che la morte solitaria, la morte di uomo che gli � stata riservata, gli frutter� gloria e non infamia. Quando fin� il discorso del tedesco, che nessuno pot� intendere, di nuovo si lev� la prima voce rauca: - Habt ihr verstanden? - (Avete capito? ) Chi rispose �Jawohl�? Tutti e nessuno: fu come se la nostra maledetta rassegnazione prendesse corpo di per s�, si facesse voce collettivamente al di sopra dei nostri capi. Ma tutti udirono il grido del morente, esso penetr� le grosse antiche barriere di inerzia e di remissione, percosse il centro vivo dell'uomo in ciascuno di noi: - Kamaraden, ich bin der Letzte! - (Compagni, io sono l'ultimo!) Vorrei poter raccontare che fra di noi, gregge abietto, una voce si fosse levata, un mormorio, un segno di assenso. Ma nulla � avvenuto. Siamo rimasti in piedi, curvi e grigi, a capo chino, e non ci siamo scoperta la testa che quando il tedesco ce l'ha ordinato. La botola si � aperta, il corpo ha guizzato atroce; la banda ha ripreso a suonare, e noi, nuovamente ordinati in colonna, abbiamo sfilato davanti agli ultimi fremiti del morente. Ai piedi della forca, le S.S. ci guardavano passare con occhi indifferenti: la loro opera � compiuta, e ben compiuta. I russi possono ormai venire: non vi sono pi� uomini forti fra noi, l'ultimo pende ora sopra i nostri capi, e per gli altri, pochi capestri sono bastati. Possono venire i russi: non troveranno che noi domati, noi spenti, degni ormai della morte inerme che ci attende. Distruggere l'uomo � difficile, quasi quanto crearlo: non � stato agevole, non � stato breve, ma ci siete riusciti, tedeschi. Eccoci docili sotto i vostri sguardi: da parte nostra nulla pi� avete a temere: non atti di rivolta, non parole di sfida, neppure uno sguardo giudice. Alberto ed io siamo rientrati in baracca, e non abbiamo potuto guardarci in viso. Quell'uomo doveva essere duro, doveva essere di un altro metallo del nostro, se questa condizione, da cui noi siamo stati rotti, non ha potuto piegarlo. Perch�, anche noi siamo rotti, vinti: anche se abbiamo saputo adattarci, anche se abbiamo finalmente imparato a trovare il nostro cibo e a reggere alla fatica e al freddo, anche se ritorneremo. Abbiamo issato la menaschka sulla cuccetta, abbiamo fatto la ripartizione, abbiamo soddisfatto la rabbia quotidiana della fame, e ora ci opprime la vergogna. Storia di dieci giorni. Gi� da molti mesi ormai si sentiva a intervalli il rombo dei cannoni russi, quando, l'11 gennaio 1945, mi ammalai di scarlattina e fui nuovamente ricoverato in Ka-Be. �Infektionsabteilung�: vale a dire in una cameretta, per verit� assai pulita, con dieci cuccette su due piani; un armadio; tre sgabelli, e la seggetta col secchio per i bisogni corporali. Il tutto in tre metri per cinque. Sulle cuccette superiori era disagevole salire, non c'era scala; perci� quando un malato si aggravava veniva trasferito alle cuccette inferiori. Quando io entrai, fui il tredicesimo: degli altri dodici, quattro avevano la scarlattina, due francesi �politici� e due ragazzi ebrei ungheresi; c'erano poi tre difterici, due tifosi, e uno affetto da una ributtante risipola facciale. I due rimanenti avevano pi� di una malattia ed erano incredibilmente deperiti. Avevo febbre alta. Ebbi la fortuna di avere una cuccetta tutta per me; mi coricai con sollievo, sapevo di avere diritto a quaranta giorni di isolamento e quindi di riposo, e mi ritenevo abbastanza ben conservato da non dover temere le conseguenze della scarlattina da una parte, e le selezioni dall'altra. Grazie alla mia ormai lunga esperienza delle cose del campo, ero riuscito a portare con me le mie cose personali: una cintura di fili elettrici intrecciati, il cucchiaio-coltello; un ago con tre gugliate; cinque bottoni; e infine, diciotto pietrine per acciarino che avevo rubato in Laboratorio. Da ognuna di queste, assottigliandola pazientemente col coltello, si potevano ricavare tre pietrine pi� piccole, del calibro adatto a un normale accendisigaro. Erano state valutate sei o sette razioni di pane. Passai quattro giorni tranquilli. Fuori nevicava e faceva molto freddo, ma la baracca era riscaldata. Ricevevo forti dosi di sulfamidico, soffrivo di una nausea intensa e stentavo a mangiare; non avevo voglia di attaccare discorso. I due francesi con la scarlattina erano simpatici. Erano due provinciali dei Vosgi, entrati in campo da pochi giorni con un grosso trasporto di civili rastrellati dai tedeschi in ritirata dalla Lorena. Il pi� anziano si chiamava Arthur, era contadino, piccolo e magro. L'altro, suo compagno di cuccetta, si chiamava Charles, era maestro di scuola e aveva trentadue anni; invece della camicia gli era toccata una canottiera estiva comicamente corta. Il quinto giorno venne il barbiere. Era un greco di Salonicco; parlava solo il bello spagnolo della sua gente, ma capiva qualche parola di tutte le lingue che si parlavano in campo. Si chiamava Askenazi, ed era in campo da quasi tre anni; non so come avesse potuto ottenere la carica di �Fris�r� del Ka-Be: infatti non parlava tedesco n� polacco e non era eccessivamente brutale. Prima che entrasse, lo avevo sentito parlare a lungo concitatamente nel corridoio col medico, che era suo compatriota. Mi parve che avesse una espressione insolita, ma poich� la mimica dei levantini non corrisponde alla nostra, non comprendevo se fosse spaventato, o lieto, o emozionato. Mi conosceva, o almeno sapeva che io ero italiano. Quando fu il mio turno, scesi laboriosamente dalla cuccetta. Gli chiesi in italiano se c'era qualcosa di nuovo: egli interruppe la rasatura, strizz� gli occhi in modo solenne e allusivo, indic� la finestra col mento, poi fece colla mano un gesto ampio verso ponente: - Morgen, alle Kamarad weg. Mi guard� un momento cogli occhi spalancati, come in attesa del mio stupore, poi aggiunse: - Todos todos, - e riprese il lavoro. Sapeva delle mie pietrine, perci� mi rase con una certa delicatezza. La notizia non provoc� in me alcuna emozione diretta. Da molti mesi non conoscevo pi� il dolore, la gioia, il timore, se non in quel modo staccato e lontano che � caratteristico del Lager, e che si potrebbe chiamare condizionale: se avessi ora - pensavo - la mia sensibilit� di prima, questo sarebbe un momento estremamente emozionante. Avevo le idee perfettamente chiare; da molto tempo Alberto ed io avevamo previsto i pericoli che avrebbero accompagnato il momento della evacuazione del campo e della liberazione. Del resto la notizia portata da Askenazi non era che la conferma di una voce che circolava gi� da vari giorni: che i russi erano a Censtochowa, cento chilometri a nord; che erano a Zakopane, cento chilometri a sud; che in Buna i tedeschi gi� preparavano le mine di sabotaggio. Guardai uno per uno i visi dei miei compagni di camera: era chiaro che non metteva conto di parlarne con nessuno di loro. Mi avrebbero risposto: �Ebbene?� e tutto sarebbe finito l�. I francesi erano diversi, erano ancora freschi. - Sapete? - dissi loro: - Domani si evacua il campo. Mi coprirono di domande: - Verso dove? A piedi?... e anche i malati? quelli che non possono camminare? - Sapevano che ero un vecchio prigioniero e che capivo il tedesco: ne concludevano che sapessi sull'argomento molto pi� di quanto non volessi ammettere. Non sapevo altro: lo dissi, ma quelli continuarono colle domande. Che seccatura. Ma gi�, erano in Lager da qualche settimana, non avevano ancora imparato che in Lager non si fanno domande. Nel pomeriggio venne il medico greco. Disse che, anche fra i malati, tutti quelli che potevano camminare sarebbero stati forniti di scarpe e di abiti, e sarebbero partiti il giorno dopo, con i sani, per una marcia di venti chilometri. Gli altri sarebbero rimasti in Ka-Be, con personale di assistenza scelto fra i malati meno gravi. Il medico era insolitamente ilare, sembrava ubriaco. Lo conoscevo, era un uomo colto, intelligente, egoista e calcolatore. Disse ancora che tutti indistintamente avrebbero ricevuto tripla razione di pane, al che i malati si rallegrarono visibilmente. Gli facemmo qualche domanda su che cosa sarebbe stato di noi. Rispose che probabilmente i tedeschi ci avrebbero abbandonati al nostro destino: no, non credeva che ci avrebbero uccisi. Non metteva molto impegno a nascondere che pensava il contrario, la sua stessa allegria era significativa. Era gi� equipaggiato per la marcia; appena fu uscito, i due ragazzi ungheresi presero a parlare concitatamente fra di loro. Erano in avanzata convalescenza, ma molto deperiti. Si capiva che avevano paura di restare coi malati, deliberavano di partire coi sani. Non si trattava di un ragionamento: � probabile che anche io, se non mi fossi sentito cos� debole, avrei seguito l'istinto del gregge; il terrore � eminentemente contagioso, e l'individuo atterrito cerca in primo luogo la fuga. Fuori della baracca si sentiva il campo in insolita agitazione. Uno dei due ungheresi si alz�, usc� e torn� dopo mezz'ora carico di stracci immondi. Doveva averli sottratti al magazzino degli effetti da passare alla disinfezione. Lui e il suo compagno si vestirono febbrilmente, indossando stracci su stracci. Si vedeva che avevano fretta di mettersi avanti al fatto compiuto, prima che la paura stessa li facesse recedere. Era insensato pensare di fare anche solo un'ora di cammino deboli come erano, e per di pi� nella neve, e con quelle scarpe rotte trovate all'ultimo momento. Tentai di spiegarlo, ma mi guardarono senza rispondere. Avevano gli occhi come le bestie impaurite. Solo per un attimo mi pass� per il capo che potevano anche aver ragione loro. Uscirono maldestri dalla finestra, li vidi, fagotti informi, barcollare fuori nella notte. Non sono tornati; ho saputo molto pi� tardi che, non potendo proseguire, furono abbattuti dalle S.S. poche ore dopo l'inizio della marcia. Anche per me ci voleva un paio di scarpe: era chiaro. Pure ci volle forse un'ora perch� riuscissi a vincere la nausea, la febbre e l'inerzia. Ne trovai un paio nel corridoio (i sani avevano saccheggiato il deposito delle scarpe dei ricoverati, e si erano prese le migliori: le pi� scadenti, sfondate e spaiate, giacevano in tutti i canti). Proprio l� incontrai Kosman, un alsaziano. Era, da civile, corrispondente della �Reuter� a Clermont-Ferrand: anche lui eccitato ed euforico. Disse: - Se dovessi tu ritornare prima di me, scrivi al sindaco di Metz che io sto per rientrare. Kosman aveva notoriamente conoscenze fra i Prominenti, perci� il suo ottimismo mi parve buon indizio e lo utilizzai per giustificare davanti a me stesso la mia inerzia. Nascosi le scarpe e ritornai a letto. A tarda notte venne ancora il medico greco, con un sacco sulle spalle e un passamontagna. Gett� sulla mia cuccetta un romanzo francese: - Tieni, leggi, italiano. Me lo renderai quando ci rivedremo. - Ancora oggi lo odio per questa sua frase. Sapeva che noi eravamo condannati. E venne finalmente Alberto, sfidando il divieto, a salutarmi dalla finestra. Era il mio indivisibile: noi eravamo �i due italiani�, e per lo pi� i compagni stranieri confondevano i nostri nomi. Da sei mesi dividevamo la cuccetta, e ogni grammo di cibo organizzato extra-razione; ma lui aveva superata la scarlattina da bambino, e io non avevo quindi potuto contagiarlo. Perci� lui part� e io rimasi. Ci salutammo, non occorrevano molte parole, ci eravamo dette tutte le nostre cose gi� infinite volte. Non credevamo che saremmo rimasti a lungo separati. Aveva trovato grosse scarpe di cuoio, in discreto stato: era uno di quelli che trovano subito tutto ci� di cui hanno bisogno. Anche lui era allegro e fiducioso, come tutti quelli che partivano. Era comprensibile: stava per accadere qualcosa di grande e di nuovo: si sentiva finalmente intorno una forza che non era quella della Germania, si sentiva materialmente scricchiolare tutto quel nostro mondo maledetto. O almeno, questo sentivano i sani, che, per quanto stanchi e affamati, avevano modo di muoversi; ma � indiscutibile che chi � troppo debole, o nudo, o scalzo, pensa e sente in un altro modo, e ci� che dominava le nostre menti era la sensazione paralizzante di essere totalmente inermi e in mano alla sorte. Tutti i sani (tranne qualche ben consigliato che all'ultimo istante si spogli� e si cacci� in qualche cuccetta di infermeria) partirono nella notte sul 18 gennaio 1945. Dovevano essere circa ventimila, provenienti da vari campi. Nella quasi totalit�, essi scomparvero durante la marcia di evacuazione: Alberto � fra questi. Qualcuno scriver� forse un giorno la loro storia. Noi restammo dunque nei nostri giacigli, soli con le nostre malattie, e con la nostra inerzia pi� forte della paura. Nell'intero Ka-Be eravamo forse ottocento. Nella nostra camera eravamo rimasti undici, ciascuno in una cuccetta, tranne Charles e Arthur che dormivano insieme. Spento il ritmo della grande macchina del Lager, incominciarono per noi i dieci giorni fuori del mondo e del tempo. 18 GENNAIO. Nella notte dell'evacuazione le cucine del campo avevano ancora funzionato, e il mattino seguente fu fatta nell'infermeria l'ultima distribuzione di zuppa. L'impianto centrale di riscaldamento era stato abbandonato; nelle baracche ristagnava ancora un po' di calore, ma a ogni ora che passava, la temperatura si andava abbassando, e si comprendeva che in breve avremmo sofferto il freddo. Fuori ci dovevano essere almeno 20 gradi sotto lo zero, la maggior parte dei malati non aveva che la camicia, e alcuni nemmeno quella. Nessuno sapeva quale fosse la nostra condizione. Alcune S.S. erano rimaste, alcune torrette di guardia erano ancora occupate. Verso mezzogiorno un maresciallo delle S.S. fece il giro delle baracche. Nomin� in ognuna un capo-baracca scegliendolo fra i non-ebrei rimasti, e dispose che fosse immediatamente fatto un elenco dei malati, distinti in ebrei e non-ebrei. La cosa pareva chiara. Nessuno si stup� che i tedeschi conservassero fino all'ultimo il loro amore nazionale per le classificazioni, e, nessun ebreo pens� pi� seriamente di vivere fino al giorno successivo. I due francesi non avevano capito ed erano spaventati. Tradussi loro di malavoglia il discorso della S.S.; trovavo irritante che avessero paura: non avevano ancora un mese di Lager, non avevano quasi ancora fame, non erano neppure ebrei, e avevano paura. Fu fatta ancora una distribuzione di pane. Passai il pomeriggio a leggere il libro lasciato dal medico: era molto interessante e lo ricordo con bizzarra precisione. Feci anche una visita al reparto accanto, in cerca di coperte: di l� molti malati erano stati messi in uscita, le loro coperte erano rimaste libere. Ne presi con me alcune abbastanza calde. Quando seppe che venivano dal Reparto Dissenteria Arthur arricci� il naso: - Y-avait point besoin de le dire -; infatti erano macchiate. Io pensavo che in ogni modo, dato ci� che ci aspettava, sarebbe stato meglio dormire ben coperti. Fu presto notte, ma la luce elettrica funzionava ancora. Vedemmo con tranquillo spavento che all'angolo della baracca stava una S.S. armata. Non avevo voglia di parlare, e non provavo timore se non nel modo esterno e condizionale che ho detto. Continuai leggere fino a tarda ora. Non vi erano orologi, ma dovevano essere le ventitr� quando tutte le luci si spensero, anche quelle dei riflettori sulle torrette di guardia. Si vedevano lontano i fasci dei fotoelettrici. Fior� in cielo un grappolo di luci intense, che si mantennero immobili illuminando crudamente il terreno. Si sentiva il rombo degli apparecchi. Poi cominci� il bombardamento. Non era cosa nuova, scesi a terra, infilai i piedi nudi nelle scarpe e attesi. Sembrava lontano, forse su Auschwitz. Ma ecco un'esplosione vicina, e, prima di poter formulare un pensiero, una seconda e una terza da sfondare le orecchie. Si sentirono vetri rovinare, la baracca oscill�, cadde a terra il cucchiaio che tenevo infisso in una commessura della parete di legno. Poi parve finito. Cagnolati, un giovane contadino, egli pure dei Vosgi, non doveva aver mai visto una incursione: era uscito nudo dal letto, si era appiattato in un angolo e urlava. Dopo pochi minuti fu evidente che il campo era stato colpito. Due baracche bruciavano con violenza, altre due erano state polverizzate, ma erano tutte baracche vuote. Arrivarono decine di malati, nudi e miserabili, da una baracca minacciata dal fuoco: chiedevano ricovero. Impossibile accoglierli. Insistettero, supplicando e minacciando in molte lingue: dovemmo barricare la porta. Si trascinarono altrove, illuminati dalle fiamme, scalzi nella neve in fusione. A molti pendevano dietro i bendaggi disfatti. Per la nostra baracca non pareva ci fosse pericolo, a meno che il vento non girasse. I tedeschi non c'erano pi�. Le torrette erano vuote. Oggi io penso che, se non altro per il fatto che un Auschwitz � esistito, nessuno dovrebbe ai nostri giorni parlare di Provvidenza: ma � certo che in quell'ora il ricordo dei salvamenti biblici nelle avversit� estreme pass� come un vento per tutti gli animi. Non si poteva dormire; un vetro era rotto e faceva molto freddo. Pensavo che avremmo dovuto cercare una stufa da installare, e procurarci carbone, legna e viveri. Sapevo che tutto questo era necessario, ma senza l'appoggio di qualcuno non avrei mai avuto l'energia di metterlo in atto. Ne parlai coi due francesi. 19 GENNAIO. I francesi furono d'accordo. Ci alzammo all'alba, noi tre. Mi sentivo malato e inerme, avevo freddo e paura. Gli altri malati ci guardarono con curiosit� rispettosa: non sapevamo che ai malati non era permesso uscire dal Ka-Be? E se i tedeschi non erano ancora tutti partiti? Ma non dissero nulla, erano contenti che ci fosse qualcuno per fare la prova. I francesi non avevano alcuna idea della topografia del Lager, ma Charles era coraggioso e robusto, e Arthur era sagace e aveva un buon senso pratico di contadino. Uscimmo nel vento di una gelida giornata di nebbia, malamente avvolti in coperte. Quello che vedemmo non assomiglia a nessuno spettacolo che io abbia mai visto n� sentito descrivere. Il Lager, appena morto, appariva gi� decomposto. Niente pi� acqua ed elettricit�: finestre e porte sfondate sbattevano nel vento, stridevano le lamiere sconnesse dei tetti, e le ceneri dell'incendio volavano alto e lontano. All'opera delle bombe si aggiungeva l'opera degli uomini: cenciosi, cadenti, scheletrici, i malati in grado di muoversi si trascinavano per ogni dove, come una invasione di vermi, sul terreno indurito dal gelo. Avevano rovistato tutte le baracche vuote in cerca di alimenti e di legna; avevano violato con furia insensata le camere degli odiati Block�lteste, grottescamente adorne, precluse fino al giorno prima ai comuni H�ftlinge; non pi� padroni dei propri visceri, avevano insozzato dovunque, inquinando la preziosa neve unica sorgente d'acqua ormai per l'intero campo. Attorno alle rovine fumanti delle baracche bruciate, gruppi di malati stavano applicati al suolo, per succhiarne l'ultimo calore. Altri avevano trovato patate da qualche parte, e le arrostivano sulle braci dell'incendio, guardandosi intorno con occhi feroci. Pochi avevano avuto la forza di accendersi un vero fuoco, e vi facevano fondere la neve in recipienti di fortuna. Ci dirigemmo alle cucine pi� in fretta che potemmo, ma le patate erano gi� quasi finite. Ne riempimmo due sacchi, e li lasciammo in custodia ad Arthur. Tra le macerie del Prominenzblock, Charles ed io trovammo finalmente quanto cercavamo: una pesante stufa di ghisa, con tubi ancora utilizzabili: Charles accorse con una carriola e caricammo; poi lasci� a me l'incarico di portarla in baracca e corse ai sacchi. L� trov� Arthur svenuto per il freddo; Charles si caric� entrambi i sacchi e li port� al sicuro, poi si occup� dell'amico. Intanto io, reggendomi a stento, cercavo di manovrare del mio meglio la pesante carriola. Si ud� un fremito di motore, ed ecco, una S.S. in motocicletta entr� nel campo. Come sempre, quando vedevamo i loro visi duri, mi sentii sommergere di terrore e di odio. Era troppo tardi per scomparire, e non volevo abbandonare la stufa. Il regolamento del Lager prescriveva di mettersi sull'attenti e di scoprirsi il capo. Io non avevo cappello ed ero impacciato dalla coperta. Mi allontanai qualche passo dalla carriola e feci una specie di goffo inchino. Il tedesco pass� oltre senza vedermi, svolt� attorno a una baracca e se ne and�. Seppi pi� tardi quale pericolo avevo corso. Raggiunsi finalmente la soglia della nostra baracca, e sbarcai la stufa nelle mani di Charles. Ero senza fiato per lo sforzo, vedevo danzare grandi macchie nere. Si trattava di metterla in opera. Avevamo tutti e tre le mani paralizzate, e il metallo gelido si incollava alla pelle delle dita, ma era urgente che la stufa funzionasse, per scaldarci e per bollire le patate. Avevamo trovato legna e carbone, e anche brace proveniente dalle baracche bruciate. Quando fu riparata la finestra sfondata, e la stufa cominci� a diffondere calore, parve che in ognuno qualcosa si distendesse, e allora avvenne che Towarowski (un franco-polacco di ventitr� anni, tifoso) propose agli altri malati di offrire ciascuno una fetta di pane a noi tre che lavoravamo, e la cosa fu accettata. Soltanto un giorno prima un simile avvenimento non sarebbe stato concepibile. La legge del Lager diceva: �mangia il tuo pane, e, se puoi, quello del tuo vicino�, e non lasciava posto per la gratitudine. Voleva ben dire che il Lager era morto. Fu quello il primo gesto umano che avvenne fra noi. Credo che si potrebbe fissare a quel momento l'inizio del processo per cui, noi che non siamo morti, da H�ftlinge siamo lentamente ridiventati uomini. Arthur si era ripreso abbastanza bene, ma da allora evit� sempre di esporsi al freddo; si assunse la manutenzione della stufa, la cottura delle patate, la pulizia della camera e l'assistenza ai malati. Charles ed io ci dividemmo i vari servizi all'esterno. C'era ancora un'ora di luce: una sortita ci frutt� mezzo litro di spirito e un barattolo di lievito di birra, buttato nella neve da chiss� chi; facemmo una distribuzione di patate bollite e di un cucchiaio a testa di lievito. Pensavo vagamente che potesse giovare contro l'avitaminosi. Venne l'oscurit�; di tutto il campo la nostra era l'unica camera munita di stufa, del che eravamo assai fieri. Molti malati di altre sezioni si accalcavano alla porta, ma la statura imponente di Charles li teneva a bada. Nessuno, n� noi n� loro, pensava che la promiscuit� inevitabile coi nostri malati rendeva pericolosissimo il soggiorno nella nostra camera, e che ammalarsi di difterite in quelle condizioni era pi� sicuramente mortale che saltare da un terzo piano. Io stesso, che ne ero conscio, non mi soffermavo troppo su questa idea: da troppo tempo mi ero abituato a pensare alla morte per malattia come ad un evento possibile, e in tal caso ineluttabile, e comunque al di fuori di ogni possibile nostro intervento. E neppure mi passava per il capo che avrei potuto stabilirmi in un'altra camera, in un'altra baracca con minor pericolo di contagio; qui era la stufa, opera nostra, che diffondeva un meraviglioso tepore; e qui avevo un letto; e infine, ormai, un legame ci univa, noi, gli undici malati della Infektionsabteilung. Si sentiva di rado un fragore vicino e lontano di artiglieria, e a intervalli, un crepitio di fucili automatici. Nell'oscurit� rotta solo dal rosseggiare della brace, Charles, Arthur ed io sedevamo fumando sigarette di erbe aromatiche trovate in cucina, e parlando di molte cose passate e future. In mezzo alla sterminata pianura piena di gelo e di guerra, nella cameretta buia pullulante di germi, ci sentivamo in pace con noi e col mondo. Eravamo rotti di fatica, ma ci pareva, dopo tanto tempo, di avere finalmente fatto qualcosa di utile; forse come Dio dopo il primo giorno della creazione. 20 GENNAIO. Giunse l'alba, ed ero io di turno per l'accensione della stufa. Oltre alla debolezza generale, le articolazioni dolenti mi ricordavano a ogni momento che la mia scarlattina era lungi dall'essere scomparsa. Il pensiero di dovermi tuffare nell'aria gelida in cerca di fuoco per le altre baracche mi faceva tremare di ribrezzo. Mi rammentai delle pietrine; cosparsi di spirito un foglietto di carta, e con pazienza da una pietrina vi raschiai sopra un mucchietto di polvere nera, poi presi a raschiare pi� forte la pietrina col coltello. Ed ecco: dopo qualche scintilla il mucchietto deflagr�, e dalla carta si lev� la fiammella pallida dell'alcool. Arthur discese entusiasta dal letto e fece scaldare tre patate a testa fra quelle bollite il giorno avanti; dopo di che, affamati e pieni di brividi, Charles ed io partimmo nuovamente in perlustrazione per il campo in sfacelo. Ci restavano viveri (e cio� patate) per due giorni soltanto; per l'acqua eravamo ridotti a fondere la neve, operazione penosa per la mancanza di grandi recipienti, da cui si otteneva un liquido nerastro e torbido che era necessario filtrare. Il campo era silenzioso. Altri spettri affamati si aggiravano come noi in esplorazione: barbe ormai lunghe, occhi incavati, membra scheletrite e giallastre fra i cenci. Malfermi sulle gambe, entravano e uscivano dalle baracche deserte, asportandone gli oggetti pi� vari: scuri, secchi, mestoli, chiodi: tutto poteva servire, e i pi� lungimiranti gi� meditavano fruttuosi mercati con i polacchi della campagna circostante. Nella cucina, due si accapigliavano per le ultime decine di patate putride. Si erano afferrati per gli stracci e si percuotevano con curiosi gesti lenti e incerti, vituperandosi in yiddisch fra le labbra gelate. Nel cortile del magazzino stavano due grandi mucchi di cavoli e di rape (le grosse rape insipide, base della nostra alimentazione). Erano cos� gelati che non si potevano staccare se non col piccone. Charles ed io ci avvicendammo, tendendo tutte le nostre energie per ogni colpo, e ne estraemmo una cinquantina di chili. Vi fu anche altro: Charles trov� un pacco di sale e (�une fameuse trouvaille!�) un bidone d'acqua di forse mezzo ettolitro, allo stato di ghiaccio massiccio. Caricammo ogni cosa su di un carrettino (servivano prima per distribuire il rancio alle baracche: ve n'era un gran numero abbandonati ovunque), e rientrammo spingendolo faticosamente sulla neve. Per quel giorno ci accontentammo ancora di patate bollite e fette di rapa arrostite sulla stufa, ma per l'indomani Arthur ci promise importanti innovazioni. Nel pomeriggio andai all'ex ambulatorio, in cerca di qualcosa di utile. Ero stato preceduto: tutto era stato manomesso da saccheggiatori inesperti. Non pi� una bottiglia intera, sul pavimento uno strato di stracci, sterco e materiale di medicazione, un cadavere nudo e contorto. Ma ecco qualcosa che ai miei predecessori era sfuggito: una batteria da autocarro. Toccai i poli col coltello: una piccola scintilla. Era carica. A sera la nostra camera aveva la luce. Stando a letto, vedevo dalla finestra un lungo tratto di strada: vi passava a ondate, gi� da tre giorni, la Wehrmacht in fuga. Autoblinde, carri �tigre� mimetizzati in bianco, tedeschi a cavallo, tedeschi in bicicletta, tedeschi a piedi, armati e disarmati. Si udiva nella notte il fracasso dei cingoli molto prima che i carri fossero visibili. Chiedeva Charles: - �a roule encore? - �a roule toujours. Sembrava non dovesse mai finire. 21 GENNAIO. Invece fin�. Coll'alba del 21 la pianura ci apparve deserta e rigida, bianca a perdita d'occhio sotto il volo dei corvi, mortalmente triste. Avrei quasi preferito vedere ancora qualcosa in movimento. Anche i civili polacchi erano scomparsi, appiattati chiss� dove. Pareva che perfino il vento si fosse arrestato. Avrei desiderato una cosa soltanto: restare a letto sotto le coperte, abbandonarmi alla stanchezza totale di muscoli, nervi e volont�; aspettare che finisse, o che non finisse, era la stessa cosa, come un morto. Ma gi� Charles aveva acceso la stufa, l'uomo Charles alacre, fiducioso e amico, e mi chiamava al lavoro: - Vas-y, Primo, descends-toi de l�-haut; il y a Jules � attraper par les oreilles... �Jules� era il secchio della latrina, che ogni mattina bisognava afferrare per i manici, portare all'esterno e rovesciare nel pozzo nero: era questa la prima bisogna della giornata, e se si pensa che non era possibile lavarsi le mani, e che tre dei nostri erano ammalati di tifo, si comprende che non era un lavoro gradevole. Dovevamo inaugurare i cavoli e le rape. Mentre io andavo a cercare legna, e Charles a raccogliere neve da sciogliere, Arthur mobilit� i malati che potevano star seduti, perch� collaborassero nella mondatura. Towarowski, Sertelet, Alcalai e Schenck risposero all'appello. Anche Sertelet era un contadino dei Vosgi, di vent'anni; pareva in buone condizioni, ma di giorno in giorno la sua voce andava assumendo un sinistro timbro nasale, a ricordarci che la difterite raramente perdona. Alcalai era un vetraio ebreo di Tolosa; era molto tranquillo e assennato, soffriva di risipola al viso. Schenck era un commerciante slovacco, ebreo: convalescente di tifo, aveva un formidabile appetito. Cos� pure Towarowski, ebreo franco-polacco, sciocco e ciarliero, ma utile alla nostra comunit� per il suo comunicativo ottimismo. Mentre dunque i malati lavoravano di coltello, ciascuno seduto sulla sua cuccetta, Charles ed io ci dedicammo alla ricerca di una sede possibile per le operazioni di cucina. Una indescrivibile sporcizia aveva invaso ogni reparto del campo. Colmate tutte le latrine, della cui manutenzione naturalmente nessuno pi� si curava, i dissenterici (erano pi� di un centinaio) avevano insozzato ogni angolo del Ka-Be, riempito tutti i secchi, tutti i bidoni gi� destinati al rancio, tutte le gamelle. Non si poteva muovere un passo senza sorvegliare il piede; al buio era impossibile spostarsi. Pur soffrendo per il freddo, che si manteneva acuto, pensavamo con raccapriccio a quello che sarebbe accaduto se fosse sopraggiunto il disgelo: le infezioni avrebbero dilagato senza riparo, il fetore si sarebbe fatto soffocante, e inoltre, sciolta la neve, saremmo rimasti definitivamente senz'acqua. Dopo una lunga ricerca, trovammo infine, in un locale gi� adibito a lavatoio, pochi palmi di pavimento non eccessivamente imbrattato. Vi accendemmo un fuoco vivo, poi, per risparmiare tempo e complicazioni, ci disinfettammo le mani frizionandole con cloramina mista a neve. La notizia che una zuppa era in cottura si sparse rapidamente fra la folla dei semivivi; si form� sulla porta un assembramento di visi famelici. Charles, il mestolo levato, tenne loro un vigoroso breve discorso che, pur essendo in francese, non abbisognava di traduzione. I pi� si dispersero, ma uno si fece avanti: era un parigino, sarto di classe (diceva lui), ammalato di polmoni. In cambio di un litro di zuppa si sarebbe messo a nostra disposizione per tagliarci abiti dalle numerose coperte rimaste in campo. Maxime si dimostr� veramente abile. Il giorno dopo Charles ed io possedevamo giacca, brache e guantoni di ruvido tessuto a colori vistosi. A sera, dopo la prima zuppa distribuita con entusiasmo e divorata con avidit�, il grande silenzio della pianura fu rotto. Dalle nostre cuccette, troppo stanchi per essere profondamente inquieti, tendevamo l'orecchio agli scoppi di misteriose artiglierie, che parevano localizzate in tutti i punti dell'orizzonte, e ai sibili dei proiettili sui nostri capi. Io pensavo che la vita fuori era bella, e sarebbe ancora stata bella, e sarebbe stato veramente un peccato lasciarsi sommergere adesso. Svegliai quelli tra i malati che sonnecchiavano, e quando fui sicuro che tutti ascoltavano, dissi loro, in francese prima, nel mio migliore tedesco poi, che tutti dovevano pensare ormai di ritornare a casa, e che, per quanto dipendeva da noi, alcune cose era necessario fare, altre necessario evitare. Che ognuno conservasse attentamente la sua propria gamella e il cucchiaio; che nessuno offrisse ad altri la zuppa che eventualmente gli fosse avanzata; nessuno scendesse dal letto se non per andare alla latrina; chi avesse bisogno di un qualsiasi servizio, non si rivolgesse ad altri che a noi tre; Arthur particolarmente era incaricato di vigilare sulla disciplina e sull'igiene, e doveva ricordare che era meglio lasciare gamelle e cucchiai sporchi, piuttosto che lavarli col pericolo di scambiare quelli di un difterico con quelli di un tifoso. Ebbi l'impressione che i malati fossero ormai troppo indifferenti a ogni cosa per curarsi di quanto avevo detto; ma avevo molta fiducia nella diligenza di Arthur. 22 GENNAIO. Se � coraggioso chi affronta a cuor leggero un grave pericolo, Charles ed io quel mattino fummo coraggiosi. Estendemmo le nostre esplorazioni al campo delle S.S., subito fuori del reticolato elettrico. Le guardie del campo dovevano essere partite con molta fretta. Trovammo sui tavoli piatti pieni per met� di minestra ormai congelata, che divorammo con intenso godimento; boccali ancor colmi di birra trasformata in ghiaccio giallastro, una scacchiera con una partita incominciata. Nelle camerate, una quantit� di roba preziosa. Ci caricammo una bottiglia di vodka, medicinali vari, giornali e riviste e quattro ottime coperte imbottite, una delle quali � oggi nella mia casa di Torino. Lieti e incoscienti, riportammo nella cameretta il frutto della sortita, affidandolo all'amministrazione di Arthur. Solo a sera si seppe quanto era successo forse mezz'ora pi� tardi. Alcune S.S., forse disperse, ma armate, penetrarono nel campo abbandonato. Trovarono che diciotto francesi si erano stabiliti nel refettorio della S.S.-Waffe. Li uccisero tutti metodicamente, con un colpo alla nuca, allineando poi i corpi contorti sulla neve della strada; indi se ne andarono. I diciotto cadaveri restarono esposti fino all'arrivo dei russi; nessuno ebbe la forza di dar loro sepoltura. D'altronde, in tutte le baracche v'erano ormai letti occupati da cadaveri, rigidi come legno, che nessuno si curava pi� di rimuovere. La terra era troppo gelata perch� vi si potessero scavare fosse; molti cadaveri furono accatastati in una trincea, ma gi� fin dai primi giorni il mucchio emergeva dallo scavo ed era turpemente visibile dalla nostra finestra. Solo una parete di legno ci separava dal reparto dei dissenterici. Qui molti erano i moribondi, molti i morti. Il pavimento era ricoperto da uno strato di escrementi congelati. Nessuno aveva pi� forza di uscire dalle coperte per cercare cibo, e chi prima lo aveva fatto non era ritornato a soccorrere i compagni. In uno stesso letto, avvinghiati per resistere meglio al freddo, proprio accanto alla parete divisoria, stavano due italiani: li sentivo spesso parlare, ma poich� io invece non parlavo che francese, per molto tempo non si accorsero della mia presenza. Udirono quel giorno per caso il mio nome, pronunziato all'italiana da Charles, e da allora non smisero di gemere e di implorare. Naturalmente avrei voluto aiutarli, avendone i mezzi e la forza; se non altro per far smettere l'ossessione delle loro grida. A sera, quando tutti i lavori furono finiti, vincendo la fatica e il ribrezzo, mi trascinai a tentoni per il corridoio lercio e buio, fino al loro reparto, con una gamella d'acqua e gli avanzi della nostra zuppa del giorno. Il risultato fu che da allora, attraverso la sottile parete, l'intera sezione diarrea chiam� giorno e notte il mio nome, con le inflessioni di tutte le lingue d'Europa, accompagnato da preghiere incomprensibili, senza che io potessi comunque porvi riparo. Mi sentivo prossimo a piangere, li avrei maledetti. La notte riserv� brutte sorprese. Lakmaker, della cuccetta sotto la mia, era uno sciagurato rottame umano. Era (od era stato) un ebreo olandese di diciassette anni, alto, magro e mite. Era in letto da tre mesi, non so come fosse sfuggito alle selezioni. Aveva avuto successivamente il tifo e la scarlattina; intanto gli si era palesato un grave vizio cardiaco, ed era brutto di piaghe da decubito, tanto che non poteva ormai giacere che sul ventre. Con tutto ci�, un appetito feroce; non parlava che olandese, nessuno di noi era in grado di comprenderlo. Forse causa di tutto fu la minestra di cavoli e rape, di cui Lakmaker aveva voluto due razioni. A met� notte gemette, poi si butt� dal letto. Cercava di raggiungere la latrina, ma era troppo debole e cadde a terra, piangendo e gridando forte. Charles accese la luce (l'accumulatore si dimostr� provvidenziale) e potemmo constatare la gravit� dell'incidente. Il letto del ragazzo e il pavimento erano imbrattati. L'odore nel piccolo ambiente diventava rapidamente insopportabile. Non avevamo che una minima scorta di acqua, e non coperte n� pagliericci di ricambio. E il poveretto, tifoso, era un terribile focolaio di infezione; n� si poteva certo lasciarlo tutta la notte sul pavimento a gemere e tremare di freddo in mezzo alla lordura. Charles discese dal letto e si rivest� in silenzio. Mentre io reggevo il lume, ritagli� col coltello dal pagliericcio e dalle coperte tutti i punti sporchi; sollev� da terra Lakmaker colla delicatezza di una madre, lo ripul� alla meglio con paglia estratta dal saccone, e lo ripose di peso nel letto rifatto, nell'unica posizione in cui il disgraziato poteva giacere; raschi� il pavimento con un pezzo di lamiera; stemper� un po' di cloramina, e infine cosparse di disinfettante ogni cosa e anche se stesso. Io misuravo la sua abnegazione dalla stanchezza che avrei dovuto superare in me per fare quanto lui faceva. 23 GENNAIO. Le nostre patate erano finite. Circolava da giorni per le baracche la voce che un enorme silo di patate fosse situato da qualche parte, fuori del filo spinato, non lontano dal campo. Qualche pioniere ignorato deve aver fatto pazienti ricerche, o qualcuno doveva sapere con precisione il luogo: di fatto, il mattino del 23 un tratto di filo spinato era stato abbattuto, e una doppia processione di miserabili usciva ed entrava dall'apertura. Charles ed io partimmo, nel vento della pianura livida. Fummo oltre la barriera abbattuta. - Dis donc, Primo, on est dehors! Era cos�: per la prima volta dal giorno del mio arresto, mi trovavo libero, senza custodi armati, senza reticolati fra me e la mia casa. A forse quattrocento metri dal campo, giacevano le patate: un tesoro. Due fosse lunghissime, piene di patate, e ricoperte di terra alternata con paglia a difesa dal gelo. Nessuno sarebbe pi� morto di fame. Ma l'estrazione non era lavoro da nulla. A causa del gelo, la superficie del terreno era dura come marmo. Con duro lavoro di piccone si riusciva a perforare la crosta e a mettere a nudo il deposito; ma i pi� preferivano introdursi nei fori abbandonati da altri, spingendosi molto profondi e passando le patate ai compagni che stavano all'esterno. Un vecchio ungherese era stato sorpreso col� dalla morte. Giaceva irrigidito nell'atto dell'affamato: capo e spalle sotto il cumulo di terra, il ventre nella neve, tendeva le mani alle patate. Chi venne dopo spost� il cadavere di un metro, e riprese il lavoro attraverso l'apertura resasi libera. Da allora il nostro vitto miglior�. Oltre alle patate bollite e alla zuppa di patate, offrimmo ai nostri malati frittelle di patate, su ricetta di Arthur: si raschiano patate crude con altre bollite e disfatte; la miscela si arrostisce su di una lamiera rovente. Avevano sapore di fuliggine. Ma non ne pot� godere Sertelet, il cui male progrediva. Oltre a parlare con timbro sempre pi� nasale, quel giorno non riusc� pi� a inghiottire a dovere alcun alimento: qualcosa gli si era guastato in gola, ogni boccone minacciava di soffocarlo. Andai a cercare un medico ungherese rimasto come malato nella baracca di fronte. Come ud� parlare di difterite, fece tre passi indietro e mi ingiunse di uscire. Per pure ragioni di propaganda, feci a tutti instillazioni nasali di olio canforato. Assicurai a Sertelet che ne avrebbe tratto giovamento; io stesso cercavo di convincermene. 24 GENNAIO. Libert�. La breccia nel filo spinato ce ne dava l'immagine concreta. A porvi mente con attenzione voleva dire non pi� tedeschi, non pi� selezioni, non lavoro, non botte, non appelli, e forse, pi� tardi, il ritorno. Ma ci voleva sforzo per convincersene e nessuno aveva tempo di goderne. Intorno tutto era distruzione e morte. Il mucchio di cadaveri, di fronte alla nostra finestra, rovinava ormai fuori della fossa. Nonostante le patate, la debolezza di tutti era estrema: nel campo nessun ammalato guariva, molti invece si ammalavano di polmonite e diarrea; quelli che non erano stati in grado di muoversi, o non avevano avuto l'energia di farlo, giacevano torpidi nelle cuccette, rigidi dal freddo, e nessuno si accorgeva di quando morivano. Gli altri erano tutti spaventosamente stanchi: dopo mesi e anni di Lager, non sono le patate che possono rimettere in forza un uomo. Quando, a cottura ultimata, Charles ed io avevamo trascinato i venticinque litri di zuppa quotidiana dal lavatoio alla camera, dovevamo poi gettarci ansanti sulla cuccetta, mentre Arthur, diligente e domestico, faceva la ripartizione, curando che avanzassero le tre razioni di �rabiot pour les travailleurs� e un po' di fondo �pour les italiens d'� c�t��. Nella seconda camera di Infettivi, anche essa attigua alla nostra e abitata in maggioranza da tubercolotici, la situazione era ben diversa. Tutti quelli che lo avevano potuto, erano andati a stabilirsi in altre baracche. I compagni pi� gravi e pi� deboli si spegnevano a uno a uno in solitudine. Vi ero entrato un mattino per cercare in prestito un ago. Un malato rantolava in una delle cuccette superiori. Mi ud�, si sollev� a sedere, poi si spenzol� a capofitto oltre la sponda, verso di me, col busto e le braccia rigidi e gli occhi bianchi. Quello della cuccetta di sotto, automaticamente, tese in alto le braccia per sostenere quel corpo, si accorse allora che era morto. Cedette lentamente sotto il peso, l'altro scivol� a terra e vi rimase. Nessuno sapeva il suo nome. Ma nella baracca 14 era successo qualcosa di nuovo. Vi erano ricoverati gli operai, alcuni dei quali in discrete condizioni. Essi organizzarono una spedizione al campo degli inglesi prigionieri di guerra, che si presumeva fosse stato evacuato. Fu una fruttuosa impresa. Ritornarono vestiti in kaki, con un carretto pieno di meraviglie mai viste: margarina, polveri per budino, lardo, farina di soia, acquavite. A sera, nella baracca 14 si cantava. Nessuno di noi si sentiva la forza di fare i due chilometri di strada al campo inglese e ritornare col carico. Ma, indirettamente, la fortunata spedizione ritorn� di vantaggio a molti. La ineguale ripartizione dei beni provoc� un rifiorire di industria e di commercio. Nella nostra cameretta dall'atmosfera mortale, nacque una fabbrica di candele con stoppino imbevuto di acido borico, colate in forme di cartone. I ricchi della baracca 14 assorbivano l'intera nostra produzione, pagandoci in lardo e farina. Io stesso avevo trovato il blocco di cera vergine nell'Elektromagazin; ricordo l'espressione di disappunto di coloro che me lo videro portar via, e il dialogo che ne segu�: - Che te ne vuoi fare? Non era il caso di svelare un segreto di fabbricazione; sentii me stesso rispondere con le parole che avevo spesso udite dai vecchi del campo, e che contengono il loro vanto preferito: di essere �buoni prigionieri�, gente adatta, che se la sa sempre cavare, - Ich verstehe verschiedene Sachen... - (Me ne intendo di varie cose...) 25 GENNAIO. Fu la volta di S�mogyi. Era un chimico ungherese sulla cinquantina, magro, alto e taciturno. Come l'olandese, era convalescente di tifo e di scarlattina; ma sopravvenne qualcosa di nuovo. Fu preso da una febbre intensa. Da forse cinque giorni non aveva detto parola: apr� bocca quel giorno e disse con voce ferma: - Ho una razione di pane sotto il saccone. Dividetela voi tre. Io non manger� pi�. Non trovammo nulla da dire, ma per allora non toccammo il pane. Gli si era gonfiata una met� del viso. Finch� conserv� coscienza, rimase chiuso in un silenzio aspro. Ma a sera, e per tutta la notte, e per due giorni senza interruzione, il silenzio fu sciolto dal delirio. Seguendo un ultimo interminabile sogno di remissione e di schiavit�, prese a mormorare �Jawohl� ad ogni emissione di respiro; regolare e costante come una macchina, �Jawohl� ad ogni abbassarsi della povera rastrelliera delle costole, migliaia di volte, tanto da far venire voglia di scuoterlo, di soffocarlo, o che almeno cambiasse parola. Non ho mai capito come allora quanto sia laboriosa la morte di un uomo. Fuori ancora il grande silenzio. Il numero dei corvi era molto aumentato, e tutti sapevano perch�. Solo a lunghi intervalli si risvegliava il dialogo dell'artiglieria. Tutti si dicevano a vicenda che i russi presto, subito, sarebbero arrivati; tutti lo proclamavano, tutti ne erano certi, ma nessuno riusciva a farsene serenamente capace. Perch� nei Lager si perde l'abitudine di sperare, e anche la fiducia nella propria ragione. In Lager pensare � inutile, perch� gli eventi si svolgono per lo pi� in modo imprevedibile; ed � dannoso, perch� mantiene viva una sensibilit� che � fonte di dolore, e che qualche provvida legge naturale ottunde quando le sofferenze sorpassano un certo limite. Come della gioia, della paura, del dolore medesimo, cos� anche dell'attesa ci si stanca. Arrivati al 25 gennaio, rotti da otto giorni i rapporti con quel feroce mondo che pure era un mondo, i pi� fra noi erano troppo esausti perfino per attendere. A sera, intorno alla stufa, ancora una volta Charles, Arthur ed io ci sentimmo ridiventare uomini. Potevamo parlare di tutto. Mi appassionava il discorso di Arthur sul modo come si passano le domeniche a Provench�res nei Vosgi, e Charles piangeva quasi quando io gli raccontai dell'armistizio in Italia, dell'inizio torbido e disperato della resistenza partigiana, dell'uomo che ci aveva traditi e della nostra cattura sulle montagne. Nel buio, dietro e sopra di noi, gli otto malati non perdevano una sillaba, anche quelli che non capivano il francese. Soltanto S�mogyi si accaniva a confermare alla morte la sua dedizione. 26 GENNAIO. Noi giacevamo in un mondo di morti e di larve. L'ultima traccia di civilt� era sparita intorno a noi e dentro di noi. L'opera di bestializzazione, intrapresa dai tedeschi trionfanti, era stata portata a compimento dai tedeschi disfatti. E' uomo chi uccide, � uomo chi fa o subisce ingiustizia; non � uomo chi, perso ogni ritegno, divide il letto con un cadavere. Chi ha atteso che il suo vicino finisse di morire per togliergli un quarto di pane, �, pur senza sua colpa, pi� lontano dal modello dell'uomo pensante, che il pi� rozzo pigmeo e il sadico pi� atroce. Parte del nostro esistere ha sede nelle anime di chi ci accosta: ecco perch� � non-umana l'esperienza di chi ha vissuto giorni in cui l'uomo � stato una cosa agli occhi dell'uomo. Noi tre ne fummo in gran parte immuni, e ce ne dobbiamo mutua gratitudine; perci� la mia amicizia con Charles resister� al tempo. Ma a migliaia di metri sopra di noi, negli squarci fra le nuvole grige, si svolgevano i complicati miracoli dei duelli aerei. Sopra noi, nudi impotenti inermi, uomini del nostro tempo cercavano la reciproca morte coi pi� raffinati strumenti. Un loro gesto del dito poteva provocare la distruzione del campo intero, annientare migliaia di uomini; mentre la somma di tutte le nostre energie e volont� non sarebbe bastata a prolungare di un minuto la vita di uno solo di noi. La sarabanda cess� a notte, e la camera fu di nuovo piena del monologo di S�mogyi. In piena oscurit� mi trovai sveglio di soprassalto. �L'pauv' vieux� taceva: aveva finito. Con l'ultimo sussulto di vita si era buttato a terra dalla cuccetta: ho udito l'urto delle ginocchia, delle anche, delle spalle e del capo. - La mort l'a chass� de son lit, - defin� Arthur. Non potevamo certo portarlo fuori nella notte. Non ci restava che riaddormentarci. 27 GENNAIO. L'alba. Sul pavimento, l'infame tumulto di membra stecchite, la cosa S�mogyi. Ci sono lavori pi� urgenti: non ci si pu� lavare, non possiamo toccarlo che dopo di aver cucinato e mangiato. E inoltre, �... rien de si d�go�tant que les d�bordements�, dice giustamente Charles; bisogna vuotare la latrina. I vivi sono pi� esigenti; i morti possono attendere. Ci mettemmo al lavoro come ogni giorno. I russi arrivarono mentre Charles ed io portavamo S�mogyi poco lontano. Era molto leggero. Rovesciammo la barella sulla neve grigia. Charles si tolse il berretto. A me dispiacque di non avere berretto. Degli undici della Infektionsabteilung, fu S�mogyi il solo che mor� nei dieci giorni. Sertelet, Cagnolati, Towarowski, Lakmaker e Dorget (di quest'ultimo non ho finora parlato; era un industriale francese che, dopo operato di peritonite, si era ammalato di difterite nasale), sono morti qualche settimana pi� tardi, nell'infermeria russa provvisoria di Auschwitz. Ho incontrato a Katowice, in aprile, Schenck e Alcalai in buona salute. Arthur ha raggiunto felicemente la sua famiglia, e Charles ha ripreso la sua professione di maestro; ci siamo scambiati lunghe lettere e spero di poterlo ritrovare un giorno.
elenco: sito old -> iperold -> corso -> Libri
Libri -> Traduzioni telematiche a cura di Rosaria Biondi, Nadia Ponti, Giulio Cacciotti, Vincenzo Guagliardo (Casa di reclusione Opera) Oscar Wilde. IL ritratto di dorian gray. Indice
Libri -> Lev N. Tolst�j. Guerra e pace. Libro secondo. Indice. Parte prima: pagina Note: pagina 115. Parte seconda: pagina 118. Note: pagina 282. Parte terza: pagina 289. Note: pagina 449. Parte quarta: pagina 454
Libri -> Lorenzo Milani. Lettere alla madre. Marietti, Genova 1997. A cura di Giuseppe Battelli. Indice. Introduzione (di Giuseppe Battelli). Nota editoriale. Bibliografia essenziale. Lettere alla madre
sito old -> Schedatura di alcuni quotidiani italiani usciti nei giorni , 4, 5, agosto 1980
sito old -> Programmare ad oggetti con Java Premesse
Libri -> Alessandro Manzoni. I promessi sposi storia milanese del secolo XVII. Primo volume. Indice. Introduzione: pagina Capitolo 1: pagina Capitolo 2: pagina 36. Capitolo 3: pagina 57. Capitolo 4: pagina 81
Libri -> Lev Nico�evic' Tolst�j. Guerra e pace. Edizioni Paoline 1992. Titolo originale dell'opera: "Volna I mir". "Opere" di Tolst�j, Edizioni di Stato in 14 volumi, Mosca, 1951, volumi 4-5-6-7


Condividi con i tuoi amici:


©astratto.info 2019
invia messaggio

    Pagina principale