Prof ssa Emanuela Polise Classe: 5 a liceo linguistico Indice



Scaricare 56.82 Kb.
14.11.2018
Dimensione del file56.82 Kb.

Istituto Salesiano Sacro Cuore (Napoli – Vomero) 

Anno scolastico 2017/2018  



Programmazione disciplinare 

Lingua e civiltà spagnola 

 

Prof.ssa Emanuela Polise 



Classe: 5 A Liceo linguistico  

Indice 

1. Analisi della situazione di partenza della classe 

2. Obiettivi trasversali 

2.1 Obiettivi formativi 

2.2 Obiettivi comportamentali 

2.3 Obiettivi cognitivi e operativi 

2.4 Obiettivi metodologici 


3. Obiettivi didattici specifici della disciplina 

3.1 Conoscenze 

3.2 Abilità 

3.3 Competenze 



4. Contenuti disciplinari 

4.1 Contenuti minimi 

4.2 Organizzazione in moduli 


5. Strategie e Metodologie 

6. Mezzi e strumenti 

7. Verifiche e valutazioni 

8. Criteri di sufficienza e griglie di valutazione 

9. Strategie per il recupero 

10. Iniziative per le eccellenze 

 

1. Analisi della situazione di partenza della classe 

La classe è formata da 14 alunni, omogenei per provenienza e per livello di interlingua. L'intero gruppo continua a dimostrare un forte interesse nei confronti della lingua e partecipa con un buon atteggiamento alle attività scolastiche mostrando una discreta costanza nello studio individuale. Il docente si propone di svolgere il programma secondo le direttive ministeriali e di dare un’impronta interattiva e fortemente comunicativa a tutte le lezioni guidando gli allievi a un approccio più critico e maturo alla disciplina. 



2. Obiettivi trasversali 

In linea con le Indicazioni Nazionali della scuola secondaria di secondo grado l’insegnamento di questa disciplina avverrà tenendo conto della stretta interrelazione tra gli assi delle competenze linguistico-comunicative e delle conoscenze relative all’universo culturale legato alla lingua di riferimento, al fine di garantire agli studenti: 



  • l’acquisizione di una competenza comunicativa pari al livello B1 nell’ottica di una formazione plurilingue; 

  • l’acquisizione di una competenza interculturale per il riconoscimento delle diversità linguistiche e culturali come opportunità di crescita umana e sociale; 

  • il potenziamento negli studenti della consapevolezza della propria identità culturale nell’ottica di un’educazione al cambiamento, alla tolleranza, al confronto; 

  • la riflessione sulle proprie capacità e abilità al fine di acquisire un metodo di studio autonomo; 

  • il potenziamento della flessibilità delle strutture cognitive mediante l’apertura a nuove relatà linguistico - culturali; 

  • il potenziamento delle capacità logico-mnemoniche, di osservazione, espressione e comunicazione; 

  • lo sviluppo dell’interazione mediante la combinazione di apprendimento e socializzazione con attività di gruppo ed esercitazioni in coppia; 

  • capacità di autovalutazione; 

  • la promozione dell’utilizzo delle nuove tecnologie (anche in classe) e del dizionario monolingue. 

 

2.1 Obiettivi formativi 

L’ obiettivo generale del secondo anno è lo sviluppo e il potenziamento delle abilità fondamentali  acquisite durante il secondo biennio di scuola secondaria di II grado, al fine di garantire una maggiore consapevolezza e autonomia in attività quali: 



  • L’utilizzo della lingua straniera in situazioni di vita quotidiana e per esprimere opinioni e il proprio punto di vista in modo critico;

  • L’uso delle più comuni funzioni comunicative e degli elementi linguistici appropriati ai diversi contesti a livello pragmatico e socioculturale; 

  • L’uso di espressioni familiari finalizzate a soddisfare bisogni di tipo concreto; 

  • L’uso delle corrette forme linguistiche per esprimere opinioni e giudizi; 

  • L’ampliamento degli orizzonti socio-culturali degli alunni. 

 2.2 Obiettivi comportamentali 

  • Promozione della capacità di partecipazione a colloqui e dibattiti intervenendo nei tempi opportuni; 

  • acquisizione di versatilità e flessibilità nel passaggio da un sistema linguistico all’altro mediante attività di comparazione linguistica

  • apertura ed attitudine alla conoscenza dell’altro; 

  • educazione alla solidarietà e alla tolleranza. 

2.3 Obiettivi cognitivi e operativi 

Cognitivi 

Ascolto

  • Riconoscere, rispettare e riprodurre correttamente gli schemi intonativi di enunciati non molto complessi; 

  • Riconoscere il numero dei parlanti, il rapporto esistente tra di loro, il luogo e l’argomento trattato. 

  • Parlato

  • Usare adeguatamente ed autonomamente il lessico di base e produrre oralmente semplici frasi corrette; 

  • Conformare lessico, registro, esponente linguistico e intonazione agli interlocutori. 

  • Lettura

  • Leggere e comprendere le informazioni di tipo oggettivo in un brano e fare dei collegamenti; 

  • Riconoscere la frase più significativa di un testo. 

  • Scritto

  • Organizzare la propria produzione scritta in modo funzionale cercando di curare sia l’ortografia sia l’uso corretto degli elementi morfologici e le strutture sintattiche della frase; 

  • Produrre frasi relativamente complesse, scegliendo appropriatamente gli elementi lessicali e le strutture grammaticali; 

  • Rispondere a questionari, completare dialoghi, produrre riassunti e semplici lettere inerenti alle situazioni presentate, comporre brevi dialoghi. 

Operativi 

  • Acquisire e sviluppare capacità di osservazione, di analisi, di riflessione e di astrazione degli argomenti presentati in classe; 

  • Acquisire la capacità di lavorare sia in maniera autonoma che in gruppo; 

  • Maturare l’abilità di prendere decisioni e di assumersi responsabilità. 

 

2.4 Obiettivi metodologici 

  • Operare con il fine di “Imparare ad imparare” mediante la condivisione del materiale didattico, la discussione e l’analisi dell’errore. 

  • Educazione all’ascolto e alla comprensione; 

  • Attività di reimpiego linguistico. 

3. Obiettivi didattici specifici della disciplina 

Gli obiettivi didattici, muovendosi sugli assi di: conoscenze; abilità e competenze, seguono le direttive del Quadro Comune Europeo di Riferimento delle Lingue per il livello B2 e prevedono: 



  • Comprensione orale: Comprende le idee principali di testi complessi su argomenti sia concreti che astratti, comprese le discussioni tecniche sul suo campo di specializzazione. È in grado di interagire con una certa scioltezza e spontaneità che rendono possibile una interazione naturale con i parlanti nativi senza sforzo per l’interlocutore. Sa produrre un testo chiaro e dettagliato su un’ampia gamma di argomenti e spiegare un punto di vista su un argomento fornendo i pro e i contro delle varie opzioni.



  • Comprensione scritta: leggere globalmente testi relativamente lunghi per trovare informazioni chiave per la corretta interpretazione del testo stesso. 

  • Produzione orale: descrivere e presentare in modo sia informale che formale persone, condizioni di vita, compiti quotidiani, piani e progetti, indicando i propri gusti e motivando le proprie opinioni. 

  • Produzione scritta: raccontare per iscritto avvenimenti ed esperienze utilizzando un lessico vario ed appropriato, una sintassi semplice e una buona fluidità espressiva. 

  • Interazione: comunicare con uno scambio diretto di informazioni, partecipare a conversazioni con domande ed affermazioni strutturate anche in periodi più complessi sul piano sintattico.. 

  • Mediazione: riferire in lingua spagnola il senso globale di un breve testo scritto/orale relativo alla sfera del quotidiano, riassumendo ed evidenziando le informazioni essenziali. 

 

4. Contenuti disciplinari 

4.1 Contenuti minimi 

  • Potenziamento dei tempi e modi verbali; 

  • Orazione subordinadas (per una migliore capacità di elaborazione di testi scritti); 

  • Lettura e comprensione di testi di attualità; 

  • Gestire un dibattito; 

  • Redigere testi su: proprie esperienze, lettere formali, commenti su testi letterari, brevi testi argomentativi; 

  • Fare un buon riassunto; 

  • Riconoscere, contestualizzare e usare le principali espressioni idiomatiche. 

LETTERATURA 

Contesto storico culturale del Romanticismo, Realismo, Modernismo e Generazione del ’98, Generazione del ’27, le avanguardie e cenni sull’età contemporanea. 

Principali autori e relative opere oggetto di studio: Bécquer “Rimas”; Zorrilla “Don Juan Tenorio”; Juan Valera “Pepita Jiménez”; Galdós “Fortunata y Jacinta”; Clarín “La Regenta”; Pio Baroja “El árbol de la ciencia”; Miguel de Unauno “Niebla” y “San Manuel Bueno Martir”; Ramón María del Valle Inclán “Sonatas” y “Luces de Bohemia”; Antonio Machado “Soledades” Pedro Salinas “La voz a ti debida”; Federico García Lorca “Poeta en Nueva York”, “Romancero Gitano”, “La casa de Bernarda Alba”, Camilo José Cela “La familia de Pascual Duarte”.

Artistas: Goya “El tres de mayo de 1808 en Madrid” , Picasso “Guernica”.



CLIL: Al fine di garantire l’interdisciplinarietà richiesta in sede d’esame di stato, il progetto Clil verrà attuato anche in lingua spagnola. Verrà realizzato un modulo in compresenza della docente di Storia dell’arte sull’analisi dell’opera di Pablo Picasso “Guernica”.

5. Strategie e metodologie 

Tutte le lezioni si svolgono prevalentemente in L2, fatta eccezione per chiarimenti o inevitabili traduzioni. 

La classe è stimolata costantemente alla partecipazione dialogico-conversazionale attraverso le seguenti attività integrative e culturali: 


  • Lavoro in coppia o in piccoli gruppi; 

  • Lezione frontale e dialogata con simulazioni e giochi di ruolo; 

  • Lavoro individuale

  • Uso della rete oltre l’aula (motori di ricerca e social network); 

  • Uso di canzoni per la riflessione e la ripetizione lessicale e morfologica; 

  • Lettura, comprensione e rielaborazione espressiva di materiale tratto da: libro di testo; internet; articoli di giornale; 

  • Ascolto di brevi registrazioni audio in lingua standard che precedono attività di ripetizione, lettura e analisi grammaticale e lessicale; 

  • Visione di film e/o video in lingua originale; 

  • Drammatizzazioni; 

  • Lezioni dialogate con un esperto madrelingua. 

  • Discussione guidata; 

  • Tutoring. 

 

6. Mezzi e strumenti 

Gli strumenti utilizzati: 



  • Libro di testo; 

  • LIM; 

  • Materiale autentico: fotocopie, fotografie, cartine geografiche; 

  • Strumenti audiovisivi (video e canzoni) e Internet con social network interattivo; 

  • Materiale analizzato durante le ore di compresenza dell’esperta madrelingua di nazionalità peruviana che stimolerà l’attività di ascolto e riconoscimento delle principali differenze fonetiche e morfologiche tra lo spagnolo peninsulare e le varianti ispanoamericane; 

  • Esercizi di riepilogo alla fine di ogni modulo; 

  • Piattaforma linguistica in Facebook per la condivisione di materiale multimediale in lingua spagnola. 

7. Verifiche e valutazioni 

Tutte le attività di verifica sono finalizzate alla valutazione sia formativa che sommativa cioè prenderà in esame sia le risposte cognitive, comportamentali e relazionali (della classe e del singolo) alle proposte didattiche, sia il processo di apprendimento dello studente sulla base dei prerequisiti di partenza, dei nuovi contenuti acquisiti e soprattutto dell’impegno profuso. 

Si prevedono almeno tre verifiche scritte per ogni quadrimestre organizzate in: 


  • Test grammaticali e lessicali (completamento e/o scelta multipla); 

  • Esercitazioni morfosintattiche (riordino di parole, costruzione delle frasi, formulazione di dialoghi); 

  • Brevi traduzioni; 

  • Lettura e comprensione di testi; 

  • Brevi produzioni scritte (su argomenti noti di vita quotidiana). 

Ad ogni attività contenuta nella prova corrisponde un punteggio. La somma dei punteggi viene tradotta in un voto che si baserà sui seguenti criteri di valutazione

  • Correttezza linguistica; 

  • Pertinenza lessicale; 

  • Articolazione del testo. 

Per ogni quadrimestre sono previsti anche momenti di verifica orale che si articolano in: 

  • Collettiva (con alta frequenza); 

  • Individuale. 

Ogni performance orale si giudica in base ai seguenti criteri di valutazione

  • Correttezza linguistica; 

  • Congruità della risposta rispetto alla domanda; 

  • Fluidità espositiva; 

  • Conoscenza e rispetto delle regole sovra segmentali (pronuncia e intonazione). 

Concorrono alla valutazione orale: 

  • Attenzione, interesse e partecipazione in classe; 

  • Regolarità e consistenza del lavoro svolto autonomamente a casa. 

Ogni attività di verifica ha il duplice scopo di conferire agli allievi un chiaro quadro del proprio livello di interlingua e di consentire all’insegnante di riscontrare lacune e difficoltà e tempestivamente intervenire al fine di garantire la sufficiente assimilazione degli argomenti trattati.  

8. Criteri di sufficienza e griglie di valutazione 

La soglia della sufficienza è raggiunta se sono pienamente padroneggiate le abilità di comprensione e interazione relative a conversazioni comuni per soddisfare bisogni di tipo concreto, all’analisi di semplici testi di argomento quotidiano, alla formulazione di domande su dati personali e all’elaborazione di risposte su quesiti analoghi. 

Tali obiettivi implicano: 


  • La conoscenza di fonetica, lessico e strutture morfo-sintattiche relative alla diverse situazioni comunicative prese in esame; 

  • La lettura, la comprensione e la produzione di un breve testo sia in forma scritta che orale; 

  • La produzione di frasi per esprimere stati, necessità e semplici informazioni; 

  • Il possesso di una buona pronuncia e fluidità del discorso; 

  • La conoscenza di alcuni aspetti relativi alla storia e alla cultura dei paesi del mondo ispanico. 

 

Griglia di valutazione per prove strutturate di lingua spagnola 

 


Punteggio 

Giudizio 

Voto 

89-100 

Lo studente ha svolto tutti gli esercizi assegnati, dimostrando di sapere usare bene le conoscenze morfo-sintattiche e quelle delle funzioni comunicative affrontate. Comprende i vocaboli incontrati senza alcuna difficoltà. 

9-10 

79-88 

Lo studente ha svolto gli esercizi assegnati: l’uso delle conoscenze morfo-sintattiche e la conoscenza delle funzioni comunicative affrontate risultano discreti, nonché la comprensione dei vocaboli incontrati. 

8-8,5 

69-78 

Lo studente ha svolto correttamente le richieste minime degli esercizi assegnati, la comprensione del lessico risulta accettabile, sufficiente o poco più la conoscenza delle strutture linguistiche. 

7- 7,5 

59-68 

Lo studente ha svolto in modo incompleto o non del tutto corretto gli esercizi assegnati, le conoscenze morfo-sintattiche e lessicali risultano limitate. 

6-6,5 

49-58 

Lo studente ha svolto in modo incompleto e/o del tutto inadeguato gli esercizi assegnati, le conoscenze lessicali risultano lacunose e frammentarie, scarsa la conoscenza delle strutture morfo-sintattiche. 

5-5,5 

0-48 

Lo studente ha svolto in modo incompleto o del tutto inadeguato gli esercizi assegnati; le conoscenze lessicali risultano lacunose e frammentarie; scarsa la conoscenza delle strutture morfo-sintattiche. 

3-4,5 

 

 



9. Strategie per il recupero 

Correzione argomentata degli elaborati: analisi dell’errore; 



  • Recupero curricolare; 

  • Recupero “in itinere” (lavoro di gruppo a seconda dei livelli); 

  • Tutoring; 

  • Recupero extracurricolare (corsi pomeridiani per insufficienze gravi); 

  • Esercitazioni guidate; 

  • Discussioni guidate con schemi e/o mappe concettuali. 

 10. Iniziative per le eccellenze 

  • Conferenze; 

  • Corsi di potenziamento linguistico finalizzati alle certificazioni internazionali; 

  • Spettacoli in lingua straniera. 

 

 

Napoli, 31 ottobre 2017  La docente



Emanuela Polise

 

 



 

 

 



 

 

 




©astratto.info 2017
invia messaggio

    Pagina principale