Profilo dinamico funzionale



Scaricare 110.44 Kb.
Pagina1/15
03.04.2019
Dimensione del file110.44 Kb.
  1   2   3   4   5   6   7   8   9   ...   15

pon_logo_full_miur_t.jpg

ISTITUTO COMPRENSIVO N.1

40068 San Lazzaro di Savena (Bo)

Via Repubblica, 25 - Tel e Fax 051 460060 - 051 6270222

E mail boic88100b@istruzione.it Pec boic88100b@pec.istruzione.it

Sito www.ic1sanlazzarodisavena.gov.it c.f. 91370210378



MODELLO

PROFILO DINAMICO FUNZIONALE

(P.D.F.)
Note per la compilazione
Il Profilo Dinamico Funzionale viene redatto dai componenti del Gruppo Operativo (G.O.) sulla base della Diagnosi Funzionale, delle informazioni e osservazioni raccolte dall’AUSL, dalla famiglia e dalle osservazioni e annotazioni del personale docente.

Docenti, operatori sanitari e genitori avranno cura di redigere gli appositi documenti (qui di seguito denominati “Strumenti per la redazione del Profilo Dinamico Funzionale”) entro il mese di giugno, quali documenti preliminari utili per consentire la stesura definitiva del P.D.F. da parte dei componenti del Gruppo Operativo.

Il Gruppo Operativo, sulla base delle osservazioni e delle indicazioni raccolte attraverso tali strumenti, avrà il compito di operare una sintesi che indichi quali sono le abilità, le potenzialità e le difficoltà del bambino/alunno disabile, selezionando l’area o le aree che si possono potenziare e sviluppare.

L’attività di osservazione é continuativa per tutto il percorso scolastico e concorre o alla prima compilazione e all’aggiornamento del P.D.F., obbligatoriamente al termine di ogni grado di studio e/o passaggio ad altra scuola, compreso il passaggio biennio/triennio della scuola secondaria di secondo grado. Al passaggio di grado scolastico, subito dopo l’ultimo aggiornamento, il P.D.F. deve essere trasmesso alla nuova scuola di iscrizione (in sede di ultimo G.O. e comunque entro giugno).

Gli aggiornamenti vanno effettuati, inoltre, ogni qualvolta vi siano cambiamenti e/o modificazioni nelle varie aree che richiedano la discussione degli aspetti di sviluppo potenziale e vanno apportati in forma di allegati al P.D.F. iniziale, al fine di consentire la chiara individuazione dell’evoluzione del profilo del bambino/alunno.

Il P.D.F. aggiornato e integrato segue l’alunno/a nel suo percorso di studio e nei diversi gradi scolastici, in modo da costituire un unicum che manterrà memoria di quanto fatto in previsione del percorso di vita e del passaggio alla vita adulta.




Profilo dinamico funzionale
Informazioni sull’accertamento dell’handicap (l. 104/92)
Informazioni sull'invalidita' civile
Informazioni sulle abitudini dell'alunno/a in ambito familiare
Area linguistico-comunicativa
Area affettiva-relazionale
Area dell’autonomia sociale



Condividi con i tuoi amici:
  1   2   3   4   5   6   7   8   9   ...   15


©astratto.info 2017
invia messaggio

    Pagina principale