Progettazione per competenze



Scaricare 49.75 Kb.
Pagina1/4
26.01.2018
Dimensione del file49.75 Kb.
  1   2   3   4

PROGETTAZIONE PER COMPETENZE

A. S. 2014/2015 CLASSE TERZA

ITALIANO

COMPETENZE CHIAVE: Comunicazione nella madrelingua

PROFILO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA TERZA CLASSE:

  • Partecipare a una conversazione su argomenti noti relativi a contesti familiari e intervenire in modo adeguato alla situazione

  • Raccontare oralmente una storia personale o fantastica rispettando l’ordine cronologico e/o logico

  • Comprendere il contenuto di testi ascoltati riconoscendone la funzione e individuandone gli elementi essenziali il senso globale

  • Leggere scorrevolmente ad alta voce o in modo silenzioso semplici e brevi testi letterari e coglierne il senso globale e le informazioni essenziali

  • Cominciare ad acquisire familiarità con i testi informativi, per ricavarne informazioni utili a parlare e scrivere

  • Scrivere testi di diverso tipo (di invenzione, per lo studio, per comunicare) connessi con situazioni quotidiane (contesto scolastico e/o familiare)

  • A partire dal lessico già in suo possesso, comprendere nuovi significati ed usare nuove parole ed espressioni

  • Riconoscere alcune regole morfo-sintattiche e usarle nell’elaborazione orale e scritta

CONTESTO DI PARTENZA/ CURRICOLO DI ISTITUTO:

Quest’anno verranno rafforzate le conoscenze e le competenze già acquisite precedentemente dagli alunni, approfondendo gli aspetti riguardanti la comprensione, l’intonazione per quanto riguarda la lettura, lo sviluppo delle storie, le forme dell’espressione scritta e le convenzioni ortografiche




UA 1 PRODUZIONE SCRITTA E REGOLE GRAMMATICALI

OBIETTIVIDI APPRENDIMENTO

  • Individuare la tipologia delle frasi

  • Utilizzare la punteggiatura forte e debole

  • Analizzare un testo riconoscendone il contesto e l’argomento

  • Individuare la struttura della frase

  • Analizzare i componenti fondamentali della frase

CONOSCENZE

  • Concetto di frase (semplice, complessa, nucleare), predicato e argomenti

  • Tecniche di memorizzazione e memorizzazione di poesie

  • Segni di punteggiatura debole e del discorso diretto all’interno di una comunicazione orale e di un testo scritto

ABILITA’

  • Si avvale di tutte le anticipazioni del testo (contesto, tipo, argomento, titolo…) per mantenere l’attenzione, orientarsi nella comprensione di poesie

  • Si pone in modo attivo all’ascolto

ATTIVITA’

Riconoscimento delle parti in cui la frase può essere suddivisa.

Uso della punteggiatura.

La frase minima ed espansa.

Lettura e analisi di testi di vario tipo.

Rielaborazione del testo.

Attività di laboratorio e di recupero.

Produzione e manipolazione di testi poetici con tecniche di facilitazione.



RACCORDI DISCIPLINARI

  • Matematica: i diagrammi di flusso

  • Informatica: programmi didattici a livello linguistico

  • Storia: gli organizzatori temporali



UA 2 DALLA LETTURA ALLA SCRITTURA

OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO

  • Riconoscere le principali parti del discorso (nomi, articoli, verbi)

  • Discriminare le parti del discorso

  • Strutturare i testi secondo la corretta sequenza cronologico- temporale

  • Comparare i testi e rielaborarli per iscritto

CONOSCENZE

  • I nomi e gli articoli

  • Coniugazione del verbo: persona, tempo, modo indicativo

  • Descrivere azioni, processi, accadimenti, proprietà, ecc, …. E collocarli nel tempo presente, passato, futuro

ABILITA’

  • Interagisce nello scambio comunicativo (dialogo collettivo e non, conversazione, discussione…) in modo adeguato alla situazione ( per informarsi, spiegare, richiedere, discutere, …), rispettando le regole stabilite

  • Utilizza forme di lettura diverse, funzionali allo scopo, ad alta voce, silenziosa per ricerca, per studio, per piacere,…

  • Legge testi descrittivi, narrativi, regolativi

  • Raccoglie idee per la scrittura, attraverso la lettura del reale, il recupero in memoria, l’invenzione

  • Pianifica semplici testi scritti, distinguendo le idee essenziali dalle superflue e scegliendo le idee in base a destinatario e scopo

  • Utilizza semplici strategie di autocorrezione

ATTIVITA’

Lettura analitica di testi di vario tipo da cui ricavare schemi spaziali trasferibili nella produzione personale.

Riconoscimento e classificazione di dati oggettivi e soggettivi.

Produzione e manipolazione di testi.

Trasformazione di articoli in base al genere e al numero.

Esercitazione sul verbo e sugli aggettivi qualificativi.

Gli ausiliari.

Discorso diretto e indiretto.



RACCORDI DISCIPLINARI

  • Geografia: gli organizzatori spaziali

  • Storia: gli organizzatori temporali

  • Arte e immagine: l’illustrazione grafica

  • Cittadinanza e costituzione: la percezione di sé

  • Inglese: i nomi delle parti del discorso



UA 3 STORIE E SCRITTURA

OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO

  • Strutturare i testi seconda la corretta sequenza cronologico- temporale

  • Istituire una consecuzione tra l’oralità e la scrittura

  • Trasferire i contenuti da una storia orale a una rielaborazione scritta

CONOSCENZE

  • Descrizione di azioni, processi, accadimenti, proprietà, ecc… e collocazione nel tempo presente, passato, futuro

ABILITA’

  • Legge testi descrittivi, narrativi, regolativi

  • Raccoglie idee per la scrittura, attraverso la lettura del reale, il recupero in memoria, l’invenzione

  • Pianifica semplici testi scritti, distinguendo le idee essenziali dalle superflue e sceglie le idee in base a destinatario e scopo

ATTIVITA’

Individuazione di sequenze, fatti principali e informazioni più importanti di un testo.

Suddividere i testi in macro-sequenze e classificazione delle micro-sequenze in narrative e descrittive.

Inserimento di sequenze descrittive in brevi narrazioni.

Produzione di una sintesi attraverso strategie diversificate.


RACCORDI DISCIPLINARI

  • Geografia: gli organizzatori spaziali

  • Stiria: gli organizzatori temporali

  • Arte e immagine: l’illustrazione grafica

  • Cittadinanza e costituzione: la percezione di sé

  • Inglese: nomi delle parti del discorso

LINGUA INGLESE

COMPETENZE CHIAVE: La comunicazione in lingua straniera

PROFILO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA TERZA CLASSE:

  • Ascoltare storie e brevi testi accompagnati da immagini e comprenderne le informazioni principali

  • Ascoltare filastrocche o canzoni, comprenderne il senso globale e memorizzarle

  • Leggere brevi frasi supportate da immagini

  • Riconoscere alcune famiglie lessicali creando messaggi

  • Interagire nel gioco e utilizzare il lessico e alcune strutture in scambi di informazioni

  • Conoscere aspetti culturali del Regno Unito

CONTESTO DI PARTENZA/ CURRICOLO DI ISTITUTO:

L a lettura di semplici testi, corredati da immagini, e la partecipazione orale saranno costanti che gradualmente accompagneranno il percorso di apprendimento. Permetteranno di arricchire le descrizioni di persone e cose (come la casa, la classe, la famiglia) e di operare, all’interno della stessa categoria, semplici confronti che riguardano anche abitudini e stili di vita diversi. L’apprendimento dei numeri, si arricchirà, e così anche quello dei giorni della settimana e dei mesi dell’anno; tali acquisizioni forniranno lo spunto per scrivere ed esercitarsi con quei suoni della L2 che risultano più difficili da apprendere. Sarà infine introdotto il saluto formale legato ai diversi momenti della giornata.

UA 1 MY HOUSE


OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO

  • Utilizzare i linguaggi specifici delle discipline per osservare, descrivere e rappresentare la realtà in un codice diverso

  • Sviluppare le capacità percettive e psicomotorie per conoscere e osservare lo spazio vissuto e per definirne le caratteristiche

CONOSCENZE

  • Ambiti lessicali relativi ad oggetti personali, all’ambiente familiare e scolastico, all’età, ai numeri, a dimensione e forma degli oggetti di uso comune

ABILITA’

  • Individua luoghi e oggetti familiari e ne descrive le caratteristiche generali

  • Segue semplici istruzioni, esegue ordini

  • Scopre differenze di vita e di abitudini all’interno dei gruppi (familiari, scolastici…)

ATTIVITA’

Individuazione e denominazione dei locali di una casa rappresentata in pianta.

Acquisizione del vocabolario relativo al mobilio attraverso una filastrocca.

Giochi relativi all’ambiente della casa ( information gap).

Dialoghi e piccole drammatizzazioni.

Role play.



RACCORDI DISCIPLINARI

  • Italiano. Conversazioni, descrizioni, arricchimento lessicale, confronto per differenze e analogie

  • Arte e immagine: disegni e coloratura con tecniche diverse

  • Geografia: lo spazio vissuto e lo spazio rappresentato



UA 2 LIKES AND DISLIKES

OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO

  • Sviluppare la formazione di uno spirito critico attraverso il confronto delle proprie ed altrui esperienze e conoscenze

  • Sviluppare la capacità di comunicazione utilizzando codici linguistici ed espressivi diversi




CONOSCENZE

  • Suoni della L2

  • Espressioni utili per semplici interazioni (chiedere e dire qualcosa, comprendere domande e istruzioni, seguire indicazioni)

ABILITA’

  • Percepisce il ritmo e l’intonazione come elementi comunicativi per esprimere accettazione, rifiuto, disponibilità, piacere, dispiacere o emozioni

ATTIVITA’

Ricerca di immagini relative a cibi e bevande.

Associazioni dei termini relativi.

Realizzazione di cartelloni tematici.

Interviste in merito ai gusti dei compagni.

Uso di simboli grafici per indicare il grado di preferenza.

Giochi di mimo per esprimere stati d’animo diversi.

Disegni di volti che esprimono stati d’animo diversi e associazione dei termini corrispondenti.



RACCORDI DISCIPLINARI

  • Italiano: ricerca lessicale e confronto tra i termini e strutture i L1 e L2

  • Arte e immagine: illustrazioni e colorazione

  • Cittadinanza e costituzione: sentimenti ed emozioni

  • Scienze: l’alimentazione

STORIA

COMPETENZE CHIAVE: Competenze sociali e civiche, Imparare ad imparare, Consapevolezza ed espressione culturale

PROFILO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA TERZA CLASSE:

  • Riconoscere le tracce presenti sul territorio e usarle come fonti per produrre conoscenze sul passato della generazione degli adulti e della comunità di appartenenza

  • Utilizzare la linea del tempo per organizzare informazioni, individuare successioni, contemporaneità, durate, periodizzazioni

  • Individuare le relazioni tra gruppi umani e contesti spaziali

  • Produrre informazioni su aspetti di civiltà attuali o recenti usando come fonti oggetti della vita quotidiana o loro immagini

  • Raggruppare tematicamente le informazioni presenti nei testi storici

  • Riferire le conoscenze apprese

CONTESTO DI PARTENZA/ CURRICOLO DI ISTITUTO:

La progettazione di storia per la classe terza propone agli insegnanti di coinvolgere i propri alunni in un viaggio affascinante che inizia dalle origini della Terra, passa attraverso le prime forme di vita per concludersi con la nascita dell’uomo, le sue scoperte e le sue scoperte e le sue invenzioni. L’avventura verrà affrontata con la consapevolezza che la storia, oltre ad essere fatto puramente narrativo, fonda le sue basi sulla scienza: tracce e testimonianze costituiscono infatti la prova che ciò che si afferma è realmente accaduto. Il lavoro di ricerca verrà così affrontato dallo storico che, avvalendosi delle fonti e aiutato da altri studiosi, quali l’archeologo, il paleontologo, il geologo, potrà svolgere al meglio il suo lavoro




UA 1 SULLE TRACCE DEL PASSATO

OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO

  • Recepire testimonianze e ricostruire la propria storia personale

  • Ricostruire la storia dell’uomo attraverso l’uso delle fonti

CONOSCENZE

  • Osservazione e confronto di oggetti e persone di oggi con quelle del passato

ABILITA’

  • Conosce miti e leggende delle origini

ATTIVITA’

Reperire materiali per la ricostruzione della storia personale: fotografie, certificati, testimonianze orali.

Classificazione degli eventi con l’uso della linea del tempo: costruzione di strisce orizzontali per la rappresentazione lineare del tempo.

Lettura sinottica ed illustrazione di miti e leggende delle origini.

Attività di recupero e potenziamento.


RACCORDI DISCIPLINARI

  • Italiano: ascolto e comprensione di racconti mitologici e di leggende

  • Arte e immagine: illustrazione dei diversi miti

  • Costruzione della linea del tempo personale



UA 2 L’UOMO PREISTORICO

OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO

  • Ricostruire la storia dell’origine della vita sulla Terra

  • Comprendere e analizzare esperienze umane nel tempo: l’evoluzione dell’uomo




CONOSCENZE

  • Passaggio dall’uomo preistorico all’uomo storico nelle civiltà antiche

ABILITA’

  • Conosce la Terra prima dell’uomo e le esperienze umane preistoriche

ATTIVITA’

Rappresentazione temporale e grafica delle fasi della terra nelle ere arcaica e primaria e la successiva comparsa degli esseri viventi.

Costruzione della “striscia dell’evoluzione dell’uomo”.

Ricerca individuali e di gruppo sui diversi tipi di ominidi.

Costruzione di mappe per favorire la verbalizzazione.

Costruzione del quadro di vita dell’uomo nel neolitico.

Analisi di testi relativi alla descrizione dei primi villaggi.


RACCORDI DISCIPLINARI

  • Arte e immagine: la tecnica del graffito

  • Geografia: localizzazione sulla carta geografica di insediamenti umani preistorici

  • Scienze: il ritrovamento dei primi ominidi


GEOGRAFIA

COMPETENZE CHIAVE: Competenze sociali e civiche, Imparare ad imparare, Il senso di iniziativa e imprenditorialità.

PROFILO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA TERZA CLASSE:

  • Applicare i passi dell’indagine geografica per studiare il territorio (l’alunno osserva, raccoglie dati che poi analizza, descrive e poi rappresenta)

  • Realizzare piante di territori esplorati, indagati e conosciuti

  • Leggere diversi tipi di carte e distinguerne funzioni informative e usi

  • Orientarsi in percorsi utilizzando strumenti idonei attraverso punti di riferimento e indicatori spaziali

  • Leggere la carta fisica dell’Italia

  • Distinguere gli ambienti e riconoscerne le principali caratteristiche

  • Usare mappe per muoversi nel territorio

CONTESTO DI PARTENZA/ CURRICOLO DI ISTITUTO:

Le unità di apprendimento, progettate per la classe terza, hanno come obiettivo l’orientamento dell’alunno e la localizzazione di elementi all’interno dello spazio vissuto e cartografico, tramite l’uso dei punti cardinali. Viene così effettuato un primo approccio all’utilizzo delle diverse carte e della lettura di percorsi, Vengono presentati alcuni aspetti del paesaggio urbano, per aprire poi una parentesi sui concetti di quartiere e centro storico, con i servizi pubblici ad essi connessi. Rilevanza è data anche ai concetti di comune, provincia e regione. Nelle ultime unità di apprendimento si rivolge l’attenzione ai paesaggi marino, fluviale e lacustre e alle problematiche ecologiche ad essi connesse




UA 1 LA RAPPRESENTAZIONE DELLA REALTA’ GEOGRAFICA

OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO

  • Orientarsi nello spazio vissuto e sulle carte geografiche secondo i punti cardinali

  • Individuare il rapporto tra realtà geografica e sua rappresentazione cartografica




CONOSCENZE

  • Rappresentazione grafica della realtà geografica, utilizzando la riduzione in scala

ABILITA’

  • Si orienta sulle carte geografiche utilizzando la simbologia ed i punti cardinali

ATTIVITA’

Lettura analitica di testi da cui ricavare informazioni sul lavoro del geografo e sui suoi strumenti.

Ricerca di elementi fisici comuni/diversi in immagini fotografiche di paesaggi/ambienti.

Costruzione di mappe per rappresentare percorsi, oggetti e spazi in pianta.

Osservazione dell’ambiente circostante e sua riproduzione grafica.

Cornicette, disegni ed esercitazioni su carta quadrettata per le riduzioni in scala.




RACCORDI DISCIPLINARI

  • Matematica: la riduzione in scala

  • Scienze: il movimento apparente del sole



UA 2 GLI ELEMENTI DEL TERRITORIO

OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO

  • Interpretare e rappresentare lo spazio con il linguaggio cartografico

  • Analizzare un paesaggio geografico e riconoscere in esso significativi elementi fisici e antropici




CONOSCENZE

  • Le attività dell’uomo come parte dell’ambiente

ABILITA’

  • Analizza i diversi paesaggi geografici (montagna, collina, pianura) e riconosce in essi elementi fisici ed antropici

ATTIVITA’

Osservazione analitica di immagini e della rappresentazione cartografica di ambienti diversi alla ricerca di elementi comuni e loro classificazione.

Esercizi per individuare l’importanza del colore nella simbologia.

Localizzazione su carte geografiche degli elementi fisici ed antropici (mari, fiumi, laghi, montagne, paesi, città …)

Analisi di attività umane connesse e ricerca delle relazioni con gli elementi del territorio.

Attività di recupero e potenziamento.




RACCORDI DISCIPLINARI

  • Italiano: produzione di testi descrittivi di paesaggi

  • Arte e immagine: esecuzione di disegni di paesaggi



Condividi con i tuoi amici:
  1   2   3   4


©astratto.info 2019
invia messaggio

    Pagina principale