Programma di Chimica Analitica e Laboratorio



Scaricare 30.19 Kb.
22.05.2018
Dimensione del file30.19 Kb.

Programma di Chimica Analitica e Laboratorio

2012-2013

I.I.S.S. “A. DE PACE” LECCE




SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE


CLASSE IV TECNICO CHIMICO BIOLOGICO SEZ. B

Anno scolastico: 2012-2013



DOCENTE: NADIA VIZZI

  1. Quadro degli obiettivi di competenza.


Scopo della programmazione è di rendere il discente in grado di:

  • Distinguere le tecniche analitiche

  • Condurre una titolazione acido-base

  • Distinguere tra le varie teorie acido-base

  • Conoscere i principi teorici della cromatografia

  • Applicare le tecniche a situazioni pratiche

  • Conoscere i componenti degli strumenti cromatografici

  • Comprendere i principi dell’estrazione con solvente

  • Saperli applicare a tecniche di laboratorio


  1. Articolazione delle competenze in abilità e conoscenze.


    Distinguere le tecniche analitiche

    Condurre una titolazione acido-base

    Distinguere tra le varie teorie acido-base









    OBIETTIVI








    CONOSCENZE



    ABILITA’


    DISCIPLINA DI RIFERIMENTO


    DISCIPLINE CONCORRENTI

    Proprietà acide e basiche, pH

    Teoria di Arrhenius

    Teoria di Bronsted-Lowry

    Teoria di Lewis

    Titolazione acido forte-base forte

    L’acidità dell’acido acetico

    L’acidità dell’olio


    Definisce il pH

    Conosce i principi teorici e sa applicarli nella pratica delle titolazioni.



    CHIMICA

    BIOLOGIA














    Conoscere i principi teorici della cromatografia

    Applicare le tecniche a situazioni pratiche

    Conoscere i componenti degli strumenti cromatografici










    Cromatografia: aspetti generali

    Principi che la governano: adsorbimento, ripartizione e scambio ionico

    Caratteristiche della fase stazionaria e della fase mobile

    Tecniche cromatografiche



    Conosce i principi chimico-fisici alla base della tecniche cromatografiche.

    Distingue tra le varie tecniche cromatografiche


    CHIMICA

    FISICA


    Cromatografia su colonna: HPLC

    Vari tipi di fase stazionaria

    Caratteristiche ed efficienza della colonna

    Esempi laboratoriali: cromatografia su colonna



    Conosce i componenti di uno strumento per HPLC

    Conosce i principi di funzionamento




    CHIMICA


    FISICA


    Cromatografia su strato sottile

    Caratteristiche della fase stazionaria e mobile

    Determinazione del fattore Rf


    Conosce i principi della tecnica

    Conosce le applicazioni


    CHIMICA

    FISICA


    Gascromatografia

    Il gascromatografo

    Rivelatori a termo conduzione

    Rivelatori a ionizzazione di fiamma

    Lettura di cromatogramma


    Conosce i componenti di un gascromatografo

    Conosce i principi di funzionamento

    Conosce i parametri fondamentali di un cromatogramma

    CHIMICA

    FISICA














    Comprendere i principi dell’estrazione con solvente

    Saperli applicare a tecniche di laboratorio










    Aspetti generali dell’estrazione con solvente

    Legge di Nernst

    Applicazioni pratiche: estrazione con imbuto separatore e Soxhlet


    Conosce il principio dell’estrazione con solvente

    Conosce le applicazioni pratiche




    CHIMICA


    FISICA

  2. Contenuti del programma.

Modulo 1. Acidi e basi


Proprietà acide e basiche, pH

Teoria di Arrhenius

Teoria di Bronsted-Lowry

Teoria di Lewis

Titolazione acido forte-base forte

L’acidità dell’acido acetico

L’acidità dell’olio

Modulo 2. Cromatografia


Cromatografia: aspetti generali

Principi che la governano: adsorbimento, ripartizione e scambio ionico

Caratteristiche della fase stazionaria e della fase mobile

Tecniche cromatografiche


Modulo 3. Cromatografia su colonna.


Cromatografia su colonna: HPLC

Vari tipi di fase stazionaria

Caratteristiche ed efficienza della colonna

Esempi laboratoriali: cromatografia su colonna


Modulo 4. Cromatografia su strato sottile


Cromatografia su strato sottile

Caratteristiche della fase stazionaria e mobile

Determinazione del fattore Rf

Modulo 5. Gas-cromatografia


Gascromatografia

Il gascromatografo

Rivelatori a termo conduzione

Rivelatori a ionizzazione di fiamma

Lettura di cromatogramma

Modulo 6. Estrazione con solvente


Aspetti generali dell’estrazione con solvente

Legge di Nernst

Applicazioni pratiche: estrazione con imbuto separatore e Soxhlet

  1. Metodologie


Il metodo didattico utilizzato per proporre agli allievi i contenuti della disciplina partirà da quelle che sono le conoscenze già acquisite e, seguendo un percorso logico, giungerà alla presentazione dei nuovi contenuti. Questo, unito al fatto che si farà riferimento all’esperienza quotidiana dei ragazzi, per avere uno stimolo continuo alla partecipazione diretta al dialogo didattico e al coinvolgimento, grazie anche ai dibattiti, nei quali si farà sempre riferimento a situazioni pratiche. Si risolveranno problemi applicativi e si usufruirà dei laboratori per la verifica sperimentale delle leggi studiate. La lezione si avvarrà del supporto del libro di testo, in modo che i ragazzi abbiano sempre immediato un riferimento a quanto trattato.
  1. Mezzi didattici


Libro di testo, in prima analisi, in modo che lo studente possa avere una guida chiare e completa degli argomenti da trattare, utile per la fase di elaborazione riflessiva e critica che avverrà a casa. Laboratorio, dispense, sussidi multimediali.
  1. Valutazione


Per i modi di verifica e di valutazione si rimanda al documento del Consiglio di classe predisposto dal collegio dei docenti.

Prof.ssa Nadia Vizzi








©astratto.info 2017
invia messaggio

    Pagina principale