Psicologia e disabilità visiva


Relazioni familiari e psicoeducazione



Scaricare 48.25 Kb.
Pagina7/10
28.03.2019
Dimensione del file48.25 Kb.
1   2   3   4   5   6   7   8   9   10

Relazioni familiari e psicoeducazione


Gli interventi definiti di psicoeducazione, hanno il fine di orientare il genitore e le altre figure educative a comprendere il comportamento del bambino nelle varie circostanze, e dare quindi degli strumenti di lettura più adeguati e normalizzanti, che consentono ai genitori stessi di adottare atteggiamenti educativi più opportuni.

La percezione di fragilità del bambino, o di precarietà e pericolosità dell'ambiente in cui quest’ultimo è inserito, può condurre il genitore ad avere comportamenti di iperprotezione, caratterizzati dall'aumento di tutti i comportamenti finalizzati alla assistenza, ed alla diminuzione di quelli che hanno come fine l'educazione, l'esplorazione ed il gioco comune. Un altro atteggiamento, apparentemente derivante da motivazioni opposte, è quello secondo il quale il genitore si comporta con il bambino come se quest'ultimo non avesse il problema visivo che pure possiede. In un certo senso, in questi casi, il genitore agisce richiedendo implicitamente al bambino di ottenere dei risultati attraverso mezzi e procedure del tutto uguali a quelli che potrebbe avere una persona con una vista normale. Quasi come se avesse difficoltà a comprendere profondamente che, sebbene spesso si possano ottenere risultati analoghi a quelli degli altri, a volte debbono essere utilizzati mezzi, tempi e procedure comportamentali parzialmente diversi, perché diversa è la condizione di partenza.

Ma anche questa condizione di negazione, come quella sopra accennata di iperprotezione, si muove a partire da un sentimento profondo di paura dell'incapacità del bambino.

In molti casi, questo si manifesta in una certa tendenza ad evitare l'ansia che il genitore potrebbe provare tutte le volte che il bambino si accinge ad affrontare un compito, con le difficoltà tipiche di una persona che ha problemi di vista. Evitare questa situazione, può portare a sostituirsi al bambino, anticipandone i bisogni e trovando per lui tutte le soluzioni, oppure aspettandosi che il bimbo si comporti come se vedesse. Questo duplice atteggiamento educativo non mette in condizione il bambino di sperimentare, affinare e potenziare le proprie capacità, confermando quindi la paura originaria del genitore. Il ruolo dello psicologo è quello di aiutare il genitore a vivere in modo più sereno, informato e realistico il proprio rapporto con il bambino, riappropriandosi della propria funzione genitoriale, nei suoi aspetti emotivi, assistivi, ludici, normativi ed educativi in modo più equilibrato.







Condividi con i tuoi amici:
1   2   3   4   5   6   7   8   9   10


©astratto.info 2019
invia messaggio

    Pagina principale